Skip to main content

Full text of "Guida di Milano"

See other formats


fkom  th:  LIBRARY  01 
&$  AtfPNP  CAWiNA 
^AMOVMNrD1  GWDANA 
LAZ£LADAD,BlREG\ARDO 


914.521 

G94-2* 
16  7/ 


/ 


GUIDA 


DI  MILANO 


PER  L'AMO  187! 


ANNO  XLYIII 


MILANO 

TIPOGRAFIA  DI  GIUSEPPE   BERNARDONI  DI  GIO. 

Via  Broletto  33,  dicontro  a  S.  Tomaso. 


Avvertenza 


Le  correzioni,  aggiunte  e  modificazioni  da  introdursi 
nella  Guida  di  Milano  pel  1872,  dovranno  trasmettersi 
alla  Tipografia  Bernardoni ,  via  Broletto  32,  non  più 
tardi  del  giorno  31  dicembre  del  corrente  anno  1871. 


Gt94Ì  SUONO  DELL'  AVEMARIA 
!  ALLA  MATTINA  E  ALLA  SERA 

ALLA  METROPOLITANA 


Mattina. 


Gennajo 

Febbrajo 

Marzo 

Aprile 

Maggio 

Giugno 


Ore  6  '/> 
»  6  •/. 
>,  6  — 
»  5  '/9 
»  5  — 
»     4  ■/» 


Luglio  Ore  4  «/» 
Agosto  »     5  — 

Settembre  »  5  «/» 
Ottobre  »  6  — 
Novembre  »  6  «/» 
Dicembre     »    6  »/» 


Sera. 


Dall.°Gen.  al 
18  detto  » 

2  Feb.    » 
14  detto  » 

26  detto  o 
4  Marzo» 

10  detto  » 
22  detto  » 

3  Aprile» 
9  detto  » 

21  detto  » 

27  detto  » 
29  Magg.» 
21  detto  » 

2  Giug.» 
14  detto  » 


Cd 


17Gen.Ore5 

Dal  1.°  Lug.  al  14  Lug.Ore  8  '/. 

l.°Feb.   » 

5  */Ì 

»  15  detto  • 

26  detto   » 

8'/4 

13  detto  » 

5'/, 

»  27  detto  » 

7  Agosto  » 

8  — 

25  detto  » 

5  3/4 

»    8  Agosto» 

19  detto    » 

7  5/4 

3  Marzo  » 

6  — 

»  20  detto   « 

25  detto     » 

7% 

9  detto  » 

6  '/i 

»  26  detto  » 

6  Sett.     » 

7l/4 

21  detto  » 

6  y9 

»    7  Sett.    » 

12  detto    » 

7  — 

2  Aprile  » 

6  3/4 

»  13  detto  » 

24  detto    » 

63/i 

8  detto   » 

7  — 

»  25  detto  » 

6  Ott.      . 

6'/. 

20  detto  » 

7'/4 

»    7  Ott.     » 

12  detto    » 

6»/* 

26  detto  •> 

7  '/a 

»  13  detto  » 

21  detto    » 

6  — 

8  Magg.  » 

7  Vi 

»  22  detto  » 

31  detto    » 

5  Vi 

20  detto  » 

8  — 

»  l.°Nov.    » 

12  Nov.     » 

5'/* 

l.°Giug.» 

8'/4 

o  13  dettov  » 

24  detto    » 

5  J/4 

13  detto  » 

8'/, 

»  25  detto  » 

30  detto    • 

5  — 

30  detto  » 

8  Vi 

»  l.°Dic.    » 

31  Die.      » 

5  — 

CALENDARIO  PER  L'ANNO  1871 


ECLISSI. 

6  Gennajo.  Eclisse  parziale  di  Luna  visibile  a  Milano:  prin- 
cipio or.  7  m.  27,  fine  or.  li  m.  36  sera.  Grandezza  0,69, 
essendo  uno  il  diametro  della  Luna. 

17  Giugno.  Eclisse  annulare  di  Sole  invisibile  a  Milano. — 
Congiunzione  vera  della  Luna  col  Sole  or.  3  m.  19  matt. 

2  Luglio.  Eclisse  di  Luna  invisibile  a  Milano. 

12  Dicembre.  Eclisse  totale  di  Sole  invisibile  a  Milano.  — 
Congiunzione  vera  della  Luna  col  Sole  or.  1  m.  51  sera  matt. 

NUMERI  DELL'ANNO. 

Numero  d'oro  ....     10  l  Indizione  Romana     .    .    14 

Ciclo  solare 4      Lettera  Dominicale   .    .      A 

Epalta 9  I  Lettera  del  Martirologio      i 

FESTE  MOBILI. 

Settuagesima 5  Febbrajo 

Giorno  delle  Ceneri 22  detto 

Domenica  I  di  Quaresima 26  detto 

Pasqua  di  Risurrezione 9  Aprile 

Litanie  alla  Romana 15,  16,  17  Maggio 

Ascensione  del  Signore 18  detto 

Litanie  all'Ambrosiana        ....     22,  23,  24  detto 

Pentecoste 28  detto 

Santissima  Trinità 4  Giugno 

Corpus  Domini 8  detto 

Avvento  all'Ambrosiana 12  Novembre 

Avvento  alla  Romana .      3  Dicembre 

EQUINOZI  E  SOLSTIZI. 

Equinozio  di  Primavera  o  entrata  del  Sole  in  Ariete  il 
giorno  21  marzo  or.  2  m.  9  matt. 

Solstizio  d'Estate  o  entrata  del  Sole  in  Cancro  il  giorno 
21  giugno  or.  10  m.  31  sera. 

Equinozio  d'Autunno  o  entrata  del  Sole  in  Libra  il  giorno 
23  settembre  or.  0  m    46  sera. 

Solstizio  Vernale  o  entrata  del  Sole  in  Capricorno  il  giorno 
32  dicembre  or.  6  m.  48  mattina. 


GENNAIO 

11  Sole  entra  in  Acquario  il  dì  20  a  or.  \\  m.  42  m. 
Cresce  il  giorno  m.  56. 


*$«■     1  D.  la,  Circoncisione 
di  N.  Signore 

2  L.  s.  Antoniano 

3  M.  s.  Antero  p. 

4  M.  S.  Tito  vesc. 

5  G.  s.  Telesforom. 
♦  '    QY.VEpif.diN.S. 

L.  P.  or.  10,  m.  14pom, 
7  S.  la  Cristoforia 
*fr     8D.  iss.40mart. 
9  L.  s.  Giuliano  m. 

10  M.  s.  Paolo  Ier. 

11  M.  s.  Ignazio  p. 

12  G.  s.  Massimo  v. 

13  V.  s.  Ilario  v. 

14  S.  s.  Dazio  v. 

U.  Q.or.  7, m. 47  ani. 
+fr  15  D.  il  ss. Nome  diGesù 

16  L.  s.  Marcello 

17  M.  s.Antonio  ab. 
18M.laCatt.dis.P. 

19  G-.  s.  Bassano  v. 

20  V.  ss.  Seb.eFab. 

21  S.  s.  Agnese  v. 

L.  N.  or.  l,m.21  ant. 
*$►  22  D.  s.  Vincenzo  m. 

23  L.  lo  Spos.  M.  V. 

24  M.  s.  Babila  v. 

25  M.  Conv.  di  s.  P. 

26  G.  s.  Paola  m. 

27  V.  s.  Gio.  Gris. 

28  S.  s.  Cirillo  Ales. 

P.  Q.  or.  2,  m.  5pom. 
*$►  29  D.s.  Aquilino  pr. 

30  L.  s.  Savina  matr. 

31  M.  s.  Giulio  pr. 


365 

364 
363 
362 
361 
360 

359 
358 
357 
356 
355 
354 
353 
352 

351 
350 
349 
348 
347 
346 
345 

344 
343 
342 
341 
340 
339 
338 

337 
336 
335 


Tempo  medio 

di  Milano 

a  mezzodì 

vero  (1) 

or.     m.    s. 

0    3  43 

»    4  12 

n    4  40 

»    5    7 

»    5  34 

»    6    0 

»    6  26 

»    6  52 

n      7  17 

»    7  42 

»    8    5 

f»    8  29 

»    8  52 

»    9  14 

»    9  36 

»-    9  57 

n    10  17 

»  10  37 

»  10  56 

»  11  14 

»  11  31 

»  11  48 

»  12    4 

»  12  19 

«  12  33 

«  12  46 

»  12  59 

«  13  10 

a  13  21  ' 

»  13  31 

n  13  41 

(1)  Aggiungendo  m.  13,  sec.  5,  si  avrà  il  tempo  medio  di  Roma. 


FEBBRAJO 

Il  Sole  entra  in  Pesci  il  dì  19  a  or.  2  m.  20  matt. 
Cresce  il  giorno  or.  1  m.  22. 


1  M.  s.  Ignazio  v. 
2G.  Purif.  diM.V. 

3  V.  s.  Biagio  v. 

4  S.  s.  Andrea  Corsini. 
«♦$►    5  D.  di  Settuag esima 

L.P.  or.  2y  m.  52pom. 

6  L.  s.  Dorotea  v. 

7  M.  s.  Mattia  ap. 

8  M.  s.  Onorato  are. 

9  G.  s.  Apoll.  v. 

10  V.  s.  Scolastica. 

11  S.  s.  Lazzaro  are. 
*$*•  12  D.  di  Sessagesima,) 

s.  Caterina 
U.  Q.  or.3,m.50pom. 
13  L.  s.  Grio.  Buono. 
14M.s.  Valentino  p. 

15  M.  s.  Faustino  m. 

16  G.  s.  Giuliana  v. 

17  V.  s.  Donato  m. 

18  S.  s.  Simone  v. 
«♦£•  19  D.  di  Quinquagesima 

L.  N.or.2,m.39pom. 

20  L.  s.  Eleuterio  ar. 

21  M.  la  vittoria  di  sant' 

Ambrogio 

22  M.  le  Ceneri,  e 
s.  Margherita 

23  G.  s.  Pietro  Dam. 

24  V.  s.  Mattia  ap. 

25  S.  s.  Felice  p. 

+£•  26  D.  I  di  Quaresima, 
s.  Giusto  m. 

27  L.  s.  Leandro 

P.  Q.or.U,m.28ant. 

28  M.  s.  Romano  ab. 


Tempo  medio 
di  Milano 

natt. 

a  mezzodì 

vero 

or.  in.  s. 

334 

0  13  49 

333 

»  13  57 

332 

n  14  3 

331 

»  14  9 

330 

»  14  14 

329 

»   14  19 

328 

»  14  22 

327 

»  14  25 

326 

v  14  27 

325 

»  14  28 

324 

»  14  28 

323 

»   14  28 

322 

»  14  27 

321 

»   14  25 

320 

»  14  22 

319 

»  14  19 

318 

»  14  15 

317 

»   14  10 

316 

»  14  5 

315 

»   13  59 

314 

»  13  52 

313 

»  13  45 

312 

»  13  37 

311 

»  13  28 

310 

n    13  19 

309 

»   13  9 

308 

»  12  58 

307 

n   12  47 

MARZO 

11  Sole  entra  io  Ariete  il  dì  21  a  or.  2  ra.  9  matt. 
Cresce  il  giorno  or.  1  m.  34. 


1M.  s.  Albino  T. 

2  G.  s.  Simplicio 

3  V.  s.  Cunegonda  T. 

4  S.  s.  Lucio  p.         T. 
*$►     5  D.  II  della  Samarit. 

6  L.  s.  Vittore  m. 

7  M.s.Tomaso  dott. 
L.  P.  or.  4,  ra.  29  ani. 

8M.s.Gio.diDio. 
9  G-.s.  Francesca  E- 

10  V.  s.  Provino  v. 

11  S.  s.  Benedetto 
*J+  12  D.  Ili  d' Abramo 

13  L.  s.  Macedonio. 

U.  Qror.  11,  m.9pom. 

14  M,  s.  Eufrasia  v. 

15  M.  s.Longino 

16  Gr.  s.  Agapito 

17  V.  s.  Patrizio  v. 

18  S.  s.  Gabriele 
<fc  19  D.  IV  del  Cieco, 

s.  Giuseppe 

20  L.  s.  Gioachimo 

21  M.  s.  Bened.  ab. 

L.  A7,  or.  4,  ra.  50ant. 

22  M.  s  Paolo  v. 

23  G.  s.  Fedele  m. 
24 V.S.Timoteo  v. 
25  S  Annun.diM.V. 

<fc  26  D.  VdiLazaro 

27  L.  s.  Gio.  erem. 

28  M.  s.Sisto  p. 

29  M.  s.  Eustachio 

P.  Q.  or.  7,  ra.  34  ani. 
30G.s.Gio.Climaco 
31 V.  s.  Mauricillo 


Tempo  medio 

di  Milano 

matt. 

a 

mezzodì 
vero 

or.    m.  s. 

306 

0  12  36 

305' 

» 

12  24 

304 

» 

12  11 

303 

» 

11  58 

302 

j? 

11  45 

301 

» 

11  31 

300 

ii 

11  16 

299 

ii 

11    1 

298 

ii 

10  46 

297 

n 

10  31 

296 

ii 

10  15 

295 

n 

9  59 

294 

il 

9  42 

293 

il 

9  26 

292 

ii 

9    9 

291   " 

iì 

8  52 

290 

il 

8  35 

289 

n 

8  17 

288 

il 

7  59 

287 

il 

7  41 

286 

il 

7  23 

285 

n 

7    5 

284 

r> 

6  47 

283 

il 

6  28 

282 

ii 

6  10 

281 

il 

5  51 

280 

n 

5  33 

279 

ii 

5  14 

278 

ii 

4  56 

277 

n 

4  37 

276 

93 

4  19 

8 


APRILE 


Il  Sole  entra  in  Toro  il  di  20  a  or.  2  m.  10  pom. 
Cresce  il  giorno  or.  1  m.  30. 


1  S.  s.  Teodoro  v. 
$    2  D.  VI delle  Palme 

3  L.  s.  Pancrazio  m. 

4  M.  s.  Isidoro  v. 
5M.  s.  Vincenzo  F. 

L.P.or.3,m.l3pom. 

6  G.  s.  Guglielmo 

7  V.  s.  Amatore. 

8  S.  s.  Dionigi  v.  Vig. 
-«$►    9  D.  Pasqua  di  Bi- 

surrezione 

10  L.  dell'Angelo 

11  M.  s.  Leone  p. 

12  M.  s.  Giulio  pr. 

U.  Q.  or.  6ìm.  41  ant. 

13  G.  la  Deposizione 

di  s.  Ambrogio 

14  V.  s.  Valeriano  m. 

15  S.  s.  Basilissa 
*$»■  16  D.  in  Albis 

17  L.  s.  Aniceto  p. 

18  M.  s.  Galdino  are. 

19  M.  s.  Crescenzio 

L.  N.  or,  7,  m.  53  pom. 

20  G.  s.  Amanzio  v. 

21  V.  s.  Anselmo 

22  S.  s.  Cajo  papa 
•$*  23  D.  s.  Marolo  are. 

24  L.  s.  Giorgio  m. 

25  M.  s.  Marco  ev. 

26  M.  s.  Luigi  Gonz. 

27  G.  s.  Anastasio  p. 

28  V.s.  Vitale  e  Val. 
P.  Q.  or.  0,  m.  38  ant. 

29  S.  s.  Pietro  m. 

«$■  30  D.  s.  Cat.  da  Siena 


275 
274 
273 
272 
271 

270 
269 
268 
267 

266 
265 
264 

263 

262 
261 
260 
259 
258 
257 

256 
255 
254 
253 
252 
251 
250 
249 
248 

247 
246 


Tempo  medio 
di  Milano 

a  mezzodì 

vero 

or.    m.    s. 

0    4    1 

n    3  43 

n    3  24 

»    3    6 

»    2  49 

n    2  31 

n    2  14 

»    1  56 

»    1  39 

»     1  23 

»    1    6 

»    0  50 

»    0  35 

n     0  19 

»    0    4 

11  59  49 

n  59  35 

»  59  21 

»  59    7 

«  58  54 

«  58  42  • 

«  58  29 

«  58  17 

»  58    6 

»  57  55 

n  57  45 

«  57  35 

»  57  25 

»  57  16 

»  57    7 

MAGGIO 

11  Sole  entra  in  Gemelli  il  dì  21  a  or.  2  m.  9  pom. 
Cresce  il  giorno  or,  1  m.  8. 


1 L.  ss.  Giac.  e  Filippo 

2  M.  s.  Atanasio  v. 

3  M.  V  Invenzione  del- 

la s.  Croce 

4  G.  s.  Monica  m. 
L.P.or.ll,m.50pom. 

5V.s.PioVp. 
6  S.  s.  Gio.Damasc. 
*fr    7D.s,  Stanislao  v. 

8  L.  s.  Vittore  m. 

9  M.  s.  Gregorio  N. 

10  M.  s.  Isidoro  agr. 

11  G.  s.  Majolo  ab. 

U.  Q.  or.  3,  m.  13 jpom. 

12  V.  s.  Pancrazio 

13  S.  s.  Natale  are. 
«$*•  14  D.  s.  Bonifazio  ra. 

15  L.  s.  Torquato  LM* 

16  M.  s.  Gio.  Nep.  L. E. 

17  M.  s.  Pasquale  L.B. 
<$►  lSGt.l'Ascens.diN.S. 

19  V.  s.  Pietro  Gel. 
L.N.  or.llìm.35ant. 

20  S.  s.  Bernardino 
*£•  21  D.  s.  Elena  imp. 

22  L  s.  Eusebio  v.L.A. 

23  M.  s.  Desiderio  L.A. 

24  M.  s.  Robust.     L.A. 

25  G.  s.  Dionigi  are. 

26  Y.  s.  Filippo  Neri 

27  S.  s.  Gio.  p.      Vig. 
P.  Q.  or.  lì  m.  52 pom. 

+£•  28  D.  di  Pentecoste 

29  L.  s.  Eleuterio 

30  M.  s.  Felice  p. 

31  M.  s.  Canzio  T. 


9 

Tempo  medio 

di  Milano 

pom. 

a  mezzodì 

vero 

or.     ni.     s. 

245 

11  56  59 

244 

»  56  52 

243 

»  56  45 

242 

«  56  39 

241 

»  56  33 

240 

»  56  27 

239 

«  56  23 

238 

»  56  19 

237 

»  56  15 

236 

»  56  12 

235 

«  56  10 

234 

ii  56    8 

233 

»  56    7 

232 

»  56    6 

231 

»  56    6 

230 

ii  56    7 

229 

«  56    8 

228 

ii  56  10 

227 

ii  56  12 

226 

ii  56  15 

225 

»  56  18 

224 

ii  56  22 

223 

n  56  27 

222 

ii  56  31 

221 

»  56  37 

220 

i»  56  43 

219 

n  56  49 

218 

ii  56  56 

217 

ii  57    3 

216 

»  57  11 

215 

ii  57  19 

IO 


GIUGNO 


Il  Sole  entra  in  Cancro  il  dì  21  a  or.  IO  m.  51  pom. 
Fino  al  21  cresce  il  giorno  m.  14. 


1  Gr.  s.  G-ratiniano 

214 

2  V.s.  Erasmo  v.      T. 

213 

3  S.  s.  Clotilde         T. 

212 

L.  P.  or.  7,  m.  11  ant. 

♦ 

4D.  la  ss.  Trinità 

211 

5  L.  s.  Bonifazio  v. 

210 

6  M.  s.  Eustorgio 

209 

7  M.  s.  Koberto  ab. 

208 

* 

8  a.  Corpo  di  N.  S. 

207 

9  V.  s.  Primo  m. 

206 

10  S.  s.  Margherita 

205 

U.  Q.  or.l,m.27  ant. 

* 

11  D.  s.  Barnaba  ap. 

204 

12  L.  s.  Basilide  m. 

203 

13  M.  S.Antonio  di  P. 

202 

14  M.  s.  Eliseo  prof. 

201 

15  G-.  ss.  Vito  e  Modesto 

200 

16  V.s.  Aureliano 

199 

17  S.  s.  Agrippino  v. 

198 

♦ 

18  D.  s.  Marcellino 
L.  N.  or.  3,  m.  19  ant. 

197 

19  L.  ss.  Gervaso  e 

196 

Protaso  mm. 

20  M.  s.  Silvestro  p. 

195 

21  M.  s.  Luigi  Gonzaga 

194 

22  G.  s.  Paolino  v. 

193 

23  V.  s  Giovanni  pr. 

192 

24  S.  s.  Giov.  Batt. 

191 

4f  25  D.  E  igiov. 

-  190 

P.Q.  or.  11,  m.  34  pom. 

26  L.  ss.Gio.  e  Paolo 

189 

27  M.  s.  Tomaso  ap. 

188 

28  M.  s  Leone  p. 

187 

* 

29  Gr.  ss.  Pietro  e  Paolo 

186 

30  V.  Commemorazione 

185 

di  s.  Paolo 

Tempo  medio 

di  Milano 

a  mezzodì 

vero 

or.     m.     s. 

11  57  28 

»  57  37 

»  57  46 

»  57  56 

»  58    6 

»  58  16 

»  58  27 

»  58  38 

»  58  50 

»  59    1 

»  59  13 

»  59  23 

»  59  38 

»  59  50 

0    0    3 

»     0  16 

»    0  29 

»    0  42 

»    0  55 

»    1    8 

»    1  21 

»    1  34 

»     1  47 

»    2    0 

»    2  13 

»    2  26 

»    2  38 

n      2  51 

»    3    3 

»    3  15 

II 


LUGLIO 

14  Sole  entra  in  Leone  il  dì  23  a  or.  9  m.  22  ant. 


Cala  il  giorno  m.  48. 

1  S.  s.  Domiziano 
«$►    2D.  Visitaz.  diM.V. 
L.  P.  or.  2,  m.  13jpom. 

3  L.  s.  Eulogio 

4  M.  s.  Ulderico  v. 

5  M.  s.  Isaia  profeta 

6  G.  s.  Tranquillo 

7  V.  s.  Consulo  v. 

8  S.  s.  Ampelio  are. 
$r     9  D.  s.  Zenone  m. 

U.  Q.or.l,m.  59pom. 

10  L.  s.  Felicita  m. 

11  M.  s,  Pio  I  papa 

12  M.  ss.NaborreeFel. 

13  G-.  s.  Anacleto  p. 

14  V.  S.Bonaventura 

15  S.  s.  Camillo 

*  16D.B.Verg.delC. 

17  L.  s.  Alessio  e. 
L.JV".  or.6,m.  17pom, 

18  M.  s.  Materno  ar. 

19  M.  s.  Teodoro  ar. 

20  G.S.Girolamo  Emil. 

21  V.  s.  Prassede 

22  S.s.  Maria  Madd. 
♦£•  23  D.  S.Apollinare  v. 

24  L.  s.  Cristina  v. 

25  M.  s.  Giacomo  ap. 
P.  Q.  or.  6,  m.  41  ant, 

26  M.  s.  Anna 

27  G.  s.  Lorenzo  are. 

28  V .  ss.Nazaro  e  Celso 

29  S.s.  Marta  v. 
■$■  30  D.  s.  Abdone  m. 

31  L.  s.  Calimero 
L.  P.  or,  10,  m.  7pom, 


184 
183 

182 
181 
180 
179 
178 
177 
176 

175 
174 
173 
172 
171 
170 
169 
168 

167 
166 
165 
164 
163 
162 
161 
160 

159 
158 
157 
156 
155 
154 


Tempo  medio 
di  Milano 

a 

mezzodì 

vero 

or. 

ni.      s. 

0 

3  26 

» 

3  38 

» 

3  49 

J> 

4    0 

n 

4  11 

n 

4  21 

n 

4  31 

n 

4  40 

n 

4  50 

» 

4  59 

n 

5    7 

iì 

5  15 

n 

5  23 

» 

5  30 

» 

5  37 

n 

5  43 

n 

5  48 

ti 

5  56 

n 

5  58 

n 

6    2 

ti 

6    6 

n 

6    9 

n 

6  11 

» 

6  13 

n 

6  14 

ri 

6  14 

il 

6  14 

n 

6  14 

ii 

6  12 

n 

6  11 

n 

6    8 

12 


AGOSTO 


Il  Sole  entra  in  Vergine  il  dì  23  a  or.  3  m.  56  ant. 
Cala  il  giorno  or  1  m.  24. 


1  M.  s.  Pietro  ne'vinc. 

2  M.  s.  M.  degli  Angeli 

3  Gr.  l'inv.  di  s.  Stefano 

4  V.  s.  Domenico  e. 

5  S.s.M. della  Neve 

+J>     6  D.  la  Trasfigurazione 

7  L.  s.  Gaetano  e. 

8  M.  s.  Ciriaco  m. 

U.  Q.or.  5,  m.lS  ant. 

9  M.  s.  Fermo  m. 

10  Gr.  s.  Lorenzo  m. 

11  Y.  s.  Ersilia 

12  S.  s.  Chiara  v. 
t|+  13  D.  s.  Ippolito  m. 

14  L.  s.  Eusebio    Vig. 
<£  15  M.  Assunzione  di 
M.  V. 

16  M.  s.  Rocco  conf. 
L.  N.or.7,m.  51  ant. 

17  G-.  s.  Liberato 

18  Y.  s.  Agapito 
1^  S.  s.  Lodovico  v. 

4jf  20  D.S.Bernardo  ab. 

21  L.  s.  Privato  v. 

22  M.s. Giovanna  F. 

23  M.  s.  Filippo  Benizzi 
P.Q.or.Oim^ópom. 

24  Gr.  s.  Bartolomeo 

25  Y.s.LuigirediF. 

26  S.  s.  Alessandro 
ty  27  D.  s.  Cesareo  v. 

28  L.  s.  Agostino  v. 
29M.Dec.dis.Gr.B. 

30  M.s.RosadaLima 
L.P.  or.  7,  m.  li  ant. 

31  Gr.  s.Abbondio  v. 


>  ant. 

Tempo  medio 

di  Milano 

a  mezzodì 

vero 

or. 

va.     S. 

153 

0 

6    5 

152 

n 

6    1 

151 

» 

5  57 

150 

» 

5  52 

149 

n 

5  46 

148 

ìi 

5  40 

147 

» 

5  34 

146 

T) 

5  26 

145 

11 

5  19 

144 

11 

5  10 

143 

11 

5    1 

142 

11 

4  52 

141 

11 

4  42 

140 

11 

4  31 

139 

11 

4  20 

138 

n 

4    9 

137 

n 

3  57 

136 

il 

3  44 

135 

n 

3  31 

134 

n 

3  17 

133 

il 

3    3 

132 

il 

2  48 

131 

n 

2  33 

130 

il 

2  18 

129 

ii 

2    2 

128 

n 

1  45 

127 

ii 

1  28 

126 

ii 

1  11 

125 

n 

0  53 

124 

ii 

0  35 

123 


i3 


SETTEMBRE 

Tempo  medio 
di  Milano 

entra  in  Libra  il  dì  23  a  or.  0  m. . 

16  pom. 

a  mezzodì 
vero 

Cala  il  giorno  or.  1  m.  32. 

or.    m.    s. 

1  V.  s.  Egidio  ab. 

122 

11  59  58 

2  S.  s.  Stefano  re 

121 

»  59  39 

+j+     3  D.  s.  Ausano  are. 

120 

»,  59  20 

4  L.  s.  Rosalia  v. 

119 

»  59    1 

5  M.  s.  Vittorino  v. 

118 

»  58  41 

6  M.  s.  Zaccaria pr. 

117 

»  58  21 

U.  Q.  or.  lly  m.  0  pom. 

7  G.  s.  Regina  v. 

116 

»  58    1 

«$►    8  V.  Nat.  di  M.  V. 

115 

»  57  41 

9  S.  s.  G-ioachimo 

114 

»  57  20 

«£  10 D.S.Nicola  daTol. 

113 

»  57    0 

11  L.ss.ProtoeGiagomo 

•112 

»  56  39 

12  M.  s.  Cornelio  m. 

111 

»  56  18 

13  M.  s.Maurilio  ar. 

110 

»  55  58 

14  G.  V  Esaltazione  del- 

109 

n  55  37 

la  s.  Croce 

L.  N.  or.  8,  m.  0  pom. 

15  V.  i  sette  dolori  di 

108 

»  55  16 

Maria  Vergine 

16  S.  s.  Eufemia  v. 

107 

»  54  54 

t|>  17  D.  s.  Satiro  conf. 

106 

»  54  33 

18  L.  s.  Eustorgio 

105 

»  54  12 

19  M.  s.  Gennaro 

104 

»  53  51 

20  M.  s.  Glicerio    T. 

103 

»  53  30 

21  G.  s.  Matteo  ap. 

102 

»  53    9 

P.  Q.  or.  6,  m.  2  pom. 

22  V.  s.  Maurizio  T. 

101 

»  52  48 

23  S.  s.  Lino  p.      T. 

100 

»  52  27 

<&>  24  D.  s.  Tecla  v. 

99 

»  52    6 

25  L.  s.  Anatalone 

98 

»  51  46 

26  M.  s.  Cipriano  m. 

97 

»  51  25 

27  M. ss. Cosma  e  Dam. 

96 

»  51    5 

28  Gr.  s.  Tomaso  are. 

95 

»  50  45 

L.P.  or. 6,  m.  35 pom. 

29  V.s.  Michele  are. 

94 

»  50  25 

30  S.  s.  Girolamo  dott. 

93 

n  50    5 

•4 


OTTOBRE 


Il  Sole  entra  in  Scorpione  il  dì  23  a  or.  9  m.  12  poni. 
Cala  il  giorno  or.  1  m.  34. 


*$r     lD.s.  Remigio  v. 

2  L.ss.  Angeli  custodi 

3  M.  s.  Candido  m. 

4  M.  s.  Francesco 

5  G-.  s.  Placido  m. 

6  V.  s.  Brunone  e. 
U.Q.  or.6,m.22pom. 

7  S.  s.  Brigida  % 
«♦$►     8  D.  7Z  ss.  Rosario , 

s.  Pelagia  v. 
9  L.  s.  Donnino  m. 

10  M.  s.  Lodovico  B. 

11  M.  s.  G-ermano  v. 

12  G.  s.  Mona  are. 

13  V.  s.  Daniele  pr. 

14  S.  s.  Calisto  p. 

L.  N.  or.  7,  m.  9  ant 
tft-  15  D.  s.  Teresa  v. 
16L.s.  Gallo  ab. 

17  M.  s.  Edvige  reg. 

18  M.  s.  Luca  evang. 

19  Gr.  s. Pietro  d'Alcant. 

20  V.  s.  Massimo 
2iS.  s.Orsola  v. 

P.Q.  or.  0,  m.  44  ant. 
4$r  22D.S.  Donato  v. 

23  L.  s.Gio.daCap. 

24  M.S.Raffaele  are. 

25  M.  s.  Crispino  m. 

26  G-.  s.  Evaristo  p. 

27  V.  s.  Fiorenzo  m. 

28  S.  s.  Simone  ap. 

L.  P.  or.  9,  m.  4  ant. 
ty  29  D.  s.  Quirino  m. 

30  L.  s.  Saturnino 

31  M.  s.  Arnolfo    V. 


Tempo  medio 

di  Milano 

ìoru. 

a  mezzodì 

vero 

or.  m.  s. 

92 

11  49  49 

91 

»  49  27 

90 

»  49  8 

89 

»  48  49 

88 

»  48  31 

87 

»  48  13 

86 

«  47  56 

85 

»  47  39 

84 

»  47  23 

83 

»  47  7 

82 

»  46  51 

81 

»  46  36 

80 

»  46  22 

79 

»  46  8 

78 

»  45  54 

77 

»  45  41 

76 

»  45  29 

75 

»  45  17 

74 

»  45  6 

73 

»  44  56 

72 

»  44  46 

71 

»  44  36 

70 

»  44  28 

69 

n   44  20 

68 

n  44  12 

67 

»  44  6 

66 

»  44  0 

65 

n  43  55 

64 

»  43  50 

63 

»  43  47 

62 

«43  44 

i5 


NOVEMBRE 

Il  Sole  entrain  Sagittario  il  dì 22  a  or.  5  m. 
Cala  il  giorno  or.  1  m.  8. 


^    1M.  TuttiiSanti 

2  G.  la  Commemoraz 

de'  defunti 

3  V.  s.  Malachia  p. 

4  S.  s.  Carlo  Borromeo 
+j>    5  D.  s.  Magno  are. 

U.Q.  or.  1,  m.  45pom. 

6  L.  s.  Leonardo  e. 

7  M.  s.  Prosdocimo 

8  M.  i  ss.  4cor.  martiri 

9  G.  s.  Aureliano 

10  V.  s.  Andrea  A. 

11  S.  s.  Martino  v. 
♦$*  12  D.  s.  Martino  p. 

Avv.  Ambrosiano 
L.N.  or.  5,  m.  59pom. 

13  L.  s.  Omobono  v. 

14  M.  s.  Clemente  v. 

15  M.  s.  Eugenio  v. 

16  G.  s.  Valerio  m. 

17  V.  s.  Geltrude  v. 

18  S.  s.  Romano  m. 
*$►  19  D.  s.  Ponziano  p. 

P.Q.  or.  9,m.  37  ant. 

20  L.  s.  Benigno  a. 

21  M.  Pres.  diM.V. 
22M.s.  Cecilia  v. 

23  G-.  s.  Clemente  p. 

24  V.  s.  Protaso  are. 

25  S.  s.  Caterina  v. 
*$►  26  D.  s.Pietro  Ales. 

27  L.  s.  Massimo  v. 
L.P.  or.  2,  m.  43  ant. 

28  M.S.Giacomo  ant. 

29  M.  i  ss.  Francescani 
30G.s.  Andrea  ap. 


Tempo  medio 

di  Milano 

pom. 

a  mezzodì 
Tero 

or.  m.  s. 

61 

11  43  42 

60 

»  43  41 

59 

»  A3  40 

58 

»  43  41 

57 

»  43  42 

56 

»   43  44 

55 

»   43  47 

54 

»  43  51 

53 

»  43  56 

52 

»  44  1 

51 

»  44  8 

50 

»  44  15 

49 

»  44  23 

48 

»  44  32 

47 

»  44  42 

46 

»  44  53 

45 

»  45  4 

44 

»  45  16 

43 

»  45  29 

42 

»  45  43 

41 

»  45  58 

40 

»  46  13 

39 

»  46  30 

38 

»  46  47 

37 

«  47  5 

36 

n  47  23 

35 

n  47  42 

34 

«  48  2 

33 

»  48  23  - 

32  1 

n  48  44 

i6 

DICEMBRE 

Il  Sole  entra  in  Capricorno  il  dì  22  a  or.  6  m.  48  matt. 

Fino  al  22  cala  il  giorno  18  m. 
indi  cresce  m.  6. 

1  V.  s.  Castriziano 

2  S.  s.  Bibiana  v. 
$+     SD.Avv.  E ornano 

4L.  s.  Barbara  v. 

5  M.  s.  Dalmazio  v. 
U.Q.  or.  7,  ra.  36  ani. 

6  M.  s.  Nicolò  vesc. 
<fy     7  G-.  V  Ordinazione,  di 

s.  Ambrogio 
ty     8  V.  Conce*,  di  M.  V. 

9  S.  s.  Siro  vescovo 
«£  lOD.s.  Melchiade 

11  L.  s.  Damaso  p. 

12  M.  s.  Amalia 
L.N.  or.  4,  m.  52  ant. 

13  M.  s.  Lucia  v. 

14  G.  s.  Matroniano 

15  V.  s.  Valeriano 

16  S.  s.  Adone 
ty  17  D.  s.  Lazaro  v. 

18  L.  s.  Graziano 
P.  Q.  or.  9,  m.  31  poni. 

19  M.  s.  Nemesio  T. 

20  M.  s.  Liberato 

21  G.  s.  Tomaso  ap. 

22  V.  s.  Flaviano  T. 

23  S.  s.  Demetrio  T. 
■»£■  24  D.  s.  Gregorio 
<$►  25  L.  .tfta.  <fó  tf .  S. 

26  M.s.  Stefano  pr. 
L.P.or.l0jm.25pom. 

27  M.S.Giovanni  ev. 

28  G.  i  ss.  Innocenti 

29  V.  s.  Tomaso  v. 

30  S.  s.  Eugenio  v. 
i|h  31  D.  s.  Silvestro 


Tempo  medio 

di  Milano 

oatt. 

a  mezzodì 

vero 

or.     m.     s. 

31 

11  49  16 

30 

»  49  29 

29 

»  50  53 

28 

n  50  17 

27 

»  50  41 

26 

»  51    6 

25 

»  51  32 

24 

»  51  58 

23 

»  52  25 

22 

»  52  52 

21 

»  53  20 

20 

»  53  48 

19 

»  54  16 

18 

«  54  45 

17 

i»  55  14 

16 

»  55  43 

15 

»  56  12 

14 

»  56  42 

13 

ii  57  12 

12 

»  57  42 

11 

»  58  11 

10 

»  58  41 

9 

»  59  11 

8 

»  59  41 

7 

0    0  11 

6 

»    0  41 

5 

»    1  11 

4 

n    140 

3 

«    2    9 

2 

»    2  39 

1 

n     3     7 

»7 
PROSPETTO  DI  CORRISPONDENZA 

fra  l'ora  di  Roma  e  quella  d'altri  paesi  esteri  e  d'Italia. 

JRorna,  cupola  di  San  Pietro,  ore  12. 


PAESI  ESTERI. 

ore 

m.    s. 

ore  m.  s. 

Vienna  . 

.     .     12 

15  44 

Nizza 

11  39  19 

Praga     .    , 

.     .     12 

7  54 

Ginevra  .... 

li  34  49 

Trieste   .    , 

•     .     12 

5  18 

Chamberì   .    .    . 

il  33  51 

Bellinzona 

.     .     .     il 

46  17 

Parigi     .... 

li  19  33 

Lugano  .    , 

.     .     11 

45  59 

Londra  .... 

11  10  13 

Berna     . 

.     .     11 

39  58 
ITA 

LIA. 

ore 

m.   s. 

ore 

m.   s. 

Acqui     . 

.    .    11 

44     7 

Casale  Monferrato 

li  43  57 

Alba  (Piem 

DnteJ  .    11 

42  21 

Caserta  .... 

12     7  29 

Alessandria 

.    .    11 

44  45 

Castel  Bolognese  . 

11  57  23 

Ancona  . 

.    .     12 

4  14 

Catanzaro    .    .    . 

12  16  33 

Aosta 

.     .     11 

39  33 

Cavallermaggiore 

il  41  — 

Arezzo    . 

.     .     11 

57  46 

Cecina   .... 

11   52     9 

Arona     . 

.    .     .    li 

44  24 

Ceprano.    .    .    . 

12     4  16 

Ascoli     . 

.     .     12 

4  31 

Certosa  di  Pavia . 

11  46  52 

Asti   .    . 

.     .     11 

43     3 

Cesena   .... 

il  59  li 

Avellino 

.     .     .     12 

9  22 

Chiavari     .    .    . 

11  47  32 

Bari  .     . 

.     .     12 

17  40 

Chiavenna  .    .    . 

il  47  49 

Barletta.     . 

.     .     12 

15  20 

Chieti     .... 

12     6  51 

Belluno  . 

.     .     il 

59     4 

Chioggia     .    .    . 

11  59  18 

Benevento 

.     .     12 

9  17 

Chiusi    .... 

il  57  59 

Bergamo     , 

.     .     il 

48  57 

Chivasso     .    .    . 

li  41  46 

Biella     . 

.     .    .     11 

42  26 

Città  di  Castello  . 

li  59     9 

Bobbio  . 

.     .     11 

47  46 

Civitavecchia  .    . 

li  57     8 

Bologna . 

.     .     li 

55  36 

Civitella  del  Tronto  12    4  52 

Bormio  . 

.     .     11 

51  42 

Como     .... 

11  46  32 

Bra    .    . 

.     .     li 

41   37 

Cortona .... 

11  57  36 

Brescia  . 

,\\     11 

51     6 

Cosenza  .... 

12  15  18 

Brindisi . 

.    .     .     12 

22     3 

Crema    .... 

li  48  58 

Capua    . 

.     .     12 

7     2 

Cremona     .    .    . 

11  50  19 

Camerino  (E 

>erugia)  12 

2  48 

Cuneo    .... 

11  40  21 

Campobasso 

.     .     12 

8  48 

Domodossola   .    . 

il  43  21 

Casarsa  . 

•     .     i% 

1  34 

Edolo      .... 
Guida  1871 

11  51  32 

Faenza 

Falconara  (Ancona 
Fano. 
Fermo 
Ferrara 
Ficulle  , 
Firenze 
Foggia 
Foligno  , 
Forlì . 
Forlimpopol 
Fossano  . 
Gallarate 
Gallipoli 
Genova  . 
Gioja.     . 
Gorizia   . 
Grosseto. 
Guastalla 
Iesi    .     . 
Imola     . 
Intra.     . 
Isolella  (Ceprano; 
Ivrea.     , 
Lecce . 
Lecco . 
Legnago 

Livorno  (Toscana 
Lodi  .     . 
Loreto    . 
Lucca     . 
Lugo .     . 
Macerata 
Maddaloni 
Mantova 
Massa  Carrara 
Massa  Piombino 
Massa  Veronese 
Mestre    . 
Milano    . 
Modena  . 
Moncalieri 
Mondovi 
Monopoli 


ore 
11 
,)  1,2 
12 
12 
li 
li 
11 
12 
12 
li 
11 
11 
11 
12 
li 
12 
12 
11 
11 
12 
11 
li 
12 
11 
12 
11 
li 
11 
11 
12 
11 
li 
12 
12 
11 
11 
11 
11 
11 
li 
li 
11 
11 
12 


ore 
Moncenisio  (Albergo)  1 1 
Montepulciano 
Monza  .  .  . 
Mortara .  .  . 
Napoli  .  .  . 
Nizza  Monferrato 
Novara  .  .  . 
Novi  .... 
Orbelello  .  . 
Orvieto  .  .  . 
Osimo  .  .  . 
Otranto  .  .  . 
Padova  .  .  . 
Pallanza  .  . 
Parma  .  .  . 
Pavia  .  .  . 
Pesaro  .  .  . 
Peschiera  .  . 
Pescia  .  .  . 
Perugia  .  .  . 
Piacenza  .  . 
Pietrasanta.  . 
Pinerolo.  .  . 
Piombino  .  . 
Pisa  .... 
Pistoia  .  .  . 
Pontecorvo.  . 
Pontedecimo  . 
Potenza .  .  . 
Prato  (Firenze) 
Racconigi  .  . 
Ravenna  .  . 
Recanati  .  . 
Reggio  (Calabria) 
Reggio  (Emilia 
Rho  . 
Rieti  . 
Rimini 
Rivoli 
Roveredo 
Rovigo 
Sacile 
Salerno 
Saluzzo 


'9 


ore  m.  s. 

ore 

m.  s. 

Sangermano  (Nap 

°)  12     5  29 

Treviglio     ...     11 

48  33 

Sansevero   .     . 

12  11   43 

Treviso  . 

11 

59  11 

Santhià .     .     . 

11   42   57 

Udine     . 

12 

3     9 

Sarzana.     .     . 

11   50     4 

Urbino    . 

12 

—  45 

Sa  vigliano  (Tieni. 

e)  11    40  52 

Valenza . 

11 

44  44 

Savona  .     .     . 

11   44     1 

Varallo  . 

11 

43  13 

Sesto  Calende. 

11   44  47 

Varese    . 

11 

45  30 

Siena      .     .     . 

11   55  33 

Velletri  . 

12 

1   18 

Sinigaglia  .     . 

12     3     5 

Venafro  . 

.     12 

6  22 

Sondrio .    .    . 

11   49  41 

Venezia  . 

11 

59  33 

Spezia    .     .    . 

11   49  38 

Vercelli  . 

11 

43 '55 

Spoleto  .    .     . 

12  —  35 

Vergato  . 

11 

54  38 

Stradella    .     . 

11   47  25 

Verona  . 

11 

54     9 

Susa  .... 

11   38  21 

Viareggio 

11 

51   13 

Taranto .     .     . 

12  19     6 

Vicenza .     . 

11 

56  26 

Teramo .     .     . 

12     5     7 

Vigevano 

11 

45  3^ 

Termoli .     .     . 

12  10  10 

Viterbo  . 

11 

58  37 

Terni      .     .     . 

12  —  46 

Voghera 

11 

46  20 

Torino    .    .     . 

11   40  58 

Volterra . 

.     . 

11 

53  41 

Tortona .    .    . 

11   45  41 

Voltri     .    , 

,     , 

11 

45  14 

Trento    .    .    . 

.     11   54  32 

10 

STRADE  FERRATE 


ESTRATTO  DELLE  TARIFFE  GENERALI. 


I.  Passeggici. 

I  passeggieri  che  intendono  avere  a  loro  disposizione  un 
intiero  compartimento  in  una  carrozza  di  l.a  o  2.a  classe , 
dovranno  pagare  il  prezzo  di  tutti  i  posti  di  cui  è  capace  il 
compartimento. 

I  ragazzi  d'età  inferiore  a  tre  anni  sono  ammessi  gratui- 
tamente nelle  carrozze,  semprechè  non  occupino  un  posto  di 
passeggiere.  Quelli  di  età  compresa  fra  i  tre  e  sette  anni  pa- 
gheranno la  metà  della  tassa  stabilita  per  gli  altri  passeg- 
gieri. In  caso  di  dubbio  sull'età  dei  ragazzi,  si  dovrà  pagare 
la  jntera   tassa,    salvo  il  diritto  di  reclamare. 

È  rimesso  al  passeggiere ,  contro  pagamento  della  tassa  di 
trasporto,  un  biglietto  mercè  del  quale  egli  ha  diritto  di  ef- 
fettuare la  corsa.  Nella  distribuzione  dei  biglietti  sarà  data 
la  precedenza  al  passeggiere  che  si  presenta  col  denaro  nu- 
meralo. I  biglietti  rimessi  ai  passeggieri  non  sono  valevoli 
se  non  se  per  la  corsa  per  cui  furono  distribuiti. 

Le  persone  ammalate  o  travagliate  da  affezioni  che  possano 
recare  incomodo  o  sgradimento,  e  quelle  in  istato  di  ubbria- 
chezza,  non  sono  ammesse  nelle  carrozze. 

1  posti  di  coupé  devono  essere  domandati  prima  della  par- 
tennza  del  treno,  e  sono  dati  di  preferenza  ai  viaggiatori  che 
percorrono  un  tratto  più  lungo  di  ferrovia.  L'amministra- 
zione non  è  tenuta  a  soddisfare  le  richieste  eccedenti  il  nu- 
mero di  posti  di  coupé  voluto  dalla  eomposizione  normale 
del  treno.  Per  un  pusto  di  coupé  da  Milano  a  Piacenza  si 
paga  L.  1  oltre  il  prezzo  normale;  da  Milano  a  Verona 
L.  2.  50;  da  Milano  a  Venezia  L.  5  ;  da  Milano  a  Torino  L.  2. 

I  passeggieri  possono  passare  dalla  2.a  o  dalla  3.a  classe  ad 
una  classe  superiore  mediante  pagamento  della  differenza  di 
prezzo  dal  punto  ove  succede  il  cambiamento  fino  a  destina- 
zione. 

I  passeggieri  devono  presentare  i  loro  biglietti  agli  agenti 
delle  ferrovie  all'entrare  nella  Stazione  e  nelle  carrozze,  ed 
ogniqualvolta  ne  sono  richiesti,  anche  durante  la  corsa.  Essi 
devono  restituire  i  biglietti  prima  di  uscire  dalla  Stazione  di 
arrivo. 


STRADE  FERRATE  21 

11  passeggiere,  sprovvisto  di  biglietto  all'arrivo,  ne  pa- 
gherà uno  valutato  dalla  Stazione  in  cui  ha  principio  la  corsa 
del  convoglio,  eccetto  che  egli  giustifichi  di  essere  partito 
da  una  stazione  intermedia.  Tale  biglietto  sarà  di  l.a  classe, 
ove  non  sia  accertato  che  il  passeggiere  abbia  preso  posto 
in  carrozza  di  classe  inferiore. 

Chi  arriva  con  biglietto  alterato,  o  di  data  scaduta,  ov- 
vero di  classe  inferiore  a  quella  da  lui  occupata,  pagherà 
un  biglietto  di  l.a  classe  per  lo  stesso  tratto  di  strada  che 
è  indicato  dal  biglietto  di  cui  è  portatore. 

Chi  oltrepassa  la  destinazione  indicata  sul  suo  biglietto  , 
senza  avvisarne  il  Capo-Convoglio,  ne  pagherà  uno  di  prima 
classe  per  la  maggior  distanza  percorsa. 

Ogni  qualvolta  poi  constasse  che  siasi  voluto  defraudare 
l'Amministrazione,  si  esigerà  il  pagamento  della  tripla  tassa. 

Possono  gli  agenti  far  uscire  dalle  Stazioni  e  dalle  car- 
rozze le  persone  che  contravvengono  a  tali  ordini  e  prescrizioni. 

In  tutte  le  Stazioni  è  aperto  un  libro  sul  quale  i  passeg- 
gieri  possono  esporre  i  loro  reclami. 


II.  Bagagli, 


Possono  i  passeggieri  aver  seco  in  carrozza  senza  pagamento 
di  tassa,  ma  sotto  la  propria  responsabilità,  un  bagaglio  di 
non  maggior  peso  di  venti  chilogrammi ,  purché  questo  non 
ecceda  il  volume  di  0™  ,50  X  0ra  ,25  X  0^  ,  30. 

Dieci  minuti  prima  dell'ora  fissata  per  la  partenza  cessa 
l'accettazione  dei  bagagli. 

Sono  esclusi  dal  trasporto  i  colli  di  bagaglio,  la  cui  con- 
dizione esterna  facesse  temere  che  abbiano  a  guastarsi  du- 
rante il  trasporto  od  a  recar  danno  agli  altri  colli. 

Liquidi  e  materie  pericolose,  come  pure  ogni  oggetto  pel 
cui  trasporto  sia  stabilita  una  tariffa  più  elevata,  non  sono 
ammessi  come  bagaglio. 

Le  armi  da  fuoco  non  potranno  essere  introdotte  nelle  car- 
rozze o  nei  carri,  se  prima  non  saranno  consegnate  al  per- 
sonale della  Stazione,  onde  venga  riconosciuto  che  non  sono 
caricate. 

I  bagagli  si  possono  assicurare  mediante  il  pagamento  della 
tassa  stabilita  pel  numerario  ed  oggetti  preziosi  in  aggiunta 
alla  tassa  sul  peso,  e  sotto  le  speciali  condizioni  prescritte 
per  quelle  spedizioni. 

II  bagaglio  è  restituito  al  passaggiere  nella  Stazione  d'  ar- 


11  STRADE  FEBRÀTE 

rivo,  mediante  presentazione  dello  scontrino  rimessogli  dalia 
Stazione  di  partenza. 

Chi  si  presentasse  a  reclamare  bagagli  senza  presentare  Io 
scontrino  comprovante  la  consegna  fattane  alla  Stazione  di 
partenza ,  potrà  tuttavia  ottenerli  quando  egli  giustifichi  di 
esserne  il  proprietario. 

Se  all'arrivo  del  convoglio  si  riconoscesse  mancante  tutto 
o  parte  del  bagaglio  inscritto  sullo  scontrino,  il  passeggiere 
deve  avvisarne  immediatamente  il  Capo-Stazione,  dandogli 
una  nota  degli  oggetti  contenuti  nei  colli  mancanti.  11  Capo- 
Stazione  dovrà,  in  cambio  dello  scontrino,  rimettere  al  pas- 
seggiere un  certificato  indicante  il  numero  ed  il  peso  dei 
colli  mancanti. 

Nel  caso  di  perdita  del  bagaglio,  sarà  rimborsato  al  pas- 
seggiere l'equivalente  al  valore  dichiarato,  quando  trattasi  di 
bagaglio  stato  assicurato;  se  poi  il  bagaglio  non  è  stato  assi- 
curato, sarà  accordata  al  passeggiere  la  indennità  di  Mr.  5  per 
chilogrammo,  sempre  che  il  bagaglio  non  sia  di  valore  inferiore. 

I  bagagli  diretti  oltre  i  confini  doganali  di  Susa,  San  Gio- 
vanni Manzano  e  Peri  non  dovranno  contenere  oggetti  sotto- 
posti a  vincoli  di  finanza;  in  caso  contrario  si  riterranno 
responsabili  i  mittenti  delle  conseguenze. 

1  viaggiatori  che  desiderassero  far  transitare  in  Italia  i  loro 
bagagli  in  esenzione  di  visita  da  un  contine  all'altro,  do- 
vranno nel  farne  la  richiesta  all'Agente  dell'Amministrazione 
che  assiste  alla  visita  doganale,  consegnare  al  medesimo  i  loro 
scontrini  e  bollettini  d'iscrizione.  Qualora  i  bagagli  non  fos- 
sero registrati  fino  al  confine  opposto,  l'iscrizione  dovrà  es- 
sere rinnnovata,  e  la  tassa  di  trasporlo  pagata  sino  a  desti- 
nazione. 

I  bagagli  piombati  dalla  Dogana  dovranno  arrivare  intatti 
al  confine  pel  quale  furono  emesse  le  bolle  di  transito,  e  che 
.  per  conseguenza  non  potranno  essere  loro  rilasciati  durante 
il  viaggio  sotto  qualsiasi  pretesto. 

La  tassa  di  commissione  spettante  alla  Ferrovia,  oltre  quelle 
dovute  alla  Dogana,  é  stabilita  in  cent.  50  per  ogni  collo. 

Le  merci  ed  i  bagagli  non  ritirati  nel  termine  di  24  oro 
dalla  data  del  loro  arrivo,  vanno  soggetti  ad  un  diritto  di 
sosta  di  L.  0.  40  per  ogni  quintale  e  per  giorno  ;  pel  nume- 
rario e  preziosi  il  detto  diritto  é  di  L.  0.  10  ogni  mille  lire 
e  per  giorno. 

In  tutte  le  stazioni  i  viaggiatori  possono  depositare  i  loro 
bagagli  anche  prima  della  partenza  dei  Treni  contro  la  tassa 
di  cent.  dO  per  ogni  quintale  e  per  giorno. 


STRADE  FERRATE  23 

III.   CaESB. 

Sono  esclusi  dal  trasporto  i  cani  sprovvisti  di  museruola 
e  guinzaglio.  I  cani  non  si  ammettono  nelle  carrozze  dei 
passeggeri,  ma  si  trasportano  nei  vagoni  da  bagagli.  Quelli 
non  ritirati  dai  passeggieri  all'arrivo  del  convoglio,  saranno 
dati  in  custodia  a  spese ,  rischio  e  pericolo  del  proprietario. 
L'Amministrazione  non  risponde  della  fuga  dei  cani. 


IV.  Messaggerie. 

Il  trasporto  delle  messaggerie  ha  luogo  coi  convogli  omni- 
bus e  misti  ;  però  le  spedizioni  non  eccedenti  ciascuna  il  peso 
di  50  chilogrammi  vengono  effettuate  anche  coi  convogli  di- 
retti, per  quanto  lo  consentano  le  esigenze  del  servizio. 

V.  FaecltSnaggio. 

Il  facchinaggio  pel  servizio  dei  bagagli  nell'interno  delle 
stazioni  è  fatto  gratuitamente. 

Per  il  trasporto  dei  bagagli  dalla  Stazione  centrale  di  Mi- 
lano a  domicilio  si  paga  come  segue:  Corsa  di  un  fattorino 
col  peso  minimo  di  ch'il.  25,  cent.  60;  idem  con  carretto 
portante  tino  a  200  chil  .  L.  i.  50;  idem  fino  a  chil.  300, 
L.  2.  — . 

VS.  Biglietti  eia  andata  e  ritorno 
giornalieri  e  festini. 

Biglietti  per  viaggi  giornalieri.  —  i.°  ì  biglietti 
di  i.a  classe  saranno  valevoli  per  viaggiare  con  qualsiasi  con- 
voglio dal  primo  del  mattino  sino  all'ultimo  della  sera. 

2.°  1  biglietti  oli  2.u  classe  saranno  valevoli  per  viaggiare 
con  tutti  i  convogli  dal  primo  del  mattino  all'ultimo  della 
sera,  esclusi  quelli  composti  di  sole  vetture  di  d.a  classe. 

3.°  I  biglietti  di  3.a  classe  saranno  valevoli  per  tutti  i  con- 
vogli della  giornata,  esclusi  quelli  composti  di  sole  vetture 
di  l.a  e  2a  classe. 

4.°  La  corsa  d'andata  e  ritorno  dovrà  compiersi  nel  giorno 
in  cui  il  biglietto  verrà  distribuito;  per  altro  il  viaggiatore 


24  STRADE  FERRATE 

potrà  servirsi  anche  dei  convogli  che  partendo  nelle  ore  po- 
meridiane della  giornata  in  cui  il  biglietto  è  valido,  arrivino 
alla  stazione,  dove  il  viaggiatore  deve  recarsi,  soltanto  nelle 
prime  ore  del  giorno  successivo. 

Biglietti  per  giorni  festivi.  —  5.°  La  distribuzione 
dei  biglietti  comincierà  coli' ultimo  convoglio  della  vigilia  dei 
giorni  festivi ,  ossia  delle  domeniche  e  delle  feste  solenni, 
quali:  Annunciazione,  Ascensione,  Corpus  Domini,  Assun- 
zione, Ognissanti,  Natale,  e  continuerà  durante  gli  stessi  giorni 
festivi. 

6.°  I  biglietti  di  i.a  e  2.a  classe  saranno  valevoli  per  viag- 
giare con  qualunque  convoglio,  dall'ultimo  della  vigilia  fino 
al  secondo  del  giorno  susseguente  al  festivo;  e  qualora  il 
secondo  non  si  fermasse  nella  stazione  a  cui  i  viaggiatori 
devono  recarsi,  oppure  non  fosse  in  diretta  coincidenza  con 
quelli  della  linea  a  cui  appartiene  la  stazione  destinataria, 
il  biglietto  di  ritorno  sarà  valevole  anche  per  il  terzo  con- 
voglio del  giorno  susseguente  al  festivo. 

7.°  I  convogli  composti  di  sole  vetture  di  t.a  classe,  quando 
il  loro  passaggio  in  una  stazione  sia  fissato  fra  la  mezzanotte 
e  le  ore  6  del  mattino,  verranno  considerati  come  ultimi  del 
giorno  festivo  precedente;  e  quando  invece  il  loro  passaggio 
fosse  stabilito  dopo  le  ore  6  del  mattino,  verranno  conside- 
rati come  convogli  del  giorno  susseguente  al  festivo. 

8.°  I  biglietti  di  3.a  classe  saranno  valevoli  per  tutti  i  con- 
vogli Omnibus  o  Misti,  dall'ultimo  della  vigilia  fino  al  se- 
condo del  giorno  susseguente  al  festivo,  scmprechè  questo 
non  sia  composto  di  sole  vetture  di  l.a  e  2.a  classe;  nel  qual 
caso  il  ritorno  dovrà  compiersi  col  primo  convoglio  del 
mattino. 

Disposizioni  generali.  —  9.°  Le  sezioni  di  biglietti 
d'andata  e  ritorno  sulle  quali  è  stampata  la  parola  andata, 
non  saranno  valevoli  per  viaggiare,  qualora  vengano  pre- 
sentate disgiunte  dalla_ sezione  che  deve  servire  pel  ritorno. 

10.°  Per  ultimo  convoglio  della  sera  e  delle  vigilie  inten- 
desi  l'ultimo  che  dall'orario  in  vigore  risulla  in  coincidenza 
colla  stazione  destinataria. 

li.0  Le  fermale  intermedie  non  sono  concesse,  ed  i  viag- 
giatori che  si  fermassero,  perderanno  il  diritto  alla  prose- 
cuzione della  corsa;  essi  per  altro  potranno  valersi  del  bi- 
glietto per  il  ritorno,  ma  sempre  partendo  dalla  stazione  per 
la  quale  venne  emesso  il  biglietto,  e  non  da  quella  dove 
avverrà  la  fermata  arbitraria. 

i°2.°  I  viaggiatori  muniti  di  biglietti  d'andata  e  ritorno 
non  ponno  oltrepassare  la  stazione  per  la  quale  il  biglietto 


STRADE  FERRATE  *l5 

è  valido,  senz'essersi  riforniti  agli  sportelli  di  distribuzione' 
della  medesima  di  nuovi  biglietti  per  la  stazione  alla  cui 
volta  intendono  proseguire,  non  essendo  per  tali  prolunga- 
menti di  viaggio  concessa  la  distribuzione  di  biglietti  di 
supplemento  nei  convogli,  neanche  a  tariffa  intera.  In  conse- 
guenza di  ciò  i  viaggiatori  che  fossero  trovati  nelle  vetture 
sprovvisti  di  tali  biglietti,  saranno,  per  la  maggior  percor- 
renza, oltre  a  quella  portata  dai  biglietti  d'andata  e  ritorno, 
tenuti  al  pagamento  della  tassa  a  tariffa  intiera,  ed  andranno 
soggetti  alle  comminatorie  stabilite  dai  Regolamenti. 

13.°  Pei  ragazzi  dell'età  dai  3  ai  7  anni,  la  riduzione 
concessa  dalle  vigenti  tariffe  continuerà  a  computarsi  sul 
prezzo  intiero  e  non  su  quello  pei  biglietti  d'andata  e  ritorno. 

14.e  L'Amministrazione  non  intende  assumere  responsabi- 
lità alcuna  per  le  irregolarità  che  potrebbero  riscontrarsi  nei 
biglietti  d'andata  e  ritorno  che  vengono  smerciati  da  persone 
estranee  al  servizio,  non  rendendosi  essa  garante  che  per 
quelli  venduti  nelle  proprie  stazioni  agli  sportelli  di  distri- 
buzione. 

Sospensione  provvisoria  dei  biglietti  d'an- 
data e  ritorno.  —  Essendosi  verificati  gravissimi  incon- 
venienti a  danno  tanto  della  Società  quanto  dei  viaggiatori, 
sia  colla  illecita  speculazione  che  viene  fatta  dei  biglietti 
d'andata  e  ritorno,  sia  colla  loro  alterazione  e  falsificazione 
eseguita  sopra  ampia  scala,  col  giorno  6  dicembre  1870  venne 
provvisoriamente  sospesa  la  distribuzione  dei  detti  biglietti 
pei  viaggiatori  delle  tre  classi. 

VII.  Viaggi  circolari  a  prezzi  ridotti. 

l.°  Itinerario.  —  Milano,  Torino,  Alessandria,  Genova, 
Piacenza,  Milano  o  viceversa  con  fermata  facoltativa  nelle 
stazioni  intermedie. 

Prezzi  in  base  alla  tariffa  ridotta  del  35  per  cento:  J.  classe 
L.  40.90,  2.  classe  28.90,  3.  classe  20.65.  Validità  (Tei  bi- 
glietti: giórni  quindici  dalla  data  della  distribuzione. 

2.°  Itinerario.  —  Milano,  Verona,  Padova,  Venezia,  Bologna, 
Firenze,  Bologna,  Piacenza,  Lodi,  Milano  o  viceversa  con  fer- 
mata facoltativa  nelle  stazioni  intermedie. 

Prezzi  in  base  alla  tariffa  ridotta  del  35  per  cento:  1.  classe 
L.  68.  75,  2.  classe  52.  70,  3.  classe  38.  50.  Validità  dei  bi- 
glietti: giorni  venti  dalla  data  della  distribuzione. 

3.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Padova,  Venezia,  Bologna, 
Firenze,  Bologna,  Piacenza,  Alessandria,  Genova,  Torino  o 
viceversa  con  fermata  facoltativa  nelle  stazioni  intermedie. 


26  STRADE  FERRATE 

(f  Prezzi  in  base  alla  tariffa  ridotta  del  45  per  cento  :  1.  classse 
L.  83.  55,  2.  classe  62.  30,  3.  classe  45.  30.  Validità  dei  bi- 
glietti :  giorni  trenta  dalla  data  della  distribuzione. 

4.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Padova,  Venezia,  Bologna, 
Firenze,  Empoli,  Pisa,  Lucca,  Pistoja,  Bologna,  Piacenza,  Ales- 
sandria, Genova,  Torino  o  viceversa  con  fermata  facoltativa 
nelle  stazioni  intermedie. 

Prezzi  in  base  alla  tariffa  ridotta  del  45  per  cento:  1.  classe 
h.  90.  30,  2.  classe  67.  20,  3.  classe  48.  75.  Validità  del  bi- 
glietti: giorni  trentacinque,  dalla  data  della  distribuzione. 

5.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Padova,  Venezia,  Bologna, 
Firenze,  Foligno,  Roma,  Civitavecchia,  Livorno,  Pisa,  Empoli, 
Firenze,  Bologna,  Piacenza.  Alessandria,  Genova,  Torino  o 
viceversa  con  fermata  facoltativa  nelle  stazioni  intermedie. 

Prezzi  in  base  alla  tariffa  ridotta  del  45  per  cento:  1.  classe 
L.  134.  75,  2.  classe  98,05,  3.  classe  68.  90.  Validità  dei  bi- 
glietti :  giorni  quaranta  dalla  data  della  distribuzione. 

6.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Padova,  Venezia,  Bolo- 
gna, Firenze,  Foligno,  Roma.  Ceprano,  Napoli,  Roma,  Civi- 
tavecchia, Livorno,  Pisa,  Empoli,  Firenze,  Bologna,  Piacenza, 
Alessandria,  Genova,  Torino  o  viceversa  con  fermata  facolta- 
tiva nelle  stazioni  intermedie. 

Prezzi  in  base  alla  tariffa  ridotta  del  45  per  cento:  1.  classe 
L.  169.55,  2.  classe  119.20,  3.  classe  81.55.  Validità  dei 
biglietti  :  giorni  cinquanta  dalla  data  della  distribuzione. 

7.°  Itinerario.  -  Milano,  Como,  T  remezzina,  Lecco,  Ber- 
gamo, Milano  o  viceversa  con  fermata  facoltativa  nelle  sta- 
zioni intermedie. 

Prezzi  in  base  alla  tariffa  ridotta  del  30  per  cento:  1.  classe 
L.  13.10,  2.  classe  10.40.  Validità  dei  biglietti:  giorni  otto 
dalla  data  della  distribuzione. 

La  corsa  sui  piroscafi  fra  Como  e  Lecco  ha  luogo  una  sola 
volta  alla  settimana.  —  Il  viaggio  sui  Piroscafi  avrà  luogo 
indistintamente  in  1.  classe. 

8.°  Itinerario.  —  Milano,  Novara,  Arona,  Magadino,  Arona, 
Milano  o  viceversa  con  fermata  facoltativa  nelle  stazioni  in- 
termedie. 

Prezzi  in  base  alla  tariffa  ridotta  del  30  per  cento:  1.  classe 
L.  20.35,  2.  classe  17.05.  Validità  dei  biglietti:  giorni  otto 
dalla  data  della  distribuzione. 

9.°  Itinerario.  —  Milano,  Como,  Bellaggio,  Menaggio,  Por- 
lezza,  Lugano,  Luino,  Arona,  Milano  o  viceversa. 

Prezzi  a  tariffa  ridotta  del  30  per  cento:  1.  classe  L.  24.15, 
2.  classe  21. 10,  di  cui  L.  6.10  in  valuta  metallica  sonante. 
Validità  dei  biglietti:  giorni  quindici  dalla  data  della  distri- 
buzione. 


STRADE  FERRATE  27 

I  biglietti  danno  diritto  al  trasporto:  1.°  in  ferrovia  da 
Milano  a  Camerlata;  2.°  in  omnibus  da  Camerlata  a  Como; 
3.°  in  battelli  a  vapore,  ed  indistintamente  in  1.  classe,  da 
Como  a  Bellaggio  e  Menaggio;  4.°  in  omnibus  da  Menaggio 
a  Porlezza;  5.°  in  battello  a  vapore  ed  indistintamente  in 
1.  classe  da  Porlezza  a  Lugano;  6.°  in  diligenza  delle  poste 
svizzere  da  Lugano  a  Luino;  7.°  in  battelli  a  vapore  ed  in- 
distintamente in  \.  classe  da  Luino  ad  Arona;  8.°  in  ferro- 
via da  Arona  a  Milano  (via  Sesto  Calende), 

Avvertenze. 

i.°  I  biglietti  circolari  sono  dichiarati  personali,  e  quindi 
non  trasmissibili. 

2.°  1  biglietti  devono  essere  presentati  alle  stazioni  di  par- 
tenza e  ad  ogni  richiesta  degli  agenti,  della  ferrovia  e  dei 
piroscafi,  dai  quali  verranno  ritirali  a  viaggio  compiuto. 

3.°  I  biglietti  danno  diritto  di  viaggiare  con  tutti  i  con- 
vogli aventi  vetture  della  classe  indicatavi  e  con  tutte  le 
corse  ordinarie  dei  battelli.  —  Scaduto  il  periodo  di  validità 
saranno  ritirati  senza  tener  conto  del  viaggio  che  rimanesse 
a  compiersi. 

4.°  I  ragazzi  di  età  inferiore  a  tre  anni  saranno  traspor- 
tati gratuitamente,  quelli  d'età  superiore  dovranno  pagare 
intero  biglietto  circolare. 

5.°  Ogni  viaggio  circolare  può  aver  principio  nell'una  o 
nell'altra  direzione  a  volontà  del  viaggiatore,  partendo  dalla 
stazione  in  cui  il  biglietto  viene  acquistato;  una  volta  per 
altro  cominciato  in  una  direzione  deve  essere  continuato  sem- 
pre nella  medesima,  eccezione  fatta  per  quelle  linee  che  si 
diramano  da  quella  principale  che  si  deve  percorrere  per 
compiere  il  viaggio  circolare. 

6.°  Ogni  volta  che  il  viaggiatore  incomincia  uua  corsa 
deve  presentare  il  proprio  biglietto  all'ufficio  della  stazione 
di  partenza  od  al  capitano  del  battello,  dichiarando  la  loca- 
lità a  cui  intende  recarsi. 

7.°  La  corsa  sulle  linee  di  diramazione  dev'essere  intra- 
presa prima  di  oltrepassare  la  stazione  a  cui  le  medesime 
fanno  capo,  mentre  in  caso  diverso  la  corsa  sulle  dette  linee 
si  riterrà  come  abbandonata. 

8  °  Quando  un  viaggiatore,  dopo  aver  dichiarato  di  volersi 
recare  da  una  stazione  ad  altra  qualunque,  lungo  la  corsa 
si  decidesse  a  fermarsi  invece  in  una  intermedia,  egli  dovrà 
presentarsi  al  capo  della  stazione  prescelta  alla  fermala  od 
al  capitano  del  piroscafo,  acciò  questi  accertino  il  cambia- 
mento avvenuto  nella  destinazione. 


28  STRADE  FERRATE 

9.°  Nel  caso  che  il  viaggiatore  munito  di  biglietto  di  viag- 
gio circolare  volesse  interrompere  il  suo  itinerario  ad  una 
stazione  per  riprenderlo  ad  altra  più  lontana,  ma  situata 
sempre  sul  percorso  che  gli  è  tracciato,  ed  alla  quale  egli  si 
recherebbe  a  proprie  spese,  dovrà  farne  la  dichiarazione  al 
capo  della  stazione  di  fermata  od  al  capitano  del  piroscafo, 
affinchè  sia  apposta  sul  biglietto  analoga  annotazione. 

10.°  Quando  il  portatore  di  un  biglietto  circolare  non  po- 
tesse provare  di  essere  la  stessa  persona  nominata  sul  fronti- 
spizio o  sulla  copertina,  gli  sarà  fatta  pagare  triplice  tassa 
per  tutto  l'ultimo  percorso  risultante  dal  biglietto  e  questo 
gli  sarà  ritirato. 

La  stessa  multa  sarà  fatta  pagare,  al  portatore  di  un  bi- 
glietto circolare  che  fosse  trovalo  a  viaggiare  su  linee  o  tratti 
di  linea  o  di  lago,  diversi  da  quelli  indicati  a  mano  o  me- 
diante bollo  dai  capi-stazioni,  bigliettarii  o  capitani  dei  bat- 
telli ;  ma  il  biglietto  non  gli  sarà  ritiralo. 


10.°  Itinerario.  —  Verona,  Peri,  Bolzano,  Sterzing,  Inn- 
sbruck,  Kufstein,  Rosenheim,  Salisburgo,  Linz,  Vienna,  Graz, 
Lubiana,  Trieste,  Cormons,  Udine,  Venezia,  Padova,  Verona 
o  viceversa. 

Prezzo:  1.  classe  L.  165.20  di  cui  L.  138.75  inoro;  2.  classe 
L.  103.65  di  cui  L.  84.40  in  oro. 

11.0  Itinerario.  —  Verona,  Peri,  Bolzano,  Sterzing,  Inn- 
sbruck,  Kufstein,  Monaco,  Ratisbona,  Furth,  Praga,  Brùnn, 
Vienna,  Graz,  Lubiana,  Trieste,  Cormons,  Udine,  Venezia, 
Padova,  Verona  o  viceversa. 

Prezzo:  1.  classe  L.  213.  90  di  cui  L.  187.45  in  oro;  2.  classe 
L.  133.90  di  cui  L.  114.65  in  oro. 

12.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Kufstein,  Monaco,  Augusta,  Ulma,  Stoc- 
carda, Carlsruhe,  Kehl,  Garlsruhe,  Heidelberg,  Wurzburgo, 
Norimberga,  Passavia,  Vienna,  Graz,  Trieste,  Cormons,  Udine, 
Venezia,  Padova,  Bologna,  Firenze,  Bologna,  Genova,  Torino 
o  viceversa. 

Prezzo:  1.  classe L.  312.65  di  cui  L. 221. 00  in  oro;  2.  classe 
L.  206.85  di  cui  L.  138.40  in  oro. 

13.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Kufstein,  Monaco,  Augusta,  Ulma,  Stoc- 
carda, Carlsruhe,  Heidelberg,  Wurzburgo,  Norimberga,  Pas 
savia,  Vienna,  Graz,  Trieste,  Cormons,  Udine,  Venezia,  Pa 
dova,  Bologna,  Firenze,  Bologna,  Genova,  Torino  o  viceversa 

Prezzo:  1.  classe  L.  300.30  di  cui  L.  208.65  in  oro;  2.  classe 
L.  198.75  di  cui  L.  130.30  in  oro. 


STBÀDE  FERRATE  29 

44.°  Itinerario,  —  Torino,  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck1,  Kufstein,  Monaco,  Augusta,  Ansbach, 
Wurzburgo,  AschalTenburg,  Darmstadt,  Magonza,  Bingen, 
Coblenza,  Colonia,  Coblenza,  Bingen,  Magonza,  Darmstadt, 
Aschaffenburg,  Vurzburgo,  Norimberga,  Ratisbona,  Passavia, 
Vienna,  Graz,  Trieste,  Gormons,  Udine,  Venezia,  Padova,  Bo- 
logna, Firenze,  Bologna,  Genova,  Torino  0  viceversa. 

Prezzo  :  4.  classe  L.  336.  45  di  cui  L.  244. 80  in  oro  ;  2.  classe 
L.  222.45  di  cui  L.  454.00  in  oro. 

45.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Kufstein,  Monaco,  Augusta,  Ansbach, 
Wurzburgo,  Aschaffenburg,  Darmstadt,  Magonza,  Darmstadt, 
Aschaffenburg,  Wurzburgo,  Norimberga,  Ratisbona,  Passavia, 
Vienna,  Graz,  Trieste ,  Cormons,  Udine,  Venezia,  Padova, 
Bologna,  Firenze,  Bologna,  Genova,  Torino  0  viceversa. 

Prezzo  :  4.  classe  L.  307.  30  di  cui  L.  245. 65  in  oro ,  2.  classe 
L.  203.50  di  cui  L.  435.05  in  oro. 

46.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Kufstein,  Monaco,  Augusta,  Ansbach, 
Wurzburgo,  Aschaffenburg,  Francoforte,  Aschaffenburg, 
Wurzburgo,  Norimberga,  Ratisbona,  Passavia,  Vienna,  Graz, 
Trieste,  Gormons,  Udine,  Venezia,  Padova,  Bologna,  Firenze, 
Bologna,  Genova,  Torino  0  viceversa. 

Prezzo:  4.  classe  L.  300.60  di  cui  L.  208.95  in  oro;  2.  classe 
L.  488.95  di  cui  L.  430.50  in  oro. 

47.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Kufstein,  Monaco,  Augusta,  Ulma,  Stoc- 
carda, Ulma,  Augusta,  Monaco,  Salisburgo,  Vienna,  Graz, 
Trieste,  Cormons,  Udine,  Venezia,  Padova,  Bologna,  Firenze, 
Bologna,  Genova,  Torino  0  viceversa. 

Prezzo  :  4 .  classe  L.  280. 25  di  cui  L.  488.  60  in  oro  ;  2.  classe 
L.  485.55  di  cui  L.  447.40  in  oro. 

48.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Kufstein,  Monaco,  Augusta,  Lindau,  Au- 
gusta, Monaco,  Salisburgo,  Vienna,  Graz,  Trieste,  Cormons, 
Udine,  Venezia,  Padova,  Bologna,  Firenze,  Bologna,  Genova, 
Torino  o  viceversa. 

Prezzo  :  4.  classe  L.  282. 50  di  cui  L.  490.  85  in  oro  ;  2.  classe 
L.  187.00  di  cui  L.  4  48.55  in  oro. 

49.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Perì,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Kufstein,  Monaco,  Salisburgo,  Vienna, 
Graz,  Trieste,  Cormons,  Udine,  Venezia,  Padova,  Bologna, 
Firenze,  Bologna,  Genova,  Torino  o  viceversa. 

Prezzo  :  4.  classe  L.  242. 45  di  cui  L,  450. 50  in  oro  ;  2.  classe 
L.  i60,60  di  cui  L,  92,15  in  oro, 


3o  STRADE  FERRATE 

20.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Perì,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Monaco,  Augusta,  Ulma,  Stoccarda, 
Bruchsal ,  Heidelberg,  Francofone  s.  M. ,  Aschaflenburg, 
Wurzburgo,  Norimberga,  Ratisbona,  Passavia,  Vienna,  Graz, 
Lubiana,  Trieste,  Cormons,  Udine,  Venezia,  Padova,  Bologna, 
Firenze,  Bologna,  Genova,  Torino  o  viceversa. 

Prezzo:  1.  classe  L.  302.  35  di  cui  L.  210.  70  in  oro;  2.  classe 
L.  200.05  di  cui  lire  131.60  in  oro. 

21.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Monaco,  Augusta,  Ulma,  Stoccarda, 
Bruchsal,  Heidelberg,  Francoforte  s.  M.,  Heidelberg,  Bruchsal, 
Stoccarda,  Ulma,  Augusta,  Monaco,  Salisburgo,  Vienna,  Graz, 
Lubiana,  Trieste,  Cormons,  Udine,  Venezia,  Padova,  Bologna, 
Firenze,  Bologna,  Genova,  Torino  o  viceversa. 

Prezzo:  1.  Classe  L.  311.  90  di  cui  L.  220.  25  in  oro;  2.  classe 
L.  206  25  di  cui  L.  137.  80  in  oro. 

22.°  Itinerario.  —  Torino,  Milano, Verona,  Peri,  Bolzano,  Ster- 
zing, Innsbruck.  Monaco,  Augusta,  Ulma,  Stoccarda,  Bruchsal, 
Heidelberg,  Francofone  s.  M. ,  Wursburgo,  Augusta,  Monaco, 
Salisburgo,  Vienna,  Graz,  Lubiana,  Trieste,  Cormons,  Udine, 
Venezia,  Padova,  Bologna,  Firenze,  Bologna,  Genova,  Torino, 
o  viceversa. 

Prezzo  :  1.  classe  L.  310.  30  di  cui  L.  218.  65  in  oro;  2.  classe 
L.  205.  40  di  cui  L.   136.95  in  oro. 

23.°  Itinerario.  —  Torino  Milano,  Verona,  Peri,  Bolzano, 
Sterzing,  Innsbruck,  Kufstein,  Rosenheim,  Monaco,  Rosenheim, 
Salisburgo,  Linz,  Vienna,  Graz,  Lubiana,  Trieste,  Cormons, 
Udine,  Venezia,  Padova,  Bologna,  Firenze,  Bologna,  Genova, 
Torino  o  viceversa. 

Prezzo:  1.  classe  L.  311.  90  di  cui  L.  220.  25  in  oro;  2.  classe 
L.  206.  25  di  cui  L.  137.80  in  oro. 

Avvertenze* 

1.  I  biglietti,  in  forma  di  libretto  a  coupons,  sono  in  ita- 
liano e  tedesco  e  valevoli  per  45  giorni,  decorrendi  dalla  data 
che  con  bollo  sarà  apposta  sulla  copertina  dalla  stazione  di 
partenza.  —  Trascorsi  i  45  giorni  i  biglietti  non  saranno  più 
validi  e  verranno  ritirati  senza  tener  conto  del  rimanente  del 
viaggio. 

2.  1  viaggiatori  potranno  incominciare  il  viaggio  si  nel- 
l'uno che  nell'altro  senso,  cioè  recarsi  all'estero  per  il  tran- 
sito di  Ala  (Tirolo)  e  rientrare  per  quello  di  Cormons,  ovvero 
viceversa.  -  Quando  incominciassero  il  viaggio  in  senso  op- 
posto a  quello  tracciato  dai  coupons  dei  biglietti,  dovranno 


STRADE   FERRATE  3  I 

avvertire  che  questi  coupons  saranno  staccati  man  mano, 
incominciando  dall'ultimo  e  non  dal  primo. 

3.  I  viaggiatori  potranno  valersi  di  tutti  i  treni  aventi  vet- 
ture della  classe  dei  biglietti  di  cui  saranno  muniti ,  nonché 
fermarsi  in  tutte  le  stazioni  indicate  sui  coupons,  ma  non 
nelle  intermedie. 

4.  I  viaggiatori  non  sono  punto  tenuti  a  depositare  i  bi- 
glietti nelle  stazioni  in  cui  si  fermeranno:  soltanto,  nel  ri- 
partirne, dovranno  nuovamente  esibirli  affinchè  sia  bollato 
il  coupon  successivo  all'ultimo  staccato. 

5.  Nel  caso  un  viaggiatore  munito  di  biglietto  circolare 
di  2  classe  volesse,  durante  il  suo  viaggio,  passare  per  un 
tratto  qualunque  di  ferrovia  in  vettura  di  1  classe,  potrà  ciò 
fare  mediante  il  pagamento  della  differenza  fra  il  costo  di 
un  biglietto  ordinario  di  1  classe  e  quello  di  uno  di  2.a,  e 
secondo  il  treno  in  cui  viaggia. 

6.  Non  è  accordata  alcuna  riduzione  pel  trasporto  dei  ba- 
gagli. —  La  registrazione  dei  bagagli  sarà  fatta  per  quella 
stazione  in  cui  i  viaggiatori  dichiareranno  di  volersi  fermare. 
Per  altro  questa  registrazione  non  sarà  fatta,  olire  i  confini, 
che  per  le  stazioni  austriache,  tirolesi  e  germaniche  in  cor- 
rispondenza diretta  con  quella  di  partenza. 

7.  I  biglietti  si  dovranno  esibire  ad  ogni  richiesta  del  per- 
sonale dei  treni.  —  I  coupons  presentati  disgiunti  dalla  ri- 
spettiva copertiua  non  saranno  validi.  —  I  medesimi  verranno 
sempre  ed  esclusivamente  staccati  dagli  agenti  ferroviari. 

8.  I  ragazzi  d'età  fino  ai  tre  anni  saranno  trasportati  gra- 
tuitamente; quelli  dieta  superiore  dovranno  pagare  l'intero 
biglietto  circolare. 

9.  Nel  caso  che  un  viaggiatore  munito  di  biglietto  circo- 
lare volesse  in  una  stazione  interrompere  il  viaggio  per  ri- 
prenderlo ad  altra  più  lontana,  ma  compresa  nell' itinerario 
del  biglietto,  ed  alla  quale  si  recherebbe  a  proprie  spese, 
dovrà  farne  la  dichiarazione  al  Capo  stazione  di  fermata  affin- 
chè sia  apposta  sul  biglietto  analoga  annotazione. 

10.  1  viaggiatori  dovranno  personalmente  assistere  alla  vi- 
sita del  proprio  bagaglio  negli  Uffici  Doganali  delle  stazioni 
di  confine,  non  assumendosi  le  Amministrazioni  alcuna  re- 
sponsabilità a  tale  riguardo. 

Vili.  Mì^lì^Ul  d'abbonamento. 

Gli  abbonamenti  sono  per  tutte  le  tre  classi,  e  possono 
essere  a  piacimento:  annui,  semestrali  e  trimestrali.  Gli  ab- 
bonamenti per  la  3.a  classe,  e  quelli  trimestrali  non  vengono 
rilasciati  che  per  distanze  non  eccedenti  i  cento  chilometri. 


Zi  STRADE  FERRATE 

La  tariffa  stabilita,  compi  osavi  l' imposta  del  decimo,  risulta 
dal  seguente  quadro  N.  1. 

Le  linee  che  si  possono  percorrere  mediante  biglietto  di 
abbonamento,  sono  soltanto  quelle  nominate  nel  quadro  N.  2. 
E  di  fianco  ad  ognuna  trovasi  pure,  per  maggior  comodità, 
indicato  il  prezzo  a  cui,  a  tenore  della  taritfa  stabilita,  deve 
ammontare  l'abbonamento  per  tutta  la  linea  stessa. 

QUADRO  N.  1. 
Tariffa  da  applicarsi  ai  biglietti  d*  abbonamento* 


Distanza  in  chilometri 

PREZZI 

del  tratto  di  ferrovia 

pel  quale  vien  richie- 
sto T  abbonamento 

per  un  anno 

per  sei  mesi 

per 

tre  mesi 

1  ci.  2  ci. 

3  ci. 

lei. 

2  ci. 

3  ci. 

lei. 

2  ci. 

3  ci. 

lire  lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

Per  un  tratto  di  ferrovia 

della  lunghezza  inferiore 

od  eguale  a  5  chilometri . 

150  120 

80 

85 

65 

45 

45 

35 

25 

fra   6  e   10  chilom. 

210  170 

120 

115 

90 

65 

65 

50 

40 

»        11  »   15   » 

270  220 

160 

145 

115 

85 

85 

65 

50 

»   16  »   25   » 

330  270 

200 

175 

140 

105 

100 

80 

65 

»   26  »   35   » 

390  320 

240 

205 

165 

125 

120 

95 

75 

»   36  »   45   » 

450  370 

275 

235 

200 

145 

140 

110 

85 

»   46  »   60   » 

500  400 

305 

265 

225 

165 

160 

125 

95 

»   61  »   75   » 

550  435 

335 

300 

250 

180 

180 

140 

105 

»   76  »  100   » 

600  470 

365 

330 

270 

200 

200 

155 

1.15 

»   101  »  125   » 

650  505 

_ 

360 

290 



— 

— 

— 

y>      126  »  150   » 

700  540 



390 

310 





— 

— 

»   151  »  200   » 

750  575 



420 

330 



— 

— 

— 

»      201  »  250   » 

800  610 



450 

350 

— 

— 

— 

— 

»   251  »  300   » 

850  645 

— 

480 

370 

— 

— 

— 

— 

»   301  »  350   » 

900  680 



510 

390 



— 

— 

— 

»   351  »  400   » 

950  715 

— 

540 

410 

— 

— 

— 

— 

»   401  »  500   » 

1000  750 

— 

570 

430 

— 

— 

— \ 

— 

»   501  »  600   » 

1050  785 

— 

600 

450 

— 

— 

— 

»   601  »  700   » 

1100  820 

— 

630 

470 

— 

— 

— 

— 

»      701  »  800   » 

11501  855 

— 

660 

490 

— 

— 

— 

— 

»   801  »  950   » 

1200 

890 

— 

690 

510 

— 

— 

— 

— 

»   951  »  1100   » 

1250 

925 

— 

720 

530 

— 

— 

— 

— 

»    1101  »   1250    » 

1300 

960 

— 

750 

550 

— 

— 

— 

— 

>  1251  »  1400   » 

1350 

995 

— 

780 

570 

— 

— 

— 

— 

>  1401  »  1600   » 

1400 

1030 

— 

810 

590 

— 

— 

— 

— 

»  1601  »  1800   » 

1450 

1065 



840 

610 

_ 

— 

— 

— 

»  1801  ed  oltre  * 

1500 

1100 

— 

870 

610 

— 

— 

— 

- 

STRADE  FERRATE 


33 


QUADRO  N.  2. 

Linee  sulle  quali,  per  ora,  è  ammessa  la  circolazioni 
dei  biglietti  d' abbonamento, 


DENOMINAZIONE 

PREZZI 

Per 

Per 

Per 

Nota.  Ove  vi  è  il 

un  anno 

sei  mesi 

tre  mesi 

segno  (»)  non  venne 
esposto  il  prezzo  per- 

chè la  linea  eccede 

1 

2 

3 

1 

2 

3 

1 

2 

3 

i  100  chilometri. 

ci. 

ci. 

ci. 

ci. 

ci. 

ci. 

ci. 

ci. 

ci. 

lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

lire 

Torino-Susa 

500 

400 

305 

265 

225 

165 

160 

125 

95 

Torino-Pinerolo .  .  . 

450 

370 

275 

235 

200 

145 

140 

110 

85 

Torino-Cuneo  .... 

600 

470 

365 

330 

270 

200 

200 

155 

115 

Torino-Saluzzo  .  .  . 

550 

435 

335 

300 

250 

180 

180 

140 

105 

Torino- Alessandria  . 

600 

470 

365 

330 

270 

200 

200 

155 

115 

Torino-Milano.  .  .  . 

700 

540 

» 

390 

310 

» 

» 

» 

» 

Alessandria-Cavall.e 

600 

470 

365 

330 

270 

200 

200 

155 

115 

Alessandria-Genova 

600 

470 

365 

330 

270 

200 

200 

155 

115 

Aless  andria-N  o  v  ara 

550 

435 

335 

300 

250 

180 

180 

140 

105 

Alessandria- Vercelli 

500 

400 

305 

265 

225 

165 

160 

125 

95 

Alessandria  -Piacen. 

600 

470 

365 

330 

270 

200 

200 

155 

115 

Piacenza-Milano  . 

550 

435 

335 

300 

250 

180 

180 

140 

105 

Piacenza-Bologna  . 

700 

540 

» 

390 

310 

» 

» 

» 

» 

Bologna-Firenze   .  . 

700 

540 

» 

390 

310 

» 

» 

» 

» 

Bologna-Padova  .  . 

650 

505 

» 

360 

290 

» 

» 

» 

» 

Venezia-Cormons .  . 

750 

575 

» 

420 

330 

» 

» 

» 

» 

Venezia- Verona.  .  . 

650 

505 

» 

360 

290 

» 

» 

» 

» 

Verona-Peri 

450 

370 

275 

235 

200 

145 

140 

110 

85 

Verona-Mantova  .  . 

390 

320 

240 

205 

165 

125 

120 

95 

75 

Verona-Milano  .  .  . 

750 

575 

» 

420 

330 

» 

» 

» 

» 

Bergamo-Lecco  .     . 

390 

320 

240 

205 

165 

125 

120 

95 

75 

Treviglio-Cremona  . 

550 

435 

335 

300 

250 

180 

180 

140 

105 

Milano-C  amerlata  . 

450 

370 

275 

235 

200 

145 

140 

110 

85 

Milano-Pavia  .... 

450 

370 

275 

235 

200 

145 

140 

110 

85 

Milano-Varese  .  .  . 

500 

400 

305 

265 

225 

165 

160 

125 

95 

Milano-Genova  .  .  . 

750 

575 

» 

420 

330 

» 

■» 

» 

» 

Novara-Arona.  .  .  . 

450 

370 

275 

235 

200 

145 

140 

110 

85 

Milano- Aroua  .... 

550 

435 

335 

300 

250 

180 

180 

140 

105 

Firenze-Pisa    .... 

600 

470 

365 

330 

270 

200 

200 

155 

115 

Pisa-Spezia  e  Carr.a 

600 

470 

365 

330 

270 

200 

200 

155 

115 

Genova-Savona.  .  . 

450 

370 

275 

235 

200 

145 

140 

110 

85 

Genova-Chiavari .  . 

450 

370 

275 

235 

200 

145 

140 

110 

85 

i87i  —  3 


34  STRADE  FERRATE 

L'abbonamento  può  essere: 

a)  per  tutte  le  linee  sovranominate; 

b)  per  una  o  più  linee  intiere; 

e)  per  una  linea  intiera  e  frazione  d'altra  linea; 

d)  per  una  frazione  di  linea; 

e)  per  frazioni  di  linee  contigue. 

AVVERTENZE. 

I  biglietti  d'  abbonamento  sono  foggiati  a  guisa  di  libretto. 
Nella  parte  interna  della  copertina  viene  inquadrata  la  foto- 
grafia in  busto  del  titolare,  sulla  quale  si  appone  il  bollo  a 
secco  della  Direzione. 

L'abbonato  può  prendere  posto  in  tutti  i  convogli  di  viag- 
giatori, a  seconda  della  classe  del  biglietto  che  possiede. 

L' abbonato  non  ha  diritto  a  risarcimento  di  danni  per 
modificazione  di  orari  o  soppressione  di  qualche  convoglio. 

I!  biglietto  d'abbonamento  è  personale  e  non  è  valido  se 
non  è  firmato  dal  titolare. 

Ad  ogni  partenza  e  ad  ogni  arrivo  l'abbonato  è  tenuto  di 
presentare  il  biglietto  agli  agenti  della  ferrovia  per  lo  stacco 
dello  scontrino. 

Né  il  biglietto  né  gli  scontrini  esibili  separatamente  danno 
diritto  a  viaggiare. 

II  biglietto  trovato  in  mani  d'altri  che  dell'abbonato,  viene 
ritiralo  e  distrutto  senza  che  il  titolare  possa  aver  diritto  a 
reclamo  alcuno,  salvo  che  ne  abbia  denunciato  lo  smarri- 
mento. Chi  se  ne  sarà  illecitamente  servito  dovrà  sottostare 
alle  penalità  stabilite  dai  regolamenti  in  vigore. 

Nel  caso  di  smarrimento,  l'abbonato  deve  tosto  darne  av- 
viso alla  stazione  dalla  quale  gli  venne  consegnato  il  biglietto 
affine  di  conseguirne  un  secondo  quando  le  ricerche  del  primo 
sieno  rimaste  infruttuose.  Durante  queste  pratiche  l'abbonato 
non  può  viaggiare  senza  pagamento  e  non  avrà  diritto  ad 
indennizzo  pei  viaggi  effettuati  nell'intervallo. 

L'  abbonato  di  terza  e  di  seconda  che  volesse  passare  in 
classe  superiore,  deve  pagare  a  tariffa  intiera  la  differenza 
suppletiva  stabilita  pei  biglietti  ordinari. 

L' abbonato  di  prima  può  occupare  un  posto  di  coupé, 
qualora  ve  ne  siano  di  disponibili,  mediante  pagamento  della 
relativa  tassa  speciale. 

A  qualsiasi  richiesta  degli  agenti  della  ferrovia  l'abbonato 
é  tenuto  all'esibizione  del  libretto  ed  a  fornire,  in  caso  di 
dubbio,  prova  d'essere  il  vero  titolare  dell'abbonamento  col 
dare  la  propria  firma. 


STRADE   FERRATE  35 

Perchè  non  accada  che  l'abbonato  si  trovi  sprovveduto 
degli  scontrini  di  cui  nell'art.  3,  esso  deve,  prima  dell'esau- 
rimento del  quadernetto,  domandarne  alla  Direzione,  a  mezzo 
di  una  qualunque  delle  stazioni  della  rete,  un  secondo,  un 
terzo  e  cosi  successivamente. 

L'abbonato  che,  per  malattia,  assenza,  decesso  od  altro 
non  potesse  fruire  dell'abbonamento,  non  ha  diritto  alcuno 
alla  restituzione  di  tutto  o  di  parte  del  prezzo  pagato. 


PREZZO  DEI  BIGLIETTI 

DA  MILANO  ALLE  SEGUENTI  STAZIONI. 

AVVERTENZE. 

I  prezzi  soltoindicati  devono  aumentarsi  di  centesimi  5 
per  ogni  biglietto,  in  forza  della  Legge  1°  ottobre  4866.  I 
prezzi  dei  treni  diretti  sulle  linee  della  Lombardia,  del  Ve- 
neto e  dell'Italia  Centrale  subiscono  un  aumento  del  20  %• 
Nel  calcolo  delle  distanze  non  si  é  tenuto  alcun  conto  delle 
interruzioni  e  delle  vie  di  mare,  ma  solamente  delle  linee 
ferroviarie  più  brevi. 


DA  MILANO 


Aequi. 

Alba 

Alessandria   .     .     . 

Ancona 

Arezzo  

Arona    ..... 

Asti 

Bari 

Barletta  .... 
Bergamo    .... 

Biella 

Bologna    .... 

Brescia 

Brindisi .  .  .  .*  . 
Camerlata.  .  .  . 
Capua  (via  Firenze) 
Casale 


I.a 

II. a 

classe 

classe 

lir.  e. 

lir.  e. 

3  25 

2  30 

15  40 

10  95 

19  05 

13  50 

11  65 

8  30 

47  00 

37  05 

47  65 

36  65 

8  05 

5  85 

15  35 

10  90 

95  85 

71  25 

89  90 

67  10 

6  30 

4  60 

14  45 

10  40 

24  55 

19  05 

12  25 

8  90 

108  05 

79  80 

5  45 

4  00 

98  95 

72  05 

10  75 

7  65 

lir.  e. 

1  65 
7  85 
9  65 

5  95 
27  60 
26  90 

4  15 
7  80 

52  05 

49  05 

3  30 

7  30 

14  10 

6  35 
58  15 

2  85 
51  65 

5  45 


35                                         STRADE  FERRATE 

DA  MILANO 

a 

I.a 
classe 

II.» 

classe 

HI* 

classe 

Caserta  (via  Firenze)     .... 

Cesena 

Chiusi 

lir.  e. 

100  10 
33  70 

57  85 
71  75 
39  35 

6  70 

10  05 
26  55 
41  75 

30  05 
41  85 

29  70 

38  30 
82  45 

31  60 
91  80 

5  00 
17  25 
53  20 

58  95 
28  40 
17  40 

112  25 
8  50 

11  75 

4  00 

39  40 

30  75 
24  25 
45  80 
20  45 

1  60 

5  85 
103  55 

5  95 
11  30 
65  50 
30  05 
14  75 

4  40 
55  65 

40  50 
63  i0 
17  45 

8  35 
20  30 

lir.  e. 

72  85 
26  40 

43  70 
54  20- 
28  65 

4  85 

7  25 
18  65 
32  65 
23  45 
32  90 

23  20 

30  25 
61  85 

24  70 
69  20 

3  65 
12  25 
38  80 

44  70 
22  15 
12  25 
82  75 

6  20 

8  35 

2  95 

31  15 
24  00 
17  65 
36  30 
15  80 

1  15 

4  15 
75  20 

4  25 

8  05 

50  00 

21  90 

11  25 

3  20 
42  15 
31  85 
48  30 

12  75 
6  10 

1     14  50 

lir.  e. 

52  20 
19  60 
31  75 

Civitavecchia  (via  Livorno)   .    . 

Conegliano 

Crema 

38  95 

20  40 

3  45 

Cremona 

Cuneo    

5  15 
13  35 

Empoli .. 

Faenza 

Fano 

24  10 
17  40 
24  50 

Ferrara 

17  20 

Firenze 

22  45 

45  35 

Forlì 

18  35 

48  05 

Gallarate 

2  60 

Genova 

8  75 

Gorizia 

27  55 

Grosseto 

Imola ì    .    . 

Lecce 

32  85 

16  45 

8  80 

60  25 

4  40 

Livorno     

5  95 

Lodi 

2  10 

Lucca 

23  20 

Lugo 

17  80 

Mantova 

12  60 

Massa-Carrara 

Modena 

27  30 
11  65 

-  85 

Mortara 

2  95 

Nova  r 

Novi ... 

Ortona 

Padova 

Parma 

Pavia 

Perugia 

63  85 
3  05 
5  75 

36  85 

15  60 
8  20 
2  30 

30  70 

Pesaro 

Pescara     

Peschiera 

23  70 

35  65 

9  05 

4  35 

jPinerolo .    . 

10  25 

STRADE  FERRATE 


DA  MILANO 

a 


Pisa 

Pistoja  ....... 

Ravenna 

Reggio 

Rimini 

Roma  (via  Firenze)   .     . 

Rovigo 

Salerno 

Saluzzo 

San  Severo   

Savigliano 

Siena 

Sinigaglia 

Spezia 

Susa 

Termoli 

Torino  (Porta  Nuova)    . 
Torino  (Porta  Susa)  .     . 

Tortona 

Trani     

Trento 

Treviso 

Trieste 

Udine 

Valenza 

Vasto 

Velletri.     .     .     .     .     .     . 

Venezia 

Vercelli ( 

Verona  (Porta  Nuova)   . 
Verona  (Porta  Vescovo) 

Vicenza 

Vigevano  

Voghera 


B.a 

H.a 

classe 

classe 

lir.  e. 

lir.  e. 

41  70 

32  90 

35  30 

27  70 

33  80 

26  45 

17  85 

13  70 

36  80 

28  85 

78  80 

58  85 

35  40 

25  75 

08  30 

78  75 

124  45 

17  20 

79  35 

59  70 

22  70 

16  00 

48  45 

37  20 

44  25 

34  85 

49  15 

39  00 

22  65 

16  00 

73  00 

55  25 

16  95 

11  95 

16  25 

11  50 

9  30 

6  65 

91  25 

6i<  05 

31  20 

22  85 

36  10 

26  30 

59  20 

43  30 

48  80 

35  55 

10  10 

7  20 

70  10 

53  25 

84  45 

63  35 

34  55 

25  15 

8  35 

5  95 

20  25 

14  75 

20  60 

15  05 

26  45 

19  25 

4  40 

3  10 

7  45 

5  35 

-o<>o- 


38 


STRADE  FERRATE 

MOVIMENTO  DEI  CONVOGLI  PASSAGGIERI 

ALLA  STAZIONE  DI  MILANO. 
d.  diretto  —  o.  omnibus  —  ni.  misto  —  f.  festivo. 


da 

Ora  di 

a 

Ora  di 

MILANO 

MILANO 

Treni 

alle 
seguenti 

par.  da 
Mi- 

arrivo 

Treni 

dalle 
seguenti 

par- 

arr. a 
Mi- 

Stazioni 

lano 

Stazioni 

tenza 

lano 

ant. 

ant. 

83  o. 

Mort.a-Al.a- 

Genova  .  .  . 

4  10 

11  35a 

401  m. 

Novara .... 

5  47a 

7  45 

71  o. 

Piacenza.  . . 

4  15 

6  28a 

162  o. 

Camerlata.  . 

7  -a 

8  25 

42  o. 

Torino 

4  50 

10  20a 

312  o. 

Vog.a-Pav.a 

6  30a 

8  30 

161  o. 

Camerlata.  . 

5  30 

7  -a 

82  m. 

Al.a-Mort.a . 

4  25a 

8  30 

311  o. 

Pav.a-Vog.a 

5  55 

8    4a 

412  m. 

Bergamo.  .  . 

6    7a 

8  44 

43  o 

Venezia  .  .  . 

6  10 

6-p 

192  o. 

Arona- Var.e 

6  40a 

8  55 

15  d. 

Mort.a-Al.a- 

44  o. 

Verona .... 

4-p 

9  10 

Genova .  .  . 

6  55 

11  55a 

72  o. 

Piacenza.     . 

7  IOa 

9  25 

191  o. 

Arona-Var.e 

7    2 

9  14a 

164  m. 

Monza 

9  22a 

9  50 

163  m. 

Monza.     ... 

7  50 

8  18a 

1  d. 

Torino 

6  30a 

9  52 

73  o. 

Piacenza. .  . 

9  20 

11  25a 

45  o. 

Torino 

5  30a 

11  15 

44  o 

Torino 

10  - 

3  30p 

24  d. 

Gen.a-Novi . 

6  55a 

11  25 

1  d. 

Venezia.  .  .  . 

10  10 

4  52p 

k  Vog.a-Pav.a 

9  55a 

li  25 

193  m. 

Arona  

10  35 

1  30p 

pom. 

165  o. 

.  Camerlata . . 

10  55 

12  17p 

166  m. 

Camerlata . . 

10  30a 

12  18 

Pavia-Vog.a 

11  25 

1  36p 

194  o. 

Arona-Var. . 

10  25a 

12  38 

313  o. 

Novi-Gen.a . 

il  25 

6  45p 

84  o. 

Gen.a-Al.a- 

4  40a 

12  50 

85  o. 

Mort.a-Al.a- 

16  d. 

Mortara.  .  . 

6  55a 

12  50 

Genova  .  .  . 

11  40 

6  45p 

74  o. 

Piacenza. .  . 

12-m 

2  15 

pom. 

46  o. 

Venezia. .  .  . 

6    5a 

4    5 

45  o. 

Venezia  .  .  . 

12  10 

9  59p 

168  o. 

Camerlata .  . 

2  45p 

4  10 

167  o. 

Camerlata. . 

1  12 

2  45p 

314  o. 

Vpg.a-Pav.a 

2  15p 

4  40 

293  o. 

Galie-Vare 

1  32 

2  48p 

47  o. 

Torino 

12  30p 

5  40 

315  o. 

Pavia -Vog.a 

2  30 

4  27p 

2d. 

Venezia.  .  .  . 

9  50a 

5  25 

413  m. 

Bergamo .  .  . 

3  20 

6  lOp 

76  o. 

Piacenza.  .  . 

4    5p 

6  15 

75  o. 

Piacenza.  . . 

4  20 

6  31p 

86  o. 

Gen.a-Al.a- 

46  o. 

Torino 

4  25 

9  55p 

Mortara.  .  . 

12— m 

7  — 

169  m. 

Monza 

4  50 

5  18p 

196  m. 

Arona-Gall.e 

4  50p 

7  36 

S7  o. 

Mort. ^Ales- 

316 o. 

Gen.a-Novi . 

12-m 

7  47 

sandria  .  .  . 

5  35 

8  35p 

Vog.a-Pav.a 

5  20p 

7  47 

47  o. 

Verona .... 

6  — 

11  25p 

170  m. 

Monza 

7  36p 

8    5 

171  m. 

Camerlata  . 

6  30 

8  25p 

12  d. 

Piacenza.  . . 

6  55p 

8  35 

195  o. 

Arona- Var.e 

6  30 

8  43p 

296  o. 

Var.e -Gall.e 

6.50p 

8  42 

23  d. 

'  Pavia-Vog.a 

6  40 

8  18p 

172  o. 

Camerlata.  . 

7  25p 

8  50 

Novi-Gen.a . 

6  40 

11  20p 

868  f. 

Monza  .... 

8  38p 

9  13 

2d. 

Torino 

7  — 

10  30p 

198  f. 

Arona -Var.e 

8  45p 

10  45 

404  m. 

Novara.  .  .  . 

7  30 

9  20p 

49  o. 

Torino 

5  35p 

11  — 

11  d. 

Piacenza. .  . 

9    5 

10  45p 

48  o. 
f8d. 

Venezia. .  .  . 
Gen.a-Al.a- 
Mortara.  . . 

1  30p 
6  25p 

11  10 
11  10 

STRADE  FERRATE  $Q 

Avvertenze  generali. 

Gli  orologi  delle  ferrovie  dell'Alta  Italia  sono  regolati  col 
tempo  medio  del  Meridiano  di  Roma. 

Coi  treni  diretti  non  si  trasportano  vetture,  cavalli,  be- 
stiame, né  merci. 

Pei  viaggi  percorsi  coi  treni  diretti  sulle  ferrovie  della 
Lombardia,  della  Venezia  e  dell'Italia  Centrale  la  tassa  è  su- 
periore del  20  per  cento  a  quella  degli  altri  treni;  i  viaggia- 
tori non  muniti  in  partenza  di  biglietti  pel  treno  diretto, 
dovranno  pagare  la  differenza  per  continuare  il  viaggio  coi 
treni  diretti  sulle  linee  sopradette. 

Non  sono  ammesse  nei  treni  diretti  persone  munite  di  bi- 
glietto gratuito  o  di  favore,  se  il  biglietto  non  porta  espressa 
annotazione  in  proposito.  Lo  stesso  vale  per  le  persone  viag- 
gianti con  richiesta  delie  autorità  civili  e  militari,  alle  quali 
non  si  rilasceranno  dalla  ferrovia  biglietti  validi  per  treni 
diretti  se  la  rispettiva  richiesta  non  io  accenna. 

La  dispensa  dei  biglietti  incomincia  un'ora  prima  della 
partenza  nelle  stazioni  principali ,  mezz'ora  prima  nelle  se- 
condarie ;  termina  nelle  principali  cinque  minuti  prima  della 
partenza,  nelle  secondarie  al  suono  della  campana  che  an- 
nunzia l'arrivo  dei  treno.  Cinque  minuti  prima  della  par- 
tenza si  chiude  l'accesso  alle  stazioni. 

Non  è  permesso  l'entrare  nelle  sale  d'aspetto,  nel  recinto 
delle  stazioni  e  nei  convogli  senza  essere  munito  di  regolare 
viglietto  di  corsa. 

Nelle  sale  d'aspetto  è  vietato  il  fumare.  In  ogni  convoglio 
vi  saranno  possibilmente  dei  riparti  di  la  e  2a  classe  pei  fu- 
matori. Nei  convogli  di  poca  affluenza,  in  cui  fossero  limi- 
tati i  riparli  di  i.a  e  2.  classe,  i  viaggiatori  dovranno  aste- 
nersi dal  fumare  quando  nel  riparlo  vi  fossero  persone  cui 
non  garbasse  l'odore  del  tabacco.  L'Amministrazione  non  è 
tenuta  di  mettere  a  disposizione  dei  viaggiatori  un  numero 
di  posti  pei  fumatori  maggiore  di  quello  che  trovasi  dispo- 
nibile nel  treno. 

L'Amministrazione  non  garantisce  la  coincidenza  dei  treni 
in  caso  di  ritardo. 

Il  treno  N.  2  Firenze-Torino-Susa  composto  di  sole  vet- 
ture di  i.  classe  è  in  diretta  corrispondenza  colle  corse  della 
ferrovia  dei  Moneenisio  per  la  Francia.  Le  stazioni  di  Firen- 
ze, Bologna,  Milano,  Venezia  e  Torino  rilasciano  con  quel 
treno  viglietti  e  registrano  bagagli  per  le  stazioni  di  Parigi, 
Macon,  Lione,  Ginevra  e  Grenoble. 


40  STRADE  FERRATE 

Ogni  sotterfugio  tendente  a  defraudare  la  Società  delle  tasse 
che  le  sono  dovute  per  trasponi,  ogni  tentativo  fatto  nel- 
l'intento di  viaggiare  nelle  carrozze  della  Compagnia  senza 
pagare  tutta  o  parte  della  tassa,  ogni  falsa  dichiarazione  della 
qualità  e  del  peso  di  una  merce,  ogni  agglomerazione  in  una 
unica  spedizione  di  articoli  appartenenti  a  classi  diverse  o 
diretti  a  persone  diverse  sarà  punita  col  pagamento  di  una 
tassa  tripla.  Queste  disposizioni  saranno  inserite  nella  tariffa 
a  stampa  della  Compagnia. 


AGENZIE  DI  CITTA'  DELLE  FERROVIE  ALTA  ITALIA 

(Centrale,  Via  Carlo  Alberto  -  Succursale,  Via  s.  Sisto  1.) 

Grande  e  piceola  velocita. 

Presa  e  consegna  a  domicilio. 


Servizi  Diretti 
Oltre  le  proprie  linee  e  laghi: 

Ferrovie  Romane,  sezione  nord  e  sud  Ferrovie  Meri- 
dionali Italiane  -  Ferrovie  Meridionali  Austriache  e 
Germaniche  •  Ferrovie  Russe. 

Servizi  di  Corrispondenza 

Ferrovie  Francesi,  pel  Moncenisio. 

r»    *    e  •               -,.  1    San  Gottardo  ì          da 

Poste  svizzere  e  di  (    c   ,  \  n         ,  . 

~                     .                 apluera  J   Lamerlata. 

Germania  pel  le-  j     a 

r  )    r>empione  da  Arona. 

Società*  Lariana  pel  lago  di  Como. 

Biglietti  di  viaggio  per  la  Francia,  Svizzera  e  Ger- 
mania. 


Biglietti  pei  Viaggi  circolari.  —  Operazioni  doganali. 


4> 
AGENZIA  DI  CITTA'  DELLE  FERROVIE  MERIDIONALI 
PER  LA  LOMRARDIA  E  LA  VENEZIA 

(Via  Monte  di  Pietà  19.) 

Agente  generale  il  sig  G.  Barbey, 
rappresentante  la  ditta  Possenti  Gustavo. 


FERROVIA  DEL  M0NCENIS10. 


Agenzia  dei  Fratelli  Gondrand 

(Via  Agnello  10.) 
Operazioni  doganali  -  Spedizioni  per  tutti  i  paesi. 


QUADRO  DELLE  MONETE 

dei  diversi  Stati  d'Europa  e  del  loro  rapporto 
colla  Moneta  Italiana. 


Amhnrgo,  Lubecca, 

Brema 

(Città  anseatiche). 
Ducato  cT  oro    2  risdales.  .  . 
Reichsthalher    3  m.  13  sch.  . 

Marc 16  schillings.  . 

Schilling  ...  2  seichslings . 
Seichsling  .  .  2  dreislings.  . 
Dreisling 

Austria .  Boemia, 
Ungheria. 

Oro ,  Sovrana  .  13  fi.  20  kre. 


Ducato  imp. 
Me,zza  Sovr.  .  6  »  40 
Doppio  Due.  .  9  »  — 
Ducato    ....    4  »  — 

Argento,  Risd.    2  »  10 
Corona,  Se.  Br.    2  »  14 

Scudo 2  »  — 

Fiorino   ....  —  »  60 

Rame ,  kreutzer  —  »  03 


franchi 

11  85 

5  78 

1  52 

»  09 

»  04 

»  02 

34  84 

11  81 

17  41 

23  51 

11  75 

5  61 

5  78 

5  18 

2  59 

»  04 

Belgio. 

Sistema  decim.  come  l'Italia. 
Danimarca. 

Oro,  Due.  cort.  21  mar.    dan. 

Dueato.  ...    2  ris.  di  lega 

Cristiano .  .  . 

Federico  .  .  . 
Arg   Ris.  lega 

Risdale  corr, 
daller.  .  . 

Scellino 

Stuver    

Marco  danese  16  scellini  .  . 

Francia. 

Sistema  decim.  come  l'Italia 

Germania. 

(Baviera,  Prussia  e  Sassonia). 

Argento.  Tallero    1  fior.  3  4  . 
Silbergrosch  .  .  30  di  tallero 


8  id.    corr. 

8  id.     id.  . 

2  id.    id.  . 
o   righsbank- 
96  scellini  . 


franchi 


9  47 
11  86 
20  95 
20  32 

5  68 

2  84 
»  02 
»  12 
»  44 


3  75 
»  12 


4a 


QUADRO   DELLE   MONETE 


Inghilterra. 

Oro,  Ghinea.  .  21  scellini  . 

Mezza,  ghinea  10  se.   6  pen 

Lira  sterlina    20  scellini  . 

Mezza  sterlinalO  id.  . 
Arg.  Corona.  .5       id.      . 

Mezza  corona.  2  se.  6  pen 

Scellino 12    id. 

Mezzo  scellino  ...  6  id. 
Rame,  Penny  o  denaro .  .  .  . 

Mezzo  penny 

Malta. 

Oro,  Dopp.  pist.  24       scudi  . 

Pistola  ....    12  id. 

Mezza  pist.     .      6  id. 

Arg.,  Oncia.   .      2  1/4    id. 

Mezz'oncia.   .      1  1/8    id. 

Scudo 240  grani  .  . 

Grani 112  id.  form. 

Olanda  e  Paesi  Bassi. 

Oro,  Due.  01.    .    5  fior.  1/2  . 

Ryders 14   id.    67  . 

Guglielmo  .  .  .  10   id.    .  .  . 

Mezzo  Gugl.  .  5  id.  .  .  . 
Arg.,DreytGuld.    3   id. 

Fiorino  ....  100  cent.    .  . 

Cents .  .  . 

Portogallo. 

Oro,  Corona  .  .  .  10,000  reis. 

Mezza  corona.  .  5,000   id. 

1/5  di  corona.  .  2,000   id. 

1/10     id.      ...  1,000   id. 

Arg.,  Testone   .  .  100   id. 

Russia. 

Or.,  due.  asr.pel.    2  rubi.  95  . 

Ducat.  1763 .  .     2    id.    90  . 

Pezzi  Paol.  1 .  13    id.     10  . 

Pezzi  5  rubi.  .  5  id.  15  . 
Arg., Rublo  .  .  100  K.  pecks. 

Kopeck .  . 

Gutengroch.  .  .  24  di  tallero 

Pheninng 

Fiorino 60  kreutzer. 

Kreutzer 


franchi 

26  25 

13  12 

25 

12  50 
6  25 
3  12 
1  25 
»  62 
»  10 
»  05 


48  20 
24  10 
12  05 
5  49 
2  74 
2  02 
1  » 


11  78 
31  40 
21  25 
10  62 
6  38 
2  14 
»  02 


62  50 
31  25 
12  50 
6  25 
»  62 


11  78 
11  59 
52  28 
20  66 
4  » 
»  6 
»  15 
»  01 
2  14 
»  03 


Grecia. 


Oro,  Ottone  . 

Arg.,  Scudo. 

Drachme    .  . 

Decalepton  . 

Pentalepton    , 

Dilepton.  .  .  . 

Septon   .... 

Mezza  dopp.  1 
Arg.,  Scudo   . 

Paolo 10 

Rame,  baiocco    5 

Quattrino 


.  20 
.  5 
.100 
.  10 
.  5 
.    2 

1 
se. 

10 


drachmes 

id.  .  .  , 

leptos.  .  , 

id.  .  .  , 

id.  .  .  , 

id.  .  .  . 

id.   .  .  , 

60  baioc, 

paoli .  .  , 

baiocchi , 

quattrini , 


Spagna. 

Oro  ,  Quadr.  o  oncia  16  pias. 


Doblone  o  l/2quad. 

8 

id. 

Doblone  d'Isabella. 

5 

id. 

Pistola.  .  .  . 

4 

id. 

Scudo  d1  oro 

2 

id 

Piastra  d'oro. 

1 

id. 

id.  .  .  . 

20  reali 

Arg.,  Reale  .  . 

16  ochavi  . 

Ochavo  .... 

2  mara 

Maravedis.  .  , 

Svezia-Norvegia. 

Oro,  Due.  3  riksd.  18  skill.  . 
Arg.,  Moneta  di  125  skillings 


Skilling  . 


Svizzera. 

Sistema  decim.  come  l'Italia. 

Tunisi. 

Argento ,  Piastra 

Piastra,  divisa  in  1/2,  1/4, 

1/3,   valore  proporzionale 

Rame,  Karub 


Turchia. 

Oro ,  Memdoayé   20  piastre  . 
Arg.,  Bechlik  .  .     5       id. 

Crouch,  piastra 

Altelek 6  piastre. 

Mezzo  Milik  .  .  1/2  piastra . 

Piastra 


43 
TELEGRAFI. 

Ufficio  a  servizio  permanente 
aperto  giorno  e  notte  senza  interruzione. 

(Piazza  Mercanti,  con  accesso  dallo  scalone  che  mette 
ali*  Archivio   Notarile,  Ip.) 

MISURE  GENERÀU. 

Vi  sono  quattro  categorie  d'uffici  telegrafici: 
i.°  ad  orario  permanente j  aperti  giorno  e  notte  senza 

interruzione  ; 
2.°  adorano  di  giorno  completo*  aperti  tutti  i  giorni 
deiranno  senza  eccezione,  dalle  8  ant.  alle  9  pom.; 
5.°  ad  orario  di  giorno  limitato  s  aperti  come  sopra , 
ma  per  una  sola  parte  della  giornata,  cioè   dalle   8 
ant.  alle  1  p.  e  dalle  5  alle  7  p.  in  estate,  e  nell'in- 
verno dalle  9  ant.  alle  2  p.  e  dalle  4  alle  7  p. 
4.0  ad  orario  speciale,  aperti  nelle  sole  ore  in  cui  lo 
esigerà  il  servizio  speciale  cui  sono  addetti. 
I  dispacci  sono  interni,  quando  nella  loro  percor- 
renza toccano   le  sole   linee  telegrafiche  dello    Stato; 
internazionali,  se  percorrono  in  parte  linee  dello  Stato 
ed   in   parte   linee    di  Stati   esteri;  transitanti  quelli 
scambiati  fra   due  uffici   esteri,  che    attraversano   le 
linee  dello  Stato  senza  arrestarvisi. 

La  trasmissione  dei  dispacci,  sieno  interni,  inter- 
nazionali o  transitanti ,  ha  luogo  nell*  ordine  del  loro 
grado  e  della  loro  presentazione  dai  mittenti,  o  del  loro 
arrivo  negli  uffici  intermedi  o  di  destinazione,  osser- 
vando le  seguenti  regole  di  precedenza: 

a)  dispacci  di  Stato; 

b)  »         di  servizio  dei  telegrafi  ; 
e)       »  privati  urgenti; 

d)       »  »?       ordinari. 


44  TELEGRAFI 

NORME  PEL  RICEVIMENTO. 

Qualunque  privato  ha  diritto  di  far  trasmettere 
dispacci,  quando  non  siano  riconosciuti  pericolosi  alla 
sicurezza  dello  Stato,  o  contrarli  alle  leggi  del  paese, 
all'ordine  pubblico,  o  ai  buoni  costumi. 

I  dispacci  possono  essere  scritti  in  una  qualunque 
delle  lingue  adottate  per  la  corrispendenza  interna- 
zionale, escluse  costruzioni  od  abbreviazioni  inusitate. 
Quelli  in  cifre  o  lettere  secrete  devono  essere  racco- 
mandati, nel  qual  caso  pagano  doppia  tassa. 

La  minuta  del  dispaccio  deve  essere  scritta  leggi- 
bilmente, con  inchiostro,  senza  interlineature,  rinvìi, 
raschiature  o  aggiunte;  il  testo  deve  essere  preceduto 
dall'indirizzo,  portante  le  necessarie  indicazioni  ad  as- 
sicurare la  consegna  del  dispaccio  a  destinazione. 

Anche  nei  dispacci  privati  in  cifre  o  lettere  secrete, 
T  indirizzo  e  la  firma  devono  scriversi  in  linguaggio 
ordinario. 

Per  Testerò,  i  dispacci  privati  in  cifre  si  accettano 
solo  per  gli  Stati  che  ammettono  questa  sorta  di  cor- 
rispondenza secreta,  restandone  però- libero  il  transito 
su  tutte  le  linee  degli  Stati  aderenti  alla  Convenzione 
di  Parigi  del  i3  aprile  1 865,  riveduta  a  Vienna  il  2  i 
luglio  1868  e  pubblicata  nella  Gazzetta  Ufficiale  del 
Regno  del   17  dicembre  1868. 

APPLICAZIONE  DELLE  TASSE. 

Per  massima  generale,  le  tasse  pagansi  anticipate  dai 
mittenti. 

La  tassa  pei  dispacci  semplici  di  non  oltre  20  pa- 
role, scambiati  fra  uffici  interni  distanti  uno  dall'altro 
non  più  di  100  chilometri,  è  di  L.  1.  20;  oltre  i  100 
chilometri,  è  uniformemente  di  L.  2.  4°» 

Per  ogni  ulteriore  serie  di  io  parole  o  frazioni  di 
serie,  la  tassa  aumenta  di  cent.  60  nel  primo  caso,  e 
di  L.  1.  20  nel  secondo. 


TELEGRAFI  4^ 

Pei  dispacci  internazionali  le  tasse  si  computano, 
anche  pel  tratto  da  percorrersi  sulle  linee  del  Regno, 
secondo  le  tariffe  e  le  norme  stabilite  nelle  convenzioni 
coi  varii  Siali,  applicandole  dai  punti  di  partenza  e 
d'arrivo  sino  al  confine,  poi  da  confine  a  confine  degli 
Stati  pei  quali  transitano. 

In  casi  determinati  si  concedono  riduzioni  di  tassa 
alle  Camere  di  commercio  del  Regno,  alle  amministra- 
zioni di  piroscafi,  messaggerie  e  giornali. 

Nell'applicazione  delle  tasse  si  osservano  le  seguenti 
norme:  i.°  Nel  numero  delle  parole  si  computa  tutto 
ciò  che  il  mittente  avrà  scritlo  sulla  minuta  perchè 
venga  trasmessole  quindi  l'indirizzo,  le  indicazioni  di 
ogni  genere,  la  firma,  ecc.;  2.0  1'  eccedenza  di  sette 
sillabe  in  una  parola  si  compula  come  un'altra  parola; 
3.°  le  lineette,  gli  apostrofi,  i  segni  di  punteggiatura, 
le  virgolette,  le  parentesi  e  gli  alinea  non  si  computano; 
4-°  ogni  parola  sottolineata  si  computa  per  due;  5.°  qua- 
lunque segno  che  l'apparecchio  deve  indicare  con  pa- 
role si  computa  pel  numero  di  esse  che  per  ciò  si 
dovranno  impiegare;  6.°  ciascuna  lettera  o  cifra  scritta 
isolatamente  si  conta  per  una  parola. 

Pei  dispacci  in  cifre  o  in  lettere  secrete,  per  quelli 
diretti  a  più  destinataci,  a  diversi  indirizzi,  ecc.,  vi 
sono  norme  speciali. 

Quando  un  dispaccio  può  arrivare  alla  sua  destina- 
zione per  più  vie,  si  esigerà  la  tassa  portata  dalla  meno 
costosa. 

TI  mittente  di  un  dispaccio  può  raccomandarlo,  pa- 
gando per  ciò  doppia  tassa,  o  dichiararlo  urgente,  pa- 
gandola tripla  (la  dichiarazione  d'urgenza  può  farsi 
solo  per  l'interno).  Nel  primo  caso,  l'ufficio  di  destina- 
zione trasmette  al  mittente  un  avviso,  coll'indicazione 
dell'  ora  della  consegna  e  della  persona  cui  fu  conse- 
gnata; nel  secondo  caso,  un  dispaccio  urgente  ha  la 
precedenza  sui  dispacci  ordinari. 

Si  può  affrancare  la  risposta  che  si  richiede  al  di- 


46  TELEGRAFI 

spaccio  trasmesso,  inscrivendo  prima  della  firma  la 
indicazione  risposta  pagata .,  e  pagando  la  tassa  di  un 
dispaccio  semplice.  Si  può,  del  resto,  pagare  una  rispo- 
sta d'oltre  20  parole,  indicando  risposta  pagata  di*.., 
parole.  L' ufficio  d'  arrivo  manda  al  destinatario  un 
buono  di  cassa  da  valersi  per  la  spedizione  della  ri- 
sposta, od  anche  per  ritirare  l'importo  dell'ammontare 
della  tassa  percepita  alla  partenza  nel  caso  non  intenda 
rispondere. 

Ove  il  telegramma  primitivo  non  possa  essere  con 
segnato,  o  il  destinatario  lo  rifiuti,  l'ufficio  d'arrivo 
ne  informa  il  mittente  con  un  avviso  che  terrà  luogo 
di  risposta. 

L'affrancamento  non  può  sorpassare  il  triplo  della 
tassa  del  telegramma  primitivo. 

Per  l'inoltro  dei  dispacci  ordinari,  non  raccomandati, 
da  spedirsi  con  un  mezzo  più  rapido  della  posta,  l'uf- 
ficio d'origine  non  esige  alcuna  tassa  suppletiva,,  stando 
a  carico  del  destinatario  le  relative  spese.  Pei  dispacci 
raccomandati  da  spedirsi  per  la  posta  o  fermi  in  posta, 
T  ufficio  d' origine  riscuote:  cent.  5o  per  ogni  dispac- 
cio da  depositarsi  fermo  in  posta ,  o  da  spedirsi  per 
posta  entro  i  confini  del  Regno;  L.  i  per  ogni  dispaccio 
da  spedirsi  nel  territorio  degli  Stati  aderenti  alla  Con- 
venzione di  Parigi;  L.  2.  5o  per  ogni  dispaccio  da  spe- 
dirsi nel  territorio   d'altri  Stati. 

I  telegrammi  interni  da  spedirsi  per  posta  o  da  con- 
segnarsi posta  restante  sono  messi  alla  posta  come 
lettere  raccomandale  d'ufficio  senza  spesa  né  pel  mit- 
tente, né  pel  destinatario. 

Tale  franchigia  è  pure  applicabile  alle  corrispon- 
denze scambiate  colla  Francia,  colla  Grecia  e  cogli  uf- 
fici della  Gran  Brettagna  e  Irlanda,  Malta  e  Gorfù, 
Tripoli  ed  Egitto. 

Quando  non  siasi  cominciata  la  trasmissione  di  un 
dispaccio,  il  mittente  può  ritirarlo,  restituendo  la  rice- 
vuta e  perdendo   la  tassa  pagata.  —  Se  il  dispaccio 


TELEGRAFI  47 

venne  arrestato  in  tempo  utile,,  il  mittente  ha  diritto 
alla  restituzione  delle  spese  eventuali  di  consegna,  di 
risposta,  di  raccomandazione. 

Originali  e  copie  di  dispacci  non  possono  comuni- 
carsi che  al  mittente  o  destinatario,  constatatane  la 
identità.  Per  ogni  copia  si  pagano  5o  centesimi. 

In  caso  di  errori,  i  mittenti,  come  dovranno  comple- 
tare le  tasse  pagate  in  meno,  avranno  diritto  al  rim- 
borso di  quelle  pagate  in  più. 

TRASMISSIONE. 

Il  Governo  non  assume  nessuna  responsabilità  pel 
servizio  della  Telegrafìa,  impegnandosi  tuttavia  di 
prendere  tutte  le  disposizioni  per  assicurare  il  secreto 
delle  corrispondenze  e  la  regolarità  del  servizio. 

Nel  caso  di  interruzione  di  comunicazioni  dopo  ac- 
cettato un  dispaccio,  questo  si  trasmette,  potendo,  per 
altra  via  anche  più  lunga,  o  per  la  posta,  o  col  più 
prossimo  convoglio ,  alla  stazione  più  vicina  al  punto 
della  interruzione,  oppure  all'ufficio  telegrafico  cui  è 
destinato.  Appena  ristabilite  le  comunicazioni,  il  di- 
spaccio è  spedito  anche  telegraficamente  per  amplia- 
zione,  senza  supplemento  di  tassa. 

RESTITUZIONE  DI  TASSE. 

Si  restituisce  al  mittente  la  tassa  integrale  di  qual- 
siasi telegramma  che  non  sia  giunto  alla  sua  destina- 
zione per  ragioni  del  servizio  telegrafico,  o  che  in  se- 
guito ad  un  ritardo  notevole  o  a  gravi  errori  di  tras- 
missione, non  abbia  potuto  manifestamente  conseguire 
il  suo  intento. 

Non  è  dovuto  il  rimborso  della  tassa  dei  telegrammi 
non  raccomandati  scambiati  nell'interno  del  Regno  in 
lingua  diversa  dall'italiana  che  non  hanno  raggiunto 
il  loro  scopo  a  causa  di  errori  di  trasmissione. 

Qualunque  reclamo  dev'essere  presentato  entro  i  tre 
mesi  dalla  trasmissione.  Questo  termine  è  esteso  a  sei 


48  TELEGRAFI 

per  le  corrispondenze  scambiate  con  paesi  fuori  d' Eu- 
ropa. 

CONSEGNA. 

I  dispacci  telegrafici  possono  essere  indirizzati  a  do- 
micilio, fermi  in  posta  o  fermi  nell'ufficio  telegrafico. 
Possono  pure  essere  mandati  col  mezzo  di  posta, 
espresso  o  staffetta  in  luoghi  distanti  dall' ufficio  tele- 
grafico contro  le  relative  spese  addizionali,  pagabili 
dal  destinatario. 

I  dispacci  a  domicilio,  assente  il  destinatario,  po- 
tranno consegnarsi  ai  membri  di  sua  famiglia,  ai  suoi 
impiegati,  locatari  od  ospiti,  salvo  speciali  prescrizioni 
da  parte  del  mittente  ;  i  telegrammi  fermi  in  ufficio 
non  saranno  consegnati  che  al  destinatario  o  suo  de- 
legato; in  ogni  caso,  verso  il  pagamento  della  tassa 
eventualmente  dovuta.    , 

I  messaggeri  o  fattorini  hanno  obbligo  di  ritirare 
ricevuta  dei  dispacci  che  consegnano,  ed  è  loro  proi- 
bito il  chiedere  mance. 

SERVIZIO  TELEGRAFICO  FRA  GLI  UFFICI  DI  CITTA1 
E  QUELLI  DI  FERROVIA. 

Tutti  gli  uffici  telegrafici  governativi  e  sociali  di 
una  stessa  città  collegati  insieme  telegraficamente  sono 
autorizzati  a  scambiare  dispacci  fra  loro  colla  tassa 
ridotta  di  cinquanta  centesimi  fino  alle  20  parole, 
aumentabile  di  centesimi  25  per  ogni  serie  di  io  pa- 
role o  frazione  di  serie. 

L'ufficio  governativo  accetta  dispacci  da  trasmet- 
tersi a  quello  sociale,  a  cura  del  quale  deve  farsene  la 
consegna  entro  i  limili  della  stazione  di  ferrovia. 

L'  ufficio  sociale  accetta  dispacci  da  trasmettersi  a 
quello  governativo,  a  cura  del  quale  deve  farsene  la 
consegna  ai  destinatario  a  domicilio  in  qualsiasi  punto 
della  città,  o  fuori  città  quando  l'indirizzo  porli  l'in- 
dicazione di  espresso. 


TELEGRAFI  49 

Per  la  sopra  tassa  di  espresso  di  quelli  diretti  fuori 
della  cinta  della  città,  si  riterranno  le  stesse  norme 
che  sono  in  vigore  per  la  corrispondenza  interna  dello 
Stato. 

TARIFFA  PER  L' INTERNO  DELLO  STATO. 

Per  le  stazioni  qui  avanti  notate,  che  non  distano  più 
di  ioo  chilometri  da  Milano,  la  tassa  del  dispaccio 
semplice  fino  a  20  parole  è  di  Lire  1.  20,  coli' aumento 
di  60  centesimi  ogni  io  parole  0  frazione  di  io  pa- 
role in  più. 


Abbiategrasso 

Casalpusterlengo 

Intra 

Acquanegra 

Cassano 

Iseo 

Albizzate 

Cassine 

Isola  del  Cantone 

Alessandria 

Casteggio 

Lecco 

Alseno 

Castelleone 

Legnano 

Arena  Po 

Castel  S.  Giovanni 

Limito 

Àrona 

Cava  Carbonara 

Livorno  Vercellese 

Asti 

Cernobbio 

Locate  Trivulzi 

Bagnolo 

Certosa 

Lodi 

Baveno 

Chignolo  Po 

Luino 

Belgiojoso. 

Cisano 

Magenta 

Bellano 

Chiari 

Manerbio 

Bellagio 

Chiavenna 

Mapello 

Bergamo 

elusone 

Mede 

Biella 

Coccaglio 

Melegnano 

Bobbio 

Codogno 

Melzo 

Borgomanero 

Colico 

Monza 

Borgo  S.  Donnino 

Como 

Morbegno 

Borgo  Ticino 

Corteolona 

Mortara 

Brescia 

Crema 

Novara 

Broni 

Cremona 

Novi  Ligure 

Busto  Arsizio 

Cucciago 

Oleggio 

Cadenabbia 

Desio 

Olmenetta 

Calolzio 

Erba 

Ospedaletto  Po 

Camerlata 

Felizzano 

Ospitaletto 

Camnago 

Firenzuola 

Palazzolo 

Canobbio  , 

Frugarolo 

Pallanza 

Cantalupo 

Gallarate 

Parabiago 

Caravaggio 

Gandino 

Pavia 

Casalbuttano 

Gazzada 

Pertengo 

Casale 

Gorlago 

Piacenza 

Casaletto  Vaprio 

Gozzano 

Pisogne 

Guida  1871  —  4 


§0  TELEGRAFI 

Pizzighettone  S.  Stefano  Trecate 

Pontecurone  Santhià  Treviglio 

Pontenure  Sarmato  Valenza 

Ponte  S.  Marco  Sartirana  Valmadonna 

Ponte  S.  Pietro  Secugnago  Valmadrera 

Ponzana  Seregno  Vara  Ilo 

Rezzato  Serravalle  Varenna 

Rho  Sesto  Calende  Varese 

Robecco  Ponlevico  Sesto  S.  Giovanni      Vercelli 

Rogoredo  Somma  Verolanuova 

Rottofreno  Sondrio  Vespolate 

Saluggia  Soresina  Vittuone 

Saluzzola  Stradella  Vigevano 

San  Nazzaro  Stresa  Voghera 

S  Germano,  Piem.e    Tavazzano  Villamaggiore 

S.  Giuliano  Torreberetti  Verdello 

S.a  Giulietta  Tortona  Vergiate 

S.  Niccolò  Tradate 

Per  tutte  le  altre  stazioni  del  Regno }  la  tassa  del 
dispaccio  semplice  di  non  olire  20  parole  è  di  L.  2.  40, 
coir  aumento  di  L.  1.20  ogni  10  parole  o  frazione 
di  io  parole  in  più. 

RIFORMA  DELLA  TARIFFA  TELEGRAFICA. 

Con  reale  decreto  in  data  18  agosto  1870  N.  5821 
Venne  promulgata  la  seguente  nuova  tariffa  per  Y  in- 
terno del  Regno,  che  avrà  effetto  dal  dì  che  verrà 
stabilito  con  successivo  decreto  reale  entro  un  anno 
dalla  data  suddetta. 

Telegramma  ordinario  di  non  oltre  15  parole    .    L.     1.— 
Aumento  di  tassa  per  ciascuna  parola  ol- 
tre le  15    

urgente  di  non  oltre  15  parole   .     .     .    . 
Aumento  di  tassa  per  ciascuna  parola  ol- 
tre le  15    .... 

nell'interno  delle  città  tino  a  15  parole  . 
Aumento  di  tassa  per  ciascuna  parola  in  più 
coi  resoconti  delle  sedute  del  Parlamento 
diretto  a  giornali,  fino  a  i5  parole  . 
Aumento  di  tassa  per  ogni  parola  in  più 

semaforico  fino  a  15  parole 

Aumento  di  tassa  per  ogni  parola  in  più 
per  vaglia,  telegrafico  (tassa  fissa)    .    .    , 


—  10 
5  — 

—  50 

—  50 
-05 

— 50 

—  05 
2- 

~  20 
1  ~ 


TELEGRAFI  D I 

Avvertenza.  — Ai  telegrammi  di  categorie  speciali  si  ap- 
plica, rapporto  alle  tasse  soprariportate,  la  stessa  misura  di 
tassazione  fissata  dalle  convenzioni  internazionali  per  la  cor- 
rispondenza con  l'estero. 

La  tassa  per  rilascio  delle  copie  dei  telegrammi  è  pure  la 
stessa  stabilita  dalle  convenzioni  internazionali. 


CORRISPONDENZE  TELEGRAFICHE 
SCAMBIATE  CON  UFFICI  D'  ALTRI  STATI. 

Tasse  <V  un  dispaccio   semplice  da  un  ufficio  qualunque  del 
Regno  d'Italia  ad  altro  ufficio  dei  seguenti  Stati: 

Alessandria  (Egitto) L.  31  — 

Algeria •     6  — 

Amburgo  (via  Veneta) •     6  — 

America  settentrionale ,  Possedimenti  inglesi,  Stati 
Uniti  e  Isola  di  Cuba,  via  di  Brest  a  Valenzia.  Il 
prezzo  del  dispaccio  semplice  (10  parole)  varia  a 
seconda  delle  destinazioni. 

Australia  (oltre  L.  2.  50  per  posta  da  Suez)      .     .    »   36  — 

Austria  e  Ungheria  (via  diretta): 

a)  Telegrammi  trasmessi  da  uffìzi  italiani,  compresi 
fra  il  Po,  U  Ticino  ed  il  Lago  Maggiore,  ad  uffici 
del  Tirolo,  del  Voralberg,  della  Carinzia,  della  . 
Carniola,  dei  Circoli  di  Gorizia,  Trieste  ed  Istria, 
ed  a  quelli  dei  confini  militari  I.  R.  situati  sulla 

costa  dell'Adriatico L.    2  — 

b)  ld.  agli  altri  uffizi  autriaci  dell'Impero    .    .    •     3  — 
e)  ld.  agli  altri  uffizi  dell'  Ungheria  ed  a  quelli  dei 

confini  militari    1.  R.  (eccettuati  quelli   indicati 

al  paragrafo  a) 4  — 

d)  Telegrammi  trasmessi  da  qualsiasi  altro  uffizio 

italiano  a  quelli  austriaci  indicati  al  paragr.  a)  •     3  — 

e)  ld.  agli  altri  uffizi  austriaci  citali  al  paragr.  b)  •     4  — 

f)  ld.  agli  altri  uffizi  dell'  Ungheria  di  cui  al  par.  e)  »     6  — 

Baden  (via  Svizzera) »  4  50 

Baviera  (via  Svizzera) ...»  4  50 

Belgio  (via  Francia; »  5  — 

Cairo  e  Suez    . »  36  — 

Uffici  del  Canale  di  Suez •  38  50 

China  fino  a  Kiachta,  indi  per  posta »  27  — 

Corfù »  0  -. 


5^  TELEGRAFI 

Corsica .    .    .    L.   4  — 

Danimarca  (via  Austria) »  6  50 

Egitto »  4  2  50 

Francia,  compresa  la  Corsica  (via  Francia).     .     .    »  4  — 

Gran  Bretagna  —  Londra »  9  — 

Isole  Inglesi  della  Manica »  15  50 

Altre  stazioni  del  Regno  Unito,  della  Gran  Bretagna, 

Scozia  ed  Irlanda »  10  — 

Grecia  (via  Vallona) »  6  50 

Hannover  (via  Veneta) t  6  — 

India  Inglese  (via  Vallona): 

Bushire    . - 30  50 

Kurrakee .     .  « »  55  50 

Ovest  Chillagong •  65  — 

Est  Chittagong  . »  70  — 

Ispla  Maurizio  (oltre  L.  2.  50  per  posta  da  Suez.)    .     »  36  — 

Lussembourg »  6  — 

Malta »  6  — 

Mecklemburg  Schwerin  (vedi  Prussia). 

Moldavia »  6  — 

Nassau »  6  — 

Norvegia  (via  Austria) »  8  50 

Olanda  (via>  Francia) »  5  — 

Persia  (via  Vallona) »  28  — 

Portogallo  (via  Francia) »  8  — 

Prussia  (via  Veneta) »  6  — 

Principati  Uniti  (via  Austria  o  Turchia)  ....     »  6  50 

Russia  Europea,  meno  il  Caucaso  (via  Veneta)     .    »  li  — 

»       pel  Caucaso                              (      »       )  .     .    •  14  — 

»       per  la  Siberia,  l.a  regione    (      »       )  .     .    »  19  -— 

»                    »              2.a  regione    (      •       ) .     .     »  27  — 

Sassonia  (via  Veneta) »  6  — 

Serbia 6  50 

Spagna  (via  Francia) »  7  — 

Svezia  (via  Veneta) 9  — 

Tunisia •  6  — 

Turchia  Europea  (via  Vallona) »  7  — 

Turchia  Asiatica  !   Uffici  dì  porti  dì  mre    •'-'.•«- 

lurcnia  Asiatica  j  A|lri  uffìci    _ 15  _ 

Valacchia •  6  50 

Wùrtemberg  e  Hohenzollern  (via  Svizzera)  .  .  .  >»  4  50 
Svizzera  distante  meno  di  100  chilometri  dai  confini 

dell'Italia »  2  — 

Svizzera  distante  oltre  100   chilometri   dai  confini 

dell'  Italia . .  3  — 


TELEGRAFI  53 

AVVERTENZE. 

i.  Gli  orologi  degli  uffici  sono  regolati  col  tempo 
medio  di  Roma. 

2.  Sono  pregati  i  mittenti  di  ritirare  la  ricevuta  dei 
dispacci  da  esibirsi  in  caso  di  reclamo. 

3.  L'Amministrazione  fornisce  gli  schiarimenti  che 
si  chiedessero  dal  pubblico  e  dà  corso  ai  reclami  che 
venissero  sporti.  Perciò  quelli  che  avessero  reclami 
da  fare  sul  servizio  telegrafico  dell'  ufficio  locale,  sono 
pregali  di  rivolgersi  al  Capo  del  medesimo,  e  qua- 
lora non  soddisfaccia  alle  loro  domande  potranno  re- 
clamare alla  Direzione  compartimentale  dei  telegrafi 
dalla  quale  dipende  l'ufficio. 


AGENZIA  TELEGRAFICA  STEFANI 

(Piazza  S.  Maria  'Bettrade  I.) 

Tettoni   dotU  Luigi   Enrico,  dirigente  -  nel  locale 
dell'  ufficio. 


£4 

DIREZIONE  PROVINCIALE  DELLE  POSTE. 

(  Via  Rastrelli  20.  ) 

ORARIO  DEGLI  UFFICI 

a)  presso  la  Direzione: 

DISTRIBUZIONE,  RACCOMANDATE  ED  ASSICURATE 

E  VENDITA  FRANCOBOLLI  (1) 

dalle  8  mattina  alle  10  della  sera. 

RILASCIO  e  PAGAMENTO  DEI  VAGLIA 

dalle  8  mattina  alle  4  pomeridiane. 

b)  presso  la  Stazione  Centrale: 

RACCOMANDATE,  ASSICURATE  E  VENDITA  FRANCOBOLLI 

dalle  8  mattina  alle  10  della  sera. 


NOZIONI  SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE. 


I.  CORRISPONDENZE  PER  V  INTERNO. 
Tassa  delle  lettere. 

La  tassa  delle  lettere  ordinarie,  che  si  spediscono 
da  un  luogo  all'altro  del  Regno,  tanto  per  la  via  di 
terra,  che  per  la  via  di  mare  con  piroscafi  postali  na- 
zionali, è  fissata  come  segue: 


Fino  a  10  grammi  inclusivam. 
da  10  a    20  grammi . 
da  20  a    30      « 
da  30  a    40      » 
da  40  a    50      » 
da  50  a  100      » 

(1)  L'impostazione  delle  raccomandate  ed  assicurate  fino 
alle  9  della  sera. 


Per  quelle 

francale 

non 

francate 

L.  0  20 

L. 

0  30 

»  0  40 

» 

0  60 

»  0  60 

99 

0  90 

»  0  80 

« 

1  20 

»  1  00 

» 

1  50 

»  1  20 

» 

1  80 

SUL  SERVIZIO   DELLE    POSTE  55 

Oltre  i  100  grammi,  viene  aggiunta  la  tassa  di  20  cent, 
o  di  30  cent,  di  50  in  50  grammi,  secondochè  si  spedi- 
scono francate  o  non  francate. 

Le  lettere  da  distribuirsi  nel  distretto  postale  del- 
l'Uffizio presso  cui  vengono  impostate  pagano  il  quarto 
delle'tasse  rispettivamente  indicate  nel  paragrafo  pre- 
cedente. 

La  tassa  delle  lettere  semplici,  cioè  che  non  superano 
il  peso  di  10  grammi,  dirette  ai  sott'  uffiziali  e  soldati 
dell'armata  di  terra  e  di  mare,  è  fissata  a  10  centesimi 
se  si  francano,  ed  a  cent.  20  se  non  sono  francate. 

Le  lettere  spedite  o  ricevute  coi  mezzo  di  trasporti 
marittimi  che  non  fanno  servizio  per  conto  dello  Stato, 
sono  soggette  ad  una  sopratassa  progressiva  di  5  cent. 

La  tassa  delle  lettere  non  francate  viene  rappresentata 
mediante  segnatasse. 

Lettere  raccomandate. 

La  tassa  delle  lettere  raccomandate  si  compone: 
1.°  Della  tassa  fissata  per  la  francatura  delle  lettere 
ordinarie; 

2.°  Di  una  tassa  fissa  di  raccomandazione  di  cent. 30. 

La  francatura  delle  lettere  raccomandate  è  obbliga- 
toria: P  ufficio  di  posta  ne  rilascia  ricevuta,  da  conser- 
varsi dal  mittente  per  valersene  in  caso  di  reclamo. 

Le  lettere  che  si  vogliono  spedire  raccomandate,  deb- 
bono essere  presentate  all'uffizio  di  posta,  un'ora  prima 
della  partenza  del  corriere,  chiuse  entro  una  busta  con 
almeno  due  suggelli  in  cera  lacca  della  stessa  impronta 
rappresentante  le  iniziali,  Io  stemma  od  un  segno  par- 
ticolare del  mittente.  I  francobolli  occorrenti  potranno 
essere  somministrati  dal  mittente,  ma  la  loro  applica- 
zione spetta  air  impiegato  postale. 

In  caso  di  perdita  di  una  lettera  raccomandala,  TAm- 
ministrazione  accorda  al  destinatario,  od  al  mittente  in 
sua  vece,  un'indennità  di  L.  50,  salvi  sempre  i  casi  di 
forza  maggiore. 


56  NOZIONI 

Lettere  assicurate  con  dichiarazione  di  valore. 

Le  Direzioni  e  gli  uffici  di  posta  di  prima  classe  sono 
autorizzati  ad  assicurare  lettere  con  dichiarazione  del 
valore  che  conlengono  nel  limite  stabilito  dai  regola- 
menti ,  il  cui  maximum  è  fissato  a  L.  3000. 

L'Amministrazione  delle  poste  è  mallevadrice  dei  va- 
lore assicurato,  salvi  i  casi  di  forza  maggiore. 

La  tassa  delle  lettere  assicurate  con  dichiarazione  del 
valore  si  compone  come  segue,  e  deve  essere  pagata 
anticipatamente: 

1.°  Tassa  ordinaria  di  francatura; 
2.°  Tassa  di  raccomandazione  di  30  centesimi; 
3.°  Diritto  proporzionale  di  10  centesimi   per  ogni 
100  lire  del  valore  dichiarato. 

La  dichiarazione  della  somma  rappresentala  dalle 
carte  di  valore  contenute  nelle  lettere  che  si  vogliono 
assicurare  deve  essere  fatta  dal  mittente  in  tutte  lettere 
sulla  soprascritta,  senza  cancellature  o  correzioni,  sem- 
plicemente colle  parole  —  Calore  dichiarato  Lire  .... 

Le  lettere  assicurale  debbono  essere  presentate  agli 
uffìzi  di  posta  nelle  forme  e  nel  tempo  prescritti  per 
quelle  raccomandate. 

Rinvenendosi  lettere  non  raccomandale  o  non  assi- 
curate contenenti  valori,  saranno  gravale  del  doppio 
della  tassa  progressiva  di  francatura  e  del  diritto  fìsso 
di  raccomandazione. 

Plichi  di  carte  manoscritte  e  campioni  di  merci. 

La  tassa  dei  plichi  di  carie  manoscritte  e  dei  cam- 
pioni di  merci,  che  si  affrancano,  è  la  seguente: 
Fino  al  peso  di    50  grammi  inclusivam.  cent.  20 
da    50  a    500  grammi  »     40 

da  500  a  1000  grammi  »     80 

e  così  di  seguito,  aggiungendo  40  centesimi  per  ogni 
500  grammi  o  frazione  di  500  grammi. 

I  plichi  di  carte  manoscritte  ed  i  campioni^  che  non 
fossero  francati,  pagheranno  il  doppio  delle  tasse  sovra 
indicate. 


SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE  &J 

I  campioni  di  merci  ed  i  plichi  di  carte  manoscritte, 
che  non  superano  i  10  grammi ,  pagano  la  tassa  delle 
lettere. 

Le  carte  manoscritte  ed  i  campioni  di  merci  debbono 
essere  poste  sotto  fascia  e  con  lettera  di  accompagna- 
mento aperta. 

I  campioni  di  grani,  semi  e  droghe,  che  non  possono 
essere  spediti  sotto  fascia,  dovranno  semplicemente  in- 
voltarsi e  legarsi  con  spago  senza  suggello,  perchè  pos- 
sano verificarsi. 

Non  si  possono  spedire  campioni  di  merci  di  un  peso 
superiore  a  500  grammi. 

La  seta  greggia  o  filata  non  è  ammessa  come  cam- 
pione che  fino  al  peso  di  100  grammi. 

Le  mostre  di  stoffe  non  si  ammettono  che  in  ritagli, 
che  non  abbiano  alcun  valore  commerciale. 

Non  sono  pure  ammesse  spedizioni  di  seme  di  bachi, 
che  superino  il  peso  di  15  grammi. 

Non  si  accettano  campioni  d'oggetti  d'oro  o  d'argento, 
di  vetro  e  porcellana,  coltelli,  forbici,  ferri  taglienti  od 
acuminati,  parti  di  macchine  o  d'orologeria,  vegetabili, 
liquidi,  acidi,  od  altre  sostanze  pericolose,  o  tali  da  dan- 
neggiare in  qualsiasi  modo  le  corrispondenze  chiuse  nei 
pieghi  postali. 

Giornali  e  Stampe. 

Ciascun  esemplare  di  un  giornale  od  opera  periodica 
di  qualunque  genere  è  sottoposto  alla  tassa  di  un  cen- 
tesimo per  ogui  40  grammi  o  frazione  di  40  grammi. 

Stampe  non  periodiche,  prove  o  bozze  di  stampa, 
avvisi,  circolari,  incisioni,  litografie,  fotografìe,  autogra- 
fie, carta  di  musica  anche  ms.,  listini  di  cambio,  prezzi 
correnti,  mercuriali,  opuscoli,  libri  anche  rilegati,  e  si- 
mili, pagano  la  tassa  di  2  cent,  per  ogni  40  grammi  o 
frazione  di  40  grammi. 

Le  stampe  d'ogni  specie,  per  godere  della  tassa  di 
favore,  debbono  esser  spedite  sotto  fascia  ed  affrancate. 

A  quelle  non  affrancate  non  si  dà  corso.  L'applica- 
zione dei  francobolli  per  l'affrancatura  dei  giornali  deve 
farsi  in  modo  che  si  possa  agevolmente  levare  la  fascia 
per  le  verificazioni  d'ufficio. 


58  NOZIONI 

Le  stampe  che  non  sono  sotto  fascia,  ne  poste  in  modo 
da  potersi  facilmente  verificare,  pagano  la  tassa  delle 
lettere. 

I  giornali  e  le  stampe ,  che  contenessero  un  qualche 
scritto  a  mano  internamente  o  sulla  fascia,  saranno  gra- 
vati della  tassa  progressiva  stabilita  per  le  leltere  non 
francate,  tenuto  conto  del  valore  dei  francobolli  già 
apposti. 

I  biglietti  di  visita  non  possono  essere  acclusi  in  busta 
chiusa  tagliata  negli  angoli;  la  busta  dovrà  essere  sem- 
pre aperta. 

Baccomandazioni  di  plichi  sotto  fascia. 

I  plichi  di  carte  manoscritte,  i  campioni  di  merci, 
le  stampe  di  qualunque  genere  possono  spedirsi  sotto 
fascia  con  raccomandazione,  pagando,  oltre  la  tassa  di 
francatura  rispettivamente  stabilita  per  gli  oggetti  me- 
desimi, la  tassa  di  raccomandazione  di  30  centesimi. 

In  caso  di  perdita,  rAmministrazione  concede  un'in- 
dennità di  L.  50  al  destinatario  od  al  mittente,  salvi 
sempre  i  casi  di  forza  maggiore. 

Ricevute  di  ritorno. 

II  mittente  di  una  lettera  o  plico  raccomandato  od 
assicurato  può  esigere  che  sia  richiesta, per  esso  al  de- 
stinatario una  ricevuta  distinta  della  lettera  o  del  plico 
che  spedisce,  pagando  una  sopratassa  di  20  centesimi. 

I  regolamenti  postali  non  considerano  il  mittente 
come  proprietario  della  lettera  impostata  da  che  questa 
è  partita  dall'uffizio  di  impostazione;  quindi  sono  senza 
effetto  le  domande  che  possono  essere  fatte  per  retti- 
ficare P  indirizzo  o  sospendere  la  consegna  delle  let- 
tere alle  persone  cui  sono  dirette. 

Francobolli. 

La  tassa  delle  corrispondenze  d*  ogni  specie,  che  si 
spediscono  francate,  si  paga  esclusivamente  col  mezzo 
dei  francobolli,  che  sono  di  nove  specie  di  valore,  cioè 
di  centesimi  1,  2,  5,  10,  20,  30,  40  e  60,  e  di  L.  2. 


SUL   SERVIZIO  DELLE    POSTE  5q 

Quando  il  valore  dei  francobolli  non  uguaglia  la  tassa 
dovuta,  viene  posto  a  carico  del  destinatario  il  doppio 
della  differenza. 

Le  corrispondenze,  sulle  quali  fossero  applicati  fran- 
cobolli legittimi,  che  avessero  già  servito  alla  francatura 
di  altre  corrispondenze,  saranno  trattale  come  non  fran- 
cate; alle  stampe  non  si  darà  corso.  Qualora  poi  sulle 
lettere  o  sulle  stampe  fossero  applicati  francobolli  sot- 
toposti a  preparazione  tendente  a  far  scomparire  le  trac- 
eie  del  bollo  annullatore,  il  contravventore  sarà  punito 
colla  multa  di  L.  50,  aumentabile  fino  a  L.  500  in  caso 
di  recidività. 

Segnatasse. 

Le  tasse  delle  corrispondenze  non  francate  vengono 
unicamente  rappresentate  da  segnatasse  che  si  appli- 
cano per  cura  degli  uffici  postali  sulla  parte  superiore 
dell'indirizzo  e  sono  di  dieci  specie,  cioè  da  C.mi  1.  2. 
5.  10.  20.  30.  50.  60.  L.  1.  e  L.  2. 

Franchigia. 

Sono  esenti  dal  pagamento  delle  tasse  postali  le  cor- 
rispondenze indirizzate: 

1.°  A  S.M.  il  Re  ed  ai  Membri  della  R.  Famiglia; 

2.°  Ai  Senatori  e  ai  Deputati  durante  la  legislatura, 
compresi  i  periodi  di  proroga,  e  dei  20  giorni  prima  e 
dopo  di  essi. 

3.°  Ai  Ministri,  ai  Segretari  generali  ed  ai  Direttori 
generali  dei  Ministeri. 

4.°  A  tutti  i  pubblici  funzionari  per  la  corrispondenza 
relativa  al  servizio  dello  Stalo. 

Distribuzione  delle  corrispondenze. 

Tutte  le  corrispondenze,  comprese  quelle  raccoman- 
date, sulle  quali  è  indicata  T  abitazione  del  destinatario, 
o  il  cui  domicilio  è  semplicemente  noto  all'uffizio  po- 
stale, vengono  recapitate  dai  portalettere,  cui  non  com- 
pete sovratassa  di  sorta  a  titolo  di  mancia. 

Nei  luoghi  dove  non  vi  hanno  portalettere  stipendiati 
dall'Amministrazione  delle  poste,  le  corrispondenze  pò- 


ÓO  NOZIONI 

tranno  esser  recapitate  per  mezzo  di  agenti  particolari, 
i  quali  sono  autorizzati  a  riscuotere  a  titolo  di  mancia 
una  tenue  sovratassa  nei  limite  che  verrà  approvato 
dall'  Amministrazione. 

Le  lettere  coir  indicazione  —  ferma  in  posta  —  non 
sono  consegnate,  se  non  dietro  la  produzione  di  docu- 
menti, che  attestino  l'identità  dei  destinatari. 

Le  lettere  raccomandate  ed  assicurate  non  possono 
essere  consegnate  che  ai  loro  destinatari,  od  ai  loro  de- 
legati muniti  di  procura  speciale.  La  ricevuta  per  parte 
del  destinatario  di  una  lettera  raccomandata  od  assi- 
curata scioglie  l'Amministrazione  da  qualsiasi  respon- 
sabilità. 

Lettere  rifiutate. 

È  libero  a  chiunque  di  rifiutare  lettere,  bene  inteso 
senza  aprirle.  Il  rifiuto  deve  farsi  alla  presentazione. 

Si  ritengono  come  rifiutale  le  lettere  non  dimandate, 
o  indirizzate  a  persone  d'ignota  dimora. 

Le  lettere  rifiutate,  dopo  due  mesi  di  giacenza  ven- 
gono aperte:  quelle  contenenti  carte  ed  oggetti  di  va- 
lore si  rimandano  ai  mittenti,  o  si  ricapitano  ai  desti- 
natari contro  il  pagamento  della  tassa,  ove  ne  sia  il 
caso;  le  altre  vengono  distrutte  colle  cautele  prescritte 
dai  regolamenti. 

Faglia  postali. 

I  vaglia  sono  di  due  sorta,  interni  ed  esteri.  I  primi 
dividonsi  in  ordinari,  militari  e  telegrafici.  I  secondi 
vengono  tratti  sulla  Francia,  sulla  Svizzera,  sulla  Re- 
pubblica di  San  Marino,  su  Alessandria  d'Egitto  e  su 
Tunisi. 

Pel  rilascio  dei  vaglia  ordinari  e  militari  si  riscuote 
una  tassa  di  cent.  20      »         »         fino  a  L.  20 

»     40      »         »  da  L.  20  a    40 

»     60      »        »  da  L.  40  a    60 

»     80      »         »  da  L.  60  a  100 

oltre  le  L.  100,  si  aggiungono  20  cent,  per  ogni  50  lire 
o  frazione  di  50  lire.  Vien  fatta  eccezione  pei  vaglia  mi- 
litari non  maggiori  di  L.  20  diretti  a  sotto  uftiziaìi  o 


SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE  6l 

soldati,  pei  quali  si  riscuote  solamente  una  tassa  fissa  di 
centesimi  5. 

Pel  rilascio  dei  vaglia  diretti  agli  uffizi  italiani  in 
Alessandria  d'Egitto  e  Tunisi  è  fissata  come  segue  la  tassa: 

1.°  Vaglia  non  eccedenti  L.  50,  centisimi  50; 

2.°       »       oltre  L.  50  fino  a  L.  100  una  Lira; 

3.°  Oltre   le  L.  100  si  aggiungono  cent.  50  di   100 
in  100  lire  o  frazione  di  centinaja  di  lire. 

I  vaglia  suddetti  sono  assimilati  agli  internazionali. 
Pei  vaglia  telegrafici,  oltre  la  tassa  proporzionala  pei 

vaglia  ordinari,  si  riscuote  una  tassa  fissa  di  cent.  20,  più 
T imporlo  di  un  telegramma  semplice,  cioè  di  L.  1.  20, 
se  T uffizio  d'origine  non  dista  da  quello  di  destino  più 
di  100  chilometri,  e  di  L.  2.  40,  se  la  distanza  è  maggiore. 

II  pagamento  dei  vaglia  ha  luogo  esclusivamente  nelle 
mani  del  destinatario  che  deve  rilasciarne  ricevuta,  com- 
provando di  essere  il  vero  destinatario.  Può  anche  effet- 
tuarsi il  pagamento  di  un  vaglia  ad  una  terza  persona, 
qualora  questa  sia  debitamente  autorizzata  a  rappresen- 
tare il  destinatario. 

I  vaglia  interni  sono  validi  per  due  mesi,  oltre  quello 
della  loro  emissione;  in  seguito  essi  diventano  scaduti. 
Possono  ciò  non  ostante  essere  rinnovati  immediatamen- 
te a  favore  dei  rispettivi  destinatari  o  mittenti  che  ne 
facciano   domanda  e  presentino  i  titoli  originali. 

I  vaglia  smarriti  possono  essere  rinnovali  soltanto 
dopo  un  periodo  di  quattro  mesi  oltre  il  mese  del  rila- 
scio, sempre  a  favore  dei  destinatari  o  dei  mittenti  e  so- 
pra domanda  di  uno  di  essi.  —  La  tassa  è  di  C.mi  10. 

Chi  desidera  riscuotere  un  vaglia  ordinario  in  un  uf- 
ficio diverso  da  quello  sul  quale  fu  tratto,  deve  farne 
domanda  all'uffìzio  postale  dove  si  trova,  mediante  pa- 
gamento di  cent.  10.  L'uffizio  cura  la  commutazione  del 
vaglia. 

II  valore  di  un  vaglia  ordinario,  non  ancora  scaduto, 
può  essere  restituito  al  mittente  che  ne  faccia  richiesta 
all'ufficio  d'origine  o  presenti  il  vaglia  medesimo.  L'uf- 
ficio ne  effettua  la  restituzione,  commutando  il  vaglia. 
Per  tale  operazione  l'Amministrazione  riscuote  un  diritto 
di  polizza  di  10  centesimi. 


6  2  NOZIONE 

In  caso  di  smarrimento  di  un  vaglia  ordinario  non 
ancora  scaduto,  il  mittente  può  ottenere  la  duplicazione 
a  favore  del  destinatario,  pagando  un  diritto  di  polizza 
di  centesimi  20. 

La  tassa  dei  vaglia  internazionali  sugli  uffizi  francesi 
è  fissata  a  20  cent,  per  ogni  10  lire  o  frazione  di  10  lire. 
Non  si  accettano  depositi  per  somme  superiori  a  L.  200. 

La  tassa  dei  vaglia  italo-svizzeri  è  fissata  a  10  cent, 
per  ogni  10  lire  o  frazione  di  10  lire.  I  vaglia  italo- 
svizzeri  ponno  essere  di  L.  200,  eoo,  0  looo  a  seconda 
della  classe  dell1  Ufficio  ricevente  0  spedilore. 

1  vaglia  colla  Francia  e  colla  Svizzera  ponno  tras- 
mettersi per  girata  fatta  nei  debiti  modi,  ma  restano 
sempre  pagabili  nel  solo  ufficio  di  destinazione. 

Possono  tuttavia  essere  pagali,  0  rimborsali  al  mit- 
tente nell'ufficio  di  origine  od  in  qualsiasi  altro,  previa 
autorizzazione  delTamminislrazione  di  cui  dipende  l'uf- 
fizio al  quale  il  vaglia  viene  presentalo. 

La  durala  della  validità  di  questi  vaglia  è  fissala  a 
mesi  3  dalla  data  della  loro  emissione.  Trascorso  questo 
tempo,  è  necessaria  un'autorizzazione  del TAmminisl ra- 
zione per  essere  rinnovati. 

La  restituzione  del  valore  di  questi  vaglia  smarriti 
0  distrutti  non  può  farsi  che  al  solo  proprietario,  dopo 
che  saranno  passati  cinque  mesi  dalla  dala  dell'emissione. 

Allo  scopo  di  facilitare  agli  Italiani  residenti  all'estero 
l'invio  di  piccole  somme  di  danaro  alle  proprie  famiglie, 
sono  slati  istituiti  i  Vaglia  Consolari. 

I  consoli  italiani  ali1  estero,  designati  da  apposita  ta- 
bella, hanno  facoltà  di  trarre  vaglia  sugli  uffici  postali 
del  Regno  per  le  somme  in  delta  tabella  indicale:  la 
proprietà  è  trasmissibile  per  girata. 

La  tassa  stabilita  per  detti  vaglia  è  la  seguente: 
1.°  Pei  Consolati  stabiliti   negli  scali  del  mar  Medi- 
terraneo e  del  mar  Nero  ed  in  qualunque   allro  punlo 
dell'Europa  e  dell'Egitto,  cent.  75  per  ogni  cinquan- 
tina di  lire  0  frazione  di  cinquanta  lire; 

2.°  Per  tutti  gli  altri  Consolati,   una  lira    per  ogni 
cinquanta  lire  0  frazione  di  cinquanta  lire. 


SUL  SERVIZIO  DELLE  FOSTE  05 

Il  pagamento  dei  vaglia  consolari  sarà  fallo  per  opera 
dell'ufficio  di  destinazione  o  di  quell'altro  ufficio  che 
ne  fosse  slato  autorizzato  dalla  Direzione  generale  delle 
Poste,  sulla  domanda  dell'esibitore. 

11  tempo  utile  al  pagamento  è  fissato  a  sei  mesi,  oltre 
il  mese  di  rilascio.  Trascorso  il  detto  termine,  i  vaglia 
non  pagati  potranno  essere  rinnovati  dopo  altri  due  mesi. 

Associazioni  ai  giornali. 

Tutti  gli  uffizi  di  posta  ricevono  associazioni  ai  gior- 
nali dell'interno  e  dell'estero,  riscuotendo  per  ciascuna 
di  esse  un  diritto,  che  per  l'interno  è  fissato  a  50  cent., 
e  per  l'estero  è  determinato  dagli  accordi  conchiusi 
colle  diverse  amministrazioni. 

L'Amministrazione  postale  non  garantisce  la  spedizione 
regolare  dei  giornali.  —  Se  di  un  giornale  si  troncasse  la 
pubblicazione,  l'Amministrazione  delle  poste  rimborsa 
il  prezzo  d'associazione  nel  solo  caso  ch'essa  stessa  ne 
sia  rimborsala  dall'amministrazione  del  giornale. 

Il  prezzo  d'  associazione  ai  giornali  dell'  interno  si 
compone:  1.°  Del  prezzo  dovuto  all'editore  e  della  tassa 
di  francatura;  2.°  Di  una  tassa  di  commissione  di  50  cent, 
per  ogni  associazione.  — II  prezzo  d'associazione  ai  gior- 
nali dell'estero  si  compone:  1.°  Del  prezzo  dovuto  all'e- 
ditore e  della  tassa  di  francatura  stabilita  dalle  conven- 
zioni; 2.°  Di  una  tassa  di  commissione  determinala  da 
accordi  speciali  colle  amministrazioni  estere  interessate. 

Avvertenze  generali. 

La  levata  dèlie  lettere  dalle  buche  sussidiarie  ha  luogo 
cinque  volte  al  giorno,  cioè:  alle  ore  7.30  e  10  mattina  ed 
alle  2.  30,  6.  30,  e  8  poni.  Quelle  site  nei  quartieri  di  Porta 
Vittoria,  Porta  Venezia,  Porta  Nuova  e  Porta  Garibaldi  sono 
levale  mezz'  ora  più  tardi.  È  fatta  eccezione  per  le  buche 
poste  in  via  Broletto,  via  Armorari,  Piazza  Mercanti  e  piazza 
della  Scala,  per  le  quali,  oltre  le  levate  sovraindicate,  sono 
stabilite  due  levale  straordinarie  alle  12  meridiane,  e  4. 15 
pomeridiane. 

Il  tempo  utile  per  l'impostazione  nella  buca  dell' Ufficio 
postale  alla  Stazione  è  stabilito  a  mezz'ora  dopo  la  levata 
dalle  buche  di  città, 


04  NOZIONI 

Le  lettere  della  città  per  la  città  e  sobborghi  dovranno 
essere  impostate  nell'apposita  buca  presso  l'Ufficio  centrale. 

Giornali,  stampe  e  campioni  non  potranno  impostarsi  nelle 
buche  succursali  della  città. 

Le  lettere  che  si  vogliono  raccomandare  od  assicurare,  i 
giornali  e  le  opere  periodiche  devono  essere  presentate  agli 
Uffici  appositi  un'ora  prima  del  tempo  stabilito  per  l'impo- 
stazione delle  corrispondenze  ordinarie. 

Le  lettere  contenenti  valori  devono  assoggettarsi  almeno 
alla  formalità  della  raccomandazione,  non  rispondendo  l'Am- 
ministrazione, in  caso  diverso,  del  non  avvenutone  ricapito. 

Le  lettere  dirette  all'Estero,  contenenti  monete  ed  oggetti 
di  valore  non  hanno  corso. 

Gli  uffici  ambulanti  e  natanti  corrispondono  con  tutti  i 
paesi  lungo  la  linea  da  essi  percorsa. 

Le  corrispondenze  che  portano  sull'indirizzo  il  preciso  ri-, 
capito,  o  che  sono  dirette  a  persone  conosciute  dall'  Uffi-  " 
ciò  di  Postarono  distribuite  a  domicilio  dai  portalettere 
cinque  volte  al  giorno  (cioè,  alle  ore 8. 10  e  11.30  ant.,  2.  30 
e  5.  43  pom.),  senza  aumento  di  tassa.  Le  lettere  coll'indi- 
cazione  ferme  in  posta  continueranno  ad  essere  trattenute  in 
Ufficio,  e  non  saranno  rimesse  che  al  destinatario  stesso, 
oppure  a  chi  sarà  debitamente  autorizzato  a  ritirarle. 

Gli  indirizzi  delle  corrispondenze  debbono  esser  fatti  colla 
massima  chiarezza  e  precisione,  avvertendo  di  designare,  ol- 
tre il  luogo  di  destinazione,  la  provincia  od  il  circondario 
a  cui  esso  appartiene. 

Sulle  lettere  indirizzate  ai  militari  dev'essere  indicato  il 
reggimento,  il  battaglione  e  la  compagnia  cui  appartengono 
i  destinatari  od  il  bastimento  su  cui  sono  imbarcati. 

Le  lettere  per  il  Regno  Unito  della  Gran  Bretagna,  non 
preventivamente  affrancate,  vanno  soggette  ad  una  sopra- 
tassa  fìssa  di  60  cent.;  quelle  per  la  Francia  alla  progres- 
siva di  20  cent,  per  ogni  10  grammi  di  peso;  e  quelle  per 
l'Austria  di  cent.  20  per  ogni  15  grammi  di  peso. 


SUL  SERVIZIO  DEUE  POSTE 


65 


II,  CORRISPONDENZE  PER  L'ESTERO, 
LETTERE. 

Spiegazione  delle  abbreviazioni, 

F.  L.  Francatura  libera  —  F.  0.  Francatura  obbligatoria 
—  P.  D.  Francatura  fino  a  destinazione  —  P.  P.  Francatura 
parziale,  cioè  limitata  al  confine  di  uno  Stato  estero  intermedio. 


Destinazione  delle  lettere. 
Condizioni  e  limiti  della  francatura 


Tassa  della  lettera 


Grammi    Lire  Cent. 


ADEN  (Arabia)  —  Come  l'INDOSTAN. 
AMERICA 

Canada ,  Nuovo  Brnnswich ,  Nuova  Scozia , 
Isole  Principe-Edoardo ,  via  d' Inghilterra, 
F.  L.  (P.  D.) 

Terrranova,  via  d1  Inghiterra,  F.  L.  (P.  D.)     . 

Stati  Uniti,  via  Brennero  ed  Ostenda,  F.L.{P.D.) 

Idem,  via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi,- 
F.L.  (P.  D.) 

S.  Tomaso  (Antille),  via  d'Inghilterra,  F.  L. 

fP.  P.) 

Idem,  via  degli  Stati  Uniti,  F.  0.  (P.  P.) 

Idem,  via  di  Francia,  F.O.  (P.P.)      .     .    . 

Haiti  e  S.  Domingo,  via  di  Francia,  F.  0.  (P.  P.) 

Idem,  via  d'  Inghilterra,  F.  0.  (P.P.)   .     .     . 

Messico,  via  degli  Stati  Uniti,  F.  0.  (P.  P)     . 

Idem,  via  di  Francia,  F.  0  .(P.  P.)    .     .     . 

Idem,  via  d'Inghilterra,  F.  0.(  P.  P.)    .     .     . 

Costarica,  Guatemala,  Nicaragua,  e  Mosquito, 
Honduras,  S.  Salvador,  Venezuola,  via  degli 
Stati  Uniti,  F.  0.  (P.  P.)     .     .     .     .     .     . 

Idem,  via  d'Inghilterra,  F.O.  (P.  P.)  .     .    . 

Idem,  via  di  Francia,  F.  0.  (P.  P.)     .     .     . 

Nuova  Granala  — Aspinwale  e  Panama,  via 
Stati  Uniti,  F.  0.  (P.  P.) 

Idem,  via  d'Inghilterra,  F.  0.  (P.  P)  .  v     . 

Idem,  via  di  Francia,  F.O.  (P.  P)  .     .    \    . 

Idem  —  il  resto  della  Nuova  Granata,  via 

di  Francia,  F.  0.  (P.  P.) 

Equatore,  Perù,  Bolivia  e  Chili,  via  di  Fran- 
cia, F.O.  (P.  P.) 

Guida 


15 
15 

7'r2 

7fI, 

45 

*\h 
*    Il 

7'l2 
15 

7% 

7'U 


15 
7'l2 
7% 

15 

7> 
7M2 

7  'lì 

74lt 
1871  • 


66 


NOZIONI 


Destinazione  delle  lettere. 
Condizioni  e  limiti  della  francatura 


Tassa  della  lettera 


Gra  mmi  Lire    Cent, 


Brasile,  coi  piroscafi  postali  inglesi  e  francesi, 

F.  L.  (P.  D.) 

Idem,  con  bastimenti  mercantili,  F.  L.  (P.  D.] 
Idem,  via  del  Belgio,  F.  0.  (P.  D.) 
Uruguay  e  Repubblica  Argentina,  via  diFr 
eia,  F.  0.  (P.  P 


Idem,  via  del  Belgio  F.  0.  (P.  P.)  .  . 
Idem,  via  d'Inghilterra,  F.  0.  (P.  P.)  . 
Paraguay,  via  di  Francia,  F.  0.  (P.  P.) 
Idem,  vìa  d'Inghilterra,  F.  0.  (P.  P.)  . 

AUSTRALIA 

Australia  occidentale,  Nuova  Galles  del  Sud, 
Queensland,  Vittoria,  via  di  Brindisi-Suez 
e  via  di  Malta,  F.  0.  (P.  P.) 

Idem,  via  di  Messina- Suez,  F.  L.  (P.  D.)  .     . 

Australia  meridionale  e  Tasmania  o  Terra  di 
Vari  Diemen,  via  di  Brindisi  e  via  di  Malia, 
F.O.  iP.P) 

Nuova  Zelanda,  via  Brindisi  Suez  e  via  di 
Malta,  F.  0.  (P.  P.) 

Idem,  via  di  Messina- Suez,  F.  L.  (P.  D.)  .     . 

Idem,  via  di  Londra-New  York- S.  Francisco, 
F.  0.  (P.  P.) 

AUSTRIA 

nel  raggio  limitrofo  di  30  chitoni.  F  L.  (P.  D.) 
fuori  del  raggio,  (F.  L.  (P.  D.) 

AZORRE  (Isole)  —  Come  il  PORTOGALLO 

BELGIO 
via  del  Brennero  e  via  del  Moncenisio,  F.  L. 

(P.  »•) 

via  di  Marsilia  coi  piroscafi  postali  francesi 
F.  L.  (P.  D.) 

CANARIE  ([sole)  —  Come  la  SPAGNA 

CINA 

Shang-Hai  e  Hong-Kong,  coi  piroscafi  fran- 
cesi da  Suez,  F.  L.  (P.  D.) 

Itfem,  coi  piroscafi  inglesi  da  Suez,  F.  0.  (P.  P.) 


7'12 
15 
10 

7'[2 
10 

7> 

7  l\2 

7*12 


7  r, 

7!U 
7'l2 

7'12 

7'I2 
74l2 


15 
15 


10 
7'12 


7'Jr. 


SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE 


67 


Destinazione  delle  lettere. 
Condizioni  e  limili  della  francatura 


Shang-Hai  e  Kong,  via  Stati  Uniti,  F.O.  (P.P.) 
Idem,  il  resto  della  Cina,  coi  piroscafi  inglesi 

da  Suez,  F.  0.  (P.  P) 

Idem,  coi  piroscafi  francesi  da  SuezF.O.  (P.  P.) 
Idem,  via  degli  Stati  Uniti,  F.  0.  (P.  P.)    . 

COLONIE  e  POSSEDIMENTI  EUROPEI 

Borbone  o  Riunione  (isola),  Chandernagor 
(India),  Karikal  (India),  Loyalty  (isole),  Ma- 
jotta  (isola),  Mahè  (India),  Maurizio  (isola), 
Nuova  Caledonia  (Oceania),  Pini  (isole  dei), 
Pondichéry  (India),  S.  Maria  di  Madagascar 
(isola),  Seychelles  (isole),  Yanaon  (India), 
Bien-hoa  (Cocincina),  Mitho  (Cocincina), 
Poule-Condor  isola  (Cocincina),  Saigon  (Co- 
cincina), coi  piroscafi  francesi  da  Suez,F.  L. 
(P.  D.) 

Basse  (isole),  Capo  di  Buona  Speranza,  Desi- 
rade  (Antille),  Falkland  (is.),  Giamaica  (An- 
tille),  Gorea  (isola),  Granata  (Antille),  Gua- 
dalupa  (Antille),  Guiana  francese,  Guiana 
inglese,  Marchesi  (isole),  Maria  Galanda  (An- 
tille), Martinica  (Antille),  Porto  Natal,  Riu- 
nione (is.),  S.  Luigi  (isola)  Senegal,  Sante 
(Antille),  Santa  Lucia  (Antille),  S.  Martino 
(Antille),  S.  Pietro  e  Miquelon  (isole),  S.  Viri 
cenzo  (Antille),  Senegal,  Società  (isole  della) 
Trinità  (Antille),  via  di  Francia,  F.  L.  (P.  D. 

Antigoa  (Antille),  Bahama  o  Lucaje  (isole) 
Barbada  (Antille),  Belize  (Honduras  brit.) 
Berbice  (Guiana  inglese),  Bermude  (isole) 
Capo  di  Buona  Speranza,  Demerara  (Guiana 
inglese),  Cariacu  (Antille),  Curacao,  Domi 
nica  (Antille),  Giamaica  (Antille) ,  Granata 
(Antille),  Monserrato  (Antille),  Nevis  (An 
tille),  Porto  Natal,  S.  Cristoforo  (Antille) 
S.  Croce  (Antille),  S.  Elena  (isola),  S.  Lucia 
(Antille),   S.  Vincenzo  (Antille),  Surinara 
(Gujana  olandese),  Tabago  (Antille),  Trinità 
(Antille),  Vancouvers  (is.)  via  d'Inghilterras 
F.  L.  (P.  D.) 


Tassa  della  lettera 


Grammi    Lire  Ceni. 


15 

Hi. 

7  !l2 
i5 


7"h 


l'h 


7*1, 


i  10 

—  80 

1  — 

1  10 


1     — 


1     — 


1     50 


68 


NOZIONI 


Destinazione  delle  lettere. 
Condizioni  e  limiti  della  francatura 


Tassa  della  lettera 


Grammi    Lire   Ceni. 


Accra,  Costa  di  Guinea,  Falkland  (is.),  Gam- 
bia,  Lagos,  Liberia,  Sierra  Leone,  via  d'In- 
ghilterra, F.  L.  (P.  D.) 

Ascensione  (isola),  S.  Eustachio  (Antille),  via 
d'Inghilterra,  F.  0.  (P.P.) 

Badagry,  Bonny,  Cameroons,  Fernando  Po 
(isola),  Gorea  (is.),  Vecchio  Calabar,  Wydah, 
via  d'Inghilterra,  F.  0    (P.  P.) 

Isola  Capo  Verde,  Angola.  Costa  di  Mozam- 
bico, Senegambia  portoghese,  via  del  Por- 
togallo, F.  0.  (P  D.) . 

Curacao,  Surinam  (Guiana  olandese),  via  di 
Francia,  F.  L.  (P.  D  )      ....... 

Cuba,  via  di  Spagna,  F  0.  (P,  D  )     .     .     . 

Idem,  via  degli  Stati  Uniti,  F.  0.  (P.  P.)     . 

Idem,  via  d' Inghilterra,  F.  0.  (P.  P.) .     .     . 

Portoricco,  via  di  Spagna,  F.  0.  (P.  D.)  .     . 

Idem,  via  di  Francia,  F.  0.  (P.  PJ     .     .     . 

Idem,  via  d' Inghilterra,  F.  0.  (P,  P.)  .    .     . 

DANIMARCA 

via  di  Germania,  F.  L.  (P.  D.)  .  .  .  . 
via  di  Marsiliacoi  piros.  frane,  F.  L.  (P.D.) 

EGITTO 

Alessandria,  via  di  Brindisi  coi  piroscafi  ita- 
liani, F.  L.  (P.  D.) 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  Rubatlino, 
F.  L.  (P.D .) 

Idem,  via  di  Messina  coipir.  frane.  F.  L.  (P.D.) 

Cairo,  Suez  e  Porto-Said,  via  di  Brindisi  coi 
pirosc.  ital.,  F.  L.  fino  ad  Alessandria  (P.  P.) 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  Rubattino, 
F.  L.  (P.  P.) 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  francesi, 
F.  L.  (P.  D.) 

Il  resto  dell'Egitto,  via  di  Brindisi  coi  piro- 
scafi ital,  F  L.  fino  ad  Alessandria  (P.  P.) 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  Rubatlino, 
F.  L.  fino  ad  Alessandria  (P.  P.)  .     .     .     . 

Idem ,  via  di  Messina  coi  piroscafi  francesi, 
f.  0.  fino  ad  Alessandria  (P.  P.)         ... 


7'!2 
7-1, 

7'I2 

7'12 

7'12 
10 
15 

7'12 
10 

7![» 

741, 

15 

7*[2 

15 

15 

7'I2 

15 
15 

7'ls 
15 
15 

7  JU 


sul  Servizio  delle  poste 


69 


Destinazione  delle  lettere. 
Condizioni  e  limiti  della  francatura 


Tassa  della  lettera 


Grammi     Lire  Cent. 


FRANGIA  ed  ALGERIA 
via  di  tetra  e  via  dì  mare,  F.L.  (P.D)    .     . 

GERMANIA  SETTENTRIONALE 

Amburgo  (citici  libera),  Anhalt  (ducalo),  Bre- 
ma (città  libera),  Brunswick  (ducato),  Lippa- 
Detmold  (principato),  Lippa -Schauenburg 
(princip.),  Lubecca  (città  libera),  Meklem- 
burgo-Schwerin  (granduc),  Meklemburgo- 
Strelitz  (granduc),  Oldenburgo  (granduci, 
Prussia  (regno),  Reuss-Greiz  (principato), 
Reuss-Schleiz  (princip),  Sassonia  (regno), 
Sassonia-Altenburgo  (ducato),  Sassonia-Co- 
burgo  (ducato),  Sassonia-Meiningen,  (due), 
Sassonia-Weimar  (granduc),  Schwarzburg- 
Rudolstadt  (princ),  Schwarzburg-Sonder- 
hausen  (princ),  Waldek  (princ.)  F.  L.  (P.  D.). 

GERMANIA  MERIDIONALE 

Assia  (granduc),  Baden  (granduc),  Baviera 
(regno),  Wùrtemberg  (regno),  F.L.  (P.  D.)   . 

GIAPPONE 

Yokoama,  coi  piroscafi  francesi  da  Suez,  F.  L. 

(PD.) 

Idem,  coi  piroscafi  inglesi  da  Suez,  F.  0.  (P  P.) 
Idem,  via  degli  Stati  Uniti,  F.  0.  (P.  P.)  . 
11  resto  del  Giappone,  coi  piroscafi  inglesi  da 

Suez,  F.  0.  (P.  P.) 

Idem,  coi  piroscafi  francesi  da  Suez,  F.  0. 

(P.P.) 

Idem,  via  degli  Stati  Uniti,  F.  0.  (P.  P.)    . 

GIBILTERRA 

via  di  Spagna,  F.  L.  (P.  D.) 

vìa  d' Inghilterra,  F.  L.  (P.  D.) 

GRAN  BRETAGNA  ed  IRLANDA 
via  del  Moncenisio,  F.  L.  (P.  D.)  .     .     .     . 
via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi.  F.  L. 
(P.D.) 


10 


15 


15 


7> 

7'l2 

15 

7'I2 

7  lh 

15 


10 
7<I2 

7M2 


JO  NOZIONI 

Destinazione  delle  lettere. 
Condizioni  e  limiti  della  francatura 

GRECIA 
via  di  Brindisi  coi  piroscafi  italiani  od  au- 
striaci, F.  L.  (P.  D.) 

via  di  Messina  coi  piroscafi  postali  francesi, 
F.  L.  (P.  D.) 

HELGOLAND 

via  di  Germania,  F.  L.  (P.  D.)      .... 

INDIE  ORIENTALI  INGLESI 

Indostan  continentale,  coi  piroscafi  inglesi  da 

Suez,  F.  L.  (P.  D.) 

Idem ,  coi  piroscafi  francesi  da  Suez,  F.  L. 

(P.  D.) 

Ceylan,  Labuan,  Penang  e  Singapore,  coipi- 

roscafi  francesi,  da  Suez,  F.  L.  (P.  D.)  .  . 
Idem,  coipirosc.  inglesi  da  Suez,  F.  0.  (P.P.) 

INDIE  ORIENTALI  NEERLANDESI 

Giava,  Borneo,  Sumatra,  Celebe,  Timor,  Ma- 
dura,  Billilon,  Banca,  Riuw,  Molucche,  coi 
piroscafi  francesi  da  Suez,  F.  L.  [P  D.)     . 

Idem,  coipirosc.  inglesi  da  Suez,  F.  0.  ;P.  P.j 

ISLANDA  e  FAROER  (isole) 

via  di  Germania,  F.  L.  (P.  D.)    .    .     .    . 

ISOLE  FILIPPINE 

coi  piroscafi  francesi  da  Suez,  F.  0.  fino  ad 
Hong-Kong,  (P.  P.)  . 

LUSSEMBUBGO   (granducato).   —   Come  la 
GERMANIA 

MADERA  (Isole)  —  Come  il  PORTOGALLO 

MALTA 

via  di  Siracusa  coi  piroscafi  italiani,  F.  L. 
(P.D) 

MONACO  (Principato)  —  Vedi  FRANCIA 

MONTENEGRO 

via  di  Trieste,  F.  L.  (P.  D.) 


Tassa  della  lettera 


Grammi    Lire   Cent. 


io 
io 

15 

15 

'■Mi 

7'l. 


TU 
1  'li 


15 


»'(• 


7  'li 


15 


SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE 


Destinazione  delle  lettere. 
Condizioni  e  limiti  della  francatura 

NORVEGIA 

via  di  Germania,  F.  L.  (P.  D.)  .  .  .  . 
via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi ,  F.  L. 

(PO) 

PAESI  BASSI 

via  del  Brennero,  F.  L.  (P.  D.) 

via  del  Moncenisio,  F.L.  (P.D.) 

via  di  Marsilia  coipirosc.  frane,  F.  L.  (P.  D.) 

PAESI  di  OLTREMARE  in  genere 

coi  bastimenti  mercantili  italiani.  F.O.  (P.P.) 
coi  bastimenti  mercantili  frane,  F.  0.  (P.  P.) 
coi  bastimenti  mercantili  inglesi,  F.  0.  (P.  P.) 

PORTOGALLO 

via  di  terra,  F.O.  (P.P.) 

via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi,  F.O. 

(P.  D.) 

ROMANIA  (Moldo  Valachia) 

Galatz  e  lbraila,  via  di  Nabresina,  F.  L.  (P.D. 
Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  francesi  (*) 

F.  L.  (P.  D.) 

Il  resto  della  Romania,  via  di  Nabresina,  F.L. 

(P.D.)  .     . 

RUSSIA  e  POLONIA 

via  d'Austria  e  via  Germania,  F.  L.  (P.  D.) 
via  di  Marsilia  coi  pirosc.  frane,  F.  L.  (P'.  D.) 

SANDWICH  (isole,  o  Regno  Avajano) 

via  di  Francia,  F.O.  fino  a  S.  Francisco  (P.  P.) 
via  degli  Slati  Uniti,  F.O.  id.  (P.P.)     .     . 

S.  MARINO  (Repubb.  di)  —  Come  per  l' interno 


Tassa  della  lettera 

Grammi 

Lire 

Cent. 

15 



65 

*Hi 

— 

80 

15 

L 

40 

10 

— 

50 

7«[2 

— 

70 

(') 

— 

20(2) 

7  ![2 

1 

— 

l*)* 

— 

80 

7'[2 

— 

80 

7*[2 

— 

70 

4  5 

— 

50 

7'l2 

~ 

60 

15 

~ 

50 

15 

__ 

70 

?'[2 

— 

80 

7'h, 

1 

20 

15 

1 

10 

(lì  Colla  progressione  di  peso  stabilita  per  le  lettere  deU' interno 
del  Regno. 
(2)  Coll'aggiuuta  di  nn  diritto  fisso  di  40  centesimi. 
(5)  Solamente  nella  stagione  in  cui  è  libera  la  navig.  del  Danubio. 


>« 


NOZIONI 


Destinazione  delle  lettere. 

Tassa  della  lettera 

Condizioni  e  limiti  della  francatura 

Grammi 

Lire  Cent. 

SERBIA 

via  di  Nabresina,  F.  L.  (P.  D.)    .    .     .    . 

15 

— 

40 

SPAGNA  ed  ISOLE  BALEÀRI 

via  di  terra  F.  L.  (P.D.) 

10 

— 

50 

con  bastimenti  mercantili,  F.  0.  (P.  P.)  .    . 

10 

— 

20 

viv  di  Marsilia  con  piros.  frane. ,  F.  0.  (P.  P.) 

7M2 

— 

60 

SVEZIA 

via  di  Germania,  F.  L.  (P.  D.)      .... 

15 

— 

60 

via  di  Marsilia  coi  piros.  frane,  F.  L.  (P.  D.) 

7*1, 

— 

80 

SVIZZERA 

nel  raggio  limitrofo  dt  45  chilom.,  F.  L.  (P.D.) 

10 

— 

10 

fuori  del  raggio,  F.  L.  (P.  D.) 

10 

— 

30 

TANGERI  (Marocco) 

via  di  Francia,  F.  L.  (P.  D.) 

7'1, 

— 

80 

TRIPOLI  di  BARBERIÀ 

Via  di  Siracusa  F.  0.  (P.  D.) 

15 

— 

40 

TUNISI 

coi  piroscafi  italiani,  via  di  Cagliari  e  via 

Palermo,  F.  L.  (P.  D.) 

15 

— 

40 

TURCHIA 

Bosnia,  via  di  Nabresina,  F.  0.  (P.  P.)     .     . 

15 

— 

60 

Antivari  e  Durazzo,  via  di  Trieste,  F.  L.  (P.  D.) 

15 

— 

60 

Adrianopoli,  Costantinopoli,  Czernawoda,  Fi- 

lippopoli,Kustendié,  Rustschuk, Sofia,  Sulina, 

Tulscha,  Varna,  via  di  Nabresina,  F.L.  (P.D.) 

15 

— 

60 

Bairut,  Costantinopoli,  Dardanelli,  Gallipoli, 

Giaffa,  Kustendiè,  lneboli,  Metelino,  Rodi, 

Salonicco,  Samsun ,    Smirne,    Sulina   Tre- 

bisonda,  Tulscha,  Varna,  via  di  Brindisi, 

F.L.  (P.D.) 

15 

— 

60 

Idem,  via  di  Messina,  coi  piroscafi  fra7icesi, 

F.L.  (P.D.) 

7*1, 

— 

60 

Alessandretta,  Kerasunda,  Kustendjè  Lattac- 

chia,  Mersina,  Ordù,  Scutari  d'Asia,  Tripoli 

di  Soria,  via  di  Messina  coi  piroscafi  fran- 

cesi, F.  L.  (P.  D.) 

7  Ma 

— 

60 

SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE 


73 


Destinazione  delle  lettere. 
Condizioni  e  limiti  della  francatura. 


Tassa  della  lettera 


Grammi    Lire   Cent, 


Burgas,  Candia,  Canea,  Caiffa,  Cavala,  Czer- 
nawoda,  Gerusalemme,  Janina,  Lagos,  Lar- 
naca, Prevesa,  Retimo,  Rusthschuk,  Santi 
Quaranta,  Seres,  Sinope,  Tenedo,  Tschesmè 
(isola  di  Scio),  Valona,  Viddin,  Volo,  via  di 
Brindisi,  F.  L.  (P.  D.) 

Alessandretta,  Bairut,  Caiffa,  Giaffa,  Gerusa- 
lemme, Larnaca,  Lattacchia,  Mersina,  Tripoli 
di  Soria,  via  di  Brindisi- Alessandria,  F.  L. 
(P.D.) 

Àchillò,  Acri  (S.  Giovanni  d'),  Adalia,  Adana, 
Aidin,  Aitos,  Aivali,  Aleppo,  Amasia,  Anga- 
ria, Antiochia,  Argirocastro,  Arta,  Bafram, 
Bagdad,  Bassora,  Batoum,  Beratti,  Bitoglia, 
Brussa,  Carmelo  (Monte),  Caslambol,  Cipro 
(isola),  Damasco,  Delvino,  Dijarbekir,  Dije- 
beil,  Drama,  Dulcigno,  Elbassan,  Enos,  Era- 
clea, Erzerum,  Famagosta,  Fieri,  Gabrowa, 
Gaza,  Isklip,  Jamboli ,  Karnabat,  Kechan, 
Kilit-Bakar,  Lampsaca,  Larissa,  Lemos,  Ma- 
gnesia, Marzaritti,  Merdin ,  Monastir,  Mus- 
soul,  Nicosia,  Orfa,  Paramitia,  Parga,  Pravi- 
sta,  Premet,  Remle  di  Soria,  Rodosto,  Saffet, 
Safranbol,  Saida,  Salahora,  Samos,  Samo- 
trana,  Scalanova,  Scutari  d'Albania,  Siso- 
poli,  Sour  0  Tiro,  Tach-Kupry,  Tarsus,  Tas- 
sos  (isola),  Tepelen,  Tiberiade,  Tossia,  Tri- 
kale 


15 


10 


-     60 


80 


o 


Avvertenze. 

LETTERE  RACCOMANDATE.  —  Si  possono  raccomandare 
lettere  per  lutti  i  paesi  verso  i  quali  la  francatura  è  libera, 
per  il  Portogallo,  Ceylan,  Labuan  e  Hong-Kong  coi  piroscafi 
inglesi;  per  Yukoama  e  Shanghai,  via  degli  Slati  Unili;  per 
l'Australia  via  di  Brindisi-Suez  e  via  di  Malta;  e  per  tutto 
l'Egitto  via  di  Brindisi  e  via  di  Messina,  coi  piroscafi  Rubattino. 

Per  eccezione  a  questa  regola  non  è  ammessa  la  raccoman- 


(•)  Per  questi  paesi  della  Turchia  le  lettere  devono  essere  affran- 
cate anticipatamente. 


^4  NOZIONI 

dazione  delle  lettere  per  gli  Stati  Uniti,  via  di  Marsilia  coi 
piroscafi  francesi. 

11  diritto  fìsso  di  raccomandazione  da  riscuotersi  oltre  la 
tassa  progressiva  di  francatura  è  stabilito: 

a  30  centesimi:  per  l'Austria,  la  Germania,  la  Svizzera; 

a  40  centesimi:  per  Tunisi,  V  Egitto  via  di  Brindisi,  la  Serbia 
via  di  Nabresina,  la  Danimarca  via  di  Germania,  l'Helgo- 
land,  P Islanda  e  le  Isole  Faroer  via  di  Germania,  il  Monte- 
negro via  di  Trieste,  la  Norvegia  via  di  Germania,  la  Ro- 
mania via  di  Nabresina,  la  Russia  via  d'  Austria  e  via  di 
Germania,  la  Svezia  via  di  Germania,  per  diverse  destina- 
zioni della  Turchia  via  di  Nabresina,  di  Trieste  e  Brindisi, 
per  Antivari  e  Durazzo  via  di  Trieste; 

a  50  centesimi:  per  la  Francia  e  l'Algeria,  il  Belgio  e  i 
Paesi  Bassi  via  del  Brennero  e  via  del  Moncenisio,  la  Grecia, 
il  Portogallo,  la  Spagna,  gli  Siali  Uniti  via  d'Ostenda; 

a  60  centesimi:  per  l'Australia  via  di  Brindisi,  di  Malta 
e  S.  Francisco,  per  il  Brasile,  la  Gran  Bretagna,  Hong-Kong 
coi  piroscafi  inglesi,  per  Aden,  l' Indostan  continentale,  Ceylan 
e  Labuan,  coi  piroscafi  inglesi,  e  per  Malta; 

a  90  centes.  :  per  Yokoama  e  Shanghai,  via  degli  Stali  Uniti. 

a  lire  1  e  cent.  30:  per  il  Canada,  il  Nuovo  Brunswich, 
la  Nuova  Scozia,  le  isole  Principe  Edoardo  e  Terranova,  per 
S.  Tomaso,  via  d'Inghilterra,  ec. 

Sulle  raccomandale  per  altri  paesi  o  diversamente  inoltrate, 
si  riscuoterà  il  doppio  della  tassa  progressiva  di  francatura. 

LETTERE  ASSICURATE.  —  Gli  uffici  postali  italiani  di 
l.a  classe  sono  autorizzati  a  ricevere  ed  assicurare  lettere 
contenenti  valori  fino  al  montare  di  lire  3000  dirette  nella 
Svizzera,  nell'Austria  e  in  tutti  gli  Slati  della  Germania.  Si 
noti  che  queste  ultime  devono  sempre  essere  inoltrate  al  loro 
destino  nei  pieghi  per  l'Austria,  e  non  in  quelli  per  gli  uffizi 
di  cambio  germanici. 

Le  lettere  assicurate  non  sono  ammesse  quando  il  loro  peso 
é  maggiore  di  250  grammi. 

CAMPIONI  DI  MERCANZIE.  —  I  campioni  di  merci  per  fruire 
della  facilitazione  di  prezzo  stabilita  dalle  tariffe  devono  es- 
sere francati  anticipatamente  e  non  contravvenire  alle  dispo- 
sizioni dell'art.  28  della  Istruzione  sul  servizio  degli  Uffici. 

Quando  la  loro  natura  lo  richieda,  i  campioni  possono  es- 
sere acconci  entro  sacchetti  di  tela  e  di  carta  ed  assettati  fra 
due  cartoncini. 

Il  peso  di  un  campione  è  limitato: 

a  250  gr.  per  l'Austria; 

a  250  gr.  per  la  Turchia  via  di  Brindisi  e  via  di  Ti*iestet 
«per  la  Romania; 


SUL   SERVIZIO  DELLE  POSTE  JO 

a  250  gr.  per  la  Germania,  la  Danimarca,  Russia,  Svezia 
e  Norvegia  via  d'Austria  e  via  di  Svizzera; 

a  250  gr.  per  i  Paesi  Bassi  via  di  terra; 

a  300  gr.  per  il  Belgio  via  di  terra,  la  Francia,  la  Tur- 
chia e  Tangeri  coi  piroscafi  francesi; 

a  500  gr.  per  Alessandria  d'Egitto,  Tripoli  e  Tunisi  coi  pi' 
rocafi  italiani;  e  per  la  Svizzera. 

Non  si  possono  accetlare  campioni  di  seta  filata  che  siano 
di  un  peso  maggiore  di  100  grammi,  né  campioni  di  semente 
di   bachi  che  eccedano  il  peso  di  15  grammi. 

RACCOMANDAZIONE  DI  CAMPIONI.  —  È  permesso  di  rac- 
comandare i  campioni  di  mercanzie  per  Alessandria  d'Egitto 
via  di  Brindisi;  per  l'Austria,  per  il  Belgio  ria  di  terra,  per 
la  Germania;  per  la  Gran  Bretagna,  per  la  Grecia  via  di  Brin- 
disi; per  l'Helgoland;  per  Malta,  per  i  Paesi  Bassi  via  di 
terra,  per  la  Romania,  per  la  Spagna,  per  gli  Stati  Uniti  via 
d'Ostenda;  per  la  Svizzera,  per  Tunisi  e  la  Turchia  via  di 
Trieste  e  via  di  Brindisi. 

CARTE  MANOSCRITTE.  — «  Le  carte  manoscritte,  sotto  fa- 
scia, per  la  Gran  Bretagna,  Malta,  Alessandria  d'Egitto,  Tri- 
poli e  Tunisi ,  non  accompagnate  da  lettera  o  da  scrittura 
che  abbia  il  carattere  di  una  corrispondenza,  godono  della 
stessa  facilitazione  di  prezzo  stabilita  per  i  campioni,  a  condi- 
zione che  siano  anticipatamente  francale.  Esse  possono  anche 
essere  raccomandate,  aggiungendo  alla  tassa  di  francatura 
il  diritto  di  raccomandazione  rispettivamente  fissato  per  le 
lettere. 

Le  carte  manoscritte  per  la  Francia,  se  francate,  godono 
del  prezzo  ridotto  di  50  cent,  per  porto  di  200  grammi,  ma 
non  possono  essere  spedite  raccomandate  che  alle  condizioni 
e  tasse  stabilite  per  le  lettere. 

RICEVUTE  DI  RITORNO.  —  È  concessa  facoltà  di  far  ac- 
compagnare da  una  polizza  o  ricevuta  di  ritorno,  che  sarà 
restituita  al  mittente  colla  firma  del  destinatario,  le  lettere 
raccomandate  per  Alessandria  d'Egitto  via  di  Brindisi;  l'Au- 
stria, il  Belgio,  e  i  Paesi  Bassi,  via  del  Brennero  o  del  Mon~ 
cenisio ;  il  Brasile  coi  piroscafi  inglesi  e  francesi,  la  Francia 
e  l'Algeria;  la  Germania;  la  Spagna,  il  Portogallo,  la  Ro- 
mania, la  Russia  via  d'Austria;  la  Svizzera,  Tunisi  e  la 
Turchia  via  di  Trieste,  di  Nabresina  e  di  Brindisi,  Per  la 
spedizione  di  questa  polizza  si  riscuoterà  il  diritto  fìsso  di 
20  centesimi. 

Le  lettere  dirette  all'Estero  contenenti  danaro  «d  oggetti 
di  valore  non  possono  aver  corso. 


7  6  NOZIONI 

STAMPE. 

Spiegazione  delle  abbreviazioni. 

P.  D.  Francatura  fino  a  destinazione  —  P.  P.  Francatura 
parziale  cioè  limitata  al  confine  di  uno  Stato  estero  intermedio. 


Paesi  di  destinazione. 
Limite  della  francatura 


AUSTRIA 
P.  D 

BELGIO 

via  del  Brennero  e  via  del  Moncenisio,  P.  D.    . 
via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi,  P.  P.     .    . 

DANIMARCA 

via  di  Germania,  P.  D 

via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi,  P.  D. 

EGITTO 

Alessandria,  via  di  Brindisi  coipirosc.  Hai.  P.  D. 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  Rubattiuo,  P.  D. 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  francesi    .     . 

Cairo,  Suez  e  Porto  Said,  via  di  Brindisi  coi  piro- 
scafi italiani,  P.  P 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  RubattinorP.  D. 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  francesi,  P.  D. 

Il  resto  dell'Egitto,  via  di  Brindisi  coi  piroscafi 
italiani,  P.  P 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  Rubattino,  P.D. 

Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  francesi,  P.  P. 

FRANCIA  ed  ALGERIA 

via  di  terra  e  via  di  mare  coi  pirosc.  post. ,  P.D. 
con  bastimenti  mercantili  P.  D 

GERMANIA 

P.D 

GIBILTERRA 

via  di  Spagna,  P.  D 

via  d' Inghilterra,  P.  P. 


Tassa 
delle  stampe 


Grammi  Cent 


SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE 


77 


Paesi  di  deslinazione. 
Limite  della  francatura 


Tassa 
delle  stampe 

Granimi  Cent. 


GRAN  BRETAGNA  ed  IRLANDA 
P.  D 

GRECIA 

via  di  Brindisi  coi  pirosc.  ital.  ed  austr. ,  P.  D. 
via  di  Messina  coi  piroscafi  francesi,  P.  D.  .     .    . 

LUSSEMBURGO  (Granduc.)  —  Come  la  GERMANIA 

MALTA 
Via  di  Siracusa  coi  piroscafi  italiani,  P.  D.    . 
MONACO  (Principato)  —  Come  per  la  FRANCIA 

MONTENEGRO 

via  di  Trieste,  P.  D 

NORVEGIA 

via  di  Germania,  P.  D 

via  di  Marsiglia  coi  piroscafi  francesi,  P.  P.    .     . 

PAESI  BASSI 

via  del  Brennero  e  via  del  Moncenisio,  P.  D.    . 
via  di  Marsilia,  coi  piroscafi  francesi,  P.  P. 

PAESI  D'OLTRE  MARE  in  genere 

Coi  bastimenti  mercantili  che  salpano  dai  porti 

italiani  P.  P 

francesi,  P.  P 

inglesi,  P.  P 

PORTOGALLO 

via  di  terra,  P.  D 

via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi,  P.  P. 

ROMANIA 

Galatz,  e  Ibraila,  via  di  Nabresina,  P.  D.  .  . 
Idem,  via  di  Messina  coi  piroscafi  francesi,  P.D. 
Il  resto  della  Romania,  via  di  Nabresina,  P.  D. 


40 


40 
40 


40 


40 


40 
40 


40 
40 


40 
40 

40 


45 
40 


40 
40 
40 


78 


NOZIONI 


Paesi  di  destinazione. 
Limite  della  francatura 


RUSSIA  e  POLONIA 

via  d'Austria  e  via  di  Germania,  P.  D.     .     . 

via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi,  P.  D.     . 

S.  MARINO  (Repubblica)  —  Come  per  l'Interno 

SERBIA 

via  di  Nabresina,  P.  D 

SPAGNA  ed  ISOLE  BALEARI 

via  di  terra,  P.  D 

con  bastimenti  mercantili,  P.  P 

via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi,  P.  P.  . 

SVEZIA 

via  di  Germania,  P.  D 

via  di  Marsilia  coi  piroscafi  francesi,  P.  P.  . 

SVIZZERA 

P.  D 

TANGERl  (Marocco) 

via  di  Francia,  P.  D 

TRIPOLI  DI  BARBERIA 

via  di  Siracusa,  P.  D 

TUNISI 

via  Cagliari  coi  piroscafi  italiani,  P.  D.      .     . 

TURCHIA 

ÌP  P 
p'  D 


Tassa 
delle  stampe 


Grammi      Cent. 


40 
40 


40 


40 
40 
40 


40 
40 


40 
40 
40 
40 


40 
40 


Avvertenze. 

Sotto  il  titolo  di  stampe  si  comprendono  le  gazzette,  i  gior- 
nali, le  opere  e  le  pubblicazioni  periodiche  e  non  periodiche 
d'ogni  genere,  i  libri,  gli  opuscoli,  i  cataloghi,  i  bullettini 
di  borsa  e  di  prezzi  correnti,  i  prospetti,  i  cartelli,  le  carte 
di  musica,  le  carte  di  visita,  le  carte  geografiche,  le  circo- 


SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE  79 

lari  stampate  o  litografate,  le  incisioni,  le  litografie  e  le 
fotografìe. 

Le  stampe  devono  sempre  essere  acconcie  sotto  fascie  o 
semplicemente  piegate  in  mudo  che  gli  uffìziali  postali  pos- 
sano facilmente  verificarle,  e  non  devono  portare  né  inter- 
namente né  sulle  fascie  veruno  scritto  o  segno  qualunqne  che 
possa  servire  di  corrispondenza.  Quelle  dirette  in  Francia  non 
potranno  però  essere  accomodate  altrimenti  che  sotto  fascia. 

È  vietato  l'uso  di  porre  entro  busta  aperta  le  circolari, 
gli  avvisi,  le  carte  di  visita,  le  fotografìe  ed  ogni  altro  ge- 
nere di  stampe  per  qualunque  destinaziony  all'estero. 

La  francatura  delle  stampe  è  obbligatoria.  La  francatura 
fino  a  destinazione  é  rappresentata  dal  bollo  P.  D.;  e  dal 
bollo  P.  P.  quando  essa  é  parziale,  cioè  limitata  al  confine 
di  uno  Stato  estero  intermedio.  Alle  stampe  non  francate  di- 
rette in  Inghilterra,  Malta,  Svizzera,  Grecia,  Tripoli,  Tunisi, 
Egitto,  Belgio,  Spagna,  Portogallo,  Stati  Uniti  e  Brasile,  e  nei 
paesi  a  cui  queste  Amministrazioni  servono  di  mediatrici, 
non  si  darà  corso;  e  se  ne  farà,  possibilmente,  la  restituzione 
ai  mittenti.  Quelle  non  francate  per  tutti  gli  altri  Stati  saranno 
considerate  e  trattate  come  lettere. 

Per  la  Francia  e  l'Algeria,  per  Tangeri,  per  gli  scali  del  Le- 
vante coi  piroscafi  postali  francesi,  per  la  Gran  Bretagna, 
Malta,  il  Belgio,  la  Grecia,  Tunisi,  l'Egitto,  il  Brasile,  per 
i  paesi  d'oltremare  in  genere  via  d'Inghilterra,  per  l'Au- 
stria per  la  Germania  e  paesi  al  di  là  via  di  Germania,  e 
per  la  Svizzera  si  possono  spedire  libri  rilegati  e  stampe  di 
piccola  dimensione  avvolte  su  rotoli  di  legno. 

Per  la  Spagna  i  biglietti  di  visita  non  hanno  corso,  e  le  carte 
geografiche,  i  disegni  ,  e  i  fogli  di  musica  sono  ammessi 
solamente  quando  stanno  alligati  a  pubblicazioni  periodiche. 

Le  prove  di  stampa  corrette  sono  ammesse  come  slampe 
ordinarie  per  l'Austria,  il  Belgio,  la  Germania,  la  Gran  Bre- 
tagna, Malta,  i  Paesi  Bassi,  la  Svizzera,  Tripoli,  Tunisi  e 
l'Egitto,  via  di  Brindisi.  Quelle  per  la  Grecia,  via  di  Brindisi, 
sono  trattale  come  campioni;  quelle  per  la  Francia  come  carte 
manoscritte;  per  ogni  altro  Stato  pagano  la  tassa  delle  lettere. 

Non  sono  ammesse  spedizioni  di  plichi  di  stampe  per  l'In- 
ghilterra il  cui  volume  ecceda  7  decimetri  in  lunghezza,  e 
35  centimetri  in  larghezza  ed  altezza  ;  né  quelli  eccedenti  6 
decimetri  in  lunghezza  e  3  decimetri  in  larghezza  ed  altezza, 
diretti  negli  Stati  Uniti. 

Non  si  accettano  plichi  di  stampe  per  la  Germania  di  un 
peso  maggiore  di  250  grammi,  né  maggiore  di  1000  grammi 
per  la  Svizzera. 


80  NOZIONI  SUL  SERVIZIO  DELLE  POSTE 

Si  possono  raccomandare  le  slampe  sotto  fascia  a  destino 
della  Gran  Bretagna  e  di  Malta,  della  Spagna,  del  Porto- 
gallo, della  Svizzera,  del  Belgio  e  dei  Paesi  Bassi  via  del  Bren- 
nero e  del  Moncenisio;  dell'Austria,  della  Germania,  dell'  Hel- 
goland,  della  Grecia,  di  Tunisi,  di  Alessandria  d'Egitto, 
della  Romania  e  della  Turchia,  via  di  Brindisi  e  via  di  Na- 
bresina  e  via  di  Trieste;  degli  Stati  Uniti  e  del  Brasile  pa- 
gando, oltre  la  tassa  di  francatura,  il  diritto  di  raccoman- 
dazione stabilito  per  le  lettere. 


JUNG  E  COMP. 
SUCCESSORI  ALL'IMPRESA  FRANCHETT1 

(Via  Agnello  7  e  via  s.  Radegonda  IO.) 

1/  impresa ,  gerita  dal  signor  Maurizio  M.  Jung , 
s'incarica:  —  i.°  del  trasporto  di  colli,  pacchi  e  gruppi, 
a  grande  e  piccola  velocità,  con  presa  e  resa  a  domi- 
cilio, per  Italia,  Francia,  Belgio,  Inghilterra,  Germa- 
nia ed  America  meridionale  e  settentrionale;  -  i,°  di 
incassi,  commissioni  e  rappresentanze. 

MOVIMENTO 

di  Regie  Messaggerie  Postali  giornaliere 

fra 

Cremona,  Piadena,  Bozzolo,  Gastellucchio  e  Mantova. 

Cremona,  Casalmaggiore,  Gazzuolo  e  Mantova. 

Corrisp  onden  ti 
in  tutte  le  principali  citta  d*  Europa. 

Agenzia 
delle  Messaggerie  Nazionali  di  Francia, 
della  Compagnia  italo-platense  di  navigazione  a  vapore 
fra  Genova,  il  Brasile  ed  il  Rio  della  Piata. 

Avvertenze, 
Le  tariffe  trovansi  ostensibili  nelF  ufficio  dell'  Impre» 
sa,  ed  a  norma   delle  circostanze  si  praticano  prezzi 
di  composizione. 


IMPRESE   PER   TRASPORTI  01 

IMPRESA  MERZARIO. 

Spedizioni  per  tutti  i  paesi;  operazioni  di  dogana; 
trasporto  a  domicilio;  commissioni  ed  incassi. 

Milano }  via  s.  Dalmazio  2.  — •  Como,  piazza  del  Duomo  /J78-7I.  *— • 
Chiavvnna  }  dal  signor  Filippo  Maltoi.  —  Morbegno ,  Sondrio ,  77- 
rano  e  Bormio ,  dai  signori  Villa  e  Cao.  —  Genova,  via  Luccoli, 
ex-  Ufficio  della  Corriera  di  Milano.  —  Firenze,  dai  signori  Afelio 
e  Ballesio  —  Bologna  ,  dal  signor  Luigi  Meni.  —  Ancona,  dal  si- 
gnor Giuseppe  Mohr.  —  Roma,  dai  signori  A.  Passalia  e  C.  —  iVii- 
poli  e  Palermo ,  dai  signori  Palazzi  e  Occhetta  —  Torino,  dal 
signor  G.  G.  Ballesio.  —  Modena  ,  dai  signori  Vincenzo  Bortolami 
e  C.  e  dai  signori  eredi  di  Gaetano  Poppi.  —  Novara,  dal  signor 
Antonio  Travelli.  —  Venezia,  dal  signor  Leopoldo  Paternolli. 

DUE  PARTENZE  GIORNALIERE 

da  Milano  per  Como,  Lago  di  Como,  Colico,  Morbegno, 
Sondrio,  Tirano  e  Bormio. 

Servizio  speciale  di  condotte  con  furgoni  tra  Colico, 
Morbegno  Sondrio  e  Tirano,  coll'Impr.  Meneghini  e  C. 

UNA  PARTENZA  GIORNALIERA 
da  Milano  per  Como,  Lago  di  Como,  Colico,  Chiavenna 

in  corrispondenza  coi  Corrieri  Svizzeri 

PEB   SlLVAPLANA,    SAN  MAURIZIO,    SAMADEN   E   SCHULZ 
PER  CAMPODOLCINO,    SPLUGA  E   COIRÀ. 

La  suddetta  Impresa  continua  pure,  come  pel  pas- 
sato, le  sue  spedizioni  a  mezzo  delle  Poste  Federali 
Svizzere,  per  tutta  la  Svizzera,  Germania,  Belgio, 
Olanda,  Francia,  Inghilterra,  Russia  ed  Austria. 


Guida  1871  —  6 


82  IMPRESE  PER  TP.ASPORTI 

IMPRESA  GIACOMO  BONO  e  C. 

(Milano,  via  Agnello  8  —    Varese,  contr.   S.    Vittore   17 5.) 

Trasporti  diretti  di  merci  tanto  a  grande  che  a  pic- 
cola velocità,  per  tutte  le  destinazioni. 

Servizio  speciale  per  la  Francia,  l'Inghilterra, 
la  Germania  e  l'Egitto. 

Corrispondenti. 

Lione  —  C.  Bless,  quai  de  THópital  i5. 

M'     ;ilia  —  Moreau  Frères. 

P      gi  —  LangstafF,  Ehrenberg  et  Pollale. 

B     ilogne  s/m  —  Bonnet  Frères^  E.  Quignon  et  G. 

I     ndra  —  G.  Carr  et  C. 

maco  —  Fischer  et  Rechsleiner. 

Operazioni  in  Dogana. 


IMPRESA  DEI  FRATELLI  MAURI. 

(Ricapito  in  Milano  presso  V  Impresa  G.  Bono  e  C. 
via  Agnello  8.) 

Due  corse  giornaliere  di  Diligenze  sia  cT  andata 
che  di  ritorno 

fra  Milano  -  Lecco  e  Milano  -  Oggiono 

sempre  in  coincidenza  colla  Ferrovia. 

Prezzo  della  corsa ,  compreso  V  Omnibus 

Posti  da  Monza  a   Lecco  i.a  Classe  L.  3.  5o 

»  99  2.a  »  »    2.    50 

»      a  Oggiono  i.a        »       »  2.  j5 

99  »  2.a  »         »   2.   25 

1/  Impresa  s*  incarica  del  trasporto  di  Merci,  Pac- 
chi e  Gruppi  in  Gassa  forte» 


IMPRESE  TER  TRASPORTI  83 

IMPRESA  VARESINA. 

Oltre  le  corse  giornaliere  di  Diligenza  con  Messag- 
geria Varese-Como,  Varese-Laveno,  tiene  ricapilo  della 
Diligenza  federale  Svizzera  Vàrese-Mendrisio,  omnibus 
per  servizio  della  stazione  e  carrozze  a  disposizione,  e 
continua  nel  servizio  spedizioni  da  e  per  la  ferrovia 
con  presa  e  resa  a  domicilio. 

RICAPITI 

In  Varese,  nel  proprio  ufficio,  corso  Pozzo vachet- 
to  2o3j  in  Milano,  presso  l'Agenzia  G.  Bono  e  C, 
via  Agnello  8;  in  Como,  all'albergo  del  Leoncino; 
in  Laveno,  all'albergo  della  Posta. 


IMPRESA  ZERBI. 

R.  MESSAGGERIA  POSTALE  FRA  MILANO, 
SARONNO,  TRADATE  E  VARESE. 

(L*  Ufficio  in  Milano  e  nell'  albergo  della  Madonna  del  Monte  via 
Cusani  io ,  in  Saronno  contrada  Garibaldi  29,  in  barese  all'al- 
bergo dell'angelo.) 

Tre  corse  giornaliere  in  andata  ed  altrettante  in  ri- 
torno, variando  l'orario  col  variare  delle  stagioni. 

Prezzo  delle  corse. 

Da  Milano  a  Saronno      .     •  L.   i.  5o 

a  Tradate       .     .     »  2.  —  coupé  L.  2.  So 
.  a  Varese   .     .     .     «  2.  5o       »      »    3.  — • 


R.  MESSAGGERIA  POSTALE  E  VELOCIFERO 

FRA  MILANO,  ABBIATEGRASSO  E  VIGEVANO. 
(  Milano j  via  Valpetrosa  IO.) 

Tutti  i  giorni,  meno  la  Domenica. 


84  IMPRESE  PER  TRASPORTI 

IMPRESA  CERIANI 

FRA  MILANO,  ABBI ATRGR ASSO  E  VIGEVANO. 

{All'albergo   del   Gran  Parigi  detto  del  Ponzone , 
via    Valpelrosa  3  e  5.) 

Due   corse  giornaliere  d'andata  e    di    ritorno,  per 
Irasporto  di  passaggieri,  merci  e  gruppi. 


IMPRESA  VIGEVANO 

(detto  marchese) 

FRA  MILANO,  ABBIATEGRASSO  E  VIGEVANO 

All'  Albergo  suddetto. 

Dne  corse  come  sopra. 


VETTURE  PER  CITTÀ  E  CAMPAGNA. 

Proprietari. 

Banfi  Giovanni,  corso  P.  Romana  71. 

Banfi  Pietro,  via  Larga  21. 

Barbieri  Angelo,  via  s.  Girolamo  32. 

Bartezaghi  Carlo,  sobborgo  di  s.  Gottardo  77. 

Beretla  Giovanni,  via  Circo  8. 

Berta  Ernesto,  via  Asole  8. 

Bolla  Teresa,  vedova  De  Micheli,  via  Olona  io. 

Bottini  Francesco,  sobborgo  Porla  Vittoria  3o. 

Brioschi  Carlo,  corso  P.  Romana  77. 

Brugora  Gaetano,  via  s.  Vittore  8. 

Bruschetti  Giuseppe,  via  Tre  Alberghi  17. 

Bugatli  Francesco,  via  s.  Maurilio  io. 

Bussi  Giacomo,  ponte  s.  Andrea. 

Cardinale  Francesco,  sobborgo  P.  Tenaglia  2. 

Caremi  Marco,,  via  Passarella  22. 

Cattaneo  Luigi,  CG,  SS.  strada  alla  Darsena  95. 


VETTURE   PRIVATE 


$5 


Cicondlo  Giulio,  sobborgo  P.  Vittoria  3o. 

Colombo  Carlo,  via  Meravigli  16. 

Colombo  Giovanni,  via  Passarella  16. 

Colombo  Giovanni,  via  Ponlaccio  i4» 

Colombo  Michele,  Foro  Bonaparte  8. 

Comizzoli  Giuseppe,  CO.  SS.  di  P.  Venezia  93. 

Conti  Carlo,  via  Cusani  io. 

Corbella  Antonio,  via  Pasquirolo  1. 

De  Giorgi  Pietro,  via  s.  INicolao  1. 

Dell'Era  Luigi,   via  Valpetrosa   3   e  5,  albergo  del 

Ponzone. 
De  Magislris  Gaetano,  via  Cappello  9. 
Dini  Teresa  ved.  Turati,  sobborgo  P.  Garibaldi  234» 
Fiora  Antonio,  via  Gian  Giacomo  Mora  16. 
Franceschetti  Pietro,  via  Spiga  48. 
Franchi  Carlo,  via  Cappuccio  3. 
Frigerio  Nereo,  via  s.  Raffaele  2. 
Gavotto  Camillo,  nell'albergo  Milano. 
Genzana  Francesco,  via  Ratti  3. 
Giussani  Antonio,  via  Cappuccini  6. 
Lissoni  Domenico,  sobborgo  P.Venezia,  a  s.  Francesca 

Romana  88. 
Lissoni  Gaetano,  CC.  SS.  di  P.  Vittoria  39  A. 
Lissoni  Luigi,  CC.  SS.  di  P.  Magenta  7. 
Macchi  Angelo,  via  Manara  6. 
Marchesi  Giovanni,  via  Falcone  7. 
Massini  Giovanni,  via  s.  Gerolamo  io. 
Mazzeri  Paolo,  corso  s.  Celso  48. 
Mella  Angelo,  via  Larga  16. 
Merini  Tomaso,  via  Amedei  5. 
Oriani  Maria  vedova  Colombo,  via  Nirone  io. 
Orlandi  Modesto,  corso  P.  Romana  28. 
Parazzoli  Girolamo,  via  Solferino  3. 
Pasta  Giovanni,  via  s.  Pietro  all'Orlo   12. 
Perelli  Antonio,  sobborgo  P.  Tenaglia. 
Perizzo  Bernardino.  Angelo,  via  Meravigli  12. 
Ripamonti  Angelo,  vicolo  s.  Carlo  5. 


86  VETTUBE  PRIVATE 

Ronchi  Ferdinando,  via  Meravigli  8. 

Rosti  Antonio,  via  s.  Clemente  8. 

Società  Anon.a  degli  Omnibus,  sobborgo  P.Venezia  4  A. 

Tagliabue  Giovanni,  via  s.  Giovanni  sul  Muro  3j. 

Tentorio  Luigi,  corso  s.  Celso  6. 

Toselli  Francesco,  via  s.   Raffaele  i3. 

Tosi  Caterina  ved.a  Castellani,  corso  P.  Ticinese  92. 

Vecchi  Luigi,  via  s.  Pietro  Camminadella  22. 

Vigano  Giacinto,  via  Rugabella  17. 

Vismara  Antonio,  via  Fieno  9. 

Zanetti  Giuseppe,  via  s.  Protaso  1. 

Zanoli  Zaccaria  Enrico,  via  Pesce  5. 


BROUGHAMS. 

Tariffa  per  l'interno  della  città,  sobrorghi,  cimiteri 
e  stazioni  delle  strade  ferrate,  sia  di  giorno,  sia  di  notte 

(Numeri  bianchi.) 

Per  una  corsa,  qualunque  sia  il  tempo  della  sua 

durata L.   1. — 

Per  un  servizio  che  non  oltrepassi  la  mezz'  ora  »    1.  — 

Per  ogni  ora  di  servizio »    1.  5o 

Per  mezz'ora  oltre  un'ora  o  più  ore  di  servizio  »    1.  — 
Per  ogni  oggetto  di  bagaglio  che   non  si  possa 

collocare  nella  vettura     ......»—.  i5 

Nel  calcolare  la  durata  di  un  servizio  la  frazione  di 
un'ora  si  valuta  per  un'  ora  intiera  se  sorpassa  la  mez- 
z'ora, altrimenti  si  valuta  per  mezz'ora. 

Tariffa  fra  le  stazioni  della  strada  ferrata, 
la  Città  ed  il  Comune  dei  CC.  SS.,  sia  di  giorno,  sia  di  notte. 

(Numeri  rossi). 
Per  un  servizio  della  durata  fino  alla  mezz'ora  L.    1.  i5 
«  »  fino  ad  un'ora.      »    1.^5 

Per  ogni  mezz'ora  successiva  di  servizio    .     »    1.— 
Per  ogni  oggetto  di  bagaglio  che  non  possa  es- 
sere contenuto  nella  vettura      .     .     .     .     »  -.  25 


BROUGHAMS  87 

La  mezz'ora  cominciata  pagasi  come  completa. 

Il  servizio  s' intende  cominciato  dal  momento  in  cui 
la  vettura  viene  slaccata  dal  posto  in  cui  staziona,  e 
terminato  nel  momento  in  cui  la  vettura  viene  abban- 
donala dalle  persone  che  se  ne  servirono. 

Quando  le  vetture  trovansi  ai  posti  loro  assegnata, 
i  cocchieri  non  possono  per  ragione  alcuna ,  né  sotto 
pretesto  di  essere  già  impegnati,  rifiutare  il  servizi* 
alle  persone  che  lo  richieggono. 

E  severamente  proibito  ai  cocchieri  di  domandare, 
neanche  per  titolo  di  mancia,  un  compenso  maggiore 
di  quello  stabilito  nella  suesposta  tariffa. 

I  cocchieri  che  condurranno  persone  a  teatri  od 
altri  convegni  di  pubblico  divertimento  potranno  esi- 
gere il  pagamento  anticipato. 

Chi  avesse  qualche  lagnanza  a  porgere  contro  le 
persone  addette  alle  vetture  pubbliche  numerate  in 
bianco,  è  pregato  di  rivolgersi  all'  Ufficio  di  Sorve~ 
glianza  nel  palazzo  civico  Marino  od  agli  Uffici  muni- 
cipali di  mandamento^  indicando  il  numero  della  vettura 
della  quale  si  sarà  servito;  i  reclami  contro  il  perso- 
nale delle  vetture  numerate  in  rosso  si  faranno  o  al- 
l' Ufficio  letture  alla  Stazione  delle  strade  ferrate,  od 
all'Ufficio  municipale  dei  Corpi  Santi,  via  Crocifìsso  1 1  , 


OMNIBUS. 


Essi  attraversano  le  vie  principali  della  città,  facendo 
capo  alla  piazza  del  Duomo  e  a  piazza  Fontana.  La 
Società  anonima  degli  Omnibus  attende  anche  al  ser- 
vizio della  ferrovia.  I  conduttori  degli  Omnibus  hanno 
l'obbligo  di  percorrere  lo  stradale  indicato  nella  rispet- 
tiva licenza. 

Per  ogni  persona  e  corsa  da  o  per  la  stazione 
della  ferrovia Cent.  1 5 

Per  ogni  corsa  da  un   punto   all'altro    della 
linea  nell'interno  della  città w   io 


88  OMNIBUS 

Per  ogni  valigia  od  oggetto  che  non  possa  col- 
locarsi nell'interno  dell'Omnibus  senza  incomodo 
dei  passaggieri c     .    Cent.  25 


SOCIETÀ  ANONIMA  DEGLI  OMNIBUS. 

(CC.   SS.  di  Porta    Venezia  l\  A.) 

Centro  del  suo  esercizio  interno  è  la  piazza  del 
Duomo,  donde  da  5  in  5  minuti  parte  un  veicolo  per 
s.  Vittore  grande  e  per  ciascuna  delle  porle  Venezia, 
Principe  Umberto,  Nuova  per  la  via  del  Giardino,  ed 
altro  per  la  via  Solferino,  Garibaldi,  Tenaglia,  Ma- 
genta ,  Ticinese ,  Romana  e  Vittoria,  mentre  altret- 
tanti veicoli  da  questi  punti  estremi  della  città  afflui- 
scono al  centro.  Nella  sala  d'  aspetto,  aperta  a  comodo 
dei  passaggieri  in  piazza  del  Duomo,  e  die  serve 
pure  di  ricapito  alla  Direzione,  è  sempre  esposto  il 
registro  dei  reclami. 

Oltre  al  servizio  interno,  avvi  pure  V  esterno  o  fer- 
roviario in  coincidenza  con  tutte  le  corse,  dalle  sta- 
zioni delle  strade  ferrate  a  qualunque  punto  della 
città;  la  principale  stazione  di  questi  Omnibus  trovasi 
pure  in  piazza  del  Duomo,  da  dove  i  legni  muovono 
per  le  stazioni  mezz'ora  prima  della  partenza  d'ogni 
convoglio. 

Il  prezzo  per  un  posto  e  per  una  corsa  interna,  dalla 
piazza  cioè  del  Duomo  a  qualunque  delle  Porte  o  vi- 
ceversa, è  di  centesimi  io  tanto  di  giorno  ebe  di 
sera.  —  Dalle  stazioni  della  ferrovia  a  qualunque  punto 
della  città  e  viceversa,  tanto  di  giorno  ebe  di  notte, 
cent.  'i5.  —  Per  ogni  bagaglio  di  poco  volume  cente- 
simi 25;  per  i  voluminosi  cent.  5o  ;  i  bagagli  si  ponno 
depositare  alla  sala  d'aspetto,  ritirando  una  bolletta  di 
ricevuta,  contro  pagamento  di  cent.   io. 

Oltre  il  servizio  degli  Omnibus  la  Società  ba  atti- 
vati eleganti  e  comodi   servizii  per  città  e  per  cam- 


OMNIBUS  89 

pagna  a  prezzi  modicissimi.  Ha  pure  assunto  in  ap- 
palto dal  Municipio  anche  il  servizio  funerario  di  tutta 
la  città  di  Milano. 

Il  Consiglio   di   vigilanza  della  Società  è  composto 
dai  signori: 

Presidente, 

Carones  Pietro  -  via  Cappuccio  7. 

Consiglieri. 

Ravizza  Mansueto  -  corso  s.  Celso  6. 

Perelli  Paradisi  Tomaso  -  via  Monforle  8. 

Bolgeri  Serafino  -  via  Bochetto  8. 

Ferrini  Giovanni  Batt.  -  CC.  SS.  di  P.Venezia  609. 

Direttore 

Osculati  Emilio  -  via  Principe  Amedeo  3. 

Ragioniere  -  Segre  tario . 

Vacani  Rafaele  -  via  Carlo  Porta  5. 

Capo  personale* 

Puricelli-Guerra  rag.  Enrico,  via  Meravigli  io. 


PIROSCAFI  SUL  LAGO  MAGGIORE 

(L* Jmninistrazione    dell'Impresa   di  navigazione  su  questo   lago 
e  rappresentata  dalla  ditta  Innocente  Mangili  3  via   Andcgari  l\.) 

Due  corse  ascendenti  e  discendenti,  in  coincidenza 
colle  corse  di  Ferrovia  sul  tronco  Arona-Novara,  e  colle 
corse  di  diligenze:  a  Laveno  per  Varese  e  Como;  a 
Magadino  per  la  Svizzera;  a  Baveno  e  Pallanza  per 
Domodossola;  a  Luino  per  Lugano;  a  Locamo  perla 
Svizzera. 


90  PIROSCAFI  LACUALI 

Tariffa  dei  prezzi,  olire  la  tassa  erariale  di  5  cent. 


i.a 

Glasse 

2.a 

Classe 

Arona    .     .     . 

L. 



L. 

—  _ . 

Angera  .     . 

99 

—  5o 

n 

~4o 

Meina     .     .     . 

.                  » 

—  5o 

» 

—  40 

Lesa       .     .     . 

•                  99 

—  90 

99 

—  60 

Belgirate     . 

•                  » 

~95 

99 

—  60 

Stresa     . 

99 

1  4° 

99 

—  85 

Isola  Bella  .     . 

.                 » 

1  5o 

99 

—  90 

Baveno  .     .     . 

99 

1  70 

99 

1  — 

Feriolo  .     .     . 

93 

1  95 

99 

1  i5 

Suna 

•                   99 

1  85 

99 

I     IO 

Pallanza       .     . 

»9 

1  70 

» 

I  — 

Intra 

t                   » 

2  — 

99 

I    20 

Laveno 

» 

2  3o 

» 

1  35 

Porto  valtra  vaglia 

99 

3  — 

99 

1  70 

Ghiffa     .     .     . 

n 

2  3o 

99 

1  35 

Oggebbio   .     . 

99 

2  60 

99 

1  5o 

Cannerò 

99 

3  — 

99 

1  70 

Luino     .     . 

•                  99 

3  35 

« 

1  90 

Maccagno  inf.e  e  si 

jp.C        » 

3  75 

99 

2    IO 

Canobbio    .     .     , 

» 

3  5o 

99 

2  — 

Brissago 

99 

3  95 

n 

2  20 

Ascona        .     .     . 

99 

4  4o 

99 

2  45 

Locamo      .     .     . 

99 

4  80 

99 

2  65 

Magadino    .     .     , 

« 

4  80 

99 

2  65 

AVVERTENZE. 
Le  partenze  da  Arona,  Pallanza,  Intra,  Laveno  e 
Luino,  nelle  corse  ascendenti,  e  da  Magadino,  Locar- 
no,  Luino,  Laveno,  Intra  e  Pallanza  nelle  discendenti 
non  avranno  luogo  prima  delle  ore  fissate;  dagli  altri 
scali  le  partenze  potranno  succedere  anche  io  minuti 
prima  delle  ore  sopraindicate.  Le  partenze  da  Arona 
saranno  regolate  dall'  orologio  della  stazione.  Nei  gior- 
ni di  nebbia  i  piroscafi  non  si  fermeranno  agli  scali 
di  Angera,  Meina?  Lesa,  Isola  Bella,  Baveno,  Feriolo, 
Suna,  Maccagno  ed  Ascona. 


PIROSCAFI  LACUALI  91 

PIROSCAFI  SOL  LAGO  DI  COMO. 

Nella  stagione  invernale  sono  istituite  due  corse  gior- 
naliere tanto  da  Como  a  Colico,  quanto  da  Colico  a 
Como,  ambedue  in  coincidenza  colle  corse  della  Strada 
ferrata  ;  nella  stagione  estiva  vi  saranno  tre  corse  gior- 
naliere fra  Como  a  Colico.  Nei  giorni  di  sabato  non 
festivi  vi  sarà  una  corsa  da  Como  e  da  Colico  per 
Lecco  con  ritorno  ai  punti  di  partenza.  Nei  giorni  di 
mercoledì  non  festivi  avrà  luogo  una  corsa  da  Colico 
per  Lecco  e  ritorno,  toccando  gli  scali  di  Bellagio  e 
Tramezzo. 

La  Società  dei  Piroscafi  ha,  da  varii  anni,  stabilito 
un  servizio  cumulativo  pel  trasporto  dei  passaggieri, 
dei  bagagli  e  delle  merci  col  mezzo  delle  ferrovie  ita- 
liane alle  principali  città  d*  Italia,  e  col  mezzo  del  ser- 
vizio postale  e  delle  ferrovie  svizzere  per  tutta  la 
Svizzera  e  la  Germania. 

Alla  stazione  ferroviaria  di  Milano  si  rilasciano  bi- 
glietti direttamente  per  Como,  Tramezzo,  Cadenab- 
bia,  Bellagio,  Menaggio  e  Colico,  e  si  registrano  ba- 
gagli per  Como  e  per  tutte  le  stazioni  lacuali;  come 
pure  a  bordo  dei  piroscafi  si  accettano  bagagli  e  si 
rilasciano  biglietti  direttamente  per  Milano. 

Tariffa  dei  prezzi  oltre  la  tassa  erariale  di  5  cent» 

Da  Como  a  i.a  Classe   2.a  Classe 

Torno L.   i  —    L.  —  55 

Moltrasio,  Carate,Laglio,  Torriggia  »     i    i5     »  —  60 

Nesso «     i  40     »  —  85 

Argegno »     2  —     «     1    io 

Campo,  Lenno  e  Lezzeno      .      .      «     2  20     »      1  3o 
Tramezzo  e  Bellagio   .      .  .     »     2  55     »      1  4° 

Menaggio »     2  85     »      1  5o 

Varenna  e  Bellano        .     ...»     3  io     »     1  65 
Rezzonico  e  Dervio  »     3  4°     "     l  7^ 


gì  PIROSCAFI  LACUALI 

Cremia  e  Dongo L.  3  5o  L.    i  85 

Gravedona  e  Mandello      .     .     .  »     3  70  »     i  95 

Domaso »     3  ^5  »     2  — 

Colico        »     4  —  «     2  io 

Lecco        »     4  —  «     2  10 

PIROSCAFO  SUL  LAGO  DI  GARDA. 

Due  corse  settimanali  fra  Riva  e  Desenzano,  e  due 
altre  fra  Riva  e  Peschiera,  in  coincidenza  coi  treni- 
omnibus  Milano- Venezia  e  Venezia- Milano, 

Tariffa  dei  prezzi  oltre  la  tassa  erariale  di  5  cent. 

Chil.    fra  Riva  e  i.a  Classe  2.a  Classe 

8     Limone L.  —  80  L.  —  55 

i5     Tremosine »     1  25  »     —  80 

21  Tignale »     1  80  »     1  o5 

27     Gargnano »    2  25  »     1  3o 

36     Maderno »    2  90  «      1  65 

43  Salò «  3  45  «      1   p5 

55  Desenzano »  ^  i5  "     2  4° 

12  Malcesine .  * »»  1   4°  55—70 

22  Castelletto »  1  85  «     1    10 

32  Torri »  2  60  »5     1  5o 

40  Garda »  3  20  «      1   80 

44  Bardolino  ...,,,«     5  5o        »     2  — 

49     Lazize «    3  90       «     2  20 

57     Peschiera »     4  So       »     2  5o 

Nei  giorni  di  nebbia  il  piroscafo  non  si  fermerà  agli 
scali  di  Garda  e  Lazize. 


PIROSCAFO  SUL  LAGO  DI  LUGANO. 

Una  corsa  giornaliera  d* andata  e  ritorno  fra  Lugano 
e  PorJezza  e  fra  Capolago  e  Lugano,  in  relazione  colle 
corse  ferroviarie  di  Camerlata  e  colla  corsa  postale 
Lugano-Luvino. 


HROSCAFI   LACUALI  cfi 

Ogni  martedì  una  seconda  corsa  d'andata  e  ritorno 
fra  Lugano  e  Porlezza. 

A  Porlezza  diligenze  e  vetture  per  il  trasporlo  dei 
viaggiatori  a  Menaggio  e  Lago  di  Como. 

Tariffa  dei  prezzi. 

i.a  Glasse    2. a  Glasse 

Fra  Gapolago  e  Lugano  .     .     .    L.  —  90    L.  —  60 
Fra  Lugano  e  Porlezza    .     .     .     »      2  —     w   —  80 


FATTORINI  DI  PIAZZA. 

(Ricapito  in  Piazza  Mercanti.) 

STAZIONI. 

Piazza  Mercanti  —  Cordusio  —  Ponte  Vetero  —  Piazza 
della  Scala  —  Piazza  San  Carlo  —  Piazza  posteriore  del 
Duomo  —  Via  Bottonuto  —  Carrobbio. 

TARIFFA. 

Per  servizio  di  scorta  e  per  indicazione,  da  uno 
ad  altro  punto  della  citta,  senza  interruzioni 

o  fermate Ita!.  L.  —  3o 

Per  ogni  ora ...._.»—  60 

Per  ricapito   di   lettere,  gruppi,  fatture,  e  di 
tutto    quanto    può    contenersi   nella    borsa, 

per  ciascun  pezzo »  —  20 

Diramazione   con   ricapito  di    circolari,  mani- 
festi,   inviti,    programmi   od    altro    simile, 

per  ogni  cento »     1  5o 

Distribuzione  semplice,  per  ogni  cento.     .     »  —  3o 
Per   ricapito    o   diramazione   negli    immediati 
sobborghi,  un  aumento  per  ciascun  pezzo 
e  per  ogni  cento  di »  —  io 


'C)4  FATTORINI  DI   PIAZZA 

Trasporto  di  bagagli,  casse,  bauli,  e  simili 
in  qualunque  direzione  nelT  interno  della 
città  —  fino  a  Chil.  3o  .     .     .     .     Ital.  L.  —  3o 

«     a  Chil.   So »  —  5o 

»      a  un  quintale »  — -  70 

Pel  trasporto  nei  sobborghi,  un  aumento  per 

ogni  tassa  di n  —  20 

Scarico  di  legna,   fieno,  paglia  dalla  porla  di 

strada  al  fienile  o  solaio,  per  quintale    .      »  —  iS 

Scarico  di  legna  dalla  porta  di  strada  alla  can- 
tina, per  quintale «  —  i5 

Per  una  giornata  di  lavoro  di  12  ore  .     »     3  — 

NB.  Per  gli  abbonamenti  mensili,  anche  per  servigi  dome- 
stici, trasporto  di  mobili  per  tramutamenti  di  domicilio,  e 
per  tutti  quegli  altri  servigi  non  compresi  in  questa  Tariffa,  il 
pubblico  è  pregato  rivolgersi  per  le  trattative  agli  Ispettori 
od  al  ricapito  della  Direzione  in  Piazza  Mercanti. 


SOCIETÀ'  DEI  FACCHINI 

CON   BREVETTO   MUNICIPALE. 

(Ricapito  in  Piazza  Mercanti.) 

STAZIONI. 

Agnello  —  S.  Maurilio  —  Cordusio  —  Laghetto  —  S.  Mar* 
tino  —  Olmetto  —  Ponte  de'  Fabbri  —  Croce  di  P.  Romana 
—  Ponte  di  P.  Ticinese  —  S.  Giovanni  sul  Muro  —  Ponte 
Ve  ter  0  —  Piazza  della  Scala  —  Piazza  del  Duomo  —  Car~ 
robbio  —  Verziere  —  Piazza  della  Vetra  —  Piazza  Mercanti. 

TARIFFA. 

Per  servizio  di  scorta  e  per  indicazione  da  uno 

ad  altro  punto  della  città,  senza  fermate  L.  -—  i5 
Per  ogni  ora    .     ,     ,     ,     > »  —  5o 


SOCIETÀ*   DEI   FACCHINI  Q$ 

Per  ricapito  di  lettere.,  gruppi,  fatture  e  di  tutto 
quanto  può  contenersi  nella  borsa,  per  cia- 
scun pezzo L.  — -  20 

Diramazione  con  ricapito  di  circolari,  lettere, 
manifesti,  inviti,  programmi,  od  altro  simile, 
per  ogni  cento »      1  — 

Distribuzione  semplice,  per  ogni  cento  .     .     «  —  20 

Per  ricapito  o  distribuzione  negli  immediati 
sobborghi,  si  aumentano  per  ciascun  pezzo 
e  per  ogni  cento .     .     «  —  io 

Trasporto  di  bagagli,  casse,  bauli  e  simili,  in 
qualunque  direzione  nell'  interno  della  città, 

fino  a  Cbil.  3o »  —  3o 

w     a  Cbil.  5o »  —  5o 

»'    ad  un  quintale »  —  70 

Pel  trasporto  nei  sobborghi,  si  aumentano  per 

ogni  tassa »  —  i5 

Scarico  di  legna,  fieno  e  paglia,  dalla  porta  di 

strada  al  fienile  o  solajo,  al  quintale.      .     »  —  25 

Idem  dalla  porta  di  strada  alla  cantina,  al  quint.  »  —  1 5 


«——0-0-0- 


96 


GENERI  DI  REGIA  PRIVATIVA 


Tariffe  dei  prezzi. 
1.  TABACCHI. 

(Legge   24    Novembre    1864.) 


QUALITÀ' 


Rapato 

Bottiglione 
Rape  sceltissimo 
Rapalo  Piemonte 
Virginia 

Fermentato  sceltis.  ' 
Rapato  1. 
Rape  Parigi 
S.  Vincenzo 
Etrenne 

S.Giustina  uso  chi. 
Rapalo  «2.  e  Carote 
Radice  magra 
Campeso  fino 
Nostran  scagl.  fino 
«  »  grosso 

Rape'  naturale 
»     Albania 
Nobile 
Foglietta 
Pizzichino 
Ungh.-Seghedino 
Rapato  3. 
Radica  fermentata* 
Macuba  eMacubinof 
Scaglietta 
Violetto 
ganti  Padri 


super. 


I.a 


2. 


3.a 


PREZZO  PER  OGNI 


Chilogr.     Etlogr.      Decagr, 


l.  a 


12  3o 


10  40 


7  60 


3  80 


L.  C. 


3o 


-4o 


GENERI  DI  REGU  PRIVATIVA 


97 


ATT   A    T    xm   A    > 

PREZZO  PER 

OGNI 

QUALITÀ 

Chilogr. 

Ettogr. 

Decagr. 

Leccese 

l.  a 

£,.  C. 

l.  a 

Qualità  superiore 

i5  5o 

1   60 

—  16 

i.a  qualità 

ii  5o 

1   20 

—  12 

2.a  qualità 

5  70 

—  60 

—  06 

Erb  asanta 

Qualità  superiore 

12  3o 

1  3o 

—  i3 

i.a  qualità 

7  60 

—  80 

—  08 

Caradà 

Manocos              qual.  sup.' 

Caradà  di  lusso           » 

12  3o 

1  3o 

—  i3 

Sun  di  Spagna            » 

Fino  e  grosso       i.a  qual. 

10  4° 

I     IO 

— -  1 1 

Levante, uso-Ancona 2. a  « 

7  60 

—  80 

—  08 

Comune                      3.a  « 

Uso  Bergamo 

480 

—  5o 

—  o5 

Radica  correrò 

Zenziglio 

i.a  qualità 

io  4° 

I     IO 

—  1 1 

2.a  qualità 

7  60 

-   80 

—  08 

3.a  qualità 

4  80 

—  5o 

—  o5 

Trinciato 

Forte  e  dolce  ] 

Virginia             |  qual.  sup. 

io  40 

I     IO 

—  11 

Serraglio           ) 

Moro                       i.a  qual.- 

Spuntature  sigari        » 

7  60 

—  80 

—  08 

Forte  e  dolce              » 

Comune  e  trito    2.a  qual. 
Foglia  trinciata 

4  80 

-  5o 

-  o5 

Brasile  in  corda 

5  5o 

—  60 

—  06 

Sigari 

- — ...  \\p* 

-— ^— « 

Cigaritos 

48  - 

per  pacco 

—    25 

Superiori w 

28  5o 

1   per  uno 

-  i5 

Guida  1871  —  7 


9§ 


GENERI  DI  REGIA  PRIVATIVA 


QUALITÀ' 

PREZZO  PER  OGNI 

Chilogr. 

Sigaro 

Virginia  alla  paglia  .... 
i»          scelli  a  uso  Roma  . 

Sigari  comuni  ia  qualità  nazio- 
nali forti  e  leggieri   .     .     . 

Detti  alla  foggia  svizzera  .     . 

Detti  Wevey  pressati  e  longs 

Sigari  comuni  2.a  qualità  .     .  \ 

Alla  paglia 

Alla  foggia  svizzera       .     .     . 

Fermentati 

Wevey  pressati  piccoli.     .     . 

Nazionali 

Sigari  d' Avana  (i) 

Soprafìni 

i,a  qualità.     ...... 

2.a  qualità.      ...... 

3.a  qualità 

4»a  qualità 

Spagnoletlo  (i) 

i.a  qualità 

2.a  qualità. 

3.a  qualità.      ...... 

Trinciato  (2) 

S cello  dolce 

»       forte    ...... 

Misto 

l.  a 

*9  — 
i3  3o 

\ 

1 

>       9  5o 

l52    — 

n4  - 
76- 
57  - 
38  - 

i3  3o 
9  5o 
5  5o 

38  - 
28  5o 
l9  — 

L.  C. 

—  IO 

—  °7 

—  o5 

—  80 

—  60 

—  4o 

—  5o 

—  20 

~  °7 

—  o5 

—  o3 
per  ettog. 

4  — 

5  — 
2  — 

(1)  Il  Chilogr.  è  ragguagliato  a  N.  200  Sigari  0  Spagnolette.  —  Ogni 
cassetta  dovrà  contenere  un  numero  non  minore  di  50  Sigari. 

(2)  Non  può  vendersi  a  meno  di  un  pacchetto  intiero.  Nessun  pac- 
c  hello  sarà  minore  di  un  ettogrammo, 


GENERI  DI  REGIA  PRIVATIVA  99 

È  vendita  al  minuto  dei  Tabacchi  sia  in  polvere, 
sia  trinciati,  quella  di  quantità  minore  di  cinque  et- 
togrammi. 

Pei  sigari  è  vendita  al  minuto  quella  di  un  numero 
minore  di  101.  Pei  cigaritos  di  201.  —  Sarà  in  facoltà 
del  Ministero  delle  Finanze  di  sostituire  agli  attuali 
sigari  comuni  due  qualità  di  sigari  a  5  e  io  cent,  l'uno. 


IL    SALI. 

(Legge  24  Novembre  1864.) 


QUALITÀ» 

PREZZI 

per 
quintale 
decimale 

per 
chilo- 
grammo 

l   in  pani 

Sale  raffinato  j  in  polvere    posto  in 

(       scatole 

Sale  macinato ] 

L.      C 

76  — 

66  — 
55  - 

L.    C.    M. 

—  76.    - 

—  66.  - 

—  55.    - 

Sale  della  Salina  di  Volterra    .... 
Sale  di  Salso 

Sale  comune 

Avvertenze. 


I  rivenditori  non  hanno  più  diritto  ad  alcuna  provvigione 
né  sul  peso,  né  sui  prezzi  sovra  esposti.  I  pani  di  sale  raf- 
finato saranno  del  peso  netto  di  uno  0  di  due  chilogrammi  ;  il 
sale  raffinato  in  polvere  sarà  riposto  in  scatole  di  eguài  peso. 

II  prezzo  delle  scatole  è  fissato  in  centesimi  5.  50  per  quelle 
da  un  chilogrammo,  e  a  centesimi  di  per  quelle  da  due  chi- 
logrammi. Non  è  dovuto  alcun  prezzo  per  l'involturadei  pani. 

La  vendita  del  sale  raffinato  tanto  in  pani  che  in  scatole 
dovrà  esser  fatta  nell'integrale  sua  condizione;  resta  quindi 
vietato  ai  rivenditori  di  spezzare  i  pani,  0  di  aprire  le  scatole, 
per  fare  la  vendita  in  dettaglio. 


100  GENERI  DI  REGIA  PRIVATIVA 

III.    POLVERI   DA  FUOCO. 

(28  Giugno  1866,  N.  3019  ) 


QUALITÀ» 


FRAZZI 

per  il 
pubblico 
per  chilo- 
grammo 


5  — 

4  40 

3  80 

1  70 


[  sopraffina  ossia  reale,  iti  sca- 

Polvere  da  caccia  !     toIa  color  rosso 

polvere  oa  caccia  j  fma  ]n  gcatola  co|or  yerde     ^ 

'ordinaria in  scatola  color  bruno 
Polvere  da  mina.  ,  , 

Avvertenze. 

Il  prezzo  delle  frazioni  di  chilogrammo  nella  vendita  al  mi- 
nuto sarà  proporzionato  a  quelli  sovra  indicati. 

Le  polveri  da  caccia  saranno  messe  in  vendita  racchiuse 
in  scatole  di  latta  della  capacità  di  un  mezzo  chilogrammo. 

Le  polveri  da  cannone  e  da  mina  saranno  riposte  in  ba- 
rilotti marcati  a  bollo,  da  25  0  50  chilogrammi  cadauno. 


NOZIONI  SUL  BOLLO. 

Estratto  della  legge  19  luglio  1868,  n.  4450,  contenente  le  mo- 
dificazioni alla  leggi  sulle  tasse  di  registro,  di  bollo  e  so- 
cietà e  sulle  lasse  di  manomorta,  attivala  col  1  gennaio  1869. 

Art.  18.  E  abrogata  la  disposizione  di  cui  al  n.  2 
dell'art.   19  della  legge  sul  bollo. 

Le  quietanze  o  ricevute  ordinarie,  specificate  nel- 
l'articolo qui  appresso,  le  quali  abbiano  l'importare 
di  lire  io  o  più,  o  contengano  quietanza  senza  speci- 
ficare la  somma,  saranno  fatte  in  carta  da  bollo  da 
centesimi  5,  o  saranno  munite  di  una  marca  da  bollo 
di  centesimi  5. 

In  quest'ultimo  caso  il  sottoscrittore  della  ricevuta 
dovrà  sempre  apporvi  la  data  e  cancellare  la  marca 
scrivendo  una  parte  della  sua  firma  sulla  medesima, 
prima  di  consegnarla,  e  ciò  sotto  pena  di  lire  20. 


NOZIONI  SUL  BOLLO  IO  t 

Sotto  la  stessa  pena  è  punito  il  rifiuto  di  rilasciare 
ricevute,  il  rilascio  di  ricevute  senza  bollo  o  marca, 
e  la  rinnovazione  o  convalidazione  della  ricevuta  per 
mezzo  della  carta  o  della  marca,  fatte  dopo  rilasciata. 

La  specificazione  di  una  somma  minore  di  lire  io, 
fatta  neir  intento  di  evitare  la  tassa  ,  ed  ogni  altra 
frode  diretta  a  cotesto  fine,  saranno  punite  colla  multa 
di  lire  5o,  senza  pregiudizio  delle  pene  maggiori  cui 
potessero  essere  soggetti  gli  autori,  in  virtù  delle  leggi 
penali. 

Art.  19.  S'intenderà  per  ricevuta  ordinaria,  agli  ef- 
fetti di  che  all'articolo  precedente,  ogni  nota,  atto  o 
scritto  qualunque,  rilasciato  per  liberazione  a  qualun- 
que titolo,  il  quale  indichi  quietanza  totale  o  parziale, 
col  pagamento  di  monete,  compensazione  o  accredita- 
mento; 

Ogni  nota,  atto  o  scritto  che  annulli  semplicemente 
un  debito  preesistito  o  Tatto  relativo; 

Ogni  dichiarazione  di  saldo  o  altra  equivalente,  fatta 
sulle  cambiali,  conti,  note  o  fatture  da  chiunque  rila- 
sciate, o  le  dichiarazioni  scritte  o  impresse  con  stam- 
piglia di  pagato ,  saldato  .,  bilanciato ,  discaricato  3  o 
altra  equivalente ,  solita  a  significare  pagamento  di 
denaro; 

Le  ricevute,  quietanze  e  riconoscimenti  dati  per 
pagamenti  fatti  per  o  con  cambiali,  tratte,  buoni  o 
altri  atti  e  quelle  semplici  di  cambiali,  buoni,  tratte  o 
altri  atti; 

Le  lettere  in  qualunque  modo  inviate  per  accusare 
ricevimento  di  denaro  a  saldo  totale  o  parziale  di  un 
debito. 

Non  saranno  considerate  ricevute  ordinarie  quelle 
che  importano  liberazioni  risultanti  da  precedenti  con- 
venzioni scritte  o  da  sentenze,  eccettuate  le  ricevute 
di  frutti,  canoni,  affitti  e  simili. 

Art.  20.  L'articolo  21,  n.  21,  della  legge  sul  bollo, 
è  modificato  come  appresso  : 


102  NOZIONI  SUL  BOLLO 

Art.  21.  I  seguenti  atti  e  scritti  non  saranno  sog- 
getti al  bollo  se  non  quando  occorra  di  farne  uso  a 
termini  dei  primi  tre  numeri  dell'articolo  2: 

le  obbligazioni  chirografarie  per  somme  o  valori  non 
eccedenti  le  lire  3o,  e  tutte  le  quietanza  o  ricevute 
ordinarie  minori  di  lire  io,  quando  sono  tra  quelle 
di  cui  all'articolo  precedente,  o  non  formano  acconto 
o  residuo  di  maggiori  somme  o  valori:  le  quietanze  o 
ricevute  suddette  quando  se  ne  vorrà  far  uso  nei  modi 
indicati  dall'  articolo  2  della  legge  sul  bollo,  dovranno 
avere  il  bollo  di  centesimi  cinque. 

Art.  26.  Le  tasse  graduali  di  bollo  stabilite  dagli 
art.  8  e  9  della  legge  14  luglio  1866  sono,  per  le  cam- 
biali ed  altri  effetti  di  commercio,  stabilite  come  segue  : 

fino  a  lire 
da  » 
da  99 
da  99 
da  99 
da    99 

e  cosi  di  seguito  per  ogni  lire  1000  centesimi  5o  di 
più,  ed  inoltre  20  centesimi  per  lira  a  titolo  di  tassa  di 
guerra. 

Dovranno  farsi  in  carta  dello  stesso  valore  di  quella 
prescritta  per  le  cambiali,  o  avere  corrispondenti  mar- 
che da  bollo  che  verranno  apposte  dagli  uffiziali  del 
bollo  e  registro  nel  modo  prescritto  dall'art.  1 6  della 
legge  sul  bollo,  le  delegazioni  mercantili,  le  cessioni 
poste  a  pie  delle  fatture  accettate  o  no,  ed  ogni  altro 
atto  contenente  trasferimento  di  denaro  o  ricognizione 
di  debito  dipendente  da  operazioni  commerciali,  in 
modo  equivalente  alle  cambiali  o  biglietti ,  comunque 
la  forma  non  si  presti  alla  girata. 

Le  cambiali  o  efletti  di  commercio  creati  e  paga- 
bili all'estero,  i  quali  ricevono  una  o  più  firme  nel  re- 


100 

Cent. 

—  o5 

100 

a 

200 

99 

—  IO 

200 

a 

5oo 

99 

—  i5 

3oo 

a 

600 

99 

—  3o 

600 

a 

1,000 

99 

—  5o 

1,000 

a 

2,000 

99 

1  — 

NOZIONI  SOL  ÈOLLO  I  o5 

gno,  pagheranno  la  mela  della  tassa  stabilita  dalla  legge, 
eccome  sopra,  ridotta  per  le  altre  cambiali  o  recapiti 
mercantili;  e  saranno  muniti  di  marche  che  verranno 
annullate  come  quelle  delle  ricevute. 

Art.  27.  Le  lettere  di  cambio,  i  biglietti  all'ordine 
e  gli  altri  recapiti  di  commercio  non  regolarmente  ed 
originariamente  o  nel  tempo  prescritto  dalla  legge 
bollati ,  non  potranno  produrre  alcuno  degli  effetti 
cambiarii  previsti  dalle  leggi  civili  e  commerciali. 

Tale  inefficacia,  quando  non  sia  stata  eccepita  dalle 
parti  in  corso  di  causa,  dovrà  essere  rilevata  e  pro- 
nunciata d'  uffizio  dai  giudici  sotto  la  pena  stabilita 
dall'art.  108  della  legge  sul  registro. 


io4 


SPIEGAZIONE  DI  SEGNI  E  ABBREVIATURE 


G.  Cord,  $ 
G.  Cr.  m 

g.  u.  m 

Comrn.  # 

uff.  m 
m 

Coram.  © 


Gran  Cordone 
Gran  Croce 
Grand*  Ufficiale 
Commendatore 
Ufficiale 
Cavaliere 

Commendatore 

Cavaliere 

Milite 


-^  Cavaliere 

Uff.  *  Ufficiale 

G.  Cord.  ^  Gran  Cordone 
G.  Cr.  %■       Gran  Croce 
G.  U.  *        Grand' Ufficiale 
Comm.  •#•       Commendatore 


della  sacra  Religione 
ed  Ordine  militare 
dei  ss.  Maurizio  e 
Lazzaro. 


(   del  R.  Ordine  militare 
ì       di  Savoja. 


dell'  Ordine 
della  Corona  d'Italia 


REAL  GASA  DI  SAVOJA 


Anni 

5i.  VITTORIO  EMANUELE  II,  Maria  Alberto  Eugenio 
Ferdinando  Tomaso,  RE  D' ITALIA,  nato  il  i4 
marzo  1820,  salito  al  trono  di  Sardegna  il  23 
marzo  1849  per  l'abdicazione  di  suo  padre 
Re  Carlo  Alberto,  assunse  per  legge  del  17 
marzo  1861  il  titolo  di  Re  d'Italia;  sposato 
il  12  aprile  1842,  vedovo  di  Maria  Adelaide, 
Arciduchessa  d'Austria,  figlia  dell'Arciduca  Ra- 
nieri e  di  Elisabetta  di  Savoja,  nata  il  3  giu- 
gno 1822,  moria  il  20  gennajo  i855. 

Figli  del  Re. 

28.  Clotilde  Maria  Teresa  Luigia,  Principessa,  nata 
il  2  marzo  184 3,  sposata  il  3o  gennajo  1859 
con  S.  A.  I.  il  Principe  Napoleone  Gerolamo 
Bonaparte. 

27.  Umberto  Ranieri  Carlo  Emanuele  Giovanni  Maria 
Ferdinando  Eugenio,  Principe  Reale  ereditario, 
Principe  di  Piemonte,  nato  il  14  marzo  1 844  > 
sposato  il  22  aprile  1868  con 

19.  Margherita  Maria  Teresa  Giovanna,  principessa 
ered.  di  Savoja,  figlia  del  fu  Principe  Ferdinan- 
do di  Savoja,  Duca  di  Genova,  nata  il  20  no- 
vembre i85i. 

Loro  figlio. 

4.  Vittorio  Emanuele  Ferdinando  Maria  Gennaro,  Principe 
Reale,  Principe  di  Napoli,  nato  TU  novembre  1869. 


106  ItEAL  CASA  Di  SÀVÒJA 

Anni 

26.  Amedeo  Ferdinando  Maria.  Principe  Reale,  Duca 
d'Aosta,  nato  il  3o  maggio  1 845  ;  eletto  e  pro- 
clamato re  di  Spagna  dalle  Cortes  il  16  no- 
vembre 1870;  accettò  solennemente  la  corona 
il  4  dicembre  1870  in  Torino;  prestò  giura- 
mento in  Madrid  il  2  gennajo  18713  sposato  il 
3o  maggio  1867  con 

23.  Maria    Vittoria    Carlotta    Enrichetta     Giovanna, 

nata  il  9  agosto  1847,  figlia  del  Principe  Carlo 
manuele  Filippo  Giuseppe  Alfonso  Francesco 
Maria  dal  Pozzo  della  Cisterna  (nato  nel  1793, 
morto  nel  1864)  e  della  moglie  di  lui  Luigia 
Carolina  Ghislaine  nata  contessa  de  Mérode 
(nata  il  22  maggio  18 19,  maritala  il  28  settem- 
bre 1846,  morta  il  29  febbrajo  1868),  regina  di 
Spagna. 

Loro  figli. 
2.    Emanuele  Filiberto  Vittorio   Eugenio    Alberto  Genova 
Giuseppe  Maria,   Principe  Reale,  Duca  delle  Puglie, 
nato  il  13  Gennajo  1869. 
0.    Vittorio  Emanuele  Torino  Giovanni   Maria,   conte    di 
Torino;  nato  il  24  novembre  1870. 

24.  Maria  Pia,  Principessa,  nata  il   16  ottobre    1847, 

sposata  per  procura  il  27  settembre,  ed  in  per- 
sona il  6  ottobre  1862  a  S.  M.  don  Luigi  Re 
di  Portogallo.    . 

Cognata  del  Me. 

4i.  Maria  Elisabetta  Massimiliana  Luigia  di  Sassonia , 
figlia  del  Re  di  Sassonia  Giovanni  Nepomuceno, 
Duchessa  di  Genova,  nata  il  4  febbrajo  i83o, 
sposata  in  Dresda  il  22  aprile  i85o,  vedova 
di  Sua  Altezza  Reale  Ferdinando  Maria  Alberto 
Amedeo  Filiberto  Vincenzo,  Duca  di  Genova, 
nato  il  i5  novembre  1822,  morto  il  io  feb- 
brajo i855. 


REAL   CASA   DI  SAVOJA  I  07 

Anni 

Nipoti  del  Re*  figli  del  fu  Duca  di  Genova. 

19.  Margherita  Mariateresa  Giovanna,  Principessa, 
nata  il  20  novembre  i85i  ;  sposata  il  22  aprile 
1868  col  Principe  Reale  ereditario  (Vedi  sopra). 

17.  Tomaso  Alberto  Vittorio  di  Savoja,  Duca  di  Ge- 
nova, nato  il  6  febbrajo  1 854- 

Figlie  gemelle  del  defunto  Re 
littorio  Emanuele  I. 

68.  Maria  Teresa  Ferdinanda  Felicita  Gaetana  Pia, 
sposata  il  i5  agosto  1820  col  Principe  Carlo 
Lodovico  di  Borbone,  già  Duca  di  Parma,  nata 
il  19  settembre  i8o3. 

68.  Maria  Anna  Rìccia  rda  Carolina  Margherita  Pia,  spo- 
sala il  27  febbrajo  1 83 1  al  già  Imperatore  d'Au- 
stria Ferdinando  I,  nata  il  19  settembre  i8o3. 

Ramo  di  Savoja  Carignano. 

5y.  Maria  Vittoria  Luigia  Filiberta,  Principessa,  sua 
sorella,  nata  il  29  settembre  1 8 1  4j>  vedova  il  4 
dicembre  1860  di  Sua  Altezza  Reale  il  conte 
di  Siracusa  Leopoldo  Beniamino,  Infante  delle 
due  Sicilie. 

55.  Eugenio  Emanuele  Giuseppe  Maria  Paolo  France- 
sco Antonio  di  Savoja,  Principe  Reale,  Prin- 
cipe di  Carignano,  nato  il  14  aprile  1816. 


MINISTERO  DELLA  CASA  DI  SUA  MAESTÀ'. 

Reggente  temporaneo  il  Ministero, 

Frichignono  di  Castellengo  conte  Federico,  grande  scu- 
diere di  S.  M. 

Segretario  generale. 
D'Oria  marchese  Girolamo. 


io8 

CASA  DI  SUA  MAESTÀ'  NEL  LOMBARDO-VENETO. 


CORTE. 

Soprintendente  del  R.  Palazzo  in  Cremona. 
Araldi  Erizzo  march.  Pietro,  uff.  ijfè,  senat.  del  Regno. 

MINISTERO. 

AMMINISTRAZIONE  PER  LA  LOMBARDIA  E  PER  LA  VENEZIA 

(  nel  palazzo  di  Corte  in  Milano  ). 

Reggente  V Amministrazione. 
Gandolfi  cav.  Lorenzo,  -)(-,  segretario  capo. 

Applicati. 
Macchi  rag.  Giuseppe  -  corso  P.  Romana  76. 
De  Gioanni  Pietro  -  in  palazzo. 
Cassieri. 
Alberti  Angelo  -  via  Meravigli  io. 
Vio  Angelo  -  in  palazzo. 

Economato  della  Real  Gasa  in  Venezia. 
Gerii n  Giovanni,  ^  e  •#-. 

Applicati. 
Barbaria  Giorgio  |    Lepschy  Edoardo. 

Avvocato  patrimoniale» 
Fagnola  Bartolomeo,  %  -  via  Pattari  3. 
Uffici  d'  arte. 
In  Milano 
Vandoni  ing.  Giuseppe,  ^,  -)(-,  ispettore  -  in  palazzo. 
Tarantola  ing.  Luigi,  applicato  -  via  s.  Damiano  20. 
Massaroli  Enrico,  idem. 
Comolli  Giuseppe,  assistente  -  in  palazzo. 

In  Venezia 
Baflo  Giovanni  Antonio,  0,  ingegnere. 


CASA   DI  S.   M.   IN  LOMBARDIA  E   NEL   VENETO  IO9 

Parrocchia  e  Cappella  di  Corte  in  Milano. 

Ponti  sac.  Paolo,  parroco  ) 

Mazzeri  sac.  Geronzio,  cappellano  >  in  palazzo, 

Perrone  sac.  Giuseppe,  idem  ) 

Servizio  Sanitario. 
In  Milano 
Sapolini  dott.  Giuseppe,  ^  -  in  palazzo. 

In  Venezia 
Zignol  dott.  Costantino,  medico-chirurgo. 

Conservatori  delle  mobilie. 
In  Milano 
Dossena  Cristoforo  -  in  palazzo. 

In  Venezia 

N.  N. 

Direzione  delle  Reali  Caccie  in  Venezia. 

Direttore. 

Di  Panigai  conte  Guido. 

Capitano. 

Salazar  cav.  Francesco. 

Ufficiale. 
Boselli  Placido. 

Riserva  di  caccia  nella  Laguna  Veneta. 

Bragato  Antonio,  porta-fucile  di  Sua  Maestà. 

Scuderie  Reali  in  Milano. 
N.  N. 

Ufficio  R.  Gondole  Venezia. 

Moro-Lin  conte  Vittore,  direttore. 
Negrotto  march.  Nicola,  fF.  di  segretario. 


1  io        casa  di  s.  m.  in  lombardia  e  nel  veneto 
Custodia  dei  Reali  Palazzi. 
Conservatore  del  Palazzo  di  Corte  in  Milano. 
Puimiano  cav.  Giovanni,,  cav.   dell'ordine   di    Cristo 
di  Portogallo  -  in  palazzo. 

Custode  della  Villa  Reale  in  Milano, 
De  Bajllou  Paolo. 

Custode  del  R.  Palazzo  in  Venezia, 
Majrano  Domenico. 

Custode  del  R.  Palazzo  in  Cremona. 
Zanetti  Francesco. 

Custode  del  Casino  e  dei  Palchi  di  Corte 
annessi  al  R.  Teatro  della  Scala. 
Lovati  Gaetano. 


CASA  MILITARE  DI  S.  A.  R.  IL  PRINCIPE 
DI  PIEMONTE. 

Primo  ajutante  di  campo. 
Cugia  cav.  Effisio,  luogotenente  generale,  ec. 
Primo  ajutante  di  campo  onorario. 
Thaon  diRevel  cav.  Geno  va,  luogotenente  generale,  ec. 

Ajutanti  di  campo. 
Gerbaix  di  Sonnaz  cav.  Giuseppe,  magg.  generale,  ec. 
Incisa  della  Rocchetta  marchese  Giovanni  colonnello 
di  cavalleria,  ec. 

Ajutante  di  campo  onorario. 
Boni  cav.  Annibale,  colonnello,  ec. 

Uffiziali  d* ordinanza. 
Gianotti  cav.  Cesare,  capitano. 
Bertola  cav.  Giuseppe  Luigi,  idem. 


CASA  DI  S.   A.   R.  IL  PRINCIPE  UMBERTO  I  I  I 

Brambilla  conte  Giulio,  capitano. 
Del  Mayno  conte  Luchino,  idem. 

Vffiziale  d'ordinanza  onorario. 
Cagni  cav.  Manfredo,  capitano. 

Segretario  particolare  di  S.  A.  R. 
Torriani  nob.  cav.  Carlo  Napo. 

Amministrazione  della  Casa. 
Segretario  capo. 
Sereno  Federico,  $fè  e  ^-,  cav.  degli  ordini  di  S.  Sta- 
nislao e  di  S.  Anna  di  Russia  di  terza  classe ,  de- 
gli ordini  della  Corona  di  Prussia,  del  Dannebrog 
di  Danimarca,  di  Cristo  di  Portogallo  e  di  Niscian 
Eftihkar  della  Turchia,  decorato  della  Medaglia 
commemorativa  italiana  1866. 

Segretario  di  1.  classe. 
Fabar  Giulio,  $. 

Segretario  di  1.  classe. 
Orlandi  Alvise. 

Applicato  ff.  di  Cassiere. 
Rillietti  Emilio. 

Applicati. 
Antonietti  Benedetto  -  Raspi  Carlo. 

Scrivano, 
Mandelli  Leopoldo. 

Ufficio  d'arte. 
Rimoldi  Giovanni,  assistente. 
Borroni  Pietro,  conservatore  della  R.  Villa. 

R.  Caccie. 
Vimercati  conte  Ottaviano,  direttore. 
Ponte  cav.  Francesco,  capitano. 

Servizio  Sanitario, 
Rossi  dott.  Ferdinando,  ^|. 


i  12  casa  di  s.  a.  r.  il  principe  umberto 

Servizio  religioso. 
Bidoglia  sac.  Giovanni,  cappellano. 
Aguilhon  sac.  Cesare,  idem. 

Scuderie  di  S.  A.  R. 
Roero  di  Settimo  conte  Giulio,  scudiere. 
Atti  Luigi,  applicato. 
Beltramo  cav.  Eugenio,  cavallerizzo  di  S.  A.  R. 

CORTE  DI  S.  A.  R.  LA  PRINCIPESSA  DI  PIEMONTE 

Dama  di  corte  effettiva. 
Pes  di  Villa  marina-Montereno  marchesa  Paola  nata 
Rignon. 

Dama  di  corte. 
Di  Grisolia  Catalano  Gonzaga  duchessa  Virginia  nata 
Cigni. 

Gentiluomo  di  corte  effettivo. 

Pes   di   Villa  marina-Montereno  marchese  Emanuele, 

uff.  #,  *>  ec. 

Gentiluomini  di  corte. 
Gonzaga  don  Luigi,  duca  di  Grisolia,  di  Cirella  e  di 

Mayera,  barone  di  Castro,  ufl.  ^,  :£,  ec. 
D'Adda  marchese  Gioachino. 
Borromeo  conte  Carlo. 

Dame  di  palazzo  onorarie,  in  Milano. 
Pallavicino-Clavello  marchesa  Lucia  nata  Arese  Lucini. 
Trivulzio  marchesa  Giulia  nata  de' principi  Barbiano 

di  Belgiojoso. 
Trotii  marchesa  Maria  nata  de*  principi  Barbiano  di 

Belgiojoso. 
Della  Sornaglia  contessa  Guendalina  nata  de'  principi 

Doria  Pamphili  Landi. 

Gentiluomo  di  corte  onorario. 
Torriani  nob.  cav.  Carlo  Napo. 


u3 
CONSIGLIO  DEI  MINISTRI. 

Presidente  del  Consiglio. 
Lanza  cav.  Giovanni,  deputato  al  Parlamento,  ec. 

Ministro  degli  Affari  esteri 
Visconti-Venosta  nob.  cav.  Emilio,  deputato  al  Par- 
lamento, ec. 

Incaricato  delle  funzioni  di  Segretario  generale, 
Artom  Isacco,  Grand'  Ufficiale ,  inviato  straordinario 
e  ministro  plenipotenziario. 

Ministro  dell*  Interno. 
Lanza  cav*  Giovanni,  predetto. 

Segretario  generale. 
Cavallini  aw.  Gaspare,  deputato  al  ParlamentOé 

Ministro  di  Grazia,  Giustizia  e  Culti. 
De  Falco  comm.  Giovanni,  senatore  del  Regno,  ec. 

Segretario  generale. 
Ferreri  avv*  Giuseppe,  comm.  |j|* 

Ministro  delle  Finanze. 
Sella  ing.  Quintino,   comm.   di  più  ordini,  deputato 
al  Parlamento,  ec. 

Segretario  generale. 
Perazzi  ing.  Costantino,  comm*  §  e  ))(. 

Ministro  della  Guerra. 
Ricolti -Magnani  comm.   Cesare,  deputato  al  Parla- 
mento, luogotenente  generale,  ec. 

Segretario  generale* 
Parodi  cav.  Adolfo,  maggiore  generale* 

Ministro  della  Marina. 
Acton  comm,  Guglielmo,  contrammiraglio,  ec. 

Guida  1871  —*  8 


I  I  4  CONSIGLIO  DEI  MINISTRI 

Ministro  dell'  Istruzione  pubblica. 
Correnti  comm.  Cesare,  deputato  al  Parlamento,  ec. 

Segretario  generale. 
Cantoni  prof.  Giovanni,  comm.  0. 

Ministro  aV Agricoltura .,  Industria  e  Commercio. 
Castagnola  avv.  Stefano,  deputato  al  Parlamento,  ec. 

Segretario  generale. 
Luzzatti  comm.  Luigi. 

Ministro  dei  Lavori  pubblici. 
Gadda  avv.  Giuseppe,  comm.  ^,  grand'uff.  -#-,  ec. 

Segretario  generale. 
Marzano  cav.  Giovanni. 

SENATORI  DEL  REGNO 

DOMICILIATI   IN  MILANO. 

ArconaU- Visconti  marchese  Giuseppe  -  via  Durini  i5. 
Arese  conte  comm.  Francesco  -  corso  Venezia  14. 
Belgiojoso  conte  comm.  Luigi  -  via  Conservatorio  7. 
Beretta  comm.  Antonio  -  corso  s.  Celso  9. 
Besana  cav.  Alessandro  —  via  Amedei  i3. 
Borromeo  conte  comm.  Vitaliano  -  piazza  Borromeo  7. 
Brioscia  comm.  Francesco  -  via  Spiga  23. 
D'Adda  nob.  comm.  Carlo  -  via  Giardino  \5. 
Jacini  comm.  Stefano  -  via  Lauro  3. 
Lissoni  avv.  cav.  Andrea  -  corso  Venezia  04. 
Lombardini  comm.  Elia  -  via  Unione  i3. 
Manzoni  nob.  comm.  Alessandro  -  via  Morone  1. 
Nazari  di  Calabiana  comm.  Luigi,  arcivescovo  di  Milano. 
Nazzari  cav.  Giambattista  -  via  Passione  7. 
Oldofredi  Tadini  conte  Ercole,  -  via  Cernaja. 
Porro  nob.  comm.  Alessandro  -  via  Oriani  1. 
Robecchi  comm.  Giuseppe  —  via  Spiga  32. 
Sanseverino  conte  Faustino  -  via   Monte  di  Pietà  11. 
Sighele  nob.  comm.  Scipione  -  via  Monforte  3o. 


SENATORI   E  DEPUTATI  DOMICILIATI  IN  MILANO       I  1  5 

Taverna  conte  comm.  Carlo  -  via  Bigli  9. 

Venini  nob.  comm.  Eugenio  -  piazza  s.  Ambrogio  4» 

DEPUTATI  AL  PARLAMENTO  NAZIONALE 

DOMICILIATI   IN   MILANO. 

Annoni  conte  Aldo  -  corso  P.  Romana  6. 

Arese  conte  Marco  -  corso  Venezia  i4» 

Billia  avv.  Antonio  -  via  Bigli  7. 

Bonghi  comm.  Ruggero  -  via  Borgogna  3. 

Borromeo  conte  Guido  -  piazza  Borromeo  *j\ 

Cagnola  nob.  cav.  Carlo  -  via  Cusani  5. 

Cagnola  nob.  Giovanni  Battista  -  via  Cusani  5. 

Corbelta  avv.  Eugenio  -  via  s.  Vicenzino    12. 

Fano  cav.  Enrico  -  foro  Bonaparte   1. 

Finzi  cav.  Giuseppe  -  corso  Venezia  i3. 

Grossi  cav.  Angelo  -  via  Carlo  Porta  1. 

Lorenzoni  avv.  Francesco  Luigi  -  via  Giardino  48. 

Mazzoleni  avv.  Angelo  -  via  Cerva  4^« 

Mussi  Giuseppe  -  via  Unione  14. 

Pallavicino  march.  Uberto  -  via  Borgo  Nuovo. 

Piolti  De  Bianchi  dott.  Giuseppe  -  via  s.  Calocero  3. 

Restelli  comm.  Francesco  •  via  Spiga  17. 

Robecchi  cav.  Giuseppe  -  via  Brera  21. 

Servolini  cav.  Carlo  -  via  Spiga   14. 

Speroni  ing.  Giuseppe  -  via  Manin  3. 

Tenca  cav.  Carlo  —  via  Andegari  12. 

Viarana  Luigi  -  via  Meravigli  6. 

Villa  Pernice  cav.  Angelo  -  via  Cusani  i3. 

Visconti  Venosta  nob.  comm.  Emilio  -  via  Bigli  ig. 

CONSOLATI  RESIDENTI  IN  MILANO 
Austria  «  Ungheria* 

Cantoni  Eugenio,  uff.  ^,^ec.>  console-generale  *  via 
Meravigli  i5, 


ItO  CONSOLATI 

Belgio. 

Belinzaghi  Giulio,  comm.  ^,  -#-  e  dell'ord.  di  S.  An- 
na di  Russia  ec,  console-generale  -  via  Andegari  i4» 
Bolivia. 
Brambilla  Pietro,  vice-console  -  via  Torino  5i. 

Brasile* 
Mazzone  cav.  Carlo,  vice-console  -  via  Solferino  20. 

Chili. 
Brivio  march.  Giacomo,  console  -  via  Olmetto  17. 

Confederazione  Argentina. 
Slampa  rag.  Paolo,  ^  e  dell'ordine  di  Carlo  III  di 
Spagna,  console  -  via  Pantano  3. 

Confederazione  Svizzera* 
Vonwiller  Oscar,  console  -  via  Broletto  òj. 

Francia* 
Bouillat  Edoardo,  cav.  della  Legione    d'onore,  con- 
sole -  via  s.  Andrea  8. 
Ducessois  Luigi,  cancelliere  del  Consolato. 
Algier  Enrico,  addetto  al  Consolato. 
Nicoli  Ferdinando,  idem. 

Germania  del  Nord 
e  Granducato  di  Baden. 

Mack  Davide,  console  -  via  Bassano  Porrone  2. 

Grecia. 
Ralli  cav.  Giacomo,   console  -  via  s.  Simone  8. 

Inghilterra» 
Kelly  Thomas  William  ,   vice-console  -  nell'Albergo 
Reale,  via  Tre  Alberghi. 

Messico* 
Brocca  dott.  Giovanni,  console  -  corso  Vittorio  Ema- 
nuele 21. 

Monaco  (Principato  di) 
Cavriani  nob.  Ippolito,  console  -  via  Olmetto  m 


CONSOLATI  Iiy 

Paraguay. 

Visconti  di  Modrone  conte  Guido ,  vice-consoie-  via 
Cerva  28. 

Portogallo. 
De  Souza  Hoìstein  cav.  Federico  Filippo,  console  - 

piazza  s.  Sepolcro  11. 
Da  Silva  dolt.  Antonio,  cancelliere  del  Consolato. 

San  Marino. 
Antona-Traversi  avv.  Giovanni,  console  -  via   Giar* 
dino  io. 

Spagna. 
Brocca  commend.  Luigi,  console  -  corso  Vittorio  Ema- 
nuele 21. 

Stati  Uniti  d'America. 
Clark  William,  A.  M.  consul,  member  of  the  American 
Orientai  Society  and  Boston  Numismatical  Society  - 
via  Monforte. 
N.  N.,  incaricato  agente  consolare. 

Turchia. 
Ponti  cav.  dott.  Giovanni  Battista,  vice-console  -  via 
Principe  Umberto  21. 

— — — — — o— <3>— o ■* 

AMMINISTRAZIONE  DELLA  PROVINCIA  DI  MILANO 

Il  Regno  si  divide  in  Provincie,  Circondar} 3  Man- 
damenti e   Comuni» 

In  ogni  Provincia  vi  è  un  Prefetto  ed  urt  Consiglio 
di  Prefettura  composto  d'  un  numero  di  consiglieri 
non  maggiore  di  tre,  e  presieduto  dal  Prefetto  o  da 
chi  ne  fa  le  veci.  Vi  possono  essere  anche  due  consi- 
glieri aggiunti. 

Il  Prefetto  rappresenta  il  potere  esecutivo  in  tutta 
la  Provincia;  esercita  le  attribuzioni  a  lui  demandate 
dalle  leggi;  veglia  sul  mantenimento  dei  diritti  del- 
l'autorità amministrativa;  provvede  alla  pubblicazione 
ed  esecuzione  delle  leggi;  veglia  sull'andamento  di 


Il8     AMMINISTRAZIONE  DELLA  PROVINCIA  DI   MILANO 

tutte  le  pubbliche  amministrazioni;  sopraintende  alla 
pubblica  sicurezza;  ha  diritto  di  disporre  della  forza 
pubblica  e  di  richiedere  la  forza  armata;  dipende  dal 
Ministro  dell'Interno,  e  ne  eseguisce  le  istruzioni. 

La  Provincia  è  corpo  morale,  ha  facoltà  di  possedere; 
ha  un'amministrazione  propria,  composta  di  un  Con- 
siglio provinciale  e  di  una  Deputazione  provinciale. 

Sono  sottoposti  alla  amministrazione  provinciale  : 
i.°  i  beni  e  le  attività  patrimoniali  della  Provincia  e 
de*  suoi  Circondarj;  2.0  le  istituzioni  o  gli  stabilimenti 
pubblici  ordinati  a  prò  della  Provincia  ò  de*  suoi  Cir- 
condarj; 3.°  i  fondi  e  sussidj  lasciati  a  disposizione 
delle  Provincie  dalle  leggi  speciali;  4«°  gli  interessi 
dei  diocesani  quando  a  termini  delle  leggi  sono  chia- 
mati a  sopperire  a  qualche  spesa. 

Il  Consiglio  della  Provincia  di  Milano  si  compone 
di  60  membri,  ripartiti  per  Mandamenti;  sono  eletti 
dagli  elettori  comunali  del  Mandamento  cui  apparten- 
gono, ma  rappresentano  l'intera  Provincia.  Il  Consi- 
glio nomina  fra  i  suoi  membri  un  Presidente,  un  Vice- 
Presidente,  un  Segretario  ed  un  Vice-Segretario,  che 
durano  in  carica  tutto  Tanno. 

Il  Consiglio  provinciale  si  raduna  in  sessione  ordi- 
naria, nel  capoluogo  della  Provincia,  il  primo  lunedì 
di  settembre,  ed  in  sessione  straordinaria  o  per  pro- 
pria iniziativa,  od  in  seguito  a  proposizione  della  De- 
putazione provinciale  :  la  durata  ordinaria  delle  ses- 
sioni è  di   i5  giorni. 

I  consiglieri  provinciali  durano  in  funzione  cinque 
anni,  si  rinnovano  per  quinto  ogni  anno,  e  sono  rie- 
leggibili. 

La  Deputazione  provinciale  è  composta  del  Pre- 
fetto, che  la  convoca  e  la  presiede,  e  di  membri 
eletti  dal  Consiglio  provinciale  a  maggioranza  assoluta 
di  voti,  in  numero  di  dieci  ordinar]  e  di  quattro  sup- 
plenti. I  componenti  la  Deputazione  provinciale  si  rin- 
novano per  metà  ogni  anno;  sono  sempre  rieleggibili. 


DIVISIONE   TERRITORIALE 

DELLA   PROVINCIA   DI   MILANO. 

La  Provincia  di  Milano  si  divide  in  5  Circondarj, 
3c)  Mandamenti,  3 j 3  Comuni,  con  una  popolazione, 
all'epoca  dell'ultimo  censimento  (3i  dicembre  1861), 
di  948,586  abitanti,  e  con  una  superfìcie  di  chilome- 
tri quadrati  2992.  54« 

I.  CIRCONDARIO  di  MILANO 

Mandamenti  16  —  Comuni  80. 

Popolazione  387,808. 

Mandamento  1.°  al  6.°  —  Milano  — Città,  196,109. 

l.°  Porte  Garibaldi ,  Tenaglia 

ed  Arco  della  Pace. 
2.°  Porta  Nuova. 
3.°  Porte  Venezia  e  Vittoria. 


4.°  Porte  Romana  e  Vigentina. 
5.°  Porte  Ticinese  e  Lodovica. 
6.°  Porta  Magenta. 


Mandamento  7.°  ed  8.°  —  Milano  —  Corpi  Santi,  46,348. 

7.°  CC.  SS.  delle  Porte  Gari-  I  8.°  CC.  SS.  delle  Porle  Romana» 
baldi,  Nuova  e  Venezia.    I  Ticinese  e  Magenta. 

Mandamento  9.°  —  Milano  —  Comuni  ,  15,306. 
Comuni, 


Affari  con  Bruzzano  dei  due 
Borghi ,  Bresso  e  Dergano, 
5893. 

Cormanocon  Brusuglio,  1945. 

Crescenzago,  1696. 


Gorla  Primo,  391. 
Greco  Milanese,  2020. 
Niguarda,  2157. 
Precotto,  881. 
Turro  Milanese  ,  323. 


Mandamento  10.°  —  Corsico,  12,096. 
Comuni. 


Assago,  824. 

Baggio  con  Muggiano  e  Sei- 

lanova,  2431. 
Buccinasco,  con  Grancino  e 

Ronchetto,  1735. 


Cesano  Boscone,  647. 
Corsico,  1590. 
Cusago,  1218. 
Settimo  Milanese,  2411. 
Trezzano  sul  Naviglio,  1240 


120  DIVISIONE  TERRITORIALE 

Mandamento  11.0  —  Melzo,  18,544. 
Comuni. 


Lambrate,  1671. 

Liscate,  1046. 

Melzo,  2375. 

Mezzale  con  Zeloforamagno  e 

Morsenchio,  1557. 
Pantigliate,  689. 
Peschiera  Borromeo,  1091. 
pioltello  con  Limito,  2649. 


Rodano  con  Briavacca.  1269. 
Segrate  con  Novegro  e  Ro- 

vagnasco ,  1974. 
Settala    con    Premenugo , 

1863. 
Truccazzano  con  Cornegliano, 

Bertario  e  Cavajone,  2360. 


Mandamento  12.°  —  Locate  de'Triulzi,  11,043. 
Comuni. 


Basiglio ,  767. 

Chiaravalle  Milanese  con  No- 

sedo,  1831. 
Locate  de'  Triulzi ,  2091. 
Opera,  1056. 
Pieve  Emanuele,  1170. 


Quintosole  con  Vigentino  e 

Vajano  Valle,  1984. 
Rozzano  con  Pontesesto,  1256 
San  Donato  Milanese    con 
Bolgiano,  888. 


Mandamento  13.°  —  Bollate,  22,023. 
Comuni. 


Arese,  1692. 

Bollate  con  Baranzate  e  Cas- 

sina  Nova,  4444. 
Cascina  del  Pero,  290. 
Cerchiate,  192. 
Cesate,  1115. 
Garbagnate,  1905. 
Mazzo  Milanese,  803. 
Musocco  con  Garegnano,  Bol- 


dinasco ,  Villapizzone , 
Cascina  Triulza  e  Rose- 
rio,  3350. 

Novate  Milanese,  2338. 

Senago,  2457. 

Terrazzano,  581. 

Trenno  con  Figino  di  Mi- 
lano, Quarto  Cagnino  e 
Quinto  Romano,  2856. 


Mandamento  14.°  —  Gorgonzola,  28,496. 
Comuni. 


Basiano,  877.  ) 

Bellinzago  Lombardo,  1323. 
Busnago,  1384. 
Busserò,  1517. 
Cambiago,  1747. 
Cassina  de'  Pecchi  con  San- 
t'Agata Martesana,  1501. 
Cernusco  Asinario,  5078. 


Cornate  con  Colnago  e  Porto 

d'Adda,  3467. 
Gessate,  2221. 
Gorgonzola,  4320. 
Masate,  972. 

Pessano  con  Bornago,  2062. 
Roncello,  773. 
Vignate  con  S.  Pedrino,  1254, 


DELLA  PROVINCIA  Di  MILANO 

Mandamento  15.°  ^  Cassano  d'Adda,  22,236. 


121 


Comuni. 


Cassano  d'Adda    con    Grop- 

pello  d'Adda,  6509. 
Grezzago,  544. 
Inzago,  3725. 
Pozzo  d'Adda,  1163. 
Pozzuolo  Martesana  con  Bi- 


sentrate  e  Trecella,  2435. 
Trezzano  Rosa,  816. 
Trezzo  suIl'Adda  con  Con- 
cesa, 3802. 
Vaprio  d'Adda,  3242. 


Mandamento  16.°  —  Melegnano,  15,607. 
Comuni. 


Carpiano   con    Arcagnago   e 

Zunico,  1807. 
Cerro  al  Lambro,  737. 
Colturano,  722. 
Mediglia  con  Bustighera  e  Mer- 

cugnano,  2648. 
Melegnano,  4528. 


Riozzo,  641. 

Viboldone  con  Sesto  Ulte- 
riano,Zivido,  S.  Giulia- 
no Milanese  e  Pedriano, 
39-22. 

Vizzolo,  602. 


IL  CIRCONDARIO  di  ABBIATEGRASSO 

Mandamenti  4  —  Comuni  44. 

Popolazione  99,057. 

Mandamento  17°.  —  Abbiategrasso,  26,164. 


Comuni. 


Abbiategrasso  con  Castelletto 

Mendosio,  9792. 
Albairate,  2198. 
Bareggio,  2798. 
Cascinetta  di  Lugagnano,  1151 
Cisliano  con  Bestazzo  e  s.  Pie- 


tro Bestazzo,  1729. 
Corbetta,  4489. 
Ozerò,  1225. 
Robecco  sul   naviglio  con 

Castellazzo    de'    Barzi, 


Mandamento  18.°  —  Magenta  ,  17,426. 
Comuni. 


Bernate  Ticino,  1449. 
Boffalora  sopra  Ticino,  1556. 
Cascina  Pobbia,  230. 
Magenta,  6044.      - 
Marcallo  con  Casone,  1971. 


Mesero,  1298. 
S.  Stereo  Ticino,  1080. 
Sedriano,  2107. 
Vittuone,  1691, 


122  DIVISIONE  TERRITORIALE 

Mandamento  d9.°  —  Cuggiono,  2 
Comuni. 


9,597. 


Arconate,  con  Dairago,  2366. 
Buscate,  1681. 
Busto  Garolfo  con  Villa  Cor- 
tese, 3496. 
Castano  Primo,  3649. 
Cuggiono,  4567. 
Inveruno  con  Furato,  2630. 
Lonate  Pozzolo  con  Sant'An- 


tonino Ticino  e  Toma- 
vento,  4143. 

Magnago  con  Vanzaghello 
e  Bienate,  3445. 

Nosate,  463. 

Robecchetto  con  Induno, 
1641. 

Turbigo,  1516. 


Mandamento  20.°  —  Binasco,  25,870. 
Comuni. 


Besate,  1808. 

Binasco,  1339. 

Bubbiano,  562. 

Calvignasco,  564. 

Casarile,  960. 

Coronate  con  Caselle  d'Ozerò, 
1693. 

Gaggiano  con  Vigano  Certo- 
sino, Bonirola,  Barate,  SS. 
Vito  e  Marta,  Fagnano  sul 
Naviglio,  3148. 

Gudo  Visconti,  640. 

Lacchiarellacon  Casirate  Olo- 


na e  Mettone,  3720. 
Motta  Visconti,  2434. 
Noviglio  con  Tainate,  1356. 
Rosate,  2539. 
Vermezzo,  690. 
Vernate    con    Pasturago , 

Moncucco  vecchio  e  Coaz- 

zano,   1914. 
Zelo  Zurigone,  454. 
Zibido   san   Giacomo   con 

S.  Novo,  S.  Pietro  Cusico 

e  Vigonzino,  2094. 


HI.  CIRCONDARIO  di  GALLARATE 
Mandamenti  5  —  Comuni  52. 
Popolazione  135,988. 
Mandamento  21.°  —  Gallarate  —  Città,  24,053. 


Comuni. 


Albizzate    con   Solbiate  sul- 
l'Arno, 1917. 
Cajello,  408. 
Cardano ,  2057. 
Cassano  Magnago,  3029. 
Crenna,  1631. 
Ferno,  1906. 


Gallarate  con  Amate  e  Ce- 
drate, 7427. 

Jerago,  534. 

Oggionna  ,  721. 

Orago  con  Premezzo,  901. 

Samarate  con  Cascina  Ver- 
gherà, 3522. 


della  provincia  di  milano  i 

Mandamento  22.°  —  Busto  Arsizio  —  Città,  36,050. 
Comuni. 


Busto  Arsizio,  1-2,580. 
Cairate  con  Bolladello  e  Pe- 

veranza ,  2565. 
Castellarla  con  Castegnate  0- 

lona,  1951. 
Fagnano   Olona,  3381. 
Gorla  Minore  con  Gorla  Mag- 


giore e  Prospiano,  2973. 
Legnano,  6349. 
Marnate ,  770. 
Olgiate  Olona,  1712. 
Sacconago    con    Borsano, 

3042. 
Solbiate  Olona,  727. 


Mandamento  23.°  —  Saronno,  29,034. 
Comuni. 


Canegrate,  1549. 

Caronno  Milanese  con  Casci- 
na Pertusella,  4513. 

Cerro  Maggiore ,  2297. 

Cislago,  2404. 

Gerenzano,  1849. 

Lainate  con  Barbajana  e  Pas- 
sirana  Milanese,  4141. 


Origgio,  1743. 

Rescaldina  con  Rescalda, 
1582. 

S.  Giorgio  su  Legnano,! 325. 

S.  Vittore,  981. 

Saronno  cOn  Cascina  Fer- 
rara ,  6381. 

Uboldo,  2229. 


Mandamento  24.°  —  Rho,  24,762. 
Comuni. 


Arluno,  3043. 

Casorezzo  con  Ossona,  2318. 

Cornaredo,  2934. 

Lucernate  ,  536. 

Nerviano  con  Garbatola,  3704 


Parabiago,  4196. 
Pogliano  ,  1463. 
Pregnana  ,  1124. 
Rho,  4002. 
Vanzago,  1442. 


Mandamento  25.°  —  Somma  Lombardo,  22,089. 


Comuni. 


Arzago  con  Casorate  Sempio- 
ne,  Besnate  e  Mezzana  Su- 
periore, 3595. 

Casale  Litta  con  S.  Pancrazio 
al  Colle,  eVilladosia,  1906. 

Golasecca,  1675. 

Mornago  con  Montonate,  Vi- 
nago,  Crugnola  e  Cimbro. 
2005. 

Sesto  Calende  con  Oriano  so- 


pra Ticino,  3122. 
Somma  Lombardo,  4601. 
Sumirago  con  Caidate,  Al- 

busciago,Menzago,Quin- 

zano  S.  Pietro,  2168. 
Vergiate  con  Corgeno,  Cu- 

tirone  e  Sesona,  2524. 
Vizzola  Ticino  con  Castel- 

novate,  493. 


124  DIVISIONE  TERRITORIALE 

IV.  CIRCONDARIO  di  LODI 

Mandamenti  8  —  Comuni  82. 

Popolazione  167,402 

Mandamento  26.°  —  Lodi  —  Città,  19,562. 

Mandamento  27.°  —  Lodi  —  Comuni,  18,309. 


Comuni. 


Abbadia  del  Cerredo,  421. 
Boffalora  d'Adda,  698. 
Bottedo,  333. 
Cà  dei  Zecchi,  348. 
Campolungo,  820. 
Casaletto  Lodigiano  con  Gu- 

gnano  e  Villa  Rossa,  1007. 
Chiosi  d'Adda  con  Vigadore, 

1606. 
Chiosi  di  P.a  Cremonese,  1801. 


Chiosi  di  P.a  Regale,  2365. 
Cornegliano  Laudense,383. 
Corte  Palasio,  1647. 
Crespiatica,  852. 
Lodi  vecchio,  3299. 
Pezzolo  di  Codazzi,  293. 
Saleranosul  Lambro,1075. 
S.  Zenone  al  Lambro  con 
S.  Maria  in  Prato,  1142. 
Tormo,  219. 


Mandamento  28.°  —  Paullo,  14,8 


Comuni. 


Casalmaiocco ,  847. 

Cer vignano,  821. 

Comazzo ,  1095. 

Dresano,  496. 

Galgagnano,  515. 

Merlino,  950. 

Montanaso  Lombardo  con  Ar- 
cagna,  870. 

Mulazzano  con  Cassino  d'Al- 
beri, Quartiano  e  Isola  Bal- 


ba,  2633. 

Paullo,  1780. 

Sordio,  373. 

Tribiano,  771. 

Villavescocon  Tavazzano 
e  Pezzolo  di  Tavazzano 
1594. 

Zelobuonpersico  con  Caso- 
late,  Mignette  e  Villa 
Pompejana,  2081. 


Mandamento  29.°  —  Borghetto,  21,131. 


Comuni. 


Borghetto  Lodigiano,  5273. 
Cavenago  d'Adda  con  Caviaga 

e  Soltarico,  2345. 
MairagoconGrazzanello,2056. 
Motta  Vigana  ,  654. 
Ossago  con  Cepeda,  1547. 


.  Colombano  al  Lambro, 

6844. 
.  Martino  in  Strada  con 

Sesto  Pergola  e  Cà  dei 

Bolli,  2412. 


DELLA  PROVINCIA  DI  MILANO  12$ 

Mandamento  30.°  -*  Sant'Angelo  Lodigiano,  19,386. 


Comuni. 


Bargano,  623. 

Caselle  Lurani,  1127. 

Cazzimano  con  Cà  dell'Acqua 
e  Guazzina,  1373. 

Graffignana,  1902. 

Marudo  con  Gastiraga  da  Reg- 
gio e  Vidardo,  1654. 


Massalengo,  878. 
Mongiardino  Sillaro,  357. 
Orgnaga,  837. 
S.  Angelo  Lodigiano,  8334. 
Trivulzina,  214. 
Valera  Fratta,  974. 
Villanuova  del  Sillaro  1116. 


Mandamento  31.° 


-  Casalpusterlengo  ,  31,072. 
Comuni. 


Bertonico,  1878. 
Brembio,  2£22. 
Gamairago,  1353. 
Cantonale,  H3. 
Casalpusterlengo,  6235. 
Castiglione  d'Adda,  3412. 
Livraga  con  Càde'Mazzi,  3223. 
Orio  Litta,   1844. 
Ospedaletlo  Lodigiano,  1764. 


Pizzolano,  434. 

Secugnago,  1487. 

Terra  Nuova  dei  Passerini, 
1778. 

Turano  con  Robecco  Lodi- 
giano  e  Melegnanello, 
2025. 

Viltadone,  748. 

Zorlesco,  1856. 


Mandamento  32.°  —  Codogno,  28,480., 
Comuni. 


Codogno  con  Gattera  Majocca 

e  Trivulza,  11686. 
Fombio,  1888. 
Guardamiglio,  2317. 
Regina  Fittarezza,  164. 
S.  Fiorano,  1644. 
S.  Rocco  al  Porto  con  Mezzana 


Casati,  3007. 

S.  Stefano  dei  Corno,  2514. 

Senna  Lodigiano  con  Mi- 
rabello  S.  Bernardino  e 
Corte  Sant'Andrea,  3100, 

Somaglia,  2160. 


Mandamento  33.°  —  Maleo,  14,636. 
Comuni. 


Caselle  Landi,  2802. 
Castelnuovo   Bocca  d'Adda, 

2181. 
Cavacurta,  1443. 
Corno  •  Giovine  con  Mezzano 

Passone,  2008. 


Corno  Vecchio  con  Larde- 
rà, 749. 
Maccastorna,  375. 
Maleo,  3973. 
Melelto,  1105. 


126 


DIVISIONE   TERRlTORUtE 


V.  CIRCONDARIO  di  MONZA 

Mandamenti  6  —  Comuni  55. 

Popolazione  458,331. 

Mandamento  34.°  —  Monza  —  Città  24,662. 

Mandamento  35.°  —  Monza  —  Comuni,  28,810. 


Comuni. 


Balsamo,  2244. 
Biassono ,  1995. 
Brugherio,  3595. 
Cinisello,  2650. 
Cologno  Monzese,  2061. 
Lissone  con  Cascina  Alipran- 
di,  4190. 


Maccherio,  1348. 
Muggiò  ,  1850. 
Sesto  S.  Giovanni  con  Ca- 
scina dei  Gatti,  4743. 
Vedano  al  Lambro ,  1298. 
Villa  S.  Fiorano,  1549. 
Vimodrone,  1287. 


Mandamento  36.°  —  Desio,  20,331. 
Comuni. 


Cusano  sul  Seveso,  1343. 

Desio,  5431. 

Nova,  2242. 

Paderno    Milanese    con    Du- 


gnano,    Incirano  ,  Pa- 
lazzolo   Milanese   e  Ca- 
scina Amata,  5550. 
Seregno,  5765. 


Mandamento  37.°  —  Vimercate  ,  33,520. 


Comuni, 


Agrate  Brianza  con  Ornate, 
3097. 

Arcore,  2067. 

Bellusco,  1483. 

Bernareggiocon  Aicurzio,  Sul- 
biate  inferiore,  Sulbiate  su- 
periore, Ronco  Briantino  , 
Carnate  e  Villanova-Vimer- 
cate,  5530. 

Burago  di  Molgora,  927. 

Camparada ,  512. 

Caponago,  1483. 


Carugate,  1732. 
Cavenagodi  Brianza,  1236. 
Concorezzo,  2331. 
Lesmo,  1675. 
Mezzago,  1230. 
Oreno,  1663. 
Ornago,  1170. 
Ruginello,  686. 
Velate  Milanese  con  Usma- 

te,  2592. 
Vimercate,  4*106. 


della  provincia  dt  milano  i27 

Mandamento  38.°  —  Garate  Brianza,  25,024. 


Comuni. 


Albiate,  1495. 

Besana  Brianza  con  Valle  Gui- 
dino, Cazzano  Besana,  Villa 
Raverio,  Monte  Siro,  Calò 
e  Vergo,  5279. 

Briosco  con  Capriano  Brianza, 
2381. 

Carate  Brianza  con  Agliate  e 
Costa  Lambro,  3871. 

Corezzana,  440. 


Giussano  con  Robbiano  e 

Paina,  4152. 
Renate,  1114. 
Sovico,  1219. 
Triuggio     con    Tregasio, 

2247. 
Veduggio    con    Colzano, 

1155. 
Verano,  1671. 


Mandamento  39.°  —  Barlassina,  25,984. 
Comuni. 


Bovisio,  1211. 

Ceriano  Laghetto  con  Solaro 

e  Cogliate,  3616. 
Cesano  Maderno  con  Binzago 

e  Cassina  Savina,  3346. 
Lentate  sul  Seveso  con  Copre- 

no  e  Birago,  3637. 


Limbiate  con  Pinzano,  2419. 
Masciago  Milanese,  737. 
Meda,  3051. 

Misinto  con  Lazzate,  2731. 
Seveso  con  Barlassina,3465. 
Varedo,  1771. 


RIASSUNTO 


Circondari 

Manda- 
menti 

Comuni 

Popola- 
zione 

OS 
<M 

fa 

o 

cu 

C/3 

I.  Milano 

II.  Abbiategrasso  .  . 

III.  Gallarate  .... 

IV.  Lodi 

V.  Monza 

Totale 

16 
4 
5 
8 

9 

80 
44 
52 
82 
35 

387,808 
99,057 
135,988 
167,402 
158,331 

39 

313 

948,586 

128 

PREFETTURA  DELLA  PROVINCIA  DI  MILANO 

(  Via  Mon forte  32.) 


Prefetto. 

Torre  conte  Carlo,  grand'  uff.  ^.,  senatore  del  Re- 
gno, ec.  -  nel  palazzo  di  Prefettura. 

Consiglieri. 

Serpini  cav.  Giacinto,  consigliere  delegato  -  corso  Ve- 
nezia 66. 
De  Capitani  dott.  Giovanni,  %  -  via  Rugabella  io. 
Lange  cav.  Edoardo  -  via  Spiga  22.  . 

Segretarj  di  i.a  classe. 

Ravizza  dott.  Angelo  -  via  s.  Tomaso  3. 
Cornalia  dott.  Cesare  -  via  Monte  Napoleone  36. 
Brugnatelli  dott.  Camillo,  ^,  incaricato,  per  decreto 

reale,  delle  funzioni  di  consigliere  -  via  Verri  7. 
Locatelli  Carlo  -  via  Manin  5. 
Mattia  dott.  Angelo  -  via  Stella  ai. 

Segretarj  di  2.a  classe. 

Pellegrini  dott.  fisico  Emilio,  ^  -  via  s.  Giuseppe  3. 
De  Herra  nob.  dott.  Giovanni  -  via  Monte  di  Pietà  1 4. 

Sotto-Segretario  di  i.a  classe. 
Tognoli  dott.  Pietro  -  via  Fieno  2. 

Sotto» Segrelarj  di  2.a  classe. 

Giusti  rag.  Angelo  -  corso  Garibaldi  35. 
Bouffier  dott.  Gaetano  -  via  Lanzone  22. 
Granata  Paolo. 


PREFETTURA  129 

Applicati  di  i.a  classe. 
Majocchi  Carlo  -  via  Mulino  delle  Armi  n. 
Rosnati  Carlo  -  via  Silvio  Pellico  e  galleria  Vittorio 

Emanitele  lettera  B. 
Del  Bue  nob.  dott.  Luigi  -  corso  Venezia  36, 
Merizzi  nob.  rag.  Francesco  -  via  Durini  i. 
Ferrari  Giulio  -  via  Palermo  i5. 
Falciola  Lucca  -  via  Brera  2. 
Archieri  Giuseppe  -  via  Monforle. 
Santagostino  Giuseppe  -  via  Rastrelli  6. 
Eccheli  conte  Enrico. 

Applicati  di  2.a  Classe. 
Mazzoni  rag.  Marcello  -  via  s.  Giuseppe  7. 
Navoni  Stefano  -  via  Monforle  26. 
Bossi  Carlo  -  corso  P.  Ticinese  6. 
Nullo  Giovanni  -  via  Monforte  26. 

Volontario  per  la  carriera  superiore* 
Grandi  dott.  Giovanni  -  corso  Venezia  12, 

Ufficio  di  Leva. 
Archieri  Giuseppe)  ^^ 
Rosnati  Cario  J 

CONSIGLIO  PROVINCIALE. 

Presidente. 
Lissoni  avv.  Andrea,  %£,  senatore  del  Regno  -  corso 
Venezia  54. 

Fice- Presidente. 
Taverna  conte  Paolo,  comm.  ^|- via  Monte  Napoleone  12. 

Segretario. 
Massarani  dott.  Tulio,  0  -  via  Nerino  4» 

Vice-Segretario . 
Pavesi  cav.  prof.  Angelo  -  via  Principe  Amedeo  3. 

Guida  1871  —  g 


j5o  CONSIGLIO    PROVINCIALE 

CONSIGLIERI  PROVINCIALI. 
Circondario  di  Milano. 
Mandamento  I.  -  Milano,  Ciltà. 
Nappi  Giovanni  Battista,  comm.  ^  -  via  Bossi  4. 
Porro  nob.  Alessandro,  comm.  ^  senatore  del  Re- 
gno -  via  Oriani  1. 

Mandamento  II.  -  Milano,  Città. 
Della  Porta  rag.  Frane,  ^  -  via  Sala  8. 
Borgomanero  avv.  Gius.,  ^|  -  via  Filodrammatici  5. 

Mandamento  III.  -  Milano,  Città. 
Lissoni  cav.  avv.  Andrea,  predetto. 
Giulini  nob.  Giorgio,  -£  -  via  Pietro  Verri  8. 

Mandamento  IV.  -  Milano,  Città. 
Volpi  Giuseppe  Antonio,  uff.  ^  -  via  Giardino  2. 
Belgiojoso  conte  cav.  Carlo  -  via  Morigi  9. 

Mandamento  V.  -  Milano,  Città. 
Strambio  dott.  Gaetano,  ^  e  cav.  della  Legion   d'o- 
nore -  via  Bigli  i5. 
Righini  avv.  Gaetano  -  via  Olmetto  3. 

Mandamento  VI.  -  Milano,  Città. 
Piolti  De-Bianchi  dott.  Giuseppe,  deputato  al  Parla- 
mento- via  s.  Croce  8. 
De  Leva  Massimiliano,^  -  via  Disciplini  2. 
Verga  dott.  Andrea,  ^  -  corso  P.  Romana  11. 

Mandamento  VII. -Milano,  Corpi  Santi. 
Annoni  conte  Aldo  -  corso  P.  Romana  6. 

Mandamento  Vili.  -  Milano,  Corpi  Santi. 
Todescbini  dott.  Cesare,  ^g  -  via  Bigli  i5. 

Mandamento  IX.  -  Milano,  Comuni. 
Manzoni  nob.  Pier  Luigi  -  via  Morone  1. 


CONSIGLIO  PROVINCIALE  l3l 

Mandamento  X.  -  Corsico. 
Cotta  ing.  Francesco  Antonio  -  corso  Magenta  3*2. 

Mandamento  XI.  -  Melzo. 
Bassi  nob.  Girolamo,  %  -  via  Spiga  44» 

Mandamento  XII.  -  Locate  de'  Triulzi. 
Bianchi  ing.  cav.  Giuseppe  -  via  Amedei  9. 

Mandamento  XIU.  -  Bollate. 
Legnani  avv.  Luigi  -  via  s.  Giuseppe  5. 
Robecchi  avv.  Giuseppe,^,  uff.  ^  -  via  Giardino  45. 

Mandamento  XIV.  -  Gorgonzola. 
Greppi  nob.  Luigi  -  via  Borgo  Nuovo  9. 

Mandamento   XV.  -  Cassano  d'Adda. 
Frassi  ing.  Giacomo  -  via  Amedei  1  (dimissionario). 

Mandamento  XVI.  -  Melegnano. 
Formentini  rag.  Marco  -  via  s.  Carpoforo  9. 

Circondario  di  Abbiategrasso. 

Mandamento  XVII.  -  Abbiategrasso. 

Negri  ing.  Luigi  -  corso  P.  Romana  16. 
Mussi  dott.  Giuseppe  -  via  Unione  14. 

Mandamento  XVIII.  -  Binasco. 

Gorla  avv.  Francesco,  uff.  ^  -  via  s.  Damiano  28, 
De  Giuli  avv.  Agostino  -  via  s.  Maurilio  i3. 

Mandamento  XIX.  -  Cuggiono. 

Villoresi  cav.  ing.  Eugenio  -  via  Solferino  10, 
Tatti  ing.  Luigi,  ^  -  via  Durini  24. 

Mandamento  XX.  -  Magenta. 
Venini  Giovanni  -  via  s.  Marta  12. 


l32  CONSIGLIO    PROVINCIALE 

Circondario  di  Gallarate. 

Mandamento  XXI.  -  Gallarate. 
Costa  avv.  Giacomo  Gius.,  comm.  ^  -  via  Vigentina  34» 
Cantoni  Eugenio,  uff.  ijfe,  fa  -via  Meravigli  i5. 

Mandamento  XXII.  <-  Busto  Arsizio. 
Locati  dott.  Giuseppe,  ^|  -  corso  Venezia  5a. 
Brambilla  nob.  Giuseppe  -  via  Brera  9. 

Mandamento  XXIII.  -  Rho. 

Ristori  avv.  Giovanni  Battista  -  via  s.  Eufemia  1. 

Mandamento  XXIV.  -  Somma  Lombardo. 

Visconti  march.  Carlo  Ermes  -  via  Borgo  Nuovo  5. 

Mandamento  XXV.  -  Saronno. 

Taverna  conte  comm.  Paolo,  predetto. 

Imperatori  avv.  Giovanni  Battista,  ^  -  via  Gozzadini  39. 

Circondario  di  Lodi. 

Mandamento  XXVI.  <■  Lodi. 

Crocciolani  dott.  Settimo,  %. 

Mandamento  XXVII.  -  Lodi  Campagna. 

Martini  avv.  Paolo,  $fè  (defunto). 

Mandamento  XXVIII.  -  Borghetto. 

Zanoncelli  avv.  Giovanni  Battista,  ^. 

Mandamento  XXIX.  -^Casalpusterlengo, 

Laboranti  Giuseppe,  ^  -  corso  Venezia  5s. 
Croce  dott.  Angelo. 

Mandamento  XXX.  -  Codogno. 

Faruffini  avv.  Giovanni. 
Pignami  ing.  Emilio,  di  Codogno. 


CONSIGLIO   PROVINCIALE  l35 

Mandamento  XXXI.  -  Maleo. 
Gattoni  Leopoldo. 

Mandamento  XXXII.  -  Paullo. 
Pavesi  cav.  prof.  Angelo,  predetto. 

Mandamento  XXXIII.  -Sant*  Angelo  Lodigiano. 
Scotti  avv.  Antonio. 

Circondario  di  Monza. 

Mandamento  XXXIV.  -  Monza,  Città. 

Villa  ing.  Carlo  -  via  Morone  6. 

Ferrano  dott.  Carlo,  ^-  -  via  Monte  Napoleone  26. 

Mandamento  XXXV.  -  Monza,  Comuni. 

Magatti  avv.  Adolfo  -  via  Giardino  a5. 
Zberg  dott.  Giovanni  -  via  s.  Spirito  i5. 

Mandamento  XXXVI.  -  Barlassìna. 

Clerici  nob.  Giorgio,  ^  -  via  Giardino  2. 
Magretti  ing.  Pietro,  ^  -  Foro  Bonaparte  29. 

Mandamento  XXXVII.  -  Carate  di  Brianza. 

Massarani  dott.  cav.  Tulio,  predetto. 
Caprotti  avv.  Giovanni  -  via  Annunciata  4. 

Mandamento  XXXVIII.  -  Vimercate. 

Zenoni  rag.  Zenone  -  via  Giulini  5. 
Tomaselli  cav.  dott.  Cesare  -  via  Olmetto  7. 

Mandamento  XXXIX.  -  Desio. 

Rossi  Guglielmo,  comra.  %  -  via  Monte  Napoleone  55. 


i34 

DEPUTAZIONE  PROVINCIALE. 

(Via  Monforte  32.) 

Presidente, 

Il  Prefetto  della  Provincia.,  ec,  vedi  pag.  128. 

Deputati  Provinciali. 

Giulini  nob.  cav.  Giorgio,  ec,  vedi  pag.  i3o. 
Crocciolani  cav.   SetlimO,  ec,  vedi  pag.   i32. 
Ferrano  dott.  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.   i33. 
Magatti  avv.  Adolfo,  ec,  vedi  pag.  i33. 
Annoni  conte  Aldo,  ec,  vedi  pag.  i3o. 
Gorla  cav.  Francesco,  ec,  vedi  pag.  i3i. 
Bianchi  ing.  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  i3i. 
Magretti  ing.  cav.  Pietro,  ec,  vedi  pag.  i33. 
Gaprolti  avv.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.   i33. 
Locati  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  i32. 

Deputati  supplenti. 

Imperatori  cav.  Gio.  Batt.,  ec,  vedi  pag.  i32. 
Borgomanero  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag^  i3o. 
Piolti  De-Bianchi  dott.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  i3o. 
Greppi  nob.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  i3i. 

UFFICIO  PROVINCIALE  AMMINISTRATIVO. 

Malortiz  Giuseppe  Cesare,  ^|,  segretario  generale  -  via 

Borgo  Nuovo  i5. 
Bavetta  dott.  Giuseppe,  segretario  -  via  Torino  64. 
Minonzio  dott.  Carlo,  idem  -  via  Chiosetto  16. 
Bigolini  dott.  Carlo,  idem  -  via  Passarella  36. 
Salis  conte  dott.  Rodolfo,  idem  -  corso  Venezia  61. 
Meregalli  Giuseppe,  idem  -  corso  P.  Nuova  36. 
Piccaluga  Luigi,  vice-segret.  -  via  Porlezza  i4» 
N.  N.,  idem. 
Ciceri  Felice,  direttore  degli  uffici  d'ordine  -  corso 

Garibaldi  8. 


DEPUTAZIONE  PROVINCIALI;  1  35 

Pedretti  rag.  Pietro,  ragiona  capo  -  via  Medici  9. 
Paggio  rag.  Lodovico,  rag.  di  2.a  ci. -via  Boschetti  2. 
Dell'Acqua  rag.  Angelo,  ragioniere-aggiunto    di   i.a 

classe  ed  economo  -  via  Pietro  Verri  12. 
Gallizia  rag.  Carlo,   ragioniere  aggiunto  di  2.a  classe. 

-  via  Madonnina  io. 
Casati  nob.  dott.  Luigi,  applicato  -  via  Spiga  22. 
Borgazzi  nob.  dott.  Giacomo,  idem  -  via  Francesco 

Sforza  4*' 
Bucellari  Cesare,  idem  -  via  s.  Dalmazio  4« 
Piana  rag.  Benedetto,  idem  -  via  Monforte  36. 
Migliavacca  Luigi,  idem  -  via  s.  Vito  6. 
Bisocchi  Antonio,  applicato  -  via  Durini  1. 
Figaroli  dott.  Giovanni,  idem  -  via  Giardino  14. 
Caletti  Giovanni,  idem  -  via  Rastrelli  8. 
Somma  Rinaldo,  idem  -  corso  P.  Romana  64. 

UFFICIO  TECNICO  PROVINCIALE. 

Lavezzari  ing.  Luigi,  ^|,  capo  d' ufficio  -  via  Spiga  5. 

Campioni  Giuseppe,  ing.  di  1  ,a  ci.  -  corso  P.  Nuova  4o. 

Tosi  Vincenzo,  ing.  di  2.a  classe  -  via  s.  Simone  8. 

Panighetti  Aless.,  ing.  di  3.a  classe  -  via  Pasquirolo  7. 

Dell'Acqua  Giac,  ing.  allievo  effett. -corso  Venezia  i3. 

Barzaghi  Flaminio,  ajutante  -  sobborgo  P.  Garibaldi. 

Bossi  Francesco,  assistente  misuratore. 

Mistrangeli  Felice,  idem      \        * 

Annoni  Carlo,  idem  [   dimoranti  in  campagna. 

Ambrosini  Lorenzo,  idem    ) 

Sommariva  Paolo,  imp.  d'ordine  -  via  s.  Maria  Valle  7. 

REVISORI  DEI  CONTI. 

Della  Porta  rag.  cav.  Francesco    } 

Formentini  rag.  Marco  /  .  ,.    . 

m  ;  vh     1  \       consiglieri 

JLaverna  conte  cav.  Paolo  >  ,'  •  "  •  ». 

De  Leva  cav.  Massimiliano  \     " 

Zenoni  rag,  Zenone. 


i36 


DEPUTAZIONE  PROVINCIALE 


CONSIGLI  DI  LEVA. 
Milano. 
De  legali.  Supp  leu  ti, 

Manzoni  nob.  Pier  Luigi.   Belgiojoso  conte  cav.  Carlo. 
Gotta  ing.  Frane.  Ant.        De  Leva  cav.  Massimiliano. 

Abbiategrasso. 
Annoni  conte  Aldo.  Venini  Giovanni. 

Negri  ing.  Luigi.  Villoresi  cav.  ing.  Eugenio. 

Gallarate. 
Formentini  rag.  Marco.        Brambilla  nob.  Giuseppe. 
Locati  cav.  Giuseppe.  Visconti  m.c  Carlo  Ermes. 

Lodi. 
Bignami  ing.  Emilio.  Scolli  avv.  Antonio. 

Gattoni  Leopoldo.  Zanoncelli  avv.  cav.G.  B. 

Monza. 
Ferrano  dott.  Carlo  Zberg  dott.  Giovanni. 

Villa  ing.  Carlo.  Tomasellicav.  dott.  Cesare 

GIUNTA  DI  STATISTICA. 

Pisani  nob.  dott.  Gio.,  -#-,  ufi.  >H  -  via  Borgo  Nuovo  24. 
Porro  nob.  comm.  Alessandro.,  ec>  vedi  pag.   i3o. 
Sacchi  cav.  Giuseppe  -  via  Brera  28. 
Castiglioni  dott.  cav.  Cesare  -  via  s.  Orsola  7. 

N.  N.  ** 

COMMISSIONE 

per  la  revisione  delle  liste  dei  Giurati. 
Imperatori  cav.  avv.  Gio.   Batt.    ] 
Nappi  comm.  Giovanni  Battista    f     consiglieri 
Volpi  cav.  Giuseppe  Antonio        L    provinciali. 
Croce  dott.  Angelo.  ) 


i37 
AMMINISTRAZIONE  DEL  COMUNE  DI  MILANO. 

(Nel  Palazzo   Comunale  j  via  Marino   2.) 

L'amministrazione  comunale  è  affidata  al  Consiglio  comu- 
nale ed  alla  Giunta  municipale:  il  Consiglio  comunale  è 
composto  di  60  membri;  la  Giunta  municipale  si  compone 
del  Sindaco,  che  è  capo  dell'amministrazione  comunale  ed 
ufficiale  del  Governo,  di  otto  assessori  e  di  quattro  sup- 
plenti. La  nomina  del  Sindaco  è  fatta  dal  Re;  è  scelto  fra  i 
consiglieri  comunali,  dura  in  ufficio  tre  anni,  e  può  essere 
confermato  se  conserva  la  qualità  di  consigliere  comunale. 

I  consiglieri  comunali  sono  eletti  dai  cittadini,  durano  in 
funzione  5  anni,  si  rinnovano  per  quinto  ogni  anno,  e  sono 
rieleggibili. 

II  Consiglio  comunale  si  aduna  in  sessione  ordinaria  due 
volte  all'anno:  la  prima  in  marzo,  aprile  0  maggio;  la  se- 
conda in  ottobre  0  novembre;  la  sessione  ordinaria  non  può 
durare  più  di  30  giorni  senza  permissione  della  Deputazione 
provinciale.  Il  Prefetto  solo  può  permettere  od  ordinare  la 
riunione  straordinaria  del  Consiglio  comunale. 

La  Giunta  municipale  rappresenta  il  Consiglio  comunale 
nell'intervallo  delle  sue  riunioni;  veglia  al  regolare  anda- 
mento dei  servizj  municipali  mantenendo  ferme  le  delibera- 
zioni del  Consiglio.  Essa  è  eletta  dal  Consiglio  comunale; 
si  rinnova  ogni  anno  per  metà,  ma  i  membri  che  escono  di 
uffìoio  allo  scadere  dell'anno  sono  rieleggibili. 


La  città  di  Milano  si  divide  in  sei  Mandamenti: 

Mandamento  I. 
Porta  Garibaldi  -  Porta  Tenaglia  -  Arco  della  Pace. 

[Via  s.  Simpliciano  5.) 

(Parrocchie  di  s.  Tomaso,  s.  Maria  del  Carmine,  s.  Sim- 
pliciano e  s.  Maria  Incoronata.) 

Mandamento  IL 
Porta  Nuova. 

(Via   Case  Rotte  l\.) 

(Parrocchie  della  Metropolitana,  di  s.  Marco,  s.  Francesco 
di  Paola  e  s.  Fedele.) 


l38  AMMINISTRAZIONE 

Mandamento  III. 
Porta  Venezia  -  Porta  Vittoria. 

(Via  D  urini  17.) 

(Parrocchie  di  s.  Carlo,  s.  Stefano,  s.  Gottardo  nel  Palazzo 
Reale,  s.  Babila  e  s.  Maria  della  Passione.) 

Mandamento  IV. 
Porta  Romana  -  Porta  Vigentina. 

(  Via  s.  Eufemia   I^.) 

(Parrocchie  di  s.  Nazaro,  s.  Calimero,  s.  Eufemia  ed  il 
Distretto  di  s.  Pietro  in  Gessate.) 

Mandamento  V. 
Porta  Ticinese  -  Porta  Lodovica. 

(Piazza  Ve  tra  9.) 

(Parrocchie  di  s.  Giorgio,  s.  Lorenzo,  s.  Eustorgio,  s.  Ales- 
sandro, meno  il  Distretto  di  s.  Maria  Podone  compreso  nel 
Mandamento  VI.) 

MandamexNto  VI. 

Porta  Magenta. 

(Via    Ter  raggio  2.) 

(Parrocchie  di  s.  Ambrogio,  s.  Satiro,  s.  Sepolcro,  s.  Vit- 
tore, s.  Maria  Segreta,  s.  Maria  alla  Porta  ed  il  Distretto  di 
s.  Maria  Podone.) 

STATISTICA 

DELLO    STATO    CIVILE   DI   MILANO 

dal  1.°  gennaio  a  tutto  dicembre  1870. 

Matrimoni. 

(    Celibi N.  1087 

Celibi  e  Vedove »     104 

Vedovi  e  Nubili »     205 

f   Vedovi »       45 

Totale  N.  1441 

Ì  Celibi N.  226 
Celibi  e  Vedove  .  .  »  11 
Vedovi  e  Nubili  .  .  •  26 
Vedovi »     12 

Totale  N.  275  .     275 

Totale  generale  N.  1716 


In  città  fra 


i3q 


Per  età 


Per 

sudditanza 

fra 


DEL   COMUNE  DI    MILANO 


Da  15  a  20  anni  inclus. 

.   20  a  25  .       i 

.   25  a  30  » 

»   30  a  40  » 

»   40  a  50  »» 

»   50  a  60  o 

»   60  a  70  » 
»   70  a  80     * 


Totale  N. 


Nazionali N.  1671 

Un  nazionale  e  una  straniera.    .    .  >  21 

Uno  straniero  e  una  nazionale    .    .  »  18 

Stranieri »  6 

Totale  N.  1716 


MASCHI 

FEMMINE 

5 

253 

278 

581 

555 

464 

574 

285 

196 

95 

83 

32 

21 

6 

4 

— 

1716 

1716 

-~~^~ 

'«*•*«*' 

Nati- Vivi. 

In  Città,  a  domicilio  (Legittimi    N. 


Illegittimi 
Legittimi.  . 
Illegittimi     . 

vari  Stabilimenti  (  Legil,imi 


Nell'Ospizio  prov 

Nei 


Illegittimi 


In  altri  Comuni 
All'Estero,  legittimi 


.   (  Legittimi 
1   (  Illegittimi 


Totale  N. 


MASCHI 

FEMMINE 

TOTALE 

2313 

2304 

4617 

514 

436 

950 

42 

31 

73 

89 

99 

188 

16 

13 

29 

4 

3 

7 

39 

43 

812 

9 

9 

18 

3026 

2938 

5964 

Appartenenti 


Alla  Città 


Legittimi    .    .    .    .  N. 
Illegittimi  .     .    . 

AdaUriComunijJìSIiX; 

«HB88Ì;  :  : 

Totale  N, 


MASCHI 

FEMMINE 

TOTALE 

2381 

2360 

4741 

599 

534 

1133 

35 

33 

68 

4 

5 

9 

7 

5 

12 

— 

1 

1 

3026 

2938 

5964 

i4o 


AMMINISTRAZIÓNE 


Nati-Morti. 


In  Città,  a  domicilio 
Nell'Ospizio  prov.    ! 
Nei  vari  Stabilimenti 


(  Legittimi 


,N. 


Illegittimi 
Legittimi 
Illegittimi 
j  Legittimi 
I  Illegittimi , 
In  altri  Comuni,  legittimi  . 

Totale  N. 


MASCHI 

FEMMINE 

TOTALE 

65 

31 

96 

21 

10 

31 

4 

1 

5 

7 

5 

12 

3 

3 

6 

1 

2 

3 

1 

1 

2 

102 

53 

155 

Appartenenti 


Alla  Cillà 


Legittimi    .    .    .     .  N. 
Illegittimi  .    .     .     .    » 

Ad  a.,ri  Comuni  |   gjgj-     ;    | 

Totale  N. 


Morti. 
Per  Località: 

In  Città,  a  domicilio N. 

Nell'Ospitale  Maggiore  .  » 

•'         Nell'Ospizio  provinciale.  • 

»          Nei  varj  Stabilimenti    .  • 

In  altri  Comuni » 

All'Estero » 

Totale  N. 


MASCHI 
66 

29 
7 

FEMMINE 

TOTALE 

35 

17 

1 

101 
46 

8 

102 

53 

155 

MASCHI 

FEMMINE 

TOTALE 

1630 

1867 

3497 

1504 

969 

2473 

223 

186 

409 

336 

128 

464 

715 

655 

1370 

12 

8 

20 

4420 

3813 

8233 

Per  Domicilio  o  Residenza: 

Alla  Città N. 

Ad  altri  Comuni » 

All'Estero » 

Totale  N. 


MASCHI 

FEMMINE 

TOTALE 

3142 

1164 

14 

3052 

748 
13 

6294 
1912 

27 

4420 

3813 

8233 

DEL  COMUNE  Di   MILANO 


.41 


Per  età: 


Dalla 

nascita 

a  un  mese 

Da  1 

mese 

a  3  mesi  . 

3 

mesi 

6  » 

6 

• 

9  » 

9 

» 

12  » 

Da  1 

anno 

a  2  anni 

2 

anni 

a  3  . 

3 

4  . 

4 

5  » 

5 

10  - 

10 

15  » 

15 

20  • 

20 

25  » 

25 

30  » 

30 

35  • 

35 

40  » 

40 

45  » 

45 

50  » 

50 

55  » 

55 

60  » 

60 

65  » 

65 

70  • 

70 

75  » 

75 

80  » 

80 

85  . 

85 

90  » 

90 

95  » 

95 

99  . 

Centenari.  . 

.... 

Età  ignota 

• 

.  .  .  . 

Totale  per  sesso  N. 


MASCHI 

FEMMINE 

TOTALE 

365 

275 

640 

260 

210 

470 

133 

121 

254 

85 

89 

174 

66 

81 

147 

250 

245 

495 

93 

124 

217 

76 

58 

134 

63 

43 

106 

104 

99 

203 

56 

85 

141 

142 

169 

311 

225 

187 

402 

195 

198 

393 

180 

192 

372 

185 

135 

320 

220 

148 

368 

2M 

167 

378 

224 

146 

370 

270 

194 

464 

318 

248 

566 

289 

205 

494 

190 

176 

366 

118 

130 

248 

74 

60 

134 

24 

30 

54 

3 

7 

10 

1 

1 

2 

— 

— 

— 

4420 

3813 

8233 

1^2  AMMINISTRAZIONE 

RIASSUNTO  degli  Atti  inscritti  nei  Registri  dello  Stato  Civilo 
dal  i.°  gennajo  al  31  dicembre  1870. 

ATTI  DI 

Cittadinanza       N.  2 

Nascita * »  6119 

Riconoscimento,  legittimazione  e  sentenze  di 

rettifica 74 

Richieste  di  pubblicazioni •  1855 

Verbali  di  seguite  pubblicazioni »  340 

Celebrazioni  di  matrimonio •  1716 

Sentenze  di  rettifica »  7 

Morte »  8190 

Sentenze  di  rettifica «•  19 

Totale  N.  18322 


PROSPETTO  RIASSUNTIVO  DI  CONFRONTO 

dell'anno  1870  coli' anno  1869. 


o 

a 
a 
< 

Popolazione 
stabile  della  città 

Rapporti  col  numero  degli  abitanti 
e  medie  giornaliere 

Matrimoni 
celebrati 
in  Città 

Appartenenti  alla  Città 

nati  vivi 

Dati-morti 

morti 

SS 
a.  «a 

0,66 
0,69 

*  * 

81 

OC 

3,94 
4,10 

si 

"^  ci 

2,70 
2,71 

.fi! 

S.2 

16,09 
10,05 

0,06 

OV3 

2  a 

0,06 
0,05 

0,01 

rt.2 

•■5  «« 

'oc 

0,40 
0,29 

0,11 

1  = 

a.  «: 

2,89 
2,84 

0,05 

et 
*.2 

-o  "c3 

S  a 

a  *- 

.2 

'So 

17,24 
16,83 

1810 
1869 

217,510 
215,864 

Differenz. 
in  piii. .  . 
in  meno. . 

del  1870 

lì 

A      1446 

0,41 

0,03 

0,16 

0,01 

DEL  COMUNE  DI  MILANO  \  fó 

POPOLAZIONE  AL  31  DICEMBRE  1870. 


Popolazione  stabile  )     {  n  d,     lg70 
»  mobile  > 

Totale 

P0P.°IaZ,e  mobile   I    al  31  dicem" 1869 
Totale 

Incremento  di  popolazione  nel  1870  » 
Depennazioni    anagrafiche   eseguite    durante 

Tanno  1870 N.     401 

Nuove  inscrizioni , »   1096 


MASCHI 

FEMMINE 

TOTALE 

111,600 
5  357 

105,710 

5.568 

217,310 
10,925 

116,957  111,278 

215  864 
10119 

228 ,235 
225,983 

225,983 

a  252 

Nuove  inscrizioni  in  più 


N.    695 


CONSIGLIO  COMUNALE 

PER  L'ANNO    187O. 

Elezioni  generali  del  15  dicembre  1867  con  votanti  4237. 

Belinzaghi  co mm. Giulio,  cav.  di  più  ordini,  ec, 

vedi  pag.   ii5 Voti  343i 

Pestagalli  ing.  prof.  Giuseppe  -  via  Giulini  4  "  35 19 
Belgiojoso  conte  Paolo,  ^  -  via  Morigi  9  .  »  235o 
Rougier  ing.  Marcello  -  corso  P.  Romana  19  »  23o5 
Mondini  rag.  Melchiorre,  |||  -  via  Lauro  7  .  »  22  55 
Fano  dott.  Enrico,  ^  -  Foro  Bonaparte  1  .  «  2186 
Crivelli  nob.  Vitaliano  -  via  Pontaccio  12  .  a  21 58 
Sessa  Luigi,  ufi.  ^  -  via  Borromeo  5  .  .  »  21 44 
Strambio  dott.  Vincenzo,  ^  -  via  Cavenagbi  5  »  2  123 
Bozzotti  Cesare,  ^  -  via  s.  Giuseppe  1 1  .  »  2098 
Tatti  ing.  cav.  Luigi,  ec. ,  vedi  pag.  i3i  .  »  20^3 
Caprotti  avv.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  1 33.  »  2009 
Mangili  Francesco,  -%■  -  via  Bigli  2  .  .  .  »  2o36 
Rognoni  avv.  Ernesto  -  corso  Vittorio  Eman.  26  »  2028 
Brocca  arch.  cav.Gio.  -  corso  Vittorio  Eman.  21  «  2012 


1 44  AMMINISTRAZIONE 

Vanotti  ing.  cav.  Aug.  -  piazza  Belgiojoso  2  Voti  2000 

D  elfinoni  a  vv.  Gottardo  -corso  Vi  ttor.  E  man.  22  »  1996 

Castelli  avv.  Antonio,  ^  -  via  s.  Paolo  6  .     »  igy3 

Salina  rag.  Camillo  -  via  s.  Calimero  3  .      .      »  1 835 

Palletta  dott.  Marco  -  piazza  s.  Sepolcro  1  .     »  18 io 

De  Antoni  Cesare  -via  Broletto  39    ...     «  i8o3 

Frapolli  prof.  Agostino,  0  -  via  Amedei  4     »  *799 

Borromeo  conte  Emilio  -  piazza  Borromeo  7    »  x777 

Rosmini  avv.  Enrico  -  via  Monte  Napoleone  23  »  1 7 45 

Elezioni  del  12  luglio  186S  con  votanti  2506. 

Chiapponi  dott.  Pietro  -  via  Olmetto  io  (nuova 

elezione) Voti  1894 

Servolinirag.Carlo,^|,ufr.^- via  Spiga  i/\(riel.)»  1694 
Beretta  dott.  Antonio,  gr.  uff.  |||,  cornmend.  ^ 

senatore  del  Regno  -  corso  s.  Celso  9  (riel.)  »  1 489 
Rosa  avv.  Vincenzo  -  via  s.  Maria  Fulcorina  17 

(nuova  elezione) «   1 A 1 8 

Borghi  dott.  Giulio,  ^  -  piazzetta  ss.  Pietro  e 

Lino  1  (ne/.) »   x^97 

Porro  nob.  Alessandro,  gr.  uff.  $jfè,  commen.  -)(-, 

senatore  del  Regno  -  via  Oriani  1  (riel.)  >»  i359 
Molina  Angelo,  ^  -  via  Clerici  4  (rielez.)  .  «  1227 
Sebregondi conte  Frane,  ^,^--via  Piatti  9 («.e.)  »  nfì 
Boretti  avv. Fabio,  fjfe,  -£-  piazza  s.  Ambrogio  i4 

(nuova  elezione) »   1064 

Tenca  Carlo, uff.  ^|,  Jfc  -via  Andegari  12  («.e.)  «  io3i 
Mussi  dott.  Giuseppe-  via  Unione  i4  (n*  e-)  3>  942 
Annoni  conte  Aldo  (*)  -  corso  P.  Romana  4  (n.e.)  »      774 

Elezioni  dell' il  luglio  1869  con  votanti  4976. 

Pini  nob.  dott.  Innocenzo,  ^c  -  via  Fate-bene- 
fratelli  19  (rìelez.) Voti  i85i 

(*)  Eletto  nel  1869  in  sostituzione  al  rinunciante  commen- 
datore Giuseppe  Tornaghi. 


DEL  COMUNE  DI  MILANO  1^5 

Viltadini  avv.  Giovanni,  %■  -  via  Vigentina  i 

(rielez.) Voti  1 798 

Castelli  avv.  Pompeo  -  via  Cappuccio  3  (riel.)  »  1 775 

Massarani  dott.  Tulio,  ^  -  via  Nerbo  4  (rieL)  »  i\gy 

Erba  Carlo  -  via  Fiori  Oscuri  i3  (riel),      .     »  1408 

Labus  avv.  Stefano  -  via  Fabbri  27  (n.  e.)      »  i3oo 
Sala  dott.  Luigi,  comm.  ^|  -  via  Chioselto  14 

(rielez.) »  1X97 

Uboldi  Ambrogio  -  corso  P.  Romana  82  (rieL)  »  1  i3i 
Terzaghi  dott.  Giuseppe,  ||  -  via  s.  Spirito  1 8 

(rielez.) »  1092 

Crivelli  nob.  Luigi,  ^|  -corso  Venezia  32  (n.  e.)  »  962 

Pirovano  ing.  Nicola  -  via  Borgo  Nuovo  29  (n.  e,)»  872 

Camperio  Manfredo,-^  -  via  s.  Vicenzino  9  (n.  e.)  »  866 

Elezioni  del  10  luglio  1870  con  votanti  2009* 

Venini  Eugenio,  uff.  ^,  senatore  del  Regno  - 

piazza  s.  Ambrogio  4  {rieL)       .     .     .     Voti  1696 
Molinelli  prof.  Pietro,  uff.  ^|  -  via  Fiori  Oscu- 
ri 11  {riel.) »  i65o 

Besana  ing.  Carlo  -  piazza  Belgiojoso  1  {rieL)  »  11 87 
Visconti  Venosta  nob.  Gio.,  -#-,  uff.  0  -  via  Bi- 

gli  19  {riel.)       . »  11 16 

Amati  prof.  Amato- corso  Garibaldi  iiZ^i.e.)»  n63 
Griffóni  rag.  Achille,  uff.  ^|,  commen.  •)(-  -  via 

s.  Paolo  12  {rieL) »  ìoS'] 

Cozzi  Pio  -  via  Case  Rotte  2  {rieL)  .     .     .     »  io5i 
Litta  Modignani  conte  Giulio,  uff.  ||  ^  -  via 

Monforte  32  (n.  e.) »  937 

Visconti   di  Moclrone   duca   Raimondo  •  via 

Cerva  28  {riel.) »  909 

Mosca  avv.  Antonio,^-  -  via  Chiaravalle  7  {n.e:)  »  907 

Allocchio  dott.  Stefano, -Xr  -  via  Gesù  7  (n.e.)  »  856 

Osnago  ing.  Cesare  -  via  s.  Radegonda  5  (n.  e.)  »  jgù 


Guida  1871  «—»  io 


1 46  ÀMMTNISTRÀZIONE 

GIUNTA  MUNICIPALE 

Sindaco, 

Belinzaghi  cav.  Giulio,  coram.  ^|  -#-  e  dell'ordine  di 
s.  Anna  di  Russia.,  ec. 

Assessori  titolari* 

(pel  biennio  1870-71.) 
Pini  nob.  cav.  Innocenzo. 
Molinelli  prof.  cav.  Pietro. 
Labus  avv.   Stefano. 
Pirovano  ing.  Nicola. 

(pel  biennio  1871-72.) 

Vittadini  avv.  cav.  Giovanni. 
Servolini  rag.  cav.  Carlo. 
Sebregondi  conte  cav.  Francesco. 
Vanotti  ing.  cav.  Augusto. 

Assessori  supplenti. 

(pei  biennio  1870-71.) 
Palletta  dott.  Marco. 
Camperio  avv.  cav.  Manfredi. 

(pel  biennio  1871-72.) 
Borgbi  dott.  cav.  Giulio. 
Fano  dott.  cav.  Enrico. 

UFFICI  MUNICIPALI 

Segreteria. 

Segretario  generale. 

Giani  nob.  avv.  Francesco,  ^|  -  via  s.  Andrea  il. 

Segretarj  di  sezione  di  i  .a  classe. 

Balestrini  dott.  Pietro,  ^|  -  corso  s.  Celso  t\n. 
Narducci  Giuseppe,  giurisperito  -  via  Annunciata  2. 


DEL   COMUNE   DI   MILANO  t /\J 

Caccialupi  dott.  Giovanni  -  corso  s.  Celso  6. 

Manzoli  Giulio  -  via  Piatti  4* 

Rusca  conte  cav.  avv.  Giacomo  -  via  Monforte  3o. 

Segretari  di  sezione  di  2.a  classe, 

Arnaboldi  dott.  Alessandro  -  via  Brera  2. 
Luini  dott.  Giuseppe  -  via  Brisa  2. 
Nazari  avv.  Ambrogio  -  via  Lanzone  26. 
Bennati  dott.  Pompeo  -  via  Borgo  Nuovo  g. 

Vice- Segretarj  di  sezione  di  i.a  classe, 

Seregni  dott.  Marco  Ferdinando  -  via  s.  Simone  23. 
Mariani  dott.  Emilio  -  Foro  Bonaparte  44* 
Clerici  dott.  Ferrante  -  corso  s.  Celso  i3. 

Vice- Segretari  di  sezione  di  1 A  classe. 

Saldarini  avv.  Giovanni  -  via  Nerino  3. 
Rusca  conte  avv.  Uberto  -  via  Monforte  3o* 

applicati  di  concetto. 

Cesati  nob.  dott.  Luigi  -  piazza  Durini  7. 
Albani  avv.  Antonio  -  Cordusio  1 1 . 

N.  N.  -  N.  N. 

Ufficio  degl'ingegneri. 

Ingegnere  capo. 

Cesa  Bianchi  ing.  Domenico,  ^  -  via  Unione  l4« 

Ingegneri  di  riparto, 

Caimi  ing.  Giuseppe  -  via  s.  Vittore  al  Teatro  19. 
Nazari  ing.  Agostino,  ^  -  via  Passione  7. 
Bignami  ing.  Emilio  di  Sante  -  via  Pesce  18. 

Ingegneri  aggiunti. 

Gilardini  ing.  Gaspare  -  via  s.  Sofia  3i. 
Beruto  ing.  Cesare  -  via  Monte  Napoleone  6. 
Saldarini  ing.  Eugenio  -  via  Durini  ifr, 


I  4o  AMMINISTRAZIONE 

Quadri  ing.  Francesco  -  corso  Magenta  43. 
Caslagnone  ing.  Giovanni  -  via  s.  Zeno  7. 
N.  N. 

Assistenti  diurnisti 

Bardelli  Luigi  -  corso  Magenta  45. 
Sacchi  ing.  Gius.-  via  s.   Calimero  5. 
Molina  Angelo  -  via  Ponlaccio  8. 
Marazzi  Andrea  -  via  s.  Eufemia  7. 
Rossi  Giuseppe  -  corso  Garibaldi  20. 
Scala  Gio.  Batt.  -  via  Stella   53. 
Rigoli  Gregorio  -  via  Moscova  62. 
Lazzarini  Giovanni  -  via  s.  Marco  38. 
Manganoni  Francesco  -  via  s.  Paolo  19. 

Custode  dei  pubblici  passeggi  e  delle  roggie  civiche. 
Brambilla  Luigi  -  barriera  di  P.  Venezia  80. 

Assistente  sopranumerario . 
Scala  Giuseppe  -  corso  P.  Vittoria  44* 

Disegnatori. 
Zappa  Carlo  -  via  Moscova  29. 
Naymiller  Carlo  -  corso  P.  Romana  11. 

Ragioneria. 
Ragioniere  capo. 
Cazzaniga  nob.  rag.  Ignazio,  ^  -  via  s.  Simone  20. 

Capi- Sezione. 
Bianchi  Gaetano  -  via  Orso  9. 
Colombo  rag.  Flaminio  -  via  Pattari  7. 
Gallina  rag.  Angelo  -  via  Brera  23. 
Grassi  rag.  Giovanni  -  corso  Magenta  5j. 
Bertoli  rag.  Filippo  -  via  Solferino  25. 

Ufficiali  di  prima  classe. 
Arpegiani  rag.  Gaetano  -  via  Cappuccio  3. 
Castagnola  rag.  Uberto  -  via  s.  Simone  3. 


DEL  COMUNE  DI   MILANO  I/J9 

Prina  rag.  Luigi  -  via  s.  Vittore  23. 
Mari  rag.  Giuseppe  -  via  s.  Spinto  3. 
Barinetti  rag    Luigi  -  via  s.  Sisto  12. 

Ufficiali  di  seconda  classe. 

Fumagalli  rag.  Giuseppe  -  via  Legnano  26. 
Strada  rag.  Carlo  Ambrogio  -  via  Pontaccio  17. 
Bolter  rag.  Gaetano  -  via  Giardino  33. 
Zenoni  rag.  Antonio  -  corso  s.  Celso  20. 
Carcano  rag,  Emilio  -  via  Borghetto  6. 
Fumagalli  rag.  Andrea  -  via  s.  Simone  19. 
Garbagnati  rag.  Giovanni  -  corso  P.  Vittoria  36. 
Rossari  rag.  Antonio  -  via  Silvio  Pellico  2. 
Clerici  rag.  Angelo  -  Cordusio  5,  7  e  9. 
Vismara  rag.  Alessandro  -  via  Chiusa  18. 

Computisti, 

Valtorta  rag.  G.  B.  -  via  Fontana  2. 
Fratti  rag.  Francesco  -  via  Orso  io. 
Galloni  rag.  Roberto  -  via  s.  Croce  4» 
Strada  rag.  Giovanni  -  via  s.  Simone  19. 
Banfi  rag.  Eugenio  -  via  Arena  8. 
De  Vecchi  rag.  Antonio  -  corso  Po  Nuova  1 1. 
Giacobbe  rag.  Gio.  Ball.  -  via  s.  Sofia  33. 
Riboni  rag.  Camillo  -  via  s.  Valeria  7. 
Pessina  rag.  Arcangelo  -  via  Spiga  6. 
Bucellati  rag.  Alessandro  -  via  Amedei  4» 
Castoldi  rag.  Anacleto  -  corso  Magenta  64. 
Nowolny  rag.  Adolfo  -  corso  P.  Nuova  20. 
Meschia  rag.  Luigi  -  via  s.  Gio.  sul  Muro  27. 
Zelbi  rag.  Giuseppe  -  via  Montebello  3. 
Viola  rag.  Felice  -  via  Gesù  21. 

applicati  contabili. 

Sommaruga  rag.  Riccardo  -  via  Asole  5. 
Gaggi  rag.  Carlo  -  corso  Venezia  89. 
Origgi  rag.  Giuseppe  -  Verziere  26. 


l5o  AMMINISTRAZIONE 

Massara  rag.  Ercole  -  via  Stampa  9. 
Pensa  rag.  Michele  -  corso  Venezia  20. 

Ufficio  d'amministrazione  della  galleria  Vittorio  E. 

Bertoli  rag.  Filippo,  predetto,  capo  d'ufficio. 

Del  Majno  nob.  ing.  Guido,  ingegnere  -  via  Principe 

Umberto  7. 
Boldrini  Tullio,  contabile  -  via  s.  Zeno  2. 

Uffici  d'  ordine. 

,     Capi  d'  ufficio. 

Vigano  rag.  Cesare  -  via  s.  Antonio  14. 
Chiusi  rag   cav.  Carlo,  economo  -  via  Principe  Ame- 
deo j  . 
Rainoldi  Vincenzo  -  via  Stampa  11. 
Casati  rag.  Eugenio,  speditore'  via  s.  Gio. sul  Muro  37. 
Longoni  rag.  Carlo,  protocollista  -  via  Manara  2. 
Aman  De  Germani  Francesco,  archivista  -  via  Bossi  2. 

Aggiunti* 

Curioni  dott.  Carlo  -  vicolo  s.  Damiano  10. 

Maggi  rag.  Carlo  -  via  Morigi  11. 

Cunico  Girolamo  -  via  s.  Vito  14. 

Preyer  Costantino  -  piazza  Galline  4- 

Labadini  rag.  Ausano  -  via  Orso  20. 

Rampazzi  rag.  Francesco  -  corso  P.  Ticinese  16. 

Padovani  dott.  Carlo  -  CC.  SS.  P.  Tenaglia  149  C. 

Applicati  di  prima  classe. 

Guarnerio  Francesco  -  via  Unione  11. 

Mazza  rag.  Giovanni  Battista  -  corso  s.  Celso  i5. 

Turati  G.  B.  -  via  Olmetto  io. 

Caimi  Ambrogio  -  via  Pontaccio  12. 

De  Alberti  Vincenzo  -  via  s.  Margherita  2. 

Molli  Giuseppe  -  via  Fontana  7. 

Volpato  Camillo  -  via  Bagutta  5. 


DEL  COMUNE  Di   MILANO  l5l 

Nasoni  Carlo  -  via  Mulino  delle  Armi  u. 

Cattaneo  Luigi  -  via  s.  Carpoforo  18. 

Barbieri  Zaccaria  -  via  Sparlari  i. 

Piccardi  Pasquale  -  CC.  SS.  di  P.  Garibaldi  i. 

Gargantini  Giuseppe  -  via  Nirone  19. 

Giglio  Giuseppe  -  via  Agnello  3. 

Sartorio  Cajo  -  via  Vetere  2. 

Violini  Giuseppe  -  via  Cappuccio  7. 

N.  N. 

Applicati  di  seconda  classe. 
Gesnelle  ing.  Antonio,  magazziniere  -  vicolo  Circo  2* 
Tanzi  Pietro  -  via  Larga  i5. 
Carrara  Gaetano  -  via  s.  Maria  alla  Porta  4« 
Folli  Carlo  -  corso  P.  Ticinese  3i. 
Reviglio  Giuseppe  -  via  Fontana  23. 
Angioliui  Vincenzo  -  via  Stampa  8. 
De  Ponti  Antonio  -  via  Meravigli  i. 
Bosotti  G.  B.  -  piazza  s.  Ambrogio  63. 
Cicardi  Cesare  -  piazza  s.  Ambrogio  22. 
Bianchi  rag.  Angelo  -  corso  Venezia  33. 
Apollonio  Antonio  -  via  s.  Maria  alla  Porta  6. 
Casati  Gaetano  -  via  Guastalla  7. 
Crespi  Paolo  -  via  s.  Eufemia  17. 
Billerey  Enrico  -  via  s.  Maria  Fulcorina  i3. 
Fiora  Anselmo  -  via  Castelfìdardo  io. 
Arpesani  Pietro  -  corso  Garibaldi  104. 
Venosta  Felice  -  via  Lanzone  7. 
Lupini  Cesare  -  via  Tre  Alberghi  3. 
Piccaluga  Ercole  -  via  s.  Maria  Valle  2. 
Crippa  Giuseppe  -  via  s.  Agnese  20. 
Sacchi  rag.  Achille  -  via  s.  Vito  37. 
Capra  Luigi  -  via  Fiori  Oscuri  5. 
Sartori  Giacomo  -  via  Spiga  8. 

Applicati  di  terza  classe, 
Malacrida  Marco  -  via  Lanzone  32. 
Nicolini  Paolo  -  via  Bagutla  4» 


l52  AMMIKISTB  AZIONE 

Figini  Carlo  -  corso  P.  Nuova  36. 

Bonzanini  rag.  Giacomo  -  via  s.  Agnese  5. 

Pirola  Torquato  -  via  Durini  i. 

Volpi  Carlo  -  corso  s.  Celso  44* 

Simonini  Carlo  -  via  Brisa  9. 

Biancardi  Angelo  -  via  Gesù  l\. 

Pizzigoni  Carlo  -  via  s.  Nicolao  2. 

Canonica  rag.  Alessandro  -  vicolo  s.  Damiano  io. 

Forni  nob.  Camillo  -  via  Carlo  Porta  3. 

Villa  rag.  Edoardo  -  via  Pontaccio  19. 

Mariani  Clodoveo  -  via  Borgo  Nuovo  29. 

Spranzi  Achille  -  corso  Vittorio  Emanuele  1. 

Moiraghi  rag.  Giovanni  -  via  Crocifìsso  7. 

Merlo  rag.  Antonio  -  via  Disciplini  20. 

Grassi  Giuseppe  -  borgo  s.  Gottardo  71. 

Rasnesi  Giuseppe  -  via  Monte  di  Pietà  9. 

Marchesi  Giuseppe  -  via  Spadari  1. 

Gavazzi  Alessandro  -  via  Fontana   i5. 

Sangaletti  Alessandro  -  via  Fabbri  11. 

Bruni  Achille  -  via  s.  Vito  1 3. 

Vittadini  Fortunato  -  via  Palazzo  di  Giustizia  5. 

Steffenoni  Cesare  -  via  Vetere  2. 

Dansi  Pietro  -  corso  Vittorio  Emanuele  28. 

Quaglia  Luigi  -  corso  P.  Ticinese  64. 

Azimonti  Giuseppe  -  via  s.  Marco  io. 

Cesana  rag.  Cesare  -  via  s.  Eufemia  19. 

Brugnatelli  rag.  Cesare  -  CC.  SS.  P.  Garibaldi  1. 

Bouthou  rag.  Ferdinando  -  corso  P.  Romana  25. 

N.  N. 

Applicati  di  quarta  classe, 

Rimoldi  Alessandro  -  via  Lanzone  io. 
Azzi  Ippolito  -  vicolo  Verziere  io. 
Mandelli  Ercole  -  via  Meravigli  i5. 
Alfieri  rag.  Paolo  -  piazza  s.  Simpliciano  2. 
Cavalli  Giuseppe  -  corso  P.  Ticinese  97. 
Caldarini  Ercole  -  vicolo  al  Foro  4» 


DEL  COMUNE  DI  MILANO  l53 

Velzi  Gualterio  -  via  s.  Eufemia  5. 

Tedeschi  dott.  Carlo  -  via  s.  Simone  23. 

Macchi  rag.  Teofìlo  -  via  Principe  Umberto  36. 

Crespi  dott.  Pietro  -  piazza  s.  Ambrogio  i£> 

Crippa  Eugenio  -  via  Brera  6. 

Borgazzi  Emilio  -  corso  Venezia  8o. 

De  Amici  rag.  Guglielmo  -  via  Passarella  2. 

Marabelli  Ernesto  -  via  s.  Vincenzo  3o. 

Costa  nob.  Ferdinando  -  via  s.  Paolo  19. 

Giacché  Giacomo  -  via  s.  Eufemia  5. 

Repossi  Antonio  -  via  Pantano  4- 

Rivolta  rag.  Carlo  -  via  Poslagbetlo  2. 

Pagani  rag.  Sebastiano  -  via  Moscova  29. 

Bominioni  rag.  Luigi  -  via  Tre  Alberghi  20. 

Ravizza  Pietro  -  corso  s.  Celso  42. 

Erba  Carlo  -  via  Larga  7. 

Soffredi  rag.  Giuseppe  -  via  s.  Zeno  4. 

Paglia  Cesare  -  via  s.  Maria  Fulcorina  io. 

Cova  Achille  -  corso  Venezia  38. 

Bariola  Leopoldo  -  via  Rovello  6. 

Santambrogio  Enrico  -  via  s.  Simone  26. 

Ferraresi  Luigi  ■»  via  Stella  18. 

Agnesina  rag.  Baldassare  -  corso  Magenta  5o. 

Denti  Luigi  -  via  Passarella  20. 

Scaletta  Antonio  -  corso  P.  Venezia  16. 

Gola  Luigi  -  via  Ratti  j. 

Mustorgi  Francesco  -  via  s.  Vittore  11; 

Scotti  Francesco  -  via  Solferino  22. 

Pirovano  Luigi  -  via  Fiori  Chiari  3. 

Cottìni  Gualtiero  -  Foro  Bonaparte  5o. 

Colli  Lodovico  -  via  Durini  18. 

Galli  rag.  Enrico  -  via  s.  Sofia  21. 

Besana  Gian  Carlo  -  corso  P.  Ticinese  12. 

Bailerio  Luigi  -  piazza  s.  Stefano  2. 

Gianni  Napoleone  -  corso  Magenta  4*» 

Busnelli  Valerio  -  via  Rovello  4- 

Tarelli  Carlo  •  via  Solferino  7. 


l54  AMMINISTRAZIONE 

Ufficio  Sanitario. 

Medici. 

Bono  dott.Jjuigi,  ffe,  capo-medico  -  Foro  Bonaparte  3. 
Dell'Acqua  dott.  Felice,  primo  aggiunto-medico  -  via 

Cernaja  7. 
Cattò  dolt.  Fortunato,  secondo  idem  -  Ponte  Vetero  3o. 
Ambrosoli  dott.  Pietro,  alunno  medico  -  corso  s. Celso  1  o. 
N.  N. ,  idem. 

Delegati  di  Mandamento, 

Orio  Luigi  -  corso  Venezia  4o. 
Giardini  rag.  Angelo  -  via  Meravigli  7. 
Montanara  Felice  -  via  s.  Simone  17. 
N.  N. 

Simonini -Carlo,  fF.  -  via  Brera  9. 
Figini  Carlo,  fF.  -  corso  P.  Nuova  36. 

Capo  sorvegliante  urbano. 
N.  N. 

N.  60  Sorveglianti  urbani. 

Ispettore  al  Cimitero  Maggiore. 

Aloardi  Giovanni  -  nel  locale  del  Cimitero. 

Ispettore  al  Cimitero  di  Porta  littoria. 

Taddei  Leopoldo  -  nel  locale  del  Cimitero. 

Ufficiali  sanitari. 

Rocca  Lorenzo  -  via  Solferino  1 5. 

Bossi  Luigi  -  via  Palermo  1 1 . 

Colciati  Ambrogio  -  corso  Porta  Ticinese  9. 

Rovelli  Carlo  -  via  Castelfidardo  8. 

Benati  Massimiliano  -  via  Olona  io. 

Galli  Magno  -  via  s.  Eufemia  i3. 

Malacrida  Luigi  -  via  Stella  6. 

Banfi  Antonio  -via  Mulino  delle  Armi  37. 

Buzzi  Gaetano  -  piazza  Carmine  4» 


DEL  COMUNE    Di  MILANO  l55 

Clerici  Giulio  -  vicolo  s.  Damiano  12. 
Ghiringhelli  Antonio-  vicolo  Tignoni  7. 
Pellengo  Antonio  -  via  Cusani  6. 
Ponti  Felice  -  corso  Porta  Vittoria  56. 
Taddei  Luigi  -corso  P.  Romana  81. 
Terrenghi  Ambrogio  -piazza  s.  Ambrogio  12. 
Annoni  Andrea  -  via  s.  Marco  2. 

Ufficiali  sanitari  aggiunti. 

Milani  Giuseppe  -  bastioni   di  Porta  Garibaldi  2. 
Ajelli  Francesco  -  via  Ratti  3. 
Pogliani  Felice  -  via  Varese  7. 

N.  N. 

N.  24  Necrofori, 

Commesso  per  la  pubblica  illuminazione. 

Galli  Mauro -via  s.  Pietro  in  Gessate  i3. 

Custodi  Comunali. 

Asti  Giovanni  -  del  palazzo  comunale  del  Marino. 
Ferri  Francesco  -  della  casa  comunale  via  Case  Rotte  4» 

Messi  Civici. 

Freschi  Cornelio  -  corso  P.  Ticinese  2. 
Mantegazza  Lazzaro  •  via  Broletto  21. 
Brasca  Ferdinando  -  corso  Garibaldi  77. 
Santagostino  Giuseppe  -  via  Cornacchie  4« 
Solari  Giuseppe  -  via  s.  Sofia  16. 
Mascheroni  Francesco  -  via  s.  Maria  Segreta  10. 
Preatoni  Pietro  -  via  Mulino  delle  Armi  g. 

Inservienti  portieri. 

Cozzi  Luigi  -  via  s.  Vito  5. 
Brambilla  Luigi  -  vicolo  Bindellino  3. 
Belli  Cesare  -  Ponte  Vetero  20. 
Piazza  Gaetano  -  via  Vigna  3. 
Vaghi  Gaetano  -  via  Arena  8, 


l56  AMMINISTRAZIONE 

Montalbetti  Giovanni  -  vìa  s.  Cristina  8. 

Lecchi  Luigi  -  via  Crocifisso  19. 

Antonini  Gaetano  -  via  Scaldasole  1. 

Magni  Francesco  -  via  Torino  55, 

Volpi  Giovanni  -  via  Monte  Napoleone  7. 

Bianchi  Francesco  -  via  Lanzone  3j. 

Moro  Pietro  -  via  Crocifisso  25. 

Perini  Pietro  -  via  Vittoria  %i. 

Bargna  Giuseppe  -  via  s.  Fermo  9. 

Fantini  Fedinando  -  via  s.  Simon  24. 

Frascaroli  Alessandro  -  corso  P.  Ticinese  j5. 

Laudi  Luigi  -  galleria  Vittorio  Emanuele,  scala  i3. 

Passoni  Carlo  -  piazza  s.  Carlo  1. 

Brambilla  Gaetano  -  via  Vigentina  29. 

Castelnovo  x\lessandro  •  vicolo  Camminadella  2. 

Somaschi  Pietro  -  CC.  SS.  Porta  Tenaglia  1. 

Gerosa  Giuseppe  -  via  Terrraggio  9. 

Barzaghi  Michele  -  corso  Vittorio  Emanuele  8. 

Schenoni  Angelo  -  via  Circo  3. 

Raja  Luigi  -  via  Borgo  Spesso  1. 

Pavani  Giovanni  -  via  Morone  6. 

Rognoni  Romeo  -  via  Vetraschi  26. 

Boldrini  Carlo  -  piazza  s.  Stefano  7. 

Galbiati  Luigi  -  via  s.  Spirito  4« 

N.  N. 

COMMISSIONI  MUNICIPALI  DIVERSE. 

Commissione  scolastica. 


Commissione  per  onoranze  alla  memoria 
dei  Milanesi  illustri  nel  cimitero  monumentale. 

Molinelli  prof.  cav.  Pietro,  assessore  munic.,  presidente. 
Sebregondi  conte  cav.  Francesco,  assess.  municip. 
Brioschi  comm.  Francesco,  senatore  -  via  Spiga  21. 
Massarani  cav.  Tulio,  consigliere  comunale. 


Del  comune  di  Milano  i5y 

Visconti  Venosta  nob.  cav.  Giovanni,  consigliere  co- 
munale. 
Piolti  Bianchi  dott.  Giuseppe,  consigliere  provinciale. 
Tenca  cav.  Carlo,  consigliere  comunale. 

Commissione  per  il  riordinamento  della  Biblioteca 

comunale  e  per  il  ritiro  degli  atti  comunali 

dall'  Archivio  civico  provinciale. 

Molinelli  prof.  cav.  Pietro,  assessore  municipale. 

Sebregondi  conte  cav.  Francesco,  idem. 

Calvi  nob.  Felice  -  corso  Venezia  16. 

Porro  Lambertenghi  conte  Giulio  -via  Borgo  Nuovo  12. 

Caffi  dott.  Michele  -  Lodi. 

Conti  prof.  cav.  Francesco  -  via  Passarella  8. 

Belgiojoso  conte  Emilio  -  via  Morigi  9. 

Ceruti  sac.  dott.  Antonio  -  via  s.  Pietro  all'Orto  12. 

Taverna  conte  coram,  Carlo,  senatore  -  via  Bigli  9. 

Biondelli  dott.  cav.  Bernardino  -  nel  palazzo  di  Brera. 

Mongeri  cav.  Giuseppe  -  via  Borgo  Nuovo  i5. 

Commissione  di  statistica. 

Il  Sindaco,  presidente. 

Fano  dott.  cav.  Enrico,  assessore  municipale,  presidente 

delegato. 
Dell'Acqua  rag.  Angelo,  ec,  vedi  pag.  i35. 
Piolti  De-Bianchi  dott.  Gius..,  ec,  vedi  pag.  i3o. 
Soresina  dott.  Giambatt.,  0  -  piazza  Filodrammatici  io. 
Bodio  prof.  Luigi  -  piazza  Istituto  Tecnico. 
Scolti  avv.  Giuseppe,  juniore  -  via  Bigli  io. 
Ailocchio  cav.  dott.  Stefano  -  via  Gesù  7. 
N.  N. 

Commissione  d'ornato. 

11  Sindaco,  presidente. 

Besia  architetto  Gaetano,  membro  della  R.  Accademia 

di  belle  arti  e  dell'Istituto  d'architettura  in  Londra  • 

via  s.  Antonio  1 1. 


l58  AMMINISTRAZIONE 

Bisi  Luigi ,  H  ,  professore  di  prospettiva  in  questa 
R.  Accademia  di  belle  arti,  socio  d'arte  di  quella 
di  Venezia  -  via  Bossi  2. 

Litta  Modignani  march.  Lorenzo  -  via  Passarella  io. 

Balzaretti  ing.  arch.  Giuseppe,  ^,  membro  della  R. 
Accademia  di  belle  arti  -  via  Borgo  Spesso  i5. 

Terzaghi  arch.  Enrico,  socio  onorario  della  R.  Acca- 
demia di  belle  arti  -  via  s.  Paolo  11. 

Segretario. 

Balestrini  dott.  cav.  Pietro,  ec,  vedi  pag.  1 46. 

Commissione  consultiva  di  vigilanza 

per  ly  amministrazione  dei  beni  di  provenienza 

dalla  Società  Inglese  per  la  piazza   del  Duomo,  ecc. 

Servolini  rag.  cav.  Carlo,  assessore  municipale. 
Tatti  ing.  cav.  Luigi,  consigliere  comunale. 
Vanotti  ing.  cav.  Augusto,  assessore  municipale. 
Strambio  dott.  cav.  Vincenzo.,  consigliere  comunale. 
Visconti  Venosta  nob.  cav.  Giovanni.,  idem. 

Commissione  per  V esame  dei  capo  mastri. 

Cesa  Bianchi  ing.  cav.  Domenico,  ec,  vedi  pag.  1 47* 
Peslagalli  ing.  arch.  prof.  Gius.,  consigl.  comunale. 
Clericetti  prof.  ing.  Celeste  -  corso  Venezia  74», 

Commissione  sanitaria. 

Il  Sindaco,  presidente. 

Frapolli  prof.  cav.  Agostino,  consigliere  comunale. 

Chiapponi  dott.  Pietro,  idem. 

Erba  Carlo,  chimico,  idem. 

Terzaghi  dott.  cav.  Giuseppe,  idem. 

Tizzoni  dott.  Angelo  -  corso  s.  Celso  6. 

Polli  dott.  coinm.  Giovanni  -  corso  P.  Romana  9. 

Osnago  ing.  Cesare  -  via  s.  Radegonda  5. 

gono  dott.  cav.  Luigi,  medico- capo  munic,  segret. 


del  comune  di  milano  i5g 

Commissione  pel  regolamento  e  per  le  tariffe 
del  Cimitero  monumentale. 

Sebregondi  conte  cav.  Fcancesco,  assessore  munici- 
pale, presidente. 
Tatti  ing.  cav.  Luigi,  consigliere  comunale. 
Brocca  archit.  cav.  Giovanni,  idem. 
Pestagalli  ing.  prof.  Giuseppe,  idem. 
Terzaghi  dott.  cav.  Giuseppe,  idem. 
Visconti  Venosta  nob.  cav.  Gio.,  idem. 
Tantardini  Antonio,  ^,  scultore  -  via  Montebello  5. 

Commissione  comunale  di  revisione  per  le  imposte 

sui  redditi  di  ricchezza  mobile  e  dei  fabbricati 

per  Vanno  1871. 

Greppi  nob.  Luigi,  presidente  -  via  Borgo  Nuovo  9. 
Favini  rag.  cav.  Luigi,  vice-presid.  -  via  s.  Marta  io. 

Membri  effettivi. 
Besana  ing.  Carlo  -  Piazza  Belgiojoso  1. 
Delfinoni  avv.  Gottardo  -  corso  Vittorio  Emanuele  22. 
Merati  Giulio  -  via  Gusani  i3. 
Mondini  rag.  cav.  Melchiorre  -  via  Lauro  7. 
Noseda  Giovanni  -  via  s.  Maria  alla  Porta  9. 
Orsi  avv.  Giuseppe  -  via  Bigli  1. 
Righetti  ing.  Enrico  -  via  Moneta  1. 
Besozzi  dott.  Cesare  -  corso  Vittorio  Emanuele  io. 
Visconti  Venosta  nob.  cav.  Giovanni  -  via  Bigli  19. 
Salina  rag.  Camillo  -  via  s.  Calimero  3. 

Membri  supplenti. 
Borromeo  conte  Emilio  -  piazza  Borromeo  7. 
Brentano   dott.  Giandomenico  -   piazza  Filodramma- 
tici io. 
Giacobbe  avv.  Giovanni  -  via  Vigentina  26/ 
Guaita  avv.  Omero  -  via  Andegari  12. 
Litta  Modignani  conte  Giulio  -  via  Monforte  32. 
Melzi  nob.  Lodovico  -  via  Monte  Napoleone  36. 


*  l6o  ÀMMINISTKÀZIONE 

Sabajno  avv.  Achille  -  piazza  Carmine  4* 

Tosi  avv.  Vincenzo-  via  s.  Antonio  i4- 

Uboldi  Ambrogio  -  corso  P.  Romana  82. 

Gabuzzi  Emilio  -  via  Rugabella  12. 

Casati  conte  Luigi  Agostino  -  via  Lanzone  4- 

Cattaneo  cons«e  dolt.  Felice  -  corso  P.  Nuova  56. 

Commissione  amminisiratrice  del  prestito  civico  1848. 

Il  sindaco,  presidente. 

Servolini  rag.  cav.  Carlo,  assessore  municipale. 

Pini  nob.  cav.  Innocenzo,  idem. 

Gavazzi  Pietro,  ^|  -  via  Cusani  1  4. 

Garavaglia  Costantino  -  via  Bigli  2 1 . 

Commissione  amminisiratrice  del  prestilo  civico  1 854- 

Servolini  rag.  cav.  Carlo,  predetto. 

Grillini  rag.  comm.  Achille,  consigliere  comunale. 

Cozzi  Pio,  idem. 

Leinati  Ignazio,  ^  -  via  Torino  5i. 

Conti  Luigi,  %  -  via  Monforte  26. 

Commissione  amministratrice  del  prestito  civico  1 860. 

Servolini  rag.  cav.  Carlo,  predetto. 

Griffini  rag.  comm.  Achille,  predetto. 

Mondini  rag.  cav.  Melchiorre,  consigliere  com. 

Leinati  cav.  Ignazio,  predetto. 

Monti  Luca  -  via  s.  Maria  Segreta  12. 

Commissione  pei  prestiti  a  premi, 
Servolini  rag.  cav.  Carlo,  predetto. 
Venini  cav.  Eugenio,  consigliere  comunale. 
Sala  dott.  comm.  Luigi,  idem. 
Cavajani  Francesco,  ^  -  via  Giardino  4» 
Caglio  Pietro,  ^  -  via  Oriani  7. 

Commissione  di  vigilanza  pei  boni  municipali. 
Venini  cav.  Eugenio,  consigliere  comunale. 
De  Antoni  Cesare,  idem. 
Cozzi  Pio,  idem. 


DEL  COMUNE  DI  MILANO  l6l 

Conservatori  del  tempio  civico   di  s.  Sebastiano. 

Villa  Pernice  dott.  cav.  Angelo  -  via  Cusani  i3. 
Righini  avv.  Alessandro,  ^  -  via  Fiori  Oscuri  li. 
Piola  nob.  cav.  Giuseppe,  consigliere  comunale, 

DAZIO-CONSUMO  MURATO 

(Nel  Palazzo  comunale ,  piazza  della  Scala  2.) 

Della  Carlina  Carlo.,  capo  dell'  ufficio  centrale  -  corso 
P.  Ticinese  in. 

RICEVITORIE   ALLE    PORTE. 

Ricevitori. 

Bertani  Giuseppe  -  corso  Garibaldi  i3i. 

Ravelta  Pietro  -  corso  P.  Ticinese  108. 

Malfatti  Pietro  -  nella  Ricevitoria  di  P.  Garibaldi  120. 

Caccia  Vincenzo  -  via  Vittoria  67. 

Rosnali  Gius.  -  nella  Ricevitoria  di  P.  Magenta  1  33. 

Ausenda  Carlo  -  nella  Ricevitoria  di  P.  Venezia  §4* 

Acquistapace  Giovanni  -  via  Olmetto  3. 

Campestri  Antonio  -  via  Crocifìsso  21. 

Perego  Sanile  -  via  s.  Vittore  9. 

Barbieri  Siro  -  Macello  pubblico  14. 

Visconti  nob.  Arcadro  -  corso  P.  Vittoria  60. 

Vietti  Gabriele  -  nella  Ricev.  Principe  Umberto  1  io. 

Barbieri  Luigi  -  via  s.  Giovanni  sul  Muro  3j, 

Guenzati  Giuseppe  -  Arco  della  Pace  19. 

Del  Grande  Giuseppe  -  via  Morigi  i5. 

Controllori. 

Ripamonti  Carpano  Alberto  -  via  Lanzone  37. 
Antoniotti  Francesco  -  via  s.  Simone  i4« 
Puricelli  Leopoldo  -  corso  P.  Romana  111. 
Tamburini  Carlo  -  via  Lanzone  j8. 
Gazzi  Giovanni  -  via  Vettere  2. 
Barzaghi  Giuseppe  -  via  Lanzone  10. 

Guida  1871  —  11 


ì62         ,  AMMINISTRAZIONE 

Guarisco  Gaetano  -  via  Chiusa  il. 
Olmo  Angelo  -  via  Parini  i3. 
Modrone  Giuseppe  -  Foro  Bonaparte  4^. 
Raimondi  Ambrogio  -  via  s.  Vittore  8. 
Azimonti  Antonio  *  via  s.  Eufemia  i3. 

Ufficiali. 

Biancardi  Ernesto  -  Foro  Bonaparte  23. 

Robecchi  Antonio  •  via  s.  Zeno  4- 

Cocchi  Vincenzo  -  via  Lanzone  43. 

Lupi  Giovanni  -  via  s.  Marta  9. 

Perelli  Stefano  -  CC.  SS.  P.  Garibaldi  1. 

Calovini  Achille  -  via  Borgo  Nuovo  26. 

Caccianiga  Paolo  -  via  Fiori  Chiari  24» 

Aloardi  Francesco  -  corso  P.  Romana  67. 

F raschini  Zaverio  -  via  Terraggio  26. 

Dedè  Giovanni  Ballista  -  corso  P.  Ticinese  58* 

Bossi  Luigi  -  via  Torino  38. 

Malerba  Emanuele  -  via  s.  Vito  4'« 

Ambrosetti  Luigi  -  via  Pioppelte  3o. 

Lui aschi  Angelo  -  via  s.  Croce  8. 

Miani  Paolo  -  via  Spiga  2. 

Neri  Pompeo  -  CC.  SS.  P.  Garibaldi  1. 

Bazzi  Fausto  -  piazza  s.  Stefano  8. 

Pani  Antonio  -  via  s.  Carpoforo  9. 

Bianchi  Giuseppe  -  piazza  Vetra  19. 

Merli  Luigi  -  via  Nirone  3o. 

Staurenghi  Enrico  -  via  Terraggio  6. 

Orlandi  Francesco  -  corso  P.  Romana  120. 

Rossignoli  Carlo  -  CC.  SS.  P.  Garibaldi  1. 

Mariani  Cario  -  corso  Venezia  84. 

Steffenoni  Ulrico  -  via  Durini  34« 

Trenti  Cesare  -  via  s.  Sofia  27. 

Gambi  Giuseppe  -  via  Solferino  20. 

Pezzi  Alessandro  -  via  Castelfidardo  2. 

Pettenghi  Achille  -  via  s.  Simone  23. 

Pessani  Eugenio  -  CC.  SS.  P.  Ticinese  76. 


DEL  COMUNE  DI   MILANO  l65 


Assistenti. 


Mambrini  Giuseppe  -  corso  Porta  Ticinese  12. 

Fusetti  Giuseppe  -  Terraggio   i3. 

Pavesi  Ignazio  -  via  Mulino  delle  Armi  39, 

De  Mohr  rag.  Felice  <■  via  Torino  i5. 

Ferrari  Leopoldo  «  via  s.  Simone  2. 

Gradi  Emilio  -  via  Cerva  36. 

Pozzi  Annibale  -  corso  Garibaldi  ii3. 

Savini  Leonardo  -  corso  P.  Nuova  20. 

Meroni  Alessandro  -  via  Lanzone  i4* 

Mentasca  Gaetano  -  via  s.  Vito  21. 

Seves  Saturnino  -piazza  s.  M.  Beltrade  1. 

Bolter  Giuseppe  -  via  Lanzone  25. 

Comi  Evaristo  -  via  Camminadella  9. 

Orseniga  Francesco  -  via  s.   Vito  14. 

Ponti  Filippo  -  via  S.  Vicenzino  12. 

Barinetti  Giuseppe  -  via  s.  Sisto  12. 

Lesmo  Enrico  -  corso  Garibaldi    11 5. 

Saglio  Camillo  -  via  Pesce  33. 

Trucco  Cristoforo  -  via  Monforte  27. 

Zacchi  Giuseppe  -   via  Passarella  6. 

Rossi  Chiappini  Cesare  -  via  Fontana  19. 

Cernezzì  Pietro  -  via  s.  Orsola  in. 

Villa  Enrico  -  via  Agnello  i3. 

Ferrano  Filippo  -  corso  P.  Ticinese  87. 

Ronzi  Giuseppe  -  CC.  SS.  P.  Garibaldi  1. 

Bordoni  Edoardo  -  via  s.  Vito  21. 

Contini  Emilio  -  piazza  Carmine  4. 

Ravizza  Giov.  Battista  -  via  Torino  6. 

Mascheroni  Amos  -  via  Medici  i5. 

Gerii  rag.  Giuseppe  -  corso  P.  Romana  66. 

Damia  Luigi  -  via  Vittoria  21. 

Barbieri  Giovanni  -  via  Spadari  1. 

Cella  Francesco  Giuseppe  -  corso  Venezia  79. 

Nazari  Paolo  -  via  Foro  ìi. 

Mauri  Luigi  -  via  Àrmorari  io, 


l64  AMMINISTRAZIONE 

Azimonti  Luigi  -  corso  Garibaldi  n3. 
Visconti  Angelo  -  corso  P.  Vittoria  6. 
Malfatti  Luigi  -  corso  Garibaldi  iqo. 
Commizzoli  Davide  -  CG.  SS.  P.  Venezia  79. 
Maruti  Agostino  -  corso  P.  Magenta  73. 
Bottini  Paolo  -  via  Bernardino  Luini  5. 

Diurnisti  ffl  d'assistenti. 

Trevisi  Filippo  -  via  s.  Vito  14. 

Marino  Francesco  -  corso  Vittorio  Emanuele  i. 

Praticanti. 

Pozzi  Luigi  -  GG.   SS.  P.  Garibaldi   1, 

Berizzi  Marco  -  nella  Ricev.  dell'Arco  della  Pace  19. 

Bisesti  Luigi  -  via  Giovasso  4« 

Borghi  Federico  -  via  Annunciata   12, 

Giudici  Carlo  -  corso  P.  VitJoria  6. 

Perondi  Roberto  -  via  s.  Simone  16. 

Barosso  Alfredo  -  via  s.  Agnese  io. 

Varisco  Pietro  -  via  s.  Antonio  17. 


ISPETTORATO  DEI  DAZI 

E  COMANDO  DELLE  CIVICHE  GUARDIE  DAZIARIE 

(Caserma j  via  Bernardino  Luini  5.) 

Buzzi  dott.  Paolo,  ispett.  comand.  -  via  M.  di  Pietà  i6. 

Pedoja  Claudio,  sotto-ispett.  -via  Bernardino  Luini  3. 

Reina  Achille,  tenente  in  i.°-  barriera  Principe  Um- 
berto ni. 

Moneta  Frane,  idem  in  2.0  -  via  Bernardino  Luini  3. 

Mazzola  Carlo,  idem  in    3.°  -  dazio  P,  Romana    i34« 

Valsecchi  rag.  Francesco, tenente  in  4«0-via  s.  Nicolao5. 

Cravenna  Anselmo,  sottolenente  contabile  -  CC.  SS. 
P.  Magenta  i5i. 

N.  i4  Brigadieri.  I  N.    60  Guardie  scelte. 

n    20  Sotto-brigadieri,       |   »  1 58  Guardie  semplici. 


DEL  COMUNE   DI  MILANO  I  65 

COMPAGNIA  DE'  ZAPPATORI  POMPIERI. 

FORTE   DI   60   UOMINI. 
(Caserma  delle   Grazie^  corso  Magenta.) 

Comandante. 
Ponti  Luigi  -  nella  detta  Caserma. 

Luogotenente. 
Maggi  Carlo  -  ivi. 

PUBBLICO  MACELLO 

(  Via   Olona  io) 

De  Capitani  da  Sesto  Fiorenzo,  veterinario  ispettore  - 

nel  locale  stesso. 
Amati  Napoleone  ,>  veterinario  -  via  Nirone  j. 
Griffóni  Rocco,  idem  -  via  Nirone  8. 
Poli  Giuseppe,  idem  -  via   Mulino   delle  Armi  3j. 
N.  N.,  alunno  veterinario. 

Rosa  Giovanni,  scrittore  -  CC.  SS.  P.  Tenaglia  1 i3# 
N.  N„  idem.  -  N.  N.,  idem. 

GIARDINI  PUBBLICI 

Sangalli  Giovanni,  capo-giardiniere. 
Bernardoni  Giuseppe,  aggiunto-giardiniere. 


CASSA  COMUNALE 

(  Nel  Palazzo  comunale ,  via  Marino  2.) 

Bruni  Giuseppe,  cassiere  e  ricevitore  comunale  -  via 
Rugabella  3. 


i66 

GUARDIA  NAZIONALE  DI  MILANO 


Generale  comandante  la  Guardia  nazionale 

del  Regno. 

S.  A.  R.  il  principe  Eugenio  di  Sa  voja-Carignano,ec.,ec. 

COMANDO    SUPERIORE 

[Piazza   Mercanti  ^-) 

Comandante  Superiore. 
N.  N.  ^ 

Pedroli  nob.  Luigi,  comm.  >H,  maggior  generale,  capo 
dello  Stato  Maggiore,  comandante  superiore  inte- 
rinale, ajutante  di  campo  onorario  di  S.  M.  -  via 
Borromeo  i. 

Stato   maggiore. 

Broglia  ing.  cav.  Giuseppe,  luogotenente  colonnello, 
sotto-capo  dello  Stato  Maggiore.  -  via  Velasca  2. 

Castellani  Fantoni  conte  Giovanni,  maggiore,  ufficiale 
d'ordinanza  onorario  di  S.  M.  -  via  Brisa  2. 

Rosari  dott.  Francesco,  maggiore  -  via  Conservato- 
rio 26. 

Norsa  dott.  Ugo,  capitano  -  piazza  Scala  3. 

Conti  dott.  Emilio,  idem  -  via  Monforte  26. 

Ajutanti  di  campo  del  Comando  Superiore. 

Casati  nob.  Luigi,  luogotenente  -  via  Giardino  21. 
N.  N. 

CONSIGLIO   D'  AMMINISTRAZIONE. 

Pedroli  nob.  comm.  Luigi,  predetto ,  presidente  inte- 
rinale. 

Patrizio  rag.  Giacomo,  capitano  della  Q.a  compagnia, 
2.a  legione,  membro  del  Consiglio  -  corso  Magenta  27. 

Casati  nob.  Giovanni,  ufficiale  pagatore  della  4»a  le- 
gione, idem  -  via  Monte  Napoleone  29. 


GUARDIA   NAZIONALE   DI    MILANO  l6j 

Favini  rag.  Luigi,  -fc-,  milite  nella  6.a  compagnia,  5.a 
legione,  idem  -  via  s.  Marta  i  o. 

Chiodo  Antonio,  milite  nella  2.a  compagnia,  4*a  'e- 
gione,  idem  -  via  Pescheria  Vecchia  9. 

Norsadott.  Ugo,  capitano  di  Stato  Maggiore,  predelio. 

Chiusi  rag.  Carlo,  ^,  segretario  -  via  Principe  Ame- 
deo 1. 

UFFICIO  DI  SEGRETERIA  DEL  COMANDO. 

Norsa  dott.  Ugo,  predetto,  segretario. 
Pirovano  Luigi,  scrittore  -  via  Fiori  Chiari  5. 

CONSIGLIO  DI  RICOGNIZIONE. 

(Via  Case  Rotte  4.) 

Consiglieri  aggiunti  ai  Consiglieri  comunali. 

Porta  nob.  Luigi  -  via  Cavenaghi  8. 

De  Capitani  da  Vimerca  te  Ambr.  -via  s.  Margherita  12. 

Medici  ing.  Giacomo  -  via  Moscova  38. 

Consoli  avv.  Gaetano  -  via  Lauro  3. 

Pasetti  ing.  Giacomo  -  via  s.  Damiano  16. 

Triulzio  nob.  Girolamo  -  corso  P.  Romana  1 1. 

Lombardi  avv.  Enrico  -  via  Cerva  14. 

Novi  dott.  Giovanni  -  via  Durini  18. 

Broglia  ing.  cav.  Giuseppe  -  via  Velasca  2. 

Anderloni  avv.  Ferdinando  -  via  Borgo  Nuovo  18. 

Pollini  avv.  Giuseppe  -  via  Bassano  Porrone  2. 

Bertolotti  avv.  Giuseppe  -  corso  Magenta  29. 

Legnani  avv.  Antonio  «■  via  Torino  6. 

Sartirana  avv.  Luigi  -  via  Meravigli   io. 

Carabelli  avv.  Enrico  -  via  Bocchetto  3. 

Baraggia  dott.  Giuseppe  -  via  Cavanaghi  7. 

Ronchi  rag.  Pietro  -  via  Bollo  5. 

Valerio  cav.  Alessandro  -  via  Rugabella  17. 

Cunico  Girolamo  -  via  s.  Vito    14. 

Uccelli  Giuseppe  -  via  Monte  di  Pietà  9, 

Sala  Andrea  -  via  Brera  17. 


l68  GUÀRDIA  NAZIONALE  DI  MILANO 

Vismara  Natale  -  via  s.  Vito  2. 

Gampolmi  Antonio  -  corso  Venezia  77. 

Barbey  Cesare  -  via  Cusani  16. 

Molteni  rag.  Carlo  -  via  Rovello  4« 

Grandi  dott.  Giovanni  -  corso  Venezia   12. 

De  Bernardi  Bernardino  -  via  Cappello  4« 

Patrizio  rag.  Giacomo  -  corso  Magenta  27. 

Fano  Rodolfo  -  via  Brera  8. 

Migliavacca  Angelo  -  via  Rebecchino  2. 

Cereda  ing.  Luigi  -  via  Oriani  7. 

Pinchetti  rag.  Odoardo  -  via  Clerici  11. 

Barni  Attilio  -  via  Torino  48. 

Lorenzoni  Francesco  Luigi  -  via  Giardino  48. 

Cossa  avv.  Silvio  —  via  s.  Giuseppe  i3. 

Bonazzola  Giacomo  -  via  s.  Pietro  all'Orto  4* 

Parrocchelti  Luigi  -  via  Lanzone  5. 

Campari  Giovanni  -  via  Crocifisso  io. 

Dal  Verme  conte  Giorgio  -  Foro  Bonaparle  29. 

Wilmant  Luigi  -  via  Ponlaccio  19. 

Sebregondi  nob.  dott.  Ambrogio  —  via  Nerino  12. 

Ghinosi  Andrea  -  via  Passarella  8. 

Norsa  Ugo  -  piazza  Scala  3. 

Oss  avv.  Giuseppe  -  via  Borgo  Nuovo  9. 

Cernuschi  Paolo  -  via  Broletto  36. 

Croce  dotti  Giacomo  -  via  Pantano  1. 

Pecchio  conte  Ercole  -  corso  Magenta  66. 

Crevenna  Gerolamo  -  Foro  Bonaparte  29. 

Azimonli  Baldassare  -  via  s.  Marco  io. 

Ferri  dott.  Giorgio  -  via  Mulino  delle  Armi  io. 

Finzi  Cesare  -  via  Fate-bene-fratelli  7. 

Conti  Emilio  -  via  Monforle  26. 

Giani  Francesco  -  piazza  Istituto  di  s.  Marta  1. 

Robecchi  Antonio  -  via  s.  Zeno  4* 

Lupi  prof.  Costantino  -  piazza  Duomo  20. 

Mariani  rag.  Pietro  fu  Aless.  -  via  Visconti  11. 

Visconti  conte  cav.  Alfonso  Maria  -  via  Giardino  43« 

Polli  Ercole  -  via  Stampa  16. 


GUARDIA    NAZIONALE  DI  MILANO  169 

I.  Legione 

Visconti  conte  Alfonso,  $fè,  ajulanle  di  campo  ono- 
rario di  S.  M.,  colonnello.,  capo-legione  -  via  Giar- 
dino 43. 

Stato  Maggiore, 

Pastore  Giovanni  Maria,  %,  capitano  ajutante  maggiore 

in  i.°  -  via  Meravigli  5. 
N.  N. ,  capitano  d'armamento. 
Griffmi  dott.  Romolo,  0  e  cav.  della  Legione  d'on., 

chirurgo  magg.  in  i ,°  (*)  -  via  Francesco  Sforza  35. 
Lazzati  rag.  Osvaldo,  sotto-tenente,  ufficiale  pagatore 

-  via  Giardino  33. 

i.°  Battaglione. 

N.  N.,  maggiore. 

Cernuschi  Alessandro,  luogotenente  ajutante  maggiore 

in  2.°  -  via  Broletto  36. 
Marabelli  dott.    Pietro  ,   chirurgo  maggiore    in   2.°  * 

via  Annunciata  16. 
Centenara  Antonio,  sottotenente  porta-bandiera  -  corso 

Garibaldi  8. 
Malnati  Eugenio,  foriere  magg.  -via  Fiori  Chiari  12. 
N.  N.,  caporale  maggiore. 

Consiglio  di  Disciplina, 

Belloni  avv.  Lodovico,  capitano  relatore  -  via  Annun- 
ciata 2. 

Guastalla]avv.  Giuliano,  ^(-,  luogotenente  relatore  ag- 
giunto -  via  Bossi  4* 

N.  N.,  luogotenente  segretario.  A 

Paccioretti  avv.  Enrico ,  sottotenente  segretario  ag- 
giunto -  via  Ciovassino  i. 


O  Tutti  ì  chirurghi  maggiori  in  i.°  sono  equiparati  nel 
grado  ai  capitani;  quelli  in  2.°,  ai  luogotenenti. 


ino  GUARDIA   NAZIONALE   DI  MILANO. 

2.°  Battaglione. 

Molteni  rag.  Carlo,  maggiore  -  via  Rovello  4. 
Pirovano  Luigi,  luogotenente  ajutanle  maggiore  in  2.0 

-  via  Fiori  Chiari  3. 

Rezzonico  dott.  Antonio,  chirurgo  maggiore  in  2.0  - 
via  s.  Giuseppe  12. 

Pirovano  G.  B.,  sottotenente  porta-bandiera- via  Sol- 
ferino 7. 

Bruni  Achille,  foriere  maggiore  -  via  Borgo  Nuovo  7. 

Ballerini  Frane,  caporale  maggiore-via  Fiori  Chiari  20. 

Consiglio  di  Disciplina, 

Consoli  avv.  Gaetano,  capitano  relatore  -  via  Lauro  3. 
Pollini  avv.  Giuseppe,  luogotenente  relatore  aggiunto  - 

via  Bassano  Porrone  2. 
Villa-Pernice  dott.  Angelo,  f^,  luogotenente  segretario 

-  via  Cusani   i3. 

Segrè  Samuele,  sottotenente  segretario  aggiunto  -  via 
Torino  38. 

3.°  Battaglione. 

N.  N.,   maggiore. 

N.  N.,  luogotenente   ajutante  maggiore  in  2.0 

Restellini  dott.  Giuseppe,  chirurgo  maggiore  in  2.0  - 

via  s.  Eufemia  2. 
Mustorgi    cav.   Demetrio,  sottotenente  porta-bandiera 

-  piazza  S.  Simpliciano  2. 

Ballerio  Luigi,  foriere  maggiore  -  via  Ospedale  6. 
N.  N.,  caporale  maggiore. 

Consiglio  di  Disciplina. 

Aureggi  avv.  Carlo,  capitano  rei.  -  via  s.  Vicenzino  9. 
Gatta  avv.  Lodovico,  luogotenente  relatore  aggiunto  - 

piazza  Belgiojoso  1. 
Mocchetti  avv.  Francesco ,    luogotenente  segretario  - 

s.  Paolo  2. 


GUARDIA    NAZIONALE  DI  MILANO  1JX 

Cologna  avv.  Cesare,  sottotenente  segr.  aggiunto  -  via 
Amedei  3. 

4-°  Battaglione. 

Greppi  nob.  Alessandro,  maggiore  -  vìa  Giardino  8. 
Scotti  Francesco,  luogotenente  ajutante  maggiore  in  2.0 

-  via  Solferino  22. 

Monguzzi  Alberico,  chirurgo  maggiore  in  2.0  -  via  Ro- 
vello 11. 

De  Montagu  Edoardo,  sottotenente   porla  bandiera 
via  s.  Giuseppe  4» 

Calderini  Ercole,  foriere  maggiore  -  via  Lauro  1. 

Biancotti  Aless.,  caporale  magg.  -  corso  Garibaldi  5o. 

Consìglio  di  Disciplina. 

Romanelli  Finzi  avv.  Gius.,  capitano  rei.-  via  Bigli   i5. 
Porraneo  avv.  Achille,  luogotenente  relatore  aggiunto 

-  via  s.  Maurilio  i4« 

Moretti  dott.  Domenico,  luogotenente  segretario  -  via 

Broletto  16. 
Redi  avv.  Carlo,  sottotenente  segretario  agg.  -  via  s. 

Vicenzino  6. 

Capitani  delle  Compagnie. 

1.  Corbelta  Pietro  -  Bastioni  di  P.  Garibaldi  t. 

2.  Castelli  rag.  Gabrio  -  piazza  ss.  Pietro  e  Lino  2. 

3.  Righini  avv.  Alessandro,  ìijfè  -  via  Fiori  Oscuri  1 1 . 

4.  Luppi  Costantino  -  piazza  Duomo  20. 

5.  Codoni  Tomani  nob.  Achille  -  Foro  Bonaparte  62. 

6.  Prato  Francesco  -  via  Cusani  16. 

7.  tt  N. 

8.  N.  N. 

9.  Uccelli  Giuseppe  -  via  Monte  di  Pietà  9. 
io.  Besozzi  Valentini  Luigi  -  via  Bigli  12, 

11.  Pensa  Enrico  -  via  Brera  5. 

12.  Cereda  ing.  Luigi  -  via  Oriani   7. 
i3.  Sacchi  Alberto  -  via  s.  Margherita  1. 


1^2  GUARDIA  NAZIONALE  DI  MILANO 

14.  Cernuschi  Paolo  -  via  Broletto  36. 
i5.  Crespi  ing.  Michele  -  via  Lauro  8. 
16.  Monzini  avv.  Luigi  -  via  Andegari  11. 

Sergenti  Forieri. 

1.  Martina  Tomaso  -  via  Pontaccio  8. 

2.  Moneta  Carlo  -  corso  Garibaldi  81. 

3.  Mariani  Pietro  -  via  Moscova  27. 

4.  Longhi  Manfredo  -  via  Brera  3. 

5.  Roncoroni  Enrico  -  via  Gesù  12. 

6.  Riva  Giuseppe  -  piazza  Borromeo  8. 

7.  Billerey  Enrico  -  via  s.  Maria  Fulcorina  1  4. 

8.  Maffioli  Carlo  -  via  Monte  Napoleone  17. 

9.  Uccelli  Edoardo  -  via  Monte  di  Pietà  9, 
io.  Prestini  Angelo  -  via  Monte  Napoleone  44* 

11.  Corti  Gustavo  Adolfo  -  corso  P.  Nuova  t\0* 

12.  Biancardi  Achille  -  via  Principe  Umberto  io. 
i3.  Albrici  Simone  -  via  Spiga  7. 

14.  Pagani  rag.  Giosuè  -  via  Broletto   19. 
i5.  Pinchetti  rag.  Odoardo  -  via  Clerici  il. 
16.  Bianconi  Felice  -  corso  Garibaldi  5o. 


II.  Legione. 

N.  N.,  colonnello  capo-legione. 

Stato  Maggiore. 

Cavalli  Ignazio,  capitano  ajutante  maggiore  in  i.°  - 
via  s.  Damiano  22. 

Tocchi  rag.  Gio.,  capitano  d'  armamento  -  via  s.  Maria 
alla  Porta  5. 

Daroni  dott.  Giuseppe,  ^}  chirurgo  maggiore  in  i.°  - 
via  Armorari  7. 

Sebregondi  nob.  dott.  Ambrogio,  sotloteu.  uffic.  paga- 
tore -  via  Nerino  8. 


GUARDIA  NAZIONALE  DI   MILANO  1^3 

i.°  Battaglione. 

N.  N.,  maggiore. 

Yietti  Giacomo,  luogotenente  ajutante  maggiore  in  2.0 

-  via  Rovello  i5. 

Geresa  Davide,  chirurgo  magg.e  in  2.0  -  corso  Vene- 
zia 89. 

Volpi  Annibale,  sottoten.e  porta-bandiera  -  via  Bernar- 
dino Luini  9. 

Bolla  Cesare,  foriere  maggiore  -  piazza  Vetra  1  o. 

Clerici  Luigi,  caporale  maggiore  -  via  Broletto  4» 

Consiglio  di  Disciplina, 

Castelli  avv.  Pompeo,  capii,  relatore  -  via  Cappuccio  3. 
Porro  dott.  Giovanni,  luogotenente  relatore  aggiunto 

-  via  Solferino  22. 

Luini  dott.  Giuseppe  >  luogotenente  segretario  -  via 
Bri  sa  2. 

Beretta  avv.  Baldassare,  sottotenente  segretario  ag- 
giunto -  via  s.  Vicenzino  12. 

2.0  Battaglione. 

Ferri  dott.  Giorgio,  maggiore  -  via  Mulino  delle  Ar- 
mi 19.  ' 

Pizzi  Eugenio,  luogotenente  ajutante  maggiore  in  2.0  - 
via  Monte  Napoleone  36. 

N.  N. ,  chirurgo  maggiore  in  2.0 

Carini  Pietro  ,  sottolenente  porta-bandiera  -  via  Ru- 
gabella  6. 

Bossi-Visconti  Antonio,  for.  magg.  -  via  Camminadella. 

N.  N.,  caporale  maggiore. 

Consiglio  di  Disciplina. 

Boretti  avv.  Fabio,  $fe,  ^-,  capitano  relatore  -  piazza 

s.  Ambrogio  i4» 
Comaschi  avv.  Carlo,  luogotenente  relatore  aggiunto 

-  via  Cappuccio  18. 


1^4  GUARDIA   NAZIONALE  DI   MILANO 

Al  basini  avv.  Innoc,  luogotenente  segretario  -  via  Pan- 
tano 28. 

Bertololti  avv.  Giuseppe,  sottotenente  segretario  ag- 
giunto -  corso  Magenta  29. 

3.°  Battaglione. 

Martinelli  dott.  Benedetto,  H*,  maggiore  -  corso  Porta 
Ticinese  60 • 
borgo  P.  Magenta  9. 

Bossi  Enrico,  luogotenente  ajutante  magg.  in  2.0  -  corso 
Porla  Ticinese  8. 

Rotondi  dott.  Gior.,  chirurgo  in  2.0-  corso  Porta  Ro- 
mana 64. 

Lajnati  Ercole,  sottoten.  porta-band.  -  via  Bollo  2. 

Bareggi  Giuseppe,  foriere  maggiore  -  via  s.  Simone  22. 

Monti  Samuele,  caporale  maggiore  -  corso  P.  Tici- 
nese 58. 

Consiglio  di  Disciplina. 

De  Giuli  avv.  Agostino,  capitano  relatore  -  via  s.  Mau- 
rilio i3. 

Scotti  avv.  Giuseppe  seniore,  luogotenente  relatore 
aggiunto  •  via  Piatti  4« 

N.  N.,  luogotenente  segretario. 

Terruggia  dott.  Silverio,  sottonente  segr.  aggiunto  - 
via  s.  Vittore  al  Teatro  12. 

4.0  Battaglione. 

N.  N.,  maggiore. 

Cassoni  Grazioso,  luogotenente  ajutante  maggiore  in 
2.0  -  Cordusio  5. 

Beretta  dott.  Giovanni,  chirurgo  magg.e  in  2.0  -piaz- 
za Galline  4- 

Belloni  Luigi,  sottoten.e  porta-bandiera  -via  Torino  64. 

Mapelli  Carlo,  foriere  maggiore  -  via  Torino  48. 

N.  N.j  caporale  maggiore. 


GUARDIA  NAZIONALE    DI   MILANO  lj5 

Consiglio  di  Disciplina. 

Frigerio  avv.  Giosuè,  capitano  relatore  -  via  Torino  5g. 

N.  N. ,   luogotenente  relatore  aggiunto. 

Sorniani  dott.  Giuseppe,  luogotenente  segretario  -  via 

Bigli  22. 
Foscarini  dott.  Carlo,  sottolenente  segretario  aggiunto 

•  via  Fiori  Oscuri  3. 

Capitani  delle  Compagnie. 

i.  Pellegatti  Visconti  Cesare  -  via  s.  Gio.  sul  Muro  25. 

2.  Migliavacca  Alberto  -  via  Piatti  6. 

3.  Borghi  dott,  cav.  Giulio -piazza  ss.  Pietro  e  Lino  i 
4-  Puricelli  Guerra  Enrico  -  via  Meravigli   io. 

5.  Caccini  Antonio  -  via  Signora  4» 

6.  Cozzi  Francesco  -  via  s.  Simone   i5. 

7.  Appiani  Giovanni  Battista  -  via  Lnnzone  49* 

8.  Azimonti  Baldassare  -  via  s.  Marco  io. 

9.  Patrizio  rag.  Giacomo  -  via  Principe  Amedeo  1. 
io.  Lastrico  Gaetano  -  via  s.  Simone  i5. 

it.  Ferrano  Salvatore  -  piazza  Vetra  2. 
12.  Ashton  Pietro  -  via  s.  Vincenzo  3. 
i3.  Stella  Giuseppe  -  via  Torino  66. 
i4»  Polli  Ercole  -  via  Stampa  16. 
i5.  Cunico  Girolamo  -  via  s.  Vito  i4« 
16.  Barni  Attilio  -  via  Torino  48. 

Sergenti  Forieri. 

1.  Cappelli  rag.  Antonio  -  via  Borromeo  4* 

2.  Valori  Giovanni  -  via  Mangano  9. 

3.  Cattaneo  Ignazio  -  via  S.  M.  Fulcorina  18. 

4.  Motta  Cirillo  -  via  Brisa  i5. 

5.  Campagnani  Luigi  -  via  s.  Vittore  7. 

6.  Agazzi  Camillo  -  via  s.  Agnese  20. 

7.  Bossi  Luigi  -  via  Stampa  11. 

8.  N.  JN. 

9.  Moneta  Andrea  -  corso  P.  Romana  109. 


Ij6  GUARDIA  NAZIONALE  DI  MILANO 

io.  Gavanna  Giuseppe  -  via  Quadfonno  2. 

11.  N.  N. 

12.  Pozzi  Giovanni  Battista  -  via  s.  Vito  3i. 
i3.  Pini  Enrico  -  via  Lanzone   1. 

14.  Albertazzi  Giuseppe  -  via  Ospedale  io. 
i5.  Daverio  Demetrio  -  via  s.  Bernardino  9. 
16.  Arpisella  Francesco  -  via  Torino  61. 

III.  Legione. 

N.  N.,  colonnello  capo-legione. 

Stato  Maggiore. 

Buzzi  Federico,  capitano  ajutante  maggiore  in  i,°  - 

via  Vivajo  2. 
Galluzzi  dolt.  Michele  -  capitano  d'  armamento  ■  via 

Larga  28. 
N.  N. ,   chirurgo   maggiore    in    i.° 
Chiusi  rag.  cav.  Carlo,  sottoten.,  ufficiale  pagatore  - 

via  Principe  Amedeo  1. 

i.°  Battaglione. 

Righetti  ing.  Enrico,  maggiore  -  via  Moneta   1. 
Migliavacca   Angelo,  luogotenente  ajutante  maggiore 

in  2.0-  via  Rebecchino  2. 
Tamburini   dott.   Cirillo,   chirurgo  maggiore  in  2.0  - 

via  s.  Orsola  6. 
Giardini    rag.    Angelo,  sottotenente   porta-bandiera  - 

piazza  Borromeo  8. 
Ajelli  Francesco,  foriere  maggiore  -  via  Ratti  3. 
Allodi  Aless.,  caporale  magg.  -  via  s.  Simone  21. 

Consiglio  di  Disciplina. 

Biraghi  avv.  Cesare,  capitano  relatore  -  via  Piatti  9. 
Paganetli  avv.  Mario,  luogotenente  relatore  agg.  -  via 
Amedei  n. 


GUARDIA  NAZIONALE  Di   MILANO  ijj 

Martinazzi  Giovanni,  luogoten.  segretario  -  via  Osti  3. 
Botta  avv.  Eugenio,  sottotenente  segretario  aggiunto  - 
via  s.  Maria  Fulcorina  i. 

2.0  Battaglione. 

Simonetta  Antonio,  maggiore  -  via  Palestro  2. 
Monti  Carlo,  luogotenente  ajutante  maggiore  in  2.°  - 

via  Olmetto  21. 
Locatela'   dott.   Paolo  ,  chirurgo  maggiore  in  2.0  -  via 

Chiaravalle  7. 
Cornegliani  Costanzo,  sottotenente   porta-bandiera  - 

via  Bocchelto  5. 

Buccellati  Carlo,  foriere  maggiore  •  via  Amedei  4* 
Ghislanda  Gio.,  caporale  magg.  -  via  Maddalena  4* 

Consiglio  di  Disciplina. 

Righini  avv.  Gaetano,  capitano  rel.e  -  via  Olmetto  3. 

Buzzetti  avv.  Virgilio  -  via  Unione  i3. 

Mozzoni  dott.  Giovanni,  luogotenente  segretario  -  via 

Bigli  4. 
Rizzi  rag.  Tranquillo,  jjfe,  sottotenente  segretario  agg.  - 

via  Pesce  5j. 

3.°  Battaglione. 

De  Bernardi  Bernardino,  maggiore  -  via  Cappello  4« 

Frigerio  Carlo  ,  luogotenente  ajut.  magg.  -  via  Fran- 
cesco Sforza  43. 

Veladini  dott.  Paolo,  chirurgo  maggiore  in  2.0  -  via 
Zecca  Vecchia  8. 

N.  N.,  sottotenente  porta-bandiera. 

Peroni  Vincenzo,  foriere  maggiore  -  via  Valpetrosa  6. 

Arlali  Carlo,  caporale  magg.e  -  corso  Magenta  5j. 

Consiglio  di  Disciplina» 

Rosa  avv.  Vincenzo,  capitano  relatore  -  via  s«  Maria 
Fulcorina  17. 

Guida  1871  —  12 


I78  GUARDIA  NAZIONALE  DI  MILANO 

Gottini  avv.  Teodosio,  luogotenente  relatore  aggiunto 

-  corso  P.  Romana  i. 

Agnelli  avv.  Gaelano,  luogotenente  segrelario  -  via 
Tre  Alberghi  22. 

Cavallotti  avv.  Giovanni,  sottotenente  segretario  ag- 
giunto -  via  Zecca  Vecchia  12. 

4«°  Battaglione. 

N.  N»,  maggiore. 

Campari  Giovanni,  luogoten.  ajutante  maggiore  in  2.0 

-  via  Crocifisso   io. 

Barbieri  dott.   Agostino  ,    chirurgo    maggiore  in  i.°  - 

via  s.  Antonio  20. 
Lorini    Giuseppe,  sollotenente    porta-bandiera  -  via 

Campo  Loch'giano  ir. 
Ricci  Giuseppe,  foriere  maggiore. 
Rovida  Antonio,  caporale  maggiore  -  via  Cassolo  7. 

Consiglio  di  Disciplina. 

De  Welz  avv.  Giovanili  Battista ,  capitano  relatore  - 

via  s.  Sisto  12. 
Migliavacca  dott.  Paolo,  luogotenente  relatore  aggiunto 

-  via  Fieno  5. 

Malvezzi  Giovanni,  luogotenente   segretario  -  corso 

Magenta  12. 
Villa  Alessandro,  sottotenente  Segretario  aggiunto  - 

via  Lupetta  5. 

Capitani  delle  Compagnie. 

i.  Greco  avv.  Giuseppe  -  via  Maddalena  18. 

2.  Gelmini  Carlo  -  via  Cordusio  i3. 

3.  Chinali  avv.  Tito  Iginio  -  via  Pesce  24. 

4.  Perego  Giovanni  Battista  -  via  Bollo  3. 

5.  Rizzi  Achille  -  via  Pesce  20. 

6.  Dugnani  Carlo  -  via  Olmetto  12. 
n,  Brianzi  Luigi  -  via  Agnello  12. 

§,  Campolmi  Ant.  -  corso  Porla  Venezia  77. 


GUARDIA   NAZIONALE  DI  MILANO  I^Q 

g.  Trevisi  Cesare  -  via  Tre  Alberghi   24. 
io.  Galluzzi  dott.  Michele  -  via  Larga  28. 

11.  Angiolini  Antonio  -  via  Solferino  7. 

12.  Salina  rag.  Camillo  -  via  s.  Calimero  3. 

10.  Tavazza  Paolo  -  via  Campo  Lodigiano  i/J» 
14.  Valtolina  dott.  Enrico  -  via  Crocifisso  12. 
i5.  Corti  Saulle  -  via  Maddalena   i5. 

16.  Uboldi  Ambrogio  -  corso  P.  Romana  82. 

Sergenti  Forieri. 

1.  Dossena  Giovanni  -  via  s.  Maria  i\. 

2.  Guerrini  Giovanni  -  piazza  s.  Sepolcro  5. 
5.  Besletti  Giosuè  -  via  s.  Agnese  4» 

4.  Dal  Verme  conte  Giorgio  -  Foro  Bonaparte  29. 

5.  Tavazza  Baldassare  -  via  Fieno  1. 

6.  Pacchetti  Gaetano  -  via  Torino  54. 

7.  Biraghi  Giuseppe  -  via  Osti  3. 

8.  Baccigaluppi  Gio.  Batt.  -  via  Armorari  9. 

9.  Bassi  Daniele. 

io.  Canevari  Carlo  -  via  Pantano  26. 

11.  Limonta  Giovanni  -  corso  Porta  Romana  85. 

12.  Tresoldi  Antonio  -  via  s.  Calocero  24. 

i3.  Vigano  Gerolamo  -  via  Campo  Lodigiano  2. 
14.  Angiolini  Alessandro  -  via  s.  Eufemia  2. 
i5.  Mainardi  rag.  Giovanni  -  via  Nerino  1. 
16.  Albizzati  Luigi  -  via  Solferino  11. 


IV.  Legione* 

Villa  ing.   Paolo ,  ^,  colonnello  capo-legione   -  vìa 
Pasquirolo  18. 

Stato  Maggiore. 

N.  N.j  capitano  ajutante  wagg.  in  i.d 
Galimberti  Costantino,  capitano  d'  armamento  -  via 
Stampa  9. 


l8o  GUARDIA.  NAZIONALE   DI  MILANO 

Barzanò  dott.  Luigi,  -)(-,  chirurgo  maggiore  in  i.°  -  via 

s.  Damiano  44* 
Casati  nob.  Giovanni  -  via  Monte  Napoleone  29, 

i.°  Battaglione. 

Mulazzi  avv.  Filippo,  maggiore  -  corso  Vittorio  Ema- 
nuele 26. 

Cozzi  Paolo,  luogotenente  ajutante  maggiore  in  2.0  - 
via  Visconti  1 1. 

Belloni  dolt.  Gius.,  cbir.  magg.  in  2.0  -  via  Paltari  3. 

Benelli  Pietro,  sottoten.  porta-band. a  -  via  Torino  38. 

Colombi  Giuseppe,  foriere  magg. -piazza  Fontana  io. 

Ferrano  Giovanni,  caporale  maggiore  -  via  Morigi  1 1. 

Consiglio  di  Disciplina, 

Bennati  avv.  Giuseppe,  capitano  relatore  -  via  Borgo 

Nuovo  9. 
Pavesi   avv.  Carlo,  luogotenente  aggiunto    relatore  - 

via  Pasquirolo  3. 
Coscia   avv.    Giovanni,    luogotenente   segretario  -  via 

Amedei  1 1. 
Norsa  avv.  Cesare    sottotenente  segretario  aggiunto  - 

via  Brera  12. 

2.0  Battaglione. 

N.  N.,  maggiore. 

Buzzi  Paolo,  luogotenente  ajutante  maggiore  in  2.0  - 

corso  Porta  Venezia  45. 
Balossi  dott.  Stefano,  chirurgo  maggiore  in   2.0  -  via 

Crocifisso  i3. 
Sarmento  Pavesi  Gius.,   sottotenente    porta-bandiera 
.      -  via  s.  Vittore  al  Teatro  17. 
N.  N.,  foriere  maggiore. 
Cabrini  Domenico,  caporale  magg.  -  via  s.  Antonio  3. 

Consiglio  di  Disciplina. 

Cavaleri  avv.  Giuseppe,  capitano  relatore  -  via  Sala  5. 


GUARDIA   NAZIONALE   Di    MILANO  l8l 

Mazzoleni  avv.  Angelo,  luogotenente  relatore  aggiunto 

-  via  Cerva  l\i. 

De  Simoni  Gaetano,  luogoten.  segret.  -via  Morone  8. 
Valerio  Gaetano,  sottotenente  segretario  aggiunto  -  via 
s.  Antonio  i3. 

3.°  Battaglione. 

N.  N.,  maggiore. 

N.  N.,  luogotenente  ajutante  maggiore  in  2.° 

Tosi  dott.  Francesco,  chirurgo  maggiore  in  2.0  -  via 
s.  Damiano  i4- 

Bosisio  Giuseppe,  sottotenente  porta-bandiera  -  cor- 
so Venezia  56. 

Fossati  Cesare,  foriere  maggiore  -  via  Alciato  3. 

Giulini  Ferdinando,  caporale  maggiore  -  via  s.  An- 
tonio 12. 

Consiglio  di  Disciplina. 

Rosmini  avv.  Enrico,  capitano  relatore  -  via  Monte  Na- 
poleone 23. 
Hanau  avv.  Enrico,  ^,  luogotenente  relatore  aggiunto 

-  corso  Vittorio  Emanuele  26. 

Polli  avv.  Gaetano,  luogotenente  segretario  -  via  Du- 

rini  5. 
Torri  avv.  Ercole,  sottotenente    segretario  aggiunto  - 

via  Clerici  2. 

4.0  Battaglione. 

Crivelli  nob.  Luigi,  maggiore  -  corso  Venezia  3i. 
Moriani  Napoleone,  luogotenente  ajutanle  magg.  in  2.0 

-  via  s.  Orsola  12. 

Panceri  dott.  Emanuele,  chirurgo  maggiore  in  2.0  - 

via  Senato  8. 
Grandi  dott.  Giovanni,  sottotenente  porta-bandiera  - 

corso  Venezia  12. 
N.  N.,  foriere  maggiore. 
Molteni  Gio.  B.att.,  caporale  magg.  -  corso  Venezia  80. 


l82  GUARDIA  NAZIONALE  DI  MILANO 

Consiglio  di  Disciplina. 

Bussi  avv.  Alessandro,  uff.  ^,  capit.  rei.  -  corso  Ve- 
nezia i4» 
Baisini  avv.  Jacopo,  ^,  -)(-,  luogotenente  relatore  ag- 
giunto -  via  Fate-bene-fratelli   i5. 
Ranci  avv.  Carlo,  luogoten.  segr.  -  corso  Venezia  14. 
Benaglia  avv.  Demetrio,  sottotenente   segretario  agg.  - 
corso  Venezia  44- 

Capitani  delle  Compagnie. 

1.  Berta  Antonio  -  galleria  Vittorio  Emanuele  56. 

2.  Olginati  Giovanni  -  via  Unione  5. 

3.  Colombo  Gaetano  -  piazza  Duomo  23. 

4.  Giani  Francesco  -  piazza  s.  Ambrogio  63. 

5.  Mantovani  Carlo  -  via  Bocchetto  5, 

6.  Scbenoni  Michele  -  via  Cernaja  1. 

7.  Maesani  rag.  Paolo  -  via  Pasquirolo  7. 

8.  Sonzogno  avv.  Giulio  Cesare -corso  Vitt.  Eman.  38. 

9.  Moro  Agrippino  -  via  Pantano  l\. 

io.  Lombardi  avv.  Enrico  -  via  Cerva  14. 

11.  Novi  Giovanni  -  via  Durini   18. 

12.  Semenza  avv.  Edoardo  -  via  Passarella  i3. 

i3.  Franzini  Napoleone  -  Galleria  Viltorio  Eman.  20. 
14.  Pozzi  Pompeo  -  galleria  De  Cristoforis  9. 
i5.  Bianchi  Giuseppe  -  piazza  s.  Stefano  5. 
16.  Rescalli  march.  Paolo  -  corso  Venezia  70. 

Sergenti  Forieri. 

1.  N.  N. 

2.  Biella  rag.  Pietro  -  corso  P.  Romana  28. 

3.  Aliprandi  Vincenzo  -  via  Torino-  34» 

4.  Fumagalli  Costantino  -  corso  s.  Celso  i3. 

5.  Manzolini  Giovanni  -  corso  Vittorio  Emanuele  3i. 

6.  Martignoni  Carlo  -  via  Ratti  4» 

7.  Bonazzola  Luigi  -  via  s.  Pietro  all'Orlo  4» 

8.  Pirola  rag.  Raffaele  -  via  Spiga  i5. 


GUARDIA  NAZIONALE  DI  MILANO  I  83 

9.  Origgi  Giuseppe  -  Verziere  26. 
io.  Dominicetli  Bartolomeo  -  via  Zenzuino  2. 

11.  Limonta  Carlo  -  via  Vigenlina  7. 

12.  Campagnani  Ferdinando  -  corso  P.  Vittoria  16. 
i3.  Rossi  Gaetano  -  via  Fontana  7. 

14.  Berulto  Camillo  -  via  Monte  Napoleone  6. 
i5.  Monticelli  Fedele  -  via  Monte  Napoleone   11. 
16.  N.  N. 


CORPO  DI  MUSICA 
DELLA  GUARDIA  NAZIONALE. 

[Piazza  Mercanti  [\). 

Il  Corpo  di  musica  della  Guardia  Nazionale  di 
Milano  è  composto  di  N.  46  musicanti  e  dei  migliori 
allievi  della  Scuola  popolare  di  musica  annessa,  sti- 
pendiati dal  Comune,  ed  è  amministrato  dalla  se» 
guente  Commissione. 

Presidente, 

Belinzaghi  comm.  Giulio,  sindaco  di  Milano,  ec. 

Vice'  Presiden  li. 

Vittadini  avv.  cav.  Giovanni,  assessore  municipale. 
Borghi  cav.  Giulio,  idem. 

Direttore. 

Besana  Antonio,  ^  -  piazza  Belgiojoso  1. 

Membri  della  Commissione. 

Visconti  conte  cav.  Alfonso  Maria  -  via  Giardino  43. 
Mazzucato  prof.  Alberto,  ^  -  via  Senato  18. 
Borromeo  conte  Emilio  -  piazza  Borromeo  7. 
Pestagalii  ing.  prof.  Giuseppe  -  via  Giulini  4* 
Uboldi  Ambrogio  -  corso  Porta  Romana  82. 
Pedroli  comm.  nob.  Luigi  -  via  Borromeo  1. 


1  84  GUÀRDIA   NAZIONALE  DI  MILANO 

Chiusi  rag.  cav.  Carlo,  segretario,  ec.  -  via  Principe 
Amedeo  i. 

Capo-musica. 

Rossari  prof.  Gustavo  -  via  s.  Sepolcro  3. 

Vice-cap  o  -/??  usica. 
N.  N. 

Caporale  di  musica. 

Rolando  Fedele  -  via  s.  Maurilio  i5. 

-oooooo-ooo 


AMMINISTRAZIONE 
DEL  COMUNE  DE'  CORPI-SANTI  DI  MILANO 

(  Vi  a    Crocifìsso    li.) 

CONSIGLIO  COMUNALE 

PER    L*  ANNO     187O-7I. 

Grondona  Felice  -  via  s.  Yito  i3. 

Corbetta  avv.  Eugenio  -  via  s.  Vicenzino  12. 

Villa  Luigi  -  riparto  Vili,  9. 

Bruschetti  rag.  Paolo  -  riparto  III,  77. 

Brivio  march.  Giacomo  -  via  (Dimetto  17. 

Zirotti  dott.  Francesco  -  via  Morigi  12. 

Frua  dott.  Carlo  -  piazza  s.  Sepolcro  1. 

Bellezza  cav.  Giovanni  Battista  -  riparlo  II,  5. 

Noè  dott.  Noè  -  via  Olmelto  7. 

Viltone  cav.  Felice,  -  riparlo  VII,   120. 

Lovati  avv.  Francesco  -  via  s.  Antonio  3. 

Terruzzi  ing.  Ercole  -  via  Meravigli  3. 

Pizzini  ing.  Giovanni  -  via  Montebello  18. 

Sanguinetli  rag.  Benedetto  -  corso  Porta  Ticinese  60. 

Nasoni  Domenico  -  riparto  II,  76. 

Taveggia  rag.  Gaetano  -  riparto  Vili,  38. 

Bellezza  dott.  Francesco  -  riparto  VI,  23.- 

Castiglioni  Ermenegildo  -  riparto  VI,  1. 


AMMINISTRAZIONE  DEL  COMUNE   DEI  CO.  SS.  l85 

Scurati  Carlo  -  piazza  s.  Eustorgio  8. 

Perelli  Cippo  Pasquale  -  piazza  Duomo  25. 

Nebbia  ing.  cav.  Gaspare  -  riparto  VI,  27. 

Giani  nob.  avv.  cav.  Francesco,  -   via  s.  Andrea  11. 

Capretti  doti.  cav.  Giuseppe  -  via  s.  Zeno  7. 

Capelli  Domenico  -  riparto  IT,  121  A. 

Bordoli  Eufrasio  -  riparto  Vili,  5o. 

Castagnini  Luigi  -  riparto  I,  78  A. 

Bellezza  Angelo  -  riparto  II,  23. 

Erba  Giacomo  -  via  Mulino  delle  Armi  ig. 

Rusmini  rag.  Francesco  -  riparto  V,  83  A. 

Formaggia  Carlo  -  riparto  V,  89. 

Martelletti  dott.  Gaetano  -  riparto  II,  5. 

Brunoli  Lorenzo  -  riparto  V,  122. 

Airaghi  dott.  Carlo  -  corso  Magenta  41* 

Donon  avv.   Giovanni  -  via  s.  Orsola  1. 

Colombi  dott.  Rinaldo  -  via  Porlezza  i4- 

Valerio  cav.  Alessandro,  -  via  Rugabella  17. 

Porro  Domenico  -  via  Nirone  3i. 

NB.  Mancano  tre  consiglieri,  essendesi  resi  defunti  i  sig.  Va- 
lentini  ing.  Giovanni  e  Strada  Ferdinando,  e  dimissionario 
il  sig.  Biella  Alessandro. 

GIUNTA  MUNICIPALE. 

Sindaco, 
Noè  dott.  Noè,  predetto. 

Assessori  titolari, 
Terruzzi  ing.  Ercole 
Villa  Luigi 
Grondona  Felice 

Frua  do.t.  Carlo  (    Predetl'- 

Donon  avv.  Giovanni 
Ajraghi  dolt.  Carlo 

Assessori  supplenti, 
Rusmini  rag.  Francesco     >        ,      . 
Vittone  cav.  Felice  $* 


l86  AMMINISTRAZIONE 

UFFICI    AMMINISTRATIVI. 

Tagliabò  avv.  Leopoldo,,  segretario-capo  -  via  s.  Spi- 
rito ii. 

Nava  avv.  Carlo,  vice-segretario  dirigente  la  div.  I.a  - 
via  s.  Bernardino  4» 

De  Conlurbia  nob.  dott.  Costantino,  vice-segretario  di- 
rigente la  divisione  II. a  -  via  Circo  i. 

Giani  nob.  dott.  Francesco,  ufficiale  di  I.a  classe  • 
piazza  s.  Ambrogio  63. 

Stelzi  dott.  Pompeo,  ufficiale  di  II.a  classe  -  via  Ba- 
gutla  18. 

N.  N.,  alunno  di  concetto. 

Impiegato  parificato  in  grado. 

Lainati  dott.  Giovanni,  vice-segretario  dirigente  l'uffi- 
cio di  Slato  civile  -  via  Olmetlo  1. 

Ufficio  tecnico. 

Fasana  ing.  Angelo,  ingegnere  capo  -  corso  P.  Ro- 
mana 92. 

Borioli  ing.  Cipriano,  ing.  agg.  -  via  Solferino  22. 

Corzoli  Giovanni,  agrimensore,  ass.  di  i.a  classe-  via 
Monforte  18. 

Montini  Antonio  -  corso  Magenta  70. 

Ragioneria. 

Chiapponi  Gio.,  ragioniere  capo-  via  Rugabella  3. 
Fusi  rag.  Gio.  Batt.,  i.°  aggiunto  -  corso  P.  Nuova  20. 
Ponzinibio  rag.  Maurizio,  applicato  di  ragioneria  -  via 
s.  Eufemia  q5. 

Applicati  di  1  ,a  classe. 

Fasana  rag.  Giovanni  -  riparto  III,  1. 
Marinoni  Gaetano  -  corso  s.  Celso  4^. 
Perelli  Luigi  -  corso  P.  Nuova   i5. 
Guenzati  Augusto  ~  corso  Magenta  34 


DEL  COMUNE  DEI  CC.  SS.  187 

applicati  di  2.a  classe» 

Gandini  Giuseppe  -  corso  P.  Vittoria  32. 
Palazzi  rag.  Carlo  -  via  s.  Croce  8. 
Secchi  Cesare  -  via  s.  Vittore  32. 
Pirovano  Luigi  -  via  Mulino  delle  Armi  ir. 
Galbiati  Agostino  -  corso  Garibaldi  20. 
Fumagalli  rag.  Costantino  -  corso  s.  Celso  i3. 
Legnani  Giacomo  -  vicolo  s.  Carlo  2. 
Bajetta  Emilio  -  via  Larga  32. 

applicati  di  3.a  classe, 

Castiglioni  Pietro  -  corso  s.  Celso  32. 
Osnaghi  Cesare  -  riparto  II,  93. 
Moja  rag.  Pietro  -  via  Capre  2 
Gandini  Giovanni  -  via  s.  Simone  16. 

Ufficio  per  l'imposta  sulla  ricchezza  mobile. 
Romussi  Pietro,  applicato  di  3.a  classe  dirigente  -  corso 
P.  Romana  5. 

Ufficio  dazio-consumo. 
Boschetti  Severo,  applicalo  di  3. a  classe  dirigente  -  via 
Campo  Lodigiano  11. 

Diurnisti. 
Tensali  Pietro  -  piazza  Vetra  26. 
Beretta  Angelo  -  via  Bottonuto  6. 
Gottlieb  Enrico  -  via  Maddalena  17. 
Rossi  dott.  Giovanni  -  via  Torino  66. 
Tizzoni  Filippo  -  riparto  VI,  3o. 
Chiappa  Guglielmo  -  corso  s,  Celso  21. 
Manenti  rag.  Giuseppe  -  vicolo  Foro  8. 

Portieri. 
Carenini  Giovanni  -  piazza  Vetra  22. 
Venegoni  Rinaldo  -  via  Chiaravalle  7. 
Pozzi  Giuseppe  -  Corpi-Santi,  riparlo  VII,  5i. 
Moroni  Pietro  -  riparlo  II,  80  A. 


l8S  AMMINISTRAZIONE 

Portieri  provvisorj. 

Rossi  Ambrogio  -  riparto  VII,  no. 

Bianchi  Luigi  -  corso  P.  Romana  120. 

Saporiti  Pietro  (casermiere)  -  piazza  s.  Stefano  io. 

PERSONALE     SANITARIO. 

Monti  dott.  Gius.,  medico-ispettore,  ec,  vedipag.  182. 
Medici-  Ch  irursh  i  Co  adotti. 


Branzoni  Ang.,  Zircone 

i.  i.u-Cl 

4.  00.,  npai 

to     I    I  1 0. 

Salomon!  Cesare     » 

2.°   - 

» 

» 

II 

3o. 

Introzzi  Francesco   » 

3.°  - 

99 

» 

II 

2. , 

Valvassori  Cesare   » 

4-°- 

99 

99 

III 

78. 

Sacchi  Gaspare       » 

5.°- 

» 

» 

V 

91- 

Patellani  Giovanni  « 

6.°- 

» 

99 

VI 

1. 

Scotìi  Francesco     » 

7-°~ 

99 

99 

VII 

17- 

Moroni  Aristide       » 

8.°- 

99 

99 

VII 

7- 

Rampoldi  Gius.       » 

9-°- 

99 

» 

Vili  20  B. 

P^eterinarj  Comunali. 

Prati  Giovanni  j  Ci  re. 

i.°  -  ce.  SS., 

riparto    1 

94. 

Eletti  Osvaldo        » 

2.°- 

y> 

» 

IV 

3o. 

Gradi  Giuseppe     » 

3.°  - 

99 

» 

VII 

i3i. 

Levatrici  Comunali. 

Moretti  Giuditta  i.a  Cond.ostet 

.-ce. 

SS. 

,  rip.  I 

IO. 

Bossi  Maddalena  2.a 

idem 

—             99 

99          II 

69. 

Marabelli  Beatr.    3.a 

idem 

—            99 

»           li 

1  10. 

Pizzi  Luigia           4»a 

idem 

—             99 

99          II 

i57. 

Bianchi  Carlotta   5.a 

idem 

—         -  » 

99        III 

33. 

Tiboni  Maddal.    6.a 

idem 

—             99 

99       IV 

38. 

N.  N.                   7-a 

idem 

Bianchi  Clelia       8.a 

idem 

«—             » 

9,        VI 

•7- 

Fusetti  Annunz.    9.* 

idem 

—             » 

99     VII 

114. 

Cislaghi  Giud.     io.a 

idem 

—             » 

99      VII 

187. 

Farina  Faustina   n.a 

idem 

—         H 

»  VIII 

34. 

I 

6. 

II 

74- 

III 

5i. 

IV 

3o. 

VI 

22. 

VII 

i3i. 

Vili 

1 1. 

Del  comune  DEt  ce.  sSé  189 

Commessi  di  Sanità  e  Cursori  Comunali. 

Biraghi   Giuseppe       -  CG.  SS.,  riparto 

Latluada  Giacinto,  ff.  —  «  « 

Lombardi  Massimiliano,  ff.  —    «  » 

Molgora  Pietro            —  »  » 
N.  N. 

Busnelli  Prospero       —  «  » 

Guzzetli  Francesco     —  »  « 

Bruschetti  Carlo         -  »  « 

Sorveglianti  annonarj. 

Lombardi  Massimiliano  -  CC.  SS.,  riparlo  III,  5i, 
Mella  Giovanni  Battista  -  riparto  Vili,  7. 
Pernico  Baldassare  -  via  Camminadella  22. 
Goglio  Giuseppe  -  riparto  II,  j5. 


Bellezza  cav.  Gio.  Batt.,  presid.,  ec,  vedi  p.  184. 
Spinelli  sac.  Domenico  -  Corpi-Santi,  riparto  II,  3. 
Sacchi  cav.  Giuseppe.,  ec,  vedi  pag.  1 36. 
Corbetta  avv.  Eugenio,  ecc.  v.  pag.   184. 
Martelletti  dott.  Gaetano,  ec,  vedi  pag.  1 85. 
Capretti  dott.  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  i85. 
Richard  cav.  Giulio  -  via  Bigli  21. 
Zuffi  dott.  Luigi  -  corso  Venezia  i4- 
Bordoli  Eufrasio  -  CC.  SS.  P.  Magenta  5o. 
Sfondrini  cav.  Achille,  ing.  architetto  onorario  -  via 

Crocifisso  7. 
Guenzati  Augusto,  applicato  di  i.a  classe  presso  l'Am* 

minislrazione  comunale,  incaricalo  delle  funzioni  di 

segretario  -  corso  Magenta  34» 
Oidi  Timoteo,  conlabile-  via  Signora  io. 

La  Congregazione  di  carità  tiene  anche  la  direzione  | 
degli  Asili  per  l'infanzia. 

Undici  sono  gli  Asili  finora  aperti  in  Comune.  Ogni 
Asilo  accoglie  gratuitamente  un  dato  numero  di  infanti 


IQO  AMMINISTRAZIONE 

d'ambo  i  sessi,  ai  quali,  oltre  alla  custodia,  s' imparte 
un'educazione  ed  un*  istruzione  appropriate  alla  loro 
età.  Essi  vi  ricevono  per  cura  della  Congregazione  di 
carità  una  sopraveste  uniforme. 

Sono  pure  istituite  presso  ciascun  Asilo  delle  scuole 
infantili  paganti,  i  cui  proventi  netti  vengono  erogati 
a  beneficio  degli  Asili  infantili  di  carila. 

Questi  Istituti  si  mantengono  col  fruito  di  parecchie 
azioni  da  L.  5o  cadauna  capitalizzate,  e  col  contributo 
delle  azioni  annue  da  L.  3  ciascuna. 

Ogni  Asilo  è  assistito  da  alcune  pie  signore  col  ti- 
tolo di  patronesse,  dai  delegati  della  Congregazione  e 
dall'  occorrente  personale  insegnante  e  sanitario. 

Asilo  infantile  Calderina 

Sobborgo   Ortolani  106. 

Aperto  il  3  aprile  1866,  fu  detto  Asilo  Calderini 
dal  nome  del  fondatore  sac.  Gaetano  Calderini,  già 
proposto-parroco  della  Santissima  Trinità. 

Direttrice. 
N.  N. 

Patronesse. 

Battaglia-Rosa  Antonietta  -  sobborgo  Ortolani  11 5. 
Crenna-Yalentini  Angiola  -  ivi  12 5. 

Ispettore. 

N.  N. 

Delegati. 

Zucca  Giuseppe  -  sobborgo  Ortolani  129. 
Bianchi  rag.  Antonio  -  ivi  106. 
Ghelfi  Luigi  -  ivi  5/j. 

W.  N. 


DEL  COMUNE  Dei  CC\  SS.  l'gt 

Asilo  infantile  Venezia. 

Sobborgo  P.    Venezia  j5. 

Inaugurato  il  7  novembre  1866,  giorno  del  solenne 
ingresso  di  S.  M.  Vittorio  Emanuele  II  in  Venezia. 

Direttrice. 
N.  N. 

Patronesse. 

Formaggia  Rachele  -  sobborgo  P.  Venezia  89. 
Martinelli  Giuseppina  -  via  s.  Giuseppe  5. 
Redaelli-Cattaneo  Amalia  -  sobborgo  P.  Venezia  5j. 
Gallotti-Sacchi  Carolina  -  ivi  91. 

Ispettore. 

Mazzoleni   sac.  Giovanni,  proposto-parroco  di  santa 
Francesca  Romana. 

Delegati. 

Cattaneo  rag.  Pietro  -  sobborgo  P.  Venezia  94. 
Rusmini  Francesco  -  ivi  y'ò. 
Formaggia  Carlo,  ec,  vedi  pag.  1  y4- 

Asilo  infantile  Roma. 

Sobborgo  P.  Romana  88. 

Venne  aperto  il  i.°  dicembre  1866. 
Direttrice. 
Nava-Migliavacca  Carolina  -  sobborgo  P.  Romana  9$. 
Patronesse. 

Brusche  Iti- Valvassori  Giuseppina  -  ivi  88. 

N.  N. 

Ispettore. 

Buzzoni  sac.  Pietro,  proposto-parroco  di  s.  Rocco  - 
CC.  SS.  P.  Romana  42« 


igi  AMMINISTRAZIONE 

Delegati. 

Perelli  Cippo  Pasquale  -  piazza  Duomo  25. 
Fasana  Luigi  -  sobborgo  P.  Ptomana  i. 
Biella  Alessandro  -  riparto  HI,  43. 

Asilo  infantile  Cagnola. 

CC.  SS.  P.   Tenaglia 3  frazione  della  Cagnola  21 3. 

Venne  aperto  il  12  maggio  1867. 

Direttrice. 

Volpi  Maria  -  corso  Porta  Romana. 

Patronesse. 

Balestrini-Sommaruga  Maria  «  via  Lauro  8. 
Reina  Gaetanina  -  alla  Gagnola. 
Volpi  Serafina  -  alla  Cagnola. 

Ispettore. 
Reina  sac.  Natale,  proposto-parroco  della  Cagnola. 

Delegati. 

N.  N.  -  N.  N. 

Asilo  infantile  Principe  Amedeo. 

Ripa  di  Porta    Ticinese  6. 

Aperto   il    3o    maggio    1867,  giorno    delle    nozze 
di  S.  A.  R.  il  Principe  Amedeo  duca  d'Aosta. 

Direttrice. 
Garbagnati-Frua  Teresa  -  riparto  •  I,  3o. 

Patronesse. 

Raimondi-Romanoni  Tecla -riparto  I,  i35. 
Valerio  Leopoldina  -  via  s.  Orsola   1. 
Mussi-Cuzzi  Carolina  -  riparto  I,  47* 


DEL  COMUNE  OE!  CC.  SS.  IqZ 

Ispettore. 

BottJgelli  Carlo  -  Ripa  ia. 

Delegati. 

Frua  Giovanni  Battista  -  riparto  I,  3o. 

Cirla  Antonio  -  riparto  I,  $7  A. 

Chiappa  sac.  Giuseppe  >  proposto-parroco  di  s.  Maria 

al  Naviglio. 
Curletti  Pietro  -  riparlo  I. 
Rotta  Giuseppe  -  Darsena  P.  Ticinese  96.  B. 

Asilo  s.  Cristoforo. 

CC.  SS.  P.  Ticinese,  riparto  I. 

Venne  aperlo  il  giorno  i5  aprile  1868. 

Direttrice, 

Richard  Eugenia  -  nel  locale  dell'asilo. 

Patronesse. 

Rossi  Clara  -  Cascina  Maggiona. 
Pozzi  Paolina  -  s.  Cristoforo. 
Subbiaghi  Maria  -  ivi. 

Ispettore. 

Dragoni  Giovanni  -  nel  locale  dell'asilo. 

Delegati. 

Soncino  Domenico  •  nel  locale  dell'asilo. 
Rossi  Carlo  -  ivi. 

Asilo  Tre  Ronchetti. 

CC.  SS.  P.   Ticinese,  riparto  IT,  frazione  dei  Tre  Ronchetti* 

Venne  aperto  il  giorno  3o  aprile  1868. 

Direttrice. 

Strada  Maria  -  Tre  Ronchetti  161  • 

Guipa  1871  —  i3 


1C)4  AMMINISTRAZIONE 

Patronesse. 

Silva  Adelaide-  Tre  Ronchetti  i6i. 
Majerna  Giuseppa  ved.  Busca  -  ivi. 
Melone  Garbagnati  Giovanna  -  ivi. 

Ispettore. 

'Silva  sac.  Bortolo,  parroco  dei  Tre  Ronchetti. 

Delegati. 

Garbagnati  Giuseppe  -  Tre  Ronchetti. 
Movio  Dionigi  -  ivi. 

Asilo  Rottole. 
CC.   SS.   P.    Venezia. 

Aperto  il  i5  giugno  1868,  festa  dello  Statuto. 

Direttrice. 

N.  N. 

Patronesse. 

Giussani  Eurosia  -  Mulino  nuovo. 
Frontini  Rachele  -  Turro.  « 

Veis  Margherita  -  Gorla  i.° 

Ispettore, 

Fossati  sac.  Gaspare,  parroco  di  Turro. 

Delegati. 

Beretla  Fermo  -  Cascine  Rottole. 
Scaletti  Battista  -  Turro. 

Asilo  Magenta. 

CC.  SS.  P.   Magenta  17  A. 

Venne  aperto  il  3o  novembre  1868. 
Direttrice. 
Castoldi  Rachele  veci,  Ferrari  -  sobborgo  P.  Magenta  3, 


DEL    COMUNE   DEI  CC.   SS.  ig5 

Patronesse», 

Faini  Carolina  -  sobborgo  P.  Magenta  26. 
Bordoli  Antonietta  ved.  Oldriui  -  ivi  So. 
Maderna-Menni  Clotilde  -  ivi. 

Serbelloni  contessa   Maria  ved.  Crivelli  -  via  Durini. 
Villa  Marielta  -  CC.  SS.  P.  Magenta  9. 

Ispettore, 

Zirotti  sac.  Francesco,  proposto-parroco  di  s,  Pietro 
in  Sala. 

Delegati. 

Villa  Luigi  -  vedi  pag.  184. 

Casati  Angelo  -  sobborgo  P.  Magenta  i5i. 

Bordoli  Eufrasio  •  ivi  5ò. 

Asilo  s.  Gottardo. 

CC,  SS,  P,  Ticinese  l5. 

Inaugurato  il  giorno  29  marzo  1870. 

Direttrice, 
Prada  Gaetanina  *  via  s.  Paolo  i, 

Patronesse. 

Nasoni-Bolge  Carolina  -  riparlo  II,  47» 
Bonacina  Luigia  -  riparto  lì,  71, 
Gerosa-Lovati  Carolina  -  riparto  II,  37, 

Ispettore. 
Guscetti  Ambrogio  -  riparto  li,  7, 

Delegati. 

Sfondrini  Adamo  -  riparto  II,  74. 
Romanoni  Carlo  -  riparlo  II.  12. 
Cellari  Pietro  -  riparto  II,  1  3. 
Lazzati  Giovanni  -  riparto  II,  60, 


ig6  AMMINISTRAZIONE 

Capelli  Domenico  -  riparto  II,  11 1  A. 
F raschini  Antonio  -  riparto  II,  160. 
Galimberti  Felice  «  riparto  li,  80. 

Asilo  Vittoria. 

CC.  SS.  P.    Vittoria   3o. 

Inaugurato  il  5  giugno  1870, 
Direttrice. 
Montanelli* Cremona  Luigia  -  riparlo  IV,  3o. 
Patronesse. 

Cerri-Manzoni  Clementina  -  riparto  TV,  55. 

Rea  lini-Ravanelli  Angiolina  -  riparto  IV,  via  Palestro  2. 

Brera-Gattini  Maddalena  -  riparto  IV,  1. 

Ispettore. 

Pogliani  sac.  Giorgio  -  via  Signora  io. 

Delegati. 

Fumagalli  sac.  Paolo,  proposto-parroco  di  Calvairate. 

Manzoni  Gaetano  -  riparto  IV,  48. 

Baldoli  Giovanni  -  riparto  IV,  *2. 

Cremona  Giovanni  -  riparto  IV,  3o. 

Bettonica  Severino  -  riparlo  IV,  38. 

Dubini  Angelo  -  riparto  IV,  4« 

Sono  pure  amministrate  dalla  Congregazione  le  se- 
guenti Opere  Pie: 

Causa  pia  Cavour  —  fondata  nell'anno  i86a  per  opera 
del  Comune  e  di  diversi  benefattori,  allo  scopo  di 
sussidiare  le  madri  povere  allattanti  la  propria  prole. 

Causa  pia  Talamona  —  (ondala  nel  186Ò,  le  cui  rendite 
sono  da  erogarsi  in  due  doli  a  favore  di  nubende 
povere  della  parrocchia  di  s,  Maria  del  Naviglio. 


DEL  COMUNE  DEI  CC.   SS.  1QJ 

Causa  pia  Ponzone  —  passata  in  amministrazione  della 
Congregazione  nel  1  868,  i  cui  redditi  sono  destinati 
per  sei  annui  assegni  dotali  a  favore  di  povere  fan- 
ciulle delle  parrocchie  di  s.  Gottardo  e  di  s.  Maria 
del  Naviglio  e  per  sussidii  straordinari  ai  poveri  di 
dette  parrocchie. 

COMMISSIONE    TER    LE    SCUOLE    COMUNALI. 

Zucchi  doli.  Augusto,  m,  delegato  mandamentale  per 

l'istruzione  elementare  -  via  s.  Orsola  6. 
Chiapponi  dolt.  Pietro,  ec. ,  vedi  pag.  1 44- 
Osnago  ing.  Cesare,  ec  ,  vedi  pag.  i  58. 
Corbella  dolt.  cav.  Carlo  -  via  s.  Vicenzino  12. 

ISPETTRICI    DELLE    SCUOLE   FEMMINILI. 

Crenna-Valentini  Angiola  -  riparto  VII,  iiS. 
Biffi- Vitlone  Amalia  -  sobborgo  Ortolani  120. 
Formaggia  Rachele  -  riparlo  V,  89. 

COMMISSIONE   D* ORINATO. 

Bonzanini  ing.  Alessandro,  ^  -  via  s.  Agnese  5.     , 

Combi  ing.  Enrico  -  via  Boschetti  6. 

Osnago  ing.  Cesare,  predetto. 

Sfondrini  ing.  cav.  Achille,  ec,  vedi  pag.  176. 

COMMISSIONE    SANITARIA 

(presieduta  dal  Sindaco) 

Zirotti  dott.  Francesco,  ec,  vedi  pag.  184. 

Formaggia  Carlo,  ec,  vedi  pag.   j  85. 

Sfondrini  ing.  cav.  Achille,  ec,  vedi  pag.  189. 

Moroni  dott.  Ercole  -  sobborgo  P.  Venezia  69. 

Osnago  ing.  Cesare,  predetto. 

Frua  dott.  Carlo,  ec,  vedi  pag.   184. 

Monti  dott.  Giuseppe  -  via  Crocifisso  li. 


I98  AMMINISTRAZIONE   DEL  COMUNE  DEI  CC    SS. 

COMMISSIONE    DI    SINDACATO 
SUI    REDDITI    DI    RICCHEZZA     MOBILE 

Capretli  dott.  cav.  Giuseppe,  presi  ri  ente,  vi  a  s.  Zeno  7. 

Membri  effettivi  governativi. 
Agnelli  avv.  Gaetano  -  via  Chiaravalle  6. 
Lovati  avv.  Francesco  -  via  s.  Antonio  3. 
Biella  Alessandro  -  riparto  III,  46. 

Comunali. 

Ferrari  Francesco  -  riparto  Vili,  3. 
Bellezza  dott.  Francesco  -  riparto  VI,  2  3. 

Membri  supplenti  governativi. 
Brunoli  Lorenzo  -  riparto  V,  122. 
Grondona  Felice  -  via  s.  Vito  i3. 
Ajraghi  dott.  Carlo-  corso  Magenta  ^1. 
N.  N. 

Comunali. 
Medea  Evarislo  -  riparlo  II,  i35. 
Perelli-Cippo  Pasquale  -  piazza  Duomo  25. 

GIUNTA    DI    STATISTICA 

Castiglioni  Ermenegildo,  ec,  vedi  pag.   184. 
Martinelli  ing.  Tullio  -  via  Monte  Napoleone  18. 
Agnelli  avv.  Gaetano,  ec. ,  vedi  pag.    178. 
Bonzanini  ing.  Emanuele,  ^,  %■  -  via  s.  Agnese  5. 
Terruzzi  ing.  Ercole,  ec,  vedi  pag.  184. 
Capretti  cav.  dott.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  1 85. 
Zirotti  dott.  Francesco,  ec,  vedi  pag.  184. 

COMMISSIONE    DI    VIGILANZA 
DEL    PRESTITO    COMUNALE     1860. 

Cornetta  avv.  Eugenio,   ec,  vedi  pag.   184. 
Zirotti  dott.  Francesco,  predetto. 
Richard  cav.  Giulio,  idem,  ec,  vedi  pag.   189. 
Taveggia  rag.  Gaetano,  ec,  vedi  pag.  184. 


'99; 

GUARDIA  NAZIONALE  DEI  CORPI-SANTI. 

La  Guardia  Nazionale  dei  Corpi-Santi,  già  composta 
d'una  legione  di  4  battaglioni,  con  decreto  reale  7  set- 
tembre i865  venne  sciolta  per  essere  ricostituita  in 
una  legione  di  soli  due  battaglioni. 

Colonnello  comandante  la  Legione. 

Bellezza  cav.  Giovanni  Battista.,  ec.>  vedi  pag.   184.    ». 

Capitano  ajutante  maggiore  in  i.° 

Schenini  Edvige  -  via  Quadronno  3. 

Chirurgo  maggiore  in  i.° 

Monti  dott.  Giuseppe  -  via  Crocifisso  9. 

Capitano  d' armamento. 

Sfondrini  ing.  cav.  Achille,  ec,  vedi  pag.  189. 

Ufficiale  pagatore. 

Taveggia  rag.  Gaetano,,  ec,  vedi  pag.  184. 

I.  Battaglione. 

Ferrari  Francesco,  maggiore,  sobborgo  P.  Magenta  t. 
Salari  nob.  Carlo,  ajutante  maggiore  in  2.°-viaPiop- 
pette  3o. 

Chirurgo  maggiore  in  2.0 

Martelletti  dott.  Gaetano  -  riparto  II,  6. 
Casati  Angelo,  sottotenente  porta-bandiera,  sobborgo 
P.  Magenta  1 45. 

Capitani  delle  Compagnie. 
i.a  Invernizzi  Antonio  -  sobborgo  P.  Magenta  8. 
2.a  Porta  Domenico  -  sobborgo  P.  Ticinese   1 83. 
3.a  N.  N. 
4»a  Fasana  ing.  Angelo,  ec,  vedi  pag.  186. 


206  GUARDIA  NAZIONALE  DEI  CC   SS. 

Consìglio  di  disciplina. 
Bellezza  dott.  Francesco,  capitano  relatore  -  sobborgo 

P.  Garibaldi  23. 
Rotta  Giuseppe,  luogotenente  agg.  relatore  -  sobborgo 

P.  Ticinese  97. 
Bruschetti  rag.  Paolo,  luogoten.  segr.,  ec.,  vedi  p.  184. 
K.  N. 

II.  Battaglione. 
Lanza  Agostino,  maggiore  -  sobborgo  Ortolani  i5. 
Fumagalli  Alessandro,  ajutante  magg.  in  2.0  -  sobborgo 

P.  Ticinese,  rip.  I,  78 

Chirurgo  maggiore  in  2.0 
Patellani  dott.  Giovanni  -  riparto  VI,  1. 
Guanziroli  Antonio,  sottotenente  porta-bandiera  -  sob- 
borgo Ortolani  52. 

Capitani  delle  Compagnie. 
5.§  Mauri  Carlo  -  sobborgo  P.  Venezia  9^. 
6.a  Molteni  Luigi  -  sobborgo  P.  Garibaldi  17 
7.*  Sommaruga  Giuseppe  -  sobborgo  Ortolani  119. 
8.*  Bianchi  rag.  Antonio  -  sobborgo  Ortolani  107. 

Consiglio  di  disciplina. 
Sommaruga  avv.  Giuseppe,  capit.  relat.  -  via  Lauro  9. 
Melzi  Giuseppe,  luogotent.  agg.  rei.  -  rip.  II,  2. 
Fregulia  Carlo,  luogotenente  segretario  -  sobborgo  P. 

Garibaldi  9. 
Rusmiui  rag.  Francesco,  sottotenente  agg.  segretario  - 

sobborgo  P.  Venezia  73. 

Consiglio  d'Amministbazione. 
Bellezza  cav.  Gio.  Batt.,  colonn.  presidente,  predetto. 
Lanza  Agostino,  magg.  del  2.0  battaglione,  predetto. 
Porla  Domenico,  capit.  della  2.a  compagnia,  predetto. 
Bruschetti  rag.  Paolo,  luogotenente,  predetto. 
Cartis  Romeo,  sergente  nella  5.a  compagnia  •  sobborgo 

P.  Venezia  8. 
N.  N.  -  «.  N. 


201 

QUESTURA  DELLA  CITTA*  E  DEL  CIRCONDARIO 
DI  MILANO 

{Via  s.  Margherita  18.) 

Questore, 
Cossa  avv.  Edoardo,  ì%,  #  -  nel  locale. 

Ispettore  di  Questura. 
Confalonieri  doti.  Oreste  -  nel  locale. 

Ispettore  di  ia  classe. 
Patuzzi  nob.  Pier  Angelo  -  nel  locale. 

Ispettore  di  2.a  classe. 
N.  N. 

Delegali  di  1  .*  classe. 

Tajelti  doli.  Enrico  -  via  Lanzone   i5. 
Piccinelli  Attilio  -  via  s.  Simone  12. 
Ballarati  dott.  Carlo  -  nel  locale. 
Turri  Pietro  -  vìa  Chiosetto  16. 
Anelli  Ettore  -  via  Ciovasso  17. 

Delegati  di  2.*  classe. 

Canevari  dott.  Giovanni  -  nel  locale. 

Biraghi  dolt.  Enrico  (in  sussidio  alla  Prefettura)  -  vìa 

Durini  32. 
"Vismara  Baldassare  -  via  Stella  3i. 
Limonta  Luigi  -  via  Orli  33. 
Robiati  Francesco  -  sobborgo  s.  Gottardo  74» 

Delegati  di  3.a  classe. 

Tacchini  Felice  —  via  s.  Simone  12. 
Barozzi  Iginio  -  via  Spiga  24. 
Cavaleri  Odoardo  -  CG.  SS.  P.  Garibaldi  1. 
Pozzi  Giuseppe  -  nel  locale. 


202  QUESTURA 

Knoller  Alessandro  -  vìa  Ospitale  34- 
Sarchiotti  Raffaele  -  via  Solferino  i. 
Bonola  dott.  Federico  -  corso  Magenta  55. 

Applicati 

Gilardi  Gerolamo  -  via  Quadronno  2. 
Albani  avv.  Attilio  -  via  Meravigli  9. 
Gatti  rag.  Giuseppe-  via  Broletto  i5. 
Barenghi  Giacobbe  -  via  Lentasio  7. 
Dolcini  Gaetano  -  via  Lanzone  t. 
Fiando  Santino  -  via  Arcimboldi  2. 
Cavalletti  Luciano  -  corso  P.  Nuova  4o. 
Tornaghi  Alfonso  -  corso  Veuezia  38. 
Campiglio  Gerolamo  -  corso  P.  Romana  65. 
Cicognani  Pio  -  via  Montebello  2. 
Faconti  Vittorio  -  via  Passarella  9. 
Arrighi  Massimo  -  corso  Garibaldi  5j. 
Fanciullacci  Lodovico,  applicato  -  sobborgo  P.  Ga- 
ribaldi 24  B. 

Medico  dì  ufficio* 
Corvi  dott.  Pietro  -  via  Giardino  41» 


UFFICI  DI  SEZIONE  DI  SICUREZZA  PUBBLICA 


INELL    INTERNO    DELLA  CITTA  . 
Sezione  I. 

(  Via   Pont  accio   IQ.) 

Poma  dott.    Giovanni,    delegato  di    2.a  classe   •    via 

Torino  38. 
Colombi  Serafino,  applicato  -  via  Lanzone  3i. 


UFFICI  DI   SICUREZZA   PUBBLICA  2o3 

Sezione  II. 

(Piazza  s.  Fedele   3.) 

Combi  dott.  Francesco,   ispettore  eli  2. a  classe  -  via 

Monforte  26. 
Ferrandi  Tommaso,  delegato  di  3.a  classe  -  via  Larga  23. 
Bourne  Saverio,  applicato  -  via  s.  Sisto  3. 

Sezione  III. 

'    (Via   Cerva    l/[.) 

Formenti  dott.  Attilio,  delegato  di    i.a  classe  e  diri- 
gente -   nel  locale. 

Simonetti  Francesco,  delegato  di  3.a  classe  -   via  s. 
Pietro  in  Gessate  28. 

Canziani  Pasquale,  delegato  di  3.a  -  CC.  SS.  P.  Ga- 
ribaldi 2  A. 

Sezione  IV. 

(Corso    P.   Romana  98.) 

Locateli!  dott.  Paolo,  ispettore  -  nel  locale. 

De  Andrea  Angelo,  delegatodi  3.a classe  -  via  Orti  3i. 

Maffei  Antonio,  applicato  -  nel  locale. 

Sezione  V. 

(Via  s.  Simone  12.) 

De  Angelis  Domenico,  ispettore  -  nel  locale. 
Vigna  Lnigi,  delegato  di  3.a  ci.  -  via  Stella  21. 
Longari  dott.    Giulio,  applicato  -  via  Fate-bene-fra- 
telli i5. 
Sala  Luigi,  applicato  -  piazza  s.  Maria  Valle  4* 

Sezione  VI. 

(Via   Terraggio  40 

Cesati  dott.  Francesco,  ispettore  -  via  s.  Marta  4- 
Magistrelli  Luigi,  deleg.  di  2.acl.  -via  Cappuccio  19. 
Chieppi  Luigi,  delegato  di  3.»  ci.  -  CC.  SS.  P.  Ma- 
genta 12  A. 


204  DfflCI  DI  SICUREZZA  PUBBLICA. 

all'  esterno  della  citta'. 
Sezione  VII. 

(Sobborgo  (irgli  Ortolani  27.) 

Barosi  avv.  Alessandro,  ispettore  -  nel  locale. 
Gnocchi  dott.  Luigi,  deleg.  eli  2.a  ci.  -  via  Solferino  ia. 
Messa  Achille,  delegato  di  3.*  classe. 

Sezione  Vili. 

(Sobborgo  s.    Gottardo  68.) 

Busnè  Alessandro,  ispettore  di  *2>  ci.  -  nel  locale. 
Colombo  Gelso,  delegato  di  3.a  classe  -  Darsena  di  P. 

Ticinese. 
Iuppolato  Antonio,  applicato  -  ripa  di  P.  Ticinese. 

Delegazione  di  P.  S.  alla  Stazione  della  Ferrovia. 

Petit  Giulio,  delegato  di  2.a  cl.-CC.  SS.  P.  Nuova. 
Tagliaferri  Giuseppe,  applicato  -  CC.  SS.  P.  Nuova  5o. 


COMPAGNIA 
DELLE  GUARDIE  DI  PUBBLICA  SICUREZZA 

Candiani  Angelo,  comandante  -  nel  locale  di  Questura. 

— S>£&3«&- 

REGIA  DIREZIONE 
DELLE  CARCERI  GIUDIZIARIE  DI  MILANO 

(Piazza  Fontana   l8.) 

Fassa  Pietro,  direttore  -  piazza  Fontana  18. 
Lemerre  Ignazio,  vice-direttore. 
Crosio  Carlo,  applicato. 

Tarchini  Bonfnnti  dott.  cav.   Antonio,  ufficiale  sani- 
tario -  via  Fontana  20. 


REGIA   DIREZIONE   DELLE   CARCERI  2o5 

Tassani  doti.  Gustavo.,  ufficiale  san.  -  via  s.  Antonio  20. 
Nardi  doli.  Francesco,  idem  -  via  Cerva  6. 
Negri  sac.  Gius.,  cappellano  -  canonica  di  s.  Stefano. 
Gioja  sac.  Domenico,  idem  -  via  Lentasio  5. 
Spagliardi  sac.  Giovanni,  $fè,  idem  -via  Quadronno  4^> 


COMMISSIONE  YISITATRIGE  DELLE  CARCERI. 

Il  Sindaco  di  Milano,  presidente. 

Il  procuratore  del  Re. 

Biffi  dott.  Serafino,  %  -  corso  s.  Celso  3i. 

Spagliardi  sac.  cav.  Giovanni,  predetto. 

Lucini  nob.  avv.  Erasmo  -  via  Giardino  4>« 

Fano  cav.  dott.  Enrico,  assessore  comunale.,  delegato 

alla  presidenza. 
Ghislanzoni  sac.  Giuseppe,  proposto-parroco  di  s.  Stefano. 
Nardi  sac.  Paolo,  idem  di  s.  Nazaro. 
Nava  sac.  Giovanni,  idem  di  s.  Vittore. 
N.  N.,  idem  di  s.  Fedele. 


REGIA  CASA  DI  PENA. 

[Via   Par  ini   2.) 

Zola  Enrico,  cav.  direttore  -  nel  locale. 

Brocchieri  Giuseppe,  ispettore-economo  -  nel  locale. 

Signorini  Augusto.,    conlabile  di  cassa  -  via  Caslelfi- 

dardo  io. 
Zanotti  Aless.,  segretario  -  piazza   Filodrammatici  2. 
Gazzani  Cesare,  applicato  -  via  Castelfidardo  2. 
Garrone  sac.   Celestino,  cappellano  -  nel  locale. 
Garavaglia  doti.  Bartolomeo,  ^  e  cav.  della  Legion 

d'onore,  medico-chirurgo  -  via  Bigli  21. 
Osio  dott.  Carlo,  medico-chirurgo  -  via  s.  Spirito  12. 


206 

CONSORZJ  PER  UTENZA  D'  ACQUE 


CONSORZIO  DEGLI  UTENTI  DEL  FIUME  OLONA 

(  Via  Gin  Unì  3.) 

Durini  avv.  conte  Giulio,  amministratore*  corso  Vene- 
zia i"4« 

Visconti  di  Modrone  duca  Raimondo,  amministrato- 
re, ec,  vedi  pag.  1 45. 

Besozzi  conte  Alberto,  idem  -  via  Borgo  Spesso  19. 

Molina  Luigi,  idem  -  via  Clerici  4« 

Della  Rocca  rag.  Luigi,  ide/n- via  Monte  Napoleone  18. 

Rossi  ing.  Emilio,  idem  -  via  Senato  38. 

Ponti  Andrea,  $fè,  idem  -  via  Bigli  11. 

N.  N.,  idem. 

N.  N.,  idem. 

Clerici  dott.  not.  Fabrizio,  cancelliere- via  s.  Tomaso  6. 

Vezzoli  ing.  Vittore,  ingegnere  dei  Consorzio  -  corso 
Venezia  54 . 

Riva  Finolo  nob.  ing.  Cesare,  cassiere  -  via  Cernaja  7. 

Pedetti  rag.  Alessandro,  ragioniere  del  Consorzio  -  via 
Monforte  3j. 


CONGREGAZIONE  DEL  SEVESE 

Decio  cons.  dott.  Angelo,  uff.  0,  presidente  •  via  Cu- 

sani  16. 
Brocca  corani.   Luigi,  delegato  consorziale,  ec,  vedi 

pag.  117. 
Brhio  march.    Giacomo,    idem,   ec,  vedi   pag.  116. 
Marocco  ing.  Alessandro,  idem  -  via  Amedei  7. 
Besana  ing.  Carlo,  idem,  ec,  vedi  pag.  i45. 
Litta  Modignani  march.  Lorenzo,  idem,  ec,  v.  p.  i58. 
Prinetti  cav.  Carlo,  idem  -  via  Amedei  8. 
Taverna  conte  Paolo,  comm.  ^  idem,  ec,  v.  pag.  129. 
Vassalli  Ceruti  Pietro,  idem  -  via  s.  Pietro  all'  Orto  7. 


CONSORZI  PER  UTENZA  D  ACQUE  20^ 

Marietti  Carlo,  del.  consorziale  -  piazza  s.  Sepolcro  2. 

Melzi  nob.  Diego,  idem  -  via  Monte  Napoleone  56. 

Padulli  conte  Gerolamo,  idem  -via  Monte  Napoleone  28. 

Mezzanotte  ing.  Carlo,  idem  -  via  s.  Calimero   i5. 

Guenzali  dott.  Filippo,  ^,  cancelliere  -  via  s.  Paolo  i3. 

Righetti  ing.  Giuseppe,  ingegnere  -  via  Moneta  1. 

Colombo  rag.  Flaminio,  ragioniere  e  protocollista-spe- 
ditore, ec,  vedi  pag.  148 

Giussani  rag.  Pietro,  cassiere  ed  incaricato  pei  trasporti 
-  via  Bossi  2. 

Baj  Antonio,  assistente  ai  canali  -  via  Lanzone  43. 

Lecchi  Luigi,  inserviente-cursore  -  via  Crocifisso  19, 


CONGREGAZIONE  DELLA  FOSSA  INTERNA 

Sorniani- Andreani  conte  Alessandro,  prefetto  -  corso 

P.  Vittoria  2. 
Aìlocchio  dott.  cav.  Stefano,  cancelliere  -  via  Gesù  7. 
Tarra  Gaetano,  ingegnere  -  via  s.  Maria  Valle  5. 
Repossi  cav.  Luigi,  ragioniere,  incaricato  dei  trasporti 

-  via  Pantano  4« 
Legnani  rag.  Felice,  cassiere  -  Verziere  20. 


DELEGAZIONE  DEGLI  UTENTI 
DEL  NAVIGLIO  MORTO 

Valentini  ing.  Antonio,  presidente  -  via  Brera  29. 
Crivelli  nob.  Vitaliano,  delegalo,  ec,  vedi  pag.   1 43. 
Gonzales  Pietro,  idem  -  via  Brera  19. 
Medici  ing.  Giacomo,  ingegnere,  cancelliere  ed  inca- 
ricalo dei  trasporti  »  via  Moscova  38. 
N.  IN.,  cassiere. 


208  CONSOJIZJ  PER  UTENZA  d'àCQU£ 

CONSORZIO  DI  MUZZA  MILANESE 

Litta  Modignani  march.  Girolamo,  presidente  -   via 

Passarella   i  o. 
Belgiojoso  conte  Giuseppe,  vice-presidente  -  via  Lan* 

zone  2. 
Lamperti  avv.  Giuseppe,  cancelliere  -  via  Pantano  17. 
Ferrano  rag.  Carlo,  ragioniere  -  via  Spiga  i3. 
Fasanotti  rag.  Giuseppe  Andrea,  cassiere  -  via  Passa* 

rella  io. 

DELEGAZIONE  DELLA  ROGGIA  VETTABBIA 

(L'Ufficio  risiede  presso  la  Congregazione  di  Carità 
via   O/metto  6.) 

Mira  ing.  Carlo,  ^,  quale  rappresentante  della  Con- 
gregazione di  Carità,  presidente  -  via  Stella  i5. 

Citterio  rag.  Antonio,  quale  procuratore  del  sig.  Na- 
soni Vincenzo,  delegato  -  Verziere  20. 

Guzzeloui  ing.  Edoardo,  delegato  -  via  Olrnetto  i4- 

Belgiojoso  conte  Giuseppe,  predetto,  idem. 

Chiappa  Giuseppe,  idem  -  corso  s.  Celso  6. 

Comaschi  avv.  Carlo,  cancelliere,  ec,  vedi  pag.  ij3. 

Bosoni  ing.  Girolamo,  ingegnere  -  via  Cappuccio  i4« 

Marazzani  rag.  Giacomo,  ragioniere  -  via  Cappuccio  j. 

Moretti  Angelo,  cassiere  -  via  Broletto  16. 

Gargioni  Angelo,  Luigi  e  Giuseppe,  campari  dei  tre 
tronchi  della  Vettabbia  -  a  Vigentino. 


DELEGAZIONE  DEL  CAVO  REDEFOSSI 

(LJ  Ufficio  risiede  presso  la  Congregazione  dì  Carità 
via   Qlmetto  6.  ) 

D'Adda  nob.  Carlo,  comm.  %,  -fc,  senatore  del  Regno, 

presidente  -  via  Giardino  45. 
Taverna  conte  comm.  Paolo,  vice-presidente,  ec,  vedi 

pag.  129. 


CONSORZI  PER  UTENZA  D  ACQUE        20g 

11  Consiglio  degli  Istituti  Ospitalieri,  vice-presidente.- 
Taccioli  cav.  Gaetano,  idem  -  via  Pantano  i. 
Venini  cav.  Eugenio,  senatore  del   Regno,  delegato, 

ec,  vedi  pag.   1  45. 
Greppi  noi).  Antonio,  idem  -  via  s.  Maurilio  17. 
Salvini  Guglielmo,  idem  -  via  Crocifisso  6. 
Beigiojoso  conte  Giuseppe,  idem,  ec,  vedi  pag.  208. 
Riboni  dott.  Luigi,  ^  cancelliere  provv.  -  via  Amedei  6. 
Cereda  ing.  Carlo,  ^,  ^,  ingegnere  -  via  Oriani  7. 
Pirotta  rag.  Francesco,  ragioniere  e  archivista  -  piazza 

s.  Ambrogio  i/}. 
Ferrano  rag.  Pietro,  cassiere  -  via  Unione  5. 


DELEGAZIONE  DEGLI  UTENTI  DEL  BOZZENTE, 
GRADALUSO  E  FONTANILE  DI  TRADATE 

Cornaggia-Medici  nob.  Gio.,  ff.  di  presidente  •  via 

Cappuccio  2  1. 
Ristori  avv.  Giov.  Batt.,  delegato  *  via  s«  Eufemia  2.  ' 
Venegoni  Timoleone,  idem  -  Uboldo. 
Colombo  Giuseppe,  idem  •  Gerenzano 
Morandi  ing.  Giovanni,  idem  -  Uboldo* 
De  Bernardi  rag.  Luigi,  idem  -  via  Senato  26. 
Brivio  nob.  Gabrio,  notajo  cancelliere  -  via  Circo  14* 
Tarra  ing.  Gaetano,  ing.  provv.,  ec,  vedi  pag.  207. 
Pirotta  rag.  Francesco,  predetto,  ragioniere. 
Ferrano  rag.  Pietro,  predetto,  cassiere. 
Tagliabue  ing.  Alfonso,  ispettore  forese  -  Mozzate. 

CONSORZIO  DELLA  GORA  MOLINARA 
NELLA  TALLE   DEL  TICINO. 

La  Congregazione  di  Carità  di  Milano,  presidente. 

Parraviciui  nob.  Ippolito,  delegato  -  Tornavento. 

Bonomi  ing.  Giovanni,  idem  -  Gallarate. 

Banfi  Felice,  idem  -  Rhò. 

Biffi  Giuseppe,  idem  -  via  Rugabella  19. 

Guida  1871  —  i4 


liù  CONSORZJ  PER  UTENZA  ù' ACQUE 

Tarelli  rag.  Raffaele,  cancelliere  -  via  Solferino  7. 
Vigevano  Francesco,  regolatore  -  Tornavento. 
Bottini  Carlo,  camparo  -  Lonate  Pozzolo. 


CONGREGAZIONE  DEL  NAVIGLIO  LANGOSCO. 

Rocca  Saporiti  conte  Apollinare,  marchese  della  Sfor- 
zesca, G.  U.  %$,  G.  C.  d'altri  ordini,  ec, presidente - 
corso  Venezia  56. 

Forni  rag.  Luigi,  amministratore  delle  nobili  sorelle 
Busca,  vice-presidente  -  via  Bigli  5. 

Lanfranchi  dott.  Vincenzo,  per  l'Ospedale  civico  e 
LL.  PP.  uniti  di  Pavia,  delegato  -  Pavia. 

Strada  dolt.  cav.  Pietro,  deputato  al  Parlamento,  idem  - 
Scaldasole  (Lomellina). 

Bellerio  nob.  Luigi,  idem  -  via  s.  Damiano  3o. 

Peroni  ing.  Filippo,  regolatore  -  Vigevano. 

Leoni  rag.  Pietro,  cancelliere  e  ragioniere  -  corso  Porta 
Nuova  36, 

Dei  Corno  Alessandro,  cassiere  •  via  Vigna  1. 


frtaóéfec&k^ 


21  I 


CORTE   D'APPELLO. 

{Via   Clerici  5.) 

Pi  im o   Pi -esiden te . 

Sighele  nob.  Scipione  di  Rupe  Vittoria,  comm.  %-, 
G,  U.  ^,  senatore  del  Regno,  socio  dell'Ateneo  di 
Brescia  e  dell'Accad.  scientifico-letteraria  di  Rove- 
reto -  via  Monforte  3o. 

Presidenti  di  Sezione. 

Maggi  dott.  Giuseppe,  uff.  %,  %■  -  via  Lauro  g. 
Prestinari  dolt.  Antonio,  uff.  >||.  -£  -  p.a  s.  Ambrogio  i  o. 

Consiglieri. 

Urgnani  Benedetto,  |||,  -)f  -  corso  Venezia  36. 
Sertoli  nob.  dott.  Francesco,  fjff$£.  ^  -  via  ffigli  5. 
Martinelli  Gio.  Battista,  $%,  -*  -  via  Monforte  34- 
Calonga  dott.  Giacomo,  |||  -  via  s.  Marta  20. 
Pagani  doti.  Pietro,  $fè  -  via  Guastalla  5. 
Campi  Giovita,  ^  -  via  Spiga  33# 
Cavalli  Virginio,  ^,  -#-  -  via  Monforte  14. 
Pavesi  dott.  Giovanni,  |||  -  corso  s.  Celso  27. 
Paribelli  nob.  dolt.  Gian  Giac,  ^,  ^  -  via  Chiara  valle  7. 
Ponzoni  Francesco,  ^,  J£  -  via  s.  Antonio   14. 
Cassina  Antonio,  ^  -  via  s.  Spirito  24. 
Caravaggio  Pietro,  ^  -  via  Monforte  11. 
Zonca  doti.  Giacomo,  0,  -)f  -  via  Manin   1. 
Beretta  dott.  Francesco,  ^  -  via  s.  Damiano  26. 
Uberli  Ferdinando,  ^  -  corso  s.  Celso  i3. 
Bicchieraj  dott.  Luigi,  ?§!,•#-  -  via  s.  Simone  ti. 
Mantovani  dott.  Francesco,  ^  -  corso  Vittorio  Eni.  3o> 


212  corte  d  appello 

Corbellini  Giuseppe,  %,  -£  via  Torchio  18. 
Gemiti  dott.  Giacomo,  uff.  ^  -  via  s.  Sepolcro  i 
Bonelti  doti.  Paolo,  $fc9  -#•  -  via  Pietro  Verri  7. 
Verga  Carlo,  uff.  ^  -  corso  Venezia  3i. 
Piolli  De  Bianchi  Giulio,  ^  -  via  s.  Antonio  22. 

Cancelliere, 
Cornalia  barone  dott.  Pietro  -  via  Monte  Napoleone  21. 

Vice- Cancellieri. 
Girola  Giuseppe  -  via  Olmetto  12. 
Coscia  Carlo  -  via  Mangano  2. 
Cardone  Angelo  -  via  Panlaao  io. 
Jacowilz  Michele  -  via  s.  Vito  1. 
Balabio  Carlo  -  corso  Porta  Vittoria  58. 

Vice-  Cancelliere  aggiun to. 
Giubertoni  Luigi  -  via  Maddalena  2. 

Applicati  alla  Cancelleria. 
Masserini  Angelo,  vice-cancelliere    del  Tribunale   di 

Commercio  di  Milano  -  via  Morigi  4* 
Rossetti  Pietro,  vice-cancell.  di  Pretura-  via  Pesce  23. 

Alunni  di  Cancelleria. 

Magri  Noè  -  via  Clerici  5. 

Calchi  Novati  nob.  Luigi  •  via  s.  Giuseppe  8. 

Cattaneo  Gaetano  -  bastioni  P.  Garibaldi  1. 

Perabò  nob.  Gabrio  -  via  Torino  62. 

Vigano  Maurilio  -  via  s.  Vito   16. 

Paronzini  Baldassare  -  via  s.  Vito  14. 

Sirtori  Ugo  -  via  Soncino  Merati  3. 

Uscieri. 

Modrone  Cesare  •*  via  Madonnina  12. 
Vigano  Pietro  -  via  s.  Vito  25. 
Meschia  Francesco  -  via  Annunciata  12. 
Pecchi  Giuseppe  -  via  Lanzone  21. 
Comi  Giuseppe,  via  Larga  9* 


CORTE   D'APPELLO  3l3 

Portieri. 
Brianza  Andrea  -  via  Clerici  5. 
Corti  Carlo  Luigi  -  via  Clerici  5. 
Gennana  Adamo  -  via  Stella   11. 
Cuneo  Ambrogio  -  via  Clerici  5. 
Gennana  Giovanni  Battista  -  via  Stella  il. 
Pizzelli  Adamo  -  via  Senato  io. 


UFFICIO  DEL  PBOCUUATOttE  GENERALE. 

Procuratore  generale. 
Robecchi  avv.  Emilio,   comm.  ||,  ^  -  via  s.  Pietro 
all'Orto  i5. 

Sostituii  Procuratori  generali. 
Laurin  Maurizio,  uff.  $fè,  -fc-  -  bastioni  di  P.  Venezia  3. 
Costa  Giacomo,  uff.  ^c,  -)(-  -  via  Vigentina  34» 
Bappi  Gio.  Angelo,  uff.  ^}  Jfc  -  via  s.  Zeno  &. 
Pestalozza  Antonio,  ^  -  via  s.  Maria  Fulcorina  8. 
Corvi  doti.  Andrea,  ijfè,  -#-  -  via  Meravigli  12. 
Zendrini  Carlo,  ^,  -fc-  -  via  Durini  29. 
Manfredi  avv.  Felice,  ^  -  via  s.  Vittore  al  Teatro  12. 
Boron  Luigi,  ^,  J£  -  via  Torino  68. 

Segretario. 
Mari  nob.  dott.  Giuseppe  -  via  Morigi  9. 

Sostituti  Segre taij. 
Arpesani  Francesco  -  via  Meravigli  9. 
Vezzoni  Giuseppe  -  corso  Venezia  43. 
Bossi  nob.  Giacomo  -  corso  P.  Vittoria  (\. 
Barlassina  G.  B.  -  via  s.  Maria  Bellrade  2. 
Bossi  Carlo,  aggiunto  -  via  s.  Carpoforo  22. 
Calchi  JN ovati  nob.  Luigi. 

Portieri. 
Gambarini  Ulderico  -  via  Clerici  5. 
Pertile  Bortolo  -  via  Orefici  3. 
Pacciagaluppi  Antonio  -  via  Clerici  5. 


CORTI  D'ASSISE 
NEL  DISTRETTO  DELLA  CORTE  D'APPELLO  DI  MILANO 


PEL  CIRCOLO  DI  MILANO 

Sede  ordinaria  di  Milano. 

Paribelli  nob.  dott.  cav.  Gian  Giacomo,  presidente,  ec  ., 

vedi  pag.  211. 
Uberli  cav.  Ferdinando,  ec,  vedi  pag.  211. 
Andreoli  dolt.  Frane,  giudice,  di  Tribunale,  v.  p.  2  i5. 
Carini  doti.  Giuseppe,  idem,  ec,  vedi  pag.  21 5. 

Sede  straordinaria  in  Lodi. 

Bicchieraj  doti.  cav.  Luigi,  presidente,  ec. ,  v.  p.  211. 
Caffi  Michele,  giudice  di  Tribunale. 
Vitali  Achille,  idem. 

PEL  CIRCOLO  DI  COMO 
Bicchieraj  dolt.  cav.  Luigi,  predetto,  presidente. 
Rovelli  nob.  Luigi,  giudice  di  Tribunale. 
Rejua  Francesco.,  ideai.. 

PEL  CIRCOLO  DI  PAVIA 
Bicchieraj  dolt.  cav.  Luigi,  predetto,  presidente. 
Chiarii  Achille,  giudice  di  Tribunale. 
Re  Giuseppe,  idem. 

PEL  CIRCOLO  DI  SONDRIO 
Bicchieraj  dott.  cav.  Luigi,  predetto,  presidente. 
Paganoni  Giambattista,  giudice  di  Tribunale. 
Marlianici  nob.  Cesare,  idem. 


TRIBUNALE  CIVILE  E  CORREZIONALE. 

(  Via  Palazzo  di   Giustizia  l3.) 

Presidente. 
Longoni  Carlo,  ^  -  via  Pietro  Verri  20. 


TRIBUNALE  CIVILE  E  CORREZlONALR  ?l5 

Vice-Presiden  li. 
Tagliabile  dott.  Vivenzio  -  via  s.  Giuseppe  5. 
Biella  nob.  Gio.  Balt.,  %  -  via  Brera  4» 
I  Cardone  dott.  Domenico  -  corso  P.  Vittoria  4- 
Giudici. 
Carini  dott.  Giuseppe  -  corso  Venezia  76. 
Andreoli  dolt.  Francesco  -  via  Guastalla  3. 
Stefanini  dott.  Luigi  -  via  Castelfidardo  2. 
Rosnali  nob.  dott.  Carlo  -  via  s.  Pietro  all'Orto  i\. 
Miglio  avv.  Ettore  -  via  Senato  22. 
Garizzoni  Gaspare  -  via  Bocchetto  5. 
Salvadei  Cesare  -  via  Broletto  39. 
Bottacco  avv.  Luigi,  $/£,  incaricato  dell'istruzione  pe- 
nale -  via  Brera  4» 
Sanchioli  Giuseppe  -  via  Fieno  3. 
De  Luigi   Federico,  applicato  all'istruzione  penale  - 

via  Annunciala  4» 
Horwath  Eugenio  -  corso  Vittorio  Emanuele  i5. 
Comelli  dott.  Emilio  -  via  Lanzone  20. 
Bussi  dott.  Giuseppe  -  via  Francesco  Sforza  4<* 
Cesaris  Bassano  -  via  Olmetto. 
Gore  dott.  Paolo,  applicalo  all'istruzione  penale»  via 

Orefici  36. 
Maestri  doti.  Ercole,  idem  -  corso  Garibaldi  11 3. 
Canevari  Antonio,  idem  -  via  Pantano  11. 
Lado  Manca  avv.  Luigi,  $fè  -  piazza  Fontana  io. 
Savonarola  Raffaele,  applicato  all'istruzione  penale  « 

via  Pantano  6. 
Malacrida   dott.  Cesare  •  via  Nerino  6. 
Botta  Antonio. 

Aggiunti  giudiziari. 

Vosgien  dott.  Eugenio,  applicato  all'istruzione  penale 

-  via  s.  Vito  33. 
Gabbiani  dott.  Carlo  -  via  s.  Damiano  16. 
Zerbi  dolt.  Augusto. 
Piloni  Enrico. 


2l6  TRIBUNALE  CIVILE  E   CORREZIONALE 

Cancelliere» 
Royer  Ernesto  -  via  s.  Marta  ai. 

Vice*  Cancellieri. 
D'Adda  Cesare  -  sobborgo  P.  Garibaldi  i. 
Mera  Luigi  -  vìa  Rovello  17. 
Clerici  Pietro. -  via  s.  Vito  16. 
Minotto  avv.  Antonio  -  via  Stella  xi. 
Rossi  Pietro  -  via  s.  Vicenzino  3. 

Fmliadoni  Raineri  -  via  Lauro  1. 

o 

Guasti  Alessandro  -  via  Magenta  64. 
Camous  Adolfo  -  corso  Vittorio  Emanuele  2. 

Vice-  Ca  n  ce  II  ieri  aggi  un  li. 

Monti  Giuseppe  -  via  Chiosetto  4» 

Muggia  Leonardo,  applicalo  alla  locale  R,  Procura  - 
via  Armorari  5. 

applicati  alla  Cancelleria, 

Ugbetta  Ottavio,  cariceli,  della  Pretura  di  Porlezza  - 
via  Rovello  17. 

Radaelli  dott.  Emanuele,  vice-cancelliere  del  Manda- 
mento IV  -  via  Spiga  q5. 

Lurascbi  Luigi,  idem  del  Mandam.  VI  -  via  Stella  1 1. 

Masciocchi  Pietro,  idem  di  Pretura. 
Alunni. 

Leanazza  nob.  Mariano,  applicato  alla  locale  R.  Pro- 
cura -  via  s.  Paolo  17. 

Crescini  Ernesto  -  via  Passarella  9. 

Arcelli  nob.  Romano  -  via  Chiusa  4« 

Bagnoli  Eugenio  -  vicolo  Facchini  1. 

Rognoni  Lodovico. 

Negri  Luigi  -  via  Francesco  Sforza  47. 

Uscieri. 
\  aironi  Egidio  -  corso  Venezia  12. 
i  ergomi  Michele  -  via  Manara  19. 
!  attuada  Gerolamo  -  via  Solferino  l\o. 


TRIBUNALE    CIVILE   E   CORREZIONALE  21 J 

Sozzi  Giovanni  -  via  s.  Maria  alla  Porta  7. 
Romano  Giuseppe  -  corso  P.  Villoria  5, 
Galimberti  Francesco  -  corso  P.  Ticinese  60. 
Andreotli  Giuseppe  -  via  s.  Soda  29. 
Polleltini  Diomiro  -  sobborgo  P.  Garibaldi  7 

Inservienti, 

Legnani  Luigi  -  via  Clerici  5. 
Ceriolti  Giuseppe  -  via  s.  Simone  32. 
Cazzaniga  Gaetano  -  via  Borgo  Nuovo  29. 
Baccigaluppi  Paolo  -  via  Giulini  io. 
Cavanna  Giuseppe  -  vìa  Laghetto  5. 

Udienze  civili,  lunedì,  martedì,  venerdì  -  Udienze 
penali,  tutti  i  giorni  feriali. 


UFFICIO  DEL  PROCURATORE  DEL  UE, 

Procuratore  del  Re, 

De  Vecchi  Pietro,  ||  -  via  Pontaccio. 

Sostituti  Procuratori. 

Gori  dott.  Carlo  -  via  Spiga   1. 

Agrati  Ambrogio  -  via  s.  xAlarta  23. 

Cappa  avv.  Enrico,  |||  -  via  Giulini  1. 

Crivelli  nob.  dott.  Giulio  Cesare  -  via  Chioselto 

Mazza  De  Piccioli  dott.  Lorenzo. 

Sighele  nob.  dott.  Gualterio  -  via  Monforte  3o. 

Porro  dott.  Massimiliano  -  via  Maddalena  20. 

Segretario. 
Aliprandi  Emilio  -  via  Fabbri  2. 

Applicati. 

Muggia  Leonardo,  ec,  v.  pag.  216. 
Leanazza  nob.  Mariano,  ec.  v.  pag.  216. 


2l8 

TRIBUNALE  DI  COMMERCIO. 

{Via  Clerici  5.) 

Presidente, 

Monleggia  avv.  Tito,  >H  -  via  Cernaja  i. 

Vice»Presiden  ti. 

Rotondi  dott.  Giosafalle  -  via  Olmelto  t. 

Boretti  avv.  Fabio,  ^  •£-  piazza  s.  Ambrogio  n. 

Giudici. 

Perelli-Paradisi  Tomaso  -  via  s.  Alessandro  i. 
Rizzi  rng.  cav.  Tranquillo,  ec,  v.  pag.   177. 
Villa  Pernice  cav.  Angelo»  ec,  vedi  pag.  161. 
Galla vresi  Giuseppe,  Jfc  -  via  Orso   14. 
Mazza  Simone  -  via  Brera  16. 
Pisa  dolt.  Luigi  -  via  s.  Giuseppe  4. 
Fuzier  Luigi  -  via  Moroue   1. 
Gnecchi  Carlo  -  via  Monte  di  Pietà  1. 
Mazzoni  Carlo,  -fc-  -  via  Bigli   19. 
Cima  Giovanni  -  Verziere  4. 

*  Giudici  supplenti. 

Forlis  Guglielmo  -  corso  Magenta  88. 

Landi  Gaetano  -  via  s.  Paolo  6. 

Matt  uzzi  Francesco-  via  Brera  io. 

Consonno  Fortunato  -  via  Brera  6. 

Varchex  Antonio  -  via  Oriani   r.  ' 

Mangili  cav.  Francesco  -  via  Bigli  1. 

Gavazzi  Carlo  -  via  Cusani   i/\. 

Ancona  dolt.  Giuseppe  -  via  Brera  9. 

Ginoulhiac  Luigi  -  via  Lauro  6. 

Zaftaroni  Andrea  -  via  Rugabella  il. 

IN.  JN. 

Cancelliere. 
Anghinelli  Anselmo  -  via  Monte  di  Pietà  20. 


TRIBUNALE   DI   COMMERCIO  '2  I  Q 

A^'ce-  Cancellieri. 
Masserini  Angelo,  applicato  alla  Corte  Cappello,  vedi 

Pagv*12;  .       .    o  ,r   • 
Rotiyni  Luigi  -  via  Solferino  il. 

Mazzucclielli  Faustino  -  corso  s.  Celso  io. 

Vice-  Cancelliere  aggiunto. 
Donesana  dott.  Olivo  -  via  s.  Andrea  6. 

Applicato  tempo rario  alla  Cancelleria. 
Rossi  Giuseppe,  vice-cancelliere  presso  la  Pretura  di 
Corsico, 

Alunno. 
Bolza  Giovanni  -  via  Torino  64. 

Uscieri* 
Ronchi  Gaetano  -  corso  P.  Romana  71. 
Maggioni  Carlo  -  via  s.  Maria  Segreta  5. 
Vigano  Angelo  -  corso  s.  Celso  7. 
Cabrini  Pietro  -  via  Lanzone  38. 

Portieri. 

Lesino  Carlo  —  via  Quadronno  1. 
Bolognini  Lazzaro  -  via  Clerici  5. 
Viga  notti  Giuseppe  -  vicolo  Verziere  io. 

Udienze.  Lunedì  e  martedì,  trattazione  delle  cause 
sommarie;  mercoledì,  incidenti  presso  il  presidente  e 
vice-presidenti;  venerdì,  trattazione  delle  cause  for- 
mali; sabato,  aifari  in  Camera  di  consiglio. 

PRETURA  URBANA 

(via  s.  Antonio   5.) 

Pretore. 
Bernago  nob.  dott.  Carlo,  jjfe  -  via  Morigi  4» 

Vice- Pretore. 
Meregalli  dott.  Ferdinando. 


220  PRETURA  URBANA 

Rappresentante  il  Pubblico  Ministero* 

Bonola  dott.  Federico  •  corso  Magenta  55, 

Cancelliere, 

Assandri  Giuseppe  -  via  Cornacchie  7. 

Vice-  Cancellieri. 

Bolturi  Luigi  -  via  Luciano  Manara  2. 
Silva  Adolfo  -  borgo  s,  Pietro  in  Sala. 
Sartorio  Emilio  -  via  s.  Sofia  19. 

applicati  alla  Cancelleria. 

Bozzola  Paolo  -  via  s.  Antonio  5. 
Fogazzi  Federico  -  via  s.  Antonio  5. 
Plona  Giovanni  -  via  s.  Maria  Segreta  5. 

Uscieri. 

Nicolini  Pasquale  -  via  Cornacchie  5, 
Maflfei  Francesco  -  via  Pesce  33. 
Macchi  Damiano  -  piazza  s.  Stefano  io. 

Udienze,  tutti  i  giorni  non  festivi. 


PRETURE  DI  MANDAMENTO 

NEL  CIRCONDARIO  DI  MILANO 


Mandamento  I. 

Porta  Garibaldi,  Porla  Tenaglia  e<i  Arco  della  Pace. 

(Parrochie  di  s.  Tomaso,  s.  Maria  del  Carmine, 

s.  Simpliciano  e  s.  Maria  Coronata.) 

(  Via  s.  Antonio  5.) 

Riva  avv.  Luigi,  pretore  -  via  s,  Vicenzino  9. 
Stialti  avv.  Dante,  vice-pretore  -  via  Orso  3. 
Ferrari  Filippo,  cancelliere  -  via  s.  Eufemia  19. 
Cottini Giuseppe,  vice-cancelliere  -corso  Garibaldi  40. 


PRETURE    MANDAMENTALI  221 

Livreri  Alessandro,  vice  caliceli.  -  via  Bossi  6. 
Fagnnni  Luigi,  idem  -  via  s.  Sofia. 
Del  Bò  Carlo,  alunno  -  via  Fate-bene-fratelli   19. 
Della  Pietà  Gio.,  usciere  -  via  s.  Maria  alla  Porta  5. 
Mortari  Virgilio,  idem  -  corso  Garibaldi  7. 

Udienze  civili,  martedì,  giovedì  e  sabato. 

Mandamento  II. 

Porta  Nuova. 

(  Parrochie  della  Metropolitana,  di  s.  Marco, 

s.  Francesco  di  Paola  e  s.  Fedele.) 

{Via  s.   Antonio  5.) 

Calvi  Alessandro,  pretore  -  corso  P.  Romana  42. 
Sala  avv.  Cesare,  vice-pretore  -  via  INerino  10. 
Regoli  avv.  Ausano,  idem  -  via  Orso  3. 
Arnaboldì  Tomaso,  cancelliere  -  corso  s.  Celso  32. 
Baratta  Carlo,  vice-cancelliere  -  via  Solferino  20. 
Alessi  Ernesto,  idem  -  sobborgo  P.  Garibaldi  3o. 
De  Pluri  Nicolò,  idem,  applicato  al  Mandamento  VI. 
Dell'Acqua  Carlo,  usciere  -  via  Pioppette  1. 
Pecchi  Camillo,  idem  -  via  Lanzone  S^. 

Udienze  civili,  martedì,  mercoledì  e  venerdì. 

Mandamento  III. 

Porta  Venezia  e  Porla  Vittoria. 

(Parrochie  di  s.  Carlo,  s.  Stefano,  s.  Goliardo  nel  Palazzo  R., 

s.  Babila  e  s.  Maria  della  Passione.) 

[Via  s.   Antonio  5.) 

Ceruti  dolt.  Ferdinando,  pretore  -  via  Torino  66, 

Crespi  Giovanni,  cancelliere  -  via  Durini  5. 

N.  1N.5  vice-cancelliere. 

Lonati  Leone  Enrico,  usciere  -  via  s.  Zeno  zj« 

Bareggi  Ranieri,  idem  -  corso  P.  Romana  93. 

Udienze  civili,  lunedì,  giovedì  e  sabato. 


22  2  PRETURE  MANDAMENTALI 


Mandamento  IV. 


Porta  Romana  e  Porta  Vigentina. 

(Parrochìe  di  s.  Goliardo,  s.  Nazaro,  s.  Calimero,  s.  Eufemia 

ed  il  Distretto  di  s.  Pietro  in  Gessate.) 

(Fifa  s.  Antonio  5.) 

Bianchi  dott.  Lodovico,  pretore  -  via  Principe  Um- 
berto 5. 

Magnaghi  avv.  Antonio,  vice-pretore  -  via  Sp'ga  5-2. 

Remedio  avv    Angelo,  idem  -  via  s.  Maria  Fulcorina  4» 

Castellani  Luigi,  cancelliere  -  corso  s.  Gelso  24. 

Brusa  Ettore,  vice-cancelliere  -  applicato  al  Manda- 
mento V  -  via  Unione  8. 

Favre  Enrico,  idem  -  via  s  Gio.  sul  Muro  27. 

Trevisani  Arturo,  alunno  -  via  s.  Pietro  all'Orlo  2. 

Compagnoni  Pietro,  usciere  -  via  Pattari  6. 

Testa  Giuseppe,  idem  -  via  s.  Maria  Fulcorina  6. 

Udienze  civili,  martedì,  giovedì  e  sabato. 

Mandamento  V. 

Porta  Ticinese  e  Porta  Lodovica. 
(Parrochìe  di  s.  Giorgio,  s.  Lorenzo,  s  Eustorgio,  s.  Alessandro, 
meno  il  Distretto  di  s.  Maria  Podone  compreso  nel  Mand.  VI.) 

[Via  s.   Antonio  5.  ) 

Carcano  Carlo,  pretore  -  via  Mon forte  12. 
Barzaghi  rag.  Leopoldo,  cancell.  -  via  Bergamini  5. 
Brusa  Ettore,  predetto,  vice-cancelliere. 
Besozzi  De  Luini  nob.  Cesare,  idem  -  via  Solferino  22. 
Gariboldi  Antonio,  alunno  -  via  Annunciata  4« 
Lampugnani  Francesco,  usciere  -  via  Unione  28. 
Sartorio  Luigi,  idem  -  via  Chiusa  4« 

Udienze  civili,  lunedì,  martedì  e  sabato  -  Udienze 
penali,  giovedì  e  venerdì. 


PRETURE  MANDAMENTALI  220 

Mandamento  VI. 

Porta  Magenta. 

(Parrochie  di  s.  Ambrogio,  s.  Satiro,  s.  Sepolcro,  s.  Vittore, 

s.  Maria  Segreta,  s.  Maria  alia   Porta 

ed  il  Distretto  di  s.  Maria  Podone.) 

(Via  s.   Antonio  5.) 

Maurelli  avv.  Cirillo,  pretore  -  via  Solferino  y. 
Todisco  Grande  avv.  Francesco,  vice-pretore. 
Scala  avv.  Angelo,  idem  -  via  s.  Gio.  Lalerano  4« 
Castellazzi  not.  Luigi,  cancelliere  -  via  s.  Antonio  /j« 
De  Pluri  Nicolò,  vice  cancelliere,  applicato. 
Martinelli  Giovanni,  idem  -  via  s.  INicolao  2. 
Bozzini  Antenore,  idem  -  via  Bergamini  5. 
Metelli  Giuseppe,  idem  -  via  Torino  5/}. 
Redaelli  Angelo,  usciere  -  via  Vittoria  67. 

Udienze  civili,  lunedi,  giovedì  e  sabato. 

Mandamento  VII. 

CC.  SS.  di  Porta  Garibaldi,  Porta  Nuova, 

Porta  Venezia,  Porta  Vittoria  e  Porta  Tenaglia 

meno  una  piccola  parte. 

(  Via  Crocifisso   II.) 

Malacrida  dolt.  Vincenzo,  pretore  -  via  Cassolo  3. 
Lupi  avv.  Vincenzo,  vice-pretore  -  via  Visconti  6. 
Negri  Francesco,  cancelliere  •■  via  Broletto  4^« 
Masciocchi  Pietro,  vice-cancelliere. 
Maisetti  Giuseppe,  idem  -  sobborgo  P.  Garibaldi  ig, 
Brambilla  Carlo,  usciere  -  sobborgo  P.  Garibaldi  7. 

Udienze  civili,  martedì  e  venerdì  -  Udienze  penali, 
lunedì,  giovedì  e  sabato. 

Mandamento  Vili* 

CG.  SS.  di  P.  Ticinese,  P.  Romana,  P.  Vigentina,  P.  Magenta, 

e  piccola  parte  di  Porta  Tenaglia. 

(Via  Crocifisso  II.) 

Besozzi  nob.   dolt.   Cesare,  pretore  -  corso   Vittorio 
Emanuele  io. 


2^4  PRETURE   MANDAMENTALI 

Zella  Milillo  a vv.  Michele,  vice-pretore  -  via  s.  Orsola  6. 
Sioppani  Giuseppe,  cancelliere  -  via  Lanznne   19. 
Rovere  Giovanni,  vice-cancelliere  -  via  Vittoria  67. 
Proserpio  Alfredo,  idem  -  sobborgo  s.  Goliardo  69. 
Partesana   Giovanni,  usciere  -  sobborgo  P.  Ticinese, 
alla  Sabbietta  2o3. 

Udienze  civili,  mercoledì  e  sabato  —  Udienze  penali, 
lunedì  e  venerdì. 

Mandamento  IX. 

Comuni  di  ÀfTori,  Bresso,  Brusuglio,  Bruzzano, 

Cormanno,  Crescenzago,  Dergano,  Gorla,  Niguarda,  Precolto, 

Segnano  e  Turro. 

(  Piazza  Carmine  4-  ) 

Porta  Giuseppe,  pretore  -  piazza  s.  Ambrogio  14. 
Rnmelli  Giuseppe,  cancelliere  -  via  Circo  4« 
Donali  Domenico,  usciere  -  via  Lanzone  47» 

Udienze  civili*  martedì  e  venerdì—  Udienze  penali, 
giovedì. 

Abbiategrasso. 

Bertuletti  Achille,  pretore. 
Minorini  not.  Achille,  vice-pretore. 
Riccardi  Natale,  cancelliere. 
Bornati  Alessandro,  vice-cancelliere. 
Vannelti  Giuseppe,  usciere. 

Udienze  civili,  martedì  e  venerdì  —  Udienze  pena  li, 
giovedì  e  sabato. 

BlNASCO. 

Bagna  dott.  Giovanni,  pretore. 
Bazzi  Lui<>i,  cancelliere. 
Negrini  Ottorino,  vice-cancelliere. 
Zambelli  Giuseppe,  usciere. 

Udienze  civili,  Innedì  e  venerdì  -  Udienze  penali, 
giovedi. 


PRETURE  MANDAMENTALI  2^5 

Bollate. 

Riva  dott.  Francesco,  pretore. 
Monzini  avv.  Luigi,  vice-pretore. 
Colli  Antonio,  cancelliere. 
Bonizzoni  Carlo,  vice-cancelliere, 
R  Uggeri  Giuseppe,  usciere. 

Udienze  civili,  lunedì  e  giovedì  -  Udienze  penali, 
martedì  e  venerdì. 

Cassano  d'Adda. 

Sordelli  Cesare  ,  pretore. 
Roncoroni  Antonio,  cancelliere. 
Banfi  Isaia,  vice-cancelliere. 
Concari  Fabrizio,  usciere. 

Udienze  civili,  lunedì  e  venerdì  -  Udienze  penali* 
giovedì. 

Corsico. 

Marcionni  dott.  Luigi,  pretore. 
Longhi  Angelo,  cancelliere. 
Rossi  Giuseppe,  vice-cancelliere. 
Domeneghini  Giuseppe,  usciere. 

Udienze  civili*  martedì  e  venerdì  -  Udienze  penali, 
giovedì. 

CUGGIONO. 

Albasini  dott.  Giovanni,  pretore. 
Oriani  avv.  Giovanni,  vice-pretore. 
Mentasti  Carlo,  cancelliere. 
Testori  Luigi,  vice-cancelliere. 
Bonfamiglio  Paolo,  usciere. 

Udienze  civili,  martedi  e  sabato  -  Udienze  penali, 
lunedì  e  venerdì. 

Guida  i  87 1  —  i5 


£26  PBETURE   MANDAMENTALI 

Gorgonzola. 

Perego  dott.  Stefano,  pretore, 
Alecchi  Angelo,  cancelliere. 

Verdi  Eliodoro,  applicato  al  Mandamento  Vili,  vice- 
cancelliere. 
Agnati  Angelo,  alunno. 
Sironi  Giuseppe,  usciere. 

Udienze  civili,  lunedi  e  giovedì  -  Udienze  penali, 
mercoledì. 

Locate  Trivulzio. 

Bertuletti  Achille,  pretore. 

N.  N. ,  cancelliere. 

Tornaghi  Giacomo,  vice-cancelliere,  reggente. 

Pozzoli  Romeo  Secondo,  usciere. 

Magenta. 

Ghislanzoni  dott.  Eugenio,  pretore. 
Girelli  Angelo,  cancelliere. 
Lucca  Ferdinando,  vice-cancelliere. 
Annoni  Federico,  usciere. 

Udienze  civili,  lunedì  e  giovedì  -  Udienze  penali* 
martedì. 

Melegnano. 

Casanova  dott.  Pietro,  pretore. 
Zanardi  Angelo,  cancelliere. 
Faino  Noè,  vice-cancelliere. 
Ciceri  Secondo,  alunno. 
Pozzoli  Romeo,  usciere. 

Melzo. 

Castellani  doti.  Giacinto,  pretore. 
Callegari  Luigi,  cancelliere. 
Fioravanzo  Luigi,  usciere. 


11*] 

UFFICI  DEI  CONCILIATORI. 

Pei  Mandamenti  I,  II,  III,  IV,  V  e  VI 

(Piazza  s.  Fedele  3.) 

N.  N.,  conciliatore. 

Saldarmi  avv.  Gio.,ff.  di  cancelliere,  ec. ,  v.  pag.  147. 

Weyer  Filippo,  diurnista  municipale. 

Mustorgi  Pietro,  diurnista  municipale. 

Castiglione  Carlos  ff.  di  messo  comunale. 

pei  Mandamenti  VII  E  VIII  nei  Corpi-Santi. 
Sommaruga  a  vv.  Giuseppe,  conciliatore  -  via  Broletto  5. 
Stelzi  dott.  Pompeo,  ufficiale  di  2  classe,   cancelliere. 
Sartirana  Carlo,  vice-cancelliere  -  via   Bagutta  1 4« 
De  Piaggi  Luigi,  usciere  -  piazza  Ve  tra  26. 


UFFICIO  GIURIDICO  INTERNAZIONALE 

(Direzione  centrale,  via  Fate-bene-fratelli    l5.) 

Questa  importante  istituzione,  fondata  in  Italia,  coU 
l'appoggio  del  Governo  e  col  concorso  di  eminenti 
giureconsulti  nazionali  e  stranieri,  dall' avv.  cav.  Ja- 
copo Baisini,  data  dal  gennajo  1867. 

E  dessa  una  vasta  associazione  di  avvocati  e  giure- 
consulti di  tutti  i  paesi  civili,  la  quale  ha  il  duplice 
scopo  di  facilitare  a  chiunque  il  mezzo  di  esercitare  o 
difendere  dappertutto  i  proprj  diritti  (scopo  pratico) 
e  nel  tempo  stesso  promuovere  lo  studio  del  diritto 
internazionale  ,  raccogliendo  e  coordinando  materiali 
di  legislazione  comparata,  dati  di  statistica  giudizia- 
ria, ec.  (scopo  scientifico). 

L'Ufficio  ha  alla  testa  una  Direzione  centrale  resi- 
dente in  Milano;  ha  Succursali  nelle  più  ragguardevoli 
capitali  dell' estero,  e  Corrispondenti,  scelti  colla  mas- 
sima cura  e  dietro  ufficiose  informazioni  tra  gli  avvo- 
cati e  procuratori  più  distinti,  presso  tutte  le  Corti  e 
Tribunali  d'Italia,  nonché  nelle  principali  città  d'Eu- 
ropa e  delle  colonie  europee  d'America,  Asia,  Africa, 


22  8  UFFICIO  GIURIDICO  INTERNAZIONALE 

ed  Oceania.  Esso  tiene  inoìlre  nelle  principali  città 
d'Italia  e  dell'estero,  presso  le  banche  e  l'  alto  com- 
mercio, dei  corrispondenti,  i  quali  s'  incaricano  della 
trasmissione  delle  somme  o  valori  spettanti  a'  suoi 
clienti. 

Io  forza  di  tale  organizzazione  chiunque  si  rivolga  a 
quest'Ufficio  è  sicuro  di  trovare  un  mezzo  pronto  ed 
efficace  per  regolare  definitivamente,  tanto  in  via  giu- 
diziale che  in  via  slragiudiziale  ed  amministrativa, 
qualsivoglia  controversia  od  affare  di  diritto,  non  solo 
in  ogni  città  d' Italia,  ma  in  qualunque  parte  del  mondo 
incivilito, 

L'Ufficio  può  essere  richiesto 

a)  per  la  trattazione  di  affari  di  diritto  (cause 
civili  e  commerciali;  riscossioni  di  credili;  liquidazioni 
di  eredita;  arbitrati,  componimenti  amichevoli,  tran- 
sazioni, ec; 

b)  per  consulti  o  pareri  giuridici  motivati; 
e)  per  notizie  relative  ad  affati  giuridici; 

d)  per  le  pratiche  necessarie  all'esercizio  e  tutela 
dei  diritti  d'autore  (proprietà  letteraria,  artistica  e  in- 
dustriale, privilegi,  brevetti  d' invenzione,  ec). 

Le  domande  relative  debbono  indirizzarsi  alla  Di- 
rezione centrale  in  Milano.  Chi  desiderasse  più  ampi 
ragguagli  vegga  il  programma  e  regolamento  dell'uffi- 
cio, pubblicali  nella  Gazzetta  ufficiale  del  Regno  d'I- 
talia, N.  89  e  92  del  1867. 

Direttore. 
Paisini  avv.  Jacopo,  ^,  ^-,  avvocato  alla  Corte  di  cas» 
sazione  -  via  Brisa  3. 

Segretario. 

*  n. 

Notajo  della  Direzione. 
(Capretti  dolt.  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  1 85. 

Banchiere  della  Direzione  in  Milano. 
IMylius  Enrico  e  Comp.  -  via  Clerici  4» 


229 
ARCHIVIO  GENERALE  NOTARILE. 

{Piazza  Mercanti  19.) 

Elia  dott. 'Elia,  Hs ,  consigliere   conservatore    -  piazza 

Mercanti    ig. 
N.  N.,  coadjufore. 

Staurenghi  dott.  Pietro,,  coadjutore  -  via  Meravigli  1 1. 
DeMagistris  Giuseppe, protocollista  e  registrante- corso 

s.  Celso  2  1. . 
Tonani  Eugenio,  scrittore  -  sobborgo  Porla  Venezia  1. 
Joli  Carlo  Antonio,  idem  -  via  Scaldasole  22. 
Corte  Carlo,  idem  -  via  Cerva  i5. 
Rescaldani  Andrea,  portiere  -  via  s.  Sofìa  io. 
Comensoli  Marco,  inserviente  -  via  s.  Damiano  44* 


CAMERA  DI  DISCIPLINA  NOTARILE 

(  Piazza  Mercanti   i  9.  ) 

Elia  dott.  cav.  Elia,  predetto,  presidente. 
Locati  dott.  cav.  Giuseppe,  membro,  e(c,  v.  pag.   1^2. 
Capretti  dott.  cav.  Giuseppe,  idem,  ec,  vedi  pag.  1 85. 
Carganico  dott.  Augusto,  ^,  idem  -  via  Cusani   16. 
Lazzati  dott.  Antonio,  uff.  ^,  idem  -  via  O melloni  2. 
La  uri  n  dott.  Antonio,  idem  -  via  Pasquirolo   11. 
Bordini  dott.  Pietro,  idem  -  via  Broletto  41» 


R.  DIREZIONE  DEGLI  ARCHIVJ  GOVERNATIVI 
ED  ARCHIVIO  CENTRALE. 

{Via  Sala  3.) 

Dalla  suddetta  Direzione  dipende  anche  l'Archivio 
giudiziaiio  -  via  s.  Damiano  e  1  Archivio  provinciale 
civico  -  piazza  s.  Carpoforo. 

L'Archivio  centrale  in  cui  si  sono  compenetrati 
quello  del  già  Fondo  di  religione  e  molti  altri",  dividesi 
in  due  sezioni,,  amministrativa  e  storico-diplomatica. 


iZo  ARCHIVI    GÒVERNAtlVl 

In  questi  Archivj  si  conservano  gli  atti  delle  di- 
verse Amministrazioni  politiche  e  giudiziarie  di  tutti 
i  Governi  cui  andò  soggetta  la  capitale  lombarda  dal 
secolo  XIV  fino  ai  dì  nostri.  Essi  contengono  docu- 
menti assai  importanti  per  la  pubblica  amministrazio- 
ne^ e  molti  atti  antichi  e  sommamente  preziosi  per  la 
storia.  Nella  Sezione  Storico-Diplomatica  si  vogliono 
segnalare  una  pregevolissima  raccolta  di  oltre  cento- 
mila pergamene ,  alcune  delle  quali  risalgono'al  se- 
colo Vili,  e  il  ricchissimo  carteggio  diplomatico  dei 
duchi  Visconti  e  Sforza  ,  del  Governo  spagnuolo,  e 
de' posteriori.  Aggiungasi  infine  un'apposita  Biblioteca 
segnatamente  copiosa  in  manoscritti  e  stampati  di  sto- 
ria ed  archeologia  nazionali. 

Un  aula  di  studio  serve  agli  amatori  di  cose  patrie 
per  le  occorrenti  ispezioni,  disamine  e  trascrizioni. 

Direttore*  Capo  di  Divisione  di  I.a  Classe, 

Oslo  Luigi,  iuT.  H*,  jfc  e  dell'ord.  danese  del  Danebrog, 
membro  della  R.  Deputazione  sugli  studj  di  storia 
patria,  socio  etFetlivo  dell'Ateneo  di  Milano,  membro 
effettivo  fondatore  dell'Accademia  storico-archeo- 
logica e  corrispondente  della  Società  filotecnica  di 
Torino  -  via  Borgo  Spesso  25. 


ARCHIVIO  CENTRALE  GOVERNATIVO. 

(  Via  Sala  3.  ) 

Sezione  Amministrativa, 

Muoni  Damiano,  $fè,  cav.  di  più  ordini,  insignito  della 
medaglia  d'oro  di  i.a  classe  al  merito  civile  della 
Repubblica  di  s.  Marino,  presidente  effettivo  pre- 
mialo con  medaglia  dell'Accademia  fisio-medico- 
slalistica,  vice-presidente  onorario  della  Società 
italiana' di  storia  e  archeologia,  e  della  Società  dei 
Salvatori  in  Napoli,  membro  effettivo  fondatore  del- 


ARCHIVI  GOVERNATIVI  2Ót 

l'Accademia  storico-archeologica  di  Milano  e  della 
Società  lombarda  di  economia  politica,  socio  d'onore 
dell'Ateneo  di  Bergamo/  della  Società  Politecnica  di 
Asti  e  dell'  Accademia  degli  Incolti  a  Cingoli,  cor- 
rispondente della  R.  Deputazione  di  storia  patria, 
dell'Istituto  storico  di  Francia,  della  Società  di  sloria 
e  antiquaria  a  Filadelfia,  e  di  altri  corpi  scientifici  a 
Genova,  Torino,  Bologna,  Carpi,  Vai  d'Arno,  Ma- 
cerala, Treja,  Cosenza,  Napoli,  Palermo,  ec,  segre- 
tario di  prima  classe  -  via  Senato  20. 

Volpi  Angelo,  membro  effettivo  fondatore  dell'Acca- 
demia storico-archeologica  di  Milano,  segretario  di 
i?  classe  -  via  Castelli  dardo  io. 

Carcano  nob.  Luigi,  applicato  di  i.a  classe  all'Archi- 
vio provinciale  -  via  Lauro  1. 

Rossi  Gaetano,  idem  all'Archivio  giudiziario  -  via 
Passione  4» 

Casanova  Paolo,  idem  all'  Archivio  provinciale  -  via 
Morigi  4» 

Somma  Francesco,  idem  -  piazza  Scala  6. 

Chiesa  Angelo ,  idem  -  via  Passarella  3. 

Biancardi  Cesare,  appi,  di  a.a  ci.  -  via  s.  Vito  09. 

Rolfini  Giovanni,  idem  -  corso  Vittorio  Emanuele  ^4- 

Martinazzi  Giovanni,  idem  di  4»a  classe  all'Archivio 
giudiziario  •  via  Osti  3. 

Crescentini  nob.  Luigi,  idem  all'Archivio  provinciale 
-  via  Cernaja  1. 

Rejna  Enrico,  idem  -  via  s.  Paolo  9. 

Coltini  Antonio,  idem  -  corso  Venezia  49* 

Volontario. 

Viscontini  Francesco  -  via  Osti  1. 

Sezione  Storico» Diplomatica. 

Ferrano  Luigi,  socio  corispondente  della  R.  Depu- 
tazione sugli  sludj  di  sloria  patria  e  della  Società 
georgica  di  Treja,  membro  effettivo  fondatore  del- 


2$2  ARCHIVJ  GOVERNATIVI 

T  Accademia  storico-archeologica  di  Milano,  segre- 
tario di  2.a  classe  -  via  s.  Dalmazio  4» 

CossaliGio.  Tomaso,  appi,  di  i.a  ci.  -  via  s.  Vittore  al 
Teatro  io. 

Biancardi  Achille,  idem  -  via  Principe  Umberto  io. 

Ghinzoni  Pietro,  idem  di  2. a  classe  -  via  s.  Vittore 
Grande  io. 

Porro  Giuseppe,  idem  di  3.a  classe-  via  Velasca  2. 

Monguzzi  Madini  Carlo,  idem  di  4«a  classe  -  via  Mon- 
forte  i5. 


ARCHIVJ  CAMERALI  DELLA  LOMBARDIA. 

R.  ARCHIVIO  DELLE  FINANZE  ED  UNITI 

(  Via  Senato    IO  ) 

Questo  Archivio  trovasi  nelle  dipendenze  della  R.  In- 
tendenza provinciale  delle  finanze  in  Milano. 

In  esso  sono  concentrati  gli  Archi vj  delle  diverse 
Amministrazioni  centrali  camerali  di  tutti  i  Governi 
susseguitisi  dal  1796  sino  ai  giorni  nostri,  oltre  gli  Ar- 
chivj  delle  preesistite  Intendenze  provinciali  di  finanza 
di  Milano,  Lodi  e  Pavia,  Ispezione  delle  gabelle  di 
Pavia  e  dei  Comandi  di  sezione  della  forza  armata  di 
finanza  per  le  suddette  tre  Provincie,  dell'italico  Mini- 
stero del  tesoro,  Direzione  delle  dogane,  del  demanio, 
del  debito  pubblico  e  dell'  Intendenza  generale  dei  beni 
della  Corona;  delT italica  Corte  dei  conti,  della  sue-, 
cessavi  Contabilita  centrale,  delta  poi  Contabilità  di 
Stato,  della  Cassa  centrale,  delle  Casse  di  finanza  di  Mi- 
lano, Lodi,  Pavia  e  Brescia,  della  Direzione  ed  Agenzia 
del  tesoro,  e  delle  Direzioni  demaniali  di  Novara  ed 
Alessandria.  Vi  si  trovano  gli  atti  della  Commissione 
liquidatrice  del  debito  pubblico  del  Regno  L.  V.,  della 
Commissione  diplomatica  e  riunita  per  gli  affari  del 
Monte,  del  Maggiordomalo  di  Corte  del  Regno  L.  V., 
dell'I.  R.  Governo  militare  di  Lombardia. 


ARCHIVJ    CAMERALI  233 

Capo  cV  ufficio. 
Arnioni  cav.  Luigi  -  via  Spiga  33. 

Segretario. 
Leonardi  Carlo  -  via  Orso  7. 
Applicati 

Brugnatelli  Alessandro,  di  i.a  classe  -  via  Gesù  2!. 

Vietli  Antonio,  idem  -  via  Unione  24. 

Conomo  Carlo,  di  2.a  classe  -  corso  P.  Vittoria  28. 

Pessina  Giovanni,  idem  -  via  s.  Simone  23. 

Ricordi  Domenico,  idem  -  via  Guastalla  7. 

Isella  Giovanni,  di  3.a  classe  -  via  s.  Croce  4» 

Colombo  Francesco,  idem  -  sobborgo  P.  Garibaldi  7. 

Crescenlini  nob.  Attilio,  idem  -  via  Principe  Um- 
berto 29. 

Luzzi  Edoardo,  idem  -  a  Morivione,  sobborgo  di  Porta 
Vigentina. 

Brioscia  Carlo,  di  4»a  classe  -  via  Cappuccini  i5. 

Corbetta  Paolo,  idem  -  via  Lanzone  5. 

Beltemacchi  Carlo,  idem  -  via  Romagnosi  3. 

Volontario. 
Gallina  Luigi  -  via  Maddalena  4* 

Tre  uscieri.  -  Un  facchino. 


a34 

R.  ISTITUTO  LOMBARDO  DI  SCIENZE  E  LETTERE 

(  Via  Brera  28.  ) 

L'Istituto  Lombardo  di  scienze  e  lettere  si  compone 
di  due  classi  : 

Classe  di  scienze  matematiche  e  naturali; 
Classe  di  lettere  e  scienze  morali  e  politiche. 
I  membri  dell'  Istituto  Lombardo  di  scienze  e   let- 
tere si  distinguono  in 

Membri  effettivi; 
Membri  onorar  j; 
Soci  corrispondenti  italiani  o  stranieri. 

I  membri  effettivi  sono  quaranta,  dei  quali  ventidue 
appartengono  alla  Classe  di  scienze  matematiche  e  na- 
turali, e  diciotlo  a  quella  di  lettere  e  scienze  morali  e 
politiche. 

L'  Istituto  ha  un  presidente  e  un  vice-presidente; 
ciascuna   delle    due  Classi  ha    un   segretario. 

Le  sue  pubblicazioni  sono  di  tre  specie,  cioè  : 

i.a  Memorie  dell'Istituto  Lombardo  di  scienze  e 
lettere. 

2.*  Rendiconti  comuni  alle  adunanze  delle  due 
Classi. 

3.a  Rapporti  sui  progressi  delle  scienze,  compilati 
per  cura  dell'Istituto  Lombardo  di  scienze  e  lettere. 

L'Istituto  tiene  adunanze  ordinarie  e  straordinarie. 
Le  ordì  uà  ri  e  si  tengono  due  volte  al  mese:  sono  co- 
muni a  tutte  e  due  le  classi.  Vi  è  ammesso  il  pubblico. 

Le  due  Classi  alternativamente  pubblicano  ogni  anno 
il  programma  di  concorso  ad  un  premio  per  la  mi- 
gliore soluzione  di  un  tema  da   esse  proposto.  I  temi 


R.  ISTITUTO   LOMBARDO    DI  SCIENZE  E  LETTERE     2 35 

devono  mirare  piuttosto  al  progresso  di  un  ramo  di 
scienza,  che  alla  soluzione  di  una  questione  speciale. 

Il  valore  di  ciascuno  di  questi  premj  è  di  lire  mille 
e  duecento. 

L'Istituto  Lombardo  di  scienze  e  lettere  aggiudica 
inoltre  ogni  triennio  due  medaglie  d'oro,  del  valore  di 
lire  mille  ciascuna:  una  di  queste  a  quei  cittadini  ita- 
liani che  abbiano  concorso  a  far  progredire  l'agricol- 
tura col  mezzo  di  scoperte  o  di  metodi  non  ancora 
praticati;  l'altra  a  quelli  che  abbiano  fatto  migliorare 
notevolmente,  od  introdotto  con  buona  riuscita^  una 
data  industria  manifattrice  in  Lombardia. 

Presidente  onorario. 
Manzoni   nob.  Alessandro ,  Gr.   Cr.  ^- ,  senatore  del 
Regno,  ec.  -  Milano,  via  Morone  i. 

Presidente, 

Castiglioni  dott.  Cesare,  %fe9  uffic.  Jfc3  cav.  dell'  aquila 
rossa  di  Prussia,  direttore  del  Manicomio  provin» 
ciale  la  Senavra,  membro  di  varie  accademie,  ec. 
-  Milano,  via  s.  Orsola  7. 

Vice-  Presiden  te. 

Brioschi  dott.  Francesco,  gr.  uff.  ^  e  •#-,  cav.  del- 
l'ordine del  merito  civile  di  Savoja,  comm.  dell'or- 
dine del  Cristo  di  Portogallo,  senatore  del  Regno, 
membro  dell' Accademia  di  Torino  e  della  Società 
reale  di  Napoli,  uno  dei  XL  delia  Società  Italiana 
delle  scienze,  socio  corrispondente  dell'  Accade- 
mia dei  Lincei  a  Roma,  ec,  direttore  del  R.  Istituto 
tecnico  superiore  in  Milano  -  Milano,  via  Spiga  21. 

GLASSE  DI  SCIENZE  MATEMATICHE  E  NATURALI. 

Segretario. 
Schiaparelli  ing.  Giov.,  -){-,  comm.  $fè9  cav.  dell'  ordine 
del  merito  civile  di  Savoja,  comm.  dell'ordine  di  s. 
Stanislao  di  Russia,  uno  dei  XL  della  Società  Italiana 


q36  r.  istituto  lombardo 

delle  scienze,  socio  corrispondente  dell'Accademia 
dei  Lincei  a  Roma,  accademico  nazionale  non  resi- 
dente della  R.  Accademia  delle  scienze  di  Torino, 
primo  astronomo  e  direttore  del  R.  Osservatorio  di 
Brera  -  Milano,  via  Brera  28. 

Membri  onorar], 

Borromeo  Arese  S.  E.  conte  Vitaliano,  Gr.  Cr.  %,  G. 
Cord.  ^,  senatore  del  Regno,  grande  di  Spagna 
di  prima  classe,  ec.   -  Milano,  piazza   Borromeo  7. 

Cavalli  Giovanni,  gr.  uff.  0,  comm.  ^  e  ^,  eav.  del- 
l'ordine del  merito  civile  di  Savoja,  luogotenente 
generale  di  artiglieria,  comandante  generale  della 
R.  Accademia  militare  di  Torino,  ec.  -  Firenze. 

Mainardi  Gaspare,  $$£,  dottore  in  matematica,  socio 
corrispond.  dell'Istituto  di  scienze,  lettere  ed  arti 
di  Venezia  ,  della  pontificia  Accademia  dei  nuovi 
Lincei,  della  Reale  di  Upsal  ,  uno  dei  XL  della 
Società  Italiana  delle  scienze,  anziano  del  collegio 
de'professori ,  prof,  emerito  di  calcolo  differenziale  e 
integrale  nell'Uni  vèrsila  di  Pavia  -  Bergamo. 

Menahrea  S.  E.  conte  Luigi  Federico,  cav.  dell'ordine 
supremo  dell'Annunciala,  G.  U.  ^  e  gr.  cord.  }fc, 
gr.  croce  @9  membro  del  Consiglio  dell'  ordine  del 
merito  civile  di  Savoja,  luogotenente  generale  del 
Genio,  senatore  -  Firenze. 

Ricasoli  S.  E.  barone  Bettino,  cav.  dell'ordine  su- 
premo dell'Annunciata,  G.  Cord.  ^  e  -#-,  ministro  di 
Stato  e  deputato  al  Parlamento  -  Firenze. 

Tatti  ingegnere  cav.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  i3i. 

Membri  effettivi  (*). 

*Balsamo  Crivelli  nob.  Giuseppe, '^,  ■#-,  dottore  in 
medicina  e  zoojalria,  membro  della  Società  geolog. 
di  Francia,  socio  corrispondente  della  R.  Accade- 
mia delle   scienze  e    della  R.  Società  d'agricoltura 

.  (*)  Disposti  per  anzianità  di  nomina  ;  Pasterisco  ai  pensionati. 


DI   SCIENZE  E   LETTERE  237 

di  Torino,  dell'Accademia  Gioenia  delle  scienze 
naturali  di  Catania,  dell'Accademia  d'agricoltura, 
arti  e  commercio  di  Verona  e  dell'Ateneo  di  Brescia, 
conservatore  del  Museo  civico  di  Milano,  prof,  or d. 
di  zoologia  e  mineralogia,  direttore  della  scuola  di 
farmacia  nell'  Università  di  Pavia. 

*Frisiani  nob.  Paolo,  prof,  emerito  del  R.  Osserva- 
torio di  Brera,  uno  dei  XL  della  Società  Italiana 
delle  scienze  —  Milano,  via  s.  Carpoforo  9. 

*Lombardini  ing.  Elia,  gr.  uff.  ifé,  senatore  del  Regno, 
membro  della  Società  filosofica  americana  in  Fila- 
delfia, uno  dei  XL  della  Società  Italiana  delle  scien- 
ze, membro  corrispondente  di  varie  società  scienti- 
fiche italiane  e  straniere,  direttore  emerito  delle 
pubbliche  costruzioni  della  Lombardia  -  Milano,  via 
Unione  i3. 

*Curioni  nob.  Giulio,  comm.  ^,  membro  del  Consiglio 
delle  miniere,  socio  d'onore  dell'Ateneo  di  Brescia, 
conservatore  del  Museo  civico  di  Milano  -  Milano, 
via  Borgo  Spesso  ^3. 

*Gianelii  Giuseppe  Luigi,  dott.  fisico,  uff.  §e^}  prof, 
emerito  di  medicina  legale  e  polizia  medica,  mem- 
bro onorario  dell'Accad.  di  scienze,  lettere  ed  arti 
di  Padova,  della  Società  per  V  incremento  della  me- 
dicina pubblica  nel  granducato  di  Baden,  dell'Ate- 
neo di  Brescia,  ec,  membro  corrispondente  della 
Società  medica  di  Vienna,  delle  Accademie  dei  Lincei 
di  Roma,  medico-chirurgica  di  Torino,  dell'Istituto 
di  Bologna,  dell'Ateneo  di  Milano,  membro  straor- 
dinario del  Consiglio  superiore  di  sanità  del  Regno  - 
Milano,  via  Bossi   1. 

*Porta  Luigi,  doli,  fisico,  uff.  -£  e  |||,  prof,  ordinario 
di  clinica  chirurgica  e  di  medicina  operativa,  nel- 
l'Università di  Pavia. 

"Verga  dott.  Andrea,^  e  cav.  della  Legion  d'onore, 
socio  di  varie  accademie  scientifiche,  emerito  diret- 
tore dell'Ospedale  Maggiore  di  Milano,  professore 


238  R.  ISTITUTO  LOMBARDO 

di  psichiatria   nello  stesso  stabilimento,  ec.  -  corso 
P.  Romana  1 1. 
Cattaneo  Francesco,  uff.  fjfè,  dottore  in  matematica, 
rettore  e  prof,  ordinario  di  meccanica  razionale  nel- 
l'Università di  Pavia. 

*Garovaglio  Santo,  cav.  dell'  ordine  di  Leopoldo  del 
Belgio,  dottore  di  medicina  e  di  chimica,  profes- 
sore ordinario  di  botanica  e  direttore  dell'  Orto 
botanico  neir  Università  di  Pavia,  già  professore  di 
scienze  preparatorie  pei  chirurghi,  e  di  fisica  pei 
farmacisti,  consigliere  provinciale  di  sanità,  mem- 
bro di  molte  accademie  e  società  scientifiche  nazio- 
nali e  straniere  -  Pavia. 

"Polli  dott.  Giovanni,  -£,  commend.  dell'ordine  Niscian 
Eftihkar,  ec.  -  corso  P.  Romana  9. 

*Codazza  dott.  Giovanni,  ^,  comm.  -^,  socio  corrispon- 
dente dell'Accademia  dei  Lincei  a  Roma, direttore 
e  prof,  del  Museo  industriale  italiano  di  Torino  e 
prof,  di  fìsica  della  R.  Accad.  militare  di  Torino. 
Possenti  ing.  Carlo,  comm.  ^,  ispettore  di  i.a  classe 
dei  lavori  pubblici,  senatore  del  Regno  -  Firenze. 

*Cornalia  dott.  Emilio,  uff.  ^,  Jfc,  membro  corrispon- 
dente dell*  Istituto  Imp.  di  Francia,  uno  dei  XL 
della  Società  Italiana  delle  scienze,  socio  corrispon- 
dente delle  Accademie  di  Torino,  di  Napoli,  della 
Leopoldina  dei  curiosi  della  natura,  membro  corri- 
spond.  dell' Accad.  delle  scienze  di  Parigi,  ec.  ec, 
presidente  della  Società  italiana  di  Scienze  naturali, 
direttore  del  Museo  civico, prof,  ordinario  del  R. Isti- 
tuto tecnico  sup.  -  Milano,  via  Monte  Napoleone  36. 

*Brioschi  dott.  comm.  Francesco,  predetto. 

*Hajech  dott.  Camillo,  $fe,  .£,  membro  dell'Ateneo 
di  Milano,  professore  ordinario  di  fisica  nel  R.  Li- 
ceo Beccaria  in  Milano,  ec.  -  Milano,  via  Olmetto  1. 
Stoppani  ab.  Antonio,  ^,  uno  dei  XL  della  Società 
italiana  delle  scienze,  prof,  ordin.  di  geognosia  e 
mineralogia  applicata  nel  R.  Istituto  tecnico  superiore 
in  Milano  -  Milano,,  via  Annunciata  2. 


01  SCIENZE  E   LETTERE  2  5q 

Schiaparelli  ing.  cav.  Giovanni,  predetto. 

Mantegazza  dott.  Paolo,  uff.  >^,  prof,  di  antropologia 
al  Museo  di  fìsica  e  storia  naturale  a  Firenze,  de- 
putato al  Parlamento  naz.  -  Firenze. 

Cantoni  dott.  Gio.,  comm.  0,  uff.  ■%-,  segretario  ge- 
nerale al  Ministero  dell'istruzione  pubblica,  diret- 
tore delle  osservazioni  meteorologiche  e  prof.  ord. 
di  fìsica  sperimentale  nella  R.  Università  di  Pavia, 
deputato  al  Parlamento  nazionale  -  Firenze. 

Cremona  Luigi,  uff.  ^,  cav.  ^c  e  dell'ordine  del  me- 
rito civile  di  Savoja,  uno  dei  XL  della  Società  italiana 
delle  scienze,  membro  accademico  dell'  Accademia 
delle  scienze  dell'  Istituto  di  Bologna,  socio  corr. 
della  Società  reale  di  Napoli,  della  Società  reale  di 
Gottinga,  della  R.  Accademia  di  Lisbona,  della  So- 
cietà filomatica  di  Parigi,  della  R.  Accad.  di  scienze, 
lettere  ed  arti  di  Modena,  dell'Istituto  veneto  di 
scienze,  della  Accademia  dei  Lincei  a  Roma,  ec, 
prof,  di  geometria  superiore  e  di  statica  grafica  nel 
R.  Istituto  tecnico  superiore  di  Milano  -  Milano, 
via  s.  Andrea  1 1. 

Sangalli  dott.  Giacomo,  prof,  orditi,  di  anatomia  e  pa- 
tologia nell'  Università  di  Pavia,  socio  di  varie  ac- 
cademie -  Milano,  via  Gesù  5. 

Casorati  dott.  Felice,  ^,  ufficiale  ^-,  uno  dei  XL 
della  Società  italiana  delle  scienze,  prof,  di  calcolo 
integrale  e  differenziale  nell'  Università  di  Pavia  - 
Milano,  corso  Porta  Nuova  /\o. 

Soci  corrispondenti  italiani. 

Agudio  ing.  Tommaso  -  Torino. 

Albini  Giuseppe,  fjjfe,  professore  di  fisiologia  nell'Uni- 
versità di  Napoli. 

Ambrosoli  dott.  Carlo,  medico  primario  dell'Ospedale 
Maggiore  di  Milano -Milano,  via  Monte  Napoleone  io. 

Anzi  prof.  Martino  -  Como. 

Arrivabene  ing.  Antonio  -  Mantova. 


2/fo  R.   ISTITUTO   LOMBARDO 

Axerio  Giulio ,  %,  ingegnere  ed  ispettore  nel  corpo 
delle  miniere  -  Milano,  corso  s.  Celso  9. 

Balardini  dott.  Lodovico,  ^|  -  Brescia. 

Banfi  Camillo,  professore  di  chimica  presso  l'Istituto 
tecnico  di  s.  Marta  -  Milano,  via  Cappuccio   19. 

Beltrami  dott.  Eugenio,  §  e  ^,  uno  dei  XL  della 
Società  italiana  delle  scienze,  professore  di  mecca- 
nica razionale  nella  R.  Università  di  Bologna. 

Belli  Enrico,  comm.  jjfè,  e  -)(-,  uno  dei  XL  della  società 
italiana  delle  scienze,  prof,  di  analisi  superiore  nel- 
T  Università  di  Pisa. 

Bi/.zozero  dott.  Giulio  -  Pavia. 

Bosi  prof.  Luigi,  $fè,  socio  dell'Accademia  medicochi- 
rurgica di  Ferrara  -  Ferrara. 

Brighenti  prof.  Maurizio,  coirmi,  ^|,  emerito  ispettore 
d'acque  e  strade  -  Rimini. 

Bufalini  Maurizio,  gr.  cord.  0.,  gr.  uff.  -fc-,  cav.  del- 
l'ordine del  merito  civile  di  Savoja,  senatore  del 
Regno,  professore  di  clinica  medica  nell'Arcispedale 
di  Santa  Maria  Novella  a  Firenze,  ec. 

Calori  prof.  Luigi,  ^  e  -£,  presidente  dell'Accademia 
delle  scienze  dell'  Istituto  di  Bologna,  e  preside  della 
facoltà  di  medicina  e  chirurgia  di  quella  R.  Uni- 
versità. 

Cannizzaro  Stanislao,  comm.  0,  uff.  ^-,  cav.  dell'or- 
dine del  merita  civile  di  Savoja,  uno  dei  XL  della 
Società  italiana  delle  scienze,  professore  di  chimica 
inorganica  nell'Università  di  Palermo. 

Cavalieri  padre  Giovanni  Maria,  membro  dell'Ateneo  e 
della  Società  ital.  di  scienze  naturali  di  Milano,  pro- 
fessore di  fisica  nel  collegio  dei  Barnabiti  in  Monza. 

Cenedella  doti.  Attilio,  ^,  professore  titolare  di  chi- 
mica nel  R.  Istituto  tecnico  di  Brescia  -  Brescia. 

Cesati  barone  Vincenzo,  -)(-,  prof,  di  botanica  e  di- 
rettore dell'  Orto  botanico  nella  R.  Università  di 
Napoli,  membro  di  varie  accademie  -  Napoli; 

Chiozza  Luigi,  prof,  emerito  di  chimica  tecnica  presso 
la  Società  d'incoraggiamento  in  Milano  -  Udine. 


di  Scienze  e  lettere  241 

Colombo  ing.  Giuseppe,  >§|,  jfc,  prof,  di  meccanica 
industriale  presso  il  R.  Istituto  tecnico  superiore  - 
Milano,  via  s.  Andrea   12. 

Corradi  Alfonso,  fjfè,  professore  di  patologia  generale 
nell'Università  di  Pavia. 

Cortese  prof.  Francesco,  comm,  ^,  uff.  -£,  ispettore  é 
membro  del  Consiglio  sup.  di  sanila  militare  -  Firenze. 

Corvini  Lorenzo,  ^,  dottor  fisico,  prof,  di  patologia  ge- 
nerale, di  anatomia  patologica,  di  zoologia  e  di  storia 
e  letteratura  nella  R.  Scuola  superiore  di  medicina 
veterinaria  di  Milano,  membro  del  Consiglio  sani- 
tario provinciale,  membro  dell'Accademia  scienti- 
fico-letteraria dei  Concordi  di  Rovigo  e  socio  corri- 
spondente della  Società  nazionale"  di  medicina  ve- 
terinaria di  Torino  -  Milano,  via  Palestro  1*2. 

Cusani  nob.  Luigi,  dottore  in  matematica  -  Milano > 
via  Borgo  Nuovo  11. 

De  Bosis  ing.  Francesco,  professore  di  storia  naturale 
neir  Istituto  tecnico  di  Ancona. 

De  Luca  Sebastiano,  ufi.  ^|,  prof,  di  chimica  nell'Uni- 
versità di  Napoli. 

Dell'Acqua  dolt.  Felice,  doti,  in  medicina^  chirurgia 
e  zoojatria,  socio  corrispond.  di  varie  accademie, 
membro  del  Comitato  milanese  di  vaccinazione  ani- 
male, aggiunto  medico  municipale  -  via  Cernaja  7. 

De  Notaris  Giuseppe,  comm.  ^,  uff.  -#•  e  dell'ordine 
del  merito  civile  di  Savoja,  uno  dei  XL  della  So- 
cietà italiana  delle  scienze,  professore  di  botanica 
nella  Università  di  Genova. 

Di  San  Robert  conte  Paolo,  colonnello  d'artiglieria, 
membro  dell'Accademia  delle  scienze  di  Torino. 

Doma  Alessandro,  ^,  prof,  di  meccanica  celeste  alla 
Università  di  Torino,  direttore  di  quell' Osservato- 
torio  astronomico  -  Torino. 

Dubini  dolt.  Angelo,  ^,  corrispond.  di  varie  accad. 
scientifiche^  medico  prim.  dell'  Ospedale  Magg.  di 
Milano,  ec  r  Milano,  corso  Vittorio  Emanuele  26. 
Guida   1871  —  16 


1^1  R.    ISTITUTO    tOMBARDÒ 

Ferrano  Ercole,  dott.  fisico  -  Gallarate. 

Ferrini  Rinaldo,  -fc-,  prof,  dì  fisica  nell'Istituto  tecnico 
di  s.  Marta  in  Milano  -  Milano,  via  Olmetto   17. 

Figari  Bey  dott.  cav.  Antonio,  prof,  di  storia  naturale 
nella  Scuola  medica  e  farmaceutica  al  Cairo. 

Fossati  dott.  cav.  Felice  -  Parigi. 

Frapolli  dolt.  Agostino,  $fe,  prof,  di  chimica  presso  la 
Società  d'incoraggiamento  d'  arti  e  mestieri  in  Mi- 
lano, ec.  -  via  Amedei  4« 

Gallo  prof.  Vincenzo,  dott.  in  matematica  ed  ingegnere 
idrografo,  professore  di  astronomia  nautica  nelle 
Scuole  nautiche  de' litorali  austriaci,  ec.  -  Trieste. 

Genocchi  ing.  Angelo,  ^,  uno  dei  XL  della  Società 
italiana  delle  scienze,  professore  di  matematica  neìla 
R.  Università  di  Torino. 

Gibelli  doti.  Giuseppe,  assistente  alla  cattedra  di  bo- 
tanica nell'Università  di  Pavia. 

Govi  Gilberto,  uff.  >H ,  socio  corrispondente  della 
Accademia  dei  Lincei  a  Roma,  professore  di  fìsica 
nell'  Università  di  Torino. 

Grillini  dott.  Romolo,  0  e  cav.  della  Legion  d'onore 
di  Francia,  medico  primario  emerito  dell'  Ospedale 
Maggiore,  membro  del  Consiglio  degli  Orfanotrofj  e 
Luoghi  pii  annessi,  direttore  dell'Ospizio  degli  esposti 
e  delle  partorienti,  socio  di  varie  accademie  nazio- 
nali e  straniere,  ec.  -  via  Francesco  Sforza  33. 

Lavizzari  prof.  Luigi  -  Lugano. 

Lemoigne  dott.  Alessio,  prof,  di  anatomia  e  fisiologia 
veterinaria  nella  Università  di  Parma,  prof,  slraord. 
di  zoologia  e  zootecnia  degli  animali  superiori  nella 
R.  Scuola  superiore  di  agricoltura  in  Milano  -  Mi- 
lano, sobborgo  P.  Venezia,  piazza  del  Mercato  2. 

Lombroso  dolt.  Cesare,  prof,  di  clinica  per  le  malat- 
tie mentali  nell'Università  di  Pavia. 

Lussana  dott.  Filippo,  -fc-,  professore  di  fisiologia  nella 

w  Università  di  Parma, 
«ggi    ott.  Leopoldo,  assistente  del  gabinetto  di  sto* 


DI   SCIENZE   E   LETTERE  ifó 

ria  naturale  della  R.  Università  di  Pavia,  incaricato 
dell' insegnamento    della    mineralogia   e   geologia. 

Malaguli  prof.  Faustino,  uno  dei  XL  (iella  Società  ila- 
liana  delle  scienze  -  Parigi. 

Meneghini  Giuseppe,  f||  e  -)(-,  uno  dei  XL  della  So- 
cietà italiana  delle  scienze,  prof,  di  botanica  nella 
Regia  Università  di  Pisa. 

Moleschott  comni.  Giacomo,  prof,  di  fisiologia  nel- 
l'Università di  Torino. 

Oehl  Eusebio,^  e  della  Legion  d'onore,  professore 
di  fisiologia  nella  R.  Università  di  Pavia. 

Omboni  dott.  Giovanni,  prof  di  mineralogia  e  geolo- 
gia nella  R.  Università  di  Padova. 

Padulli  conte  Pietro,  istruttore  nel  laboratorio  chimico 
e  conservatore  delle  collezioni  sociali  presso  la  So- 
cietà d'incoraggiamento  d'arti  e  mestieri  in  Milano 
-  Milano,  via  Monforte   iG. 

Panceri  doti.  Paolo,  socio  corrispond.  dell'Accad.  delle 
scienze  fisiche  e  matematiche  della  Società  R.  di  JNa- 
poli,  prof,  di  anatomia  comparata  di  quell'Università, 

Pasi  dott.  Carlo,  ^,  prof,  di  agronomia  presso  il  R.  Isti- 
tuto tecnico  superiore  in  Milano  —  Milano,  via  Ba- 
gutta  4- 

Pavesi  cav.  Angelo^  prof,  di  chimica  nel  R.  Istituto  tec- 
nico super,  di  Milano,  ec.  -  via  Principe  Amedeo  3. 

Peluso  nob.  dott.  Francesco,  §  e  ^,  ■  Milano,  via 
Giardino  1. 

Pertusatì  conte  Francesco  -  Milano,  corso  P.  Romana  So* 

Pirovano  dott.  Giovanni,  uff.  ^-,  fH,  ingegnere-capo  dei 
Genio  Civile  -  Milano,  via  Fate-bene-fratelli    i3. 

Platner  dott.  Camillo  ,  $fè,  prof,  di  medicina  legale  e 
polizia  medica  nell'  Università  di  Pavia. 

Poggiale  prof.  IVI.  -  Parigi. 

Porro  Ignazio,  uff.  ^c,  profess.  straord.  di  celerimett* 
stira  nell'Istituto  tecnico  superiore  di  Milano  -  Mi- 
lano, corso  Magenta  48. 

Promis  Carlo,  corani,  $fè,  uff.  fa  cav.  del  merito  civile 


2^4  K*    ISTITUTO   LOMBARDO 

di  Savoja,  regio  archeologo,  membro  corrispondente 
della  classe  filosofico-slorica  della  R.  Accademia 
delle  scienze  di  Berlino,  professore  d'architettura 
civile  neh'  Università  di  Torino. 

Quaglino  Antonio,  $fcs  prof,  d'oculistica  nell'Università 
di  Pavia  -  via  s.  Andrea   i3. 

Robolotti  dolt.  Francesco,  ijjfè  -  Cremona. 

Savi  Paolo,  comm.  ^,  -)(-,  membro  e  cav.  del  Consiglio 
dell'ordine  del  merito  civile  di  Savoja,  senatore, 
uno  dei  XL  della  Società  italiana  delle  scienze, 
prof,  di  storia  naturale  nella  R.   Università  di  Pisa. 

Scacchi  Arcangelo  ,  comm.  ^,  uff.  ^-,  senatore  del  Re- 
gno, prof,  di  mineralogia  nell'Università  di  Napoli. 

Schifi  Maurizio,  uff.  fjjfè  e  -)(-,  prof,  di  zoologia  compa- 
rala nell'Istituto  di  studi  superiori  di  Firenze. 

Schivardi  doti.  Plinio  -  Milano,  via   Durini  32. 

Secchi  padre  Angelo,  uno  dei  XL  della  Società  ita- 
liana delle  scienze,  membro  corrispondente  dell'I- 
stituto di  Francia,  prof,  d'astronomia  e  direttore 
dell'Osservatorio  del  Collegio  romano  -  Roma. 

Sella  prof.  Quintino,  gr.  cord.  ^,  cav.  del  merito 
civile  di  Savoja,  ministro  delle  finanze,  uno  dei  XL 
della  Società  italiana  delle  scienze,  socio  corrispon- 
dente della  Accademia  dei  Lincei  a  Roma,  depu- 
tato al   Parlamento,  ec.  *  Firenze. 

Selmi  Gio.  Francesco,  uff.  |||,  Jfc,  prof,  ordinario  di 
chimica  -farmaceutica  nella  R.  Università  di  Bologna. 

Semmola  prof.  Mariano,  comm.  del  R.  Ordine  di  s.  Lo- 
dovico e  di  quello  del  Nisciam-Iftikar,  uff.  ^|,  -#-, 
socio  corrispondente  di  varie  accademie,  prof,  di 
materia  medica  e  di  terapia  e  direttore  del  gabinetto 
di   materia  medica  nella  R.  Università  di  Napoli. 

Serpieri  P.  Alessandro  delle  scuole  pie,  prof,  di  fisica 
e  direttore  del  gabinetto  dì  fìsica  nell'Università 
d'Urbino  e  preside  del  Liceo  Raffaello  -  Urbino. 

Sismonda  Angelo,  gr.  uff.  ^,  comm.  -#-  e  dell'  ordine 
del  merito  civile  di  Savoja,  senatore  del  Reguo,prof. 
di  mineralogia  e  direttore  del  Museo  mineralogico 


DI  SCIENZE  E  LETTERE  1^5 

dell'  Università  di  Torino,  membro  del  Consiglio 
universitario,  uno  dei  XL  della  Società  italiana 
delle  scienze  -  Torino. 

Tardy  Placido,  comm.  ìjfè  e  uff.  J)£,  uno  dei  LX  della 
Società  ital  ana, delle  scienze,  prof.  nell'Università 
di  Genova. 

Tommasi  Salvatore,  comm.  >||,  uff.  -fc-,  senatore  del 
Regno,  prof,  ordin.  di  patologia  medica  speciale  e 
di  clinica  medica  nella  R.  Università  di  Napoli. 

Trompeo  doli.  Benedetto,  comm.  ^  -  Torino. 

Valsuani   dott.  Emilio,  0  -  Milano,    via  Monforte  2. 

Villa  Antonio,  naturalista  -  Milano,  via  Sala  6. 

Villari  Emilio,  prof,  di  fisica  e  chimica  nel  R.  Liceo 
Dante  di  Firenze. 

Visconti  dott.  Achille,  medico  ajutante  nell'Ospedale 
maggiore  di  Milano  -  via  Boschetti  6. 

Volpicela  prof  Paolo,  segretario  perpetuo  dell'Acca- 
demia Pontificia  de' Nuovi  Lincei  a  Roma. 

Zucchi  dott.  Carlo,  ^  -  Bergamo. 

Soci  corrispondenti  stranieri. 

Agassiz  Luigi,  dott.  in  medicina  a  Boston. 

Berghaus  professore  Enrico  —  Golha. 

Bertulus  dott.  Evaristo,  cav.  della  Legione  d'  onore, 
prof,  di  clinica  medica  -  Marsiglia. 

Brandt,  J.  F.  membro  dell'Accademia  imperiale  delle 
scienze  a  Pietroburgo. 

Bunsen  Roberto  Guglielmo,   chimico.  —  Heidelberg. 

Calmeli,  direttore  del  manicomio  imp.  di  Charenton. 

Cayley  Arturo,  prof,  di  matematica  nell'Università  di 
Cambridge  e  membro  della  Società  reale  di  Londra. 

Chasles  Michele,  membro  dell' Islit.  di  Francia  -  Parigi. 

Christoffel  E.  B.,  prof,  di   matematica  a  Berlino. 

Clebsch  A.,  idem  nell'Università  di  Gottinga. 

Daubrée  Gabriele  Augusto  ,  membro  dell'  Istituto  di 
Francia  ec.  -  Parigi. 

De  Beaumont  Elia,  geologo,  segretario  perpetuo  del- 
l'Istituto di  Francia  perle  scienze  matematiche  -  Parigi. 


246  R.    ISTITUTO   LOMBARDO 

De  la  Rive  Augusto,  professore  di  fisica  nell'Accade- 
mia di  Ginevra,  ec. 

Delasse  Achille  ,  prof,  di  geologia  nella  scuola  nor- 
male a  Parigi. 

Desor  Edoardo  ,  prof,  di  geologia  nella  scuola  poli- 
tecnica a  Neufrhàtel. 

Dumas  G.  B.,  chimico,  membro  dell'Istituto  di  Fran- 
cia —  Parigi. 

Gòpperl  Enrico  Roberto,  prof,  di  botanica  nella  Reale 
Università  di  Breslavia. 

Haidinger  cav.  Guglielmo,  direttore  dell'Istituto  geo- 
logico a  Vienna,  ec. 

Hehnboltz  Ermanno  Luigi  Federico,  prof,  di  fisica 
neil'  Università  di  Berlino. 

Henry  Giuseppe,  segretario  della  Istituzione  smitsho- 
niana  a  Washington. 

Hermite  Carlo,  membro  dell'Istituto,  prof,  di  mate- 
matica nella  scuola  politecnica  -  Parigi. 

Hyrll  Giuseppe,  prof,  d'anatomia  nell'Univ.  di  Vienna, 
membro  di  quell'Accademia  imp.  delle  scienze. 

Humphreys  A.  A.,  luogotenente  colonnello  del  Corpo 
degli  ingegneri  topografici,  ec.  -  Washington. 

Jacobi  cav.   IVI.  H.  —  Pietroburgo. 

Joly  Augusto,  prof,  di  geologia  alla  facoltà  di  Tolosa. 

Jordan  ing.  Camillo  -  Parigi. 

Kòlliker  A.,  prof,  di  anatomia  e  fisiologia  a  Wiirzburg. 

Kronecker  prof.  Leopoldo  -  Berlino. 

Kurnmer  Ernesto  Edoardo ,  membro  dell'Accademia 
di  Berlino,  prof,  di  matemal.   in  quella  Università. 

Larrey  bar.  H.,  membro  dell'Accad.  imp.  di  medie,  di 
Parigi,  chirurgo  di  S.  M.  I.  Napoleone  IH  -  Parigi. 

Lefort  Leone,  prof,  aggregato  alla  facoltà  di  medicina, 
chirurgo  all'Ospedale  Cochin. 

Le-Verrier  prof.  Urbano,  astronomo  —  Parigi. 

Liebig  cav.  prof.  Giusto,  chimico  —  Monaco. 

Maury  M.  F.,  idrografo  -  Washington. 

Mendez  Alvaro  doli.  Francesco  -  Madrid, 


DI  SCIENZE   E  LETTERE  llfl 

Neumann  Carlo,  prof,  di  matematica  nell'Università 
di  Lipsia. 

Owen  Riccardo,  direttore  delle  collezioni  di  storia 
naturale  al  Britìsli  Museum  -  Londra. 

Pasteur  prof.  Luigi,  membro  dell'Istituto  di  Fran- 
cia -  Parigi. 

Pouchet  prof,  F.  A.  •  Rouen. 

Quatrefages  prof.  Armando,  membro  dell'Istituto  im- 
periale di  Francia  -  Parigi. 

Quetelet  Adolfo,  direttore  dell'Osservatorio  astrono- 
mico e  segretario  dell'Accademia  reale  di  Bruxelles. 

Regnault  prof.  Enrico  Vittore,  fisico,  membro  del- 
l'Istituto di  Francia  —  Parigi. 

Rùppell  dott.  Edoardo,  segretario  della  Società  sen* 
ckenbergiana  di  scienze  naturali  a  Francoforte  sul 
Meno. 

Schiarii  Luigi,  prof,  di  matematica  nell'Università  di 
Berna. 

Schmidt  dott.  E.  R.,  naturalista  —  Jena. 

Scliròtter  prof.  Antonio,  segretario  dell'Accademia  imp, 
delle  scienze  di  Vienna. 

Studer  Bernardo,  prof,  di  geologia  nell'Università  di 
Berna. 

Ullersperger  prof.  cav.  G.  B.  -  Monaco. 

Vaillant  S.  E.  il  maresciallo  G.  B.  Filiberto,  membro 
dell'Accademia  imperiale  delle  scienze  di  Parigi,  ec. 

Wheatstone  prof.  Carlo,  fisico.  -  Londra. 


CLASSE  DI  LETTERE  E  SCIENZE  MORALI  E  POLITICHE. 

Segretario. 

*Carcano  nob.  Giulio,  comm.  -fc-  e  uff.  ^,  membro  or- 
dinario del  Consiglio  superiore  di  pubblica  istru- 
zione, consultore  del  Museo  patrio  d'archeologia, 
socio  di  varie  accademie,  ec,  »  Milano,  corso  Porta 
Venezia  81. 


7^S  R.   ISTITUTO   LOMBARDO 

Membri  onorar/, 

Manzoni  nob.  Alessandro,  predetto. 

Capponi  S.  E.  march.  Gino,  gr.  cr.  ^  e  -#-,  membro 
del  Consiglio  dell'ordine  del  merito  civile  di  Savoja, 
senatore  del  Regno  -  Firenze, 

Mamiani  Della  Rovere  conte  Terenzio,  gr.  cord.  $Q$, 
gr.  cr.  -£,  cav.  dell'ordine  del  merito  civile  di  Sa- 
voja e  dell'ordine  di  s.  Salvatore  di  Grecia,  vice- 
presidente del  Consiglio  superiore  di  pubblica  istru- 
zione, consigliere  di  stato,  senatore  del  Regno,  ec. 

Pasolini  conte  Giuseppe,  corani.  0,  gr.  uff.  -^,  sena- 
tore del  Regno  -  Firenze. 

Poggi  Enrico,  comm.  ^/senatore  del  Regno,  presi- 
dente di  sezione  alla  Corte  di  cassazione  -  Firenze. 

Sclopis  S.  E.  conte  Federico  di  Salerano,  gr.  croce  $fe9 
membro  del  Consiglio  dell'ordine  del  merito  civile 
di  Savoja,  ministro  di  stato,  senatore  del  Regno,  ec.  • 
Torino. 

Membri  effettivi, 

*  Poli  prof.  Baldassare,  socio  di  varie  accademie -Mi- 

lano, corso  Venezia  49» 

*  Rossi  dott.  Frane,  ^,  consultore  del  Museo  patrio 

d'archeologia,  membro  corrispond.  dell'Accad.  delle 
scienze  di  Vienna,  bibliolecario  emerito  della  Biblio- 
teca naz.  di  Brera  -  Milano,  via  Borgo  Nuovo  18. 

*Biondelli  dott.  Bernardino,  ijjfé,  professore  d'archeolo- 
gia e  numismatica,  direttore  del  R.  Gabinetto  numi- 
smatico, consultore  del  Museo  patrio  d'archeologia, 
membro  della  R.  Commissione  per  la  pubblica- 
zione dei  testi  di  lingua,  socio  di  varie  accademie 
nazionali  e  straniere  -  Milano,  via  Brera  28. 

*Cantù  Cesare,  comm.  ^c,  membro  del  Consiglio  dell'or- 
dine del  merito  civile  di  Savoja, *§»,  cav.  della  Legion 
d'onore  di  Francia,  commend.  dell'ordine  del  Cri- 
sto di  Portogallo ,  grande  ufficialo  dell'ordine  della 


DI   SCIENZE    E  LETTERE  2  49 

Guadalupa,  accademico  della  Crusca  e  delle  Acca- 
demie d*  archeologia  di  Roma,  di  Anversa,  di  Nor- 
mandia ecc.,  corrispondente  degli  Istituii  di  Francia, 
del  Belgio,  di  Ungheria,  di  Coimbra,  di  Nuova- 
York,  di  Fernambuco,  d* Egitto  e  dei  principali  d'  I- 
talia  deputato  sopra  gli  studi  di  storia  patria,  ecc., 
-  Milano,  via  Morigi  5. 

Jacini  dott.  Stefano,  gr.  cord.  ^|,  gr.  uff.  Jfc,  senatore 
del  Regno,  già  ministro    dei    lavori  pubblici,  socio 
corrisp.  de'Georgofili  -  Milano,  via  Lauro  3. 
^Sacchi  dott.  Giuseppe,  uff.  ||| ,  bibliotecario   di   Bre- 
ra, ec.  -  via  Brera  28. 

Restelli  avv.  Francesco,  comm.  0,  uff.  ^-,  deputato 
al  Parlamento,  ec.  -  via  Spiga  17. 

Maggi  dott.  Pietro  Gius.  -  Milano,  via  Chiosetto  io. 
"Carcano  nob.  Giulio,  predetto. 

Ceriani  ab.  doti.  Antonio,  ^,  prefetto  dell'Ambro- 
siana, membro  corrispondente  della  classe  filosofico- 
storica  della  R.  Accademia  delle  scienze  di  Belino, 
prof,  di  lingue  orientali,  consultore  del  Museo  patrio 
d'archeologia  -piazza  Rosa  2 

Castiglioni  dott.  cav.  Cesare,  predetto. 

Ascoli  Graziadio  Isaia,  §  e  uff.  Jfc,  membro  corrispon- 
dente della  Società  orientale  americana  (  New-Ha- 
wen),  membro  ordinano  della  Società  orientala  ger- 
manica di  Halle  e  Lipsia,  prof,  di  linguistica  nell'Ac- 
cademia scientifico-letteraria  di  Milano  -  Milano, 
via  Pontaccio  if\. 

Biffi  dott.  Serafino,  0,  -)(-,  direttore  del  privato  ma- 
nicomio Villa  Antonini ,  membro  di  varie  accade- 
mie, ec.-  corso  s.  Celso  3i. 

Ferrari  dott.  Giuseppe,  professore  di  filosofia  della  sto- 
ria, deputato  al  Parlamento  naz.  -  Firenze. 

Strambio  dott.  cav.  Gaetano,  compilatore  della  Gaz- 
zetla  medica  italiana  (Lombaidia) ,  medico  ordi- 
nario dell' Orfanotrofio  femminile,  socio  delle  Ac- 
cademie mediche  di  Napoli,  di  Bologna,  di  Genova, 


m5o  b.  istituto  lombardo 

di  Costantinopoli ,  di  Rovigo,  dell' Accademia  olim- 
pica di  Vicenza,  prof,  di  anatomia  nella  R.  Acca- 
demia di  belle  arti  in  Milano,  ec.  -  via  Bigli   i5. 

Belgiojoso  conte  Girlo,  uff  ^,  e  Jfc,  presidente  del- 
l'Accademia di  belle  ai  ti,  consultore  del  Museo  pa- 
trio d'archeologia  -  Milano,  via  Morigi  9. 

Buccellati  ab.  Antonio ,  prof,  ordinario  di  diritto  e 
procedura  penale  nella  R.  Università  di  Pavia. 

Tenca  Carlo,  uff.  ^  e  -#-,  membro  ordinario  del  Con- 
siglio superiore  d'istruzione  pubblica,  deputato  al 
Parlamento*  ec.  -  via  Andegari  12. 

Soci  corrispondenti  italiani. 

Allievi  dott.  Autonio,  cornili,  -)£-,  prefetto  della  Prov.  di 
Verona. 

Amati  prof.  Amato  ,  preside  del  R.  Liceo  Sarpi  di 
Bergamo. 

Bissolati  prof.  Stefano,  ^|,  bibliotecario  della  R.  bi- 
blioteca in  Cremona. 

Boccardo  avv.  Gerolamo,  comm.  ijjfè,  uff.  -)(-,  cav.  del 
merito  civile  di  Savoja,  prof,  ordinario  di  economia 
politica  nella  R.  Università  di  Genova. 

Bonghi  prof.  Ruggero,  comm.  ■)(-,  membro  ordinario  del 
Consiglio  superiore  d' istruzione  pubblica,  deputato 
al  Parlalamenlo  nazionale  -  Milano,  via  Borgogna  3. 

Broglio  doti.  Emilio,  gr.  uff.  >||  e  gr.  cr.  ^- ,  de- 
putato   al  Parlamento  nazionale  -  Firenze. 

Conestabile  della  Staffa  conte  Gian  Carlo,  uff.  ^, 
membro  corrispondente  dell'Istituto  di  Francia,  prof, 
ordinario  di  archeologia  nell'  Università  libera  di 
Perugia. 

Carcano  avv.  Giovanni,  ^  -  Milano  via  s.  Andrea  7. 

Carducci  Giosuè,  uff.  ^,  prof  di.  lettere  italiane  nella 
R.  Università  di  Bologna. 

Ceruti  sac.  Antonio,  dottore  della  Biblioteca  Ambro- 
siana -  Milano,  via  s.  Maria  Fulcorina  9. 


DI   SCIENZE   E   LETTERE  20  1 

Comparetti  Domenico,  ^  professore  di  lettere  greche 
nella  R.  Università  di  Pisa. 

Correnti  Cesare,  comm.  s|g  e  gr.  uff.  Jfc,  consigliere  di 
Sialo,  deputalo  al  Parlamento,  ministro  dell'istru- 
zione pubblica  -  Firenze. 

Cossa  nob.  Giuseppe,  dottore  in  matematica  ,  socio 
dell'Accademia  dei  Quiriti  di  Roma,  socio  d'onore 
dell'Ateneo  di  Brescia  -  Milano,  via  Brera  '20. 

D'Ancona  Alessandro,  0,  profess.  di  lettere  italiane 
nella  R.  Università  di  Pisa. 

De  Rossi  Gio  Battista ,  comm.  della  Legion  d'onore, 
membro  dell'  Istituto  di  Francia  -  Roma. 

Dii>i  abate  Francesco,  membro  dell'I.  Società  asiatica 
di  Parigi  e  di  quella  R.  di  Londra,  socio  dell'Ateneo 
di  Brescia  e  della  R.  Commissione  per  la  pubbli- 
cazione dei  testi  di  lingua,  e  di  altre  accademie  - 
Firenze. 

Fabretti  Ariodante,  uff.  fjfé,  cav.  dell'ordine  del  merito 
civile  di  Savoja,  prof,  ordinano  di  archeologia  greco- 
latina  e  membro  della  R.  Accademia  delle  scienze 
di  Torino  -  Torino. 

Fano  dott.  Enrico,  ^|,  assessore  municipale,  deputato 
al  Parlamento  naz.,  ec.  -  Foro  Bonaparte  1. 

Frizzi  doli.  Lazzaro,  deputato  al  Parlamento  nazionale  - 
Milano,  via  s.  M.  Segreta  i'i. 

Gabba  Carlo  Francesco,  prof,  di  diritto  all'Università 
di   Pisa. 

Giorgini  Gaetano,  gr.  ufi.  §e^}  senatore  del  Re- 
gno, ec.  -  Pisa. 

Giorgini  Giovanni  Battista,  ^,  prof,  ordinario  di  storia 
del  diritto  all'Università  di  Pisa,  deputato  al  Par- 
lamento nazionale  -  Pisa. 

Imperatori  avv.  G.  B.,  ^,  ec.  -  via  Gozzadini  5q. 

Lancia  di  Brolo  Federico,  -fc-,  uff.  ijfé,  comm.  dell'ordi- 
ne gerosolimitano,  vice-presidente  dell'Assemblea  di 
storia  patria  e  della  Società  di  acclimazione  e  di 
agricoltura,  professore,  segretario  della  R.  Acca- 
demia di  scienze  di  Palermo. 


l57,  ».   ISTITUTO  LOMBARDO 

Lasinio  Fausto,  prof,  ordinario  di  letteratura  semitica 
nella  R.  Università  di  Pisa. 

Latles  dott.  Elia,  prof,  di  antichità  civili,  greche  e  ro- 
mane nella  R.  Accademia  scientifico-letteraria  di 
Milano  -  Milano,  via  Senato  22. 

Longoni  prof.  Luigi,  primo  vice-bibliotecario  nella 
Biblioteca  naz.  di  Milano  -  Milano,  via  Brera  28. 

Maestri  dott.  Pietro,  cornm.  %  e  dell'ordine  di  s.  Anna 
di  Russia,  direttore  della  Statistica  generale  del  Re- 
gno al  Ministero  di  agricoltura,  industria  e  com- 
mercio -  Firenze. 

Maffei  cav.  Andrea,  comm.  ^  -  Riva  di  Trento. 

Malfatti  Bartolomeo,  >fc,  prof,  di  geografia  nella  R.  Ac- 
cademia scientifico-letteraria  di  Milano  -  via  Bigli  21. 

Mancini  Luigi,  prof,  di  letteratura  italiana  al  Liceo  di 
Fano. 

Marescotti  Angelo,  J£,  prof,  di  economia  politica  nella 
R.  Università  di  Bologna. 

Mauri  prof.  Achille,  gr.  uff.  ^,  comm.  ^  e  della  Le- 
gion  d'onore,  consigliere  di  Stato  -  Firenze. 

Minervini  dott.  Giulio,  Jfc,  archeologo,  membro  cor- 
rispondente della  classe  filosofico-slorica  della  R.  Ac- 
cademia delle  scienze  di  Berlino  e  dell'Istituto  di 
Francia  -  Napoli. 

Nannarelli  prot.  Fabio  -  Roma. 

Negri  Cristoforo,  gr.  uff.  ijfè,  uff.  -£,  presidente  della 
Società  geografica  di  Firenze,  console  generale  di 
i.a  classe,  consultore  legale  del  Ministero  degli  affari 
esteri  -   Firenze. 

Palma  Luigi,  prof,  di  economia  politica  e  di  diritto 
nel  R.  Istituto  tecnico  di  Bergamo. 

Panizzi.dott.  Antonio,  comm.  -^senatore  del  Regno, 
bibliotecario  emerito  del  British  Museum,  ec.  -  Fi- 
renze. 

Pescatore  Matteo,  comm.  ^|,  uff.  -£,  deputato  al  Par- 
lamento nazionale,  consigliere  alla  Corte  di  cassa- 
zione  a  Torino. 


&I   SCIENZE   E   LETTERE  ^53 

Pezzarossa  sac.  Giuseppe,  $fè,  parroco  di  Casalmoro. 

Picchioni  Girolamo,  uff.  >||,  prof,  di  letteratura  greca 
e  preside  dell'  Accademia  scientifico-letteraria  in 
Milano  -  Milano,  via  Solferino  i5. 

Piola  nob.  Giuseppe,  0,  ec.  -  corso  Venezia  32. 

Rosa  dott.  cav.  Gabriele,  membro  della  Deputazione 
provinciale  di  Brescia  -  Brescia. 

Rola  avv.  Giuseppe,  Hfé,  professore  di  letteratura  latina 
nella  R.  Università  di  Pavia. 

Staffa  avv.  Scipione,  $fe  -  Napoli. 

Tamagni  dott.  Cesare,  %,  ^-,  prof,  di  lettere  latine 
nella  R.  Accademia  scientifico-letteraria  di  Milano  - 
via  Solferino  25. 

Teza  dott.  Emilio,  prof,  di  lingua  e  letteratura  san- 
scrita nella  R.  Università  di  Pisa. 

Todescbini  dott.  Cesare,  ^|,  ec.  -  via  Bigli  i5. 

Vannucci  prof.  Alto,  comin.  ^,  senatore  del  Regno.  - 
Firenze. 

Vignoli  dott.  Tito  -  Milano. 

Villa  Francesco,  sp,  prof,  di  contabilità  nell'Accade- 
mia scientifico-letteraria  di  Milano  -  via  Borromeo  7. 

Visconti  Venosta  nob.  Emilio,  gr.  cord.  >^|,  comm.  -fc-, 
deputato  al  Parlamento  nazionale,  ministro  degli  af- 
fari esteri  -  Milano,  via  Bigli  19. 

Zoncada  Antonio ,  ^,  socio  corrispondente  della  R. 
Accademia  la  Scuola  italica  di  Napoli,  socio  d'  o» 
nore  dell'  Ateneo  di  scienze,  lettere  ed  arti  belle  di 
Bassano,  socio  corrispondente  dell'  x\ccademia  arti- 
stica Raffaello  in  Urbino,  prof,  ordinario  di  lettera- 
tura italiana  nella  R.  Università  di  Pavia  -  Pavia. 

Socj  cor  rispendenti  stranieri, 

Boetblingk  dott.  Ottone,  consigliere  imp,  effettivo  di 
Stato,  membro  dell'Accademia  delle  scienze  di  Pie* 
trohurgo  -  domiciliato  per  ora  a  Jena. 

Czoeruig  (di)  bar.  dott.  Carlo,  statistico  ec.;  a  Vienna, 


254        **.    ISTITUTO    LOMBARDO    DI   SCIENZE  E  LETTERE 

De  Middendorffdott.  A.,  segretario  perpetuo  dell'Ac- 
cademia delle  scienze  di  Pietroburgo. 

Laboulaye  prof.  Edoardo,  membro  dell'Istituto  impe- 
riale di  Francia  -  Parigi. 

Mignct  M.,  segretario  perpetuo  dell' Istituto  di  Francia 
per  le  scienze  morali  -  Parigi. 

Mommsen  prof.  Teodoro  -  Lipsia. 

Raumer  Federico ,  prof,  di  scienze  storico-filosofiche 
nell*  Università  di  Berlino. 

Rey  M.  B.,  sotto  bibliotecario  della  città  di  Montauban. 

Robert  Carlo,  archeologo  —  Parigi. 

Thierry  Amedeo,  storico,  membro  dell' Istituto  imp. 
di  Francia,  ec.  —  Parigi. 

Tiknoor  Giorgio,  storico  -  Boston. 

Witle  Carlo,  prof,  ordinario  di  giurisprudenza  e  di 
diritto  nell'Università  di  Halle. 

Wolowsky  prof.  L. ,  membro  dell'Istituto  di  Fran- 
cia, ec.  -  Parigi. 

Wright  Guglielmo,  custode  dei  manoscritti  del  Museo 
Britannico  di  Londra. 


Impiegati  addetti  alla  Segreteria. 

Peregalli  Achille,  i.°  ufficiale  -  via  Unione  7. 

N.  N.,  o.°  ufficiale. 

Sinistri  Emilio,  1 .°  applicato  perla  stampa-  via  Morone  6. 

Ottolini  Vittore,  2.0  idem  -  via  Principe  Amedeo  3. 


Riganti  Pietro,  bidello  -  via  Brera  28. 
Mortacela  Gaspare,  inserviente  -  ivi. 


1 55 
REGIA  DEPUTAZIONE 
SOVRA  GLI  STUDJ  DI  STORIA  PATRIA 

Fu  istituita  con  reale  decreto  da  Re  Carlo  Alberto, 
il  26  febbrajo  i835,  per  raccogliere  e- pubblicare  do- 
cumenti, leggi,  cronache,  storie  auliche  del  Piemonte, 
della  Sardegna,  della  Liguria  e  della  Savoja.  Aggre- 
gala la  Lombardia  alle  antiche  Provincie,  fu  aggiunta 
alia  Deputazipne  una  sezione  apposita,  demandandole 
le  ricerche  e  pubblicazioni  concernenti  le  proviucie 
lombarde. 

Sezione  Lombarda. 


N.  N. 


Vicepresiden  te. 


Deputali, 

Bosisio,  canonico  di  Pavia. 

Cantù  comm.  Cesare  ,  relatore,  ec#>  vedi  pag.  248. 

Cossa  nob.  doti.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  25 1. 

Finazzi  canonico  Giovanni  —  Bergamo. 

Mazzoldi  Angelo,  %   -  Montechiari. 

Odorici  Federico  —  Brescia. 

Osio  cav.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  q3o. 

Robolotti  dott.  caV.  Francesco,  ec,  vedi  pag.  2 1\ !\. 

Rosa  dott.  cav.  Gabriele,  ec,  vedi  pag.  253. 

Vignati  ab.  Cesare,  ^|  -  Lodi. 

Porro  Lambertenghi  conte  Giulio,  ec.  vedi  pag.   i5y, 

Ceruti  sac  dott.  Antonio,  ec,  v.  pag.  'i5o. 

Corrisponden  ti, 

Arrigoni  ing.  Giuseppe  -  Introbbio. 

Benvenuti  conte  avv.  Francesco  Sforza,^-  Ombriano. 

Caffi  dott.  Michele  -  Lodi,  ec,  vedi  pag.   1 5j. 

Cocchelti  Carlo  —  Brescia. 

Ferrano  Luigi,  ec,  vedi  pag.  23 1. 

Monti  Maurizio  -  Como. 

Muoni  cav.  Damiano,  ec,  vedi  pag.  25o. 

Rebuschini  Gaspare  •  Bergamo. 


s.56 

SOCIETÀ'  ITALIANA  DI  SCIENZE  NATURALI 

(via  Manin  2) 

Costituitasi  già  da  parecchj  anni  per  promuovere  gli 
studj  geologici  nelle  province  lombarde  e  venete,  ha 
poi  esteso  la  sua  sfera  d'  azione  anche  alle  altre  parti 
della  storia  naturale  e  alle  altre  parti  d'  Italia.  Conta 
in  oggi  circa  duecentosettanta  soci  effettivi,  fra  i  quali 
è  compresa  gran  parte  dei  professori  di  storia  naturale 
e  dei  naturalisti  d'Italia,  e  parecchi  soci  corrispondenti 
residenti  fuori  d'  Italia. 

La  Società  ha  la  sua  sede  nel  Museo  Civico  di  sto» 
ria  naturale,  e  vi  tiene  un'adunanza  al  mese. 

Essa  pubblica  regolarmente  i  suoi  Atti,  i  quali  si 
danno  gratuitamente  ai  soci  effettivi  ed  ai  soci  cor- 
rispondenti. Pubblica  altresì  le  Memorie,  che  i  soci 
hanno  mediante  abbonamento,  o  pagandone  i  singoli 
prezzi  rispettivi.  Gli  Alti  e  le  Memorie  sì  possono  ac- 
quistare anche  dai  non  soci,  essendo  in  vendila  presso 
la  Segreteria  della  Società. 

Essa  riceve  in  dono  da  molte  Società  e  Accademie 
scientifiche  le  loro  pubblicazioni  e  manda  loro  in  cam- 
bio i  proprj  Alti. 

Presidente*      • 
Cornalia  Emilio,  uff.  $fe ,  ec,  vedi  pag.  s38. 

Vice-presiden  le. 
Villa  Antonio,  ec,  vedi  pag.  i^5. 

Segretarj. 
Stoppani  ab.  cav.  Antonio,  ec,  vedi  pag.  238. 
Marinoni  dott.  Camillo  -  via  Giardino  5. 

Fi  ce 'Segretarj. 

Spreafico  ing.  Emilio  -  Cordusio  19. 

N.  N. 

Cassiere. 

Garganlini-Piatti  Giuseppe  •  via  Senato  !/}• 


a57 
COLLEGIO  DEGLI  INGEGNERI  ED  ARCHITÉTTI 

(Piazza  Cavour  ^,  presso  il  R.  Istituto  Tecnico  Superiore.) 

La  Società  insti tuitasi  in  questa  città  col  titolo  CoU 
legio  degli  Ingegneri  ed  Architetti  ha  per  intento  di 
contribuire  al  progresso  scientifico  e  pratico  di  tutto 
ciò  che  si  riferisce  alle  professioni  dell'ingegnere  e 
dell'architetto.  È  retta  da  uno  statuto  approvalo  col 
reale  decreto  14  Febbrajo  1869,  ed  è  formata  di  in- 
gegneri, di  architetti  e  d'altre  persone,  le  quali  si  oc- 
cupano specialmente  di  studi  tecnici  ed  industriali  a- 
venti  diretta  applicazione  all'ingegneria  ed  all'archi- 
tettura. 

Il  Collegio  si  presta,  quando  lo  creda  opportuno, 
alle  soluzioni  di  quesiti  di  massima  e  di  applicazione 
immediata  che  gli  vengano  presentati,  circa  le  profes- 
sioni dell'ingegnere  e  dell'architetto,  dai  soci,  dalle 
autorità,  dai  corpi  morali  o  dai  privati  che  ne  f acciailo 
regolare  domanda  alla  sua  rappresentanza. 

I  soci  componenti  il  Collegio,  già  in  numero  di  200 
circa,  si  distinguono  in  effettivi  ed  in  corrispondenti* 
i  primi  dimoranti  in  Italia,  i  secondi  aventi  slabile  do- 
micilio fuori  della  provincia  di  Milano. 

Le  adunanze  del  Collegio  sono  ordinarie  e  straor- 
dinarie :  le  ordinarie  si  tengono  una  volta  al  mese, 
meno  l'ottobre  e  il  novembre;  le  straordinarie,  dietro 
invito  del  presidente,  per  iniziativa  del  Comitato,  op- 
pure di  otto  soci  eflettivi.  Ogni  trimestre  il  Collegio 
pubblica  un  fascicolo  de'  prcprj  Atti. 

La  rappresentanza  della  Società  è  formata  da  un 
presidente,  due  vice-presidenti,  un  segretario,  un  vice- 
segretario, un  cassiere  e  nove  consiglieri,  sotto  il  nome 
collettivo  di 

Comitato  del  Collegio. 

Presidente. 

Brioschi  prof,  comm,  Francesco,  ec,  vedi  pag.  235. . 

Gujda  1871  — «  17 


258  COLLEGIO  DEGLI  INGEGNERI  ED   ARCHITETTI 

Vice-Pi  esidenti. 
Tatti  ing.  cav.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  1 43. 
Vanotti  ing.  cav.  Augusto,  ec,  vedi  pag.  1 44- 

Segretario* 
Bignami  ing.  Emilio  di  Sante,  ec,  vedi  pag.  147. 

Vice-Segretario . 
Galiizia  ing.  Paolo  -  via  Nerino  3. 

Cassiere. 
Cereda  ing.  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  209. 

Consiglieri, 
Cavallini  ing.  prof.  Achille  -  corso  Venezia  4« 
Cantalupi  ing.  cav.  Antonio  -  via  Spiga  5o. 
Chizzolini  ing.  cav.  Girolamo  ec,  v.  pag.  261. 
Tagliasacchi  ing.  Gioachimo  -  via  Bigli  1. 
Sorniani  ing.  Gio.  Bitt.  -  via  Vigna  6. 
Odazio  ing.  cav.  Emanuele  -  corso  P.  Nuova  9. 
Pestalozza  ing.  cav.  Alessandro  -  via  Durini  14. 
Lucca  ing.  cav.  Francesco  -  via  Annunciata  4» 
Bianchi  ing.  cav.  Giuseppe  -  via  Amedei  9. 


ASSOCIAZIONE  GE0DES1GA  NAZIONALE. 

(Sede  via  Lupetta  7  -  Ufficio  geodesico,  corso  Magenta  48.) 

Con  istrumenlo  del  i.°  luglio  1868,  nei  rogiti  del 
notajo  dott.  Luigi  Morandi,  i  signori  ing.  prof.  cav. 
Ignazio  Porro,  avv.  cav.  P.  A.  Curti,  ing.  Emilio 
Olivieri  e  Bartolomeo  Saldini ,  fondarono  questa  as- 
sociazione avente  per  oggetto; 

i.°  Di  promuovere  in  Italia  il  progresso,  svilup- 
pare l'utilità  della  geodesia  nuova  la  più  avanzata,  di 
perfezionarla  sempre  più  ne*  suoi  precedimenti  così  di 
teoria  e  di  calcolo,  come  operativi,  dì  introdurre  ogni 
possibile  perfezionamento  nella  costruzione  degli  stru* 


ASSOCIAZIONE   GEODES1CA   NAZIONALE  l5Q 

menti,  con  fornirne  i  disegni  e  divulgarne  mediante 
apposita  scuola  pratica  i  metodi  migliori  di  fabbrica- 
zione. 

2.0  Di  creare  delle  missioni  speciali  rimunerate 
per  lavori  geodesie*!  importanti  sia  al  progresso  della 
scienza,  sia  per  la  loro  utilità  diretta  a  prò  del  paese, 
offerendo  al  governo ,  ai  municipi ,  agli  stabilimenti 
scienti  fici,  ai  particolari,  l'intervento  direttivo  dell'as- 
sociazione e  la  cooperazione  personale  de*  suoi  mem- 
bri per  tutti  i  servizii  pubblici  e  privati  che  abbiso- 
gnano di  carte  e  piani. 

Comitato  reggente. 

Presidente, 

Porro  ing.  cav.  Ignazio,  ec,  vedi  pag.  2  43. 

Membri. 

Curti  avv.  cav.  Pier  Ambrogio,  ec.  ,  vedi  pag.  261. 
Olivieri  ing.  Emilio  -  via  Boschetti  2. 
Gilardini  ing.  Gaspare,  ec,  vedi  pag.  147. 
Cagliani  ing.  Gabriele  -  via  s.  Raffaele  i3. 

Membro  gerente. 
Saldini  tip.  editore  Bartolomeo  -  via  Lupetta  9. 

Segretario. 
Gallati  ing.  Enrico  -  corso  Magenta  48. 

ATENEO  DI  ULANO 

(  Le  adunanze  si  tengono  nella  Scuola  d'astronomìa,  via  Brera  28  j 
la   Presidenza  risiede  nel  locale  stesso.) 

L'Accademia  fisio-medico-statistica  veniva  fondata 
nel  i845  con  un  regolamento  provvisorio,  che  poi,  a 
tenore  dell'esperienza,  doveva  essere  modificato.  Ap- 
pena stabilito  il  Governo  nazionale,  la  Società  convertì 
di  fatto  quel  regolamento  in  uno  statuto  organico  de-» 


260  ATENEO 

finitivo,  e  all'antica  denominazione  di  Accademia  fisio- 
medico-slatistica  ha  sostituito  quella  di  Ateneo.  Si  com- 
pone di  membri  effettivi  e  socj  corrispondenti.  I  mem- 
bri effettivi  devono  essere  domiciliati  in  Milano,  e 
non  possono  oltrepassare  il  numero  di  sessanta:  i  socj 
corrispondenti  si  eleggono  fra  i  dotti  nazionali  e  stra- 
nieri a  numero  indeterminato.  L'Ateneo  di  Milano 
tiene  ordinariamente  due  adunanze  in  ciascun  mese, 
e  pubblica  i  proprj  Atti, 

Presidente. 
Sacchi  cav.  dott.  Giuseppe,  ec.,  vedi  pag.  i36. 
Vice-p  i  esiden  te. 

Masserotti  dott.  Vincenzo,  $%,  prof,  nel  R.  Liceo  Parini 
-  via  Morigi  /j. 

Segre  tarj. 

Cantù  Ignazio,  %  e  -fc-,  cav.  dell'ordine  di  s.  Silve- 
stro, professore  di  storia  universale  nel  R.  Conser- 
vatorio di  musica,  ec.  -  via  s.  Orsola  ix. 

Ambrosoli  dott.  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  Q3p. 

Marieni  dolt.  Luigi,  ^|,  medico  primario  dell'  Ospitale 
maggiore  in  Milano,  socio  di  più  accademie  -  piazza 
Fontana  12. 

Soci  effettivi, 

Ambrosoli  dott.  Carlo,  predetto. 

Parrera  Pezzi  avv.  Carlo  -  via  Annunciata  7. 

Biffi  cav.  doti.  Serafino,  ec. ,  vedi  pag.  nf\g. 

Ponistabile  rag.  prof.  Guglielmo  »  via  Valpetrosa  2. 

Calvi  nob.  Girolamo  Luigi ,  socio  di  più  accade- 
mie -  corso  Venezia  16. 

Cantù  cav.  Ignazio,  predetto. 

Casati  dott.  Gaetano,  assistente  alla  R.  Scuola  di  oste- 
tricia -  via  s.  Prospero  6  e  via  s.  Barnaba  1. 

Cavagna  Sangiuìiani  conte  Antonio,  ^,  cav.  ufficiale 
dell'ordine  di  s.  Marino,  cav.  dell'  ordine  di  s,  Gio- 


ATENEO  «26l 

vanni  di  Gerusalemme,  decorato  della  medaglia  d'o- 
ro del  merito  di  prima  classe  della  Repubblica  di 
san  Marino  e  della  medaglia  per  le  guerre  dell'in- 
dipendenza ed  unità  d' Italia  ,  presidente  d'onore 
dell'Associazione  dei  salvatori  medagliati  del  mezzo- 
giorno d'Italia  in  Napoli  e  delegato  straordinario 
corrispondente  di  questa  associazione  per  la  città  e 
provincia  di  Milano,  uno  dei  membri  effettivi  fon- 
datori dell'Accademia  storico-archeologica,  membro 
della  Società  ligure  di  storia  patria,  dell'Accademia 
fisio-medico-statistica  di  Milano,'  della  Società  lom- 
barda d'economia  politica.,  membro  effettivo  non  re- 
sidente dell'Accademia  scientifica  del  ducato  d'Aosta, 
membro  onorario  dell'Accademia  cingolana  degli  in- 
colti,  dell'  Accademia  unanime  agraria  e  Ateneo  di 
Salò,  dell'Assemblea  di  storia  pairia  in  Palermo,  del- 
l'Ateneo di  sciente,  lettere  ed  arti  di  Bergamo,  della 
Società  pedagogica  di  Milano,  socio  fondatore  ono- 
rario e  consigliere  corrispondente  del  comitato  del 
Collegio  sociale  Principe  Umberto  in  Carpi  d'Emilia, 
membro  corrispondente  di  prima  classe  dell'  istituto 
storico  di  Francia,  socio  corrispondente  della  reale 
Accademia  dei  fisiocritici  in  Siena,  dell'Ateneo  di 
scienze,  lettele  ed  arti  in  Bassano,  della  regia  Ac- 
cademia valdarnese  del  Poggio  in  Montevarchi, 
della  Società  filotecnica  di  Torino,  della  reale  Ac- 
cademia della  Valle  Tiberina  toscana  di  scienze, 
lettere  ed  arti  in  Sansepolcro,  della  Società  archeo- 
logica d'Eùre  et  Loire  a  Chartres,  della  Commissione 
conservatrice  di  belle  arti  per  la  provincia  di  Pa- 
via, dell'  Accademia  georgica  di  Treja  e  membro 
titolare  della  Società  archeologica  e  storica  desCótes- 
du-Nord  a  Saint-Brienne  -  via  Pietro  Verri  18. 
Cavalieri  padre  Giovanni  Maria,  ecM  vedi  pag.  24°* 
Chizzolini  ing.  Girolamo,  ^  uff.  -^  -  via  Cusani   18 

e  galleria  Vitt.  Eman.  -  via  Silvio  Pellico^  se.  18. 
Curti  avv.  Pier  Ambrogio,  uff.  ^  -  via  Brera  12. 


262  ATENEO 

De  Angeli  prof.  Felice  -  via  Amedei  1. 

Dell'Acqua  Carlo,,  ||é  ,  ingegnere  meccanico  -  via 
Brera  28. 

Fraccaroli  Innocenzo,  ìjjfe,  scultore,  ec,  vedi  pag.  291. 

Frigerio  avv.  Giosuè,  ec,  ved   pag.   i^5. 

Grillini  Achille,  comm.  ^,  ragioniere  capo  delle  Gasse 
di  risparmio  di  Lombardia,  ec..,  vedi  pag.   1  4 5>. 

Hajech  cav.   dolt.   Camillo.)  ec,  vedi  pag.  258. 

Keller  cav.  Alberto  -  via  s.  Paolo  i5. 

Marchetti  dott.  Luigi,  ^,  chirurgo  oculista  presso 
l'Ospitale  maggiore  -  via  Unione  20. 

Marieni  dott.  cav.  Luigi,  predetto. 

Maspero  dott.  Paolo,  ^  -  via  s.  Andrea  6. 

Masserotti  dolt.  cav.  Vincenzo,  predetto. 

Molinelli  prof.  Pietro,  uff.  $fe ,  ec,  vedi  pag.   1 45. 

Osio  cav.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  23o. 

Pellegrini  prof.  Giuseppe  -  via  Ciovassino  io. 

Rocca  Saporiti  conte  Apollinare,  marchese  della  Sfor- 
zesca,  ec,  vedi  pag.  210. 

Sacchi  dott.  cav.  Giuseppe,  predetto. 

Sanseverino  conte  Faustino,  ^,  senatore  del  Regno, 
socio  di  più  accademie  -  via  Monte  di  Pietà  ij. 

Sorre  sac  Michele,  prof.  emer.  -  via  Senato  28. 

S (ramino  sac.  prof.  Antonio  -  via  s.  Tomaso  5. 

Taverna  conte  comm.  Paolo,  presid.  della  Commissione 
promolrice  l'educazione  de' sordo-muti  di  campa- 
gna, ec,  vedi  pag.  129. 

Tinelli  nob.  Carlo  -  via  Guastalla  3. 

Villa  Antonio,  vice-presidente  della  Società  italiana 
di  scienze  naturali,  ec,  vedi  pag.  245. 

Soci  corrispondenti. 

Amadeo  doti.  Amadeo,  medico  —  ai  Dardanelli. 
Balardini  dott.  Lodovico  —  Brescia. 
Berchet  dolt.  cav»  Guglielmo  —  Venezia. 
Bertoldi  comm.  Giuseppe,  R.  Ispettore  generale  delle 
scuole  secondarie  —  Firenze. 


ATENEO 


263 


Biancardi  ing.  Dionigi  —  Lodi. 

Bianchi  cav.  prof.  Giuseppe  —  Modena. 

Bonacossa  dott.  cav.  Giovanni  ,  cons.  di  pubblica 
istruzione  —  Torino. 

Bowring  John,  storico  —  Londra. 

Gantaluppi  ing.  Antonio  —  Bergamo. 

Capponi  march.  Gino  —  Firenze. 

Carus  C.  G. ,  archiatro  del  re  di  Sassonia —  Dresda. 

Castelnuovo  corani,  dott.  Giacomo,  medico  —  Ales- 
sandria d'Egitto. 

Castorani  dott.  Rafaele,  profess.  oculista  nella  Univer- 
sità di  —  Bologna, 

Cavezzali  dott.  Francesco  —  Torino. 

Cervello  prof.  Nicolò  —  Palermo. 

Conolly  dott.  Giovanni,  medico  alienista  a  Hanewel 
' —  Londra. 

Cortese  cav.  Francesco,  ec,  vedi  pag.  241. 

Costa  dott.  Ettore  —  Genova. 

Czoernig  (di)  bar.  dott.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  253. 

Da  Costa  di  Macedo  comm.  Giuseppe,  segretario  del- 
l'Academia  di  —  Lisbona. 

De  Caumont,  direttore  dell'Istituto  delle  Provincie 
di  Francia  —  Parigi. 

De  Ferrus,  ispettore  generale  degli  alienati  —  Parigi. 

De  Maria  prof.  Carlo  ,  ispettore  generale  degli  studii 
universitarii  —  Torino. 

De  Renzi  cav.  dott.  Salvatore  —  Napoli. 

De  Rossi  dott.  Gio.  Battista  —  Genova. 

Despine  cav.  dott.  Marco  —  Ginevra. 

Dujardin  dott.  Giovanni  —  Genova. 

Duparcque  dott.  F.  —  Parigi. 

Dupin  barone  Carlo,  storico  —  Parigi. 

Elena  dott.  Carmine  —  Genova. 

Fauvel  dott.  Antonio,  membro  della  Società  imperiale 
di  medicina  —  Costantinopoli. 

Fava  comm.  Angelo,  ispett.  generale  degli  studi  tecnici 
—  Torino. 


$64  ATENEO 

Ferrarlo  dott.  Ercole,  ec,  vedi  pag.  1^1. 

Gabelli  dott.  Aristide  $fe>  regio  proveditore  agli  stu- 
di —  Milano. 

Gherardi  prof.  Silvestro  —  Bologna. 

Ghiselli  prof.  Antonio  —  Modena. 

Giordano  dott.  Giuliano  —  Napoli. 

Girolami  dott.  Giuseppe,  direttore  del  Manicomio  di 
—  Pesaro. 

Gorini  prof.  Paolo,  ufi.  ^  —  Lodi. 

Graells  dott.  Mariano,  direttore  del  museo  di  —  Ma- 
drid. 

Granara  dott.  Romolo  —  Genova. 

Gregorj  cav.  G.  C,  presidente  della  Società  lettera- 
ria di  —  Lione. 

Jomard,  prof,  della  Società  geografica  —  Parigi. 

Kirchoff  Visconte  dott.  Gius.,  vice-presidente  della 
Società  di  scienze  in  —  Anversa. 

Lallersteet  Gustavo  —  Stocolma. 

Lancia  di  Brolo  cav.  Federico,  ec,  vedi  pag.  25i. 

Longhi  dott.  Antonio  —  Torino. 

Magrini  prof.  Lorenzo  Alessandro  —  Bergamo 

Mamiani  Della  Rovere  conte  Terenzio,  ec. ,  vedi 
pag.  248. 

Massone  cav.  dott.  G.  B.  —  Genova. 

Merlini  ing.  Gio.  Battista  —  Monza. 

Mignet  M.,  ec,  vedi  pag.  254. 

Milli  Giannina  —  Napoli. 

Mongeri  dott.  Luigi  —  Costantinopoli. 

Namias  dott.  Giacinto  —  Venezia. 

Naranzi  dott.  G.  —  Costantinopoli. 

Pallavicini  march.  Francesco  —  Genova. 

Pasolini  conte  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  248. 

Peluso  dott.  Antonio  —  Torino. 

Pescetto  cav.  Gio.  Battista  —  Genova. 

Porta  prof.  cav.  Luigi,  ec ,  vedi  pag.  237. 

Portaluppi  cav.  ing.  Carlo  —  Bergamo. 

Ragazzoni  prof.  Francesco  —  Padova. 


ATENEO  365 

Ranuzzi  march*  Annibale  —  Bologna. 
Razzolini  abaie  prof.  Luigi  —  Firenze. 
Rigoni  dott.  Simone  —  Firenze. 
Robolotti  doti.  cav.  Francesco,  ec. ,  vedi  pag.  s44« 
Rossi  Girolamo  —  Genova. 
Roux  dott.  Pietro  Martino    —  Marsiglia. 
Ruspini  dott.  Giovanni  —  Bergamo. 
Sabbattini  cav.  dott.  Leopoldo  —  Roma. 
Sala  canonico  Aristide  —  Pinetolo. 
Sanchez  comm.  Antonio  —  Barcellona. 
Santini  cav.  prof.  Giovanni  —  Padova. 
Scarenzio  prof.  Luigi  —  Pavia. 
Scarpellini  Caterina  —  Roma. 
Scarpellini  dott.  Giuseppe  —  Roma. 
Slassarl  barone  Carlo  —  Bruxelles. 
Tassarli  dott.  Alessandro  —  Como, 
Turchetli  cav.  dott.  Edoardo  —  Fucecchio  in  Toscana. 
Vallez ,  prof,  oculista  —  Bruxelles. 
Vigna  P.  Raimondo  Amadeo  —  Genova. 
Zantedeschi  prof.  Francesco  —  Venezia. 
Zurli    prof.   Giuseppe,   direttore    del   Manicomio    di 
—  Perugia. 

ACCADEMIA  STORICO-ARCHEOLOGICA. 

[Via   Monforte   32.) 

Quest'Accademia,  che  conta  all' incirca  80  membri, 
si  costituì  colla  carta  di  fondazione  1  ottobre  \  865 
dietro  iniziaùva  di  S.  E.  l'ex-prefetto  marchese  Di  Vii- 
lamarina,  che  ne  è  presidente  onorario;  nella  sua  pri- 
ma adunanza,  tenuta  in  gennaio  del  1866,  venne  eletta 
una  speciale  commissione  per  la  formazione  di  uno  sta- 
tuto accademico,  che  venne  presentalo  e  quindi  ap- 
provato dall' Accademia,  nella  seduta  mensile  di  marzo. 

E  suo  scopo  T  applicarsi  alla  storia  nostra  basandosi 
specialmente  sullo  studio  dei  documenti  e  delle  anti- 
chità a  maggior  lustro  del  paese. 


l66  ACCADEMIA  STORICO-ARCHEOLOGICA 

Si  compone  di  un  numero  indeterminato  di  membri 
effettivi,  fra  i  quali  i  primi  che  si  riunirono  vengono 
chiamati  fondatori.  Annovera  inoltre  membri  onorari 
e  corrispondenti,  scelti  fra  i  dotti  e  studiosi  cultori 
delle  storiche  ed  archeologiche  discipline,  sia  nazio- 
nali che  esteri;  tiene  un'adunanza  per  ciascun  mese, 
e  pubblica  mensilmente  i  processi  verbali,  edalla  fine 
dell'anno  i  propri  Atti, 

Presidente  onorario* 
Pes  di  Villamarina  S.  E.  marchese  Salvatore,  ec. 

Vice-Presidenti. 
Sacchi  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  1 36. 
Belgiojoso  conte  Giorgio,  uff.  ^  -  via  Morigi  9. 

Segretaria. 

Sommi  marchese  Picenai  di  nob.  cav.  Guido,  assistente 
onorario  della  Biblioteca  nazionale  di  Cremona,  socio 
corrispondente  della  R.  Accademia  dei  fisiocritici, 
dell'Ateneo  di  Treviso  e  dell' Accademia  filotecnica 
di  Torino  -  via  Passione  1. 

Cavagna  Sangiuliani  conte  Antonio,  ec,  vedi  p.  260. 

Economo-  Cassiere. 
Viviani  dott.  Carlo  -  via  Pietro  Verri  18. 


ACCADEMIA  FISIO-MEDICO- STATISTICA 

(1/  Archivio  e  la  Biblioteca  dell'  Accad,  sono  nella  via  s.  Tomaso  6.) 

Quesl'  Accademia  scientifica  ,  invocala  dall'ora  de- 
funto medico  cav.  <lotl.  Giuseppe  Ferrano  il  19  gen- 
najo  1844?  autorizzata  il  18  ottobre  1840,  e  da  lui 
attivala  il  12  febbrajo  dell'anno  1846,  ha  per  iscopo 
il  progresso  delle  scienze  posiiive,  e  quello  di  onorare 
la  memoria  degli  uomini  benefici  e  degli  illustri  dotti, 
a  vantaggio  dell'  umanità  e  a  decoro  della  patria. 


ACCADEMIA  FlSlO-MEblCO-STATlSTlCA  l6j 

I  distinti  cultori  e  professori  di  scienze ,  nazionali 
e  stranieri,  possono  far  parte  di  questa  Accademia , 
come  membri  effettivi,  corrispondenti  ed  onorari. 

I  membri  effettivi  debbono  essere  domiciliati  in 
Milano,  ed  essi  soli  sostengono  le  spese  annuali  del- 
l'Accademia I  membri  onorari  e  corrispondenti  sono 
scelti  fra  i  dotti  nazionali  ed  esteri,,  e  fra  quelli  che 
rendonsi  benemeriti  dell'Accademia  slessa. 

L'  Accademia  tiene  adunanze  mensili ,  pubblica  i 
suoi  Processi  verbali  nella  Gazzetta  di  Milano ,  e 
stampa  i  suoi  Atti  annuali  in  apposito  volume. 

Presidente, 

Muoni  Damiano,  s^,  insignito  di  più  ordini  cavallere- 
schi e  medaglie  al  merito,  membro  onorario,  effet- 
tivo e  corrispondente  di  parecchi  Istituti  scientifici, 
storico-archeologici,  ec,  -  via  Senato  20. 

Vice-presidenti. 

Fossati  prof.  Antonio,  ^|  -  Foro  Bonaparte  25. 
Serbelloni  doti.  Giuseppe,  medico-chirurgo,  ec.  -  via 
Chiara  valle  1, 

Segretarj . 

Pecorara  dott.  Achille,  medico  dell'Ospitale  maggiore  - 
via  s.  Vittore  12. 

Mariani  cav.  Carlo,  luogotenente-colonnello  d'artiglie- 
ria -  Foro  Bonaparte  29. 

-     Economo-Cassiere. 

Sacchi  Pietro  Edoardo,  membro  di  varie  Società  scien- 
tifiche, vice-presidente  della  Banca  popolare  di  Mi- 
lano, ec.  -  via  s.  Margherita  i. 

Archivista- Bibliotecario. 

Vergani  dott.  Giovanni ,  medico  dell'  Ospitale  mag- 
giore -  \ia  Morigi  3. 


268  ACCADEMIA  FISIO-MEDICO-STATISTICA 

Membri  effettivi. 

Amati  Marco,  architetto  -  via  Spiga  4. 

Angeloni  comm.  avv.  Antonio,  pubblicista  -  via  Du- 
rini  2  5. 

Barbieri  dolt.  xAgostino,  socio  di  varie  Accademie, 
medico  dell'Ospedale  maggiore  -  via  s.  Antonio  20. 

Beretta  dott.  Giovanni,  medico-chirurgo  -  piazza  Gal- 
line 4« 

Bertoglio  nob.  Napoleone,  dott.  in  legge  -  via  Borgo 
Nuovo  24. 

Boccomini  dolt.  Edoardo,  medico  dell'  Ospedale  mag- 
giore -  via  s.  Antonio  22. 

Brioschi  avv.  Giuseppe  -  via  Croce  Rossa  io. 

Bruni  dolt.  Giuseppe  Gaspare,  medico-chirurgo  -  via 
Morone  8. 

Casella  barone  dott.  Federico,  cav.  di  s.  Stefano  di 
Ungheria,  presidente  emerito  del  Tribunale  d'ap- 
pello in  Venezia  -  via  Solferino  5. 

Cattaneo  dott.  Gottardo,  agronomo  -  via  s.Maurilio  r>5. 

Cavagna  Scngiuliani  conte  cav.  Antonio,  ec,  v.  p.  260. 

Cavaleri  avv.  Michele,  archeologo,  membro  di  varii 
Istituti,  ec.  -  via  Sala  5. 

Cirani  dott.  Giuseppe ,  prof,  di  matematica  presso  il 
R.  Ginnasio  Cesare  Beccaria  -  via  Unione  5. 

Clerici  avv.  Vittorio  Domenico,  pubblicista  -  via  Monte 
di  Pietà  i5. 

Coridori  nob.  Gerolamo,  ^|,  dottore  notajo  -  via  Monte 
di  Pietà  i5. 

Coridori  nob.  doti.  Luigi,  medico  dell'Ospedale  mag- 
giore -  via  Borgo  Nuovo  19. 

Dozzio  Giovanni,  ^,  membro  del  Consiglio  provin- 
ciale di  Pavia,  agronomo  -  via  Monte  Napoleóne  36. 

Ferrano  ing.  Abele  -  via  s.  Tomaso  6. 

Ferrario  dott.  Luigi,  medico  dell'Ospedale  maggiore  - 
via  Broletto  i3. 

Formentini  rag.  Marco,  consigliere  provinciale  di  Mi- 


ACCADEMIA  FISIO-MEDICO-STÀTISTICÀ  269 

lano,  presidente  dell'Accademia  dei  ragionieri  -  via 
s.  Carpoforo  9. 

Fossati  prof.  cav.  Antonio,  predetto. 

Fumagalli  dott.  Cesare, -^-,  chirurgo  primario  dell'O- 
spedale maggiore  -  via  JNerino  8. 

Garofoletti  dott.  Ferdinando,  chimico  farmacista,,  pre- 
sidente dell'  Associazione  farmaceutica  lombarda > 
premiato  con  più  medaglie  a  diverse  esposizioni  in- 
ternazionali, membro  dell'Accademia  nazionale  di 
Parigi  -  via  s.  Maria  alla  Porta  11. 

Giani  dott.  Paolo^  medico-chirurgo  primario  di  Santa 
Corona,  ec.  -  via  s,  Gio.  in  Conca  7. 

Mariani  Carlo,  predetto. 

Massara  dott.  Fedele,  J£,  direttore  del  Bollettino  di 
agricoltura,  segretario  del  Comizio  agronomo  di 
Milano  -  via  s.  Damiano  3o. 

Mazzoleni  avv.  Angelo,  membro  di  varie  Accademie, 
deputalo  al  Parlamento  nazionale  -  via  Cerva  42. 

Melzi  d'Eril  conte  Giovanni,  istoriografo,  membro  del- 
l' Istituto  storico  di  Francia,  ec.  -  corso  P.  Romana  6. 

Mira  ing.  Carlo,  ^,  membro  della  Congregazione  di 
carità,  ec.  -  via  Stella  i5. 

Monti  dott.  Giuseppe,  medico-chirurgo,  ispettore  sa- 
nitario del  Comune  dei  CG.  SS.  di  Milano  -  via 
Crocifisso  11. 

Muoni  cav.  Damiano,  predetto. 

Mussi  dott.  Giuseppe,  deputalo  al  Parlamento  nazio- 
nale, consigliere  provinciale  e  comunale  di  Milano, 
pubblicista-  via  Unione  14» 

Nappi  dott.  Gio.  Batt.,  comm.  ^,  presidente  emerito 
del  Tribunale  di  3.a  istanza  di  Milano,  consigliere 
provinciale,  senatore  del  Regno,  ec.  -  via  Bossi  4« 

Pampuri  avv.  Cesare  -  via  Fieno  3. 

Patrizio  di  Scagnello  avv.  Antenore. 

Pecorara  dott.  Achille,  predetto. 

Pellegrini  doti.  Emilio,  $fe,  segretario  presso  la  R. 
Prefettura  di  Milano  -  via  s.  Giuseppe  3. 


27O  ACCADEMIA  FISIO-MEDICO-STATISTICA 

Picozzi  cav.  Cesare  -  via  s.  Nicolao  3. 

Pictrasanta  prof.  Pietro,  direttore  dell' omonimo  Isti- 
tuto di  educazione  -  via  s.  Paolo  io» 

Pini  dott.  Gaetano,  medico-chirurgo  -  via  Fieno  5. 

Repozzi  rag.  Luigi,  ^  -fc-,  membro  di  varie  Accade- 
mie, archeologo  numismatico  -  via  Pantano  4« 

Rossi  Guglielmo,  comm.  $fè,  membro  di  varie  Acca- 
demie italiane  ed  estere  -  via  Monte  Napoleone  55. 

Sacchi  Pietro  Edoardo,  predetto. 

Scotti  dott.  Gio.  Battista,  medico-chirurgo,  membro 
dell'Istituto  medico  Valenciano  -  via  Lanzone  5. 

Serbelloni  dott.  Giuseppe,  predetto. 

Silva  avv.  Guglielmo,  ^,  emerito  segretario-capo  del 
Municipio  di  Milano  -  via  s.  Croce  4» 

Trezzi  dott.  Antonio,  0,  medico-chirurgo,  vice-presi- 
dente del  Consiglio  provinciale  di  sanità,  presidente 
della  Società  di  mutuo  soccorso  fra  i  medici-chirur- 
ghi di  Lombardia,  ec.  -  via  Bigli  4. 

Vergani  dott.  Giovanni,  predetto. 

Vigano  rag.  Francesco,  prof,  presso  il  R.  Istituto  tec- 
nico di  s.  Maria,  membro  di  varie  Società  scientifi- 
che, promotore  dei  magazzini  cooperativi  in  Italia, 
economista  -  via  Monte  Napoleone  10. 

Vismara  avv.  prof.  Antonio  -  via  Pantano  28. 

Zanetti  Achille,  chimico  -  via  Ospedale  3o. 


SOCIETÀ'  PEDAGOGICA  ITALIANA 

(Nel  Palazzo  di  Brera.) 

Questa  Associazione,  istituita  nell'anno  1860,  è  com- 
posta di  membri  effettivi  residenti  in  Milano,  ha  molti 
soci  corrispondenti  ed  un  eletto  numero  di  soci  d'  o- 
nore  nelle  varie  provincie  del  Regno  ed  all'estero; 
ha  per  iscopo  di  concorrere  al  miglioramento  dell'  e- 
ducazione  e  dell'istruzione,  e  promuovere  gli  annui 
congressi  pedagogici  e  le  esposizioni  didattiche. 


SOCIETÀ    PEDAGOGICA  ITALIANA  27 1 

Essa  tiene  adunanze  periodiche  sopra  temi  peda- 
gogici e  didattici  in  una  delle  aule  del  Palazzo  di 
Brera.  Per  deliberazione  presa  dall'  undecimo  Con- 
gresso pedagogico  italiano  tenutosi  in  Milano  nel- 
P  anno  iF63,  l'associazione  assunse  il  titolo  di  Società 
pedagogica  italiana»  Essa  ottiene  dal  R.  Ministero  della 
pubblica  istruzione,  dal  Municipio  di  Milano  e  da  pri- 
vati promotori  de' buoni  studi,  speciali  susstdj  per  pro- 
muovere con  premj  la  pubblicazione  di  nuove  opere 
d' istruzione  popolare. 

L'Associazione  pubblica  i  proprj  Atti ^  quelli  dei 
Congressi  pedagogici  italiani  e  della  Società  nazionale 
promotrice    delP  istruzione   primaria  nelle  campagne. 

Presidente» 

Sacchi  cav.  Giuseppe ,  ec,  vedi  pag.  i36. 

Pice-P residenti. 

Somasca  prof.  cav.  Giuseppe  -  via  s.  Pietro  all'Orto  i3. 
Cantoni  prof.  Carlo  -  via  Solferino  3. 

Segretarj. 
Granz  prof.  Paolo  -  via  Unione  8. 
Mariani  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  267. 


LEGA  ITALIANA  D'INSEGNAMÉNTO 

CIRCOLO  MILANESE. 

(Via  sant'Orsola   l3.) 

Questo  sodalizio,  solennemente  inaugurato  la  festa 
dello  Statuto  dell'anno  1870,  ha  per  iscopo  di  asse- 
gnare premi  e  ricompense  ai  maestri  ed  alle  maestre 
più  benemerite,  di  aprire  scuole  a  beneficio  del  po- 
polo, di  offrirsi  gratuitamente  per  la  istruzione  presso 
le  diverse  Associazioni  della  città,  di  tenere  pubbliche 
conferenze  e  di  ajutare  in  ogni  modo  la  diffusione  della 
popolare  istruzione.  Si  compone  di  soci  animalisti^ 


2J2  LEGA    ITALIANA   D  INSEGNAMENTO 

perpetui  ed  onorari.  Sono  animalisti  tutti  coloro  che 
pagano  un  contributo  annuo  non  minore  di  lire  una; 
perpetui  coloro  che  versano  per  una  sol  volta  lire  venti; 
gli  onorari  poi  sono  eletti  dal  Gomitato  promotore, 
cui  spelta  la  direzione  della  Società  in  forza  dello 
Statuto. 

Rappresentanza  del  Circolo. 

Gantù  cav.  prof.  Ignazio,  preside  onorario  •  via  s,  Or- 
sola  1 1. 

Gianetti  prof.  Alessandro,  preside  effettivo  -  via  s.  Or- 
sola i3. 

Cernezzi  nob.  avv.  Paolo,  vice-presidente  •  via  s.  Or- 
sola 17. 

Canziani-Oggioni  Ignazio,  segretario  -  sobborgo  Porta 
Garibaldi,  strada  di  Circonvallazione  1. 

Finetti  rag.  Edoardo,  idem  -  via  Lentasio  1. 

Caccia  Carlo,  tesoriere,  dirett.  dell'Ufficio  telegrafico. 

Maineri  prof.  B.  E.,  dirigente  le  conferenze  -  via  Fiori 
Chiari  8. 

Membri  del  comitato  promotore. 

Ferrari  prof.  Pasquale  -  via  Camminadella  i4« 
Merone  nob.  Alessandro  -  piazza  s.  Fedele  3. 
Mazzoleni  avv.  Angelo  -  via  Cerva  l\<i. 
Pecorara  dott.  Achille  -  via  s.  Vittore  12. 
Ravasio  prof.   Pietro  -  via  Mulino  delle  Armi  19. 
Sayler  prof.  Giuseppe  -  via  Olmetto  1. 
Varisco  prof.  Giovanni  -  via  Pantano  i3. 


PALESTRA  LETTERARIA  ARTISTICA  -SCIENTIFICA 

(Via  Monte  Napoleone  26.) 

Questa  Associazione  venne  fondata  nel  1867  dal  si- 
gnor Luigi  Perelli  allo  scopo  di  aprire  a  coloro  che  si 
dedicano  alla  letteratura  e  alla  scienza,  un  campo  vergine 


Balestra  letterària  artistica-sciEntìhcà      270 

esclusivo  ad  essi  ove  provare  ed  esercitare  le  proprie 
forze  intellettuali;  ed  offrir  loro  mezzi  economici  ed 
utili  di  apprezzazione,  pubblicazione  e  diffusione  dei 
proprj  studj,  per  mezzo  d'una  periodica  pubblicazione. 
In  questo  intendimento  il  suddetto  signor  L.  Perelli 
La  invitato  parecchie  illustrazioni  delle  lettere  e  della 
scienza  in  Italia  a  volere  gentilmente  assumersi  il  no- 
bile incarico  di  giudicare  il  merito  dei  lavori  presen- 
tati dagli  associati  alla  Direzione,  e  i  loro  verdetti  ven- 
gono inserti  nel  periodico  stesso. 

Norme  principali 

Art.  1.  Obbligo  dei  Soci:  pagare  anticipatamente 
almeno  L.  2  mensili,  imporlo  di  N.  i  azione. 

Art.  2.  Diritti  dei  Soci:  a)  pubblicare  sul  Periodico 
1  propri  lavori,  se  trovati  degni  dalla  Commissione 
esaminatrice. 

b)  Pubblicare  un'edizione  particolare  dei  proprj 
lavori,  inserti  nella  Palestra,  alle  condizioni  esposte 
nell'Art.  1 1. 

e)  Ricevere  un  esemplare  d'ogni  fascicolo  per  ca- 
dauna azione. 

Art.  7.  I  lavori  devono  presentarsi  alla  Direzione 
anonimi,  devono  essere  inediti  e  compiuti,  accompa- 
gnati da  una  scheda  contenente  il  nome  del  socio 
autore. 

Art.  i5.  Il  Periodico  nel  formato  d' in-4.0  esce  Una 
volta  al  mese  e  di  più  se  il  richiedono  i  lavori  da  pub- 
blicarsi; medesimamente  parecchi  fascicoli  possono 
uscire  riuniti  quando  la  lunghezza  e  1*  importanza  dei 
componimenti  lo  esigano. 

L'ufficio  è  in  via  Monte  Napoleone  26,  e  il  Diret- 
tore riceve  specialmente  ogni  giovedì  dalle  1  alle  3, 
ed  ogni  domenica  dalle  1 1  alla  1 . 

Direttore  responsabile 
Perelli  Luigi  •  via  Giovasso  19  e  Monte  Napoleone  26* 

Guida  1871  —  18 


2^4        PALESTRA.   LETTERARIA   ARTISTlCÀ*SClENTlFtCA 

COMMISSIONE  ESAMINATRICE 
PER  LA   SCELTA   DEI   LAVORI   DA   PUBBLICARSI. 

Membri  residenti  in  Milano, 

Righetti  Carlo,  direttore  del  Teatro  Milanese  -  piaz- 
zetta Pattari  3. 

Belgiojoso  principessa  Cristina  -  via  Bossi  i. 

Ferrari  cav.  Paolo  -  via  Pasquirolo  3. 

Marenco  prof.  Leopoldo  -  via  Fate-bene-fratelli  i3. 

Masserotti  cav.  Vincenzo,  ec,  vedi  pag.  260. 

Mazzucalo  cav.  Alberto,  ec,  vedi  pag.  1 83.     * 

Rovani  Giuseppe  -  via  Spiga  3i. 

Sailer  prof.  Luigi  -  via  Montebello  3. 

Tubi  cav.  Graziano,  deputato  al  Parlamento  -  via 
Chiosetto  1 1. 

Membri  residenti  in  altre  città  df  Italia. 

Àleardi  Aleardo  -  Firenze;  Berzezio  Vittorio  -  To- 
rino; Bombicci  Luigi  -  Bologna;  Carducci  Giosuè  - 
Bologna;  Conti  Augusto,  deputalo  al  Parlamento  - 
Firenze;  Correnti  Cesare,  ministro  della  pubblica 
istruzione  -  Firenze;  Corsi  Carlo  -  Firenze;  Dall'Or?- 
garo  Francesco  -  Firenze;  Emiliani  Giudici  Paolo  - 
Firenze;  Fusinalo  Arnaldo  -  Firenze;  Guerrazzi  Fran- 
cesco Domenico  -  Livorno;  Levi  Davide  -  Torino; 
Mamiani  Terenzio,  senatore  -  Firenze;  Mancini  P. 
Stanislao,  deputato  al  Parlamento  -  Firenze;  Man- 
tegazza  Paolo,  deputato  al  Parlamento  -  Firenze; 
Mauri  Achille  -  Firenze;  Prati  Giovanni  -Firenze; 
Regaldi  Giuseppe  -  Bologna;  Rosa  Gabriele,  pre- 
sidente del  Comizio  agrario  *  Brescia;  Settembrini 
Luigi  -  Napoli;  Tommaseo  Nicolò  -  Firenze;  Vau* 
nucci  Alto,  senatore  -  Firenze. 


2^5 

ACCADEMIA  DEI  RAGIONIERI  IN  MILANO 

(Galleria   Vittorio  Emanuele  6$j  scala  l\.) 

Questa  istituzione,  fondala  nell'anno  1 8G8  da  parec- 
chi Ragionieri  consociati,  in  seguito  a  proclamazione 
avvenuta  nella  generale  adunanza  del  giorno  3o  luglio 
dello  stesso  anno,  ha  per  oggetto  di  promuovere  e 
sviluppare  la  coltura  delle  scienze  altinenti  alla  pro- 
fessione, quali  T  economia,  1*  amministrazione,  la 
statistica  e  la  contabilità,  e  di  elevare  ìe  condizioni 
della  professione  medesima. 

L'Accademia,  oltre  a  fornire  nei  locali  di  sua  resi- 
denza un  luogo  di  ritrovo  e  di  lettura  ai  suoi  membri, 
essendo  provveduta  di  giornali  e  di  una  collezione 
delle  più  accreditale  opere  nelle  materie  sovraccen- 
nate, da  utilizzarsi  anche  sotto  forma  di  Biblioteca  cir- 
colante, tiene  riunioni  periodiche  onde  discutere  sugli 
argomenti  della  scienza  aventi  maggiore  inieresse  prati- 
co,, e  sulle  questioni  di  prosperamento  della  professione. 

Essa  si  compone  di  membri  eflettivi  ed  onorarj. 
Per  essere  ammessi  come  membri  effettivi  bisogna 
presentare  una  domanda  alla  Presidenza  appoggiata 
da  due  soci,  comprovando  la  qualifica  di  ragioniere 
od  altra  corrispondente. 

I  soci  effettivi  pagano  L.  20  per  tassa  di  buon  in- 
gresso e  L.  20  dì  contributo  annuale. 

La  rappresentanza  dell'Associazione  è  costi luita  da 
un  Consiglio  di  direzione,  che  si  compone  come  segue: 

Consiglio  di  direzione. 
Presidente» 
Formentini  rag.  Marco,  vedi  pag.  i3i. 
Vice-Presidenti* 

Luchini  rag.  Ernesto,  per  la  consulta-  economica  -  via 

Stampa  9. 
Viglezzi  rag.  Vitaliano  ,  per  la  consulla  disciplinare  « 

via  s.  Simone  io« 


(Lj6  '    ACCADEMIA.  DEI  RAGIONlEftt 

Consulta  scientifica. 

Bonistabile  prof.  rag.  Guglielmo,  ec,  vedi  pag.  260. 
Favini  rag.  Luigi,  Jfc  -  via   s.  Marta   io. 
Rampezzotti  rag.  cav.  Domenico-  vicolo  S.Damiano  10. 
Ponli  rag.  Gio.  Batta  -  via  Solferino  7. 

Consulta  disciplinare. 
Bareggi  rag.  Giuseppe  -  via  Nerino  10. 
Giussani  rag.  Pietro,,  ec,  vedi  pag.  207. 
Villa  rag.  Enrico  -  via  Durini  14. 
Gaspari  rag.  Dario  -  via  Bagutta   12. 

Consulta  economica. 
Crippa  rag.  Giuseppe  -  via  Zecca  Vecchia  3. 
Paggio  rag.  Lodovico,  ec,  vedi  pag.  i35. 
Molteni  rag.  Augelo  -  via  s.  Zeno  io. 
Sanguìnelti  rag.  Benedetto  -  v.a  Gian  Giacomo  Mora  2. 

Segretario. 
Carri  rag.  Vincenzo  -  via  Andegari  12. 

Vice-Segrelarj. 
Besana  rag.  Carlo  -  piazza  s.  Ambrogio  2. 
Perelli  rag.  Giuseppe  -  corso  P.  Ticinese  87. 

Cassiere. 
Porro  Lodi  nob.  rag.  Giulio,  cassiere  centrale  della 
Cassa  di  Risparmio  -  via  Morigi  1 1 . 

COMITATO  PROMOTORE 

DELL'  ISTRUZIONE  DEL  POPOLO  DELLA  CAMPAGNA 
PER  LA  PROVINCIA  DI  MILANO. 

(Presso  il  Presidente  nel  palazzo  di   Brera.) 

Il  Comitato  estende  il  proprio  operato  ai  Comuni 
rurali  della  provincia  di  Milano;  esso  ha  per  scopo: 
i»°  di  promuovere  e  sussidiare  l'istituzione  di  asili 
infantili  gratuiti  aprendo  anche  corsi  didattici  per 
le  maestre;    2.0   di    fornire  alle  scuole    primarie,    0 


COMITATO   PER   L   ISTRUZIONE   DEL   POPOLO,   EC       277 

specialmente  alle  scuole  serali  e  festive,  le  suppel- 
lettili scolastiche  necessarie  ed  i  libri  occorrenti  agli 
alunni  che  non  sono  in  grado  di  provvederli;  3.°  di 
diffondere,  gratuitamente  od  al  minimo  prezzo,  buoni 
libri  di  istruzione  popolare;  \.°  di  incoraggiare  con 
premj  o  sussidj  i  maestri  dell'  uno  e  dell'  altro  sesso 
più  diligenti  ed  idonei. 

Sacelli  cav.  Giuseppe,  presidente,  ec,  vedi  pag.  1 36. 
Somasca  prof.  cav.  Gius..,  vice-presid.,  ec,  v.  p.  271. 
Chizzolini  ing.  cav.  Gerolamo,  idem,  v.  pag.  261. 
Maggi  dott.  Pietro  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  2^9* 
Mariani  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  267. 
Bognetti  Giovanni  -  via  Monte  Napoleone  21. 
Righini  avv.  cav.  Alessandro,  ec,  vedi  pag.   161. 
Rossi  prof.  comm.  Guglielmo,  ec,  vedi  pag.  270. 
Zucchi  dott.  cav.  Augusto,  cassiere  onor.,  ec,  v.  p.  1 97. 


SOCIETÀ'  LOMBARDA  DI  ECONOMIA  POLITICA 

(Ujjìcio,  in  caia  del  Presidente,  via   Monte  Napoleone  35.) 

Questa  Società  fu  promossa  con  circolare  2  aprile 
1864  dal  prof.  comm.  Guglielmo  Rossi  e  fondata  il  17 
dello  stesso  mese;  conta  già  pressoché  trecento  soci  tra 
effettivi  e  corrispondenti,  fra  i  quali  si  annoverano  molle 
notabilità  economiche  e  politiche  d'Europa,  e  poggia 
sulle  seguenti  Norme  originarie  di  statalo  votate  nel- 
1' adunanza  di  sua  fondazione  17  aprile  1864: 

i.°  La  società  ha  per  iscopo  lo  studio  e  la  discus- 
sione in  argomenti  di  economia  politica  d'immediato 
interesse  per  l'Italia,  e  per  le  province  lombarde  in 
particolare. 

2.0  La  Società  ha  soci  effettivi  e  soci  corrispondenti. 

3.°  L'ufficio  della  Società  è  costituito:  d'un  presi? 
sidente,  un  vice-presidente,  due  segretari  e  un  eco- 
nomo-cassiere, che  durano  in  carica  un  anno  e  possono 
essere  rieletti. 


2j8  SOCIETÀ*  DI   ECONOMIA  POLITICA 

4.°  La  Società  si  aduna  almeno  una  volta  al  mese, 
dal  novembre  all'agosto. 

5.°  Incombe  alla  presidenza  di  pubblicare  gli  alti 
sociali  sotto  il  titolo  di  Atti  della  Società  lombarda 
di  economia  politica. 

6.°  I  soci  tanto  effettivi  quanto  corrispondenti  ven- 
gono nominati  dalla  Società  a  voti  segreti,  sopra  pro- 
posizione in  iscritto  da  parte  di  un  socio. 

Ufficiali  della  Società. 
Rossi  comm.  Guglielmo,  presidente,  ec,  v.  pag.  270. 
Vigano  prof.  Francesco,  vice-presidente  -  via  Monte 

Napoleone   io. 
Massara  dott.  Fedele,  ^  segretario  -  via  s.  Damiano  3o. 
Mazzoleni  avv.  Angelo,  ec,  v.  pag.   181. 
Cardani  ing.  Francesco,  >^,   cassiere-economo  -   via 

Cerva  55. 

SOCIETÀ'  PATRIOTTICA 

(  fia   s.    Giuseppe   l\.) 

La  Società  è  istituita  allo  scopo  di  promuovere  ed 
incoraggiare  la  coltura  nazionale,  ed  assumere  inizia- 
tiva in  argomenti  di  pubblico  interesse,  politici,  eco- 
nomici, igienici,  tecnici,  amministrativi  ed  educativi, 
specialmente  in  vista  delle  applicazioni  praticbe. 

Le  sue  sale  sono  aperte  ai  soci  come  centro  di 
conferenze  e  di  amichevole  ritrovo  per  conversazione, 
lettura  e  trattenimento.  Essa  è  provveduta  di  una  bi- 
blioteca di  oltre  dodicimila  volumi. 

La  Società  si  è  costituita  il  i.°  gennaio  1 865  me- 
diante la  riunione  dell'antica  Società  d'Incoraggia- 
mento di  scienze,  lettere  ed  arti  colla  Società  del 
Commercio. 

Essa  è  rappresentata  da  un  consiglio  di  amministra- 
zione composto  di  un  presidente  ed  otto  consiglieri. 

Presidente. 
Visconti  Venosta  nob.  comm.  Emilio,  ec,  v.  pag.  1 13, 


279 
SOCIETÀ'  PER  LE  BELLE  ARTI 

{L'ufficio  della  Segreteria  e  in  via  Borgo  Nuovo  9.) 

La  Società  per  le  belle  arti  venne  istituita  nell'anno 
i844«  Essa,  mediante  il  contributo  annuo  di  ital.  lire  26, 
pagabile  da  ogni  socio,  raccoglie  un  fondo  da  ero- 
garsi, ad  ogni  ricorrenza  della  pubblica  esposizione, 
nell'acquisto  di  un  numero  di  oggetti  d'arte  propor- 
zionato alla  rendita  disponibile,  da  esser  poi  distribuiti 
a  sorte  fra  i  soci. 

In  ogni  città  e  borgata  la  Società  procura  di  avere 
soci  corrispondenti  col  titolo  di  Soci  promotori*  i  quali 
sono  incaricati    di  promovere  e  diffondere  la  Società. 

Un  mese  prima  dell'estrazione  a  sorte  viene  com- 
pilato l'elenco  dei  compartecipanti  col  numero  delle 
probabilità  competenti  a  ciascuno.  Si  procede  all'  e- 
strazione  a  sorte  mettendo  in  un'  urna  tutti  i  nomi  dei 
compartecipanti  :  per  quelli  cui  competono  più  proba- 
bilità si  mettono  altrettante  schede  portanti  il  loro  no- 
me; poi  si  estraggono  tanti  nomi  quanti  sono  i  premj,  e  i 
nomi  sortiti  hanno  il  premio  che  viene  loro  destinato  da 
una  contemporanea  estrazione  a  sorte  dei  premj  stessi. 

La  Società  sceglie  tra' suoi  membri  una  Direzione 
clie  la  rappresenti,  una  Commissione  d'arte  ed  una 
Commissione  di  sorveglianza. 

La  Direzione  è  composta  di  un  presidente,  quattro 
direttori,  un  segretario  ed  un  cassiere. 

La  Commissione  d' arte  è  composta  di  tre  artisti  e 
di  tre  amatori  e  del  presidente  della  Direzione.  Essa 
sceglie  e  compera  gli  oggetti  d'arte:  la  sua  scella  è 
libera  affatto  in  qualunque  ramo  delle  arti  belle,  escluse 
le  copie,  avendo  per  sola  mira  di  promuovere  l'in- 
cremento e  lo  studio  dell'  arte. 

La  Commissione  di  sorveglianza  è  composta  di  tre 
membri;  le  sue  funzioni  sono:  di  concorrere  colla  Di- 
rezione alla  compilazione  e  rettifica  dell'  elenco  ;  di 
prender  parte  a  tutte  le  funzioni  relative  all'estrazione 


280  SOCIETÀ     PER  LE  BELLE   ARTI 

a  sorte;  di  rivedere  il  rendiconto  annuale  prima  che 
venga  presentato  alla  Società. 

L'anno  sociale  corredai  i.°  gennaio  al  3i  dicembre. 

La  Società  nel  1870  acquistò  num.  44  premj,  colla 
spesa  di  lire  i53o6o. 

Nell'adunanza  generale  dell'agosto  1867,  venne 
adottata ,  a  grande  maggioranza,  la  distribuzione  an- 
nua a  tutti  i  soci  non  vincenti  di  un  album  contenente 
alcune  fotografie  tratte  dai  migliori  capi  d'arte  esposti 
nell'anno. 

Le  associazioni  si  ricevono  all'  ufficio  della  segre- 
teria della  Direzione  in  via  Borgo  Nuovo  9,  o  presso 
i  negozianti  di  stampe  Pompeo  Pozzi  nella  Galleria 
De  Gristoforis,  e  Ferdinando  Artaria  e  Figlio  in  via 
s.  Margherita. 

Direzione. 

Masciaga  dott.  Giovanni  presid.e  -  via  Cappuccio  21. 
Durini  conte  Alessandro  -  via  Fate-bene-fratelli  ai, 
Besana  cav.  Antonio,  v.  pag.  1 83. 
Redaelli  Michele  -  via  s,  Damiano  44* 
N.  N. 

Fumagalli  Micbelang.,  segretario  -  via  Borgo  Nuovo  9. 
Belinzagbi  comm.  Giulio,  cassiere,  ec,  vedi  pag.  i45. 
Pozzi  Pietro,  collettore  •  via  Madonnina   17. 


COMIZIO  AGRARIO 

DI  MILANO  E  CIRCONDARIO 

Sorto  in  forza  del  reale  decreto  1 3  ottobre  1866 
e  della  adunanza  generale  convocata  dalla  R.  Prefet- 
tura il  18  novembre  1867. 

Presidenza. 

Bersaniavv.  Felice,  deputato,  presid.  -Locate  Trivulzio, 
Cajo  ing.  Carlo,  vice-presidente  -  Musocco» 


COMIZIO    AGRARIO  28  I 

Chiodi  ing.  Luigi,  consigliere  delegalo  -  Cesate. 
Pavesi  Gaetano,  idem  -  Opera. 
Albertario  dott.  Vincenzo,  idem  -  Sesto-Ulleriano. 
Picozzi  Stefano,  idem  -  Peschiera  Borromeo. 
Villa  ing.  Antonio,  segretario  -  corso  Garibaldi  89. 
Resca  Angelo,  cancelliere. 

Rappresentanti  municipali  presso  il  Comizio. 

Cornaggia-Medici  nob.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  209. 
Tagliasacchi  dott.  Ercole  -  via  Bigli  1. 
Galantini  conte  Francesco  -  via  Brera   20. 

La  sede  del  Comizio  è  nella  Galleria  Vittorio  Ema- 
nuele, via  Silvio  Pellico,  lettera*  B,  scala  18. 


SOCIETÀ'  AGRARIA  DI  LOMBARDIA 

(Piazza  Fontana,  nel  palazzo  arcivescovile.) 

La  Società  ha  per  iscopo  di  promuovere  l'incre- 
mento dell'agricoltura  e  delle  arti  ad  essa  attinenti,  a 
seconda  delle  varie  esigenze  delle  speciali  regioni  agri- 
cole di  Lombardia. 

Neil*  ultima  assemblea  generale  della  Società  fu  no- 
minata la  seguente  rappresentanza  generale  della  So- 
cietà Agraria  di  Lombardia: 

Bonzanini  cav.  ing.  Emanuele,   presidente,   ec,  vedi 

pag.  198. 
Mainoni  nob.  Gerolamo,  ^, ^-,  vice-presidente  -piazza 

s.  Marta  3. 
Rusca  conte  Raffaele,  -%-,  vice-pres.  -  via  Bagutta  24. 
Dal  Verme  conte  Luigi,  direttore  -  Foro  Bonaparle  '29. 
Lucca  dott.  Enrico,  idem. 
Cardone  dott.  Luigi,  idem   -  via  Monforte  4* 
Buttafava  ing.  Cristoforo,  idem  -  via  Amedei  9. 
Galli  dott.  Gio.  Batt.,  -£,  segret.  -  piazza  s.  Sepolrro  1 1. 


a  82 
CONSORZIO  REGIONALE  AGRARIO  DI  MILANO. 

[Piazza   Fontana,  palazzo  arcivescovile,  piano  superiore.) 

L'amministrazione  e  rappresentanza  del   Consorzio 
sono  affidate  ad  un  Consiglio,  composto  come  segue: 
Mainoni  noi),  cav.  Girolamo,  predetto,  presidente. 
Rusca  conte  cav.  Raffaele,  predetto,  vice-presidente. 
Dal  Verme  conte  Luigi,  predetto,  idem. 
Bonzanini  cav.  Aless.,  consigliere,  ec,  vedi  pag.   197. 
Galli  dott.  cav.  Gio.  Balt.,  predetto,  idem. 
Rossi  prof,  comin.  Guglielmo,  idem,  ec,  v.  pag.  270. 
Ponti  ing.  Paolo,  idem  -  via  Monte  Napoleone  2  1 . 
Porro  Lambertenghi  march.  Giberto,  idem  -  via  Borgo 

Nuovo  12. 
N.  N. ,  idem. 
Belgiojoso  conte  comm.  Luigi,  rappresentante  presso 

la  Direzione  centrale  della  Società  agraria,  ec,  vedi 

pag.   114. 
Massara  cav.  dott.  Fedele,  segret.  -  via  s.  Damiano  3o. 


SOCIETÀ'  ORTICOLA  DI  LOMBARDIA 

SOTTO   LA   PRESIDENZA    ONORARIA 

di  S.  A.  R.  il  Principe  Umberto  di  Savoja 

Questa  Società  si  è  costituita  con  istromento  16  di- 
cembre i8tì5,  a  rogito  del  dottore  notajo  cav.  Paolo 
Finati,  nello  scopo  di  migliorare  ed  aumentare  i  pro- 
dotti orticoli  per  modo  che  possano  gareggiare  coi 
mercati  di  olir'  alpe,  che,  meno  favoriti  da  natura, 
seppero  con  perseveranti  sforzi  raggiungere  invidiati 
perfezionamenti. 

La  sottoscrizione  delle  azioni,  dell'importo  di  L.  io, 
è  obbligatoria  per  tre  anni,  e  dà  diritto  al  libero  per- 
sonale ingresso  alle  esposizioni  e  ad  altri  privilegi  ac- 
cennati negli  statuti  e  nel  regolamento. 


SOCIETÀ'   ORTICOLA   DI    LOMBARDIA  283 

Consìglio  di  Direzione, 

Gavazzi  Egidio,  $fe,  presidente  -  via  Palestra  2. 

Visconti  march.  Carlo  Ermes,  vice-presidente,  ec, 
ec,  vedi  pag.  i32. 

Pallavicino  march.  Uberto  -  via  Borgo  Nuovo. 

Sangalli  Giovanni,  ec,  vedi  pag.   i65. 

Tavèrna  conte  Lodovico  -  via  Bigli. 

Brambilla  nob.  Giuseppe  -  via  Brera  9. 

Lilta  Modignani  nob.  Paolo  -  via  Durini  i5. 

Panceri  dott.  Emanuele,  ec,  vedi  pag.   181. 

Slorey  Giovanni. 

Trotti  march.  Lodovico,  ìjjfè  e  cav.  della  Legion  d'o- 
nore -  via  Bossi  1. 

Cajrati  ing.  Michele  -  piazza  Belgiojoso  2. 

Stampa  di  Soncino  marchese  Cesare. 

Aureggi  avv.  Carlo,  segretario,  ec,  vedi  pag.   170. 

Vismara  ing.  Carlo,  vice-segretario  -  via  Brera    19. 

Roda  cav.  Marcellino,  membro  onorario. 


SOCIETÀ'  AGRICOLA  LOMBARDA 
DI  CORTE  DEL  PALASIO 

(Lodi,  via  Marsala  li.) 

La  Società  venne  retta  fino  al  17  settembre  1 865 
da  un'Amministrazione  residente  in  Milano,  e  da  una 
Direzione  locale  a  Corte  del  Palasio.  Da  quell'  epoca 
in  poi,  in  forza  delle  modificazioni  introdotte  nello 
statuto  dall'assemblea  generale  degli  azionisti  il  28 
maggio  i865,  approvate  con  reale  decreto  del  29  lu- 
glio stesso  anno,  la  sede  dell'Amministrazione  centrale 
venne  trasferita  a  Lodi,  continuando  però  le  assemblee 
generali  degli  azionisti  ad  essere  convocate  in  Milano. 

L'associazione  in  Lodi  è  retta  da  un  Consiglio  d'am- 
ministrazione, composto  di  sette  azionisti  eietti  dall'as- 
semblea generale. 


284  SOCIETÀ    AGRICOLA   LOMBARDA,  ECC. 

Consìglio  d*  amministrazione, 

Biancardi  ing.  Dionigi  -  Lodi. 

Zalli  avv.  cav.  Tiziano  -  Lodi. 

Parigi  ing.  Gerolamo  -  Lodi. 

Mancini  nob.  ingegnere  Francesco  •  Milano,  via  Borgo 

Nuovo  11. 
Cingia  dolt.  cav.  Luigi  -  Lodi. 
Picolli  ing.  Francesco  -  Lodi. 

Castiglioni  nob.  Carh)  -  Milano,  piazza  Belgiojoso  2. 
Scola  ing.  Emilio,  segretario  -  Lodi. 

Agenzia  in  Corte  del  Palasio. 

Locatelli  rag.  Pietro,  capo  contabile  ed  agente. 
N.  N.,  scritturale. 


L' ITALIA  AGRICOLA 

{Galleria  Vittorio  Emanuele  -via  Silvio    Pellico,  scala    18.) 

Sotto  questo  titolo  il  sig.  ing.  cav.  Ghizzolini  Giro- 
lamo ha  istituito* un  Giornale  dedicato  al  miglioramento 
morale  ed  economico  delle  popolazioni  rurali,  organo 
ufficiale  della  Socielà  agraria  di  Lombardia,  Monitore 
dei  Comizi  agrari  e  di  altre  Associazioni. 

Il  Giornale  tratta  le  seguenti  materie  divise  in 
dodici  Sezioni: 

Sez.  1.  Interessi  generali  -  Idraulica  agraria,  irri- 
gazioni, bonificazioni,  fognatura  -  Costruzioni  e  mec- 
canica agraria. 

Sez.  2.  Interessi  morali  -  Cronaca  campestre. 

Sez.  5.  Igiene  campestre. 

Sez.  4*  Educazione  ed  istruzione  agraria. 

Sez.  5.  Economia,  statistica,  amministrazione  e  con- 
tabilità -  Istituzioni  di  credito  agrario  e  fondiario  - 
Società  d'assicurazioni  mutue* 


285 

Sez.  6.  Giurisprudenza  agraria. 

Sez.  7.  Lavoro  delle  terre  -  Tenuta  e  coltivazione 
dei  poderi  -  Industrie  speciali  e  commercio  agrario. 

Sez.  8.  Enologia,  viticoltura,  alhericoltura,  orti- 
coltura e  giardinaggio. 

Sez.  9.  Entomologia  -  Bachicoltura  e  setificio  - 
Apicoltura. 

Sez.  10.  Zootecnia  e  veterinaria. 

Sez.  11.  Chimica  agraria  -  Concimi  -  Caseificio. 

Sez.  12.  Botanica  agricola. 

Direzione. 

Chizzolini  ing.  cav.  Girolamo,  ec,  vedi  pag.  261. 
Martelli   ing.    cav.    Giuseppe,   segretario,  ec ,  vedi 
pag.  3o2. 

Consiglio  di  redazione. 

Chizzolini  ing.  cav.  Girolamo,  predetto. 

Cantoni  comm.  Gaetano  -  corso  s.  Celso  56. 

Zannili  Ant. ,  prof,  d'agricoltura  a  Udine. 

Rosa  cav.  Gabriele,  presidente  del  Comizio  agrario  ili 
Brescia,    ec,  vedi  pag.  2Ò3. 

Pavesi  cav.  Angelo,  prof,  di  chimica  industriale  all'Isti- 
tuto Tecnico  superiore,  ec,  vedi  pag.  129. 

Cornalia  cav.  Emilio,  prof,  di  stona  naturale  e  diret* 
tore  del  Museo  civico,    ec,  v.  p.  238. 

Boldrini  dolt.  Luigi,  di  Mantova,  già  direttore  del  gior- 
nale /  Contadi. 

Moroni  dott.  Ercole,  prof,  alla  regia  Scuola  superiore 
di  veterinaria   in   Milano,  ec,  vedi  pag.  307. 

Caccianiga  cav.  Antonio,  di  Treviso. 

Rezzonico  dolt.  Antonio. 

Garovaglio  cav.  Santo,  prof  di  botanica  all'Università 
di  Pavia. 

Cenala  avv.  Francesco. 

Rabbeno  avv.  Aronne,  di  Reggio  d'Emilia, 


286  t/lTÀMA   AGRICOLA 

Boraseli!  Gilberto,  gerente  responsabile. 
Collaboratori  e  corrispondenti  in  ogni  Provincia. 

Presso  la  Direzione  del  giornale  è  costituito  un  Uf- 
ficio tecnico  speciale  per  lavori  di  bonificazione,  asciu- 
gamenti, irrigazioni,  costruzioni  civili  e  rustiche,  e  mec- 
canica industriale. 


ASSOCIAZIONE  CENTRALE  D'INCORAGGIAMENTO 
PER  L'APICOLTURA  IN  ITALIA 

(  Via  Conservatorio  *]  e  Istituto  Tecnico  sup.,  piazza  Cavour/}.) 

Scopo  di  questa  Associazione  è  quello  di  promuo- 
vere in  Italia  la  coltivazione  razionale  delle  api. 

L'Associazione  centrale  si  compone  di  Soci  onorari 
scelti  fra  i  più  benemeriti  dell'agricoltura;  di  Soci  cor- 
rispondenti, fra  cui  annovera  già  molti  discinti  apicol- 
tori anche  stranieri;  e  di  Soci  effettivi  i  quali  si  ob- 
bligano a  versare  per  tre  anni  un  contributo  di  L.  5, 
più,  per  il  solo  primo  anno,  altre  L.  5  a  titolo  di  buon 
ingresso. 

Pubblica  un  giornale  mensile  illustrato  che,  oltre  ad 
interessanti  articoli,  contiene  una  guida  pratica  per  l'a- 
picoltore principiante,  ed  una  rivista  di  tutti  i  giornali 
apistici  dei  due  mondi.  Il  giornale  intitolato  L'Apicol- 
tore costa  L.  5  annue  -  Redazione,  via  s.  Vicenzino  8. 

I  soci  dell'  Associazione  centrale  ricevono  gratis 
L'Apicoltore. 

L'associazione,  sorta  nel  gennajo  1867,  conta  già,  fra 
abbonati  al  giornale  e  soci,  circa  ottocento  inscritti. 

Nella  stagione  estiva  presso  l'apiario  dell'Associa- 
zione si  tiene  un  corso  gratuito  d'apicoltura  pratica, 
per  cura  del  vice-presidente  nob.  Gaetano  dei  conti 
Barbò. 

L'apiario  sperimentale  è  situalo  presso  la  Scuola 
superiore  d' agronomia, 


ASSOCIAZIONE   CENTRALE    D  INCORAGGIAMÉNTO,  EC.      IOJ 

Presidente. 
Resta  conte  Giuseppe  -  via  Conservatorio  7. 
Vice-Pres  iclenti. 

Cornalia  cav.  prof.  Emilio,  ec._,  vedi  pag.  ^38. 
Barbò  (de' conti)  nob.  Gaetano  -  via  s.  Damiano  24« 

Segretari. 

Visconti  di  Saliceto  conte  Alfonso  -  via  s.  Vicenzino  8. 
Tanzi  nob.  Giulio  -  via  Chioselto  1  3. 

Consiglieri  dy  amministrazione. 

Del  Mayno  marchese  Norberto  -  via  Borgo  Nuovo  20. 
Lurani  nob.  Gabrio  -  via  Cappuccio  18. 

Cassiere. 

Borromeo  conte  Carlo  -  via  Giardino  4*« 

Redattore  del  giornale. 

Visconti  di  Saliceto  cente  Alfonso,  predetto. 


-*&£%&&- 


R.  ACCADEMIA  DI  BELLE  ARTI 

(  Via  Brera  28.  ) 

S.  A.  R.  il  Principe  Eugenio  di  Savoja  Carignano, 
Luogotenente  generale  di  S.  M.,  in  base  al  decreto 
reale  1 1  settembre  1809,  ha  con  decreto  del  3  novem- 
bre 1860  approvato  i  nuovi  statuti,  ed  il  regolamento 
disciplinare  per  la  R.  Accademia  di  belle  arti  in  Milano, 
abrogando  gli  statuti  ed  i  regolamenti  anteriori. 

11  Corpo  Accademico  è  composto:  i.°  di  un  presi- 
dente, di  un  segretario,  di  tredici  professori,  e  di  venti 
altri  individui  propriamente  denominati  Accademici  j 
lutti  con  voto  deliberativo;  2.0  di  un  numero  indeter- 
minato di  persone  senza  voto  col  titolo  di  Soci  ono- 
rari. Gli  Accademici  con  voto  formano  il  Consiglio. 

Vi  sono  neir  Accademia  le  seguenti  scuole:  una  di 
architettura  superiore;  due  di  pittura;  due  di  scultura; 
una  di  prospettiva;  una  di  ornato;  una  di  anatomia  ; 
una  di  paesaggio  ;  una  di  elementi  del  disegno  di  fi- 
gura; una  di  elementi  di  architettura;  una  di  incisione; 
una  di  litografia  ;  una  di  storia  generale  e  patria;  una 
di  storia  dell'arte;  una  straordinaria  di  ornamentazione 
pratica,  e  di   pittura  di  fiori. 

L'Accademia  distribuisce  ogni  anno  nelle  scuole  ele- 
mentari dei  premj  consistenti  in  medaglie  a  quegli  al- 
lievi che  diedero  nel  corso  dell'anno  maggiori  prove 
di  assiduità  e  di  profitto. 

Ogni  tre  anni  l'Accademia  apre  tre  concorsi,  uno 
per  le  due  scuole  unite  di  pittura,  un  altro  per  quelle 
di  scultura,  ed  un  terzo  per  la  scuola  superiore  d'ar- 
chitettura, ai  quali  concorsi  hanno  diritto  di  presentarsi 
solamente  quegli  allievi,  che  in  uno  dei  tre  anni  an- 


R.   ACCADEMIA  DI  BELLE    ARTI  289 

teriori  ottennero  la  medaglia  in  uno  degli  esperimenti 
delle  scuole  unite  e  dell'architettura. 

Ad  incoraggiamento  dello  studio  nelle  diverse  scuole 
superiori  possono  essere  assegnale  delle  sovvenzioni 
annue,  mensuali,  ed  anche  eventuali,  a  quegli  allievi 
di  povera  fortuna,  i  quali  sulla  proposta  dei  loro  profes- 
sori ne  siano  giudicati  degni  dal  Consiglio  Accademico. 

Oltre  ai  premi  governativi  di  prima  e  seconda  classe, 
sono  assegnati  dall'Accademia  in  via  di  concorso  altri 
premj  dipendenti  da  private  fondazioni,  alcuni  dei 
quali  sono  a  favore  di  chi  è  o  f u  scolaro  dell' Acca- 
demia, e  sono  i  seguenti:  a)  dal  legato  Girotti  *  per 
quel  soggetto  che  destinerà  l'Accademia,  annue  ita- 
liane lir.  23o.4o;  b)  dal  legato  Canonica  3  gli  interessi 
annuali  del  capitale  di  ital.  lir.  3456y.  90,  per  un  pre- 
mio alternativo  ad  un  tema  di  pittura,  di  scultura  e  di 
architettura;  e)  dal  dono  del  defunto  consigliere  £W- 
rico  Mylius *  due  premj:  l'uno  annuale  di  italiane 
lir.  604.  93  da  alternarsi  fra  diversi  generi  di  pittura 
all'olio;  l'altro  triennale  di  ital.  lir.  i382.  71  per  un 
dipinto  a  buon  fresco  sul  muro;  d)  dal  legato  del  de- 
funto ing.  Innocente  Vittadini  per  un  premio  annuo  di 
architettura  di  lir.  864.  19;  e)  dal  legato  perpetuo  del 
defunto  cav.  Pietro  Oggioni,  per  una  pensione  annua 
di  lir.  1728.39  da  erogare  alternativamente  di  tre  in  tre 
anni,  per  un  pittore,  uno  scultore  ed  un  architetto, 
onde  possa  recarsi  all'  estero  per  perfezionarsi  nell'arte 
propria,  di  conformità  alle  pensioni  governative. 

Vi  sono  nel!'  Accademia  tre  posti  di  studio  fuori 
della  Provincia,  e  si  conferiscono  per  concorso  a  gio- 
vani artisti  di  pittura,  scultura  ed  architettura. 

S.  A.  R.  il  Principe  di  Piemonte  ha  istituito  un 
premio  annuo  di  L.  4<>o°  da  conferirsi  all'opera  più 
commendevole  di  pittura  o  di  scultura,  fra  quelle  che 
verranno  presentate  da  artisti  italiani  all'esposizione 
di  belle  arti  che  l'Accademia  tiene  ogni  anno  nel  pa- 
lazzo di  sua  residenza. 

Guida  1871  — -  19 


2^0  E.  ACCADEMIA  DI  BELLE  ARTI 

Venne  poi  istituito  col  reale  Decreto  1 4  aprile  1869, 
N.  5oo5,  uno  speciale  corso  biennale  di  disegno  per 
coloro  che  intendono  ottenere  la  patente  di  idoneità 
all'insegnamento  di  quella  disciplina  presso  le  scuole 
tecniche,,  normali  e  magistrali.  L/ Accademia  ha  pure 
facoltà  di  conferire  patenti ,  sia  per  titoli  sia  per  esame, 
anche  a  coloro  che  non  avessero  fallo  il  corso  sud- 
detto (Y.  la  Circolare   19  luglio  1869,  N.  254). 

Consiglio  accademico. 

Presidente, 

Belgiojoso  conte  Carlo,  uff.  ^,  ifc,  ec,  vedi  p,  25o. 

Segretario. 

Caimi  Antonio,  %  e  -fc-,  professore  di  storia  dell'arte  - 


via  Brera  28. 


Accademici. 


Alemagna  conte  Emilio,  architetto  -  via  Spiga  36. 
Argenti  Giosuè,  %fe9  scultore  -  via  Ciovasso  ti. 
Balzaretti  cav.  Giuseppe,  ingegnere  architetto,  ec. > 

vedi  pag.  i58. 
Bernacchi  Claudio,  H?,  prof,  di  disegno  d'  ornato  -  via 

Fate  «bene-fratelli  i3. 
Bertini  Giuseppe,  comm.  %fe9  prof,  di  pittura  -  via  Giar- 
dino 9. 
Besia  Gaetano,  architetto,   già  prof.  agg.  alla  scuola 

d'architettura,  ec,  vedi  pagv  157. 
Bisi  cav.  Luigi,  professore  di  prospettiva,  ec,  vedi 

pag.  i58. 
Boito  cav.  Camillo,  prof,  di  architettura»  superiore,  ec, 

vedi  pag.  298. 
Borromeo  conte  Giberto,  %  -  via  s.  Orsola  & 
Brocca  cav.  Giovanni,  architetto,  ec,  vedi  pag.    }fó* 
Carcano  nob.comm.  Giulio,  ec,  vedi  pag.  247. 
Casnedi  Rafaele,  prof,  di  disegno  di  figura-  via  Pon,<* 

taccio  12. 


R.    ACCADEMIA   DI   BELLE   ARTI  29 1 

De  Maurizio  Felice,  pittore  *  via  Brera  28. 

Fanoli  Michele,  0,  prof,  di  litografia  -  via  Monte  di 
Pietà  9. 

Fraccaroli  Innocenzo,  $fe9  prof,  di  scultura,  membro 
onorario  ed  effettivo  di  Istituti  italiani,  e  corrispon- 
dente dell'Istituto  Imperiale  di  Francia  -  via  Sol- 
ferino 20. 

Hayez  Francesco,  comm.  ^|,  uff.  -fc-  e  dell'ordine 
del  merito  civile,  prof,  di  pittura  -  via  s.  Paolo  2. 

Induno  Domenico,  ^,  pittore  -  piazza  Durini  7. 

Induno  Girolamo,  ^,  pittore  -  via  s.  Primo  6. 

Magni  Pietro,  ^jj?,  professore  di  scultura  -  piazza  Ca- 
vour 8. 

Malfatti  dott.  cav.  Bartolomeo,  prof,  di  storia  generale 
e  patria,  vedi  pag.  2Ò2. 

Mancini  nob.  Carlo,  pitt.  paesista -via  Borgo  Nuovo  3. 

Massarani  cav.  dott.  Tulio,  ec,  vedi  pag.  i45. 

Mazza  Salvatore,  pittore -via  Amedei  1. 

Miglioretti  cav.  Pasquale,  scultore  -  corso  Venezia  /\6* 

Pagliano  cav.  Eleuterio  ,  pittore  -  galleria  Vittorio 
Emanuele,  scala  12. 

Pestagalli  Giuseppe,  ing.  architetto,  prof,  d'architet- 
tura elementare,  ec,  vedi  pag.  1 43. 

Riccardi  Luigi,  pittore  -  corso  s.  Celso  44* 

Sala  Eliseo,  ^,  pittore  -  via  s.  Spirilo  14. 

Sangiorgio  cav.  Abbondio,  scull.-  Foro  Bonaparte  29. 

Strambio  cav.  dott.  Gaetano,  prof,  d'anatomia,  ec, 
vedi  pag.  i3o. 

Strazza  cav.  Giovanni,  prof,  di  scultura  -  via  Moscova  38, 

Tatti  cav.  Luigi,  ing.  architetto,  vedi  pag.  i3i. 

Soci  onorari  non  residenti  in  Milano, 

S.  A.  R.  il  principe  Eugenio  di  Savoja. 
S.  A.  R.  il  principe  Umberto  di  Piemonte. 
S.  E.  il  conte  Terenzio  Mamiani  della  Rovere. 
Achenbach  cav.  Andrea,  pittore  -  Dusseldorf, 


292  K.    ACCADEMIA  DI   BELLE   ARTI 

Agneni  Eugenio,  pittore  -  Roma. 

Altamura  Saverio,  pittore  -  Napoli. 

Alvino  cav.  Enrico  architetto  -  Napoli. 

Angelini  cav.  Annibale,  architetto  -  Roma. 

Arienli  Alessandro,  architetto  -  Perugia. 

Arienti  comm.  Carlo,,  pittore,  direttore  della  R.  Acca- 
demia di  belle  arti  di  Bologna. 

Baccani  cav.  Gaetano,  architetto  -  Firenze. 

Balestra  sac.  cav.  Serafino,  professore  ed  archeologo  - 
Como. 

Beccaria  Angelo,  pittore  -  Torino. 

Betti  cav.  Salvatore,  scrittore  -  Roma. 

Bigi  avv.  Quirino,  scrittore  »  Correggio. 

Biscarra  cav.  Carlo  Felice,  segretario  delia  R.  Acca- 
demia Albertina  di  belle  arti  di  Torino. 

Blanc  Carlo,  scrittore  -  Parigi, 

Bonghi  Diego,  scrittore  •  Napoli. 

Bonnegrace  Carlo,  pittore  »  Parigi. 

Bonheur  Rosa,  pittrice  -  Parigi. 

Bossoli  cav.  Carlo,  pittore  -  Torino. 

Bruni  cav.  Fedele,  pittore  -  Pietroburgo. 

Busi  Luigi,  pittore  -  Bologna. 

Camporesi  cav.  prof.  Pietro,  architetto  •  Firenze. 

Carignani  Scipione  ,  pittore  -  Torino. 

Castelli  N.,  pittore  paesista  -  Roma. 

Cattaneo  Amanzio,  pittore  —  Firenze. 

Cavallari  Saverio,  architetto  -  Palermo. 

Cerruti  Felice,  pittore  -  Torino. 

Chierici  Alfonso,  pittore  -  Roma. 

Chiossone  Edoardo,  incisore  -  Genova. 

Cipolla  cav.  Antonio,  architetto  -  Roma. 

Clave  Pellegrino.,  pittore  -  Messico. 

Coghetti  Francesco,  pittore  -  Roma. 

Consonni  Nicola,  pittore  -  Roma. 

Couture  cav.  Tomaso,  pittore  -  Parigi. 

De-Dartein  F.,  architetto  -  Parigi. 

Pe  Fabris  Emilio,  architetto  *  Firenze 


A.  ACCADEMIA  DI  BELLE  ARTI  '2g5 

Digby  Wyatt,  architetto,  vice-presidente  del  R.  Istituto 
degli  architetti  britannici  -  Londra. 

Donaldson  Leverton  Tomaso  ,  presidente  del  R.  Isti- 
tuto degli  architetti  britannici,  ec.  -  Londra. 

Dumont,  scultore, 

Dupré  Giovanni ,  scultore  -  Firenze. 

Emiliani-Giudici  Paolo,  scrittore  -  Firenze. 

Espalter  Gioachino,  pittore  -  Madrid. 

Falerni  Mariano,  architetto  -  Firenze. 

Fedi  Pio,,  scultore  -  Firenze. 

Felsing  Giacomo,  incisore  -  Darmstadt. 

Fernkorn ,  scultore. 

Ferrari,  pittore  -  Parma. 

Ferrari  Luigi,  scultore,  professore  nella  R.  Accademia 
di  belle  arti  in  Venezia. 

Fiorelli  cav.  Giuseppe,  direttore  del  Museo  nazionale 
di  Napoli ,  ispettore  degli  scavi  di  Pompei ,  ec.  - 
Napoli. 

Forster  Lodovico,  architetto  -  Monaco. 

Franco  Giacomo,  architetto  -  Verona. 

Gallait  Luigi,  pittore  -  Parigi. 

Gallo  cav.  Agostino,  scrittore  d'  arte  ed  archeologo  - 
Palermo. 

Gamba  Enrico,  pittore  -  Torino. 

Garibaldi  Giuseppe,  generale  -  Caprera. 

Gastaldi  A.,  pittore  -  Torino. 

Gatti  Giuseppe,  pittore  scenografo,  professore  di  pro- 
spettiva nel  R.  Istituto  di  belle  arti  in  Urbino. 

Gemme,  pittore  -  Parigi. 

Giganti,  pittore  -  Napoli. 

Guasti  cav.  Cesare,  scrittore  d'  arte  -  Firenze. 

Hen riquel- Dupont,  incisore  -  Parigi. 

Jorini  Luigi,  scultore,  professore  nell'Istituto  di  belle 
arti  di  Odessa. 

Juvara  Aloysjo  cav.  Tomaso,  professore  di  incisione 
nel  R.  Istituto  di  belle  arti  in  Napoli. 

Jvon,  pittore  -  Parigi. 


294  **  ACCADEMIA  DI  BELLE  ARTI 

Kaulbach  Guglielmo,  pittore  -  Monaco. 

Keller,  incisore. 

Knauss,  pittore. 

Landsear,  pittore  -  Londra. 

Lessing  E.  D.5  pittore. 

Lodi  cav.  Fortunato,  architetto  -  Bologna. 

Lopez  comm.  Michele,  archeologo  e  scrittore  d'arte  - 

Parma. 
Madrazo  cav.  Federico,  pittore  -  Madrid. 
Malatesta    cav.    Adeodato,    pittore,    direttore    della 

R.  Accademia  di  belle  arti  di  Modena,  ec. 
Maldarelli  cav.  Federico,  pittore  -  Napoli. 
Marchese  P.  Vincenzo,  scrittore  -  Firenze. 
Markò  Andrea,  pittore  -  Firenze. 
Matas  cav.  Nicolò,  architetto  -  Firenze. 
Mercadante  Saverio,  gr.  uff.  ìjfè,  compos.  di  musica  - 

Napoli. 
Mercuri  cav.  Paolo,  incisore  -  Roma. 
Meissonnier  E. ,  pittore  -  Parigi. 
Minardi  cav.  Tomaso,  pittore  -  Roma. 
Moja  Federico ,   pittore  prospettico ,  professore  nella 

R.  Accademia  di  belle  arti  di  Venezia. 
Morelli  Domenico,  pittore  -  Napoli. 
Morelli  Giovanni,  scrittore  -  Bergamo. 
Mussini  cav.  Luigi,  pittore,  direttore  dell'Accademia 

di  belle  arti  di  Siena. 
Palizzi  Filippo,  pittore  -  Napoli. 
Perez,  scrittore. 
Pericoli  cav.  Giovanni  Battista,  scultore,  direttore  del 

R.  Istituto  delle  Marche  -  Urbino. 
Podesti  cav.  Francesco,  pittore  -  Roma. 
Pollastrini  Enrico,  pittore  -  Firenze. 
Pugnetti  Natale, architetto-  Tesserete  (Canton  Ticino). 
Raimondi  cav.  Carlo,  prof,  d' incisione  nella  R.  Acca- 
demia di  belle  arti  di  Parma. 
Rapisardi  M.,  pittore  -  Catania. 
Rio  A.  F.,  scrittore. 


fe.  ACCADEMIA  DI  BELLE  ARTI  2q5 

Rosa  Alfonso,  ing.  architetto. 

Scala  Andrea,  architetto  -  Venezia. 

Schmidt  cav.  Federico,  professore  d'architettura  nel- 
TAccadamia  di  belle  arti  di  Vienna. 

Schnaase,  scrittore. 

Schnorr  Giulio,  pittore  -  Monaco. 

Scuri  Enrico,  prof,  di  pittura  nell'Accademia  Carrara 
di  Bergamo. 

Selvatico  march.  Pietro  Estense,  scrittore  -  Padova. 

Simonis,  scultore. 

Tabacchi  Edoardo,  scultore,  professore  nella  R.  Ac* 
cademia  Albertina  di  belle  arti  di  Torino. 

Trecourt  Giacomo,  prof,  di  pittura  nella  scuola  comu- 
nale di  Pavia. 

Tufari  cav.  Raffaele,  scrittore. 

Ussi  Stefano,  pittore  -  Firenze. 

Varni  Santo,  scultore  -  Genova. 

Vela  comm.  Vincenzo  -  Torino. 

Verdi  comm.  Giuseppe,  compos.  di  musica  -  Genova. 

Vertunni  A.,  pittore  *  Roma. 

Viollet-le-duc  E.,  architetto  e  scrittóre  -  Parigi. 

Vitet,  scrittore  -  Parigi. 

Wagner  Riccardo. 

Wappers,  pittore. 

Zuccoli  Luigi,  pittore  -  Roma. 

Soci  onorari  residenti  in  Milano» 

Ashton  Luigi,  pittore  di  paesaggio  -  via  Principe  Um- 
berto 7. 
Bayer  Giuseppe,  scultore  -  via  s.  Agnese  i4« 
Barzaghi  cav.  Francesco,  scultore  -  via  Solferino  1 1 . 
Bazzoni  Cesare,  scultore  -  via  Cappuccio  i4* 
Bernasconi  Pietro,  scultore  -  via  s.  Agnese  6. 
Bianchi  Luigi,  pittore  -  via  s.  Vittore  al  Teatro  17/ 
Biella  Angelo,  scultore  -  via  s.  Agnese  4« 
Bignoli  Antonio,  pittore  -  via  Castelfidardo  8. 


2Q6  r.  accademia  di  belle  arti 

Bisi  Fulvia,  pittrice  -  vìa  Bossi  2. 

Borromeo  conte  Renato,  cav.  gerosolimitano,  ec- piazza 
Borromeo  io. 

Bossi  Gio.  Batt.,  $jfe,  ingegnere-arch.  -  via  Solferino  7. 

Botlinelli  Antonio,  scultore  -  via  Montebello  3. 

Brambilla  cav.  Giovanni  Battista  -  piazza  Scala  3. 

Brusa  Angelo,  primo  aggiunto  alla  scuola  d'ornalo  - 
via  Morigi  8. 

Buzzi-Leoni  Luigi,  scultore  •  via  Montebello  3. 

Caironi  Agostino,  pittore,  aggiunto  alla  scuola  di  ele- 
menti di  figura  -  via  Spiga  36. 

Calvi  nob.  Gerolamo  Luigi  -  corso  Venezia  16. 

Calvi  nob.  Pompeo,  pittore  prospettico  -  via  Oriani  8. 

Castoldi  Guglielmo,  pittore  -  via  Andegari   12. 

Clericetti  prof.  Celeste,  architetto  -  corso  Venezia  74. 

Clerichetti  Luigi,  architetto  -  via  s.  Giuseppe  6. 

Colla  Angelo,  pittore  di  decorazioni  -  via  Borgo  Nuo- 
vo 29. 

Corti  Costantino,  scultore  -  via  s.  Girolamo  4« 

Corvini  Giovanni,  pittore  paesista  -  via  s.  Barnaba  24. 

De  Notaris  Carlo,  pittore  -  via  s.  Paolo  io. 

Durini  conte  Aless.,  pittore  -  via  Fate-bene-fratelli  21. 

Ferrano  Carlo,  pittore  scenico,  agg.°  alla  scuola  di 
prospettiva  -  via  Principe  Umberto  io. 

Fossati  cav.  Gaspare,  ingegnere  architetto  -  via  Borgo 
Nuovo  29. 

Giuliano  Bartolomeo,  pittore,  primo  aggiunto  alla  scuola 
di  elementi  di  figura  -  via  Brera  6. 

Gonzales  Pietro  -  via  Brera  19. 

Lelli  Giovanni  Battista,  pittore  di  paesaggio  -  via 
s.  Primo  6. 

Lombardini  comm.  Elia,  ingegnere-architetto,  ec, 
vedi  pag.  23^. 

Maciacchini  cav.  Carlo,  architetto  -  via  Principe  Um- 
berto. 

Malortiz  dott.  cav.  Giuseppe  Cesare,  ec,  vedi  p.  1 54  - 

Manzoni  nob.  Alessandro,  ec,  vedi  pag.  235. 


fi.   ACCADEMIA   DI  BELLE  ARTI  297 

Marchesi  Luigi,  scultore  -  via  Passione  9. 

Masciaga  doti.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  280. 

Mellini  Napoleone,  pittore  -  corso  Venezia  49. 

Michel  Emanuele,  architetto  -  via  Cappuccio  i5. 

Modorati  Giuseppe,  pittore  -  via  Brera  28. 

Mongeri  cav.  Giuseppe,  scrittore  d'arte  -  via  Borgo 
Nuovo  i5. 

Pandiani  Giovanni,  ^,  scultore  -via  s.  Calimero  il. 

Pessina  Giovanni ,  pittore  prospettico  -  corso  Porta 
Nuova  18. 

Pietrasanta  Angelo,  pittore  -  via  Cerva  35. 

Pisoni  Angelo,  architetto,  socio  onorario  dell' Accade- 
mia di  belle  arti  di  Urbino  -  via  Nirone  8. 

Poldi  Pezzoli  nob.  Giacomo  -  via  Giardino  12. 

Pultinali  Aless.,  jjfè,  scultore  -  via  Annunciata  /}• 

Riccardi  Paolo,  pittore  -  via  Olmetto  7. 

Rocca  Saporiti  conte  Apollinare  march,  della  Sforzesca. 

Romano  Carlo,  scultore  -  via  s.  Vincenzo  18. 

Rossi  Angelo,  pittore  -  via  del  Carmine  1. 

Rovani  Giuseppe,  scrittore  -  via  Solferino  7. 

Scattola  Domenico,  pittore  -  via  Conservatorio. 

Secco  Suardo  conte  Giovanni,  scrittore  d'arte. 

Seleroni  Giovanni,  scultore  -  via  Fate-bene-fratelli  j3. 

StefFani  Luigi,  pittore  di  marina -via  Guastalla  3. 

Stocchetti  Angelo,  pittore  di  decoraz.e  -  via  s.  Tomaso  3. 

Tallacchini  Carlo  -  via  Clerici  2. 

Tantardini  cav.  Antonio,  scultore,  ec,  vedi  pag.  159. 

Terzaghi  Enrico,  architetto,  ec,  vedi  pag.  1 58. 

Trezzini  Angelo,  pittore  -  via  s.  Primo  6. 

Valaperta  Francesco,  pittore  -  via  Durini  14. 

Valentini  Gottardo,  pittore  di  paesaggio  -  via  Fate- 
benefratelli  5. 

Valtorta  Giovanni,  pittore  -  via  Ciovasso  11. 

Vandoni  cav.  Giuseppe,  ing.-arch.,  ec,  vedi  pag.  108. 

Vela  Lorenzo,  scultore,  primo  aggiunto  alla  scuola  di 
ornato  per  la  plastica  -  via  Annunciata  7. 

Zona  Antonio,  pittore. 


igS  fi.  ACCADEMIA   DI   BELLE   ARTI 

Corpo  insegnante. 
Professori. 

Boito  Camillo,  $fe,  di  architettura  superiore  -  corso  Vit- 
torio Emanuele  26. 

Hayez  comm.  Francesco,  di  pittura,  ec,  vedi  pag.  291. 

Berti  ni  comm.  Giuseppe,  di  pittura,  ec,  vedi  pag.  290. 

Strazza  cav.  Giovanni,  di  scultura,  ec,  vedi  pag.  291. 

Magni  cav.  Pietro,  di  scultura,  ec,  vedi  pag.  291. 

Pelagatti  ing.-arch.  Giuseppe,  di  elementi  di  architet- 
tura, ec,  vedi  pag.  1 4^. 

Casnedi  Raffaele,  del  disegno  di  figura,  ec .,  vedi 
pag.  290. 

Misi  cav.  Luigi,  di  prospettiva  ec,    vedi  pag.    1 58. 

Bernacchi  cav.  Claudio,  d'ornato,  ec,  vedi  pag.  290. 

Riccardi  Luigi,  di  paesaggio,  ec,  vedi  pag.  291. 

Caimi  cav.  Antonio,  di  storia  dell'arte,  ec,  v.  p.  290. 

Malfatti  dott.  cav.  Bartolomeo,  di  storia  generale  e  pa- 
tria, ec,  vedi  pag.  252. 

Strambio  cav.  dott.  Gaetano,  di  anatomia,  e^.,  vedi 
pag.     1 3o. 

Fanoli  cav.  Michele,  di  litografia,  ec,  vedi  pag.  291. 

Gallerie. 
Conservatore* 
De  Maurizio  prof.  Felice,  ec,  vedi  pag,  291. 

Custode, 
Modorati  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  297. 
Professori  emeriti. 

Cacciatori  Benedetto,  uff.  ^,  prof,  emerito  di  scul- 
tura -  via  s.  Agnese  14. 

Sogni  Giuseppe,  ^,  professore  emerito  di  disegno  di 
figura  -  via  Monlebello  3. 


r.  accademia  di  belle  arti  ?99 

Aggiunti. 

Reati  Alessandro,  aggiunto  alla  scuola   di  elementi  di 

architettura  -  via  Piatti  9. 
Bernasconi   Pietro,  aggiunto   temporaneo   alla    stessa 

scuola  -  via  s.  (Viaria  Fulcorina  1 1 . 
Giuliano  Bartolomeo,  pittore,  i.°  aggiunto  alla  scuola 

d'elementi  di  disegno  e  di  figura,  ec,  vedi  p.  296. 
Caironi  Agost.,  pittore,  2.0  aggiunto  idem  -  vedi  p.  296. 
Ferrario  Carlo,  aggiunto  alla  scuola  di  prospettiva,  ec, 

vedi  pag.  296. 
Vela  Lorenzo,  i.°  aggiunto    alla   scuola   d'ornato  per 

la  plastica,  ec,  vedi  pag.  297. 
Brusa  Ang.,  i.°  aggiunto  alla  scuola  di  disegno,  ec, 

vedi  pag.  296. 
Lorenzoli  Angelo,  2. °  aggiunto  per  la  scuola  suddetta  - 

via  s.  Maria  Beltrade  1. 
Cassina  Ferdinando,  idem  -  via  Pontaccio  12. 
Carenimi  Ant.,  assist,  temporaneo  alla  scuola  d'ornato 

-  via  s.  Pietro  all'Orlo  21. 
Briani  Amilcare,  assistente  temporaneo  alla  stessa  scuola 

•  via  Olmetto  12. 

Economato  e  Cancelleria. 

Ispettore  Economo. 

Tizzerio  Luigi  -  nel  locale  dell'Accademia. 

Scrittori. 

Bardeaux  rag.  Carlo  -  via  s.  Marco  io. 
Picozzi  Carlo,   incaricato    anche    della  conservazione 
della  libreria  accademica  -  nel  palazzo  di  Brera. 


3oo 


ISTRUZIONE  SUPERIORE 


R.  ISTITUTO  TECNICO   SUPERIORE. 

(Piazza   Cavour  ^.) 

Questo  Istituto  creato  colla  legge  1 3  novembre  1859 
ebbe  principio  di  attuazione  pel  reale  decreto  i3  no- 
vembre 1862. 

Gli  scopi  cui  esso  tende  sono:  i.°  di  formare  inge- 
gneri-civili, ingegneri-industriali,  ed  arcbitetti-civili; 
2.0  di  abilitare  all' insegnamento  di  scienze  naturali  ed 
applicate  negli  Istituti  d'istruzione  secondaria;  3.°  di 
offrire  agli  studiosi  un  centro  di  coltura  scientifica  e 
tecnica  affatto  libera. 

Oltre  le  governative  disposizioni  concorrono  a  for- 
nirne la  suppellettile  di  insegnamento,  in  forza  di  con- 
venzioni e  determinati  compensi,  la  Giunta  municipale 
e  la  Società  d* incoraggiamento  d'arti  e  mestieri  di 
questa  città. 

La  direzione  ne  è  affidata  ad  un  Consiglio  direttivo, 
in  cui  sono  rappresentati,  oltre  gli  interessi  dello 
Stato  e  della  Provincia,  quelli  pure  della  Città  e  So- 
cietà predetta. 

Esso  è  fornito  di  una  Biblioteca  tecnica,  di  un  Ga- 
binetto di  fisica  tecnologica,  di  un  laboratorio  e  gabi- 
netto di  chimica  industriale,  di  una  collezione  di  istro- 
menti  geodetici  e  di  una  collezione  di  disegni  e  mo- 
delli di  costruzione.  Il  R.  Orto  botanico  di  Brera 
forma  esso  pure  parte  di  questo  Istituto.  In  forza  delle 
predette  convenzioni  ha  poi  l-  uso  delle  collezioni  di 
storia  naturale  del  Museo  civico,  quelle  di  meccanica 
industriale  e  di  chimica  tecnologica,  e  del  laboratorio 
chimico  della  Società  d'incoraggiamento. 


ISTITUTO   TECNICO    SUPERIORE  3o  I 

Anche  nel  corrente  anno,  oltre  gli  insegnamenti  della 
scuola  d'applicazione  per  gli  ingegneri  e  per  gli  ar- 
chitetti, quelli  del  corso  normale  di  storia  naturale  ed 
alcuni  complementari  di  matematiche  pure  ed  applicate 
per  gli  aspiranti  all' insegnamento,  si  darà  un  corso  di 
lezioni  sulla  Celeriniensura, 

Le  lezioni  sono  pubbliche ,  e  si  danno  nel  locale 
dell'istituto,  ad  eccezione  di  quelle  di  geologia  e  di 
zoologia  che  sono  date  al  Museo  civico,  di  quelle  di 
meccanica  industriale,  disegno  di  macchine,  metallur- 
gia e  manipolazioni  chimiche,  che  hanno  luogo  presso 
la  Società  d'incoraggiamento  d'arti  e  mestieri,  con 
sede  provvisoria  sul  corso  Porta  Romana  io,  non  che 
di  quelle  di  prospettiva  ed  elementi  di  figura  che  si 
danno  presso  la  R.  Accademia  di  belle  arti. 

Consiglio  direttivo. 
Brioschi  comm.  Francesco,  senatore  del  Regno,  diret- 
tore dell'Istituto,  presidente  ec,  vedi   pag.  2  35. 
Belgiojoso  conte  cav.  Carlo,  presidente  della  R.  Ac- 
cademia di  belle  arti,  ec,  vedi  pag.  25o. 
Rodriguez    Francesco,   uff.   0,  preside  dell'Istituto 

tecnico  di  s.  Marta  -  corso  P.  Nuova. 
Lombardini  comm.  ing.  Elia,  senatore  del  Regno,  nomi- 
nato dalla  Deputazione  provinciale,  ec,  vedi  pag.  23y. 
Tatti  ing.  cav.  Luigi,  consigliere  municipale,  nominalo 

dalla  Giunta  municipale,  vedi  pag.   i3i. 
Vanotti  ing.  cav.  Augusto,  vice-presidente  della  Società 
d'incoraggiamento,  nominato    dalla  Società  stessa, 
vedi  pag.  1 44- 

Insegnanti. 

Brioschi  dott.  comm.  Francesco,  predetto,  di  idraulica 
fluviale  ed  ngricola,  e  meccanica  superiore. 

Casorati  cav.  Felice,  di  geodesia  ed  analisi  superiore 
-  corso  P.  Nuova  ^o. 

Cavallini  ing.  Achille,  di  giurisprudenza  agricola  e  di 
diritto  amministrativo,  ec,  vedi  pag.  2  58. 


5o2  ISTITUTO  TECNICO   SUPERIORE 

Clericetti  ing.  Celeste ,  di  scienza  e  disegno  delle  co- 
struzioni -  corso  Venezia  7  4» 

Colombo  ing.  cav.  Giuseppe,  di  meccanica  industriale 
e  disegno  di  macchine,  ec,  vedi  pag.  241. 

Cremona  cav.  Luigi,  di  statica  grafica  e  geometria  su- 
periore, ec,  vedi  pag.  23g. 

Dugnani  ing.  Gaspare,  di  topografia,  esercizi  topogra- 
fici e  disegno  topografico  -  via  iNerino  5. 

Gara  vaglia  ing.  Leopoldo,  di  disegno  di  applicazioni 
della  geometria  descrittiva  -  via  Conservatorio  20. 

Martelli  cav.  ing.  Giuseppe,  di  lavori  in  terra  e  disegno 
di  opere  stradali  ed  idrauliche  -  via  s.  Vicenzino  5. 

Pasi  dott.  cav.  Carlo,  di  agronomia  ed  economia  ru- 
rale, ec,  vedi  pag.  243. 

Pavesi  cav.  dott.  Angelo,  di  chimica  industriale  e  di 
chimica  agraria,  ec,  vedi  pag.  243. 

Porro  ing.  cav.  Ignazio,  di  celerimensura  e  di  ottica 
tecnologica,  ec,    vedi  pag.  2  43. 

Stoppare  cav.  Antonio,  di  geognosia  e  mineralogia  ap- 
plicata, ec,  vedi  pag.  238. 

Bardelli  dott.  Giuseppe,  di  meccanica  razionale  -  via 

Spiga  25. 
Ferrini  cav.  ing,  Rinaldo,  di  fisica  tecnologica  -  via 

Olmetto  17. 
Guzzi  ing.  Palamede,  di   cinematica  e  costruzione  di 

macchine  -  via  Solferino  7. 
Loria  ing.  Leonardo ,  di  strade  ferrate  -  corso  Porta 

Romana  5. 
Sacchi  ing.  Archimede,  di  architettura  pratica  -  via 

Passare  11  a  12. 
Zoppetliing.  Vittore,  di  metallurgia  -  corso  s.  Celso  9. 

Bernacchi  cav.Claudio,  per  gli  ornamenti, ec,  v.  p.  290. 
Bisi  cav.  Luigi,  per  la  prospettiva,  ec-,  vedi  pag.  i58. 
Boito  arch.  cav.  Camillo,  per  l'architettura,  ec,  vedi 
pag.  298. 


ISTITUTO   TECNICO   SUPERIORE  3o5 

Casnedi  Rafaele,  per  gli  elementi  di  figura,  ec,  vedi 
pag.  290. 

Cornalia  cav.  Emilio,  di  zoologia,  ec,  vedi  pag.  9.38. 

Frapolli  cav.  Agostino ,  per  le  manipolazioni  chimi- 
che, ec,  vedi  pag.  1 44- 

Schiaparelli  ing.  comm.  Giovanni,  direttore  del  R.  Os- 
servatorio astronomico,  ec,  vedi  pag.  voo. 

assistenti. 
Sayno  ing.  Antonio,  per  la  statica  grafica  -  via   Boc- 
chetta *20. 
Morosini  ing.  Giovanni,  per  la  meccanica  industriale 

-  corso  s.  Gelso  i3. 

Rotondi  ing.  Ermenegildo,  per  la  chimica  industriali» 

-  via  Lanzone  3. 

Spreafico  ing.  Emilio,  per  la  geologia-  Cordusio  19. 

Coniglio  ing.  Gaetano,  pel  disegno  -  via  s.  Pietro  al- 
l'Orto 23. 

Magriglio  ing.  Tranquillo,  idem  -  corso  P.  Nuova  i3. 

Speroni  ing.  Emilio,  idem  -  via  Giovasso  1 1 . 

Padulli  conte  Pietro,  istruttore  nel  laboratorio  di  chi- 
mica della  Società  d'incoraggiamento,  vedi  pag.  1 43. 

Bono  dott.  Carlo,  assistente  al  laboratorio  suddetto. 

Segretario. 
Giovannini  ing.  Giuseppe  -piazza  Borromeo  6. 

Applicato. 
Bonzanino  Carlo  -  via  Pietro  Verri  16. 

Inservienti. 
Baggi  Pietro  -  piazza  Cavour  4« 
Ferrari  Luigi  -  piazza  Cavour  4. 
Mazzoni  Giovanni  -  piazza  Cavour  4» 

ORTO  BOTANICO 

(via   Brera  28.) 

Pecorara  Gaspare,  giardiniere  -  nel  palazzo  di  Brera. 


3e»4 

ACCADEMIA  SCIENTIFICO-LETTERARIA 

(  Piazza   Cavour  fy.  ) 

È  governata  dalla  legge  i3  novembre  1859,  dal 
regio  decreto  19  luglio  i863  e  dal  regolamento  ap- 
provato con  reale  decreto  8  novembre  i863. 

Essa  comprende  un  corso  normale  ed  un  Istituto  di 
scienze  istoriche  e  filologiche. 

Gli  insegnamenti  dati  nell'Accademia  sono  i  se- 
guenti :  i.°  Filosofia  teoretica  e  storia  della  filosofia. 
2.0  Filosofia  della  storia.  3.°  Storia  antica  e  geografia. 
4.0  Archeologia  e  numismatica.  5-°  Antichità  civili  gre- 
che e  romane.  6.°  Storia  moderna.  7.0  Linguistica. 
8.°  Grammatica  greca.  9.0  Letteratura  greca.  ro.°  Let- 
teratura latina.  1 1.°  Letteratura  italiana  ed  estetica. 
12.0  Letterature  comparate.  i3.°  Conlabilità  (1). 

Il  corso  normale  porta  al  diploma  di  abilitazione 
per  l'insegnamento  classico,  storico  e  filosofico.  L' Isti- 
tuto conduce  al  diploma  di  Dottore  in  scienze  storico- 
filologiche. 

Il  corso  degli  studi  nell'uno  e  nell'altro  è  di  quat- 
tro anni. 

Consiglio  direttivo. 

Presidente. 

Brioschi  comm.  Francesco ,  senatore  del  Regno ,  ec, 
vedi  pag.  ^35. 

Membri. 

Picchioni  prof.  Girolamo,  uff.  ijfò,  preside    dell'Ac- 
cademia, ec,  vedi  pag.  253. 

Gabelli  Aristide,  uff.  jjfa,  provveditore  agli  studi. 

Piolti  de  Bianchi  Giuseppe ,  deputato  al  Parlamento, 
di  nomina  provinciale  -  via  s.  Croce  8,  v.  p.  i3o. 

Molinelli  prof.  cav.  Pietro,  di  nomina  comunale,  vedi 

pag.  i45. 

(!•)  Le  lezioni  di  contabilità  si  danno  nell'Istituto  tecnico 
di  s.  Marta. 


ACCADEMIA  SCIENTIFICO-LETTERARIA  3o5 

Segretario. 
Camerini  cav.  Eugenio  -  piazza  Cavour  4» 
Insegnanti. 

Bonavino  cav.  Cristoforo  (Ausonio  Franchi),  prof,  or- 
dinario (Storia  della  filosofia)  -  via  Morigi  3. 

Ferrari  Giuseppe,  deputato  al  Parlamento  (Filosofia 
della  storia.) 

Malfatti  dott.  cav.  Bartolomeo,  prof,  straordinario  (Geo- 
grafia) ec,  vedi  pag.  i§i. 

Biondelli  cav.  Bernardino,  prof.  ord.  (Archeologia  e 
Numismatica),  ec,  vedi  pag.  248. 

Latles  Elia,  prof,  straord.  (Antichità  civili  greche  e 
romane,),  ec. ,  vedi  pag.  ibi. 

Ferrari  cav.  Paolo,  prof.  ord.  (Storia  moderna)  -  via 
Pasquirolo  3. 

Ascoli  cav.  Graziadio  Isaia,  prof.  ord.  (Linguistica),  ec, 
vedi  pag.  249. 

Inama  Vigilio,  prof,  straord.  (Grammatica  greca)  -  via 
Cavenaghi  6. 

Picchioni  Girolamo,  predetto,  profess.  ord.  (Lettera- 
tura greca). 

Tamagni  cav.  Cesare,  prof.  ord.  (Letteratura  latina),  ec, 
vedi  pag    q53. 

N.  N.  (Letteratura  italiana.) 

N.<  N.  (Letteratura  comparata). 

Villa  Francesco,  ^,  prof.  ord.  (Contabilità),  ec,  vedi 
pag.  2Ò3. 

Bonghi  comm.  Ruggero  (Storia  antica),  ec,  v.  p.  i5o. 

Prandoni  Domenico,  bidello. 
Conti  Pietro,  servente. 


Guida  1871  —  20 


3o6 

R.  OSSERVATORIO  ASTRONOMICO 

E  SCUOLA  D'ASTRONOMIA  TEORICO-PRATICA. 

{Via  Brera  28.) 

Schiaparelli  ing.  comm.  Gio.,  primo  astronomo,  diret- 
tore dell' Osservatorio,  e  professore  ordinario,  ec, 
vedi  pag.  235. 

Frisiani  nobile  Paolo,  prof,  emerito  d'astronomia,  ec, 
vedi  pag.  237. 

Aggiunti. 

Capelli  sacerdote  Giovanni,  primo  aggiunto  astronomo 

-  via  Brera  28. 
Sergent  dott.  Ernesto,  secondo  aggiunto  -  via  Brera  28. 
Celoria  ing.  Giovanni,  terzo  aggiunto  -  via  Brera  28. 

Kohlschitter  Giuseppe,  macchinista,  ec.  -  via  Brera  28, 
Bordogna  Angelo,  inserviente  -  via  Brera  28. 


R.  SCUOLA  SUPERIORE  DI  MEDICINA  VETERINARIA. 

(A  s.  Francesca  Montana  sobborgo  di  Porta  Venezia  6g.) 

Oltre  r  istruzione  completa  degli  studj  veterinari 
è  aperto  un  apposito  ospedale  per  la  cura  degli  ani- 
mali domestici  infermi  ;  si  fanno  altresì  consulte  per  gli 
animali  ammalati,  ed  esami  e  giudizj  sul  loro  valore 
e  sulle  loro  qualità.  Presso  la  officina  di  mascalcia  si 
eseguisce  qualunque  siasi  ferratura. 

Direzione 
Oreste  dott.  Pietro,  $fe,  prof,  universitario  -  nel  locale 

dell'  Istituto. 
Fara  dott.  Carlo,  sj|?,  segretario- economo  -  ivi. 

Corpo  insegnante. 
Oreste  dott.  cav.  Pietro,  predetto,  prof,  ordinario  di 
patologia  interiore  e  clinica  medica. 


SCUOLA   SUPERIORE   VETERINARIA  Zù'] 

Brambilla  Luigi,  %.  -fc-,  dott.  in  medicina  e  chirurgia 
e  zoojatro,  prof.  dJ  ippodologia  e  patologia  -  via 
s.  Spirito  20. 

Pavesi  cav.  Angelo,  prof,  di  chimica  e  farmacia,  ec, 
vedi   pag.    1*29. 

Corvini  Lorenzo,  ^  dottore  in  medicina  e  chirurgia, 
e  zoojatro,  membro  del  Consiglio  provinciale  di  sa- 
nità, membro  corrispondente  di  varie  società  scien- 
tifiche, professore  ordinario  di  materia  medica,  te- 
rapia e  botanica,  ec. ,  v.  pag.  241. 

Generali  dott.  Giovanni,  prof,  universitario  di  patolo- 
gia generale  ed  anatomia  patologica. 

Sertoli  dott.  Enrico,  prof,  incaricato  di  anatomia  e  fi- 
siologia veterinaria. 

Guzzoni  dott.  Melchiorre,  medico  veterinario,  assi- 
slente  di  clinica  medica  -  nel  locale  dell'istituto. 

Vachetta  dott.  Andrea  Alfonso,  prof,  incaricato  della 
patologia  chirurgica  e  rispettiva  clinica. 

Assistenti 

Vietti  Enrico,  dott.  in  chimica,  assistente  di  chimica  e 
farmacia  e  veterinario  aggregato  -  corso  Venezia  36. 

Moroui  Ercole,  veterinario,  assistente  preparatore  di 
anatomia,  membro  di  varie  Accademie  -  nel  locale 
dell' Istituto. 

Lanziloifi  dott.  Nicola,  assistente  di  clinica  chirurgica. 

Due  vice  assistenti  e  8  piazze  di  allievi  pensionarj. 

Pellegrini  Giovanni,  veterinario,  capo  maniscalco  -  nel 
locale  dell'  Istituto. 

Allievi  militari  maniscalchi. 

Un  capo-stalla,  un  commesso,  un  custode,  due  inser- 
vienti, diversi  infermieri  e  palafrenieri. 


3o8 

R.  SCUOLA  SUPERIORE  D'AGRICOLTURA. 

(  Corso  s.  Celso  56.) 

Consiglio  direttivo, 
Brioschi  comm.  Francesco,  presidente,  ec,  v.  p.  235. 
Bianchi  cav.  ing.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  i3i. 
Caproni  avv.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.    i  53. 
Vanolti  cav.  ing.  Augusto,  ecc.,  vedi  pag.   i44* 
Venini  Giovanni,  ec,  vedi  pag.   i3i. 

Direttore. 

Cantoni  comm.  Gaetano,  ec,  vedi  pag.  285. 
Professori. 

Ardissone  Francesco,  prof,  ordinario  di  botanica  -  corso 
Vittorio  Emanuele  i. 

Cantoni  comm.  Gaetano,  prof,  ordinario  di  agronomia, 
ec,  vedi  pag.  25g 

Cornalia  cav.  Emilio,  prof,  straordinario  di  zootecnia 
degli  animali  inferiori,  ec,  vedi  pag.  238. 

Koerner  Guglielmo,  prof,  straordinario  di  chimica  or- 
ganica -  corso  s.  Celso  56. 

Landriani   Gaetano,   incaricato  per  il   disegno  -  via 
s.  Vito  i5. 

Lemoigne  Alessio,   prof,   straordinario   di    zootecnia 
degli  animali  superiori,  ec,  vedi  pag.  242. 

Pavesi  cav.  Angelo,  prof,  ordinario  di  chimica  agricola 
e  di  tecnologia  agricola,  ec,  vedi  pag.  129. 

Rizzi  cav.  Giovanni,  prof,  straordinario  di  letteratura 
italiana  -  via  Broletto  Sy, 

Tscherler  Gian  Giacomo,  incaricalo  per  la  lingua  te- 
desca -  via  Meravigli  8. 

Segretario. 
Eccheli  del  Dosso  conte  Augusto  -  corso  P.  Romana  17. 

Inservienti. 
Cremonesi  Angelo  *  corso  s.  Celso  56. 
Maestroni  Carlo  -  via  s.  Pietro  all'Orto. 


3o9 
K.  SCUOLA  D'OSTETRICIA 

AMESSA  ALL'OSPIZIO  PROVINCIALE  DEGLI  ESPOSTI 
E  DELLE  PARTORIENTI. 

(  Via  Francesco  Sforza  33.) 

La  R.  Scuola  di  ostetricia  è  annessa  all'  Ospizio  pro- 
vinciale degli  esposti  e  delle  partorienti.  Dipende  di- 
rettamente dal  Ministero  della  pubblica  istruzione  per 
la  parte  scientifica^  e  per  quella  economico-ammini- 
strativa costituita  dal  comparlo  delle  partorienti  an- 
nesso all'Ospizio  provinciale  è  subordinata  alla  Dire- 
zione dell'  Ospizio  stesso,  ed  alla  sorveglianza  della 
Deputazione  e  del  Consiglio  provinciale.  L'accettazione 
delle  partorienti  nel  relativo  comparto  è  limitata  alle 
nubili  e  vedove  gestanti  della  Provincia  ed  a  quelle 
maritate  munite  dell'obbligazione  di  un  Comune  della 
Provincia  di  assumerne  le  spese  di  mantenimento  du- 
rante la  loro  dimora  nell'Ospizio. 

L'istruzione  teorico-pratica  di  ostetricia  viene  data 
ad  alcune  figlie  del  L.  P.  degli  esposti  e  a  tutte  quelle 
donne  che,  o  a  proprie  spese,  o  destinate  e  mantenute 
dai  Comuni,  aspirano  alla  professione  di  levatrice,  es- 
sendo in  facoltà  della  R.  Scuola  concedere  l'abilita- 
zione all'esercizio  della  professione  suddetta,  istessa- 
menle  come  si  pratica  nelle  R.  Università.  Il  corso 
per  le  medesime  dura  nove  mesi,  cinque  di  teoria,  e 
quattro  di  pratica,  durante  i  quali  ultimi  tutte  le  al- 
lieve sono  obbligate  a  dimorare  nello  stabilimento 
pagando  una  pensione  giornaliera  di  L.  i.  5o  pel  loro 
mantenimento. 

L'istruzione  pratica  viene  poi  data  a  quei  giovani 
medico-chirurghi  che,  desiderosi  di  rendersi  esperti  in 
questo  ramo  importante  dell'arte  salutare,  presentano 
regolare  dimanda  alla  direzione  della  Scuola  per  fre- 
quentarne le  visite,  assistere  ai  parti  ed  alle  operazioni 
che  vi  avvengono,  e  seguirne  il  corso  di  lezioni. 


3  IO  SCUOLA  D'OSTETRICIA 

Professore  es  Direttore  della  Scuola. 

N.  N. 

Assistenti. 

Porro  dott.  Edoardo,  i.°  assistente  (biennale)  -  nello 
stabilimento  via  s.  Barnaba  i3  e  via  rs.  Paolo  19. 

Grassi  dott.  Ernesto,  2.0  assistente  (biennale)  -  nello 
stabilimento  via  s.  Barnaba  2,  e  via  Torino  43. 

Levatrici 

Majnardi  Leopolda,  levatrice  maggiore  -  nel  locale. 
Bianchi  Margherita,  levatrice  i.a  assistente  -  ivi. 
Damiani  Bibiana,  levatrice  2.a  assistente  -  ivi. 


SOCIETÀ'  D' INCORAGGIAMENTO 
D'ARTI  E  MESTIERI 

{Nel  palazzo  comunale>  corso  P.  Romana   IO.) 

Questa  instituzione ,  fondala  nel  1 838  con  offerte 
dei  negozianti  di  Milano  per  promovere  le  arti  utili 
in  queste  provincie,  e  tutelata  e  promossa  con  annuale 
contributo  dalla  Camera  di  Commercio ,  si  propagò 
poi  con  generale  soscrizione  a  tutte  le  classi.  Nel  1841 
essa  fondò  presso  di  sé  una  Commissione  di  chimica 
e  una  di  meccanica,  e  nel  1843  una  d'agricoltura  e 
una  di  commercio,  incaricate  di  studiare  le  condizioni 
industriali  del  paese,  propagare  le  utili  cognizioni  e 
illuminare  coi  loro  voli  la  Società. 

Il  presidente  della  Società,  consigliere  Enrico  My- 
liuS ,  colla  donazione  di  un  capitale  cospicuo,  fondava 
una  Scuola  di  chimica,  a  cui  si  poterono  ben  presto 
aggiungere  un  laboratorio  chimico  assai  ricco  ed  un 
prezioso  museo  industriale. 

Le  lezioni  di  chimica  industriale  ebbero  principio 
col  febbraio  del  1 844 >  ne^  1^4^  s*  aggiunse  allabora- 


società  d'incoraggiamento  3i  I 

torio  chimico  l' insegnamento  pratico  di  alcuni  allievi. 
Nello  stesso  anno  si  apriva  pure  una  scuola  pratica 
intorno  alla  tessitura  della  seta,  un  corso  di  fisica 
industriale  ed  uno  di  geometria  e  meccanica  industriale. 
Col  principio  del  1848  aprivasi  un  corso  di  istruzione 
pratica  intorno  alle  strade  ferrate,  ed  estendevasi  alla 
città  di  Como  V  insegnamento  sulla  tessitura  della  seta. 

Una  cittadina  sottoscrizione  ha  provveduto  i  mezzi 
per  fondare  il  Gabinetto  tecnologico  di  meccanica 
industriale,  sull'esempio  del  Gabinetto  della  scuola 
di  chimica. 

I  corsi  di  chimica,  di  meccanica  e  di  setificio  sono 
biennali;  il  corso  di  geometria  descrittiva,  triennale. 

Le  lezioni  di  disegno  industriale  sono  date  nei  locale 
delF  Istituto  tecnico  superiore,  piazza  Cavour  4. 

Alla  scuola  di  chimica  è  aggiunto  un  preparatore 
assistente,  che  viene  eletto  tra  gli  allievi  che  hanno 
compiuto  il  corso  nel  laboratorio.  Nel  Laboratorio  chi- 
mico ha  poi  luogo  ogni  giorno  P  istruzione  pratica  degli 
allievi  del  laboratorio,  i  quali  sono  ammessi  o  gratuita- 
mente, o  dietro  un  contributo  di  annue  Stai.  lir.  240 
per  il  consumo  degli  oggetti  :  il  corso  di  istruzione 
pratica  è  pure  biennale. 

La  Società  d'Incoraggiamento  d'arti  e  mestieri  è 
diretta  da  un  Consiglio  direttore  composto  di  venti- 
quattro membri,  di  cui  dodici  scelti  dal  seno  della 
Camera  di  commercio,  e  dodici  delegati  dai  socii  eletti 
in  adunanza  generale.  Essa  è  rappresentata  da  un  pre- 
sidente, due  vice-presidenti  e  un  relatore.  La  presi- 
denza nomina  i  soci  promotori  sopra  proposta  di  uno 
dei  soci  già  ^inscritti  :  essi  pagano  un  annuo  contributo 
di  ital.  lire  i\:  hanno  diritto  di  libero  accesso  al  Gabi- 
netto di  lettura  unito  alla  Società;  hanno  un  posto 
distinto  nelle  lezioni  serali ,  e  concorrono  col  proprio 
voto  a  dirigere  l' istituzione  in  una  generale  adunanza 
dei  soci  che  si  tiene  una  volta  all'anno  a  norma  de- 
gli Statuti. 


3l2  SOCIETÀ*  D'iNCORAGGIAMENTO 

Presidenza  del  Consiglio  Direttore. 

Prinetti  cav.  Carlo  di  Giulio,  presidente  -  via  Ame- 
dei 8. 

Strambio  dott.  cav.  Vincenzo,  presidente  aggiunto,  ec, 
vedi  pag.  i43. 

Vanottì  ing.  Augusto,  vedi  pag.  1 44* 

Landriani  dott.  Carlo,  relatore  del  Consiglio  -  via 
s.  Vito  i5. 

Consiglio  Direttore  dei  Fondi. 
Membri  della  Camera  di  Commercio. 

Belinzaghi  cav.  Giulio  -  ec,  vedi  pag.   1 43. 
Bozzoni  cav.  Cesare,  ec,  vedi  pag.   i43. 
Brot  Carlo  Francesco,  ^  -  via  Giardino  14. 
Cantoni  Carlo,  ^  -  via  Chiara  valle  14. 
Cavajani  Francesco,  ^  -  via  Giardino  4« 
De  Antoni  Cesare,  ec,  vedi  pag.  1 44- 
Pedroni  cav.  Lisiade  -  via  Monte  di  Pietà  i. 
Richard  cav.  Giulio*  ec,  vedi  pag.  189. 
Servolini  rag.  cav.  Carlo  -  ec,  vedi  pag.  i44» 
Sessa  Carlo  -  via  Arena  19. 

Villa  Pernice  dott.  cav.  Angelo,  ec.  vedi  pag.  161. 
N.  N. 

Delegali  dei  Soci  Promotori. 

Bassi  nob.  cav.  Girolamo,  ec,  vedi  pag.  i3i. 
Belgiojoso  conte  cav.  Paolo,  ec  vedi  pag.  1 43. 
Beretla  comm.  Antonio,  ec,  vedi  pag.  1 44* 
Garo vaglia  dott.  Alfonso  -  via  Pesce  18. 
Locatelli  Pietro  -  via  Unione  18. 
Prinelti  cav.  Carlo,  predetto. 
Sala  dott.  comm.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  i45. 
Strambio  dott.  cav.  Vincenzo,  predetto. 
Vanotti  ing.  cav.  Augusto,  ec,  vedi  pag.  1 44* 


3i3 

Vigoni  nob.  Giulio. 

Venini  cav.  Eugenio,  ec,  vedi  pag.  i45. 

N.  N. 

Professori 

Frapolli  cav-.  Agostino,  di  chimica  industriale,  ec.  vedi 

pag.  144. 
Colombo  ing.  cav.  Giuseppe,  di  meccanica  industria» 

le,  ec.  vedi  pag.  i^\. 
Clericetli  ing.  Celeste,  di  geometria  descrittiva,  ec, 

vedi  pag.  3o2. 
Bossi  Luigi,  $fe%  di  setificio  -  corso  P.  Romana  122. 
Padulli  conte  Pietro,  istruttore  nel  laboratorio  chimico 

e   conservatore    delle   collezioni  sociali,  ec,  vedi 

pag.  243. 
Bono  dott.  Carlo,  assistente  alla  scuole  di  chimica,  ec, 

vedi  pag.  3o3. 


SEMINARIO  TEOLOGICO  MAGGIORE 

(Corso  Venezia  29.) 

Cassina  Carlo,  rettore. 

Fontana  Ernesto,  prefetto  degli  studi,  prof,  di  teo- 
logia morale. 

Boldrini  Giacomo,  direttore   spirituale 

Bernasconi  Leopoldo,  vice-rettore  e  tesoriere. 

Panighetti  Carlo,  vice-rettore,  ministro. 

Ceriani  cav.  Antonio,  prof,  di  lingue  orientali,  ec, 
vedi  pag.  235. 

Comi  Gerolamo,  idem  di  diritto  canonico. 

Bordoni  Giuseppe,  idem  di  pastorale. 

Ferrano  Giovanni  Battista,  idem  di  sacra  eloquenza. 

Bellini  Elia,  prof,  di  storia  ecclesiastica  e  sacra  di 
scrittura. 

Colombo  Carlo  prof,  di  teologia  dogmatica. 


3  I  4  SEMINARIO   TEOLOGICO   MAGGIORE 

Zocchi  Gaetano,  dott.  in  teologia,  prof,  aggiunto  alla 

cattedra  di  teologia. 
Riboldi  Agostino,  prof,  di  fisica  e  matematica  nel  3.° 

corso  liceale. 
Del  Grande  Luigi,  prof,  di  storia  naturale,  ivi. 
Nardi  Carlo,  prof,  di  lettere  ital.  e  latine  e  di  storia,  ivi. 
Pozzi  Gaetano,  prof,  di  filosofia  e  di  greco  nei  corsi 

teologici. 
Bertani  Felice,  dott.  in  lettere  e  prof,  di  lettere  greche. 
Ripamonti  Angelo,  prof,  di   metodica  per  l'istruzione 

de'  sordo  muli. 
Maggioni  canonico  Ambrogio,  maestro  di  canto  fermo. 
Bellani  cav.  Carlo,  supplente. 


-ooog|oc>«- 


3i5 


ISTRUZIONE   SECONDARIA 
CLASSICA  E  TECNICA 


h'  istruzione  secondaria  classica  ha  per  fine  di  am- 
maestrare i  giovani  in  quegli  sludi  mediante  i  quali 
s'acquista  una  coltura  letteraria  e  filosofica  ,  ed  apre 
l'adito  agli  studi  speciali  alla  Università.  E  di  due  gradi 
e  vien  dato  in  istabilimenti  separati  {Licei  e  Ginnasj). 

L' istruzione  secondaria  tecnica  ha  per  scopo  di  dare 
ai  giovani^  che  intendono  dedicarsi  a  determinate  car- 
riere del  pubblico  servigio ,  alle  industrie,  ai  com- 
merci ed  alla  condotta  delle  case  agrarie,  la  conveniente 
coltura  generale  e  speciale.  E  di  due  gradi  (Istituti 
tecnici  e  Scuole  tecniche),  che  corrispondono  all'incirca 
ai  due  corsi  superiore  e  inferiore  delle  Scuole  Reali 
già  esistenti  in  Lombardia. 


CONSIGLIO  PROVINCIALE  PER  LE  SCUOLE 

(  Via  Monforte  32.  ) 

Presidente. 
Il  Prefetto  della  Provincia,  ec,  vedi  pag.  128. 
Vice-presidente. 

Gabelli  dolt.  Aristide,  uff.  ^,  regio  Provveditore  agli 

studi. 

Consiglieri. 
Imperatori  cav.  avv.  G.  B.,  deputato  dalla  Provincia, 

ec,  vedi  pag.   i3a. 
Costa  comm.  Giacomo  Giuseppe,  idem,  vedi  p.   i32. 
Visconti  Venosta  nob.   cav.  Giovanni,  deputato   dal 

Comune,  ec,  vedi  pag.  i45. 


3l6  CONSIGLIO  PROVINCIALE  PER  LE  SCUOLE 

Cremona  prof.  cav.  Luigi,  deputato  dal  Ministero  dèlia 

pubblica  istruzione,  ec.,  vedi  pag.  239. 
Tamagni  prof.  cav.  Cesare,  idem,  ec,  vedi  pag.  253. 
N.  N.,  idem. 

Segreteria. 

Frattini  cav.  Francesco,  ff.  di  segretario  -  via  s.  Ma- 
ria Fulcorina  19. 

Mazzoni  rag.  Marcello,  applicato  della  R.  Prefettura  - 
via  s.  Giuseppe  7. 


R.  LICEO  CESARE  BECCARIA. 

(  Via    Unione   16.) 

Preside. 
Rotondi  Pietro,  ^  -  corso  P.  Romana  79. 
Professori. 

Hajech  dott.  cav.  Camillo,  per  la  fisica,  ec,  v.  p.  a38. 

Arpesani  dott.  Giustino,  ^|,  per  la  storia  naturale  - 
via  Chiaravalle  6. 

Gerii  ing.  Carlo,  ^,  per  la  matematica  -  via  Se- 
nato 20. 

Bagatta  dott.  Giacinto,  per  la  storia,  supplito  dal  pro- 
fessore Giovanni  De  Castro  -  via  Durini  iS. 

N.  N.,  per  la   filosofia. 

Bedoni  Giambattista,  per  la  letteratura  latina  e  greca  - 
via  Broletto  35. 

Baravalle  dott.  Carlo,  per  le  lettere  italiane  -  piazza 
Carmine  4« 

Rossi  sac.  Vitaliano ,  istruttore  spirituale  -  via  s.  Fe- 
dele 1. 

Frascoli  Ant. ,  meccanico  pel  gabinetto  di  fisica  -  nel 
locale. 

Arrigoni  Ant.,  bidello  e  custode  del  Liceo  -  nei  locale. 

Varisco  Luigi,  inserviente  -  ivi. 


LICEI  E  GINNASI  3l7 

Questo  R.  Liceo  possiede  un  gabinetto  di  fisica , 
eretto  sino  dall'anno  1787,  ben  provveduto  di  apparati 
per  T  istruzione;  un  osservatorio  astronomico,  stabi- 
lito nella  torre  della  soppressa  chiesa  di  s.  Giovanni 
in  Conca,  eretto  e  donato  fino  dall'anno  1821  dal 
cav.  Moscati;  una  raccolta  di  minerali  e  di  animali, 
ed  una  collezione  mineralogica,  eh'  ebbe  origine  colla 
donazione  di  tremila  esemplari,  fatta  nei  1 8 1 3  dal 
celebre  naturalista  Ermenegildo  Pini. 

Per  eccitare  i  giovani  studenti  di  questo  R.  Isti- 
tuto a  dedicarsi  con  fervore  allo  studio  della  fisica,  il 
professore  Racagni  fondò  con  testamento  3o  luglio  182 1 
un  premio  annuale  di  L.  129.  63,  da  conferirsi  per  con- 
corso, e  dietro  il  giudizio  di  un'apposita  Commissione, 
a  chi  scioglierà  meglio  un  quesito  proposto  dalla  Com- 
missione stessa. 

Dietro  le  stesse  norme  il  defunto  Camillo  Rougier, 
studente  in  questo  medesimo  Istituto,  fondò  con  testa- 
mento 20  agosto  1 836  un  premio  annuale  di  L.  259.  26. 
per  la  migliore  soluzione  di  un  quesito  di  meccanica. 
Il  professore  di  filosofia  dottore  Carlo  Ravizza  con 
testamento  i5  febbrajo  1848  istituì  un  premio  annuale 
di  Lir.  700  da  conferirsi  a  chi  scioglierà  meglio  un 
quesito  di  scienze  morali. 


R.  LICEO  PARINI 

(  Via  Fate-bene-fraUlU  1 1 .  ) 

Preside. 
Vollo  prof.  Giuseppe. 

Professori* 

Berlini  dott.  Eugenio,  per  la  matematica  -  via  Soncino 

Merali  8. 
Cattaneo    dott.  Antonio,  per  la  fisica  -  via  Borgo 

Spesso  17. 


3  r  8  LICEI  E  GTNNASJ 

Vergani  Andrea,  $%,  per  la  letteratura  latina  e  greca  - 

\ia  Solferino  1%, 
Masserotti  dott.  cav.  Vinc. ,  per  la  storia  naturale,  ec, 

vedi  pag.  260.  "  * 

N.  IN.,  letteratura    italiana. 

Savio  dott.  cav. Enrico,  per  la  storia  -  corso  Veneziano. 
Canloni  doti.  Carlo,  per  la  filosofia  -  via  Solferino  7. 
Giudici  sac.  Gerolamo,   direttore  spirituale  -  palazzo 

arcivescovile  1 1. 
Marinoni  Giulio,  pel  disegno -via  s.  Moscova  26. 
Pastore  capitano  cav.  Giovanni  Maria,  per  gli  esercizi 

militari,  ec,  vedi  pag.  169. 
Grindel   Ernesto ,  meccanico  addetto  al  gabinetto  di 

fisica  -  nel  locale  del  Liceo. 

Finello  Giuseppe,  bidello  -  nel  locale  del  Liceo. 
Ghedini  Ferdinando,  custode-inserviente  -  ivi. 

Questo  Istituto  possiede  due  copiosi  ed  ordinati 
gabinetti  di  fisica  e*  di  storia  naturale,  una  biblioteca 
ed  una  raccolta  di  carte  geografiche. 


R.  GINNASIO  CESARE  BECCARIA 

(Piazza  s.  Alessandro  1.) 

Direttore. 
Rotondi  prof.  cav.  Pietro  -  corso  P.  Romana  79 

Vice"  Direttore. 

Garavaglia  sac.  prof.  Ambrogio,  ^  -  via  Giardino  5o. 

Professori. 

Caimi  Carlo,  prof,  della  classe  5.a  -  via  s.  Sofia  3i. 
Longhi  Achille,  prof,  della  ci.  4«*  •  via  Rugabella  19, 


LICEI  E  GINNASI  3lQ 

Gattoni  sac  Giovanni,  prof,  della  classe   i.1  -  piazza 

s.  Marco  2. 
N.  N.  prof,  della  classe  2.a 

Marelli  Pietro,  prof,  della  classe  3. a  -  via  Monforte  34- 
Cirani  dott.   Giuseppe ,  incaricato    dell'  insegnamento 

di  matematica  -  via  Unione  5. 

Riganti  Giuseppe,  bidello  e  custode  -  nei    locale. 
Armanini  Andrea,  inserviente  -  via  Cerva  34» 


R.  GINNASIO  PARINI 

(Via  Fate- bene-fratelli  li.) 

Direttore. 
Vollo  prof.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  3 17. 
Professori. 

Fenini  dott.  Cesare,  prof,  della  classe  5.a  -  Verziere  4  • 

Folli  Riccardo,  prof,  della  classe  4»a-  via  Principe  Um- 
berto 5. 

Galimberti  Antonio,  prof,  della  classe  i.a  -  via  s.  Eu- 
femia i3. 

Tosetti  Pietro,  prof,  supplente  per  la  classe  2.a  -  via 
Annunciata  8. 

Bolchesi  dott.  Edoardo,  prof,  supplente  per  classe  3.a  - 
via  Giardino  21. 

Allasia  ing.  Alberto,  incaricalo  dell' insegnamento  del- 
l'aritmetica -  via  Moscova  20. 

Giudici  sac.  Gerolamo,  direttore  spirituale,  ec,  vedi 
pag.  3 18. 

Marinoni  Giulio,  incaricato  dell'  insegnamento  del  di- 
segno, ec,  vedi  pag.  3 18. 

Mosca  Pietro,  bidello  •  via  Fate-bene-fratelli  i5. 
Mazza  Gio.,  custode  e  inserviente  •  nel  locale. 


320  ISTRUZIONE  TECNICA 

GIUNTA  DI  VIGILANZA 

SUL' INSEGNAMENTO  INDUSTRIALE  E  PROFESSIONAL*. 

Pavesi  cav.  prof.  Angelo,  presidente.ee,  v.  pag.  129. 
Belgiojoso  conte  cav.  Paolo,  ec,  vedi  pag.  1 43. 
Vanotli  ing.  Augusto,  ec.  vedi  pag.  1 44* 
Villa  Pernice  cav.  dott.  Angelo,  ec,  vedi  pag.  161. 
Brioschi  comm.  prof.  Francesco,  ec,  vedi  pag.  235. 


REGIO  ISTITUTO  TECNICO 

DI  S.  MARTA. 

(Piazza  del  R.  Istituto    Tecnico  2.) 

L' Istituto  Tecnico  comprende  tre  sezioni  o  scuole: 
la  sezione  di  meccanica  e  costruzioni,  o  scuola  degli 
industriali;  la  sezione  agronomica,  o  scuola  degli  agri- 
mensori-agronomi; la  sezione  amministrati vo-cornmer- 
ciale,  o  scuola  dei  ragionieri  e  dei  commercianti. 

Nella  sezione  di  meccanica  e  costruzioni,  il  corso  è 
triennale;  vi  si  insegnano:  meccanica  applicata  alle 
industrie  ed  alle  costruzioni  e  disegno  di  macchine; 
chimica  generale  ed  applicata;  fisica;  matematiche 
elementari;  storia  naturale;  geometria  descrittiva  e 
disegno  industriale;  istituzioni  morali  e  civili;  lettere 
italiane;  geografia  e  storia;  lingua  francese;  e  un'altra 
lingua,  la  tedesca  o  inglese,  a  scelta  dell'allievo. 

L' attestato  di  licenza  che  vi  si  ottiene  abilita  i 
giovani  a  procedere  agli  studi  delle  facoltà  di  scienze 
matematiche,  fisiche  e  naturali  nelle  università  del 
Regno,  e  alle  scuole  di  applicazione  per  gli  ingegneri. 

Lo  stesso  attestato  vale  anche  per  L'ammissione  ai 
corsi  farmaceutici  ed  alle  regie  scuole  di  medicina  e 
veterinaria. 

La  scuola  ha  inoltre  lo  scopo  di  preparare  i  giovani: 
ai  lavori  tecnici  delle  officine  meccaniche  ed  in  gene- 


ISTITUTO  TECNICO  DI  S.  MARTA  321 

rale  delle  officine  industriali;  agli  impieghi  della  tele- 
grafia; a  quelli  delle  regie  manifatture  di  tabacco;  alla 
professione  di  verificatore  di  pesi  e  misure;  a  quella 
di  disegnatore  di  meccanica  e  di  costruzioni;  a  quella 
di  assistente  costruttore. 

L'averne  compiuto  con  buon  esito  gli  studi  è  un 
titolo  efficace  nei  concorsi  a  quelli,  fra  gli  impieghi 
ora  enumerati,  che  dipendono  dallo  Stato,  dalla  Pro- 
vincia e  dal  Comune. 

Per  entrare  in  questa  scuola  è  necessario  presentare 
l'attestato  di  licenza  da  una  regia  scuola  tecnica,  od 
altro  equivalente,  e  superare  un  esame  secondo  i  pro- 
grammi e  le  norme  a  stampa  che  si  trovano  presso  il 
custode  dell'  Istituto. 

Gli  studi  della  Sezione  amministrativo-commerciale 
si  compiono  in  tre  anni  e  comprendono  gli  insegna- 
menti di  amministrazione  e  contabilità;  statistica;  eco- 
nomia pubblica;  nozioni  di  diritto  amministrativo;  no- 
zioni di  diritto  commerciale;  nozioni  di  fìsica,  chimica, 
storia  naturale  e  merceologia;  lingua  francese;  lingua 
tedesca;  lingua  inglese;  istituzioni  morali  e  civili;  let- 
tere italiane;  geografia  e  storia;  disegno  e  calligrafia. 

Con  questi  studi  i  giovani  si  preparano  agli  im- 
pieghi amministrativi  dello  Stato,  della  Provincia  e 
del  Comune;  alle  amministrazioni  private  di  ogni  ge- 
nere; alle  banche;  ai  commercio. 

L'attestato  di  licenza  da  questa  Sezione  equivale, 
quanto  agli  effetti,  alla  Patente  di  Ragioniere  ed  è  un 
titolo  efficace  nei  concorsi  a  quelli  fra  gli  impieghi  ora 
enumerati  che  dipendono  dallo  Stato ,  dalla  Provin- 
cia e  dal  Comune. 

L'ammissione  alla  scuola  è  soggetta  alle  condizioni 
già  indicate  per  la  Sezione  fisico-matematica. 

Nella  Sezione  di  agronomia  ed  agrimensura  i  gio- 
vani che  intendono  darsi  all'  agricoltura  ed  all'  ammi- 
nistrazione rurale  acquistano  Una  istruzione  preparato- 
ria consentanea  ai  loro  bisogni.  Coloro  che  ne  hanno 

Guida  1871  —  21 


322  ISTITUTO  TECNICO  BI  S.   MARTA 

frequentato  i  corsi  e  superati  gli  esami  finali  ottengono 
una  patente  che  li  abilita  all'esercizio  della  profes- 
sione di  perito-misuratore,  nella  quale  si  comprendono 
tutte  le  operazioni  di  misuramento  applicate  ai  terreni, 
ai  fabbricati  ed  altre  costruzioni  e  opere  pubbliche, 
a  quelle  di  consegna  e  riconsegna  dei  beni  stabili  e 
mobili  e  della  stima  dei  medesimi.  Essa  è  motivo  di 
considerazione  nei  concorsi  pei  posti  di  capo-guardia 
forestale,  di  assistente  ai  lavori  pubblici,  di  bonifica- 
mento e  simili,  di  disegnatore  d'ufficio,  d* aiuto  nei 
lavori  di  rilevamento  geodetico.  E  anche  dichiarazione 
d'idoneità  per  la  condotta  delle  cose  agrarie  come 
perito-agronomo. 

Gli  studi  speciali  di  agronomia ,  chimica  agricola , 
architettura  rurale,  planimetria,  altimetria  e  disegno 
topografico,  stime,  consegne  e  bilanci,  sono  compresi 
in  un  solo  anno,  al  quale  può  essere  ammesso  chi  provi 
con  attestati  o  con  esami  la  propria  attitudine  a  seguirli. 
L1  occorrente  istruzione  preparatoria  sarà  data,  in  un 
corso  di  due  anni,  ai  giovanetti  che  ottennero  la  li- 
cenza dalle  Regie  scuole  tecniche  e  a  quegli  aspiranti 
che  si  trovassero  in  condizioni  simili  alla  loro. 

Nell'Istituto  v'è  anche  un  corso  preparatorio  di  un 
anno  per  quei  giovani  che  nell'esame  di  ammissione 
alla  classe  i.a  avessero  fallito  per  deficienza  parziale 
in  alcuna  delle  materie  d'  esame. 

In  esso  ha  sede  la  cattedra  di  amministrazione  e 
contabilità  addetta  alla  R.  Accademia  scientifico-let- 
teraria. 

Inoltre  il  prof,  di  agronomia  e  quello  di  chimica 
agricola  vi  danno  dei  corsi  liberi  su  quegli  argomenti 
speciali  dell'  agricoltura  e  della  chimica  agricola,  che 
possono  interessare  i  proprietari  e  i  coltivatori  delle 
terre  nelle  nostre  provincie. 

Si  ammette  anche  un'iscrizione  speciale  per  lo  stu- 
dio di  una  o  più  delle  seguenti  materie:  Amministra- 
zione e  Contabilità,  Agronomia,  Chimica  applicata, 


ISTITUTO   TECNICO   DI   S.   MARTA  3^3 

Chimica  generale,  Storia  naturale,  Principii  di  diritto 
e  loro  applicazione  al  commercio  ed  all'  amministra- 
zione, Lingua  inglese,  Lingua  tedesca,  Disegno  indu- 
striale. I  giovani  che  vi  si  applicano  si  chiamano  Stu- 
denti di  corso. 

Tra  scolari  e  studenti  di  corso  1*  Istituto  è  nel  cor- 
rente anno  scolastico  frequentato  da  circa  3oo  indi- 
vidui. 

Preside, 

Rodriguez  Francesco,  uff.  ^|,  ec,  vedi  pag.  3oi. 

Professori. 

Alberti  Ambrogio,  per  la  lingua  tedesca  -  corso  di 

Porla  Ticinese  16. 
Banfi  dott.  Camillo,  per  la  chimica  generale,  ec,  vedi 

pag.  240. 
Bracciforti  Ferdinando,  per  la  lingua  inglese    -  via 

s.  Zeno  9. 
Butti  sac.    Angelo,  per  le  istituzioni  morali  e  civili  e 

lettere  italiane  -  via  s.  Maurilio  21. 
Cornalia  cav.  Emilio,  per  la  storia  naturale,  ec,  vedi 

pag.  238. 
Ferrari  dott.  Faustino,  per  le  matematiche  elementari 

-  via  Vigentina  9. 
Ferrini  dott.  cav.  Rinaldo,  per  la  fisica  industriale,  ec, 

vedi  pag.  242. 
Frasconi  dolt.  Giuseppe,  per  la  lingua  e  le  lettere  ita- 
liane -  via  s.  Sisto  5. 
Gagnière    Sylvain,    per  la  lingua    francese  -    piazza 

s.  Giorgio  2. 
Galanti  Antonio,  per  l'agronomia  -  piazza    del  R.  I- 

stituto  tecnico  2. 
Garavaglia  ing.  Leopoldo,  per  la  meccanica  applicata, 

ec,  vedi  pag.  3o2. 
Gerii  ing.  cav.  Carlo,  per  la  planimetria,  altimetria  e, 

disegno  topografico,  ec,  vedi  pag.  3i6, 


3?4  ISTITUTO   TECNICO  DI   S.   MARTA 

Landriani  Gaetano,  pel  disegno  a  mano  libera  via  - 
s.  Vito  i5. 

Marcili  Luigi ,  per  la  calligrafia  -  via  s.  Marta  19. 

Michel  Emanuele,  per  la  geometria  descrittiva,  il  di- 
segno di  macchine  ec,  vedi  pag.  797, 

N.  N.    per  le  esercitazioni  matematiche. 

Polli  comm,  Giovanni,  per  la  chimica  applicata,  ec, 
vedi  pag.  1 58. 

Rota  dott.  Pietro,  per  la  statistica  commerc.  e  l'econo- 
mia politica  -  via  s.  Marta  i5. 

Savio  dott.  cav.  Enrico,  per  la  geografia  e  storia  -  corso 
Venezia  20. 

Tagliasacchi  ing.  Saverio,  per  le  costruzioni  rurali  e 
pel  disegno  geometrico  -  via  Bigli  1. 

Triaca  avv.  Francesco,  pel  diritto  amministrativo  e 
commerciale  -  via  Lauro  4* 

Vigano  rag.  Frane,  per  la  contabilità,  ec,  v.  p.  270. 

Villa  cav.  Francesco ,  per  V  amministrazione  e  conta- 
bilità, ec,  vedi  pag.  253, 

Assistenti, 

Besana  Carlo,  preparatore  ed  istruttore  di  chimica  - 
via  s.  Croce  1. 

Betloni  doli.  Eugenio,  per  la  storia  naturale  e  per  l'a- 
gronomia -  via  Bigli  21. 

Carreri  Angelo,  pel  disegno  amano  libera -via  Pietro 
Verri  7. 

Didioni  ing.  Giuseppe,  per  la  fisica  e  per  la  planimetria 
altimetria,  e  disegno  topografico  -  via  Bagulta   11. 

N.   N.,  per  la  meccanica  e  pel  disegno  di  macchine. 

IN.  N.,  per  il  disegno  industriale  e  per  il  disegno  geo- 
metrico. 

Viglezzi  rag.  Vitaliano,  per  la  conlabilità,  ec,  vedi 
pag.  275. 

Segretario. 

Patrizio  dott.  Giacinto  -  corso  Magenta  33. 


3*5 

REGIE  SCUOLE  TECNICHE 
I. 

(Via  Cappuccio  2.) 

Direttore. 

Ricci  Vittore,  ^  -  via  Ambrosiana  22. 
Professori  e  Istitutori, 

Asti  rag.  Giuseppe,  prof,  titolare  di  lingua  francese  - 
corso  P.  Romana  4'2» 

Bellemo  ing.   Carlo,   prof,  reggente   di  matematica  - 
via  s.  Simone  io. 

Butti  sac.  Angelo,  prof,  titolare  di  lettere  italiane,  ec, 
vedi  pag.   3*23. 

Corio  dolt.  Lodovico,    supplente  di  storia  e    geogra- 
fia -  via  Torchio  18. 

Le  Comte    Maurizio ,    istitutore   di  contabilità  -  sob- 
borgo di  P.  Ticinese  118. 

Rossi  scultore  Alessandro,  prof,  titolare  di  disegno   - 
via  Principe  Umberlo  5. 

Serbelloni   Paolo,  istitutore   di   scienze  naturali  -    via 
Solferino  9. 

Thevenet  Giovanni,  istitutore  di  calligrafìa  -  via  Ber- 
nardino Luini  8. 

Vajani  can.  Gio.,  direttore  spirit.  -  via  s.  Eufemia  i5. 

Girola  Eugenio,  bidello  -  nel  locale  della  scuola. 
Cassani  Luigi,  inserviente  -  via  Circo  6. 

IL 

(  Via  Bassotto  Porrone  5.) 

Direttore. 
Vigo-Pellizzari  prof.  Antonio   -  via  Torino  68. 

Professori. 
Briani  Amilcare,  prof,  di  disegno  -  via  Principe  Um» 
berlo  5.      « 


3^6  SCUOLE  TECNICHE 

Castoldi  cav.  Ezio,  prof,  di  geografìa  e  storia  •  via 
Ospedale  12. 

Charrel  Luciano,  jfc ,  idem  di  lingua  francese  -via 
Giardino  3i. 

Corbellini  sac.  Giovanni,  direttore  spirituale  -  corso 
P.  Romana  83. 

Gelmetti  sac.  Luigi,  idem  di  lettere  italiane  -  via  Gua- 
stalla 2  1. 

Rigamonli  Francesco,  idem  di  matematica  -  via  Spiga  8. 

Taverna  Antonio,  idem  di  calligrafia  -  via  (Dimetto  10. 

Ciceri  Giovanni,  bidello  nel  locale  delle  scuole  co- 
munali di  s.  Orsola. 

III. 

{Corso  di   P.  Romana  IO.) 

Direttore, 
Faruffini  ing.  prof.  Alessandro,  ^  -  via  s.  Eufemia  2. 

Professori  e  Istitutori. 
Bonacina   Rafaele,    incaricato   per  la  calligrafia*-  via 

Bagutta  6. 
De-Slefanis  Leandro,  prof,  titolare  di  storia  e  geogra- 
fia -  via  Monlebello  18. 
Dupuy  Teodoro,  reggente  per  la  lingua  francese  -  via 

Giardino  5. 
Goffi   doli.   Edoardo,  prof,   titolare  di   matematica    - 

via  Larga  3o. 
Gorini  doti.  Paolo,  prof,  titolare  di  lettere  italiane  - 

via  Rugabella  23. 
Le  Comle  Maurizio,  incaricato  per  la   computisteria, 

vedi  pag.  325. 
Pagani  Gio.  Guglielmo,  reggente  pel  disegno  -  strada 

a  s.  Francesca  Romana  gì. 
Serbelloni   Paolo,  incaricalo  per  le   scienze  naturali, 

ec,  vedi  pag.  325. 

Luzzani  Giovanni,  bidello  -  via  Cappuccio  2. 
Bertolini  Giovanni,  inserviente  e  custode  del  locale. 


hi 

DOCENTI 

AUTORIZZATI   PER   l'  INSEGNAMENTO   PRIVATO 
DI    BELLE    LETTERE,    LINGUE   STRANIERE,    CONTABILITÀ,    EC, 

Adler  Giuseppe,  di  lingua  francese  e  tedesca,  corso 
P.  Venezia  Zj. 

Algier  cav.  Teodoro,  di  lingua  fracese,  via  Fate-bene- 
fratelli  i5. 

Allegri  rag.  Carlo,  di  calligrafia,  via  s.  Nicolao  i. 

Bareggi  rag.  Giuseppe,  di  contabilità  e  commercio  - 
via  s.  Maria  alla  Porta  2. 

Bariola  rag.  Gaetano,  di  ragioneria,  scienza  commer- 
ciale ed  operazioni  di  borsa,  via  Rovello  6. 

Bianchi  Alessandro ,  di  scienza  commerciale  e  di  lin- 
gua francese,  via  Broletto   16. 

Bonacina  Rafaele,  di  calligrafia,  ec,  vedi  pag.  3*26. 

Bonistabile  rag.  Guglielmo,  per  la  geografia  e  storia, 
materie  commerciali  e  lingue,  ec,  vedi  pag.  260. 

Bonsignore  Enrico,  di  materie  elementari,  contabilità, 
lingua  francese,  ec,  con  convitto,  via  Stampa  9. 

Borletti  Massimiliano,  di  lingue  straniere,  via  Lauro  8. 

Borri  sac  Claudio,  ginnasiale,  via  Monte  Napoleone  6. 

Bosisio  Filippo,  di  calligrafia,  via  s.  Vicenzino  1. 

Brianzi  Audin  Carolina,  di  francese,  via  Agnello  12. 

B rianzi  Luigi,  di  francese,  via  Agnello  12. 

Brusa  rag.  Gaspare,  di  ragioneria  e  commercio  e  di 
lingua  italiana  e  francese,  via  s.  Pietro  in  Gessate  1 1. 

Bucellati  Giuseppe,  di  lingua  francese,  via  Torino  55. 

Buratti    Carlo,  tecnico   e   ginnasiale,  via  Cerva  16. 

Caglio  Francesco,  via  s.  Paolo  7. 

Castelfranco  Pompeo,  di  lingua  francese,  via  Monte 
Napoleone  21. 

Ca vanna  Natale,  ginnasiale,  via  Spiga  12. 

Chiesa   rag.    Giovanni,  di  ragioneria,  corso  V.  E.  20. 

Claus  Niccolò,  di  letteratura  tedesca,  via  s.  Vittore  al 
Teatro  12. 

Coatz  Luigi,  di  lingua  tedesca,  francese,  ed  inglese, 
via  Pasquirolo  2. 


328   DOCENTI  AUTORIZZATI  PER  l/lNSEGN AMENTO,  EC. 

Colombo  rag.  L.  Maurizio,  di  ragioneria,  corso  P. 
Romana  86. 

Croci  rag.  Gio. ,  di  ragioneria  e  lingua  francese , 
via  s.  Antonio  4* 

De  Castro  cav.  Vinc,  di  materie  legali,  via  Durini  ?5. 

Delor  cav.  Edoardo,  di  lingua  e  letteratura  francese 
-  via  s.  Antonio  ig. 

Detro  Alfonso  Enrico,  di  Kngua  tedesca  e  francese, 
via  Valpetrosa  9. 

Dupuy  Teodoro,  di  lingua  e  letteratura  francese,  via 
Giardino  5. 

Fabani  Giuseppe,  di  lingua  italiana,  frane,  e  tedesca, 
via  Borromeo  i3. 

Fayard  Michele,  di  francese,  via  s.  Damiano.   12. 

Ferrari  Carlo,  di  lingua  inglese,  via  s.  Antonio  4. 

Ferrano  rag.  Agostino,  di  contabilità,  CC.  SS.  P. 
Garibaldi  24. 

Figini  Luigi,  di  calligrafia  ed  aritmetica,  via  Spiga  20.  „ 

Galli  Giuseppe,  ginnasiale,  via  Spadari   11. 

Gariboldi  Augusto,  di  lingua  italiana  e  francese,  via 
Disciplini  20. 

Gariboldi  Gio.  Battista ,  di  lingua  francese  e  latina  , 
corso  di  P.  Ticinese  93. 

Genzardi  Nicolò,  di  lingua  francese  ed  inglese,  vi- 
colo alla  galleria  De  Cristoforis  2. 

Gianetti  Alessandro,  di  lettere  italiane,  storia  e  geo- 
grafia e  lingua  francese,  via  s.  Orsola  i3.  . 

Gorini  rag.  Aless.,  di  ragioneria,  via  Borromeo  2. 

Gorini  rag.  Luigi,  di  scienze  esatte,  via  Bigli  26. 

Gravanati  Luigi,  di  calligrafia,  via  s.  Zeno  16. 

Grolli  Carlo,  di  letteratura  classica,  storia,  geogra- 
fìa, ec,  via  Solferino  32. 

Hoflmann  Lorenzo,  di  lingua  e  lett.  francese,  inglese  e 
tedesca,  via  Fieno  4« 

Humel  Federico,  di  francese  e  tedesco,  via  Pantano  5. 

Jung  dolt.  Giuseppe,  di  matematiche,  via  Palestra  2. 

Kelly  mT  Thomas,  di  lingua  inglese,  ec,  v.  pag.  116. 


DOCENTI   AUTORIZZATI  329 

Keni fieli  m.r  Charles,  di  lingua  e  letteratura  inglese, 
via  Bigli  4. 

Lamperti  rag.  Latanzio,  di  ragioneria  e  commercio, 
via  s.  Agnese  6. 

Larochette  Maria,  di  francese,  via  s.  Vincenzino  16. 

Leveque  Giuseppe,  di  lingua  francese,  via  Amedei  17. 

Lorini  rag.  Giovanni,  di  ragioneria  e  scienza  commer- 
ciale, ec,  vedi  pag.  334- 

Lucchesi  Raffaele  Alfonso,  di  lingua  e  letteratura  ita- 
liana, via  Pantano  3o. 

Luchini  rag.  Ernesto,  di  ragion.,  ec,  vedi  pag.  275. 

Luchini  rag.  Lorenzo,  idem,  via  Stampa  9. 

Mantica  Angelo,  di  ragioneria,  via  Broletto  24. 

Marcora  rag.  Giuseppe,  elementare,  di  commercio  e 
di  lingua  francese.,  via  Pasquirolo  2. 

Mauro  Celestino,  di  lingua  e  letteratura  francese,  via 
s.  Marta   i5. 

Meriss  Francesco,  di  lingua  e  letterat.  tedesca  e  tra- 
duttore, corso  Venezia  9. 

Mogny  Luigi ,  di  lingua  francese  ed  inglese ,  via  To- 
rino 48. 

Molin  Pietro,  di  lingua  ital.  e  tedesca,  via  Pantano  3. 

Moudini  rag.  Melchiorre,  ^,  di  ragioneria,  via  Lauro  7. 

Moneta  Giuseppe,  di  lingua  francese,  via  Clerici  7. 

tylorandi  dott.  Genesio,  di  letteratura  latina,  italiana  e 
francese,  storia  e  geografia,  scienze  naturali,  freno- 
logia e  declamazione,  via  Omenoni  2. 

Nòel  de  Saint-Clair  Carlo,  di  lingua  inglese,  via 
Lanzone  10. 

Ottolini  Carlo,  di  lingua  italiana,  storia  e  geografia, 
via  s.  Vito  22. 

Pantaleoni  Luigi,  di  lingua  francese  e  canto,  ricapito 
dall'editore  di  musica  Cauti,  via  Giardino  1. 

Perelli  rag.  Giuseppe,  di  ragioneria,  corso  di  Porla  Ti- 
cinese 87. 

Pizzigoni  Carlo,  di  francese,  via  s.  Nicolao  2. 

Ponti  rag.  Bernardo,  elem.  e  ginn.,  di  ragioneria  e 
lingue,  via  Maddalena  i5. 


33o         PER  L'INSEGNAMENTO   SECONDARIO   PRIVATO 

Pontiggia  Gio.,  di  lingua  tedesca,  via  s.  Eufemia  3. 
Ravizza  Luigi,  di  lingua  francese,   via  s.  Prospero  7. 
Rigamonti  Scipione,  elementare  e  commerciale,  piazza 

s.  Simpliciano   1. 
Risi  Carlo  Frane,  di  letteratura  italiana  -  via  Torino  6. 
Robecchi  rag. Enrico,  di  ragioneria,  via  Cavenaghi  9. 
Rodolphe  Carlo,  di  lingua  francese,  inglese,  tedesca, 

spagnuola  e  italiana,  via  s.  Rafaele  io. 
Rossi  Carlo,  di  calligrafia,  via  s.  Vicenzino  3. 
Rossi  rag.  Gio.,  di  ragioneria,  corso  s.  Celso  7. 
Rossi  Giuseppe,  di  lìngua  inglese  e   francese,  corso 

Venezia  i3. 
Sala  Francesco,  di  lingua  e  letteratura  italiana,  piazza 

Lentasio,  22. 
Sangalli  doti.  Amilcare,  -£,  di  diritto,   di   letteratura 

italiana,  geografia  e  storia,  via  s.  Paolo  17. 
Schumak  Gerardo,  di  matematica,  via  Armorari  5. 
Schwenk  Carlo,  di  lingua  frane,  e  ted.,  via  Bagutta  1 1. 
Silva  Teodoro,  maestro  e    traduttore   di  lingua  spa- 
gnuola, via  Pesce  33. 
Somasca  cav.  Giuseppe,  di  lettere  ital.,  ec,  v.  pag.  27 1 . 
Sordi  rag.  Federico,  di  ragioneria,  via  Olocati  2. 
Standaert   L. ,    di  lingua  e   letteratura  francese,  via 

Rugabella  8. 
Strada  Gaetano  ,  maestro  e  traduttore    per  le   lingue 

francese  e  tedesca,  via  Rovello  7. 
Tamai  Luigi,  di  calligrafia,  via  Solferino  1. 
Tscherter  Gian  Giac,  di  lingua  tedesca,  via  Meravigli  8. 
Vacani  rag.  Raffaele,  di  ragioneria,  via  Carlo  Porta  2. 
Verona  Agostino,  ginnasiale  e  di  francese,  via  s.  Pietro 

all'Orto  6. 
Viglezzi  rag.  Pietro,  di  ragioneria,  via  s.  Agnese  i4» 
Viglezzi  rag.  Vitaliano,  di  ragioneria,  ec,  v.   p.   275. 
Vismaraavv.  Antonio,  di  belle  lettere,  via  Pantano  28. 
Zambelli  rag.  Carlo,  di  contabilità,  via  s.  Simpliciano  3. 
Zanchi  rag.  Carlo,  •#-,  di  ragioneria,  via  Unione  20. 
Zoni  Giulio  Cesare,  di  lingua  e  letteratura  francese  - 

piazza  s.  Stefano  io. 


33 1 


ISTRUZIONE  PRIMARIA 


REGIO  ISPETTORATO  SCOLASTICO 

Ispettore, 
Sayler  Giuseppe  -  via  Olmetto  i. 

Ispettore  straordinario  pel  Circondario  di  Milano* 
Ravasio  prof.  Pietro  -  via  Mulino  delle  Armi  19. 


SCUOLA  NORMALE  MASCHILE 

CON  CORSO  PREPARATORIO 

(  Corso  Porta  Romana  IO.) 

Polli  Sante,  direttore  e  prof,  di  pedagogia  -  via  Fate- 

bene«»fratelli  19. 
Sailer  dott.  Luigi,  prof,  d'italiano  -  via  Montebello  3. 
Branca  Gaetano,  storia  e  geogr.  -  via  Camminadella  io. 
Bellemo   dott.  Carlo,  aritmetica  e  geometria  nel  corso 

preparatorio  -  via  s.  Nicolao  5. 
Oltolini  Vittore  -  via  Principe  Amedeo  3. 
Corbellini  sac.  Giovanni,  religione  e  morale,  ec.,vedi 

pag.  326. 
Varisco  Giovanni,  musica  -  via  Pantano  i3. 
Foglia  Luigi,  calligrafia  -  via  Passarella  2. 
Golfi  Edoardo,  matematica,  ec,  vedi  pag.  326. 
Galanti  Antonio,   agronomia  -  piazza    del  R.  Istituto 

Tecnico  5. 
Borsa  Paolo,  disegno  -  via  s.  Pietro  all'Orto  24. 
Poli  avv.  Carlo,  istituzioni  civili  -  corso  P.  Romana  9. 
Rossi  Andrea,  bidello-custode  -  via  Lentasio  7. 


532 

REGIA  SCUOLA  NORMALE  FEMMINILE 

CON  CONVITTO 

(Corso  Magenta  1^6.) 

Col  reale  decreto  i5  settembre  1 860  venivano  aperte 
due  scuole  normali  nella  provincia  di  Milano,  di  cui 
una  in  Milano  per  le  aspiranti  maestre  e  l'altra  in 
Lodi  per  gli  aspiranti  maestri.  A  queste  intervengono 
anche,  rispettivamente,  le  allieve  e  gli  allievi  della 
provincia  di  Pavia. 

L*  intiero  corso  si  compie  in  tre  anni,  e  l'insegna- 
mento vi  è  ripartilo  in  modo  che  dopo  due  anni  gli 
allievi  si  abilitano  all'  esame  per  le  scuole  elementari 
inferiori  (i.a  e  2.a  classe),  e  dopo  i  tre  anni  all'esame 
per  conseguire  la  patente  normale  del  corso  superiore 
(  3.a  e  4-a  classe  ). 

Gli  allievi  e  le  allieve  più  meritevoli  ricevono  sus- 
sidio o  dallo  Stato  o  dalla  Provincia.  I  sussidi  a  carica 
dello  Stato  sono  18  pei  maschi  e  18  per  le  femmine 
per  la  provincia  di  Milano;  8  pei  maschi  ed  8  per  le 
femmine  per  la  provincia  di  Pavia.  Sul  bilancio  provin- 
ciale di  Milano  furono  stanziati  18  sussidj  per  femmine  e 
56 per  maschi;  questi  ultimi  però  a  vantaggio  dei  giova- 
ni che  frequentano  la  scuola  magistrale  dalla  provincia 
stessa  istituita. 

Consiglio  direttivo. 
Gabelli  cav.  Aristide,  R.  provveditore  agli  studi,  pre- 
sidente, ec,  vedi  pag.  3i5. 
Il  Sindaco. 

Prinetti  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  3 12. 
Masserotti  cav.  prof.  Vincenzo,  ec  ,  vedi  pag.  260. 
Lamberti  dolt.  cav.  Lamberto,  direttore  della  scuola. 

Comitato  delle  signore  ispettrici. 

Trivulzio  Rinuccini  march.  Marianna  -  piazza  s.  Ales- 
sandro 4» 
Corbetta  Tenca  Maddalena  -  via  s.  Vicenzino  12. 


ISTRUZIONE   PRIMÀRIA  333 

Dell'Acqua  Camperiò  Carolina  -  vias.  Vicenzinot). 

Greppi  Casserà  cont.a  Gina  -  via  s.  Antonio  12. 

Visconti  d'Aragona  Monticelli  marchesa. 

Majnoni  Fonlanelli   nob.  Elisabetta  -   via  Amedei  4» 

Simonetta  Sofia  -  via  Torino. 

Origoni  Vassalli  Virginia  -  via  Bagutta  12. 

PROFESSORI   E   MAESTRI. 

Lamberti  dott.  cav.  Lamberto,  predetto ,  direttore  e 
prof,  di  aritmetica  e  geometria. 

Nervi  Giuseppe,  profess.  di  letteratura  italiana  -  via 
s.  Orsola  17. 

Aimo  dott.  Giovanni,  prof,  di  pedagogia,  storia  e  geo- 
grafia -via  Camminadella  22. 

Rossi  sac.  Vitaliano,  prof,  di  religione  e  morale,  ec, 
vedi  pag.  3 16. 

Travella  dott.  Stefano,  prof,  di  scienze  naturali -piazza 
s.  Ambrogio  63. 

Briani  Amilcare,  prof,  di  disegno,  vedi  pag.  3s5. 

Varisco  Giovanni,  maestro  di  canto  corale,  v.  pag.  33 1. 

Buzzi-Ercolini  Teresa,  maestra  di  calligrafia- via  Mo- 

Moro  Luigia,  maestra  assistente,  e  incaricata  dell' in- 
segnamento della  lingua  italiana  nel  primo  corso. 

Massari  Rosa,  maestra  dei  lavori  femminili  -  via  s.  Vit- 
tore al  Teatro    16. 

Simonini-Martini  Rachele,  maestra  assistente  ai  lavori 
-  via  s.  Vincenzo  19. 

Maestri  Matilde,  maestra  assistente  -  via  Passarella  26. 

CONVITTO  ANNESSO  ALLA  R.  SCUOLA  NORMALE 

PER    LE   ALLIEVE   MAESTRE. 

Lurago  Teresa,  direttrice  -  nel  locale  del  Convitto. 
Garioni  Giovanna,  coadjutrice  -  ivi. 
Bottini  Robbiani  Clotilde,  economa  -  ivi. 


334 

SALA  DI  STUDIO  E  DI  LETTURA 

(Piazza  del  R.  Istituto   Tecnico  a  s.  Marta  2  ) 

Rizzi  Luigi,  dirigente  e  prof,  di  lingua  italiana  -  via 
Cusani  i3. 

Gagnière  Sylvain,  prof,  di  lingua  francese  -via  s.  Ma- 
ria Fulcorina  19. 

Pizzigoni  Carlo,  professore  supplente  al  suddetto  -  via 
s.  Nicolao  2. 

Lorini  rag.  Giovanni,  prof,  di  contabilità  commerciale  - 
via  Conservatorio  12. 

Pagani  Gio.  Guglielmo,  prof,  di  disegno  -  sobborgo 
s.  Francesca  91. 

Gradi  Carlo,  bidello  -  nel  locale  stesso. 
Schiepalti  Francesco,  idem  -  ivi. 


SCUOLE  SERALI  SUPERIORI  MASCHILI 

COMUNALI. 
(Piazza  Galline  2.) 

Calvi  nob.  Felice,  patrono  di  vigilanza,  ec,  v.  p.157. 

N.  N.,  idem. 

Arpesani  cav.  Giustino,  incaricalo  della  direzione,  ec, 

vedi  pag.  3i6. 
Gorini  dott.  Paolo,  prof,  di  lingua  e  lettere  italiane,  ec, 

vedi  pag.  326. 
Sacchi  avv.  Giovanni,  prof,  di  morale  nel  i.°  corso. 
Arpesani  dott.  cav.  Giustino,  predetto,  prof,  di  scienze 

naturali. 
Goffi  Edoardo,  prof,  di  contabilità,  ec,  vedi  p.  326. 
Rossi  Angelo,  prof,  di  disegno,  ec,  vedi  pag.  297. 
Gabba  dolt.  Bassano ,  prof,  di  morale  nel  2.0  corso - 

via  Fiori  Oscuri  i5. 
Taverna  Antonio,  calligrafo,  ec,  vedi  pag.  326. 


ISTRUZIONE  PRIMARIA  335 

(  Via  Cappuccio.  ) 

FrapolH  cav.  Agostino,  patrono  di  vigilanza,  ec,  vedi 

pag.   1 44- 
Strambio  dott.  cav.Vincenzo,  patrono  di  vigilanza,  ec, 

vedi  pag.  i43. 
Calvi  nob.  Felice,  predetto,  idem. 
Masserotti  cav.  Vincenzo,  direttore  e  prof,  di  scienze 

naturali,  ec.,  vedi  pag.  '260. 
Pagani  Gentile,  prof,  dì  geografia  e  storia  patria, ec, 

via  Crocifisso  io. 
Modroni  Ernesto,  prof,  di  contabilità. 
Yismara  avv.  Antonio,  prof,  di  lingua  e  lettere  italiane, 

ec,  vedi  pag.  33o. 
Sacchi  avv.  Gio., predetto, prof,  di  morale  nel  i.°  corso. 
Gabba  dott.  Bassano,  predetto,  idem  del  2.0  corso. 
Brianzi  Luigi,  prof,  di  lingua  francese  -  via  Agnello  ia. 
Rossi  Alessandro,  prof,  di  disegno,  ec,  vedi  pag.  3rJi5. 
Perego  Ercole,  calligrafo  -  via  Amedei  i3. 

SCUOLA  SUPERIORE  FEMMINILE 

COMUNALE. 
(  Via  s.  Cipriano  2.  ) 

Sola  de  Spech  contessa  Amalia,  ispettrice  -  via  Spiga  ^5. 
Bertoglio  sac  Cesare,  parroco  di  s.  Tomaso,  direttore 

•  via  s.  Tomaso  4« 
Rizzi  dott.  cav.   Giovanni ,  professore    di  letteratura 

italiana  e  di  morale,  ec,  vedi  pag.  3o8. 
Conti  Francesco,  0,  prof,  di  geografia  e  storia  -  via 

Passarella  8. 
Re  dott.  Anacleto,  idem  di  aritmetica  e  di  geometria  - 

galleria  Vittorio  Emanuele  (>8,  scala  6. 
Charrel  Luciano ,  idem  di  lingua  frane,  ec,  v.  p.  3^6. 
Manzolini  dott.  Arcangelo,  idem  d'igiene  e  di  scienze 

naturali  —  corso  Vittorio  Emanuele  21. 
Dansi  dott.  Alessandro,  supp.  allo  stesso  -  Carobbio  a. 
Ashton  Luigi,  idem  di  disegno,  ec,  vedi  pag.  295. 


336  ISTRUZIONE  PRIMARIA 

Della  Giovanna  Freri  Zaira,  maestra  dei  lavori  ed 
assistente  alla  disciplina   -  via  Passarella  2. 

Kallivoda  Margherita,  calligrafa  -  via  Larga  6. 

Merati  Serafina,  assist,  ai  lavori  -  via  s.  Damiano  3o. 

Colli  Francesca,  bidella  -  nel  palazzo  municipale  del 
Marino. 


SCUOLE  ELEMENTARI  MAGGIORI  MASCHILI 

COMUNALI. 
{Via  s.  Spirito  21-23.) 

Modroni  Ernesto,  direttore  -  via  Cappuccio  y. 

Martinelli  Paolo,  maestro  di  classe  l\,  sezione  A  e  di 
ginnastica  -  via  Gesù  23. 

Taccani  Cesare,  idem  di  classe  4>  sez.  B  -  via  Pan- 
tano 7. 

Pestagalli  Gio.,  idem  di  classe  3,  sez.  B  -  via  Pesce  33. 

Ubicini  Felice,  idem  di  classe  3,  sez.  A  -  via  Spiga  8. 

Carugati  Zoe,  idem  di  classe  2,  sezione  C  -  CC.  SS. 
P.  Venezia   io. 

Giovanola  Rachele,  maestra  di  classe  2,  sez.  B.  -  via 
Pontaccio   14. 

Maestri  Rosa,  maestra  di  classe  2,  sez.  A  -  via  Pas- 
sarella 26. 

Marelli  Luigi,  idem  di  calligrafìa,  ec,  vedi  pag.  324. 

Marinoni  Giulio,  prof,  di  disegno  -  via  Moscova  27. 

Viacava  Antonio,  maestro  assistente  di  grado  super.  - 
via  Rugabelia  6. 

Gerardi  Edoardo,  assistente  sup.  -  via  Fiori  Chiari  24. 

Dobelli  Giovanni,  idem  -  corso  Garibaldi  n. 

{Piazza  Galline  2.) 

Gagliardi  Pietro,  direttore  -  corso  Vittorio  Emnuele  4o. 
Pierucetti  Domenico,  maestro  di  classe  4>  aula  1  -  via 

Broletto  16. 
Martini  Pietro,  idem  di  classe  4>  au^a  2  -  via  Medici  1 1. 
Lonali  Carlo,  idem  di  classe  3,  aula  1  -  via  Paletta  1. 


ISTRUZIONE  PRIMARIA  33^ 

Perelli  Gaetano,  maestro  supplente  di  classe  3,  aula  2 

-  via  s.  Zeno  4* 
Zibecchi  Luigi,  idem  di  ci.  1  sup.  ,  aula  1  -via  Nirone  8. 
Cavana  Giuseppe,  idem  di  classe   1  sup.,  aula  1  -via 

Cbiosetlo  1. 
Bossi  Luigi,  idem  di  classe  2,  aula  1  -  via  Slampa  11. 
Castelli  Giuseppe,  idem  di  ci.  2,  aula  2 -Verziere  il. 
Taverna  Antonio,  idem  di  calligrafia,  ec,  vedi  p.  326. 
Gorini  [ppolito,  idem  di  disegno  -  via  s.  Vincenzo  8. 
Zibeccbi  Luigi,  predetto,  incaricato  per  la  ginnastica. 
Belcredi  Attilio,  maestro  supplente  di  classe  1  inferiore, 

ftula   1    -  corso  P.  Romana  1. 
Callisto  Angelo,  idem  di  classe  1  inferiore,  aula  2. 
Riva  Giovanni,  bidello. 
Montrezza  Giovanni,  aggiunto  custode. 

(Piazza  s.   Simpliciano  l\.) 

Lavezzari  Giuseppe,  direttore   -  via  Fiori  Chiari  q  8. 
Castelli  Giulio,  maestro  di  classe  4  "  vicolo  Tignoni  1» 
Briani  Luca,  idem  supplente  di  classe   3  -  via  Prin- 
cipe Umberto  5. 
Schiavini  Paolo,  idem  di  classe  1  sup.  -  via  s.  Simone  1. 
Fortunati  Angelo,  idem  di  classe  2  -  via  s.  Antonio  19. 
Heer  Giuseppa,  supp.  di  ci.  1  inf.  -  via  Castelfidardo  8. 
Merlini  Carlo,  maestro  di  calligrafia  -  via  Senato   16. 
Fortunati  Angelo,  predetto,  incaricato  della  ginnastica. 
Buonarnore  Ant.,  maestro  di  disegno  -  via  s.  Marta  17. 
Lattuada  Luigi,  assistente  -  via  Varese   i3. 
Crespi  Giuseppe,  idem  -  corso  Garibaldi  70. 
Volpi  Paolo,  bidello  -  nel  locale  della  scuola. 

(  Via  s.  Orsola   1 5.  ) 

De  Paoli  Paolo,  direttore,  maestro  di  classe   4  ■  via 

s.  Vittore  al  Teatro  17. 
Pagani  Gentile,  maestro  di  classe  3,  aula  A,  v.  p.  335. 
Valenzani  Cesare,  idem  di  classe  4,  aula  A  -  via  Mo- 

rigi  3. 

Guida  1871;  — *  22 


338  ISTRUZIONE  PRIMARIA 

Majocchi  Antonio,  maestro  di  classe  4>  au^a  B. 
Ottolini  Carlo,  idem  di  classe  4>  aula  G  -  via  Torino  66. 
Stucchi  Angelo,  idem  di  classe  3 ,  aula  B  -  corso  P. 

Vittoria  36. 
Bardelli  Angelo,  idem  di  ci.  2,  aula  A  -  via  s.  Croce  5. 
Bareggi  Paolo,  idem  di  classe  2,  aula  B  -  via  s.  Maria 

alla  Porla  2. 
Lucini  Faustino,  maestro  sopranuumer.  -via  Torino 64. 
Brusadelli  Gaetano,  assistente  -  via  s.  Croce  I. 
Chiappari  Enrico,  maestro   di  classe  3,  aula  A  -  via 

s.  Vito  18. 
Perego  Ercole,  idem  di  calligrafia,  ec,  vedi  pag.  335. 
Bardelli  Angelo,  predetto,  incaricato  della  ginnastica. 
Lucchini  Emilio,  assistente  -  via  Rovello  7. 
Mazza  Giuseppe,  maestro  di  disegno-  via  s.  Gerolamo  3o. 
Minotti  Ernesto,  bidello  -  via  s.  Orsola  i5. 

(Piazza  Lentasio.) 

Rizzi  Luigi,  direttore,  ec,  vedi  pag.  334. 

Luppi  Costantino,  maestro  di  classe  3,  aula  A  -  piazza 

Duomo  20. 
Livraghi  Ani.,  idem  di  ci.  l\,  aula  A-  via  s.  Nicolao  7. 
Filippini  Ercole,  idem  di  classe  4^  aula  B  -  via  Cammi- 

nadella  7. 
Mauri  Antonio,  id.  di  classe  3,  aula  B  -  via  Chiusa  2. 
Anzani  Luigi,  maestro  supplente  di  classe  3,  aula  C.  - 

via  Larga  25. 
Mauri  Pasquale,  maestro  di  classe  1  sup.,  aula  B  -  via 

Ospedale  32. 
Buzzoni  Luigi,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  A,  - 

via  Pantano  4* 
Lomazzi  Ippolito,  idem  di  classe  1  inf.,  aula  D  -  via 

Guastalla  i3. 
Ronchi  Gaetano,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  C  - 

via  Crocifisso  i3. 
Carcano  Francesco,  maestro  di  classe  1  sup.,  aula  A  - 

via  Capre  6  e  8. 


ISTRUZIONE  PRIMARIA  33g 

Merli  Angelo,  maestro  di  classe  i  infer.,  aula  B.  -  CG. 

SS.  PP.  Venezia  95  A. 
Traverso  Giuseppe,  idem  di  ci.  i,  aula  G  -  GG.  SS. 

P.  Garibaldi  7. 
Villa  Angelo,  idem  di  classe  2,  aula  B  -  via  Mulino  delle 

Armi  3. 
Ronchi  Giovanni,  idem  di  ci.  2,  aula  G  -  via  Armorari  12. 
Biraghi  Paolo,  idem  di  classe  2,  aula  A  -  via  Circo  12. 
Thevenet  Giovanni,  idem  di  calligr.a,  ec,  v.  pag.  325. 
Visconti  Luigi,  assistente  inf.  -  via  Amedei  4* 
Colla  Fabrizio,  idem  -  via  s.  Pietro  in  Gessate  11. 
Ronchi  Giovanni,  predetto,  incaricato  della  ginnastica. 
Mazza  Giuseppe,  maestro  di  disegno  -  via  s.Gerolamo3o. 
Bolla  Giuseppe,  bidello  -  nel  locale. 
Redaelli  Pietro,  inserviente  -  nel  locale. 

(S.  Celso.) 

Banfi  Giuseppe,  direttore  -  via  Arena  8. 
Pirovano  Luigi,  maestro  di  classe  t\  -  borgo  s.  Got- 
tardo 71. 
Colzani  Cesare,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  A  -  via 

Slampa  8. 
Pavesi  Antonio,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  B  - 

via  s.  Barnaba  26. 
Ramerio  Giulio,  idem  di  classe    1  inferiore,  aula  B  - 

via  Lanzone  3g. 
Pirotta  Luigi,  idem  supp.  di  classe  3  -  via  Torino  Si* 
Barindelli  Giuseppe,  idem  di  classe  2  -via  s.  Eufemia  8* 
Zucca  Francesco,  idem  di  classe  1  infer.,  aula  G  -via 

Moscova  57. 
Vismara  Davide,  idem  di  calligrafìa  -  via  s.  Croce  4. 
Buonamore  Ani.,  idem  di  disegno,  ec,  v    pag.    337. 
Barbieri  Edoardo,  incaricato  della  ginnastica  -  via  Spa- 

dari  1. 
Manza  Carlo,  supplente  di  classe  1  infer.  aula  A  -  via 

Mulino  delle  Armi  19. 
Venini  Carlo,  assist,  di  grado  infer.  -  via  Vigentina  46, 
Aggradi  Pietro,  idem  di  grado  inferiore. 


3^0  ISTRUZIONE  PRIMARIA 

SCUOLE  ELEMENTARI  MAGGIORI  FEMMINILI 

COMUNALI. 
(Via  Piatti  8.) 

Fontana  Sessa  Giulia,  ispettrice  -  via  Nirone  3i. 
Madrowski  sac.  bar.  Guglielmo,  direttore  -  via  Piatti  8.- 
Durelli  Camilla,  maestra  di  classe  4  -  via  Amedei  17. 
Lavizzi  Zaira,  idem  di  ci.  3,  aula  2  -  via  Crocifisso  '23. 
Galli  Amalia,  idem  di  classe  3,  aula  1  -via  s.  Vito  23. 
Cardani  Ballerini  Maria  Luigia,  idem  di  ci.  2,  aula  1  - 

via  Ambrosiana  /}• 
Ottolini  Bizzozero  Giuseppina,  idem  di  classe  1  aula  3  - 

via  Principe  Umberto  3. 
Discacciati  Enrichetta,  idem  di  classe  1  infer.,  aula  2  - 

via  s.  Eufemia  6. 
Lavizzi  Giuseppina,  idem  di  classe  1  inf.,  aula  3  -  via 

Crocifisso  23. 
Massara  Luigia,  idem  di  classe   1  sup.,  aula  2    -  Tia 

Stampa  9. 
Sesia  Emilia,  idem  di  classe   1  inferiore,  aula  1  -  via 

s.  Spirito  20. 
Bobbio  Giuseppina,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  1  - 

vicolo  s.  Aquilino  2. 
Rizzi  Giuseppina,  idem  di  classe  2,  aula  2  -  via  Nerino  r . 
Batlistini  Elena,  idem  di   classe  2,  aula  3  -  corso  P. 

Romana  78. 
Tamburini  Caccia  Erminia,  idem  di  calligrafia  -  via 

s.  Orsola  6. 
Messa  Innocente,  idem   dei  lavori  -  via  Spiga  52. 
Reati  Alessandro,  maestro  di  disegno,  ec,  v.  pag.  299. 
Cardani  Maria.,  predetta,  maestra  di  ginnastica. 
Sanpietro  Antonietta,  assist,  sup.  -  via  s.  Simone  26. 
Barabini  Marianna,  idem  -  via  Monte  di  Pietà  20. 
Affer  Ida,  assist,  inf.  -  via  Agnello  19. 
Costa  Adalgisa,  idem  -  Stazione  Centrale  1 1 1  B* 
Somasca  Emilia,  idem  -  via  Nirone  7. 
Franceschini  Virginia,  idem  -  via  s.  Maurilio  17. 


ISTRUZIONE   PRIMARIA  34  I 

Pironi  Biella  Luigia,  bidella  -  nel  locale  della  scuola. 
Rognoni  Carlo  inserviente. 

(  Via  Bassano  Por  none  3.  ) 

Giussani  Bisi  Sofia,  ispettrice  -  via  Bossi  2. 
Ghedini  Bortolotti  Fanny,  direttrice  -  piazza  Carmine  4» 
Cislaghi  Maria,  maestra  di  ci.  3,  aula  2  -  via  Nerino  10. 
Mornati  Giovanna,  idem  di  ci.  3,  aula  1  -  via  Giulini3. 
Maruzzi  Maria,  idem    di  classe  4  >  -  via  Porlezza  2. 
Ribossi  Gioconda,  idem  di  classe  1  infer.,  aula  3  -  via 

s.  Pietro  all'  Orlo  4» 
Beretta  Giuseppina,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  1  - 

vicolo  s.   Maria  Segreta   14. 
Gorini  Matilde,  idem   di  classe   1  superiore,  aula  2  - 

via  Bagutta  «24. 
Saronni  Amalia,  assistente  incaricata  di  classe  1  inf., 

aula   1  -  via  Broletto  42« 
Piana  Rosa,  maestra  di  classe  2,  aula  1  -  vicolo  Fieno  4. 
Alberici  Amalia,  idem  di  classe  2,  aula  2  -  via  Sala  7. 
Lantiggia  Giulia,  idem  di  classe   1  infer.,  aula  2  e  di 

ginnastica  -  via  s.  Maria  alla  Porta  5. 
Songa  Giovanna,  idem  di  lavori  -  via  Clerici  8. 
Kallivoda  Margherita,  idem  di  calligrafia,  ec,  v.  p.  336. 
Turchi  Luigia,  assistente  superiore  -  via  Morigi  i3. 
Turchi  Angela,  assistente  inferiore  -  via  Morigi  i3. 
Rancilio  Terzaghi  Erminia,  idem  inf.  -  via  Pesce  27. 
Ribossi  Carlotta,  idem  -  via  s.  Pietro  all'Orto  4» 
Ghezzi  Antenietta,  idem  -  via  Bergamini  17. 
Bertoni  Adele,  idem  -  via  Olmetto  4- 

{Via  Rugabella  2.) 

Valerio  Giulia  nata  Prìnetti ,  ispettrice  -  via  Ruga- 
bella  17. 

Boucheron  Marianna ,  incaricata  della  direzione  -  via 
Arcivescovado  1. 

Termanini  Amalia,  maestra  di  classe  4  "  piazza  s.  Na- 
zaro  11. 


34*2  ISTRUZIONE  PRIMARIA 

Taccani  Silvia,  maestra  di  classe  3  -  via  Ore  5o. 
Reggiani  Elisa,  idem  di  classe  2,  aula  1  -  via  Pasqui- 

rolo  11. 
Barenghi  Teresa,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  2  - 

via  Quartronno  5. 
Maestri  Adele,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  3  -  via 

s.  Simone  17. 
Leoni  Maria,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  1  -  Ver- 
ziere 4- 
Cazzaniga  Luigia,  idem  di  classe  1  inf.,  aula  2  -  corso 

P.  Romana  91. 
Demezynska  Angelina,  idem  di  classe  1  inf. ,  aula  3  - 

via  s.  Sofia  55. 
Cagliani  Carolina,  idem  di  classe    1  inferiore,  aula  1  - 

via  Chioselto  1. 
Brocca   Celestina ,  idem  di   classe   2 ,   aula  2  -  corso 

s.  Celso   10. 
Borsano  Giovanna,  idem  di  calligr.  -  via  Vigentina  2. 
Torriani  Luigia,  idem  di  lavori  -  via  Stella  17. 
Durelli  Anna,  assistente,  supplente  maestra  di  classe  1 

superiore,  aula  1  -  via  s.  Maria  Fulcorina   11. 
Malizia  Giustina,  assistente  inf.  -  corso  P.  Romana  60. 
Petracchi  Angela,  idem  -  via  Giardino  1. 
Giani  Giulia,  idem  -  via  Signora  4» 

{Via  Borgo  Spesso.) 

Sola  de  Spech  contessa  Amalia,  ispettrice  -via  Spiga  25. 

Carini  Giovanna,  incar.  della  direz.  -  via  Spiga  28., 

Pagani  Emilia,  maestra  di  ci.  3,  aula  2  -  via  Broletto  f\i. 

Thomas  Elisa,  idem  di  classe  4  -  canonica  di  s.  Stefano. 

Sala  Paolina,  idem  di  classe  3,  aula  1  -  via  s.  Mau- 
rilio 26. 

Moro  Giuditta,  id.  di  classe  2,  aula  1  -  via  Monforte  17. 

Gariboldi  Candida,  maestra  di  classe  1  sup.,  aula  1  - 
corso  P.  Nuova  18. 

Casliglioni  Emilia,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  2  - 
corso  Garibaldi  99. 


ISTRUZIONE  PRIMÀRIA  343 

Ghezzi  Matilde,  maestra  di  classe  1  infer.,  aula  2  -  via 

Bigli  16. 
Lucchini  Ernesta,  idem  di  ci.  2,  aula  2  -  via  Rovello  7. 
Bagnoli  Giovanna,  idem  di  classe  1  inferiore,  aula  2 

-  via  Borgo  Nuovo  9. 
Buzzi  Ercolini  Teresa,  idem  di  calligrafia   -  corso  P. 

Nuova  18. 
Nova  Giulia,  idem  di  lavori  -  corso  Magenta  9. 
Jolti  Carlo,  maestro  di  disegno  -  via  Chiosetto  5. 
Ghezzi  Matilde,  predetta,  maestra  di  ginnastica  -  via 

Bigli  16. 
Uccelli  Agnese,  assistente  sup.  -  via  Monte  di  Pietà  9. 
Merati  Luigia,  idem  -  via  Castelfidardo  io. 
Malnati  Paolina,  assistente  inferiore  -  via  Bagutta  24. 
Oggioni  Camilla,  idem  -  via  Fate-bene-fratelli  21. 
Molteni  Rachele,  idem  -  via  Principe  Umberto  29. 
Fontana  Fausta,  idem  -  via  Annunciata  19. 
Sidoli  Dire,  idem  -  via  Moscova  29. 
Cavalli  Luigia,  idem  -via  Spiga  i3. 

{A  s.  Simpliciano.) 

Àntongini Fontana  Luigia,  ispettrice-  Foro  Bonaparte  1. 

Giovanzani  Carolina,  direttrice-  corso  P.  Romana  i3. 

Foppoli  Maddalena,  maestra  di  ci.  3  -  via  s.  Vito  17. 

Carnevali  Giovanna,  idem  di  classe  4  -  corso  Vittorio 
Emanuele  24. 

Bianchi  Giuseppina,  idem  di  classe  1  sup.,  aula  A  -  via 
s.  Maria  Podone  5. 

Terreni  Erminia,  maestra  supp.  di  classe  1  inf.,  aula  B  - 
via  Ancona  6. 

Rizzi  Rosa,  idem  di  classe  1  inf.,  aula  C  -  via  s.  Da- 
miano 18. 

Spagliardi  Francesca,  idem  di  classe  1.  inf.,  aula  D  - 
via  Fontana  2. 

Grippa  Carlotta,  maestra  di  classe  2  -  via  Rovello  4» 

Noseda  Rosalinda,  idem  di  classe  1  sup.,  aula  C  -  via 
Ciovassino  io. 


344  ISTRUZIONE  PRIMARIA 

Adamoli  Luigia,  maestra  di  classe  i  inferiore,  aula  A  • 

via  Arcivescovado  i. 
Pedrazzi  Carolina,  idem  di  classe  i  superiore,  aula  B  - 

via  Brisa  i5. 
Frigerio  Carlotta,  maestra  di  calligrafia  -  via  Solferino  36. 
Thomas  Fusi  Emilia,  idem  di  lavori  -  corso  P.  Nuova  20. 
Lantiggia  Giulia,  idem  di  ginnastica  -  via  s.  Maria  alla 

Porta  5. 
Marinoni  Giulio,  maestro  di  disegno  -  via  Moscova  17. 
Castelli  Giulia,  assistente  -  vicolo  Tignoni  1. 
Lesmo  Adele,  idem  -  via  Annunciata  8. 
Heer  Sofìa,  idem  -■  via  Castelfidardo  8. 
Crivelli  Maria,  idem  -  piazza  Fontana  i3. 
Stucchi  Luigia,  bidella  -  nel  locale. 
Frigerio  Domenica  -  inserviente. 

[Via  Ansperto.) 

Belgiojoso  Sebregondi  contessa  Gina,  ispettrice  -  via 

Morigi  9. 
Griseri  Celestina,  incaricata  della  direzione  -  piazza 

Carmine  2. 
Agliati   Predaval    Ottavia,  maestra   di  classe  3  -  via 

Broletto  5. 
Colombo  Ambrogina,  supplente  di  classe  2,  aula  A  - 

corso  P.  Romana   1. 
Perotti  Luigia,  maestra  di  classe  2,  aula  B  -  via  Val- 
petrosa  io. 
Banfi  llda,  idem  di  classe  1  inf.,  aula  A  e  di  ginnastica  - 

via  Solferino  20. 
Colombo  Luigia,  maestra  di  classe  1  kinf.,  aula  B  -  via 

Brisa  4. 
Lucchini  Ernesta,  idem  di  classe  1  sup.,  aula  B  -  via 

Rovello  7. 
Verza  Carolina,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  A  - 

via  Ansperto  io. 
Manzoni  Enrichetta,  idem  di  classe  4  *  via  Larga  7. 
Formentini  llda,  maestra  di  calligrafìa  -  via  Stella  18. 
Piazza  Elisa,  idem  di  lavori  -  via  Borgo  Spesso  2. 


ISTRUZIONE  PRIMARIA  345 

Amadeo  Giulia,  assistente  -  via  Vettabbia  3. 
Asti  Marianna  ,  idem  -  via  Brera   16. 
Mantovani  Carlotta,  idem  -  via  Fiori  Oscuri  i. 


SCUOLE  ELEMENTARI  MINORI  MASCHILI 

COMUNALI. 

SCUOLA   AFFIDATA   A   MAESTRI. 

(  All'  Incoronata-) 

Sironi  Antonio,  ff.  di  direttore,  maestro  di  classe  2  - 

corso  Magenta  i3. 
Pozzi  Pio,  maestro  di  classe  1  inferiore,  aula  1  -  CC. 

SS.  P.  Garibaldi  1. 
Scotti  Giovanni  Bat lista,  idem  di  classe    1  superiore, 

-  via  Pontaccio  23. 
Pojano  Eugenio,  idem  di  classe  1  infer.,  aula  2  -  via 

Cerva  24. 

SCUOLE   AFFIDATE   A    MAESTRE. 

{Via    Guastalla.) 

Ferrari  Virginia,    incaricata  dalla  direzione,  maestra 

di  classe  1  inferiore,  aula  2  -  via  Passione  5. 
Luini  Paola,  maeslra  di  classe  1  infer.,  aula  1  -  corso 

P.  Romana  ^1. 
Pentiti  Luigia,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  2  -  via 

Dimetto  12. 
Mazzucchetti  Luigia,  supp.  di  classe  1  inf.,  aula  1  -via 

Amedei   i3. 
Pellizzoni  Isabella,  maestra  di  classe  2,  aula  1  -  via 

s.  Vito  5. 
Reggiani  Emilia,  supp.  di  ci.  2,  aula  2  -  via  s.  Vito  1 1. 
De  Capitani  Rosa,  idem  di  classe  1  inf.,  aula  3  •  piazza 

Vetra   1 1. 
Franzini  Serafina,  assistente  -  via  Ospedale  1. 
Cilterio  Amalia,  idem  -  via  Castelfidardo  6, 


34^  ISTRUZIONE  PRIMARIA. 

Bozzotli  Erminia,  assist.  -  corso  Magenta  2. 
Castelletti  Adeodata,  idem  -  via  s.  Zeno  7. 

(Via  Carmine  8.) 

Faini  Centemeri  Irene,  incaricata  della  direzione,  mae- 
stra di  classe  i  sup.  -  via  Passarella  24. 

Doria  Regina,  maestra  di  classe  1  inferiore  -  piazza  s. 
Stefano  9. 

Tosi  Pirola  Angela,  idem  di  classe  2  -  via  Montebello  2. 

Mazzolari  Teresa,  assist.  -  via  s.  Maria  Fulcorina  17. 

Furia  Antonio,  inserviente  -  via  Carmine  8. 

(Via   Spiga   29.) 

Scuola  sussidiaria  a  s.  Spirito. 

Zucchelli  Teresa,  maestra  di  classe  i  sup.,  aula  C  - 

via  Brera  29. 
Dell'Orto  Rossari  Luigia,  idem  di  classe  1  superiore, 

aula  A  -  via  Giardino  20. 
Crippa  Ribaut  Teresa,  idem  di  ci.   1  sup.,  aula  B  -  via 

Orsole   i3. 
Maestri  Matilde,  idem  di  classe  1  inferiore,  aula  A  - 

via  Passarella  26. 
Crescini  Giulia,  idem   di  classe  1  inferiore,  aula  B  - 

via  Cerva  1 1. 
Romanini  Blandina,  idem  di  classe  1  infer*,  aula  C  - 

via  Fieno  9. 
Maestri  Giuseppina,  idem  di  classe  1  infer.,  aula  D  - 

via  Passarella  26. 
Guzzelti  Pasquali  Giuditta,  assistente  iuferiore  -  via 

s.  Spirito  5. 
Songa  Luigia,  idem  -  via  Clerici  6. 
Corti  Luigia,  idem  -  via  s.  Carpoforo  18. 

(Corso   Garibaldi  20.) 

Scuòla  sussidiaria  a  s.  Simpliciano. 

Galli  Levi  Giuseppina,  maestra  di  classe  i  sup.  -  via 
Ciovasso  1 1. 


ISTRUZIONE   PRIMARIA  347 

Martini  Teresa,  maestra  di  classe  i  inf. ,  aula  i  -  via 

s.  Simpliciano  2. 
Perugia  Ernesta,,  idem  di  classe  2  -  via  Chiara  valle  1. 
Wilmant  Giuseppina,  supplente  di  classe  1  inf.,  aula  2  - 

via  Pontaccio   19. 
Avanzini  Elisa,  assistente  -  Foro  Bonaparte  44* 
Porretti  Costanza,  idem  -  corso  Garibaldi  47» 
Bernasconi  Amalia,  idem  -  corso  Garibaldi  S4. 
Fantoni  Carolina,  bidella  -  via  Velraschi  16. 

{Via   Circo.) 

Pandiani  Benlivoglio  Luigia,  incaricata  della  direzione, 

maestra  di  classe  1  ìnf.,  aula-i  -  via  s.  Vito  3. 
Tantardini  Luigia,  maestra  di  classe  2  -  via  s.  Croce  16. 
Brunì  Galli  Giovanna,  idem  di  classe  1  sup.  aula  1  - 

via  s.  Vito  23. 
Cattaneo  Emilia,  idem  di  classe  1  sup.,  aula  2  -  corso 

P.  Romana  78. 
Consonni  Filomena,  idem  di  classe  1  inf.,  aula  2  -  corso 

P.  Vittoria  3i. 
Ferretti  Carolina,  assistente  -  via  s.  Gio.  sul  Muro  3i. 
Pozzi  Eya,  idem  -  via  Torchio  8. 

(Corso  Magenta.) 

Maestri  Simonini  Erminia,  incaricata  della  direzione, 

maestra  di  classe  1  superiore,  aula   1   -  via  Brisa  9. 
San  Pietro  Cecilia,  maestra  di  classe  1  inf.,  aula  1  -  via 

s.  Simone  26. 
Corvino  Erminia,  idem  di  classe  2,  aula  1  -  via  Ze- 

bedia  7. 
Rusca  Chiara,  idem  di  classe  1  superiore,  aula  2  -  via 

Terraggio   i3. 
Pezzi  Noemi,  idem  di  classe  2,  aula  2  -  via  Piatti  4. 
Bosola  Emilia,  idem  di  classe  1  infer. ,  aula  2  -  corso 

Magenta  34- 
Ponti  Luigia,  assistente  incaricata  della  classe  i  inf.  - 

via  s.  Vicenzino  12. 


348  ISTRUZIONE  PRIMARIA 

Parapini  Amalia,  assis.  -  via  s.  Orsola  5. 
Dugnani  Emma,  idem  -  via  Olmetto  i3. 
Grignaschi  Giuseppina,  idem  -  via  s.  Maurilio  i3. 

{Alla  Ve  tra.) 

Carugati  Mansueta,  dirigente,  maestra  di  classe  2- 

corso  P.  Romana  53. 
Cazzaniga  Angiola,  maestra  di  classe  1  sup.,  aula  A  - 

corso  P.  Romana  91. 
Monforte  Ferrano  Sofia,  idem  di  classe  1  sup.,  aula  B  - 

via  Vetere  2. 
De  Barzi  Rosa,  idem  di  classe  1  infer. ,  aula  A  -  via 

Lanzone  3i. 
Perelli  Gattinoni  Michelina,  idem  di  classe  1  inferiore, 

aula  B  -  via  s.  Zeno  4« 
Pedrazzini  Maria,  assistente  -  via  Velasca  3. 
Pellizzoni  Caterina^  idem  -  piazza  Vetra  17. 
Camola  Giulia,  idem  -  corso  s.  Gelso  Si. 
Casaretti  Antonio,  inserviente-bidello  -  nel  locale. 


SCUOLE  ELEMENTARI  MINORI  FEMMINILI 

COMUNALI. 

(  Corso   Porta    Vittoria.  ) 

Piola  nob.  Teresa,  ispettrice  •  via  Borgo  Nuovo  23. 
Tremolada  Maria,  incaricata  della  direzione,  maestra 

di  classe  3  -  via  Monforte  39. 
Perotti  Luigia,  maestra  di  classe  2  -  via  Valpetrosa  io. 
Morandi   Rachele,  idem  di  classe    1  superiore  -   via 

Ospedale  26. 
Peduzzi  Giacinta,  supplente  di  classe  1  inf.,  aula  1  - 

via  Fabbri  1 1. 
Maino  Maria,  maestra  di  classe  1  infer.,  aula  2  .  via 

s.  Eufemia  7.  • 

Paleari  Luigia,  assistente  -  via  Cerva  39. 
Brambilla  Erminia,  idem  -  via  Cusani  1. 


ISTRUZIONE  PRIMARIA  349 

(  Via   Ve  ter  e.) 

Besana  Prinettì  Emilia,,  ispettrice  -  via  Amedei  8. 
Ponlevia  Carolina,  incaricata  della  direzione  e  maestra 

di  classe  i  inf. ,  aula  2  -  via  Fieno  5. 
Pontevia  Giuseppa,  maestra  di  classe  2  -  via  Fieno  5. 
Arzione  Manetta,  idem  di  classe  i  seperiore  -  corso  P. 

Ticinese  69. 
Ravioli  Teresa,  idem  di  classe  1  inf.,  aula  1  -  corso 

s.  Celso  24. 
Filippini  Stella,  assistente  -  via  Camminadella  7. 
Gajani  Maria,  idem  -  via  Fieno  t\, 

(  Ex  scuola  Dugnani,  via  Borgo  Spesso.  ) 

Perego  Marianna,  incaricata   della   direzione,  maestra 

di  classe  i   inferiore  -  via  Stella  11. 
Rosso  Luigia,  maestra  di  classe  2  -  corso  P.  Nuova  22. 
Molinari  Elisa,  maestra  di  classe  1  sup.  -  via  Clerici  1 1. 
Yolonten  Gaelana,  assist.  -  via  Monte  Napoleone  3o. 
Valli  Elena,  idem  -  via  s.  Gio.  Laterano  8. 


SCUOLE  SERALI  ELEMENTARI  MASCHILI 

COMUNALI. 

(  Via  s.   Orsola   1 5.  ) 

Tizzoni  dott.  Angelo,  patr.  di  vigilanza,  ec,  v.  pag.  i58. 

Dell'  Oro  dott.  Rinaldo,  idem  -  via  Unione  20. 

Reale  dott.  Carlo,  ^,  patr.  di  vigilanza  -  via  s.  Paolo  12. 

De  Paoli  Paolo,  incaricato  della  direzione,  v.  pag.  33j. 

Pirovano  Luigi,  maestro  del  1 ,°  corso  -  borgo  s.  Got- 
tardo 71. 

Chiappari  Enrico,  idem  del  i.°  corso  sup.,  aula  A  - 
via  s.  Vito  18. 

Gerardi  Edoardo,  idem  del  i.°  corso  super,  aula  B  - 
via  Fiori  Chiari  24. 

Belcredi  Attilio,  idem  del  i.°  corso  inferiore  -  corso 
P.  Romana  1. 

Pellengo  Carlo,  di  calligrafia  -  via  Cusani  6, 

Milioni  Emesto,  bidello  -  nel  locale. 


35o  ISTRUZIONE  PRIMARIA 

[Piazza  Lentasio.) 

Negri  ing.  Luigia  patr.  di  vigilanza  -  corso  P.  Romana  1 6. 

Bignami  dolt.  Luigi,  idem  -  via  Ghiaravalle  7. 

Pierucetti  Domenico,  incaricalo  della  direzione,  vedi 
pag.  536. 

Pestagalli   Gio.,  maestro  del  2.0  corso  -  via  Pesce  33. 

Filippini  Ercole,  idem  del  i.°  corso  inferiore  -  via 
Camminadella  7. 

Villa  Angelo,  idem  del  i.°  corso  sup.,  ec,  v.  pag. 

Buzzoni  Luigi,  idem  del  corso  preparatorio  -  via  Pan- 
tano 4* 

Thevenet  Gio.,  idem  di  calligrafia,  ec,  vedi  pag.  325. 

(  Via  s.   Spirito  21-23.) 

Vassalli  Ceruti  Pietro,  patrono  di  vigilanza  -  via  s.  Pie- 
tro all'Orto  7. 

Bozzoni  Stefano,  idem  -  via  Monte  Napoleone  21. 

Taccani  Cesare,  incaricalo  della  Direzione,  ec. ,  vedi 
pag.  356. 

Luppi  Costantino,  maestro  del  2.0  corso -piazza  Duo- 
mo 20. 

Ubicini  Felice,  idem  del  i.°  corso  sup.  -  via  Spiga  8. 

Bossi  Luigi,  idem  del  i.°  corso  inf.  -  via  Stampa  11. 

Colzani  Cesare,  maestro  del  corso  preparatorio  ec,  vedi 
pag.  339. 

(Piazza    Vetra.) 

Righini  avv.  Gaet.,  patrono  di  vigilanza,  v.  pag.  177. 

Valerio  Baldassare,  ^,  idem  -  via  Rugabella  17. 

Racheli  Giovanni,  ^,  idem  -  via  Monforte. 

Cagnola  nob.  Giovanni  Battista,  idem  -  via  Cusani  5. 

Valenzani  Cesare,  incaricalo  della  direzione  -  via  Mo- 
rigi  3. 

Majocchi  Antonio,  maestro  del  2.0  corso,  v.  pag.  338. 

Barindelli  Giuseppe,  idem  del  corso  preparatorio,  se- 
zione A,  vedi  pag.  317. 

Manza  Carlo  Gio.,  idem  del  corso  preparatorio,  sez,  B  - 
corso  P.  Vittoria  36. 


ISTRUZIONE  PRIMARIA  35  I 

Stucchi  Angelo,  idem  del  i.°  corso  superiore  -corso 

P.  Vittoria  36. 
Vismara  Davide,  maestro  di  calligrafìa  e  del  i.°  corso 

inferiore,  vedi  pag.  33g. 

(Piazza   Galline  2.) 

Tanzi  nob.  Camillo,  $fe9  patr.  di  vigilanza  -  via  Bossi  2. 
Caglio  cav.  Pietro,  idem,  ec,  vedi  pag.    160. 
Besana  ing.  Carlo,  idem,  ec,  vedi  pag.  ifó. 
Gagliardi  Pietro,  incaricato  della  direzione,  v.  p.  336. 
Lonati  Carlo,  maestro  del  i.°  corso  super,  aula  i9  ec, 

vedi  pag.  336. 
Cavanna  Giuseppe,  idem  del  i.°  corso  sup.,  aula  2  - 

via  Chiosetto  1. 
Livraghi  Ant.,  idem  del  2.0  corso,  vedi  pag.  338. 
Pozzi  Pio,  idem  del  i.°  corso  inferiore,  aula  1  -  corso 

P.  Garibaldi   1. 
Callisto  Giuseppe,  idem  del  corso  preparatorio,   ec, 

vicolo  s.  Vincenzo  3. 
Foglia  Luigi,  idem  di  calligrafia  -  via  Passarella  2. 

Riva  Giovanni,  bidello  -  nel  locale. 
Montrezza  Giovanni,  inserviente  aggiunto. 

(Piazza  s.   Simpliciano  4«) 

Castelli  avv.  cav.  Antonio,  patrono  di  vigilanza,  ec, 

vedi  pag.   1 4  4- 
N.  N.,  idem. 
N.  N.,  idem. 

Lavezzari  Giuseppe,  direttore,)  ec,  vedi  pag.  337. 
Mauri  Antonio,  maestro  del  1 .°  corso  sup.  -  via  Chiusa  2. 
Castelli  Giulio,  idem  del  corso  preparatorio  superiore  - 

vicolo  Ti g noni  2. 
"Magri  Luciano,  idem  del  corso  preparatorio  inferiore  - 

via  Moscova  5/f- 
Scotti  Giovanni  Batt.,  idem  del  i.°  corso  inferiore,  ec- 

vedi  pag.  345. 
Schiavini  Paolo,  idem  del  2.0  corso,  ec,  v.  pag.  337. 
Merlini  Carlo,  idem  di  calligrafia,  ec,  vedi  pag.  337. 


352  ISTRUZIONE    PRIMARIA 

SCUOLE  FESTIVE  ELEMENTARI  FEMMINILI. 

COMUiNALl. 

(  Via   Piatti  8.  ) 

N.  N. ,  ispettrice. 

Madrowski  sac.  bar.  Guglielmo,  direttore,  ec,  vedi 
pag.  34o.^ 

Castiglioni  Emilia,  maestra  del  2.0  corso,  sezione  sup.  • 
corso  Garibaldi  99. 

Giovanola  Rachele,  idem  del  2.0  corso  sez.  inferiore  - 
via  Pontaocio   14. 

Peduzzi  Giacinta,  idem  dei  i°  corso  superiore  -  via 
Fabbri  11. 

Giolito  Adele,  idem  dei  i.°  corso  inf.,  aula  1  -  via  Cro- 
cifisso 21. 

Bernasconi  Prolti  Annunciata,  idem  del  i.°  corso  infe- 
riore, aula  2  -  corso  Garibaldi  34. 

Rossi  Rachele,  idem  del  corso  preparatorio  -  Cano- 
nica s.  Nazaro  12 3. 

(  Via   Borgo  Spesso.) 

Quartara  nob.  Maria  nata  Porta,  ispettrice  -  via  Monte 

Napoleone  ^5. 
Carini  Giovanna ,  incaricata  della  direzione,  ec,  vedi 

pag.  34^ 
Sesia  Emilia,  maestra  del  2.0  corso,  ec,  vedi  pag.  34o. 
Migliavacca  Adele,  idem  del  corso  preparatorio  -  via 

Montebello  2. 
Cavalli  Luigia,  idem  del  i.°  corso  inf.  -via  Spiga  i3. 
Marelli  Giuseppina,  idem  del  i.°  corso  supriore  -  via 

Tre  Alberghi  14. 

(  Via  Vetere.  ) 

Ponlevia  Carolina,  incaricata  della  direzione,  ec,  vedi 

pag.  349. 
Maino  Maria,  maestra  del  2.0  corso. 
Arzione  Mariella,  idem  di  i.a  classe  superiore  -  corso 

Porla  Ticinese  69. 


ISTRUZIONE    PRIMARIA  353 

Ravioli  Teresa,  maestra  di  i  classe  inferiore  -  corso 
s.  Celso  24. 

Taveggia  Angela,  inserviente  -  via  Vetere  3. 

(  Via    Bassano  Porrone  3.  ) 

Giussani  Bisi  Sofia,  ispettrice,  ec.  vedi  pag.  34 1. 

Ghedini  Bortolotti  Fanny,  direttrice,  ec,  vedi  p.  34 1. 

Pezzi  Noemi, maestra  di  compimento,  ec,  -via  Piatti  4» 

Banfi  Ilda,  idem  del  i.°  corso  infer.  -  via  Solferino  20. 

Penuti Luigia,  idem  del  i.°  corso  sup.  -  via  Dimetto  12. 

Carugati  Zoe,  idem  del  2.0  corso  -  CG  SS.  P.  Ve- 
nezia io. 

Molinari  Elisa ,  idem  del  corso  preparatorio  -  via  Cle- 
rici 11. 

(Via  Rugabella.) 

Prevosti  Sirtori  Teresa,  ispettrice  -  via  Pietro  Verri  3. 
Boucheron  Marianna,  incaricata  della  direzione,  ec, 

vedi  pag.  34  1. 
Colombo  Luigia,  maestra  dei  1 .°  corso  superiore  -  via 

Brisa  4* 
Petracchi  Angela,  idem  del  i.°  corso  inferiore,  aula  2  - 

via  Giardino  1. 
Corvino  Erminia,  idem  del  2. °  corso  -  via  Zebedia  7. 
Ferretti  Giuseppina,  idem  del  i°  corso  preparatorio  - 

via  s.  Gio.  sul  Muro  3i. 
Pedrazzini  Maria,  idem  del  i.°  corso  inferiore,  aula  1  • 

via  Velasca  3. 

(A  s.  Simpliciano.) 

Antongini  Fontana  Luigia,  ispettrice,  ec,  v.  pag.  343. 
Giovanzani  Carolina,  direttrice,  ec,  vedi  pag.  343. 
Heer  Giuseppina,  maestra  del  2.0  corso,  ec.  -  via  Ca- 

stelfidardo  8. 
Sidoli Dirce,  idem  del  i.°  corso  sup.  -  via  Moscova  25. 
Lesmo  Adele,  idem  del  corso  preparatorio,  sezione  1  .a  - 

via  Annunciata  8. 

Guida  1871  —  23 


354  ISTRUZIONE  PRIMÀRIA 

Crivelli  Maria,  maestra  del  corsa  preparatorio,  sez.  2.a  - 
piazza  Fontana  3. 

Castelli  Giulia,  idem  del  i.°  corso  inferiore,  ec.  -vi- 
colo Tiguoni  2. 

(  Via  Ansperlo,  ) 

Fontana  Sessa  Giulia,  ispettrice,  ec,  vedi  pag.  34o 
Griseri  Celestina,  incaricata  della  direzione,  ec.,vedi 

pag.  344. 
Verza  Carolina,  maestra  del  2.0  corso  -  via  Ansperto  io. 
Rosso  Luigia,  idem  del    i.°  corso  sup.  -  corso  Porta 

Nuova  22. 
Amadeo  Giulia,  idem  del  i.°  corso  infer.  -  via  Vet- 

tabia  3. 
Ghezzi  Annetta,  idem   del   corso   preparatorio  -  via 

Bergamini  17. 

(Corso  Porta   Vittoria  8.  ) 

Piola  nob.  Teresa,  ispettrice,  ec,  vedi  pag.  348. 
Tremolada  Maria,  incaricata  della   direzione. 
Avanzini  Elisa,  maestra  di  classe  1  superiore  -  Foro 

Bonaparte  44* 
Lucchini  Francesca,  maestra  del  2.0  corso  superiore 

ec,  -  via  Rovello  7. 
Tantardini  Luigia,  idem    del  i.°  corso  inferiore,  ec. , 

vedi  pag.  324. 
Guzzetli  Giuditta ,  idem   del  corso  preparatorio  -  via 

s.  Spirito  5. 

SCUOLA  ELEMENTARE  EVANGELICA. 

(Foro  Bonaparte  il.) 

È  aperta  ogni  giorno  non  festivo,  eccettuato  il  gio- 
vedì, dalle  ore  9  antim.  alle  3  pom. 


355 

CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI 

CON  INSEGNAMENTI  PRIMARJ,  SECONDARI  E  TECNICI 


CONVITTO  NAZIONALE  LONGONE 

(  Via  Fate-bene-fratelli   1 1 .) 

Con  decreto  reale  i(\  settembre  dell'anno  1861  il 
Collegio  Longone  diretto  dai  Padri  Barnabiti  fu  tra- 
mutato in  Convitto  Nazionale  amministrato  e  diretto 
dal  Governo. 

Gli  alunni  elementari  e  tecnici  ricevono  l'istruzione 
nel  Convitto  stesso;  i  ginnasiali  e  liceali  frequentano  le 
scuole  del  R.  Ginnasio-Liceo  Parini  annesse  al  Convitto. 

Per  l' istruzione  tecnica  superiore  gli  alunni  frequen- 
tano l'Istituto  di  s.  Marta. 

A  vegliare  1'  amministrazione  e  direzione  del  Con- 
vitto fu  pure  istituito  con  R.  decreto  del  20  ottobre 
detto  anno  un 

Commissario  Governativo, 

Carcano  comm.  Giulio,  ec,  v.  pag,  247. 

Rettore, 

Tomatis  sac.  cav.  Michele  *  nel  Convitto, 

Direttore  spirituale. 

Corbella  sac.  Pompeo  -  nel  Convitto. 

ff.  di  Censore  di  disciplina, 

Braito  Giuseppe  *  nel  Convitto. 

Economo- Cassiere. 

Sacchi  Francesco  •  via  Fate-bene-fratelli  i3, 


356  CONVITTI  E  ISTITUTI   PRIVATI 

Ragioniere  applicato  provv. 
Rota  rag.  Gaetano  via  -  Borgo  Nuovo  26. 
Professori \,  Ripetitori  e  Istitutori. 

Marzorati  ing.  Angelo,  prof,  nella  scuola  tecnica  in- 
terna -  via  Amedei  17. 

Borsieri  prof.  Andrea,  ripetitore  -  nel  Convitto. 

Marchini  prof.  Giacomo,  idem  -  ivi. 

Reati  Alessandro,  idem  di  disegno,  ec,  vedi  pag.  299. 

Brianzi  Luigi,  maestro  della  quarta  classe  elementare  - 
via  Agnello  12. 

Granz  prof.  Paolo,  maestro  della  seconda  classe  ele- 
mentare, ec,  vedi  pag.  271. 

Castelfranco  Pompeo,  idem  per  la  lingua  e  letteratura 
francese,  ec,  vedi  pag.  327. 

Foglia  Luigi,  per  la  calligrafia  -  via  Passarella  2. 

Billetta  Francesco  per  la  ginnastica,  scherma  ed  eser- 
cizi militari  -  via  Mulino  delle  Armi  47. 

Della  Croce  Carlo, idem  di  balio- via  Soncino  Merali  8. 

Ducco  Gio.  Battista 

Manfredini  Ernesto 

Merlo  prof.  Gian.  Batt. 

Ferrano  Carlo 

m  1       u    r>-  •  >  Istitutori  -  nel  Convitto. 

Malavolta  Giovanni 

Cavenaghi  Giuseppe 

Valdini  Giovanni 

Pachettino  Giovanni 

K'àssner  Carlo,  incaricalo  per  l'insegnamento  libero 
della  lingua  tedesca  -  via  s.  Margherita  12. 

Truzzi  Paolo,  incaricato  per  il  piano  forte  -  corso  s. 
Celso  7. 

Marcarmi  Giuseppe,  idem  idem  -  via  Meravigli  io. 

Pizzi  Francesco,  idem  per  il  flauto  -  via  Monte  Na- 
poleone 36. 

Bastoni  Giovanni  ,  idem  per  il  violino  -  via  Principe 
pe  Umberto  12. 


CONVITTI   E  ISTITUTI    PRIVATI  35  J 

Beretta  Angelo,  per  l'equitazione  -  via  Gì  ardino,  vìcolo 

Tignoni  2. 
Pogliaghi  cav.  Salvatore,  medico  -  via  s.  Giuseppe  6. 
Bossi  dott.  Angelo,  chirurgo  -  via  s.  Damiano  3o. 
Corbetta  dott.  Giovanni,  dentista  -  via  s.  Antonio  9. 


CIVICO  COLLEGIO  GINNASIO-LICEO 
CALCHI-TAEGGI 

(Via  Porta  Vicentina  17.) 

L' amministrazione  dei  beni  del  Collegio  suddetto, 
per  decreto  reale  19  settembre  1861,  venne  trasferita 
nel  Municipio  di  Milano. 

Amm  inistrazio  n  e 

Vittadini  avv.  cav.  Giovanni ,  assessore  municipale , 
ec,  vedi  pag.  1 45. 

Cazzaniga  cav.  Ignazio,  ragioniere  capo  del  Munici- 
pio, ec,  vedi  pag.  148. 

Migone  rag.  Giuseppe,  economo  cassiere  -nel  collegio. 

Pensa  rag.  Michele,  scrivano  -  corso  Venezia  20. 

Direzione, 

Fontanella  prof.  Carlo,  rettore  interinale-  nel  collegio. 
Pisani  Feliciano,  censore  di  disciplina  -  ivi. 
Cattorini  sac.  Luciano,  dirett.   spirituale  -  via  Vigen- 
tina  3. 

Secchi  sac.  Carlo 

Robecchi  Giuseppe 

Battisti  Zaverio  f    Istitutori  -  nel  Convitto. 

Chilo  Gaetano 

Colombi  Gio.  Batt. 

Savoldi  avv.  Giuseppe 


358  CONVITTI  E  ISTITUTI   PRIVATI 

Personale  insegnante. 
Ginnasio  interno. 

Fontanella  prof.  Carlo,  predetto. 

Cavallotti  Giuseppe  Napoleone,  prof,  di  5.a  classe  -  via 
Lanzone  3. 

Palma  sac.  cav.  Stefano,  idem  di  4»a  classe  -  via  Fran- 
cesco Sforza  4i- 

Buratti  Carlo,  idem  di  3.a  classe  -  via  S.Damiano  12. 

Marazzani  Ferrante,  idem  di  2.a  classe  -  via  Nirone  2. 

Carpani  sac.  Carlo,  idem  di  i.a  ci.  -  via  s.  Simone  25. 

Scuole  tecniche  interne. 

Ferrari  dott.  Faustino,  professore  di  matematiche,  ec, 
vedi  pag.  520. 

Antoniolli  Clemente,  prof,  d'aritmetica  e  di  matema- 
tica -  via  Rugabella  1. 

Patuzzi  G.  Lionello,  professore  di  lettere  italiane  -  via 
Larga  3i. 

De  Castro  Giovanni,  prof,  di  storia  e  geografia  -  via 
Durini  25. 

Castelfranco  Pompeo ,  idem  di  lingua  e  letteratura 
francese,  ec,  vedi  pag.  527. 

Rossi  Angelo,  prof,  di  disegno,  ec,  vedi  pag.  297. 

Vismara  Davide,  idem  di  calligrafia,  ec.,vedi  p.  339. 

Scuole  elementari  interne. 

Merlini  cav.  Giovanni,  maestro  della  4«a  classe  -  via 

s.  Vito  17. 
Cavargna  Serafino,  idem  della  3.a  classe  -  via  Fon» 

tana   19. 
Colombo  Benedetto,  idem  di  2.a  classe  -  via  Torino  77. 

Alberti  Ambrogio,  professore  di  lingua  tedesca  -  via 

s.  Simone  (\. 
Bracciforti  Ferdinando,  idem   di  lingua  inglese,  ec. , 

vedi  pag.  323. 


CONVITTI   E  ISTITUTI   PRIVATI  35g 

Billetta  Francesco,  maestro  di  scherma  ed  istruttore 
militare,  ec,  vedi  pag.  356. 

Della  Croce  Carlo,  idem  di  ballo  e  portamento,  ec. , 
vedi  pag.  556. 

Lomazzi  Ippolito,  dirigente  la  palestra  civica,  maestro 
di  ginnastica  -  via  Guastalla  i3. 

Barbieri  Edoardo,  maestro  di  ginnastica- via  Spadari  t. 

Colombo  Gaetano,  idem  -  piazza  Duomo  23. 

Fortunati  Angelo,  idem  -  via  s.  Antonio  19. 

Petrolini  Gustavo,  idem  -  s.  Vito  20. 

Zibecchi  Luigi,  idem  -  via  Nirone  8. 

Mazzucchelli  Eugenio,  maestro  di  pianoforte  -  via  Pan- 
tano 8. 

Truzzi  Paolo,  idem  -  corso  s.  Celso  7. 

Varisco  Giovanni,  idem  -  via  Pantano  i3. 

Personale  sanitario. 
Bono  cav.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  i54« 
Ambrosoli  Pietro,  ec,  vedi  pag.  i54. 
Corbetta  dott.  Giovanni,  dentista  -  via  s.  Antonio  9. 

Personale  di  servizio. 
N.  6  Camerieri;  1  guadarobiere ;  1  portinaio;  1  sotto- 
portinaio;   1  tamburino;   1    infermiere;   1-  cuoco; 
2  addetti  alla  cucina;  1  spazzino. 


COLLEGIO  CONVITTO  DI  PREPARAZIONE 

AGLI  ISTITUÌ  MILITARI 

CON  ANNESSO  CORSO  TECNICO  COMMERCIALE. 
(Via  Camminadella  22). 

Condotto  da  una  società  di  professori  del  soppresso 
Collegio  Militare  ba  per  iscopo  di  preparare  i  giovani 
agli  Istituti  Militari  Superiori  (R.  Accademia  in  To- 
rino, R.  Scuola  di  fanteria  e  cavalleria  in  Modena,  e 
R.  Scuola  di  marina)  ed  agli  Istituti  Tecnici.  —  Ac- 
coglie alunni  convittori  ed  esterni. 


36o  CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI 

Personale  dirìgente  ed  insegnante, 

Aimo  dott.  Giovanni,  direttore  del  convitto,  -  nel  col- 
legio stesso. 

Branca  prof.  Gaetano,  idem  degli  studi  -  via  Cammi- 
nadella   io. 

Per  le  matematiche. 

Allasia  prof.  Alberto,  ec,  vedi  pag.  3 19. 
Farufìfini  cav.  prof.  Alessandro,  ec,  vedi  pag.  3**6. 
Marzorati  Angelo,  ec,  vedi  pag.  556. 
Quinta  valle  ing.  Adriano  -  via  Annunciata  2. 

Per  la  lingua  e  letteratura  italiana. 

Merlini   prof.  cav.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  358. 
Ravasio  prof.  Pietro. 
Cadei  prof.  Antonio. 

Per  la  storia  e  la  geografia. 

Aimo  dott.  Giovanni,  predetto. 
Branca  prof.  Gaetano,  predetto. 

Per  le  scienze  naturali. 
Travella  prof.  Stefano,  ec,  vedi  pag.  333. 

Per  la  lingua  francese. 
HofFmann  prof.  Lorenzo  -  via  Olmetto  i/}» 

Per  il  disegno. 
Ashton  prof.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  295. 

Per  la  contabilità. 
Casarteili  rag.  Carlo  -  via  Borromeo  1. 

Per  la  calligrafia. 
Foglia  prof.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  33 1. 

Per  la  ginnastica  e  la  scherma. 
Citterio  Fortunato,  juniore  -  via  Cappuccio  16. 


CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI  56 1 

Studi  Uberi, 

Branca  prof.  Gaetano,  predetto,  per  la  lingua  tedesca. 

N.  N.,  per  la  lingua  inglese. 

Marcarmi  Giuseppe,  per  la  musica,  ec,  v.  pag.  556. 

Medico  dello  stabilimento. 

Rotondi  dolt.  Giorgio,  medico  primario  all'Ospedale 
Maggiore  -  corso  P.  Romana  64. 

Economo  dello  stabilimento. 

Priotti  Mattia  -  via  Lanzone  28. 


COLLEGIO  REALE  DELLE  FANCIULLE 

(  Via  Passione  12.) 

Questo  Istituto,  fondato  con  decreto  18  settem- 
bre 1808  da  Napoleone  I,  venne  riformato  col  nuovo 
Statuto  organico  approvato  coi  decreti  reali  22  marzo 
e  9  agosto  1861. 

In  esso  sono  stabiliti  24  posti  gratuiti  a  vantaggio 
di  fanciulle  di  famiglie  civili,  i  cui  genitori  abbiano 
reso  notevoli  servigi  allo  Slato.  Le  alunne  vi  si  rice- 
vono dai  sette  ai  dodici  anni  e  possono  rimanere  nel 
Collegio  anche  fino  ai  diciollo  anni  per  compiervi  il 
corso  degli  insegnamenti  compartili. 

Gli  insegnamenti  che  si  danno  in  questo  Istituto 
sono  riparliti  in  due  corsi,  l'uno  elementare  di  quat- 
tro classi,  l'altro  perfettivo  di  tre.  Il  corso  elementare 
comprende  tutte  le  materie  prescritte  per  le  scuole 
femminili  dalla  legge  i3  novembre  1859,  Pm  8U  e^e" 
menti  della  lingua  francese;  il  perfettivo  abbraccia  la 
religione,  la  lingua  e  la  letteratura  italiana,  la  storia 
eia  geografia,  l'aritmetica  e  la  contabilità  domestica, 
la  lingua  francese,  il  disegno,  le  nozioni  dei  doveri  e 
dei  diritti  verso  la  famiglia  e  la  società  ^  gli  elementi 
di  igiene  e  di  scienze  naturali  e  la  calligrafìa.  A  questi 


36:2  CONVITTI    E  ISTITUTI  PRIVATI 

insegnamenti  si  aggiungono  quelli  del  piano-forte ,  del 
canto,  della  danza,  della  ginnastica  e  dei  lavori  fem- 
minili. 

La  retta  annua  è  di  L.  800:  oltre  la  delta  somma 
le  alunne  devono  pagare  altre  L.  600  per  la  provvista 
del  corredo  al  loro  entrare  in  Collegio,  e  L.  5oo  negli 
anni  successivi  per  la  manutenzione  del  medesimo,  le 
une  e  le  altre  in  rate  anticipate  trimestrali. 

L'amministrazione  e  la  direzione  dei  Collegio  sono 
affidate  alle  <nire  di  un  Consiglio  di  vigilanza ,  com- 
posto attualmente  come  segue  : 

Consiglio  di  vigilanza. 

Gabelli  dott.  cav.  Aristide,  presidente,  ec,  v  p.  3i5. 
Pioia  nob.  cav.  Giuseppe  -  corso  Venezia  32. 
Greppi  nob.  Lnigi,  ec,  vedi  pag.  i3i. 
Litta  Modìgnani  conte  Giulio,  ec,  vedi  pag.  1 45. 
Castiglioni  nob.  Giuseppe,  corso  s.  Celso  7. 


Scopoli  nobile  Rosa,  direttrice. 

Gori  Leopoldina,  vice-direttrice. 

Cantoni  Rosalia       \ 

Campioni  Angela    f  Maestre    interne   pel   corso   ele- 

Piazzi  nob.  Bianca  (        mentare. 

n.  n.  ; 

Férard  Chiara,  maestra-istitutrice  francese. 

De  Giorgi  nob.  Angelina  \ 

Silva  Virginia 

Cantoni  Amalia 

r>      •  4  ^  >  Ishtutnci. 

Cerri  Antonietta 

Nani  Adele 
De  Amicis  Adelaide 
Pegoretli  Caterina,  idem  e  maestra  di  tedesco. 
Carrera  Rosa,  idem  e  maestra  di  ginnastica. 
Fabrìs  nob.  Giovanni  Cristoforo,  prof,  di  lingua  e  let- 
teratura italiana  -  via  Conservatorio  4- 


CONVITTI  E  ISTITUTI    PRIVATI  363 

Conti  cav.  Francesco,  prof,  di  storia  e  geografia,  ec, 
vedi  pag.  335. 

Manzolini  doli.  Arcangelo,  idem  d'igiene  e  scienze  na- 
turali, ec,  vedi  pag.  335, 

Travella  dott.  Stefano,  idem  supp.,  ec,  v.  pag.  333. 

Rizzi  dott.  cav.  Gio.,  prof,  di  nozioni  di  morale,  ec, 
vedi  pag.  3o8. 

Merlo  Giovanni,  prof,  d'aritmetica  e  di  contabilità  do- 
mestica -  via  Visconti  21. 

Ceroli  sac  Natale,  ^,  prof,  di  storia  sacra  e  catechismo 
e  direttore  spirituale  -  canonica  di  s.  Eufemia  4. 

Fouché  Francesco,  idem  di  lingua  e  letteratura  fran- 
cese-via Larga  22. 

Kelly  m.*  Thomas,  incaricato  dell'insegnamento  libero 
della  lingua  inglese,  ec,  vedi  pag.   n6. 

Kassner  Carlo ,  incaricato  dell'  insegnamento  libero 
della  lingua  tedesca,  ec,  vedi  pag.  356. 

Prolti  Angelo,  prof,  di  disegno  -  via  Lanzone  4» 

Villa  Maddalena,  maestra  di  calligrafia  -  via  Conser- 
vatorio 20. 

Dall'Acqua  Vibulano,  prof,  di  piano-forte  -via  Spiga  5o. 

Ferrari  Giovanni,  idem  -  via  Solferino  16. 

Rovere  Carlo,  ^,  idem  -  via  Cavenaghi  1. 

N.  N„  idem. 

Rivetta  Luigi,  idem  prow.  in  sussidio  ai  suddetti  -  via 
s.  Zeno   12. 

Ronchetti  Monte  viti  Stefano,  profess.  di  canto  -  via 
Pontaccio  12. 

Molinari  Bencini  Giuditta,  maestra  di  danza  -  via 
Bigli  21. 

Chiapponi  dott.  Pietro,  medico  dello  stabilimento,  ec, 
vedi  pag.  1 44* 

Gherini  cav.  dott.  Ambrogio,  chirurgo  dello  stabili- 
mento -  via  Cerva  20. 

Corbetta  dott.  Giovanni,  dentista  dello  stabilimento,  ec, 
vedi  pag.  357. 

Mora  dott.  Cesare,  segretario-economo  •  via  Olmetto  1. 

Gattoni  rag.  Angiolo,  appi.  prow.  -  via  s.  Sofia  35. 


364  CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI 

COLLEGIO  DELLA  GUASTALLA 

Via  Guastalla  6. 

Questo  stabilimento  è  destinato  all' educazione  gratuita 
di  figlie  milanesi  di  nobili  famiglie  decadute.  Il  numero 
delle  alunne  è  di  quarantadue. 
Della  Croce   nobile   Giuseppe,  amministratore   -  via 

s.  Damiano  26. 
Belgiojoso  conte  Giuseppe,  amminis.,  ec,  v.  p.  208. 
Manzi  nob.  Marco,  amministratore  -  via  Nerino  8. 
De  Azzi  donna  Gostanza,  superiora. 
Thomas  sac.  Giovanni,  direttore  spirituale. 
Migliavacca  dott.  Paolo,  sindaco  cancell.  -  via  Fieno  5. 
Yilleneuve  Carlo,  ragioniere  -  via  Fieno  3. 


COLLEGIO  DI  SANTA  SOFIA 

{Via  s.   Sofà   I.) 

Venti  circa  sono    le    alunne  esistenti   nel    collegio. 
Le  maestre  sono   le   religiose  della  Visitazione.   Vi  è 
poi  un  maestro  esterno  pel  cembalo  e  pel  canto. 
Greppi    conte   Antonio,  %,   protettore,  ec.   -   via 

s.  Antonio  12. 
Maruti  Francesca  Enrichetta,  superiora  -  nei  Collegio 


CASE  PRIVATE  D'EDUCAZIONE  CON  CONVITTO 

MASCHILI. 

Antolini  Giovanni  Battista,  via  Broletto  38. 
Besesti  Fortunato,  via  Arcimboldi  1. 
Bognetti  Giovanni,  via  Monte  Napoleone  21. 
Boguetti  rag.  Gius.  Palamede,  via  Gesù  17. 
Bonsignore  Enrico,  ec,  vedi  pag.  327. 
Bordoni  Le  Comte,   via  Amedei  5. 
Castelli  Antonio,  ec..,  vedi  pag.  373. 
Dolci  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  371. 


CONVITTI  E  ISTITUTI  PBIVÀTI  365 

Fattori  Giuseppe,  via  Ambrosiana  12. 
Marcora  Giuseppe,  via  Pasquirolo  2, 
Pietrasanta  Pietro,  ec,  vedi  pag.  368. 
Pojani  Socrate,  via  Francesco  Sforza  5» 
Reati  Luigi,  corso  P.  Ticinese  12. 
Stampa  nob.  Gio.  Batt.,  ec,  vedi  pag.  3jo. 
Strada  Alessandro,  via  Medici  10. 
Wild  E.,  ec,  vedi  pag.  36j. 

FEMMINILI. 

Alessio  Sfondrini  Bianca,  via  s.  Eufemia  23. 

Azimonti  sorelle,  piazza  Carmine  l\, 

Bentivoglio  Donadelli  Giuseppa,  via  s.  Vito  3i. 

Bianchi -Morand,  via  Cappuccio  9. 

Biraghi  sorelle,  corso  Magenta  71. 

Bonavia  Giuseppina,  corso  Magenta  69. 

Borde  Giulia,  via  s.  Andrea   12. 

Brianzi  Audin  Carolina,  via  Agnello  12. 

Colombo  Luigia,  corso  s.  Celso  25. 

De  Marchi  Gherini  Giuseppina,  via  Pantano  12. 

Dossio  Angela,  piazza  s.  Enstorgio  8. 

Dubini  Boselli  Teresa,  via  s.  Marta  19. 

Ferrano  sorelle,  via  Montebello  3. 

Galeazzi  Lucia,  via  Cerva  l\i. 

Gerii  Giovanna,  via  Guastalla  i5. 

Guerrini  Marianna,  piazza  s.  Sepolcro  12. 

Le  Comte  Bordoni  Fanny,  via  Amedei  5. 

Marelli  Caterina,  via  Amedei  6. 

Mazzucchelli  Clara,  via  Monforte  17. 

Melocchi  Barbara  Rosa,  via  s.  Zeno  7. 

Monguzzi  Luigia,  via  Arena  io. 

Motta  Antonietta  ed  Emilia,  corso  Venezia  80. 

Nassani  Rosa,  via  s.  Pietro  all'Orto  i3. 

Nova  Montrezza  Augusta,  via  Pantano  3. 

Pensa  Giulia  e  Pestalozza  Maria,  corso  P.  Romana  18. 

Pizzi  Giuseppina,  via  Principe  Amedeo  3. 

Ratti  Giovannina,  corso  Garibaldi  99. 


366  CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI 

Staurenghi  Luigia,  via  Brisa  3. 
Testa  Rosa,  corso  Venezia  46. 
Zoini  Sorelle,  corso  P.  Romana  42. 
Zuccoli  Camilla,  via  Torchio  io„ 


LICEO  PRIVATO  DE  ANGELI 

colia  classe  5.a  ginnasiale, 

(  Via  Zebedia  I.) 

Questo  Istituto,  aperto  nell'anno  1864  con  superiore 
autorizzazione,  accoglie  i  giovani  che  hanno  compiuto 
la  classe  4-a  ginnasiale,  o  qualche  corso  del  liceo,  a  fine  di 
prepararli  agli  esami  di  licenza  liceale,  giusta  le  disci- 
pline sancite  dal  Ministero  della  pubblica  istruzione. 

L'  Istituto  è  largamente  fornito  di  tutti  i  necessari 
apparati  scientifici,  e  d'una  biblioteca  ad  uso  gratuito 
degli  studenti. 

Docenti. 

De  Angeli  dott.  Felice,  direttore  e  proprietario  •  via 

Amedei  io. 
Masserotti  dott.  cav.  Vincenzo,  ec,  vedi  pag.  260. 
Merlo  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  363. 
Somasca  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  271. 
Fabris  nob.  Gio.  Cristoforo,  ec  vedi  pag,  362» 
Cattaneo  dott.  Antonio  -  via  Borgo  Spesso  17. 
Baravalle  dott.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  3 16. 
Inama  dott.  Vigilio,  ec,  vedi  pag.  3o5. 
Nespoli  prof.  Giovanni  -  via  s.  Giovanni  in  Conca  6, 
De  Castro  prof,  Giovanni  -  via  D urini  2 5. 


CONVITTI  E    ISTITUTI  PRIVATI  36j 

ISTITUTO  SPECIALE  DI  COMMERCIO 

DIRETTO   DAL   PROFESSORE   E.    WlLD 
{Via  Pesce  33.) 

In  questo  Istituto  i  giovani  che  intendono  avviarsi 
alla  mercatura,  possono  addestrarsi  nelle  scienze  esclu- 
sivamente alla  medesima  attinenti,  e  nello  studio  delle 
lingue.  Preparare  la  gioventù,  che  ha  già  ricevuto 
qualche  fondata  istruzione  elementare,  al  commercio 
ed  alla  speculazione,  è  lo  scopo  che  esclusivamente  si 
prefigge  F  Istituto.  A  detta  scuola  sono  annessi  anche 
un  convitto  ed  una  pensione,  i  quali  offrono  al  pub- 
blico tutti  quei  vantaggi  che  sono  prpprj  dei  collegi 
esteri,  fra  cui  quello  che  i  giovani  possano  con  facilità 
imparare  le  lingue,  nelle  quali  si  fanno  continuamente 
serie  e  rigorose  esercitazioni. 

La  lingua  d'insegnamento  è  la  italiana  ;  quella  della 
conversazione  è  giornalmente  una  delle  quattro  :  ita- 
liana, francese,  tedesca  od  inglese. 

La  scuola  si  divide  in  due  sezioni  distinte:  la  prima  si 
compie  in  quattro  anni,  e  vi  si  ammettono  i  giovani  che 
hanno  compito  il  corso  elementare  e  che  si  applicano 
regolarmente  allo  studio  commerciale  (dalle  ore  9  an- 
timeridiane alle  3  pomeridiane);  la  seconda  si  com- 
pie in  tre  anni,  e  vi  sono  ammessi  tutti  quei  giovani 
che  non  ponno  per  le  loro  giornaliere  occupazioni 
attendere  alja  sezione  prima  (dalle  ore  6  alle  8  anti- 
meridiane d*  estate,  e  dalle  6  '/a  alle  8  '/2  pom.  d'  in- 
verno). 

Al  4'°  corso  della  i.a  sezione  si  ammettono  anche 
giovani  di  più  matura  età,  i  quali  desiderano  perfezio- 
narsi in  certe  materie,  come  nelle  lingue,  nella  te- 
nuta dei  libri,  ec. 

Sarà  premura  della  Direzione  di  collocare  in  seguito 
in  buone  case  mercantili,  sia  in  Milano  che  fuori,  quei 
giovani  che  con  regolarità  e  profitto  avranno  seguito 
un  tal  corso j  e  all'uopo  codesta  Direzione  fa  fin  d'ora 


368  CONVITTI   E   ISTITUTI  PRIVATI 

appello  ai  signori  negozianti  perchè  vogliano  di  pre- 
ferenza rivolgersi  a  codesto  Istituto,  allorché  avranno 
bisogno  di  qualche  giovine  ben  istruito. 

ISTITUTO  PRIVATO  BOSELLI 

{Via  s.  Giuseppe  40 

Stabilimento  di  privata  istruzione  elementare  e  gin- 
nasiale completa,  con  altre  scuole  speciali  per  l' inse- 
gnamento della  calligrafia,  del  disegno  e  delle  lingue 
francese,  tedesca  ed  inglese.  -  Ne  è  direttore  il  rag. 
Valentino  Dell'  Uomo,  che  si  attiene  intieramente  alle 
norme  seguile  dal  defunto  istitutore  di  questo  stabili- 
mento, il  dott.  Antonio  Boselli. 


ISTITUTO  PRIVATO  PIETRASANTA 

(Via  s.   Paolo    IO.) 

L' istruzione  in  questo  Istituto  abbraccia  i  corsi 
ginnasiali,  elementari,  tecnici,  e  di  commercio,  e  vi  è 
ajutata  da  numerose  ed  elette  collezioni  di  apparati  ed 
esemplari  per  le  scienze  matematiche,  fìsiche,  e  natu- 
rali, constituenti  uno  splendido  museo  che  è  continua- 
mente arricchito;  da  numerosissime  carte  ed  atlanti 
geografici,  storici  e  statistici;  da  una  raccolta  numi- 
smatica; da  ogni  maniera  di  modelli  per  il  disegno  e 
per  la  calligrafia;  e  da  una  biblioteca  di  oltre  10,000 
volumi.  A  tutto  questo  è  aggiunto  un  laboratorio  di 
chimica  con  una  ricca  collezione  di  quanto  si  richiede 
per  l'insegnamento  della  medesima  e  delle  sue  pratiche 
applicazioni. 

Oltre  alle  lingue  classiche  prescritte  dai  programmi 
scolastici,  vi  si  insegnano  la  lingua  francese,  tedesca 
ed  inglese. 

Gli  studenti  di  commercio  sono  istruiti  nella  conta- 
bilità,  nella  tenuta  dei  libri,  e  nel  corso  dei  cambj  da 
appositi  maestri  ragionieri. 


CONVITTI  E  ISTITUTI   PHIVÀTI  36g 

Gli  alunni  possono  inoltre  avere  lezioni  di  ginna- 
stica ,  ballo,  nuoto,  musica   ed  equitazione. 

Vi  si  tengono  anche  alcuni  allievi  in  pensione ,  i 
quali  sono  educati  col  regolare  sistema  di  una  ben 
ordinata  famiglia,  perchè  convivono  col  direttore  e 
colla  sua  famiglia  stessa,  avendo  in  comune  ancbe  la 
mensa. 

Direttore  e  Proprietario. 

Pietrasanta  Pietro  -  nel  locale  dell'Istituto. 

Docenti 

Adler  Giuseppe,  di  lingua  e  letteratura  tedesca  •  corso 
Venezia  37. 

Beati  ab.  Ascanio,  di  religione,  morale,  lingua  latina  e 
greca  -  piazza  s.  Sisto  8. 

Biella  Giuseppe,  di  materie  elementari  -  piazza  s.  Ste- 
fano 11. 

Borsa  Paolo,  di  disegno,  ec,  vedi  pag.  33 1. 

Brianzi  Luigi,  di  lingua  francese,  ec,  vedi  pag.  ùlj. 

Campagnani  G.  B.,  di  lingua  latina  ed  italiana,  e  geo- 
grafia e  storia  -  via  Cornacchie  4- 

Chelio  ing.  Ambrogio,  di  matematica  e  meccanica  - 
via  Cavenagbi  b. 

Demeczynski  Giuseppe,  di  matematica  e  meccanica  - 
piazza  s.  Stefano  io. 

Fayard  Michele,  di  lingua  francese,  ec,  v.  pag.  328. 

Ferrari  ab.  Gregorio,  di  lingua  latina,  greca  ed  ita- 
liana e  di  geografìa  e  storia  -  via  s.  Pietro  all'Orto  11. 

Granz  rag.  Gerolamo,  di  aritmetica,  ragioneria,  cam- 
bio e  scienza  mercantile  -  via  Unione  8. 

Grilli  Cesare,  di  materie  elementari  e  maestro  nella 
casa  di  educazione  -  nel  locale. 

Kenifich  Carlo,  di  lingua  inglese^  ec,  vedi  pag.  329, 

N.  N.,  di  lingua  tedesca  i.°  corso. 

Magani  Giulio,  di  materie  element.  e  di  aritmetica  alle 
classi  prime  ginnasiali  e  tecniche  -  via  Ospedale  24. 

Guida  1871  —  24 


37°  CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI 

Noél  De  Saint-Clair  C,  di  lingua  inglese,  ec,  vedi 
pag.  329. 

Peregalli  Achille,  di  calligrafia  -  via  Unione  7. 

Pielrasanta  Angelo,  di  disegno  -  nel  locale  dell'  Isti- 
tuto, ec,  vedi  pag.  297. 

Pielrasanta  Francesco,  di  materie  elementari  e  mae- 
stro nella  Casa  d'educazione  -  nel  locale. 

Riva  Giuseppe,  di  diseguo  -  via  Monforte  &. 

Steffanini  Giuseppe,  di  materie  elementari  ^  maestro 
nella  casa  di  educazione  -  nel  locale. 

Vietti  dott.  Enrico,  di  scienze  fisiche,  naturali  e  chi- 
miche, ec,  vedi  pag.  307. 

Lattuada  Antonio,  bidello  -  nel  locale  dell'  Istituto. 
Carnnasio  Francesco,  inserviente. 

NB*  Vi  sono  inoltre  i  singoli  istruttori  per  gli  inse- 
gnamenti e  le  esercitazioni  di  ginnastica,  ballo,  nuoto, 
cavallerizza,  scherma  e  musica. 


ISTITUTO  PRIVATO  STAMPA 

ED  OFFICIO  DI  TRADUZIONE  ED  INTERPRETAZIONE. 
(G.  Vt  E.,  Ottagono,  ingresso  65,  scala  l5j piano  l.°) 

Questo  Istituto  d' istruzione,  attivato  nel  1 85o,  ven- 
ne organizzato  secondo  il  nuovo  piano  di  studi  ed 
abbraccia  l'insegnamento  diurno  e  serale  di  ragioneria, 
amministrazione,  commercio,  disegno,  calligrafìa,  lingua 
italiana,  francese,  tedesca,  inglese,  spaguuola,  ec. 

Oltre  ai  suddetti  rami  d'istruzione  vi  è  pure  un 
corso  per  gli  aspiranti  all'esame  di  Segretario  comu- 
nale e  di  Capo-mastro,  e  venne  attivata  l'istruzione 
teorico-pratico  di  Telegrafia. 

Ufficio  di  traduzione  ed  interpretazione 
annesso  all'istituto  stampa. 
Quest'Ufficio  presta  già  da  molti  §nni  l'opera  sua 
agli  avvocati,   notaj   e   commercianti >  non  che  agli 


CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI  Z"J  l 

Uffici  regi  e  comunali.  Oltre  alle  versioni  per  norma 
privata,  vi  si  eseguiscono  Traduzioni  ufficiali  che 
hanno  forza  legale  in  tutti  i  dicasteri  dello  Stato  ed 
anche  all'  estero.  —  L'interpretazione  riguarda  le  per- 
gamene ed  altri  documenti  antichi. 


ISTITUTO  DOLCI 

IN   VASTI   E  SALUBRI   LOCALI,   CON    GIARDINO,   CORTILI   E  PORTICI. 
(Corso  di  Porta    Ticinese  83.) 

L'istruzione  in  quest'Istituto,  premiato  colla  me- 
daglia di  primo  grado  dal  quinto  e  sesto  Congresso 
pedagogico,  è  affidata  ad  uno  scelto  corpo  di  profes- 
sori, tra  i  quali  molti  appartenenti  ai  pubblici  istituti, 
ed  abbraccia  l' insegnamento  elemenfare,  ginnasiale, 
liceale  e  tecnico,  per  cui  i  giovani  \  i  escono  preparati 
alle  Università,  ai  Colleggi  militari,  alle  regie  Acca- 
demie, agli  impieghi  amministrativi  dello  Stato  ed  al 
commercio.  -  Lezioni  libere:  musica,  ginnastica,  scher- 
ma, ballo,  nuoto,  ec. 

L' Istituto  è  corredato  di  gab  netti  in  cui  sano  rac- 
colti oggetti  scentifici  per  gli  studi  di  geometria,  fi- 
sica, meccanica,  storia  naturale,  geografia)  d;  an  la- 
boratorio di  chimica  e  di  una  biblioteca  capiosa  di 
opere  recentissime  di  letteratura,  matematica,  fisica, 
chimica,  sioria  naturale,  geografia,  storia,  statistica, 
belle  arti,  ecc. 

Unito  all'Istituto  vi  ha  un  colleggio  le  cui  norme 
dirett  \e  sono  in  relazione  ed  uniforme  a  quelle  dei 
migliori  collegi  commerciali  ed  industriali  della  Sviz- 
zera e  della  Germania. 

Direttore  e  proprietario* 
Dolci  Giovanili  Francesco  -  neh"  IstilutOé 
Docenti 

Adler  Giuneppe,  per  la  lingua  tedesca  -  corso  Porta 
Venezia  3j. 


372  CONVITTI  E   ISTITUTI  PRIVA.TI 

Algier  cav.  Teodoro,  per  la  letteratura  francese  -  vìa 
Fate-bene-fralelli  i5. 

Anelli  Aotonio,  per  la  geografia,  scuole  elementari 
ed  istitutore  -  nel  convitto. 

Bassolini  Antonio,  per  le  lingue  francese  e  tedesca  - 
via  Vetra  7. 

Bellemo  ing.  Carlo,  per  la  matematica  -  via  s.  Ni- 
colao  5. 

Besana  Carlo,  per  la  chimica  -  via  s.  Croce  1. 

Campagnani  dott.  Prancrazio,  per  la  declamazione  - 
corso  P.  Vittoria  5o. 

Corio  doti.  Lodovico,  per  la  storia  e  geografia  -  via 
Torchio  18. 

Diviani  Riccardo,  per  il  disegno  ornamentale  -  corso 
s.  Celso  52. 

Galletti  rag.  Carlo,  per  1'  amministrazione  e  la  conta- 
bilita -  via  Maddalena  i3. 

Longhi  sac.  Giuseppe,  per  le  lingue  latina  e  greca  - 
piazza  s.  Stefano  6. 

Maldifassi  dott.  Giuseppe,  per  la  statistica,  Y  economia 
pubblica  ed  il  diritto  amministrativo  e  commerciale 
-  via  Lanzone  3i. 

Manara  ing.  Enrico,  per  1*  estimo,  le  costruzioni  e  la 
geometria  pratica  -  via  s.  Zeno  14. 

Marelli  Luigi,  per  la  calligrafia,  ec,  vedi  pag.  32  4. 

Marinoni  dott.  Camillo,  per  la  storia  naturale  -  via 
Giardino  5. 

Marzoni  dott.  Felice,  per  la  lingua  italiana  ed  i  di- 
ritti e  doveri  dei  cittadini  -  via  Tre  Alberghi  28. 

Marzorati  Gaetano,  per  la  lingua  latina,  la  storia  e 
geografia  -  via  s.  Croce  4* 

Morandi  dott.  Genesio,  per  la  letteratura  italiana  e  le 
istituzioni  morali  e  civili  -  via  Omenoni  2. 

Merlo  Giovanni,  per  la  matematica,  la  geometria  de- 
scrittiva e  la  meccanica  -  via  Visconti  21. 

Naymiller  Carlo,  per  il  disegno  topografico  -  corso  P. 
Romana  11. 


CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI  3^3 

Pagani  Giuseppe,  per  1*  aritmetica,  la  lingua  francese  e 
le  scuole  elementari  -  via  Mulino  delle  Armi  3g. 

Paravicini  Tito  Vespasiano,  per  il  disegno  geometrico, 
topografico  ed  industriale  -  via  Giardino  33. 

Pozzi  Angelo,  per  la  fisica  indust.  -  via  s.  Eufemia  s5. 

Re  ing.  Anacleto,  per  la  matematica,  ec,  v.  p.  335. 

Tagini  sac.  Giovanni,  per  l'istr.  religiosa- via Lanzone  i. 

Leggieri  Maurizio,  per  le  scuole  elementari  ed  istitu- 
tore nel  Convitto. 

Moro  Carlo,  idem  idem. 

Tronconi  Enrico,  idem  idem. 

Vecchi  Bortolo,  idem  idem. 

Billetta  Francesco,  per  la  ginnastica,  la  scherma  e  gli 
esercizii  militari  -  via  Mulino  delle  Armi  47* 

Della  Croce  Achille,  per  il  ballo  -  via  Bagutta  8. 


PRIVATO  ISTITUTO  CASTELLI 

(  Via    Morì  gì  8.  ) 

L'istruzione  in  quest'Istituto,  da  più  anni  favore- 
volmente conosciuto,  abbraccia  le. scuole  elementari, 
ginnasiali,  tecniche  e  commerciali,  con  aggiuntevi  le 
due  sezioni,  fisico-matematica  e  commerciale-ammini- 
slrativa  dell'Istituto  tecnico.  Docenti  superiormente  ap- 
provali, in  un  col  direttore  Antonio  Castelli ,  impar- 
tono il  vario  insegnamento  nelle  singole  classi.  Allo 
stabilimento  va  pure  unito  un  convitto  per  un  limi- 
tato numero  di  giovinetti  studenti,  che  formando  una 
sola  famiglia  con  quella  del  direttore,  dallo  slesso  vi 
ricevono  immediata  istruzione  ed  educazione. 

ISTITUTO  E  CONVITTO  MASSOLA 

ISTITUTO    SPECIALE   DI   COMMERCIO   E   DI    RAGIONERIA. 
(Via  s.  Prospero  5  ) 

Sezione  di  Amministrazione  e  Commercio. 
L'Istituto  prepara  i  giovani  agli  impieghi  ammini- 
strativi pubblici  e  privali,  alle  banche  e  al  commercio. 


374  CONVITTI  E  ISTITUTI  PRIVATI 

Gli  sludii  della  sezione  amministrativa  e  commer- 
ciale si  compiono  in  tre  anni  e  comprendono  l'inse- 
gnamento delle  seguenti  materie  :  amministrazione 
teorica  e  pratica;  contabilità;  statistica  commerciale; 
economia  industriale;  diritto  amministrativo  e  com- 
merciale; lettere  italiane;  corrispondenze  italiana,  fran- 
cese, tedesca  ed  inglese;  storia  naturale;  storia  e  geo- 
grafia. L'istruzione  del  disegno  non  è  obbligatoria. 

Sezione  di  Ragioneria 
che  abilita  al  conseguimento  della  patente  di  ragioniere. 
Gli  sludii  pel  conseguimento  della  patente  di  ragio- 
niere si  regolano  a  norma  dei  programmi  governativi 
e  si  compiono  nel  corso  di  due  anni.  I  giovani  però 
che  all'atto  dell'iscrizione  avessero  a  produrre  alla 
direzione  il  loro  attestato  di  licenza  dagli  sludii  secon- 
dari, classici  o  tecnici,  potrebbero  nel  corso  d'un  anno 
solo  venire  preparati  a  subire  l'esame  per  la  patente 
di  ragioniere.  Le  materie  d' insegnamento  che  nel 
corso  annuale  di  ragioneria  vengono  impartite,  sono, 
come  nel  corso  biennale,  conformi  ai  programmi  go- 
vernativi. 

Direttore. 
Massola  Ernesto  -  via  s.  Prospero  5. 

Professori  addetti  all'  Istituto. 
Romanoni  rag.  Eugenio. 
Gratis  Gerolamo. 
Luchini  rag.  Ernesto. 
Marzoni  dott.  Felice,  di  diritto,  statistica  ed  economia 

industriale. 
Morandi  dott.  Genesio,  di  storia  naturale. 
Savare^si  Anacleto,  di  lettere  italiane. 
Corio  Lodovico,  di  storia  e  geografia, 
Foglia  Luigi,  di  calligrafia. 
Riva  Giuseppe,  di  disegno. 
Diviani  Riccardo,  di  disegno. 
HofFmann  Lorenzo,  di  lingua  francese. 


CONVITTI   E   ISTITUTI   PRIVATI  3^5 

Messer  Ferdinando,  di  lingna  francese. 
Perrin,  di  lingua  tedesca  ed  inglese. 
Bracciforti  Ferdinando,  di  lingua  inglese. 
Cla us  Nicolò,  di  lingua  tedesca. 
Berloglio  ing.  Rodolfo,  di  matematica. 
Grechi  Anacleto,  di  aritmetica. 


ISTITUTO  DI  COMMERCIO  VILLA. 

(Via  Pontaccio  19J 

Direttore. 
Villa  rag.  Edoardo. 

Personale  insegnante. 

Villa  rag.  Edoardo,  pred,.  di  contabilità  commerciale. 
Lavezzari  prof.  Giuseppe,  di  lingua  italiana. 
Adler  prof.  Giuseppe,  di  lingua  tedesca  ed  inglese. 
Pizzigoni  prof.  Carlo,  di  lingua  francese. 
Sacchi  avv.  Giovanni,  di  economia  politica. 
Berloglio  ing.  Rodolfo,  di  matematica. 
Cova  prof.  Achille,  di  calligrafia  e  disegno. 

SCUOLA  SPECIALE  PREPARATORIA    AGLI  ESAMI  DI  CAPO-MASTRO. 

Bertoglio  ing.  Rodolfo,  predetto. 

SCUOLA  SPECIALE   PREPARATORIA 
AGLI  ESAMI   DI  SEGRETARIO    COMUNALE. 

Villa  rag.  Edoardo,  predetto. 


ISTITUTO  BORDONI 

CON   PENSIONE 
(Corso  Vittorio  Emanuele,  via  Patlari  3.) 

Comprende  la  scuola  superiore  per  Y  adolescenza; 
il  corso  delle  quattro  classi  elementari;  le  ripetizioni 
elementari,  ginnasiali  e  tecniche;  un  corso  libero  di 
commercio  e  disegno,  con  lezioni  diurne  e  serali;  un 
corso  speciale  teorico-pratico  di  letteratura  italiana  e 
francese  affidato  al  dott.  Genesio  Morandi. 


376 


ISTITUTI  D'INSEGNAMENTI  SPECIALI 


R.  CONSERVATORIO  DI  MUSICA 

(Via  Conservatorio  12.) 

Questo  Istituto  venne  fondato  a  convitto  nell*  anno 
1808  sotto  il  regime  italiano.  Nel  1 855  venne  ridotto 
a  Liceo  musicale  ,  ed  ora  circa  240  allievi  d*  ambo  i 
sessi,  alcuni  dei  quali  pensionati  dallo  Stato,  vi  sono 
educati  in  ogni  ramo  delle  materie  musicali,  ed  inoltre 
nella  religione,  nelle  lingue  italiana  e  francese,  nella 
storia,  geografia  ,  aritmetica,  storia  e  filosofia  della 
musica,  letteratura  drammatica  e  poetica  ne'  suoi  rap- 
porti colla  musica,  nella  declamazione,  nel  portamento 
mimico,  nel  ballo  e  negli  esercizj  militari. 

L/  amministrazione  e  la  sorveglianza  generale  del- 
l'Istituto sono  affidate  ad  un  Presidente  governativo.  Un 
direttore  presiede  all'andamento  scientifico  e  discipli- 
nare dell'  Istituto. 

E  istituito  un  Consiglio  accademico  formato  da  un 
presidente,  da  un  vice-presidente  e  da  sette  consiglieri, 
quattro  dei  quali  estranei  all'Istituto. 


N.  N. 
N.  N. 

N.  N. 


Presidente. 

Direttore  degli  studi. 

Consiglio  accademico. 
Presidente. 


ISTITUTI  D'iNSEGNAMENTi   SPECIALI  377 

Vice  -  Presidente 
Rossi  cav.  Lauro,  predetto. 

Consiglieri. 

Belgiojoso  conte  Lodovico  -  piazza  Belgiojoso  2. 
Villa  Pernice  cav.  dott.  Angelo,  ec,  vedi  pag.  161. 
Filippi  dott.  Filippo  -  via  Bigli  21. 
Cantù  prof.  cav.  Ignazio,  ec.;  v.  pag.  260. 
Corbellini  prof.  Vincenzo  -  via  Borgo  Nuovo  23. 
Quarenghi  prof.  Guglielmo  -  via  s.  Damiano  io. 

Professori. 

Mazzucato  cav.  Alberto,  prof,  di  composizione,  ec, 
vedi  pag.   1 83. 

Ronchetti  Monteviti  Stefano,  idem,  ec,  v.  pag.    363. 

Faccio  Franco,  idem  di  armonia,  contrappunto  e  fuga 
-  via  Manara  8. 

Boniforti  Carlo,  idem  -  via  Passione  7. 

Bona  Pasquale,  idem  di  canto  -  via  Monte  Napo- 
leone 5. 

Lamperti  Francesco,  ^| ,  idem  -  via  Torino  20. 

Prati  Bartolomeo,  idem  -  via  Cerva. 

Sangiovanni  Antonio,  idem  -  via  Passione  3. 

Panzini  Angelo,  idem  di  nozioni  elementari  di  musica, 
di  solfeggio  e  di  armonia  -  via  Pontaccio  19. 

Treves  Giacomo,  idem  -  via  Piatti  2. 

Gerii  Giuseppe,  idem  -  via  Rugabella  i3. 

Nava  Gaetano,  idem  -  via  s.  Bernardino  4« 

Brida  Giano,  prof,  di  solfeggio  -  via  s.  Zeno  2. 

N.  N.,idem  di  piano-forte. 

Sangalli   Francesco  ,    idem  -  via   Bernardino  Luini  7. 

Fumagalli  Disma,  ^,  idem  -  via  Olmetto  io. 

Almasio  Francesco,  idem  d'  organo  e  fisarmonica  - 
via  Agnello  6. 

Cavallini  Eug.,  idem  di  violino  e  viola  -via s.  Spirito  19. 

Corbellini  Vincenzo,  predetto,  idem. 

Rampazzini  Giovanni,  idem  -  via  Monforte  27. 


3j8  ISTITUTI   D'INSEGNAMENTI  SPECIALI 

Quarenghi  Guglielmo,  predetto,  prof,  di  violoncello. 

Negri  Luigi,  idem  di  contrabasso  -  piazza  Fontana  18. 

Pizzi  Francesco,  idem  d   flauto,  ec,  vedi  pag.  356. 

Rossan  Gustavo,  idem  di  corno,  tromha  e  trombone, 
ec,  vedi  pag.184. 

Confalonieri  Cesare,  idem  d'oboe -via  Chlosetlo  n. 

Carulli  Benedetto,  id.  di  clarinetto  -  via  s.  Maurilio  12. 

Bovio  Angelo,  idem  d'arpa  -  via  Solferino  2. 

Torriani  Antonio,  prof,  di  fagotto  -  via  Stella   17. 

Mazzucato  cav.  Alberto,  predetto,  idem  di  estetica  mu- 
sicale. 

Praga  Fmilio,  idem  di  letteratura  poetica  e  dramma- 
tica -  via  Monforte  27. 

Cantù  cav.  Ignazio,  predetto,  idem  di  geografia  e  sto- 
ria universale  ed  elementi  di  storia  patria. . 

De  Vigili  sac.  Carlo,  idem  di  letteratura  italiana  e  re- 
ligione -  nel  Conservatorio. 

Sangalli  Amilcare,  ^t  dott.  in  legge,  idem  di  lingua 
italiana  e  d:  nozione  intorno  ai  doveri  ed  ai  diritti 
dei  cittadini  -  via  s.  Paolo  17. 

Humel  Federico,  idem  di  lingua  francese  -  via  Pan- 
tano 5. 

N.  N.,  idem  di  declamazione  e  gesti. 

Della  Croce  Carlo,  idem  di  mimica,  portamento  e 
ballo,  ec,  vedi  pag.  356. 

Segretario  e  Cancellista  della  Presidenza* 

Taveggia  Luigi  -  via  Monte  Napoleone  32. 
Economo-Cassiere  e  Ragioniere. 

Lorini  rag.  Giovanni  -  ael  Conservatorio. 

Custode  della  Biblioteco  e  Copista. 

Carcano  Pasquale  -  nel  Conservatorio. 

Istruttore  degli  esercizi  militari. 

Ricci  Giuseppe. 

Accordatore  de* piano- forti. 

Gorla  Antonio  -  via  s.  Marta  i5. 


ISTITUTI  D'iNSEGNAMENTI  SPECIALI  3j9 

Ispettori, 

Grassi  Felice  -  nel  Conservatorio. 
Bianchi  Teodoro,  idem  e  carrellista  della  Direzione  - 
nel  Conservatorio. 

Ispettrici. 

Rota  Edvige  -  via  Conservatorio  22. 

Ceruti  Maddalena  -  corso  Venezia  76. 

Baroni  Teresa  -  via  Fontana  19. 

Galbiati  Maddalena,  idem  e  guardarobiera  -  nei  Con- 
servatorio. 

Vecchia  Luigia,  idem  -  via  della  Stella  39. 

Lanzinger  Camilla  -  via  Monforte  (\. 

Baini  Enrichetta  -  via  Meravigli  5. 

Un  portiere.  -  Quattro  inservienti.  -  Un  facchino.  - 
Un  falegname  ed  apparatore.  -  Un  portinajo  pel 
compartimento  delle  alunne. 


ACCADEMIA  DE5  FILODRAMMATICI 

CON  SCUOLA  DI  DECLAMAZIONE 

{Via  Filodrammatici  I.) 

Questo  elegante  teatro,  costrutto  da  una  Società  nel- 
l'anno 1798  sul  disegno  degli  architetti  Pollack  e  Ca- 
nonica, è  capace  di  oltre  mille  persone. 

L'Accademia,  oltre  alle  rappresentazioni  drammati- 
che e  musicali,  che  offre  al  publico  con  distribuzione 
gratuita  d'invili  nel  venerdì  d'ogni  settimana,  vi  tiene, 
da  circa  cinquant'anni,  una  scuola  di  declamazione  con 
premj  a  chi  meglio  riesce.  Gli  allievi  che  vi  sono  am- 
messi vengono  ammaestrali  gratuitamente  tre  volte  la 
settimana  da  uno  speciale  professore.  Quando  gli  at- 
tori riescono,  vengono  assunti  alle  rappresentazioni 
sceniche  che  si  danno  nel  teatro  academico  o  passano 
ad  altri  teatri. 

L'Accademia,  composta  di  oltre  centocinquanta  tra 
soci  proprietari,  animalisti  ed  onorari,  è  retta  da  un 


38o  ISTITUTI  D*  INSEGNAMENTI  SPECULI 

presidente  con  due  segretari,  e  da  uffici  pei  diversi 
rami,  i  di  cui  membri,  scelti  dal  corpo  de'soci  pro- 
prietari, si  cambiano  o  rinnovano  ogni  biennio. 

Presidenza* 

Villa  Pernice  cav.  dott.  Angelo,  presidente,  ec,  vedi 

pag.   161. 
Mangili  avv.  Felice,  segretario  -  via  Unione  9. 
Norsa  dott.  Ugo,  idem,  ec,  vedi  pag.  166. 

Commissione  pei  Drammi, 
Angeleri  Stefano  -  via  Spiga  44» 
Moruzzi  Alfonso  -  via  Bocchetto  i3. 
Reggiani  Enrico  -  corso  Venezia  39. 
Anuoni  conte  Aldo,  ec,  v.  pag.   i3o. 
Martinazzi  Giovanni  -  via  Osti  3. 

Amministrazione. 

Pogliani  mg.  Carlo  -  via  s.  Simone  2. 
Castiglioni  dott.  Gaetano  -  via  Bigli  3. 
Zanchi  cav.  rag.  Carlo,  ec,  v.  pag.  33o. 

Controllore  contabile. 
Castelli  prof.  Antonio,  ec,  v.  pag.  3y3. 

Economo. 
Guerra  Serafino  -  corso  Porta  Romana  9. 


R.  ISTITUTO  DE'  SORDO-MUTI 

{ Via  s.    Vincenzo    7.) 

Nel  i83o,  per  sovrana  risoluzione  3o  agosto  1818, 
venne  aperto  questo  reale  Istituto  per  i*  istruzione 
di  60  sordo-muti  lombardi  e  veneti,  dei  quali  40 
maschi  e  20  femmine,  comprese  24  piazze  gratuite 
(16  pe' maschi  8  per  le  femmine)    a   carico   erariale. 

Coi  legati  conseguiti  dappoi  e  coi  loro  avanzi  si  sono 
costituite  alcune  pensioni  semigratuite  sì  per  maschi 
che  per  femmine,  a  norma  dei  casi. 


ISTITUTI  D'iNSEGNAMENTI   SPECIALI  38 1 

Con  decreto  i4  novembre  1860  fu  istituito  un  Con- 
siglio direttivo  con  incarico  di  proporre  le  riforme  più 
opportune  alla  migliorata  condizione  dell'  arte  ed  ai 
bisogni  del  tempo;  e  il  successivo  decreto  reale  3  mag- 
gio 1 863  approvò  il  nuovo  Statuto  organico  per  que- 
sto Istituto  avente  per  iscopo  di  educare  ed  istruire 
i  sordo-muti  d'  ambo  i  sessi  e  di  preparare  maestri 
idonei  per  le  scuole  dei  sordo-muti,  mediante  una 
scuola  normale  con  un  corso  teorico-pratico  di  meto- 
dica. A  questa  scuola  sono  ammessi  tutti  coloro  che 
desiderano  apprendere  l'arte  e  i  modi  di  istruire  ed 
educare  i  sordo-muti.  Fra  gli  aspiranti  hanno  la  pre- 
ferenza i  maestri  e  le  maestre  elementari,  anche  del 
solo  grado  inferiore  ,  gli  alunni  e  le  alunne  del  2.0 
e  3.°  anno  delle  scuole  normali  e  magistrali,  e  i  licen- 
ziati negli  studi  filosofici,  cbe  intendono  abilitarsi  al- 
l' insegnamento  dei  sordo-muti.  Gli  allievi  della  scuola 
di  metodica  sono  convittori  a  posto  gratuito  od  a  pa- 
gamento, esterni,  o  semplicemente  uditori. 

In  forza  del  nuovo  Statuto  sono  conservati  i  venti- 
quattro posti  gratuiti  che  si  trovano  istituiti  a  carico 
dello  Stato.  Sedici  di  questi  posti ,  ciascuno  dei  quali 
potrà,  se  cosi  convenga,  dividersi  in  due  posti  semi- 
gratuiti, vengono  conferiti  a  giovani  sordo-muti  appar- 
tenenti a  famiglie  di  ristretti  mezzi  di  fortuna  nella 
proporzione  di  due  terzi  a  favore  dei  maschi  e  di  un 
terzo  a  favore  delle  femmine.  La  sommi  poi  corri- 
spondente all'importo  degli  altri  otto  posti  viene  con- 
vertita in  pensioui  speciali  a  favore  di  sordo-muti 
d'  ambo  i  sessi  poveri  e  di  condizioni  non  civile,  da 
collocarsi  in  altri  Istituti  del  Regno  destinati  appunto 
all'  istruziona  dei  sordo-muti  poveri. 

Nell'Istituto  si  dà  l'istruzione  elementare  dei  due 
gradi,  cioè  inferiore  e  superiore,  e  vi  si  apprende  al- 
tresì il  linguaggio  articolato  e  labbiale.  Alle  materie 
de.  due  corsi  suddetti  sono  aggiunti,  nel  grado  supe- 
riore, dei  maschi,  i  primi  elementi  di  geometria,  il  di- 


389  ISTITUTI  D'iNSEGNAMENTI    SPECIALI 

segno  lineare,  d'ornato,  di  figura,  Y  intaglio,  la  plastica 
l'incisione  in  legno;  e  per  le  femmine  il  disegno  ed 
i  lavori  donneschi.  Vi  si  dà  inoltre  l' insegnamento  gin- 
nastico e  del  nuoto. 

Il  Consiglio  d  retrivo  veglia  all'  andamento  morale 
didattico  ed  economico  e  perciò  da  esso  dipende  lutto 
il  personale  del  R.  Istituto. 

Consiglio  direttivo, 

Castiglioni  cav.  dott.  Cesare,  eletto  dal  Consiglio  co- 
munale, presidente,  ec,  vedi  pag.  ^55. 

Torrendelli  rag.  Emilio,  nff.  0,  eletto  dal  Ministero 
dell'istruzione  pubblica  vice-presid.  -  via  Stella  i3. 

Taverna  conte  comm.  Paolo,  eletto  dal  Consiglio  pro- 
vinciale, ee.,  vedi  pag.   iiq. 

Imperatori  cav.  avv.  Gio.  Balt.,  eletto  dal  Consiglio 
scolastico  provinciale,  ec. ,  vedi  pag.   i32. 

Zucchi  dott.  cav.  Augusto,  eletto  dal  Ministero  del- 
l'istruzione pubblica,  ec,  v.  pag.  197. 

Grandi  dott.  Giovanni,  segretario  -  corso  Venezia    12. 

Personale  impiegalo  nelV  Istillilo. 

Gh'slandi   sac.  Eliseo,   |||,   direttore,    membro  della 

Commissione  promotr.ee  l'edncazione  de'sordo-muti 

poveri  di  campagna  -  nel  locale  dell'Istituto. 
Ripamonti  sac.  Angelo,  catech.-nel  locale  dell'Istituto. 
Fornari   Pasquale,   maestro  della  quarta  classe,  corso 

superiore  -  via  Camminadella  14. 
Bianchi  Ambrogio,  maestro  della  terza   classe,  corso 

superiore  -  via  Torchio  7. 
Castiglioni  sac.  Antonio,  maestro  della  seconda  classe, 

corso  inferiore  -  via  Arena  8. 
Nicolussi  Giovanni,  maestro  della  prima  classe,  corso 

inferiore  -  piazza  s.  Eufemia  8. 
Lodigiani  Maria,  maestra  della  terza  classe  •  nel  locale 

dell'  Istituto. 
Cappelletti  Edvige,  idem  della  seconda  classe  *  ivi* 


ISTITUTI   D'iNSEGNAMENTi   SPECIALI  385 

Cappelletti  Ermenegilda,  maestra  della  prima  ci.  -  ivi. 
Salage'  Adele,  maestra  pei  lavori  femminili,  incaricata 
ispettrice  -  ivi. 

Maestro  di  disegno  e  di  plastica. 

Romano  Carlo,  per  ambo  i  sessi,  ec,  vedi  pag.  297. 

Maestro  di  calligrafia. 

Marelli  Luigi,  ec,  vedi  pag.  324. 

Maestro  di  ginnastica. 

Le  Comte  Maurizio,  ec,  vedi  pag.  3^5. 

Maestro  d' intaglio. 

Raimondi  Carlo  -  corso  Garibaldi  95. 

Maestro  d'incisione  in  legno. 

Zambelli  Giambattista,  ^,  premiato  con  medaglie, 
fregiato  con  quella  d'oro  dei  Merito,  socio  onorario 
di  varie  Accademie  di  belle  arti  -  via  Bollo  4» 

Maestro  di  pittura. 

Lavezzari  Silvio  -  via  Lanzone  47» 

Incaricati  assistenti  di  scuola  e  di  camerata. 

Moiraghi  Angelo  -  Gabba  Edoardo  -  Polo  Luigi  -  Grioni 
Luigi. 

Economo*  Cassiere  e  Contabile. 
Vismara  rag.  Giacomo  -  via  Torino  66. 

Medico  ordinario. 
Denaglia  dott.  Gaetano  -  via  Nerino  8. 

Chirurgo  ordinario, 
Fumagalli  dott.  Cesare,  -fc  -  via  Nerino  8. 

Dentista. 
Corbella  dott.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  357. 


384  ISTITUTI  D*  INSEGNAMENTI  SPECIALI 

Confessore  ordinario. 

Maggi  sac.  Luigi,  coadiutore  presso  la  parrocchia  di 
s.  Lorenzo, 

Guggiari  Tomaso,  bidello  portiere  -  nell'Istituto. 


COMMISSIONE  PROMOTRICE  L'EDUCAZIONE 

DEI  SORDO  MUTI  POVERI  DI  CAMPAGNA 

(Via  Monte   Napoleone  lt\.) 

Questa  pia  istituzione,  dietro  superiore  approvazio- 
ne, sorse  nell'anno  1 853.  Venne  poi  definitivamente 
riconosciuta  in  corpo  morale  col  reale  decreto  29  gen- 
najo   i863. 

Attualmente  provvede  a  58  maschi  con  uno  speciale 
ricovero  in  via  s.  Vincenzo  21,  ed  a  56  femmine  con  un 
altro  in  via  della  Chiusa  9. 

Sono  ammessi  i  fanciulli  dagli  anni  undici  ai  quin- 
dici, di  sana  costituzione  fisica,  capaci  d'istruzione, 
pei  quali  si  abbia  un  assegno,  limitato  per  quelli  della 
diocesi  di  Milano  posta  nel  Regno  d' Italia,  in  riguardo 
alle  speciali  prestazioni  ottenute,  a  cent.  /jo.  Quest'as- 
segno per  quelli  della  Provincia  di  Milano,  dietro  de- 
liberazione 25  settembre  1861,  confermata  il  5  set- 
tembre 1866,  si  corrisponde  dai  Consiglio  Provinciale. 

Pei  sordo-muti  delle  altre  provincie  non  essendovi 
sussidio  di  beneficenza  privata,  la  pensione  è  prefissa 
a  centesimi  70  al  giorno. 

Perchè  si  faccia  luogo  all'accettazione  occorre  la 
produzione  dei  seguenti  ricapiti:  a)  fede  di  nascila; 
b)  attestato  relativo  alla  cresima;  e)  idem  di  vaccina- 
zione; d)  idem  di  sana  costituzione  fisica,  e  di  bene  svi- 
luppala intelligenza;  e)  obbligazione  pel  pagamento 
della  pensione  durante  l'intero  corso  sejennale  nei 
limiti  suddetti  (questo  ricapito  non  abbisogna  pei  can- 
didati della  Provincia  di  Milano  in  vista  di  quanto  si  è 


ISTITUTI  D'iNSEGNAMENTI  SPECIALI  585 

detto  di  sopra);  f)  obbligazione  di  ritirare  il  ricoverato 
ogniqualvolta  e  per  qualsiasi  causa  venisse  rimandato. 
L'istruzione  che  si  dà  agli  allievi  è  diretta  a  svilup- 
parne le  facoltà  intellettuali,  a  fornire  le  più  necessa- 
rie cognizioni,  ad  apprendere  la  religione,  l' uso  della 
lingua  patria  collo  scritto,  colla  parola  articolata,  col- 
1* alfabeto  manuale,  all'esercizio  delle  arli  più  facili  e 
comuni.  Essa  dura  sei  anni.  —  L' insegnamento  lette- 
rario è  diviso  in  quattro  corsi,  ciascuno  dei  quali  è 
assistito  da  apposito  maestro. 

La  pia  disposizione  della  marchesa  Camilla  Besozzi  ve- 
do va  Lunati,  di  lire  cento  mila  milanesi,  verificatasi  nel 
1 854,  e  devoluta  a  questa  istituzione,  fornisce  mezzi  pel 
ricovero  gratuito  di  individui  spettanti  alla  diocesi 
di  Milano,  da  nominarsi  da  monsignore  Arcivescovo 
per  tempo,  dietro  concorso  che  si  apre  dalla  Com- 
missione. Molti  benefatlori  con  disposizioni  d'indole 
diversa  favorirono  questa  causa  pia,  la  quale  alla  fine 
del  1869  possedeva  un  patrimonio  nitido  di  italiane 
L.  575,970.  35. 

Il  nob.  Francesco  Caimi  istituì  poi  una  speciale  fon- 
dazione pei  sordo-muti  ch'ebbe  vita  col  r.  decreto 
29  agosto  1 S66  e  dipendenza  dalla  Commissione.  Le  sue 
rendite  di  circa  L.  4ooo  devono  convertirsi  ad  istruire 
i  giovinetti  monzesi  aventi  i  necessari  requisiti,  a  prov- 
vedere a  quelli  che  non  potessero  seguire  il  corso  or- 
dinario, ed  al  patronato  dei  dimessi  dalle  scuole.  Lo 
statuto  di  quest'opera  pia  fu  approvato  col  reale  de- 
creto 14  marzo   1869. 

Gli  altri  mezzi  di  cui  disponeva  nell'anno  stesso, 
consistevano,  oltre  gli  assegni  a  favore  di  ciascun  sordo- 
mulo  pattuiti  nei  ristretti  limiti  suddetti,  in  elemo- 
sine raccolte  per  una  sol  volta,  ed  in  N.  i32  azioni 
sejennali  di  annue  ital.  L.  86.  fa. 

La  Commissione  è  composta  dei  signori: 
Taverna  conte  comm.  Paolo.,  presidente,  ec,  v.  p.  129. 
Orelli  Giovanni  Stefano  -  via  Vittoria  45. 

Guida  1871  —  25 


386  ISTITUTI  D*  INSEGNAMENTI  SPECIALI 

Ghislandi  sac.  cav.  Eliseo,  ec,  vedi  pag.  382. 

Pini  nobile  cav.  Innocenzo,  ec,  vedi  pag.  1 44- 

Melzi  nob.  Lodovico  -  via  Monte  Napoleone   36. 

Taccioli  cav.  Gaetano  -  via  Pantano  i. 

Della  Somaglia  conte  cav.  Gian  Luca  -  corso  P.  Ro- 
mana i3. 

Contini  dott.  Giulio,  segretario  -  via  s.  Pietro  al- 
l'Orto 20. 

Taira  sac.  cav.  Giulio,  rettore  e  i.°  istruttore  nel  con- 
vitto maschile. 


ISTITUTO  DE' CIECHI 

{Corso  P,  Nuova  5.) 

L'ora  defunto  benemerito  cav.  Michele  Barozzi,  già 
direttore  delle  Pie  Case  di  industria  e  di  ricovero,  con 
autorizzazione  governativa  7  maggio  1809  fondava  un 
Istituto  per  T  educazione  dei  poveri  fanciulli  ciechi 
d'ambo  i  sessi,  iniziandolo  presso  la  Gasa  d'industria  a 
S.Vincenzo  il  i3  luglio  1840,  confidando  nel  concorso 
della  carità  cittadina  per  estenderne  in  seguito  il  be- 
neficio e  sostenerlo. 

Aggiuntisi  altri  allievi,  venne  nel  1841  trasferito  e 
solennemente  inaugurato  dal  card.  Arcivescovo  di  Mi- 
lano nell'  altra  più  ampia  Gasa  d'industria  a  s.  Marco, 
dove  mercè  dei  sussidii  della  carità  pubblica  ricevette 
lo  sviluppo  più  soddisfacente;  onde  divennero  insuf- 
ficienti al  bisogno  i  locali  già  fatti  angusti  e  insalubri. 

Quinci  fu,  che  il  conte  cav.  Sebastiano  Mondolfo 
alle  larghe  beneficenze,  con  cui  aveva  sempre  soc- 
corso il  nascente  istituto,  aggiunse  d'  un  tratto  quella 
delle  spese  ingenti  che  occorrevano  per  l'acquisto  e 
pei  necessarii  adattamenti  del  caseggiato  e  giard  no 
posti  lungo  il  corso  di  P.  Nuova  5,  dove  il  1  dicem- 
bre 1 855  fu  trasferito  ed  ha  ora  stabile  sede  l'Istituto 
dei  ciechi. 


ISTITUTI  D'iNSEGNAMERTI  SPECULI  38? 

Il  beneficio  della  nuova  istituzione  potè  allora  esten- 
dersi anche  ai  ciechi  estranei  alla  città  e  di  tutte  le 
provincie  italiane,  i  quali  vi  sono  ammessi  med  aule  la 
retta  di  L.  55o  annue.  Vi  si  ricevono  ciechi  d'ambo 
i  sessi  dagli  8  ai  12  anni,  evi  si  compie  in  8  anni  il 
corso  d' istruzione,  nel  quale  viene  insegnato  il  leggere, 
lo  scrivere,  l'aritmetica,  la  lingua  italiana  e  francese, 
la  storia  e  geografia,  i  lavori  manuali  adattati,  la  musica 
istrumentale,  mirando  specialmente,  quanto  ai  maschi, 
a  formarli  alla  professione  di  organisti,  già  infatti  da 
alcuni  utilmente  esercitata. 

I  fanciulli  ciechi  poveri  della  città  sono  ammessi 
gratuitamente. 

II  conte  Mondolfo  fondò  dieci  posti  a  proprie  spese 
per  altrettanti  ciechi,  dei  quali  si  é  riservato  la  nomina; 
due  sono  a  carico  della  cassetta  privata  di  S.  M.  il 
Re;  uno  di  S.  A.  R.  la  principessa  Margherita;  uno 
assunto  dalla  signora  Carolina  Prinetti;  alcuni  altri 
sono  sussidiali  annualmente  da  benefattori. 

Consiglio  e  Amministrazione  dell'  Istituto, 

Mondolfo  conte   Sebastiano,  ijjfè,  presidente  a  vita  • 

corso  Venezia  69. 
Piazza  Antonio,  ^,  consigliere  -  via  Filodrammatici  3. 
Mantovani  dott.  Pietro,  ^-,  idem  -  via  s.  Maria  alla 

Porta  1. 
Raineri  prof  Bernardo,  segretario  -  locale  dell'Istituto. 
Comaschi  avv.  Carlo,   consulente  legale  gratuito,  ec, 

vedi  pag.  208. 
Brioschi  Emilio,  ingegnere  gratuito  -  via  Senato  38. 
Soffredi  Giuseppe,  ragioniere  -  via  s.  Zeno  4» 
Figi  ni  rag.  Giovanni,  ecomomo  e  cassiere  -  nel  locale 

dell'Istituto. 
De  Ville  Giuseppe,  applicato  -  via  Orso  6. 

Personale  sanitario, 
Bonati  dott.  Antonio,  -£,  medico  consulente  -  via  §, 
Vincenzo  36. 


388  ISTITUTI  D'INSEGNAMENTI   SPECIALI 

Marchetti  cav.  Luigi,  chirurgo  oculista,  ec,  v.  p.  262. 
De  Magri  dott.  Francesco,  idem  -  via  Amedei  6. 
Bertarelli  dott.  Bernardo,  medico-chirurgo  ordinario  • 

corso  P.  Nnova   17. 

Direzione  e  Istruzione. 
Raineri  prof.   Bernardo,  predetto,  ispettore,  maestro 

principale. 
Brambilla  sac.  Vincenzo,  catechista-  via  Meravigli  7. 
Figini  rag    Giovanni,  predetto,  materie   elementari, 

slora  e  geografi',  ec. 
Branca  dott.  Carlo,  lingua  francesa-  via  Maddalena  17. 
Luvoni  Cesare,  cieco,  maestro  elementare  locale  del- 

T  Istituto. 
Boselli  Enrico,  cieco,  idem  -  ivi. 
Bellotti  Carolina,  maestra  principale  -  ivi. 
Caldirola  Maria,  maestra  elementare  -  ivi. 
Gambarini  Maddalena,  idem  dei  lavori  femminili  -ivi. 
Menegozza  Maria,  idem  -  ivi. 

Istruzione  musicale. 
Manusardi   prof.   Innocente,  pianoforte  e  canto  -  via 

Cerva  44* 
Saladino  prof.  Michele,  armonia  e  composizione  -  via 

Morone  4- 
Cavallini  prof.  Eugenio,  violino,  ec,  v.  pag.  377. 
Perelli  prof.  Giovanni,   violoncello  e  arpa  -  via  Car- 
mine 19. 
Pizzi  prof.  Francesco,  flauto,  ec,  v.  pag.  356. 
Languiller  prof.  Marco,  corno,  tromba,  trombone,  ec, 

-  via  Olmetto  8. 
Canti  prof.  Antonio,  oboe  -  via  Giardino  1. 
N.  N.,  clarinetto. 

Torriani  Antonio,  fagotto  -  via  Stella  17. 
Luvoni  prof.  Cesare,  predetto, 'contrabasso. 
Boselli  Enrico,  predetto,  elementi  di  pianoforte  -  nel 

locale  dell'Istituto. 


ISTITUTI   D*  INSEGNAMENTI   SPECIALI  38g 

ACCADEMIA  DEL  TEATRO  MILANESE 

{Corso  Vittorio  Emanuele   l5). 

L'Accademia  del  teatro  milanese  venne  fondata 
nel  giugno  del  1869.  ^a^  f^ott»  Carlo  Righetti,  ex-de- 
putato al  Parlamento  e  venne  a  sue  spese  costruita  l'e- 
legante sala  e  il  palco  scenico.  Il  teatro  è  capace  di  600 
persone,  ed  è  illuminato  da  più  dì  aoo  fiamme  di  gas. 

Nuovissimo  essendo  V  impianto,  esso  non  può  aver 
ancora  tradizioni  gloriose;  ma  quando  si  pensi  che  in 
pochi  mesi  il  repertorio  è  già  ricco  di  oltre  5o  produ» 
zioni  originali  e  nuovissime,  c'è  a  sperarne  assai  bene. 

L'Accademia  è  costituita  da  persone  le  quali  amano 
trovare  nelle  commedie  che  hanno  la  scena  a  Milano 
quei  modi  di  esprimersi  veri  e  spontanei  con  cui  a 
Milano  appunto  la  gente  d'ogni  ceto  si  esprime;  quei 
modi  che  resero  Carlo  Porta  immortale. 

Per  far  meglio  giudicare  le  produzioni  scritte  appo- 
sitamente per  essa  da  vari  autori,  fra  cui  C.  Cima,  A. 
Picozzi,  G.  Bonzanini,  G.  Duroni  e  Clelto  Arrighi,  l'Ac- 
cademia apre  le  sale  anche  al  pubblico  pagante  bi- 
glietto d'ingresso. 

Il  teatro  mlanese  nell'anno  1871  starà  aperto  al 
pubblico  continuamente  come  ogni  altro  teatro  di  pri- 
vali impresarj;  esso  fu  dotato  di  venti  palchi  che  si 
affittano  seralmente. 

L'Accademia,  composta  di  circa  100  soci,  è  retta  da 
un  direttore  e  da  uffici  pei  diversi  rami,  ed  è  presie- 
duta da  un  presidente,  da  un  vice-presidente  e  da  un 
segretario  scelti  tra  i'soci  fondatori. 

Presidenza. 

Belinzaghi  comm.  Giulio,  ex-deputato  al  Parlamento 

e  sindaco  di  Milauo,  presidente. 
Noseda  Giovanni,  vice-presidente  -  via  s.   Maria  a 

Porta  9. 
Righetti  ing.  Enrico,  segretario  -  via  Moneta  1. 


ÒQO  ISTITUTI  D  INSEGNAMENTI  SPECIALI 

Direzione. 

Righetti  dott.  Carlo,  ex- deputato  al  Parlamento  •  vi- 
colo Patlari  3. 

Commissione  pei  drammi. 

Righetti  dott.  Carlo,  predetto,  presidente. 

Marenco  prof.  Leopoldo 

Castelvecchio 

Cima  C. 

Nasoni  C.  )  membri 

Bonzanini  G. 

Tanzi  Cesare 

Picozzi  Antonio 

Amministrazione. 
Chiusi  cav.  Carlo,  cassiere,  ec,  vedi  pag.  i5o. 
Duroni  G.,  economo. 


CIVICHE  SCUOLE  POPOLARI  DI  MUSICA 

(Piazza  Mercanti  t\.) 
PER    GLI    ISTRUMENTI    A  FIATO. 

Scopo  di  questa  scuola  è  di  offrire  un  mezzo  di  edu- 
cazione alla  classe  meno  agiata  del  popolo,  e  di  pre- 
parare buoni  musicanti  per  le  bande  civili  e  militari. 

L'amministrazione  della  scuola  è  affidata  alla  Com- 
missione del  Corpo  di  musica  della  Guardia  Nazionale. 

Sono  addetti  all'  insegnamento  il  capo-musica  della 
Guardia  Nazionale,  il  vice-capo,  4  docenti  e  i  assistenti. 

Le  condizioni  per  Y  ammissione  sono  le  seguenti  : 
essere  in  età  non  minore  di  12  anni  e  non  mag- 
giore di  183  aver  superato  il  vajuolo  naturale,  o  l'in- 
nesto del  vaccino  con  buon  esito;  essere  domiciliato 
in  Milano;  essere  di  sana  e  robusta  costituzione;  saper 
leggere  e  scrivere;  essere  di  buona  condotta. 

Gli  aspiranti  subiscono  un  periodo  di  prova,  supe- 
rato felicemente  il  quale,  sono  ammessi  nella   qualità 


ISTITUTI  D'iNSEGNAMENTI  SPECIALI  3gì 

di  allievi.  Il  contributo  e  gli  oneri,  portati  dal  Regola- 
mento organico  per  gli  allievi,  sono  affatto  tenui  e  cal- 
colati in  modo  da  rendere  accessibile  la  scuola  an- 
che al  figlio  del  modesto  operajo. 

PER    IL   CANTO    CORALE. 

Questa  scuola  venne  aggiunta  alla  scuola  popolare 
di  musica  per  gli  istrumenti  a  fiato  nell'anno  1866. 

Sono  preposti  all'  istruzione  un  maestro  e  due  as- 
sistenti. Per  essere  ammesso  è  necessario  presentare 
istanza  alla  Direzione  corredata  dai  documenti  com- 
provante T  eia  non  minore  di  nove  anni  e  non  mag- 
giore di  trentacinque,  e  tutte  le  altre  condizioni  volute 
per  la  sezione  degli  islrumenti  a  fiato,  oltre  quella  di 
possedere  buona  voce  e  buona  disposizione  musicale. 

E  divisa  in  due  corsi  speciali:  Corso  popolare  per 
gli  operai;  Corso  magistrale  pei  maestri  elementari  e 
per  gli  allievi  della  scuola  normale  provinciale  maschile. 

Direzione 

Besana  cav.  Antonio,  direttore,  ec,  vedi  pag.  i83. 
Chiusi  rag.  cav.  Carlo,  segretario,  ec,  vedi  pag    i5o. 

Corpo  insegnante 

Leoni  maestro  Alberto,  dirigente  la  sezione  di  canto  co- 
rale -  via  s.  Marta  23. 

Rossari  prof.  Gustavo,  idem  degli  islrumenti  a  fiato, 
ec,  vedi  pag.  184. 

Prina  maestro  Vincenzo,  pel  canto  corale  -  via  Ruga- 
bella  io» 

Rolando  Fedele,  per  gli  istrumenti  d'  ottone  -  piccola 
imboccatura,  ec,  vedi  pag.  184. 

Biancalana Giuseppe,  idem -grande  imboccatura-  cor- 
so Magenta  29. 

Sassella  Luigi,  pei  clarini  -  via  Palla  j. 

Sassella  Grazioso,  idem  -  via  Palazzo  di  Giustizia  7. 

Tamborini  Odoardo,  pei  flauti  -  via  s.  M.  alla  Porta  12. 

Borghetti  Giuseppe,  per  la  teoria  in  ambedue  i  corsi 
-  via  s.  Sofia  12. 


5g2  istituti  d'insegnamenti  speciali 

SCUOLA  GRATUITA  DI  CANTO  PER  ADOLESCENTI 

»  (piazza  Duomo  16.) 

Questa  scuola  è  da  moltissimi  anni  aperta  a  carico 
dell'Amministrazione  della  fabbrica  del  Duomo.  Il  nu- 
mero degli  alunni  è  indeterminato^  trenta  di  essi,  fra 
soprani  e  contralti,  prestano  servizio  alla  Cappella 
della  Metropolitana. 

Boucheron  Raimondo,  direttore  -  piazza  Duomo  16. 
Garzoni  Antonio,  maestro-  via  Arcivescovado  i. 
Brenna  Eugenio,  maestro  supplente. 


ISTITUTO  DRAMMATICO  ITALIANO 

CON   SCUOLA    DI    DECLAMAZIONE   E   SCENOTECNICA 
E  TEATRO   APPOSITO   PER   AMBO    I   SESSI. 
(Corso  Vittorio  Emanuele ,  via  Pattari  3.) 

Il  fondatore  prof.  Paolo  Bordoni  in  quest'anno  lo  ha 
ampliato  e  perfezionato  associandosi  contribuenti,  pro- 
tettori e  dilettanti,  e  dà  esperimenti  e  recite  degli 
allievi  e  dei  dilettanti  coli'  intervento  di  tutti  i  soci. 

Sta  unita  una  scuola  speciale  di  lingua  e  letteratura 
italiana. 

Riceve  allievi  ed  allieve,  in  giorni  e  ore  separate, 
dell'età  di  anni  7  ai  18. 

Direttore  ed  istruttore  prof.  Genesio  Morandi. 


SCUOLE  DI  BALLO  E  DI  CANTO 

ANNESSE   AI  REGI   TEATRI. 
(Via  Filodrammatici  2.) 

Appartengono  ai  Regi  Teatri  una  scuola  di  ballo  e 
di  canto  corale,  con  appositi  regolamenti,  nelle  quali 
vengono  annualmente  istruite  circa  90  fanciulle  che 
fino  al  termine  della  loro  istruzione  rimangono  ad- 
dette ai  Regi  Teatri. 


ISTITUTI   D'iNSEGNAMENTI  SPECIALI  OqZ 

SCUOLA    DI    BALLO. 

Maestro  dirigente. 
Casati  Giovanni  -  via  s.  Margherita  22. 
Maestra  di  perfezionamento. 
Casati  Weuthier  Margherita  -  via  s.  Margherita  22. 

Maestra  di  ballo. 
Vaghi  Bisogni  Angiola  -  via  Ratti  i3. 

Ispettore. 
Ghezzi  Francesco  -  Via  Cappuccio  22. 

Assistente  sorvegliante  alla  scuola. 
Bettoja  Lavagna  Maria  -  nel  locale  del  Teatro. 
Monguzzi  Sebastiano,  inserviente. 

SCUOLA   DI   CANTO   CORALE. 

Maestro. 

Zarini  Emanuele  *  via  s.  Simone  11. 

Ispettore. 

Picasso  Antonio  -  via  Terraggio  4- 
Riganti  Giuseppe,  inserviente. 


CIVICA  PALESTRA  GINNASTICA 

[Corso  Porla  Romana  108.) 

Lomazzi  Ippolito,  incaricato  della  direzi 
pag.  35o. 


rezione,  ec,  vedi 


pag.  35g. 

PelroJini  Gustavo,  maestro,  ec,  vedi  pag.  359. 
Bardelli  Angelo,  incaricato,  ec,  vedi  pag.  33ò\ 
Fortunati  Angelo,  idem,  ec,  vedi  pag.  359. 
Martinelli  Paolo,  idem,  ec,  vedi  pag.  336. 
Ronchi  Giovanni,  idem,  ec,  vedi  pag.  539. 
Zibecchi  Luigi,  idem,  ec,  vedi  pag.  369. 
Colombo  Gaetano,  idem,  ec,  vedi  pag.  359. 
Pastore  cav.  Giovanni  Maria,  ec,  vedi  pag. 


V^v*t     rab.     ^y. 

ec,  vedi  pag.  169. 


394  ISTITUTI  D'iNSEGNAMENTI  SPECIALI 

SCUOLE  DI  NUOTO 

Bagno  di  Diana 

[Sobborgo  di  P.  Venezia  17.) 

Bagno  del  Ticino 

(Sobborgo  di  P.  Ticinese,  strada  alla  Barona  21.) 

di  Federico  Kauffmann. 
Società*  dei  Bagni  Pubblici  e  Privati 

(Via  Castelfidardo    17.) 

Consiglio  d'amministrazione. 


Mondini  rag.  cav.  Melch. 
Talti  ing.  cav.  Luigi. 
Bassi  avv.  cav.  Aless. 


Erba  Carlo. 

Chiusi  rag.  cav.  Carlo. 

Casati  rag.  Eug.,  segr.  dir. 


SCUOLA  D'  INCISIONE  IN  LEGNO 

(  Via  Bollo  4  ) 

con  esposizione  di  vignette  per  illustrazioni  tipografiche 

istituita  e  diretta  da 
Zambelli  cav.  Giovanni  Battista,  ec,  vedi  pag.  383. 


395 

SOCIETÀ'  DIVERSE 


SOCIETÀ'  DEL  GIARDINO 

(Via  s.   Paolo   10.) 

Questa  Società,  che  esiste  in  Milano  fino  dal  1793, 
ha  per  iscopo  la  conversazione  amichevole  ed  i  di- 
vertimenti. Ha  sede  in  un  proprio  palazzo,  ove  di  tem- 
po in  tempo  vengono  dati  trattenimenti  di  musica  e 
di  ballo  anche  con  invito. 

Sono  ammessi  in  questa  Società  fino  a  43o  soci; 
da  questi  possono  essere  presentali  i  forastieri  distinti 
che  arrivano  in  Milano,  i  quali,  mediante  un  viglietto 
che  rilascia  la  Direzione,  hanno  facoltà  di  accedere  alle 
sale  della  Società  per  un  mese. 

La  rappresentanza  ed  amministrazione  della  Società 
è  demandata  ad  una  Direzione  composta  come  segue: 

Direzione. 
Cereda  cav.  ing.  Carlo,  presidente,  ec,  vedipag.  209. 
Cantoni  cav.  Carlo,  vice-presidente,  ec,  V.  pag.  3 12. 
Barrai  cav.  avv.  Eugenio,  segretario  -  via  Durini  29. 
Cavajani  cav.  Francesco,  cassiere,  ec,  vedi  pag.  3i2. 

Ispettori. 


Bianchi  cav.  ing.  Giuseppe. 
Calderini  Isidoro. 
Castoldi  Carlo. 
Ponti  Giuseppe. 


Ponti  dott.  Luigi,  notajo. 
Warchex  Antonio. 
Carmine  Paolo. 
Rumi  Francesco. 


SOCIETÀ'   DELL'UNIONE 

(Via  Giardino   I.) 

Questa  Società,  costituitasi  sullo  scorcio  del  i859> 
oun  ha  altro  scopo  che  quello  di  fornire  un  luogo  di 


3g6  SOCIETÀ*   DIVERSE 

aggradevole  ritrovo  ai  soci  che  la  frequentano;  e  però 
le  sue  sale  sono  esclusivamente  dedicate  alla  lettura, 
alla  conversazione  ed  ai  giuochi  di  società. 

La  rappresentanza  e  T  amministrazione  sono  deman- 
date ad  una  Direzione  ,  composta  di  nove  soci  eletti 
in  generale  adunanza,  le  cui  mansioni  durano  per*  un 
triennio. 

Resta  nob.  cornm.  Giovanni,  presidente  -  via  Gesù  8. 
Dragoni  Emilio,  vice-presidente -via Fate-bene-fratelli. 
Belinzaghi  comm.  Giulio,  ec,  vedi  pag.  116. 
Brambilla  Pietro,  ec,  vedi  pag.  116. 
Caglio  dott.  Giuseppe  -  via  Oriani   7. 
Cicogna  conte  Gian  Pietro  -  via  Monforte  io. 
Della  Somaglia  conte  Gian  Luca -corso  P.  Romana  i3. 
Prinetti  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  31*2. 
Viscontini  Gennaro  -  via  Giardino  fó. 


SOCIETÀ'   PATRIOTTICA. 

(  Via  s.    Giuseppe  ^.  ) 

Veggasi  a  pagina  278. 


ASSOCIAZIONE  COSTITUZIONALE  DI  MILANO 

(Galleria   Vittorio  Emanuele,  scala  II). 

Nella  estate  del  1  869,  per  iniziativa  di  alcuni  citta- 
dini, la  maggior  parte  dei  quali  giovani  di  età  e  nuovi 
alla  vita  politica,  sorse  in  Milano  un  Associazione  pò» 
litica,  che  ha  per  iscopo  di  raccogliere  le  forze  del 
partilo  liberale  moderato  e  costituire  pel  medesimo  un 
centro  di  azione  e  di  influenza,  onde  promuovere  il, più 
retto  indirizzo  civile  e  politico  del  paese. 

Tale  Società,  che  si  denominò  Associazione  Costi- 
tuzionale di  Milano,  incontrò  subito  il  pubblico  fa- 
vore non  solo  in  Milano,  ma  in  tutta  Italia.  Infatti,  nel 
mentre  in  poche  settimane  raccolse  circa  a  trecento  soci 
di  tutti  i  gradi  della  cittadinanza  milanese,  numero  che 


SOCIETÀ*    D1VEBSE  3gj 

va  di  continuo  aumentando  per  le  continue  richie- 
ste delle  più  distinte  persone  d'ogni  ceto  che  desiderano 
farne  parte,  anche  fuori  di  Milano  la  influenza  del- 
la Associazione  Costituzionale  ha  cominciato  a  farsi 
sentire,  come  lo  dimostrano  le  Associazioni  costituzio- 
nali di  Prato,  di  Pavia  e  di  Cremona,  già  sorte,  ed  i 
progetti  per  consimili  Società  che  si  stanno  anche  al- 
trove effettuando. 

L'Associazione  Costituzionale   è  presieduta  ed  am- 
ministrata da  un  Consiglio,  composto  come  segue: 

Presidente, 

Oldofredi  Tadini  conte  Ercole,  senatore   del  regno  - 
via  Cernaja. 

Consiglio  d!  Àmmin is trazione. 

Anderloni  avv.  Ferdinando,  ec,  vedi  pag.  167. 
Belloni  avv.  Lodovico,  ec,  vedi  pag.  169. 
Bianchi  rag.  Calisto  -  via  Amedei  9. 
Dario  avv.  Enrico  -  via  Circo  1. 
Gatta  avv.  Lodovico,  ec,  vedi  pag.  170. 
Greppi  conte  Alessandro  -  via  s.  Antonio  12. 
Mologni  avv.  Emilio  -  via  Monte  Napoleone  34* 
Tamagni  prof.  cav.  Cesare  -  via  Solferino  25. 


SOCIETÀ'  DEGLI  ARTISTI 

{Via  Bigli  21.) 

La  Società  degli  artisti,  istituita  fino  dall'anno  i845, 
ha  per  iscopo  di  procurare  un  luogo  per  gli  arti- 
sti'eper  gli  amatori  delle  arti  belle,  a  vicendevole 
istruzione  e  ricreazione.  Apre  le  sue  sale  anche  a  se- 
rate musicali  e  di  danza.  I  pittori  e  dilettanti  di  dise- 
gno si  riuniscono  con  particolare  sottoscrizione  in  una 
sala,  ove  fanno  studii  speciali  di  disegno  di  costumi. 

Un'  altra  interna  sottoscrizione  produce  un  fondo 
con  cui  ogni  anno  si  fa  acquisto,  o  si  dà  commissione 


398  società'  diverse 

di  lavori  di'  arte,  che  poi  rimangono  ad  ornamento 
delle  sale.  Si  fanno  dagli  Artisti  delle  esposizioni  delle 
loro  opere  quando  debbono  essere  spedite  all'estero 
prima  della  pubblica  mostra  nel  palazzo  nazionale. 

Possono  i  soci  presentare  alla  Società  i  forestieri 
distinti  che  arrivano  in  Milano,  i  quali,  con  una  lettera 
che  loro  rilascia  la  Direzione,  hanno  accesso  alle  sale 
per  un  mese  continuo.  Essa  è  in  relazione  con  tutte  le 
Società  artistiche  d'Italia  e  con  quella  di  Bruxelles,  e 
i  membri  delle  medesime  hanno  libero  l'accesso  nelle 
sue  sale  per  tutto  il  tempo  della  loro  temporanea  per- 
manenza in  Milano. 

Rappresentanza  della  Società. 

Presidente. 

Reale  dott.  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  349. 

Vice^presiden  ti. 

Della  Porta  nob.  cav.  Francesco  -  corso  Venezia,  69. 
Sala  cav.  Eliseo,  ec.  vedi  pag.  291. 

Segretario. 
Albasini  avv.  Innocente,  ec,  vedi  pag.  174» 

Ragioniere 
Merati  Agostino  »  via  Castelfìdardo  io. 


ESPOSIZIONE  PERMANENTE  DI  BELLE  ARTI 

[Via  Palermo   I.) 

Questa  istituzione  venne  fondata  in  Milano  per  ini- 
ziativa di  alcuni  artisti.  Espressione  d'  un  bisogno  vi- 
vamente sentito,  essa  ha  per  iscopo  di  aprire  all'arte 
un  nuovo  e  vasto  arringo  che  dando  adito  a  larghi 
studi  e  ad  un'emulazione  feconda  e  ispiratrice,  con- 
tribuisca validamente  a  sollevare  l'arte  contemporanea 
a  più  splendidi  destini.  A  tale  scopo  la  Società  con- 


società.'  diverse  399 

tinuerà  a  porsi  in  rapporto  coi  più  celebri  artisti  d'I- 
talia e  stranieri,  con  le  molte  Accademie  e  Società  di 
belle  arti,  onde  procurare  uno  scambio  continuo  di 
opere. 

Sonvi  tre  categorie  di  soci,  e  cioè:  soci  perpetui 
che  pagano  una  volta  tanto  una  somma  non  minore  di 
L.  100,  ed  hanno  diritto  al  libero  accesso  alle  sale 
dell'  Esposizione  fino  a  che  dura  1*  istituzione. 

Soci  effettivi  quelli  che  pagano  un  contributo  an- 
nuo di  L.  20;  hannno  diritto  all'ingresso  libero  nelle 
sale  dell'  esposizione  per  sé  e  per  la  propria  famiglia, 
hanno  diritto  di  voto  nelle  assemblee  generali  che 
vengono  convocate  a  fin  d'anno  per  la  nomina  del 
Consiglio  direttivo ,  e  partecipano  all'  estrazione  dei 
premi  in  opere  d'arte  che  avrà  luogo  ogni  anno.  Sono 
obbligati  al  pagamento  per  tre  anni  consecutivi,  e  se 
non  danno  avviso  nel  primo  semestre  del  terzo  anno 
continua  il  loro  obbligo  pel  triennio  successivo. 

Soci  annuali  quelli  che  pagano  un  contributo  di 
L.  5  e  hanno  diritto  alla  visita  dell'Esposizione  in 
tutti  1  giorni  e  ore  in  cui  sta  aperta  nell'  anno. 

A  tutti  i  soci  indistintamente  viene  alla  fine  d' anno 
fatto  dono  di  una  stampa  o  fotografia. 

In  soli  10  mesi  di  vita  questa  istituzione  conta  già 
s3o  soci  effettivi,  fra  i  quali  S.  M.  il  Re,  S.  A.  R.  il 
Principe  ereditario,  S.  E.  il  prefetto  conte  Torre,  e 
il  locale  Municipio;  e  ben  3o  soci  perpetui. 

Potè  vendere  45  opere  di  pittura  e  scultura,  per 
circa  L.  33ooo,  delle  quali  alcune  vennero  inviate  a 
Vienna,  a  Londra,  a  Parigi,  a  Pietroburgo  ed  in  Ame- 
rica, e  dare  occasione  a  non  indifferenti  commissioni. 

Le  sale  dell'Esposizione  sono  aperte  tutti  i  giorni 
dalle  9  ant.  alle  5  pom.  d'inverno;  e  d'estate  dalle  8 
ant.  alle  8  pom.  Il  giovedì  sempre  fino  alle  5  pom. 

Le  sottoscrizioni  si  ricevono  presso  la  Società,  via 
Palermo  1,  e  da  Antonio  Vallardi  negoziante  di  stampe 
via  s,  Margherita. 


£00  SOCIETÀ     DIVERSE 

Rappreseti  tanza. 

Rossi  prof.  Alessandro  scultore,  direttore  -  via  Principe 

Umberto  5. 
Crippa  Luigi,  idem,  vice-direltore  -  via  Solferino  n. 
Cattadori  Giacomo,  segretario  -  Garobbio  i . 

Consiglio   direttivo. 

Rocca  Saporiti  march.  Apollinare,  presidente  -  corso 

Venezia  56. 
Mylius  Federico,  vice-presidente  -  via  Montebello  32. 
Argenti  cav.  Giosuè,  scultore  -  via  Giovasso  1 1 . 
Barzaghi  cav.  Francesco,  idem  -  via  Solferino  u. 
Bianchi  Luigi,  pittore  -  via  s.  Vittore  al  Teatro  17. 
Brambilla  cav.  G.  Battista  -  piazza  Scala  3. 
Dragoni  nob.  Emilio  -  via  Fate-bene-fratelli  7. 
Induno  cav.  Gerolamo,  pittore  -  via  s.  Primo  6. 
Mancini  nob.  Carlo,  idem  -  via  Borgo  Nuovo  9. 
Melzi  d'Eril  duca  Lodovico  -  via  Manin  s3. 
Miglioreltf  cav.  Pasquale,  scultore  -  corso  Venezia, 
Pietrasanta  Angelo,  pittore  -  via  Cerva  35. 
Sangiorgio  cav.  Abbondio,  scult.  -  Foro  Bonaparte  29. 
Steffani  Luigi,  pittore  -  via  Guastalla  3. 
Valentini  Gottardo,  idem  -  via  Fate-bene-frattelli  5. 
Mazzoleni  avv.  Angelo,  segretario  -  via  Cerva  ^2. 


SOCIETÀ'  DEL  QUARTETTO 

(Ricapito  presso  il  Segretario,  P.  Mercanti    t\.) 

Questa  Società,  costituitasi  nel  1864,  è  retta  da  uno 
statuto,  e  scopo  della  stessa  è  d'incoraggiare  i  cultori 
della  musica  classica,  con  pubblici  e  privati  esperi- 
menti e  col  mezzo  di  concorsi  a  premio. 

Dessa  è  composta  di  soci  effettivi  protettori  ed  or- 
dinari. Conta  più  di  duecento  soci,  fra  i  quali  molte 
notabilità  artistiche  d'Europa,  che  non  di  rado  pren- 
dono parte  agli  esperimenti  musicali,  che  in  numero 
non  minore  di  sei  all'anno  vengono  dati  dalla  Società. 


SOCIETÀ*   DIVERSE  401 

Presidenza. 

Prinetti  cav.  Carlo,  presidente,  ec. ,  vedi  pag.  3i2. 
Mazzucato  prof.  cav.   Alberto,  vice-presidenle,  ec, 

vedi   pag.   1 83. 
Chiusi  rag.  cav.  Carlo,  segretario,  ec,  vedi  pag.  i5o. 

Commissione  artistica. 

Alberti  conte  Francesco. 

Erba  Luigi  -  via  Marino  3. 

Pollini  prof.  Francesco  -  via  Rugabella  3. 

Pestagalli  arch.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.   1 43. 

Struth  Emilio  -  via  Brera  19. 

Sala  nob.  Marco  -  via  Bigli  22. 

Giunta  amministrativa. 

Orrigoni  nob.  Tomaso  -  via  Bagutta  12. 
Padulli  conte  Girolamo,  ec,  vedi  pag.  207. 
Pisa  Giuseppe  -  via  s.  Giuseppe  4* 
Poss  Alessandro  -  via  Giardino  5. 
Noerbel  Melchiorre  -  piazza  s.  Alessandro  2. 
Simonetta  Giulio  •  via  Borgo  Nnovo  )  o. 


SOCIETÀ'  DEL  SALONE  AI  GIARDINI  PUBBLICI 

Consiglio  di  amministrazione. 
Beretta  comm,  Antonio,  senatore  del  Regno,  presidente 

-  corso  s.  Celso  9. 
Gavazzi  cav.  Egidio,  vice-presidente,  ec,  v.  p.  283. 
Fortis  Guglielmo,  segretario,  ec,  vedi  pag.  218. 
Brambilla  Pietro,  consigliere,  ec,  vedi  pag.  n5. 
Della-Somaglia  conte  cav.  Gian  Luca,  idem,  ec,  vedi 

pag.  386. 
Gonzales  Pietro,  idem,  ec,  vedi  pag.  296. 
Trotti  marchese  Lodovico,  idem,  ec,  v.  pag.  283. 
Vanotti  ing.  cav.  Augusto,  idem,  ec,  vedi  pag.  1 44* 

Guida  1871  -—26 


4o2  SOCIETÀ*  DIVERSE 

SOCIETÀ'  ANONIMA 
PER  IL  NUOVO  TEATRO  SOCIALE 

Consiglio  d'amministrazione. 

Rocca   Saporiti  march.  Apollinare,  presidente,  ec,  v. 

pag.  210. 
Cereda  cav.  ing.  Carlo,  vice-presidente,  ec,  V.  p.  209. 
Crivelli  nob.  Luigi,  consigliere  -  corso  Venezia  32. 
Cusani  nob.  Luigi,  idem  -  via  Borgo  Nuovo  11. 
Melzi  nob.  Alessandro,  idem  -  via  Giardino  /\0. 
Pullé  conte  Leopoldo,  idem  -  via  Bigli  11. 
Mazzorin  Antonio,  idem  -  via  Montebello  3g. 
Leoni  Pietro,  segretario  contabile,  ec,  vedi  pag.  210. 


SOCIETÀ'  DI  SCHERMA  E  DI  GINNASTICA 

diretta  dal  maestro  Ezio  Galli. 
(Covso  Venezia  3 1.) 


CORPI  DI  MUSICA  PRINCIPE  AMEDEO 
ED  OPERAJ 

La  Direzione  generale  ha  sede  in  Cordusio,  17 


4o3 


BIBLIOTECA  NAZIONALE  DI  BRERA 

{Via  Brera  28.) 

La  Biblioteca  è  aperta  al  pubblico  tutti  i  giorni  dalle 
ore  9  antimeridiane  alle  5  pomeridiane.  Sono  eccet- 
tuali i  giorni  festivi,  le  ferie  dell'ultima  settimana  del 
carnevale,  quelle  dal  20  al  i(\  aprile  per  l'allestimento 
estivo,  e  le  ferie  autunnali  dal  i5  settembre  ai  4 
novembre. 

Una  Consulta  di  dotti,  eletta  dal  Corpo  del  R.  Isti- 
tuto lombardo  di  scienze  e  lettere,  del  R.  Istituto 
tecnico  superiore  e  della  R.  Accademia  scientifico-let- 
teraria di  Milano,  sopraintende  alla  Biblioteca  per 
T  acquisto  delle  nuove  opere  e  per  la  revisione  dei 
cataloghi. 

La  Biblioteca  ha  due  sale  assegnate  alla  pubblica 
lettura:  T una  per  uso  comune  dei  lettori,  e  l'altra  per 
quelle  persone  che  attendono  a  studj  continuati  e  gravi. 

La  facoltà  di  avere  libri  a  domicilio  è  riservata  ai 
membri  effettivi  del  R.  Istituto  Lombardo  di  scienze 
e  lettere;  al  direttore  ed  ai  professori  del  R.  Istituto 
tecnico  superiore  e  della  R.  Accademia  scientifico-let- 
teraria; ai  presidi,  direttori  e  professori  addetti  ai  pub- 
blici Licei,  ed  a  que'dotti  che  ne  ottengono  speciale  per- 
messo dal  Ministero  della  pubblica  istruzione. 

Non  è  concesso  portare  a  domicilio  le  opere  che 
ordinariamente  sono  consultate  dai  lettori  dei/a  Biblio- 
teca,  i  lessici,  le  opere  di  puro  divertimento  e  gli 
atlanti  concernenti  carte  geografiche  e  stampe. 

Le  opere  pericolose  al  costume  non  si  concedmo 
alla  pubblica  lettura  se  non  in  qualche  caso  particolare 
riconosciuto  dal  bibliotecario. 

Sacchi  dott.  cav.  Giuseppe,  bibliotecaru>direttore,  ec.j 
vedi  pag.  i36. 


4o4  BIBLIOTECA  NAZIONALE 

Longoni  dolt.  Luigi,  professore  di  letteratura  e  filo- 
sofia, primo  vice-bibliotecario  ec,  vedi  pag.  n5i. 

Ghiron  Isaia,  -£,  secondo  vice-bibliotecario  -  via  Borgo 
Nuovo  21. 

Gorinidott.  Gemello,  i .°  assistente  -  Foro  Bonaparte  44* 

De  Capitani  dott.  G.  B.,  2.0  idem  -  via  Cappuccio  17. 

Majocchi  Domenico,  i.°  applicato  -  corso  Garibaldi  72. 

Vullen  Federico,  2.0  idem  -  Ponte  Vetero  3o. 

Schieroni  Carlo,  i.°  distributore  di  libri  -  via  s.  Gio- 
vanni sul  Muro  27. 

Villa  Pietro,  2.0  idem  -  via  s.  Vicenzino  11. 

Pecchio  Ghiringhelli  nob.  Angelo,  3.°  idem  -  via  Mo- 
scova 27. 

Torzetti  Cipriano,  4»°  idem  -  via  Monte  Napoleone  29. 

De  Giorgi  Ern.,  5.°  idem  -  sobborgo  P.  Garibaldi  1  A. 

Ratti  Pietro,  i.°  inserviente  -  via  Brera  26. 

Ratti  Antonio,  2.0  idem  -  via  Brera  26. 


BIBLIOTECA  AMBROSIANA 

(Piazza  s.  Sepolcro  I  e  Piazza  Rosa  2.) 

Fu  fondata  dal  cardinale  Federico  Borromeo  l'anno 
1609,  con  annessavi  una  galleria  di  quadri  insigni,  di 
disegni  e  di  incisioni,  e  dal  Municipio  accresciuta  dei 
quadri  e  degli  oggetti  di  antichità  che  gli  pervennero 
pei  legati  Bolognini  e  Guasconi. 

La  direzione  della  Biblioteca  è  affidata,  per  lo  statuto 
del  fondatore,  a  due  corpi,  Y  uno  de' Dottori,  l'altro 
de*  Conservatori. 

Al  primo  spetta  la  pubblicazione  o  illustrazione  dei 
manoscritti,  salvo  il  prefetto,  che  si  occupa  dell'in- 
dirizzo della  Biblioteca ,  della  redazione  dei  cataloghi 
e  del  commercio  epistolare  coi  dotti;  al  secondo,  l' am- 
ministrazione dei  redditi.  I  Conservatori  sono  scelti 
dal  clero  urbano  ogni  cinque  anni,  ad  eccezione  del 
conservatore  della  casa  Borromeo  che,  a  preferenza,  è 
sempre  il  prelato  o,  in  mancanza  di  questo,  il  seniore 
della  famiglia,  e  vi  rimane  a  vita. 


BIBLIOTECA.  AMBROSIANA  4°5 

La  Biblioteca  per  la  lettura  è  aperta  al  pubblico 
dal  12  novembre  all'ultimo  di  agosto,  dalle  io  anti- 
meridiane alle  3,  meno  i  mercoledì  e  tutti  i  giorni  fe- 
stivi; per  la  visita  dei  forestieri  tutto  l'anno,  non  escluso 
alcun  giorno,  solo  che  nei  dì  festivi  si  apre  dall'una 
alle  tre  pomeridiane. 

Collegio  de'  Dottori. 
Ceriani  sac.  cav.  Antonio,  dottore,  prefetto,   ec.  vedi 

pag.  249. 
Biraghi  sac.  don  Luigi,  dottore  -  via  Zebedia  2. 
Crivelli  sac.  Gio.,  dottore  -  via  s.  Maria  Fulcorina  9. 
Ceruti  sac.  Antonio,  dottore  -  via  s.  Maria  Fulcorina  9. 
Calderari  sac.  nob.  Giulio,  custode  al  catalogo  -  via 

Arena  8. 
Mozzina  Giuseppe,  scrittore  -  via  s.  Nicolao  3. 
Ameìli  sac.  Guerrino,  idem  -  borgo  s.  Gottardo  65. 

Impiegati  subalterni. 
Cova  Antonio,  distributore  de' libri  e  portinajo  -  nel 

locale  della  Biblioteca. 
Richini  Lorenzo,  idem  -  via  s.  Vincenzo  8. 
Riva  Vitaliano,  idem  -  via  Lupetta  12. 
Gamberini  Carlo,  idem  -  via  Lauro  3. 

Impiegato  d' amministrazione. 
Castiglioni  rag.  Giuseppe  -  via  Signora  9. 

SOCIETÀ'  PROMOTRICE 
DELLE  BIBLIOTECHE  POPOLARI 

(  Fia    Circo  (\ .  ) 

Le  sale  vennero  aperte  il  io  febbraio  1868,  e  il  pub- 
blico può  accedervi  dalle  7  alle  9  pomeridiane  tutti  i 
giorni  non  festivi,  le  domeniche  dalle  2  alle  4?  per  la 
distribuzione  dei  libri  a  domicilio. 

Larcher  avv.  Simone,  presidente  -  via  Spiga  46. 
Corbetta  avv.  Eugenio,  \ice-presidenle,  ec,  v.  p.  n5. 


4o6 

GABINETTO  NUMISMATICO 

(Via  Brera  28.) 

Ebbe  principio  nell'anno  i8o3  presso  la  R.  Zecca 
di  Milano,  per  cura  del  celebre  archeologo-numisma- 
tico Gaetano  Cattaneo,  coi  nummi  meritevoli  di  con- 
servazione sottrattivi  alla  fusione.  Fu  costituito  in  Gabi- 
netto Reale  delle  Medagliecon  decreto  6  maggio  1 8o8, 
ed  arricchito  dopo  quel  periodo  delle  collezioni  Ga- 
ronni,  Millingen,  Anguissola,  Sanclemente,  Canonici, 
e  con  viaggi  espressamente  intrapresi.  Abbraccia  le 
classi  antiche  e  moderne  in  ogni  loro  ramo.  Era  cor- 
redato di  una  ricca  e  scelta  biblioteca  archeologica  e 
numismatica.  Fu  trasferito,  per  sovrano  decr.0  22  gen- 
naio 1 8  17,  nell'attuale  palazzo  delle  scienze  e  lettere, 
ed  aperto  allo  studio  del  pubblico,  sotto  le  discipline 
medesime  prescritte  alla  R.  B.blieteca,  colia  sorve- 
glianza e  custodia  d'un  apposito  personale,  d'  un  di- 
rettore cioè,  d'un  aggiunto,  d'uno  scrittore  e  d'un 
servente.  Con  altro  decreto  2  ottobre  i85o  vi  fu  isti- 
tuita una  cattedra  di  arcgeologia  e  numismatica,  la 
quale  colla  legge  23  novembre  1859  venne  ag8re(->a*a 
alla  R.  Accademia  scientifico-letteraria  (vedi  a  p.  264) 
Similmente  per  decreto  del  6  settembre  1 864  ^a  Bi- 
blioteca speciale  del  Gabinetto  venne  unita  alla  Bi- 
blioteca Nazionale,  ed  il  personale  fu  ridotto  al  solo 
direttore  con  un  servente. 

Biondelli  cav.  Bernardino,  direttore  e  professore  d'ar- 
cheologia e  numismatica,  ec,  vedi  pag.  248. 
Rufinati  Pietro,  servente  -  via  Brera  28. 


MUSEO  CIVICO  DI  STORIA  NATURALE 

(Palazzo  comunale)  via  Manin  2.) 

Questo  Museo,  di  fondazione  cittadina,  e  istituitosi 
coll'acquisto  fatto  delle  collezioni  già  di  proprietà  De- 
Cristoforis  e  Jan,  s'accresce  annualmente  per  le  ag- 


museo  civico  4°7 

giunte  che  vi  sì  fanno,  sia  colla  dotazione  fissata  dal 
Cornue,  sia  per  private  donazioni. 

È  aperto  al  pubblico  gratuitamente  al  giovedì  e  alla 
domenica  di  ogni  settimana.  Negli  altri  giorni  della 
settimana  si  ponno  visitare  le  gallerie  dille  io  antim. 
alle  5pom.,  mediante  un  biglietto  d'ingresso  di  cent.  5o 
che  si  dispensa  dal  portiere  del  Museo  stesso. 

Cornalia  prof.  Emilio,  -fc-,  uff.  $%,  direttore,  ec,  vedi 

pag.  238. 
Sordelli  Ferdinando,  aggiunto  -  via  Bagutta  so. 
Marinoni  dott.  Camillo,  assistente  biennale,  ec,  vedi 

pag.  256. 
Barazetti  Francesco,  preparatore  -  nel  locale. 

Besana  Luigi,  inserviente  e  custode  del  locale. 

Conservatori. 

Balsamo  Crivelli  nob.  dott.  Gius.,  ec,  vedi  pag.  236. 
Curioni  nob.  dott.  Giulio,  ec,  vedi  pag.  23y. 
Bellotti  doti.  Cristoforo  -  via  Brera  io. 
Turati  conte  dott.  Ercole  -  via  Meravigli  i3. 
Visconti  marchese  Carlo  Ermes,  ec,  vedi  pag.  i32, 
N.  N. 


MUSEO  PATRIO  D' ARCHEOLOGIA 

{Via  Brera  24.) 

Questo  nuovo  Istituto  venne  fondato  con  decreto 
reale  i3  novembre  1862.  In  esso  sono  accolti  gli  an- 
tichi monumenti  patrii  di  proprietà  dello  Stato,  del 
Municipio,  e  quelli  offerti  dai  privati.  Vi  sono  an- 
nessi gli  insegnamenti  di  archeologia  e  numismatica, 
di  storia  antica  e  moderna  e  di  letteratura  classica. 
L'amministrazione  è  affidata  ad  una  Consulta  nominata 
con  decreto  reale,  e  la  conservazione  materiale  alla 
R.  Accademia    di  belle  arti.   La    sede  del  Museo  e 


4o8  museo  d'archeologia 

del  relativo  ufficio  è  presso  la  R.  Accademia  di  belle 
arti.  La  Consulta  è  composta  come  segue  : 

Presidente. 
11  Sindaco  di  Milano. 

Presidente  delegato. 
N.  N.,  assessore  municipale. 

Consultori. 
Per  V Archeologia. 

Biondelli  cav.  Bernardino.,  prof.,  ec,  vedi  pag.  248. 
Ceriani  sac.  cav.  Antonio,  ec,  vedi  pag.  249. 
Maggi  dott.  Pietro  Giuseppe,  vedi  pag.  249. 

Per  le  Belle  Arti. 

Bertini  comm.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  290. 
Brocca  architetto  cav.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  1 43. 
Caimi  cav.  Antonio,  ec,  vedi  pag.  290. 

Per  la  Storia. 

Belgiojoso  conte  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  25o. 
Carcano  nob/comm.  Giulio,  ec,  vedi  pag.  247. 
Rossi  cav.  Francesco,  ec,  vedi  pag.  248. 

Segretario. 

Caimi  cav.  Antonio,  predetto. 

Ispettore  Economo. 

Tizzerio  Luigi,  ec,  vedi  pag.  299. 

Scrittore. 

Bardeaux  rag.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  299. 

Custode. 

Gallina  Gallo  -  nel  palazzo  di  Brera. 


4<>9 
BIBLIOTECHE  PRIVATE 

Possessori. 

Belgiojoso  fu  principe  Emilio-  piazza  Belgiojoso  2. 

Borromeo  Arese  conte  Vitaliano  -  piazza  Borromeo  7 

Bruschetti  ing.  Giuseppe,  ec.  -  corso  P.  Romana  66. 
(Archivio  storico   di  architettura   civile,  idraulica  e 
militare,  già  proprietà  del  fu  ing.  F.  B.  Ferrari.) 

Cavagna  Sangiuliani  conte  cav.  Autonio,  ec.  v.  p.  260. 
(RaccolU  di  storie  municipali  italiane  e  illustrazioni 
patrie.) 

Cavaleri  aw.  Michele  -  via  Sala  5. 

D'Adda   march.  Girolamo  -  via  Gesù  12. 

Melzi  nobile  Alessandro  -  via  Giardino  l\0. 

Rocca  Saporiti  conte  Apollinare,  marchese  della  Sfor- 
zesca, ec,  vedi  pag.  210. 

Trivulzio  march.  Gian  Giacomo  -  piazza  s.  Alessandro  4. 


GALLERII  PRIVATE  DI  QUADRI,  SCULTURE 
E  STAMPE  INCISE 

Possessori. 

Annoni  conte  Francesco,  maggiore  generale  -  corso 
di  P.  Romana  6.  (Quadri  antichi  e  moderni.) 

Arci  vescovile  (Galleria)-  nel  palazzo  dell'Arcivesco- 
vado, piazza  Fontana  2.  (Quadri  antichi.) 

Bernasconi  Giuseppe  -  via  Cerva  3i.  (Raccolta  di  qua- 
dri antichi  e  moderni.) 

Borromeo  Arese  conte  Vitaliano,  predetto.  (Quadri 
dille  migliori  scuole.) 

Brocca  Fratelli  -  corso  Vittorio  Emanuele  21.  (Quadri 
ai  ti  chi.) 

Bruschetti  Gioachimo  (eredi  di)  -  nell'Albergo  Reale 
(Quadri  antichi,  statue,  ec.) 

Gnadelli  Giuseppe  -  via  s.  Zeno  4«  (Raccolta  di 
quadri  antichi,  da   vendere.) 


4 10  GALLERIE  PRIVATE 

De  Ferrari  conte  Giulio  -  via  Monte  di  Pietà  i5, 
(Quadri  antichi  e  moderni.) 

Del  Majno  nob.  Carlo  -  via  Borgogna  3.  (Quadri  an- 
tichi. ) 

De  Bernardi  Carlo  F.  -  via  Porlezza  14.  (Raccolta  di 
quadri  antichi.) 

Fumagalli  Tiburzio  -  via  s.  Zeno  8.  (Galleria  di  quadri.) 

Litta  Modignani  marchese  Lorenzo,  ec,  vedi  p.  i58. 
(Quadri  antichi  e  moderni.) 

Malvezzi  Carlo  -  via  s.  Andrea  23.  (Deposito  di  qua- 
dri e  disegni  antichi  e  moderni.) 

Melzi  d' Eril  duca  Lodovico  -  via  Manin  23.  (Qua- 
dri antichi.) 

Poldi  Pezzoli  nobile  Giac,  ec,  vedi  pag.  297.  (Scul- 
ture e  quadri  moderni.) 

Prinelti  Costantino,  paesista  -  via  Amedei  9,  (Galleria 
di  quadri.) 

Sajago  Luigi  -  piazza  s.  Carlo  2.  (Galleria  di  quadri 
antichi  di  varie  scuole.) 

Sala  Galeazzo  -  via  Palazzo  di  Giustizia  12.  (Dipinti 
antichi  di  autori  italiani,  alienabili.) 

Sorlisi  Ambrogio  -  via  s.  Maria  Segreta  1.  (Quadri 
antichi.) 

Sormani  Andreani  conte  Alessandro,  ec,  vedi  p.  207. 
(Quadri  antichi.) 

Trivulzio  march.  Gian  Giacomo,  ec,  vedi  pag.  4<>9» 
(Stampe  e  quadri  antichi  e  moderni.) 

Verri  dottor  fisico  Vincenzo,  uff.  0  -  corso  Vittorio 
Emanuele  3i.  (Quadri  del  V  e  VI  secolo.) 

Visconti  Ajmi  marchese  Giacomo  -  via  Filodramma- 
tici 8.  (Quadri  antichi  e  moderni,  vasi  etruschi  e 
giapponesi  e  rarità  storiche.) 


4n 
MUSEI  E  COLLEZIONI  DI  STORIA  NATURALE. 

Possessori. 

Borromeo  Arese  conte  Vitaliano  -  piazza  Borromeo  7. 
(  Collezione  di  minerali  e  roccie.) 

Cernovich  Marco-  via  Fate-bene-fratelli  i3.  (Collezione 
di  conchiglie  terrestri,  fluviali  e  marine  esotiche.) 

Collezione  di  minerali  e  fossili  dell'  antico  museo  Set- 
tata, presso  la  Biblioteca  Ambr.,  ec,  vedi  p.  4°4* 

Curioni  nobile  Giulio,  ec,  vedi  pag.  237.  (Collezione 
geologica,  di  paleontologia  e  di  mineralogia  special- 
mente lombarda.) 

Gabinetto  di  storia  naturale  presso  il  R.  Liceo  Pa- 
nni, ec,  vedi  pag.  3 17. 

Galeazzi  Eredi  -  via  Conservatorio  32.  (Collezione 
d'insetti.) 

Garavaglia  Antonio  -  via  s.  Paolo  3.  (Collezione  d'  uc- 
celli d'Europa.) 

Museo  di  mineralogia  e  zoologia  presso  il  R.  Liceo 
C.  Beccaria,  ec,  vedi  pag.  3 16. 

Osculati  Gaetano  -  via  Monte  Napoleone  37.  (Colle- 
zione di  insetti  e  di  uccelli.) 

Stabile  Fratelli  -  via  s.  Maurilio  19.  (Collezione  di  mi- 
nerali, conchiglie  terrestri  e  fluviali  e  coleopteri.) 

Sloppanisac.  prof.  Antonio  ec,  vedi  pag.  238.  (Col- 
lezione di  geologia  e  paleontologia,  come  pure  di  con- 
chiglie: interinalmente  presso  il  civico  Museo.) 

Turati  conti  Ercole  ed  Ernesto  -  via  Meravigli  i3. 
(Collezione  di  oggetti  di  storia  naturale  compren- 
dente 5ooo  specie  d'uccelli,  9000  di  insetti,  6000  di 
conchiglie  marine,  terrestri  e  fluviali,  oltre  buon  nu- 
mero di  nidi  ed  uova  d'uccelli,  ed  altri  oggetti  di 
storia  naturale.) 

Turati  conti  Ercole  ed  Ernesto,  predetti.  (Ricca  col- 
lezione etnografica  dei  selvaggi  del  Napo  e  Rio  delle 
Amazzoni,  raccolta  da  G.  Osculati,  ed  altre  curiosità 
di  alcuni  popoli  dell'  Asia,  Africa  ed  Oceania.) 


4l2  MUSEI  PRIVATI 

Vassalli  Filippo  -  via  s.  Tomaso  5.  (Collezione  d*  uc- 
celli, specialmente  lombardi.) 

Villa  Antonio  e  Giovanni  Battista  -  via  Sala  6.  (Gabinetto 
di  minerali,  roccie,  fossili,  conchiglie  ed  insetti.) 


RACCOLTE  PRIVATE  DI  MEDAGLIE,  MONETE, 
ANTICHITÀ',  ec 

Possessori. 

Bertolotti  avv.  Giuseppe  -  corso  Magenta  29.  (Anti- 
chità etnische,  egizie;  greche  e  romane  in  bronzi, 
vetri,  vasi,  terre  cotte,  medaglie  romane,  imperiali, 
monete   della  Zecca  di    Milano,  autografi,  ec). 

Cavagna  Sangiuliani  conte  cav.  Antonio,  ec,  v.  p.  260. 
(Collezione  d'autografi  di  sovrani,  principi,  artisti, 
letterati,  capitani  di  ventura,  ministri,  ec;  docu- 
menti di  storia  patria,  cronache  e  manoscritti  ine- 
diti e  rari;  oggetti,  quadri  e  mobili  antichi.) 

Codara  can.  Domenico,  corrispondente  dell'  Eckeliana, 
socio  onor.  archeologo  del  R.  Istituto  delle  Marche 
in  Urbino,  perito  in  archeologia  -  piazza  s.  Naza- 
ro  7.  (Numismatica  romana  e  pontificia.) 

Gerson  Luigi  -  corso  di  P.  Vittoria  54»  (Monete  e 
medaglie  milanesi  e  d'altre  zecche,  e  copiosa  col- 
lezione di  libri  di  numismatica.) 

Morbio  cav.  Carlo  -  via  Pietro  Verri  12.  (Antichità 
romane,  cristiane  e  bizantine.  Raccolte  numismati- 
che. Capi  d'  arte  del  medio  evo  e  del  rinascimento. 
Biblioteca  di  libri  rari  e  curiosi.  Papiri  egiziani,  per- 
gamene, palinsesti,  manoscritti  inediti,  codici  e  di- 
segni. Tutte  queste  raccolte  trovansi  descritte  e  il- 
lustrate nelle  Opere  storico-nunùsmatiche  del  loro 
possessore.) 

Muoni  cav.  doti.  Damiano,  ec,  vedi  p.  23o.  (Collezione 
di  autografi  d'incliti  personaggi  dalla  metà  del  se- 
colo XV  fino  ai  nostri  giorni.  Il  gabinetto  Muoni 


MEDÀGMEBI  privati  4*3 

assembra  inoltre  buon  numero  di  pitture,  incisioni, 
monete,  medaglie,  terre  cotte,  porcellane,  pergame- 
ne, piani  di  palazzi,  di  teatri,  di  fortezze  e  di  bat- 
taglie; codici  manoscritti  originali,  scritti  cabalistici 
e  di  framassoneria  ;  opere  scientifiche,  storie  e  stati- 
stiche municipali. 

Noseda  Giovanni  -  via  s.  Maria  alla  Porta  9.  (Archi- 
vio di  musica  antica;  istrumenti  a  corda  dei  più  ce- 
lebri autori  antichi.) 

Repossi  cav.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  207.  (Monete,  me- 
daglie, ec.) 

Rusconi  Gaetano,  istoriografo.  -via  Agnello  14.  (Ga- 
binetto archeologico.) 

Seminario  arcivescovile  -  corso  Venezia  29.  (Monete, 
medaglie  ed  altri  oggetti  d'  antichità.) 

Taverna  conte  comm.  Carlo  (  Eredi),  via  Bigli  9.  (  Mo- 
nete, medaglie,  sigilli,  ec.) 

Trivulzio  march.  Gian  Giacomo,  ec. ,  vedi  pag.  ^og. 
(Medaglie,  monete,  sigilli,  nielli, cammei,  pietre  incise 
e  smalti  antichi  e  moderni,  avorii,  vetri,  bronzi  e 
marmi  antichi,  vasi  fittili,  anelli  e  monili.) 


44 


GIORNALI  SCIENTIFICI, 
LETTERARJ,  POLITICI,  UMORISTICI,  ec 

PUBBLICATI  IN  MILANO  AL  PRINCIPIO  DEL  1871. 

Almanacco  igienico  ,  compilato  dal  prof.  Paolo  Man- 
tegazza.  Libreria  Brigola  (annuale). 

Almanacco  agrario,  compilato  dal  prof.  Gaetano  Can- 
toni. Libreria  Brigola  (annuale). 

Almanacco  sanitario  ,  compilato  daU  dottor  chimico 
Giovanni  Righini.  Libreria  Brigola  (annuale). 

Almanacco  storico  d" Italia ,  compilato  dal  deputato 
Mauro  Macchi.  Editore  Natale  Battezzati  (aunuale). 

Almanacco  dei  Comìzi  Agrari,  compilato  da  Ernesta 
Margarita.  Editore  Natale  Battezzati  (annuale). 

Amico  degli  artisti  {U)3  giornale  teatrale.  Via  Larga  8 
(a  tempo  indeterminato). 

Annali  di  chimica  applicata  alla  medicina,  compilati 
dal  dottor  Giovanni  Polli.  Editori  degli  Annali  uni- 
versali. Galleria  De  Gristoforis  (mensili). 

Annali  di  matematica  pura  ed  applicala,  pubblicali 
da  F.  Brioschi  e  L.  Cremona,  in  continuazione  di 
quelli  pubblicati  a  Roma  dal  prof.  Torlolàii.  Esce 
a  fascicoli  a  tempo  indetcrminato.  Tip.  Bernardoni. 

Annali  universali  di  medicina,  compilati  dal  dottor 
Romolo  Griffóni.  Editori  degli  Annali  universali 
(mensili). 

Annali  universali  di  statistica,  compilati  da  Giuseppe 
Sacchi  e  da  varj  economisti  italiani.  Editori  suddetti 
(mensili). 

Annuario  delle  industrie  igieniche,  compilato  dal 
dolt.  Francesco  Maza.  Editore  Natale  Battezzati. 

Annuario  {Programmi  a"  insegnamento)  del  R.  Isitulo 
tecnico  superiore  in  Milano.  Stamperia  Reale. 

Annuario  (Programmi  dy insegnamento)  dell'  Istituto 
tecnico  di  s.  Marta.  Tip.  Bernardoni, 


GIORNALI   E  PERIODICI     -  4*5 

Annuario  scientifico-industriale.  Editore  E.  Treves, 
via  Solferino  1 i. 

Annuario  statistico  del  Regno  d'Italia,  compilato  dal 
rag.  Angelo  Dell'Acqua.  Regia  Stamperia. 

Annuario  filosofico  del  libero  pensiero,  Libr.  Brigola. 

Apicultore  (L').  Tip.  del  Patronato.  Giornale  dell'as- 
sociazione centrale  d'incoraggiamento  per  l'apicol- 
tura in  Italia  (mensile). 

Archivio  italiano  per  le  malattie  nervose  e  pili  parti* 
colarmente  per  le  alienazioni  mentali,  diretto  dai 
dottori  Andrea  Verga,  Cesare  Gastiglioni  e  Serafino 
Biffi.  Via  Pietro  Verri  *2.  Tip.  Rechiedei  (ogni  due 
mesi). 

Atti  dell'  Accademia  fisio-medko- statistica.  Via  s.  To- 
maso 6  (mensili). 

Atti  dell'ateneo  di  Milano.  Tip.  Guglielmini  (a  tempo 
indeterminato). 

Atti  dei  Congressi  dei  docenti  veterinarj  d'Italia.  Tip. 
Vitale  (annuali). 

Atti  dei  Congressi  pedagogici  italiani.  Tip.  sociale,  di- 
retta da  Lodovico  Bortolotti  (annuali). 

Alti  del  Consiglio  provinciale  di  Milano.  Stamperia 
Reale  (annuali). 

Atti  dei  Ginnasi  e  Licei  di  Milano.  Segreterie  dei 
Ginnasi  e  Licei  (quattro  diverse  pubblicazioni  an- 
nuali). 

Atti  della  fondazione  scientifica  Gagnola  (pubblicati  dal 
R.  Istituto  Lombardo  di  scienze  e  lettere).  Libreria 
Brigola.  Tip.  Bernardoni  (a  tempo  indeterminato). 

Alti  del  Municipio  di  Milano.  Tip.  Pirola  (annuali). 

Atti  della  R.  Accademia  di  belle  arti  di  Milano.  Stam- 
peria Reale  (annuali). 

Atti  della  Società  d  incoraggiamento  delle  arti  e  dei 
mestieri.  Tip.  Bernardoni  (annuali). 

Atti  della  Società  italiana  di  scienze  naturali.  Tip. 
Bernardoni  (a  tempo  indeterminato). 

Alti  del  Collegio  degli  ingegneri  ed  architetti  in  Mi" 
lano  (quadrimestrale).  Tip.  degli  Ingegneri. 


4l6  GIORNALI  fi  PERIODICI 

Bazar  (II).  Giornale  illustrato  delle  famiglie,  via  Pie- 
tro Verri  i3  (mensile).  F.  Garbini  direttore  pro- 
prietario. 

Biblioteca  del  Pungolo >  giornale  ebdomadario  di  ame- 
ne letture  (settimanale.)  Tip.  Rechiedei. 

Bilanci  della  Commissione  centrale  di  beneficenza  3 
amministratrice  delle  Casse  di  risparmio  di  Lom- 
bardia. Tip.  Bernardoni  (annuali). 

Bilanci  consuntivi  della  Congregazione  di  Carità  di 
Milano.  Tip.  G.  Agnelli  (annuali). 

Bilanci  consuntivi  degli  Istituti  Ospitalieri  di  Milano. 
Tip.  Manini  (annuali). 

Bilanci  consuntivi  della  Società  di  mutuo  soccorso 
contro  i  danni  della  grandine.  Tip.  Manini  (annuali). 

Bu  llettino  dell'  Associazione  farmaceutica  lombarda, 
via  Ambrosiana  22   (mensile).  Tip.  Albertari. 

Bullettino  della  Prefettura  di  Milano.  Esce  una  volta 
al  mese.,  il  28.  Tip.  Agnelli. 

Bullettino  degli  Atti  deW  Accademia  dei  Ragionieri  (a 
tempo  indeterminato). 

Bullettino  di  notizie  statistiche  italiane  e  straniere  e 
delle  più  importanti  invenzioni  e  scoperte  o  Pro- 
gres  so  dell'industria  e  delle  utili  cognizioni^  compi- 
lato da  Giuseppe  Sacchi.  Editori  degli  Annali  uni- 
versali (mensile). 

Bullettino  mensuale  della  Società  di  mutuo  soccorso 
fra  gli  insegnanti.  Tip.  Raspi. 

Bullettino  dell*  agricoltura.  Si  pubblica  per  cura  della 
Società  agraria,  la  mattina  d'ogni  sabato.  Tip.  del 
Riformatorio  Spagliardi. 

Conferenze  pedagogiche  d*  Italia  (Le),  periodico  di- 
retto dal  prof.  Giulio  Marconi.  Tip.  di  G.  Agnelli 
(due  volte  al  mese). 

Consultore  deiMunicipii(Il).  Tip.  Civelli  (settimanale). 

Contabile  delta  Famiglia  (II),  diario.  Libreria  Savallo, 
via  s.  Paolo  7. 

Corriere  delle  Dame:  testo  e  figurino,  foglio  di  mo- 
delli e  ricami.  Via  Pietro  Verri  12  (settimanale). 


GIORNALI  E  PERIODICI  4*7 

Corriere  di  Milano,  politico  letterario.  Tip.  E.  Tre- 
ves,  via  Solferino   11  (quotidiano). 

Cosmorama  pittorico,  giornale  letterario,  artistico  tea- 
trale,, via  Clerici  8.  Tip.  G.  Alberti  (settimanale). 

Costumi  del  giorno ,  giornale  di  mode,  lettere,  teatri, 
industria,  arti  e  mestieri,  edit.  Bart.  Saldini,  via  Lu- 
petta  9  (due  volte  al  mese).  Tip.  degli  Ingegneri. 

Cronaca  legislativa,  estratta  dal  Monitore  dei  Tribu- 
nali. Tip.  Rechiedei  (settimanale). 

Don  Marzio,  giornale  letterario,  artistico,  teatrale.  Via 
Brisa  i5  (tre  volte  al  mese). 

Educatore  italiano  {L').  Giornale  dell'Istituto  di  mu- 
tuo soccorso  fra  gli  istruttori  ed  educatori  d'Italia, 
diretto  da  Ignazio  Cantù.  Tip.  Givelli  (settimanale). 

Effemeridi  astronomiche  di  Milano.  Presso  il  R.  Os- 
servatorio. Stamperia  Reale  (annuali). 

Emporio  pittoresco  (£/)  e  V  Illustrazione  universale,  riu- 
niti, giornale  illustrato  settimanale,  editore  E.  Son- 
zogno,  via  Pasquirolo  14. 

Euterpe  (£').  Giornale  musicale,  settimanale.  Tipogr. 
G.  Alberti. 

Fama  {La).  Rassegna  di  scienze,  lettere,  arti,  industria 
e  teatri.  Via  Durini  3i  (settiman.)  Tip.  Guglielmini. 

Frusta  teatrale  {La).  Via  Sala  io  (ogni  dieci  giorni). 

Gas  {II),  periodico  scientifico-industriale.  Gilardini  in 
gegnere  Gaspare,  direttore.  Tip.  degli  Impiegati, 
(una  volta  al  mese). 

Gazzetta  dei  Forestieri,  giornale  commerciale  (due 
volte  la  settimana).  Tip.  Golio. 

Gazzetta  medica  italiana  —  Lombardia  —  compilata  dal 
dott.  professor  Gaetano  Strambio.  Tip.  Rechiedei 
(settimanale). 

Gazzetta  di  Milano,  politico.  Tip.  della  Gazzetta,  via 
s.  Pietro  all'Orto  18  (quotidiano). 

Gazzetta  dei  Teatri.  Via  Spiga  16  (settimanale). 

Gazzetta  musicale  di  Milano.  Direttore  Giulio  Ricordi, 
redattore  Ghislanzoni.  Tip.  Ricordi  (settimanale). 
Guida  1871  —  27 


4  I  8  GIORNALI  E   PERIODICI 

Gazzettino  rosa  (II),  giornale  del  buon  genere  mila- 
nese. Via  Pietro  Verri.  Tip.  Golio. 

Giardini  (I),  giornale  d'orticoltura,  redatto  da  un  An- 
to filo,  presso  B.  Saldini  -  Tipogr.  degli  Ingegneri 
(mensile). 

Giornale  delle  famiglie.  Via  Pietro  Verri  12  (due  volte 
al  mese). 

Giornale  delle  fanciulle.  Via  Pietro  Verri  12  (mensile). 

Giornale  dei  sarti.  Via  Pietro  Verri  12  (mensile). 

Giornale  italiano  delle  malattie  veneree.  Tip.  Rechie- 
dei  (mensile). 

Giovine  Municipio  (//).,  giornale  politico,  amministrativo 
e  di  giurisprudenza  provinciale  e  comunale  (setti- 
manale.) Tip.  Pirola. 

Giro  del  mondo  (//),  giornale  di  viaggi.  Tip.  E.  Tre- 
ves,  via  Solferino  1 1  (settimanale). 

Giudice  conciliatore  (II).  Tip.  Rechiedei. 

Igea  (LJ),  giornale  d'igiene  e  medicina  preventiva,  di- 
retto dal  prof.  cav.  Paolo  Mantegazza.  Tip.  Rechie- 
dei (due  volte  al  mese). 

Illustrazione  popolare  (V).  Tip.  E.  Treves  (due  nu- 
meri per  settimana). 

Indicatore  Milanese  (£' ),  foglio  d'annunci.  Vicolo 
Foro  3  (settimanale). 

Indispensabile  (L?),  cronaca  internazionale  (due  volte 
al  mese).  Tip.  Givelli  Emilio  e  G. 

Industria  e  il  commercio  d'Italia  (Z/).  Giornale  setti- 
manale agrario,  industriale  e  commerciale.  Tipogra- 
fia Civelli. 

Industria  nazionale  (V).  Giornale  dei  lavoratori  con- 
sociati per  il  risorgimento  dell'  industria  nazionale 
(settimanale.)  Tip.  della  Società  cooperativa. 

Industriale  (//),  giornale  Mensile.  Tip.  Sole,  -  via  Ro- 
magnosi  1. 

Italia  agricola  (L').  Giornale  dedicato  al  miglioramento 
morale  ed  economico  delle  popolazioni  rurali  (esce 
ogni  quindici  giorni.)  Tipografia  Rechiedei. 


GIORNALI  E  PERIODICI  4f9 

Libero  pensiero  (II).  Giornale  dei  razionalìsli  (setti- 
manale). 

Lombardia  (La) ,  giornale  ufficiale  della  Lombardia. 
Galleria  Vittorio  Emanuele. 

Lombardo  (II),  giornale  politico-quotidiano.  Tipogra- 
fìa Rechiedei. 

Manuale  degli  amministratori  comunali  e  provinciali. 
Tip.  Pirola  (a  tempo  indeterminato). 

Memorie  della  Società  Italiana  di  scienze  naturali. 
Tip.  Bernardoni  (a  tempo  indeterminato). 

Memorie  del  R.  Istituto  Lombardo  di  scienze  e  lettere. 
Classe  di  scienze  matematiche  e  naturali;  Classe  di 
lettere  e  scienze  morali  e  politiche.  Libreria  Brigola, 
tip.  Bernardoni  (a  tempo  indeterminato). 

Messaggiere  Lombardo,  foglio  d'annunci.  Vicolo  della 
Galleria  i.  Tip.  Guglielmini. 

Moda  (La).  Via  Pietro  Verri  11  (settimanale). 

Mondo  artistico  (II),  giornale  teatrale  settimanale.  Tip. 
G.  Alberti. 

Monitore  degli  impiegati.  Dirett.  G.  B.  Stampa,  galle- 
ria Vittorio  Emanuele  33,  scala  i5.  Tip.  della  So- 
cietà anonima,  diretta  da  L.  Bortolotti. 

Monitore  dei  collegi-convitti  (II),  bollettino  ufficiale 
dei  convitti  nazionali,  provinciali,  comunali  e  pri- 
vati, maschili  e  femminili,  diretto  da  Bartolomeo 
Corbolini.  Tip.  Wilmant  (esce  ogni  quindici  giorni). 

Monitore  dei  teatri  (II),  giornale  teatrale,  con  annessa 
agenzia  drammatico-musicale.  Piazza  s.  Maria  Bel- 
trade  1.  Direttore  dott.  Luigi  Enrico  Tettoni. 

Monitore  dei  Tribunali,  giornale  di  legislazione  e 
giurisprudenza  con  una  Cronaca  legislativa.  Tip.  Re- 
chiedei (settimanale). 

Municipio  italiano  (II).  Rivista  amministrativa  milanese. 
Tip.  P.  Agnelli,  via  Pietro  Verri  16  (bimensile). 

Novità  (La),  giornale  delle  signore,  edit.  E.  Sonzogno, 
via  Pasquirolo  14  (settimanale). 

Osservatore  cattolico  (//),  giornale  politico  quotidiano». 
Via  D  urini  5. 


420  GIORNALI  E  PERIODICI 

Palestra  letteraria,  scientifica,  artistica  (La),  Rivista 
periodica  diretta  da  Luigi  Perelli,  vedi  pag.  255. 
Tip.  Lombardi  A. 

Patria  e  Famiglia,  giornale  dei  congressi  pedagogici 
italiani.  Via  Pesce  33.  (bimensile). 

Perseveranza  (La),  politico.  Tip.  della  Perseveranza, 
via  Pasquirolo   Vi  (quotidiano). 

Piccolo  Corriere  (Il)j  monitore  settimanale  delle  mode. 
Tip.  Borroni. 

Politecnico  (11),  giornale  dell'ingegnere  architetto  ci- 
vile ed  industriale.  Tip.  degli  Ingegneri,  via  Lu- 
petta  j  (mensile). 

Progresso  (fi)  della  associazione  nazionale  degli  asili 
rurali.  Bullettino  dell'associazione  (mensile). 

Pungolo  (II),  politico,  diretl.  e  propr.  L.  Fortis.  Tip. 
Rechiedei  (quotidiano). 

Regolatore  amministrativo  (II),  monitore  teorico-pra- 
tico d'amministrazione  politica,  comunale,  privata, 
leggi,  scienze,  notizie.  Tip.  Civelli  (a  tempo  inde- 
terminato). 

Rendiconti  dell*  Istituto  de*  Sordo-Muti  di  Milano. 
Presso  la  Direzione  dell'  Istituto  (annuali). 

Rendiconti  dell*  Ospedale  Maggiore  di  Milano.  Presso 
la  Direzione  dell'  Ospedale  (annuali). 

Rendiconti  del  Manicomio  provinciale  la  Senavra, 
Presso  la  Direzione  del  Manicomio  (annuali). 

Rendiconti  del  R.  Istituto  Lombardo  di  scienze  e  let- 
tere. Libreria  Brigola.  Tip.  Bernardoni  (due  volle 
al  mese). 

Ricamatrice  (La).  Vedi  Giornale  delle  famiglie. 

Rivista  di  medicina^  di  chirurgia  e  di  terapeutica,  pel 
dott.  Soresina.  Tipografia  della  Società  cooperativa 
(mensile). 

Rivista  settimanale  di  bachicoltura.  Libr.  Brigola. 

Romanziere  illustrato  (II),  edit.  E.  Sonzogno,  via  Pa 
squirolo  1 4  (settimanale). 

Scienza  del  popolo  (La).  Tip.  E.  Treves  (settimanale). 


GIORNALI  E  PERIODICI  421 

Secolo  (II))  politico,  editore  Edoardo  SonzognO,  via 

Pasquirolo  i4  (quotidiano). 
Sole  (II),  giornale  commerciale.  Via  Romagnosi  i    (si 

pubblica  tutti  i  giorni  di  Borsa.) 
Solenni  distribuzioni  elei  prenìj  agli  alunni  ed  alunne 

delle  scuole  comunali  serali  e  festive  (annuali).  Tip. 

Pirola. 
Spirito  Folletto  (Lo),  umorisuco-illustrato,  edit.  E.  Son- 

zogno,  via  Pasquirolo  14  (settimanale). 
Tesoro  delle  famiglie  (II),  giornale   mensile  istruttivo 

e  di  moda,  edit.  E.  Sonzogno,  via  Pasquirolo  14. 
Toeletta  dei  fanciulli  (La).  Tip.  Lampugnani  (mensile). 
Tribuna  (La),  giornale  d'  annunzi  per  1*  industria   ed 

il  commercio  ec.  Edit.  D'Apel. 
Trovatore  (II),  giornale    teatrale.  Tipogr.  Rechiedei 

(settimanale). 
Unità  italiana  (L*),   politico.   Tip.  Sociale,  via   (Di- 
metto 21  (quotidiano). 
Universo  illustrato  (Lf).  Giornale  per  tutti.  Esce  ogni 

domenica,  via  Solferino  11.  Tip.  edit.  E.    Treves. 
Via  del  Progresso  (La),  giornale  industrale  mensile. 

Enrico  Foa,  dirigente,  via  s.  Antonio  4- 


4*22 

UFFICIO  DI  RISCONTRO  DELLA  CORTE  DEI  CONTI 


DIREZIONE  DEL  DEBITO  PUBBLICO 


CASSA  DEI  DEPOSITI  E  DEI  PRESTITI. 

Questi  tre  Uffici ,  che  avevano  sede  ih  via  Monte 
Napoleone  11,  vennero  soppressi  e  compenetrati  nelle 
Direzioni  generali,  restando  in  Milano  una  sola  Sezione 
presso  gli  Uffici  di  Prefettura. 


UFFICIO  DEL  CONTENZIOSO  FINANZIARIO 

(Fin  Broletto  17.) 

Direttore 

Valentini  avv.  Arcangelo,  uff.  ìjjfè  e  -£  -  via  Crocifisso  8. 

Sostituiti* 

Colombo  avv.  Gaetano,  ^  -  via  Durini  3i. 
Rodella  avv.  Domenico  -  via  s.  Eufemia  i5. 
Cuniali  avv.  Edoardo  -  via  Ciovasso  4* 
Bonomi  avv.  Giuseppe  Antonio  -  via  Monforte  io. 
Leoni  avv.  Gio.  Batt.  -  via  Bocchetto  6. 

Sostituito  Procuratore 

Casanova  avv.  Federico  -  via  Medici  11. 

Uditori  gratuiti. 

Pedetti  avv.  Carlo  -  via  Monforte  18. 
Vendramini  dott.  Francesco  -  via  s.  Eufemia  i3. 
Bianco  dott.  Giovanni  -  via  s.  Eufemia  i3. 
Gittardi  dott.  Carlo  -via  Clerici  i5. 
Viganoni  dott.  Giuseppe  -  via  Gesù  3. 


UFFICIO  DEL   CONTENZIOSO  FINANZIÀRIO  /\2$ 

applicati. 

Pessani  Francesco,  di  i  ci.  -  via  Gian  Giacomo  Mora  9. 
Rusconi  Giovanni  Battista,  idem  -  via  Medici  11, 
Moneta  Vittorio,  di  2.  ci.  -  corso  Garibaldi  78. 
Albani  Francesco,  idem  -  via  Meravigli  io. 
Rodriguez  Carlo,  di  3  ci.  -  via  Cappuccini  i5. 

Portieri, 

Biglia  Luigi  -  Foro  Bonaparte  12. 
Manzoni  Giovanni  -  borgo  Ortolani  11. 


GIUNTA  DEL  CENSIMENTO  DI  LOMBARDIA. 

(Piazza  s.  Fedele  2.) 
DIREZIONE. 

Direttore. 
Chiesa  dott.  Filippo,  uff.  ^  e  ^  •  via  Lanzone  1 0. 

Consiglieri. 
Gene  dott.  Massimiliano,  ^  -  corso  s.  Celso  i3. 
Del  Majno  march.  Lorenzo,  uff.  ^  »  corso  Porta  Ro- 
mana 17. 
Pizzagalli  Giovanni,  comm.  ^  ed  uff.  •%-. 

Procura  fiscale. 

Cameroni  Giovanni,    dottore    in   legge,   procuratore 
fiscale  -  corso  s.  Celso  i5. 

Segreteria 

Mozzoni  nob.  dott.  Giovanni,  fa  segretario  capo  -  via 

Massimali  Pietro,  vice-segretario  -  via  Montebello  27. 

Ragioneria 

Peccliio  Carlo,  capo  del  Dipartimento  dei  conti  -  via 
s.  Sisto  12. 


4^4  giunta  del  censimento  di  lombardi! 

Collegio  degli  ingegneri  periti. 

Caueva  ing.  Antonio,  Ojfè,  e  -£,  ff.  di  capo  del  Colle- 
gio -  via  Solferino   12. 
Bonze  Antonio,  ^,  perito  -  piazza  s.  Nazaro  25. 
Macchi  ing.  Luigi,  idem  -  via  Lanzone  5. 
Lamberti  ing.  Ascanio,  idem  -  via  s.  Vito  21. 
Nosetti  ing.  Giulio,  idem  -  via  s.  Marta  i3, 

Archivio  catastale. 

Magni  Giuseppe,  archivista  -  via  s.  Paolo  i4» 
N.  N.,  aggiunto. 

Uffici  d'ordine. 

Broglio  cav.  Giuseppe,  dirigente  e   ff.  d'  economo  - 
piazza  s.  Fedele  2. 

CancellistL 
Regondi  Antonio  -  via  Mulino  delle  Armi  39. 
Conti  rag.  Pietro  -  via  Torino  5i. 
Bosisio  Filippo  -  via  s.  Vicenzino  1. 
Cherubini  Adeodato  -  via  Manara  2. 
Pinchetti  rag.  Odoardo,  ec,  vedi  pag.  168. 
Colomba  Ulisse  -  via  Rastrelli  2. 
Amati  Marco  -  via  Spiga  4. 
N.  N. 

Oltre  il  necessario  personale  a  diurno,  per  la  parte 
tecnica  di  esecuzione,  composto  d'ispettori  censuarj, 
di  commissarj  ed  aggiunti  stimatori,  di  disegnatori, 
calligrafi  e  contabili ,  a  seconda  dei  bisogni  di  servizio. 


INTENDENZA  PROVINCIALE  DELLE  FINANZE 

(Via  Broletto  17  e  via   Giù  lini  6.) 

Intendente. 

Cacciamali  dott.  Luigi,   comm.   §  e  •)(-  •   via  Borgo 
Nuovo  23. 


INTENDENZA   PROVINCIALE  DELLE  FINANZE  t\l5 

Primi  Segretarj. 
Comolli  dott.  Giuseppe,  0  -  via  Lanzone  .28. 
Enrico  Gaspare,  ^  -  via  Bocchetta  6. 
Giorcelli  Ferdinando  -fc-  -  nel  locale  Broletto. 

Segretarj. 
Manusardi  avv.  Paolo  -  via  s.  Sisto  3. 
Garibaldi  Carlo  -  via  Gorani  5. 
Grassi  Cesare  -  CC.  SS.  P.  Tenaglia  5. 
Marinoni  Pietro  -  piazza  s.  Ambrogio  2. 
Arrigoni  Antonio  -  via  Ponlaccio  i5. 
Oggioni  Pietro  -  via  Torino  64. 

Negri  di  Sanfront  cav.  Carlo  Alberto  -  Via  Torino  5j. 
Mascheroni  Francesco  -  via  Gian  Giacomo  Mora  9. 
Barlesaghi  Carlo  -  via  Disciplini   18. 

Vice  Segretarj. 
Mustorgi  Demetrio,  ^  -  piazza  s.  Simpliciano  2. 
Cabiati  dott.  Ottavio  -  via    Borromeo  9. 
Ghislanzoni  Luigi  -  via  s.  Vittore  11. 
Forghieri  Eugenio  -  borgo  s.  Gottardo  67. 
Tibaldi  Achille  -  via  Cerva  16. 
Troise  avv.  Giovanni  -  via  Stella  29. 
Rosnati  dott.  Cario  -  via  Borgo  Nuovo  18. 
Camocini  Andrea  •  corso  Magenta  68. 
Vasselli  Cesare  -  via  Palestro  12. 
Peregrini  avv.  Alfredo  -  via  Sala  8. 
Lampugnani  dott.  Ernesto  -  via  Moscova  00. 
Moroni  Giuseppe  -  via  Meravigli  i5. 

Primo  Ragioniere. 
Parravicini  nobile  Giovanni  Battista  -  via  Giulini  6. 

Ragionieri. 
Bona  Giuseppe  -  via  Durini  20. 
Macchi  Michele  -  via  s.  Sisto  16. 
Locatela*  rag.  Ernesto  -  via  Rovello  i5. 
Zuccoli  ragioniere  Luigi  -  via  s.  Vicenzino  8. 


426  INTENDENZA  PROVINCIALE   DELLE  FINANZE 

Computisti. 

Crotti  Ferdinando  -  vìa  Spiga  g. 

Galli  Luigi  -  corso  s.  Celso  9. 

Ghellio  Filippo  -  bastioni  P.  Garibaldi  1, 

Galla vresi  Carlo  -  via  Rastrelli  22. 

Nicolini  Pietro-  via  s.  Simone    17. 

Gorini  Federico  -  via  Giardino  3i. 

Campari  Giovanni  -  via  Crocifisso  io. 

Rota  Francesco  -  piazza  s.  Simpliciano  i. 

Lampugnani  nob.  Carlo  •  via  Fate-bene-fratelli  ai  , 

Pozzi  Luigi  -  piazza  Vetra  9. 

Azara  Raffaele  -  via  Pesce  7. 

Rossi  Alessandro  -  via  Boschetti  1. 

Da  mia  Pasquale  -  via  Vittoria  21. 

Viola  Pietro  Ercole  -  via  s.  Pietro  in  Gessate  16. 

Biffi  Carlo  -  via  Moscova  36. 

Lizier  Vincenzo  -  via  Durini  5. 

Oberto  Giuseppe  -  via  Brisa  9. 

Vigoni  Gio.  Batt.  -  via  Terraggio  16. 

Archivista. 
Ferrano  Francesco  -  via  Spiga  8. 
Protocollista. 
Borgonovo  Angelo  -  corso  Venezia  12. 

Speditori. 
Ferrano  Giovanni  -  via  Porlezza  14. 
Mazzucchelli  Edoardo  -  corso  Venezia  27. 
Pojagbi  Antonio  -  via  Ore  1. 
Uda  Felice  -  via  Ancona  6. 

Fattorini  Eugenio  -  via  s.  Giovanni  in  Conca  4» 
Cerini  Adolfo  -  corso  Porta  Nuova  20. 
Scalfi  Rodolfo  -  via  Moscova  27. 
Benzoni  Pompeo  -  CC.  SS.  P.  Venezia  4» 

Volontari  della  carriera  inferiore. 
Bertani  Vincenzo  -  al  dazio  di  P.  Garibaldi. 


INTENDENZA  PROVINCIALE  DELLE  FINANZE  4^7 

Crema  Giuseppe  -  CG.  SS.  P.  Garibaldi  i. 
Pessani  Enrico  -  via  Gian  Giacomo  Mora  6. 
Sangaletti  Generoso  -  via  Fabbri  li. 

Uscieri, 

Consonni  Giuseppe  -  CC.  SS.  P.  Tenaglia  2i3. 

Montoffano  Giovanni  -  via  Giulini  6. 

Leoni  Giovanni  -  CC.  SS.  P.  Vittoria  5. 

Torrani  Luigi  -  via  Borgo  Spesso   i5. 

Rossi  Giosuè  -  via  Olmetto  12. 

Ceruti  Carlo,  inserviente  -  borgo  Ortolani  1  o. 


Ispettori  demaniali, 

Chiabrera  Giacomo.,  ^,  I  circolo  Milano. 
D'Alberti  Serafino,  %,  II  idem. 
Altomare  Carlo,  III  idem. 
Sconfietti  dolt.  Antonio  -  Lodi. 
Cuneo  Benedetto  -  Busto  Arsizio. 
Gerosa  Giuseppe,  %  •  Monza. 
Vigna  Giacomo  -  Abbiategrasso. 

Ispettore  compartimentale  del  Catasto, 

Tarantola  ing.  Abele,  %  -  via  s.  Damiano  20. 

Ispettore  provinciale  delle  Imposte  dirette. 

Villa  ing.  Paolo,  %  -  via  Pasquirolo  18. 

Sezione  tecnica  pel  Catasto, 

Sioli  Carlo,  ingegnere  -  via  Solferino  11. 
Prevosti  Angelo,  computista  -  via  s.  Giovanni  sul  Mu- 
ro 37. 
Lamperti  rag.  Girolamo,  idem  -  via  Nirone  2. 
Villa  Giovanni  Battista,  idem  -  via  Pietro  Verri  18. 
Giroldi  Giovanni,  idem  -  via  Lanzone  26. 
Comi  Carlo,  idem  -  via  s.  Maria  Podone  3. 
Manzoni  Pietro,  idem  -  via  Passarella  5. 
Zuccoli  Augusto,  disegnatore  -  via  s.  Vito  3. 


4^8  INTENDENZA   PROVINCIALE  DELLE   FINANZE 

Personale  straordinario 
in  servizio  dell'Asse  Ecclesiastico. 
Quaglia  ing.  Cesare  (appartenente  al  Censo  Lombar- 
do) -  Verziere   18. 
Fornara  ing.  Federico,  idem  -  via  Crocifisso  6. 

Ufficio  tecnico  per  la  tassa  sul  Macinato, 
(Personale  straordinario) 
Ausenda  ing.  Alessandro  -  corso  Venezia  84- 
Colombo  ing.  Luigi  -  via  s.  Vittore  al  Teatro  ig, 
Orlandi  ing.  Enrico  -  borgo  Ortolani  2. 
Cerati  ing.  Carlo  -  via  Pesce  at. 

Tesoreria  della  Provincia. 
Ghislanzoni  Acbille,  ìjfé,  tesoriere  -  via  Giardino  3i. 
Castiglioni  Giuseppe,  agg.  di  cassa  -  via  s.  Maria  Ful- 

corina  i. 
Riva  Francesco,  commesso  -corso  P.  Romana  42. 
Barbarmi  Domen.,  idem  -  vicolo  s.  Vittore  al  Teatro  i. 
Rainoldi  Gaetano,  idem  -  via  Solferino  20. 
Annoni  Luigi,  idem  -  Ponte  Vetero  21. 

Brambilla  Isidoro,  inserviente  -  borgo  Ortolani  68. 
Ostini  Giuseppe.,  idem  -  via  Campo  Lodigiano  3i. 


AGENZIE  DELLE  IMPOSTE  DIRETTE  E  CATASTO 

UFFICIO  1. 
(Via  Bocchette  6.) 

Agente  superiore* 
Vernansal  de  Villeneuve  Giuseppe  *  corso  s.  Celso  1 3, 

Agente* 
Caccia  dott.  Donato  -  via  Carmine  y* 

Ajuti. 
Branca  Luigi  -  via  Spadari  io. 
Cescati  Vincenzo  -  via  s.  Bernardino  dei  Morti  1 1 . 


AGENZIE   DELLE   IMPOSTE  DIRETTE  E  CATASTO        429 

Regina  Alessandro  -  via  s.  Maria  Fulcorina  18. 
Riva  Leonardo  -  via  Spadari  i3. 
Strada  Carlo  -  via  Gesù  5. 

UFFICIO  II. 
{Via  Bocchello  6.) 

Agente, 
Bosis  dott.  Luigi,  giureconsulto  -  via  Rastrelli. 

A j  uti. 
.Cattaneo  Giovanni  -  via  Moscova  4*» 
Gaiba  Carlo  -  via  s.  Eufemia  7. 

UFFICI  CONTABILI  DEMANIALI 

{Via  Bocchello  6  ) 
RICEVITORI. 

Ufficio  Registro  —  Atti  civili  pubblici. 
Rossi  dott.  Giuseppe  -  via  Bernardino  Luini  7. 

Ufficio  Registro  ~  Atti  civili  privati. 
De  Conturbia  nob.  Giulio  -  via  Olmetto  7. 
Ufficio  Registro  —  Atti  giudiziari* 
Corti  Giovanni  -  via  Bollo  4* 

Ufficio  Registro  -  Successioni. 
Presbitero  nob.  Giuseppe  -  via  Bocchetto  6. 

Ricevitoria  Demaniale. 
Sorniani  dott.  Gaetano  -  via  Bernardino  Luini  12. 

BOLLO    ORDINARIO 

Capo  d'ufficio. 
Salvioni  cav.  Cesare  -  via  Torino  38. 

Controllore. 
Adami  Giuseppe  -  corso  s.  Celso  i3. 


430  UFFICI  CONTABILI   DEMANIALI 

Commesso. 

Nava  Giovanni  Battista  -  via  Borghetto  4« 

Macchinista. 

Berti  Fortunato  -  corso  Vittorio  Emanuele  39. 

Scrivani. 

Macchi  ing.  Giuseppe  -  via  s.  Vittorello  6. 
Fumasi  Elia  -  via  Montebello  5. 

Bollatoti. 

Rovi  da  Agostino  -  via  Orso  3. 
Fil  Luigi  -  via  Passarella  20. 
Nessi  Giuseppe  -  via  Francesco  Sforza  47* 
Penci  Alessandro  -  via  Camminadella  16. 
Rossi  Luigi  -  via  Pontaccio  17. 
Berti  Ambrogio  -  via  s.  Barnaba  12. 
Fontana  Antonio  -  via  Vittoria  67. 
Commetti  Pasquale  -  corso  Garibaldi  100. 
Tanzi  Licinio  -  via  Spadari  7. 

Inserviente. 

Porrini  Francesco  -  via  Cornacchie  io. 

BOLLO    STRAORDINARIO 

Ricevitore. 

Federici  dott.  Giuseppe  -  via  Andegari  4« 

Controllore. 

Curioni  nob.  Alessandro  -  via  Cavenaghi  7. 

Bolla  tori. 

Perla  Giovanni  -  via  s.  Antonio  i3. 
Cotti  Domenico  -  via  Gorani  8. 


43 1 

ISPEZIONE  DELLE  GABELLE 
PER  LA  PROVINCIA  DI  MILANO 

(  Via   Chiusa.) 

Ispettore. 
Vistarmi  nob.  Giuseppe  -  via  Solferino  18. 

Tenenti. 
Paccanaro  Angelo,  tenente  in  i.° 
Imperatori  Melchisedecco,  idem. 
Sotto 'tenente. 
Grassi  Giacomo  -  Saronno. 


DOGANA  DI  MILANO 

Direttore. 
N.  N. 

Dogana  di  Sostra  Romana. 

(Corso  P.  Romana   l32.  ) 

Ferrano  Giovanni,  ricevitore  -corso  P.  Romana  n3. 
Lena  Giovanni  Battista,  commissario  alle  visite-  corso 

P.  Romana  120. 
Molinari Luigi,  commiss,  alle  scritture  -  via  Unione  26. 
Crema  Antonino,  cassiere  -  sobborgo  P.  Garibaldi  1. 
Bruschini   Cesare,   commissario  ai   depositi   -    piazza 

Carmine  4» 
Pipino  Carlo,  economo  -  via  s.  Sofia  33. 

Sezione  doganale  in  via  Arena. 

{Via  Arena  44  ) 

Desanctis  Giuseppe,  cassiere  -  via  s.  Vito  4» 
Bernardoni  Domenico,   commissario  alle   visite  -  via 

Lanzone  3o. 
Vigo  Natale,  commissario  ai  depositi  -  via  Bocchette  22. 


432  dogana  di  milano 

Sezione  doganale  alla  Ferrovia  per  le  merci 
a  piccola  velocita' 

Bonacina  Giuseppe,  cassiere  •  piazza  Carmine  4» 
Bay  Telesforo,  commissario  alle  visite  -  sobborgo   P. 

Garibaldi  i. 
Gerii  Pietro,  idem  alle  scritture  -  corso  P.  Romana  122. 

Sub-Sezione  doganale  alla.  Ferrovia  per  le  merci 
a  grande  velocita' 

Vasti  Francesco,  dirigente  -  via  Crocifisso  12. 

Ufficiali  alle  vis  ile, 
Antonietti  Domenico  -  sobborgo  Porta  Garibaldi  7. 
Bellati  Carlo  -  via  Gesù  23. 
Bercieri  Antonio  -  corso  Porta  Romana   109. 
Bernardoni  Giuseppe  -  corso  P.  Ticinese  64. 
Bonsignori  Cesare  -  via  Morigi  i5. 
Borleri  Lodovico  -  CC.  SS.  P.  Vittoria  27, 
Caperdoni  Felice  -  via  Chiusa   io. 
Cerutti  Alessandro  -  sobborgo  P.  Garibaldi  1. 
Cigolini  Pietro  -  via  s.  Zeno  7. 
Ercole  Vincenzo  -  via  Capre  io. 
Fontana  Carlo  -  corso  Magenta  48. 
Mauri  Giovanni  -  corso  P.  Romana  83. 
Mauri  Luigi  -  via  Larga  27. 
Mazza  Luigi  -  piazza  Carmine  6. 
Nazari  Amedeo  -  via  Cerva  1. 
Pezzi  Achille  -  via  Montebello  2. 
Ranci  Ortigosa  Paolo  -  via  Borgo  Nuovo  29. 
Riva  Pietro  -  sobborgo   P.  Garibaldi  20. 

Ufficiali  alle  scritture. 

Berga  Carlo  -  via  Torchio  8. 

Buzzoni  Francesco  -  corso  P.  Ticinese  i5. 

Castelli  Enrico  -  via  Vigentina  21. 

Cavalli  Lanfredi  Giuseppe  -  via  Camminadella   16. 

Daelli  Felice  -  borgo  Olcello  19. 


DOGANA  DI  MILANO  4^3 

Dell'Acqua  Annibale  -  piazzetta  ss.  Pietro  e  Lino  4» 

Ghisi  Federico  -  via  s.  Pietro  all'Orto  2. 

Mazza  Antonio  -  corso  P.  Romana  129. 

Oppezzi  Alberto  -  via  Agnello  11. 

Pasquali  Luigi  -  corso  Venezia  jo. 

Rusca  Antonio  -  via  s.  Antonio  3. 

Sala  Virgilio  -  via  s.  Maria  Fulcorina  i5. 

Commessi. 
Bellotti  Francesco  -  corso  Porta  Romana  58. 
Borghi  Angelo  -   via  Amedei  6. 
Germani  Luigi  -  corso  P.  Romana  100. 
Protti  Gaetano  -  via  Corani  5. 
Reina  Carlo  -  corso  Garibaldi  89. 
Zerboni  Carlo  -  sobborgo  P.  Garibaldi  io  A. 

Agenti  subalterni. 

Arbeja  Carlo  -  corso  P.  Romana. 
Bassetti  Giovanni  -  via  Chiusa  24. 
Crespi  Domenico  -  via  s.  Vito  7. 
Dellalana  Pietro  -  via  Orti  29. 
Longlù  Costante  -  via  Vittoria  25. 
Mantani  Achille  -  sobbosgo  P.  Romana  5i. 
Marzorati  Carlo  -  via  Capre  9. 
Prete  Giuseppe  -  sobborgo  P,  Garibaldi   1. 
Ratti  Pietro  -  corso  Garibaldi   x  1 5. 
Sassi  Carlo  -  corso  P.  Romana  45. 
Stabile  Andrea  -  via  Senato  io. 

Comando  divisionale  delle  Guardie  doganali 

di  Lombardia. 

{Bocchello  6.) 

Volta  cav.  Massimo,  ispettore  capo  -  via  Speronari  7, 
Camera  Carlo,  ispettore  delle  gabelle  -  via  Nerino  9. 
Rossi  dott.  Giovanni  Battista,  idem  -  via  Cerva  39. 
Lodovighetli  Saluslio,  luógo-len.  -  via  Pasquirolo  7. 
W.  N.,  contabile. 

Guida  1871  —  28 


434 

COMMISSIONE  PROVINCIALE -D'APPELLO 

PEI  REDDITI  DI  RICCHEZZA  MOBILE,  EC. 

(  Via  Monforte  32.) 

Presidente. 
Gene  cav.  dott.  Massimiliano,  ec..  vedi  pag.  4^3. 

Membri  effettivi. 
Terzaghi  dott.  cav.  Giuseppe,  ec.,  vedi  pag.  1 45. 
Protti  cav.  Giuseppe  -  via  Amedei  i. 
Gavazzi  Carlo  -  via  Cusani   14. 
Cicogna  conte  Gian  Pietro  -  via  Monforte  23. 

Membri  supplenti. 
Genolini  cav.  ing.  Pietro  -  via  Romagnosi  1. 
Altomare  Carlo,  -  via  Broletto  17. 
Formentini  rag.  Marco,  ec,  vedi  pag.  10  j. 
Pisa  Giuseppe  -  via  s.  Giuseppe  4« 

COMMISSIONE  DI  REVISIONE 

PEI  REDDITI  DI  RICCHEZZA  MOBILE,  EC. 

(  Via   Case  Rotte  4-  ) 

Vedasi  a  pag.  i5(). 


UFFICIO  DELLE  IPOTECHE 

(Piazza  Mercanti   l5.) 

Estende  la  propria  giurisdizione  alla  provincia  di  Milano 
ed  ai  seguenti  Comuni  facienti  parte  del  Mandamento  11.0  di 
Pavia:  Bescapè  con  Villarzino,  Campo  Morto,  Castel  Lambro, 
Cavagnera,  Siziano,  Landriano,  Mandrino,  Mangialupo,  Pai- 
rana,  S.  Zeno,  Torre  Vecchia,  Trognano,  Vairano,  Vigonzone, 
Vidigulfo  con  Ponte  Lungo,  e  Zibido  al  Lambro  con  Cascina 
Bianca.  I  Comuni  poi  di  Cascina  Ferrara,  Gerenzano,  Paina, 
Oliano  con  Onedo  e  Sesto  Calende  della  Provincia  di  Milano 
sono  soggetti,  i  primi  tre  all'ufficio  delle  ipoteche  in  Como, 
e  i  secondi  a  quello  in  Varese. 

Conservatore. 

Taccani  dott.  Pietro  -  piazza  s.  Maria  Valle  5. 

Gerente. 

Bònayia  Carlo  -  via  Bollo  5. 


435 
AMMINISTRAZIONE  DEL  LOTTO  PUBBLICO 

ISPEZIONE  DI  MILANO 

(Via  Broletto   17.) 

Ispettore* 
Milani  Pietro  -  piazza  Fontana  5. 

Sotto-Segretario 
Zanotti  Bonaventura  -  via  Andrea  Appiani  8. 

Bollatori~InservientL 
Ceccoli  Carlo  -  sobborgo  Porta  Magenta  i52. 
Castelli  Giovanni  -  via  Monte  di  Pietà  17. 

BANCHI  DEL  R.  LOTTO  IN  MILANO. 

N.  125  Gioelli  Pietro  -  Verziere. 
m  126  Busnelli  Natale  -  Bocchetto. 
»   127  Pirogalli  Bernardo  -  via  Torino. 
V  128  Volonteri  Giuseppa  -  via  Giardino. 
«  129  Rovedoni  Savina  -  piazza  s.  Eustorgio. 
«  i3o  Daelli  Giuseppe  -  corso  Porta  Ticinese. 
«  i3i  Bernasconi  Carlo  -  corso  Garibaldi. 
»  i3i  Anguissola  Andrea  -  corso  Porta  Romana. 
»  i33  Invernizzi  Teresa  -  via  Spiga. 
»  i34  Brambilla  Rosa  -  via  s.  Radegonda. 
»  1 35  Cassoni  Grazioso  -  corso  Magenta. 
»   i36  Guffanti  Matteo  -  via  s.  Margherita. 
»  137  Benvenuti  dott.  Vincenzo  -  via  Torino* 
»  i38  Peroli  Giuseppe  -  via  Spadari. 
»  139  Tirinanzi  Giacomo  -  via  Broletto. 
»  i4o  Vallino  Giuseppa  -  via  Ospedale. 
»   1 4 1  Cardani  Caterina  -  via  Pasquirolo. 
«  142  Graglia  Giovanni  Battista  -  via  Bottonuto. 
»  i43  Maffioli  Carlo  -  via  Monte  Napoleone. 
»  1 44  Traballoni  Antonia  -  corso  Garibaldi. 
»  i45  Durio  Sigismondo  -  via  Rebecchino. 
*  146  Pollaci  Vito  -  corso  s.  Celso. 


436  LOTTO   PUBBLICO 

N.  1 47  Salvotti  Enrico  -  Ponte  Vetero, 

a  148  Zamara  Luigia  -  via  Giardino. 

»  1 49  Lendini  Luigi  -  via  Meravigli. 

»  i5o  Gogliati  Maria  -  via  s.  Antonio. 

»  i5i  Galderini  Tito  -  corso  di  P.  Nuova. 

9}  ì5i  Savoja  Angela  -  sobborgo  P.  Garibaldi. 

»  i53  Galli  Francesco  -  sobborgo  di  P.  Ticinese. 


MANIFATTURA  TABACCHI  IN  MILANO 

{Via  Moscova  2,2.) 

Zay  Francesco*  direttore  -  nel  locale  della  Manifattura. 

Galli  Andrea,  controllore  -  corso  P.  Nuova  20. 

N.  N.,  capo  tecnico. 

Alfieri  Vittorio,  computista- corso  Vittorio  Emanuele  1 0. 

N.  N.,  magazziniere. 

Dal  Pino  Giuseppe,  idem  -  corso  P.  Garibaldi  1*21. 

Della  Santa  Filippo,  fabbricante  perito  -  corso  Gari- 
baldi 27. 

Todeschini  Angelo,  fabbricante  -  via  Moscova  3o. 

Pogliani  Giovanni,  commesso  *  piazza  s.  Garpoforo  1 1. 

Marchesi  Giovanni,  idem-  via  Moscova  26. 

Manfredi  Carlo,  idem  -  corso  Garibaldi  y5. 

Ferroni-Oriani  Vincenzo,  idem  -  sobborgo  Porta  Te- 
naglia i3i. 

Cittadini  Paolo,  idem  -  corso  Porta  Nuova  18. 

Toja  Leopoldo,  idem  -  via  Madonnina   io. 

Gassotti  Giovanni,  commesso  -  piazza  s,  Simpliciano  2. 

N.  N.,  idem. 

Vigano  Francesco,  allievo  di  fabbricazione  -  piazzi 
s.  Marco  2. 

Orlandini  Carlo,  medico  -  via  Cerva  38. 

Ispettore  governativo, 
Maldifassi  ing.  Antonio  -  via  Principe  Umberto  7. 


ili 

MAGAZZINO  DI  SPEDIZIONE  DEI  TABACCHI 

(Via  Moscova   32.) 

Belloni  Giuseppe,  magazziniere  -  via  Moscova  32. 
Cietti  Uberto,  verificatore  -  sobborgo  P.   Nuova  28. 
Rossi  Mauro,  commesso  -  sobborgo  P.  Garibaldi  2. 


MAGAZZINO-VENDITA  DEI  SALI 

{Via  s.  Marco  l3.) 

Mentascbi  Giovanni,  magazziniere  -  via  s.  Marco  i3. 
Bottoni  Girolamo,  verific.c  di  i.a  classe-  via  s.  Marco  9. 
Scudolanzoni  nob.  Giuseppe,  commesso  di  i.a  classe  - 
via  s.  Maria  Valle  7. 


MAGAZZINO-VENDITA  DI  TABACCHI  E  POLVERI 

(Via   Moscova  3o,) 

Fumel  Pietro,  uff.  ^|,  magazziniere  -  via  Moscova  3o. 
Rinaldini  Rinaldo,  verificatore- sobborgo  P.  Garibaldi  4. 
Zucchetti  Luigi,  comm.  di  i.a  classe  •  corso  s.  Celso  3/}. 
Guastalla  Evandro,  commesso  -  via  s.  Marco  26. 


UFFICIO  PROVINCIALE  DI  VERIFICAZIONE 

DEI  PESI  E  DELLE  MISURE. 

(  Via    Moscova   34-) 

Tappi  Giovanni,  verificatore  prov.  -via  Solferino  22. 

Fanchiotti  Anacleto,  verificatore  applicalo. 

Miotti  geometra  Anselmo,  idem. 

Rinoldi  Giovanni,  idem. 

Pioretta  Francesco,  idem. 

Arsermini  geometra  Calisto,  idem. 


438 

GIUNTA  METRICA 

PER  LE  PROVINCIE  LOMBARDE. 

(Presso  il  R.  Istituto  Tecnico ,  a  santa  Marta,) 

Presidente. 
Rodriguez  Francesco,  uff.  ìjjfè,  ec,  vedi  pag.  3oi. 
Membri. 

Gerii  prof.  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  3i6. 
Re  prof.  Anacleto,  ec,  vedi  pag.  335. 
Ferrini  prof.  Rinaldo,  ecc.,  vedi  pag.  242. 
Dell'Acqua  ing.  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  262. 


CORPO  REALE  DEL  GENIO  CIVILE. 

SERVIZIO    DELLA    PROVINCIA    DI   MILANO 

(  Piazza  s.  Marta  2.  ) 

Ingegnere  Capo, 
Pirovano  cav.  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  2  43. 
Ingegneri. 

Corti  Giovanni,  ingegnere  di  ia.  classe  -  via  s.  Vittore 
al  Teatro  i3. 

Bianchi  Paolo,  idem  -  corso  P.  Nuova  18. 

Zaffanelli  Enrico,  idem  di  2.a  classe  -  corso  P.  Ro- 
mana 122. 

Carcano  nob.  Giac,  ingt  di  3.a  classe  -  via  s.  Giu- 
seppe 7. 

Sterza  Francesco,  idem  -  via  s.  Eufemia  19. 

Gallizia  cav.  Paolo  idem  -  via  Nerino  3. 

Danioni  Luigi,  idem  -  via  s.  Andrea-  12. 

Cantaluppi  Gio.,  ing.  allievo  -  via  Spiga  5o. 

Aiutanti. 
La-Croix  Giovanni,  di  2.*  classe  -  corso  s.  Celso  i3. 
Pirola  archit.  Luigi,  idem  -  corso  P.  Nuova  19. 


CORPO  REALE  DEL  GENIO  CIVILE  4^9 

Gambaro  Carlo,  di  3. a  classe- via  Fiori  Chiari  16. 
Vigevano  ing.  Pietro,  idem  -  via  Mulino  delle  Armi  4'. 

Assistente  misuratore, 
Arienti  Abramo  -  via  s.  Vicenzino  16. 

Impiegato  d' ordine. 
Cattaneo  Achille  -  via  s.  Spinto   19. 

Applicato, 
Rocco  Vincenzo. 

Custode, 
Bonazzi  Giovanni  -  piazza  s.  Marta  2. 

Inserviente. 
Gramaglia  Francesco  -  via  s    Simone  6. 

NB.  Sono  dipendenti  da  quest'ufficio  45  custodi  e  sotto-custodi 
dei  fiumi  e  canali. 


CORPO  REALE  DELLE  MINIERE. 

UFFICIO   MINERALOGICO  PEL  DISTRETTO  DI  MILANO 

(Piazza  s.  Maria   2.) 

(Circoscrizione territoriale:  Bergamo,  Brescia,  Como, 
Cremona,  Milano,  Modena,  Parma,  Pavia,  Piacenza, 
Reggio  d'Emilia  e  Sondrio.) 

Ingegnere  capo 
Axerio  Giulio,  ^,  ec,  v.  pag.  240. 

Ingegneri. 
Zoppetti  ing.  Vittore,  di  3.a  classe -ec,  v.  pag.  3o2. 
Bonacossa  ing.  Alessandro,  idem  -  via  Carrobbio  2. 

Aju  tante 
Conti  Cesare,  di  2.a  classe  -  via  Cappuccio  i3. 


44o 

COMMISSARIATO  GOVERNATIVO 

PER  LA   SORVEGLIANZA   ALL' ESERCIZIO   DELLE*  FERROVIE 

DELL'ALTA  ITALIA   UFFICIO   DI  MILANO. 

(Stazione  Centrale.) 

Commissario  tecnico. 

Salis  conte  Ulisse,  ^  e    #-,  ingegnere   -   via  s.  An- 
drea 21. 

Ingegnere  di  manutenzione. 

Pizzini  Giovanni,  ec,  vedi  pag.   184. 

Casanova  Gabrio,  delegato  al  Movimento  alla  stazione 
Centrale  -  via  Montebello  23. 


FERROVIE  DELL'  ALTA  ITALIA. 

CONSIGLIO  D'AMMINISTRAZIONE  IN  TORINO. 

(  Stazione  Porta  Nuova,  ) 

Vice-Presiden  te. 
Lucerna  di  Rora  march.  Emanuele,  gr.  uff.  ^  -  To- 
rino, piazza  Carlo  Felice  6. 

Amministratore  delegato. 

Guglianetti  Francesco,  comm.^|- Torino,  via  Sacchi 2. 
Amministratori. 

D'Adda  nob.  Carlo,  comm.  ^,  senatore  del  Regno  - 
Milano,  via  Giardino  45. 

Bevilacqua  march.  Carlo,  gr.  uff.  0,  sen.  del  Regno  - 
Bologna,  via  s.  Mamolo  107. 

Bignami  Enea,  uff.  ìjjfè  -  Firenze,  via  del  Podere  1. 

Bolmida  barone  Vincenzo,  uff.  ^,  sen.  del  Regno, 
banchiere  -  Torino,  via  Lagrange  7. 

Brót  Carlo,  uff.  ^  e  cav.  della  Legion  d'  onore,  ban- 
chiere -  Milano,  via  Giardino  i4* 

Landau  Orazio,  uff.  ^|  -  Firenze,  piazza  Madonna  8. 


FERROVIE  DELL'ALTA  ITALIA  44  * 

Porro  conte  Alessandro,  gr.  uff.  ^,  senat.  del  Re- 
gno, ec.  -  Milano,  via  Oriani   i. 
Restelli  avv.  Frane,  comm.  ^  -  Milano,  via  Spiga  17. 

Segretario. 

Medin   conte  Stefano,  0  -  Torino ,  via  Bogino  2. 

UFFICI  IN  TORINO. 

DIREZIONE     GENERALE. 

(Stazione  Porla  Nuova.) 

Amilhau  Paolo,  comm,  ^|  e  cav.  della  Legion  d'onore, 
direttore  generale  -  Torino,  via  Provvidenza  17. 

Ubags  Teofilo,  uff.  ^,  aggiunto  al  direttore  generale  - 
Torino,  via  Carlo  Alberto  29. 

Poggi  cav.  dott.  Giovanni,  segretario  della  Direzione 
generale  -  Torino,  via  Principe  Tommaso  3. 

Pellier  Emilio,  uff.  ^|,  ingegnere  capo  del  materiale 
e  trazione  -  corso  a  Piazza  d'armi   12. 

Devaux  Adolfo,  uff.  $H ,  cnpo  del  controllo  generale 
e  contabilita  centrale  -  Torino,  via  Sacchi  2. 

Massa  cav.  Mattia,  ingegnere  in  capo  della  manuten- 
zione e  dei  lavori  -  Torino,  via  Seminario  8. 

UFFICI  IN  MILANO. 

SECONDA  DIVISIONE  DEL  TRAFFICO. 

Ufficio  centrale. 

Ponzone  Luigi,  ||  e  cav.  della  Legion  d'onore,  capo 

traffico  -  via  Brera  21. 
Fabani  cav.  ing.  Pietro,  ^-,  ispettore  principale  -  corso 

P.  Nuova  9. 
Roncaldier  Edoardo,  ispettore  -  via  Principe  Umberto  5. 
Brughera  Achille,  idem  -  corso  P.  Nuova  36. 
Rusca  Filippo,  idem  -  via  Solferino  18. 
Brambilla  Eugenio,  idem  -  via  Omenoni  4» 


44^  FERROVIE  DELL'ALTA   ITALIA 

Sorniani  Innocenzo,  idem  -  piazzale  della  Stazione  m.. 
l)onadio  cav.  Giovanni,  idem  -  via  Montebello  27. 

Stazione  centrale  di  Milano  ed  Agenzia  di  citta'. 

Mazzoleni    Napoleone ,   cav.    dell'  Ordine    Russo   di 
s.  Stanislao,  capo  stazione  -  alla  Stazione. 

Stazione  di  Milano  —  Porta  Garibaldi. 
Carati  Lorenzo,  capostazione-  CG.  SS.  P.Garibaldi  1 7. 

Stazione  di  Milano  -  Porta  Ticinese. 
Craveri  Francesco,  capo  stazione  -  alla  Stazione. 

DIVISIONE  2.a  DEL  SERVIZIO  DELLA  JMÀNUTENZIONE 

E  DEI  LAVORI. 

Ufficio  centrale. 

(CC  SS.  P.  Garibaldi  27  ex-Stazione  per  Monza,  ) 

Nebbia  cav.  Gaspare,  ing.  capo  di  divisione  ec,  vedi 

pag.  i85. 
Bonacossa  Ercole,  ing.  principale  di  sezione. 
Gaspa  retti  ing.  Carlo,  capo  sezione. 
Sala  ing.  Giovanni  Maria,  idem. 
Zanuttini  ing.  Cromazio,  capo  sezione,  capo  ufficio. 
Roverselli  ing.  Virginio,  capo  sezione  assistente. 

Sezioni  staccate. 

Fiocchini  ing.  Giuseppe,  capo  sezione  di  Milano  -  re- 
sidente alla  Stazione  centrale  di  Milano. 
Sartori  ing.  Francesco,  capo  sezione  del  Ticino  -  ivi. 
Panizza  ing.  Giovanni,  capo  sezione  di  Lodi  -  ivi. 
Tibaldi  Giovanni,  capo  sezione  a  Cremona  -  Cremona. 
Gronda  Giuseppe,  capo  sezione  a  Valenza  -  Valenza. 
Palberti  Giuseppe,  capo  sezione  a  Novara  -  Novara. 
Rabbino  Luigi,  capo  sezione  a  Casale  -  Casale. 


FERROVIE  DELL   ALTA  ITALIA  44° 

SERVIZIO  DEL  MATERIALE  E  TRAZIONE. 

Opificio  di  Milano. 

Bortolotto  ing. Luigi,  capo  opifìcio  -  sobborgo  Porta  Ga- 
ribaldi 27. 

Magazzino. 

Trezzini  Tito,  gerente  -  corso  P.  Vittoria  37. 

ECONOMATO. 

Magazzino. 
Rimoldi  Luigi/ gerente  -  CC.  SS.  P.  Garibaldi  27. 

TELEGRAFI. 

(Piazza  Mercanti  7.) 

Sezione  di  Milano. 

[Compartimento  di   Torino.) 

Ufficio  per  la  sorveglianza  di  tutte  le  parti  del  ser- 
vizio degli  uffici  telegrafici  nella  Sezione  e  per  la  co- 
struzione e  manutenzione  delle  linee. 
Balduzzi  Angelo,  sotto-ispettore    di    i.a  classe,  capo 

della  Sezione  -  via  Orso  20. 
Balsamo  Alessandro,  ufficiale  di  i.a  ci.  -  via  Solferino  7. 

Officina  meccanica, 

Perego  Luigi,  meccanico  di  3.a  ci.  -  via  s.  Fermo  9. 
Aresini  Romeo,  allievo  meccanico  -  via  Arena  38. 

Personale  subalterno  di  manutenzione* 

Tarizzo  Martino  capo  squadra  di  i.a  ci. 

Rainoldi  Giuseppe  id.  2.a  ci  1 

Tremolai  Piefro  id.  idem     P,r^f°I  U.ffic,° 

Ciceri  Giuseppe  id.  idem' 

Meroni  Pietro,  guarda-fili  allievo 


444 

Uffici  telegrafici 

Asso 

Abbiategrasso 

Arona 

Baveno 

Bellagio 

Borgosesia 

Cannobio 

Cernobbio 

Cadenabbia 

Como 

Domodossola 

Erba 


TELEGRAFI 


compresi  nella  Sezione  di  Milano. 


Gravellona 

Intra 

Lodi 

Luino 

Milano  Centrale 

Milano  Prefettura 

Milano  Questura 

Milano  Comando 

Militare 
Milano   Palazzo 

Reale 
Monza 


Monza  Villa  Reale 

Novara 

Pallanza 

Pavia 

Soresina 

Stresa 

Tradate 

Valmadrera 

Varese 

Varallo 

Vigevano 


UFFICIO  CENTRALE. 

(Piazza  Mercanti  7.) 

Caccia  Carlo,  sotto  ispettore  di  2.a  classe,  direttore  di 
trasmissione  dell'ufficio  -  via  s.  Agnese  5. 

Clerici  Ercole,  ufficiale  di  i.a  ci.  -  via  s.  Vicenzino  1. 

Sclirayer  Antonio,  idem  -  via  Vigentina  9. 

Maineri  prof.  Baccio  Em.,  idem  -  via  Fiori  Chiari  8. 

Ferrerò  Pier  Luigi,  idem  -  via  Nirone  io. 

Fraganescbi  Paolo,  idem  -  via  Cappuccio  22. 

Carbonelli  Alberto,  idem  -via  Morigi  i5. 

Bajardino  Giuseppe,  idem  -Foro  Bonaparte  11. 

Bernasconi  Antonio,  idem  -  via  s.  Vito  23. 

Ayna  Antonio,  idem  -  corso  P.  Vittoria  4* 

Belotti  Giuseppe,  idem  -  galleria  V.  E.  scala  19. 

Martinelli  Carlo,  idem  -   via  s.  Vicenzino  1. 

Bartolotta  Francesco,  idem  -  Verziere  20. 

Massa  Pietro,  idem  -  via  Unione  18. 

Gallarini  Floriano,  idem  -  via  Capre  io. 

Ferri  Cesare,  idem  -  via  Cappuccio  22. 

Spreafico  Giovanni,  uff.  di  2.a  ci.  -  galleria  V.  E., 
scala  20. 

Rossi  Gilio,  idem  -  Verziere  20. 


TELEGRAFI  44^ 

Negri  Cesare,  idem  -  via  Solferino  20. 
Sirnonelli  Pietro,  idem  -  via  Lupetta  8. 
Sacco  Alessandro,  idem  -  piazza  Fontana  1. 
Ponti  Antonio,  idem  -  via  Solferino   io. 
Poggi  Carlo,  idem  -  via  Ciovasso  i3. 
Testi  Ugo,  idem  -  via  s.  Sisto  2. 
Peradotti  Oreste,  idem  -  via  Cerva  6. 
Bono  Ferdinando,  idem  -  via  Mangano  2. 
Dubois  Giuseppe,  idem  -  via  Cerva  6.  * 
Merenda  G.  B.,  idem  -  corso  Venezia  65. 
Torriani  Vladimiro,  uff.  di  3.a  ci.  -  via  Solferino  7. 
Sorzana  Gio.  Batt.,  idem  -  Verziere  20. 
Ragazzoni  Paolo,  idem  -  via  Cerva  2. 
Mazzini  Carlo,  idem  -  via  Brisa  9. 
Robecchi  Romeo,  uff.  di  4«a  ci.  -  via  Carmine  5. 
De  Lazzari  Annibale,  idem  -  vicolo  Dosso  2. 
Rondoni  Gio.,  idem  -  via  s.  Eufemia  7. 
Ferri  Carlo,  idem  -  via  s.  Agnese  5. 
Bianchi  Paolo,  idem  -  via  s.  Agnese  5. 
Manzocchi  Stefano,  idem  -  via  s.  Marco  16. 
Seves  Ferdinando,  idem  -via  s.  Vito  21. 
Versini  Luigi,  idem  -  via  Maddalena  24. 
Bobbiese  Enrico,  idem  -  Foro  Bonaparte  i3. 
Ponzoni  Beniamino,  alunno  -  via  Boschetti  6. 
Pattoni  Achille,  idem  -  via  Cerva  6. 
Comolli  Luigi,  idem  -  via  s.  Maria  Podone  2. 

Portieri. 

Tomadoni  Pietro  di  2.a  ci.  -  via  Solferino  22. 
Bruno  Giacinto,  idem  -  via  Quadronno  19. 
Migliarini  Pompeo,  di  3.a  ci.  -  via  s.  Sisto  4* 

W.  25  fattorini  ad  opera  pel  ricapito  dei  dispacci. 


446 

AMMINISTRAZIONE  DELLE  REGIE  POSTE. 

{Via  Rastrelli  20.) 
DIREZIONE  PROVINCIALE. 
Direttore  Provinciale, 
Frascani  comrn.  Federico  -  via  Rastrelli  20. 

Ispettore  Provinciale, 
Cuggiani  caV  Matteo  -  via  Solferino  8. 

Computisteria. 
San  Pietro  Angelo,  capo  sezione  di  1  ci.  -  via  Unione  1 8. 
Vimercatì  Luigi,  idem  -  via  Maddalena  22. 
Ciminago  Carlo,  idem  di  2  ci.  -  via  Larga  20. 
Dalla  Balla  Pietro,  idem  di  3  ci.  -  via  Larga  5. 
Bertinejli  Giacomo,  uff.  di  1  ci.  -  via  Capre  io. 
Ferrano  rag.  Gio.  Batt.,  ajutante  -  corso  s.  Celso  27. 
De  Ry  Enrico,  idem  -  via  Stella  18. 
Rodriguez  Alessandro,  idem  -  via  Torino  68. 
Preda  Alessandro,  idem  -  via  Monte  Napoleone  4» 
Sessa  Gaetano,  idem  -  via  Visconti  25. 
Talini  rag.  Giuseppe,  idem  -  via  Rastrelli  20. 

Cassa  e  Vaglia, 

Montefiori    Cesare,  capo    sezione  di  2  ci.  -  via  Vi- 
sconti 25. 
Bennati  Francesco,  idem  di  3  ci.  -  via  Boccbetto  22, 
Fiorillo  Giuseppe,  uff.  di  2  ci.  -  via  Pesce  21. 
Odescalchi  nob.  Raimondo,  ajutante  -  via  Bollo  4» 
De  Fogolari  Antonio,  idem  -  via  Conservatorio  7. 
Aliprandi  Vincenzo,  idem  -  via  Torino  34» 
Bertucci  Zenone,  idem  -  via  s.  Antonio  i3. 
Màjocchi  Antonio,  idem  -  via  Ansperto  7. 

Raccomandate  ed  Assicurate, 
Roncoroni  Cesare,  capo  sezione  di  1  ci.  -  via  S.  Da- 
miano 40. 
Gilardelli  Antonio,  uff.  di  1  ci.  -  via  Larga  22. 
Dufour  Cesare,  idem  di  2  ci.  -  via  Bollo  1, 


AMMINISTRAZIONE   DELLE   R.    POSTE  ^J 

Manganoni  Achille,  idem  di  i  ci.  -  via  s.  Paolo   19. 

Tebaldi  Antonio,  ajutante  -  via  Pantano  6. 

Molina  Carlo,  idem  -  via  Vigentina  12. 

Tosi  Carlo,  idem  -  via  Cusani  1. 

Vaghi  Enrico,  idem  -  piazza  s.  Ambrogio  8. 

Distribuzione. 

Cealanza  Giuseppe, capo  sezione  di  2  ci.  -  via  Larga  2 4. 
Borsano  Francesco,  uff.   di  1  ci.  -  via  Rovello  19. 
Canevini  Antonio,  idem  -  via  Capre  4* 
Anlonali  Natale,  idem  -  sobborgo  P.  Garibaldi  io  A. 
Guglielminetti  Francesco,  idem  -  via  Rastrelli  12. 
Ammirati  Antonio,  idem  -  via  Signora  10. 
Poggetti  Emilio,  ajutante  -  sobborgo  P.  Ticinese  77. 
Carzaniga  Pasquale,  idem  -  bastioni  P.  Venezia  1. 
Dall'  Acqua  Siro  Gabriele,  idem  -  borgo  Oicello  8. 
Pojaghi  Giovanni,  idem  -  via  Ore  5o. 
Frapporti  Filippo,  idem  -  via  Pesce  12. 
Ra vizza  Antonio,  idem  -  via  Vittoria  67. 
Francioli  Luigi,  idem  -  via  s.  Vicenzino  i4« 
Businello  Daniele,  idem  -  via  Lanzone  26. 

Porta-Lettere. 

Roberto  Matteo,  brigadiere  di  1  ci.  -  via  Pesce  7. 
Bolzani   Francesco,  idem  di  2  ci.  -  via  s.   Pietro  in 

Gessate  9. 
Galli  Martino,  idem  -  via  s.  Vicenzino  20. 

N.  5y  porta-lettere  -  io  serventi  -  3  porta-tasche. 

UFFICIO  POSTALE  ALLA  STAZIONE  CENTRALE 
DELLE  FERROVIE. 

Faraut  Francesco,  capo  d' ufficio  di  1  ci.  titolare  del- 
l'ufficio  -  via  Fate-bene-fratelli  17. 
Carugati  Gaetano,  capo  sezione  di  3  ci.  -  via  Borromeo  5. 
Coccini  Giovanni,  idem  -  via  s.  Marta  (\. 
Pizzini  Ferdinando,  idem  -  via  Nirone  21. 
Renzanigo  Achille,  idem  -  piazza  s.  Maria  Valle  7. 


448  AMMINISTRAZIONE  DÈLIE  fl.  POSTE 

Contini  Gio.  Batt.^  idem  di  2  ci.  -  via  Castelfidardo  2. 
Occioni  Gio.  Frane,  idem  -  corso  P.  Romana  1. 
Piomarta  Gaetano,  idem  -  CG.  SS.  P.  Garibaldi  5o. 
Rovida  Felice,  uff.  di  1  ci.  -  GG.  SS.  P.  Garibaldi  24. 
Betalli  Giuseppe,  idem  -  CG.  SS.  P.  Garibaldi   1. 
De  Gasperi  Pietro,  idem  -  via  Principe  Umberto  11. 
Talgati  Cesare,  idem  -  via  Bottonuto  4* 
Botlicchio  Giuseppe,  idem  -  via  s.  Carlo  8. 
Callegari  Luigi,  idem  -  corso  Garibaldi  20. 
Mazzola  Gerolamo,  idem  -  via  Moscova  36. 
Bossi  Carlo,  idem  -  via  Principe  Umberto  25. 
Ratti  Carlo,  idem  di  2  ci.  (in  aspettativa). 
Martorelli  Bernardino,  idem   (idem). 
Aureggi  Carlo,  idem  -  via  Borgo  Nuovo  20. 
Villa  Carlo,  idem  -  CC.  SS.  P.  Nuova  3o. 
Crespi  Anlotiio,  idem  -  via  s.  Maria  Valle  2. 
Rotta  Giuseppe,  idem  -  CC.  SS.  P.  Nuova  3o. 
Gerosa  Pietro,  idem  -  via  Moscova  3o. 
Favre  Cesare,  idem  -  via  Durino   1. 
Bricchetti  Giuseppe,  idem  -  via  Cernaja  io. 
Cella  Cesare,  ajulaute  -  corso  Vittorio  Emanuele  79 
Pagani  Paolo,  idem  -  via  Pesce  21. 
Besozzi  Enrico,  idem  -  corso  P.  Romana  1. 
Mantegazza  Gio.  Ball.,  idem  -  via  Solferino  11. 
Gasperini  Edoardo,  idem  -  CC.  SS.  P.  Garibaldi  10. 
Crespi  Emilio,  idem  -  via  Palazzo  Reale  3. 
Penzo  Oiivo,  idem  -  via  Annunciata   12. 
Vitali  Eugenio,  idem  -  CC.  SS.  P.  Nuova  3o. 
Gallarati  Dionigi,  idem  -  CC.  SS.  P.  Nuova  3o. 
Pincetti  Giuseppe,  idem  -  via  s.  Agnese  2. 
Bassani  Antonio,  idem  -  CC.  SS.  P.  Venezia  95. 

Sezioni  ambulanti 
Keinz  Leopoldo,  capo  sezione  di  3  ci.  -  via  Largaci. 
Dominioni  Giuseppe,  uff.  di  2  ci.  -  Ponte  Velerò  11. 
Stucchi  Adone,  idem  -  via  Bollo  4* 
N.  11  corrieri  —  N.  7  messaggieri  -  N.  21  serventi 
-  JN.  3  porta-tasche  -N.   1  scorta-forgoni. 


449 
DIREZIONE  DELLA  ZECCA 

(  Via  Moscova  2.  ) 

Cavatina  Luigi,  %  ed  uff.  dell'  ordine  di  Leopoldo 
del  Belgio,  direttore  -  nel  locale  della  Zecca. 

Salese  Ferdinando,  segretario  -  corso  Venezia  55. 

Sacchetti  Giuseppe,  ^,  verificatore  alla  monetazione  - 
nel  locale  della  Zecca. 

Veglia  Felice,  verific.cal  cambio  •  nel  locale  della  Zecca. 

Voltolin  Achille,  cav.  dell'ordine  di  Leopoldo  del 
Belgio,  appi,  di  1  classe  -  via  Passarella  5. 

Lizzi  Federico,  id.  di  2  ci.  -  via  s.  Zeno  12. 

Carrara  Giuseppe,  idem  di  3  classe  -  via  s.  Pietro  al- 
l'Orto 17. 

Canzani  comm.  Demetrio,  ^,  -fc-,  e  di  altri  ordini, 
i9  incisore  -  nel  locale  della  Zecca. 

Costantino  Giovanni,  20  incisore  -  ivi. 

Schieppati  Luigi,  3°  incisore  -  ivi. 

Seregni  Luigi,  alunno  incisore  -  corso  S.  Celso  52. 

Dell'  Oro  Domenico,  usciere  -  nel  locale  dalla  Zecca. 

Rueff  Angelo,  idem  -  ivi. 


IMPRESA  PER  LA  FABBRICAZIONE  DELLE  MONETE. 

Parodi  Giuseppe,  deleg.  centrale  della  Banca  Nazionale 

-  nel  locale  della  Zecca. 
Bixio  Francesco,  delegato  locale  -  ivi. 
Guindani  rag.  Gius.,  cassiere  -  nel  locale  della  Zecca. 
Franzini  Felice,  applicato  -  nel  locale  della  Zecca. 
Maffini  Gaetano,  idem  -  via  s.  Croce  4» 
Camoletti  Giuseppe,  appi.  -  via  Mulino  delle  Armi  io. 


Guida  1S71  —  29 


45o 

R.  UFFICIO  DEL  MARCHIO  DI  GARANZIA 

PEI  METALLI  PREZIOSI   E  PEI  LAVORI   D*  ORO   E   D'ARGENTO. 
(Bocchette  6.J 

Il  detto  ufficio,  che  prima  formava  un  ramo  di  ser- 
vizio della  Direzione  della  Zecca,  dal  di  i.°  ottobre 
1869,  per  decreto  reale,  ne  venne  distaccato  e  posto 
sotto  la  diretta  dipendenza  del  Ministero  di  agricoltu- 
ra, industria  e  commercio. 
Gallo  Giovanni,   ^,  verificatore  capo  dell'  ufficio  - 

via  Moscova  3o. 
Roffi  Angelo,  i°  saggiatore  -  Foro  Bonaparte  5o. 
Bugatti  Giuseppe,  20  idem  -  corso  P.  Nuova  26. 
Massa  Michele,  3°  idem  -  sobborgo  P.  Garibaldi  28. 
Abbate  Paolo,  bollatore  -  corso  P.Garibaldi  38. 
Garpani  Pietro,  alunno  saggiatore  -  via  s.  Simone  i5. 
Allevi  Luigi,  usciere  -  sobborgo  P.  Venezia  77. 


45i 


ISTITUTI  SANITARJ 


CONSIGLIO  PROVINCIALE  DI  SANITÀ' 

(Via  Mon/orle  32.) 

Presidente, 

II  Prefetto  della  Provincia. 

Vice-presiden  te. 

Trezzi  dolt.  Antonio,  uff.  ^  -  via  Bigli  4- 

Consiglieri  ordinar] . 

De  Giuli  avv.  Agostino,  ec,  vedi  pag.  i3i. 
Corvini  dott.  cav.  Lorenzo,  ec.,  vedi  pag.  241» 
Strambio  dott.  cav.  Gaetano,  ec,  vedi  pag.  i3o. 
Besana  dott.  Enrico  -  via  Annunciata  2. 
Villani  ing.  Carlo  -  piazzetta  ss.  Pietro  e  Lino  4» 
K.  N. 

Membri  nati 

De  Vecchi  cav.  Pietro,  procuratore  del  Re,  ec,  vedi 

pag.  217. 
Orlandini  dott.  Carlo,  vice-conservatore  del  vaccino 

e  segretario  -  via  Durini  25. 

Consiglieri  straordinarj. 

Cardane  dolt.  Luigi  -  via  Monforte  4» 
Cabiati  Achille,  farmacista  -  via  s.  Antonio  2. 
Rougier  dott.  cav.  Achille  -  corso  P,  Romana  17. 


452  iSTtTtJTl   SANITARI 

ISTITUTI  OSPITALIERI 


Ospedale  Maggiore, 

Causa  P.  del  Sesto,  Eredità  Macchio, 

Causa  P.  di  S.  Corona, 

Legato  Pio  Secco-Comneno , 

Ospedale  delle  Fate-bene-sorelle , 

Causa  P.  Agnesi. 

A  esecuzione  della  legge  3  agosto  1862  sulle  opere 
pie  questi  Istituti  sono  ora'rappresentati  dal  Consiglio 
degli  Istituti  Ospitalieri  sia  per  la  parte  amministra- 
tiva, sia  per  la  parte  direttiva.  Il  Consiglio,  creato  con 
regio  decreto  3o  agosto  1 865,  è  costituito  di  nove  con- 
siglieri, dei  quali  uno  è  presidente,  e  un  altro  vice- 
presidente. 

i.°  Nell'Ospedale  Maggiore,  fondato  Tanno  i456,  si 
ricevono  gli  ammalati  poveri  affetti  da  malattie  sana- 
bili ed  appartenenti  a  Comuni  che  per  consuetudine 
fruiscono  di  questa  beneficenza. 

GÌ*  infermi  non  poveri,  i  venerei,  i  tignosi,  gli  sca- 
biosi,  i  vajolosi,  i  petecchiosi,  gli  idrofobi  ed  i  cronici 
sono  trattati  contro  pagamento,  a  carico  proprio,  o  di 
speciali  legati,  o  dei  Comuni ,  o  del  pubblico  erario. 

Oltre  il  grandioso  stabilimento,  si  contano  tre  case 
sussidiarie:  quella  di  S.  Antonino 3  il  recinto  di  S.  Mi- 
chele ai  nuovi  sepolcri^  così  detto  del  Foppone,  slato 
riattato  nel  i858  con  ingente  spesa,  in  cui  sono  ora 
collocate  le  malattie  contagiose;  il  locale  detto  delGallo* 
posto  nelT  ortaglia  di  S.  Antonino,  per  le  deliranti. 

Col  recente  regolamento  venne  nelV  Ospedale  Mag- 
giore istituita  una  cattedra  di  anatomia  chirurgica.  Il 
professore,  coadjuvato  da  un  assistente,   ha  anche  la 


ISTITUTI  SANITAKJ  4^3 

direzione  del  gabinetto  anatomo-patologico  e  delle 
sale  per  le  sezioni  cadaveriche.  Lezioni  di  psichiatria 
sono  pure  date  dal  professore  cav;  Andrea  Verga,  ed 
altri  distinti  medici  e  chirurghi  tengono  conferenze  su 
varj  rami  delle  scienze  mediche. 

Per  le  malattie  cutanee*  ottalmiche,  sifilitiche  e  ge- 
nealogiche vennero  istituite  divisioni  speciali  allo  sco- 
po di  utilizzare  i  ricchi  elementi  di  istruzione  forniti 
dall'Ospitale.  Tutto  il  personale  sanitario  interno  può 
assistere  alla  relative  sezioni  e  conferenze,  non  ostando 
l'orario  per  le  visite  generali.  Sono  pure  ammessi  i 
medici  e  chirurghi  esterni. 

2.°  Il  Pio  Istituto  di  s.  Corona  provvede  all'  assi- 
stenza gratuita  degli  ammalati  poveri  della  città  di 
Milano,  ambulanti  od  obbligati  in  casa.  Per  questi  vi 
sono  ventiquattro  medico-chirurghi  condotti  e  sei  le- 
vatrici. Per  gli  ammalati  ambulanti.)  nei  locali  di  resi- 
denza del  Pio  Istituto  e  in  ore  determinate  del  giorno 
si  fanno  visite  di  medicina,  chirurgia,  occulistica,  sifì- 
liatria,  dentistica  e  podojatria. 

L'Istituto  dà  gratuitamente  ai  poveri  come  sopra 
anche  i  medicinali  e  presidii  chirurgici. 

3.°  L'Istituto  Secco- Co mneno  pei  convalescenti, 
attivato  il  i.°  gennaio  i853,  provvisoriamente  nella 
sala  detta  del  Crocerone j  opportunamente  divisa,  è 
capace  di  contenere  36  uomini  ed  altrettante  donne. 

4°  Fondazione  Dell*  Acqua.  —  Sebbene  fino  dal- 
l'anno 1846,  per  le  donazioni  generose  dei  medici  e 
chirurghi  addetti  all'Ospitale  Maggiore,  si  fosse  for- 
mata una  piccola  raccolta  di  libri,  pure  chi  le  diede 
il  nome  e  l'importanza  di  biblioteca  fu  il  dottor  Carlo 
Dell'Acqua,  che,  morendo  nello  stesso  anno  1846, 
oltre  al  dono  della  preziosa  sua  biblioteca  ricca  di 
quasi  tremila  volumi,  vi  legò  la  cospicua  somma  di 
lire  cinquantamila,  il  cui  annuo  frutto  dispose  doversi 
erogare  nell' acquisto  di  opere  e  giornali,  non  che 
nella  fondazione  d'un  annuo  premio  di  lire  seicento 


454  ISTITUTI  SANITÀRI 

milanesi,  da  distribuirsi  a  quel  medico  o  chirurgo  ad- 
detto all'  Ospitale,  che  non  avendo  compiuti  i  35  anni, 
presenti  una  Memoria  di  medicina  o  di  chirurgia  ,  la 
quale  poi  da  apposita  Commissione  venga  giudicata 
meritevole  del  premio  stesso.  A  rendere  vieppiù  sicuri 
ed  abbondanti  i  frutti  della  generosa  somma  disposta 
a  favore  della  biblioteca,  il  savio  testatore  stabili  che 
almeno  una  volta  al  mese  i  medici  e  chirurghi  dell'O- 
spitale venissero  convocati  in  seduta  nella  detta  biblio- 
teca, arricchita  di  giornali  in  diverse  lingue,  ove,  al- 
cuni dei  più  dotti  nelle  lingue  straniere  comunicassero 
all'adunanza  gli  estratti  degli  stessi  giornali,  previa- 
mente loro  a  questo  scopo  distribuiti.  A  queste  sedute 
che,  inaugurate  nel  3  maggio  i85*2,  vennero  regolar- 
mente ripetute  nei  successivi  mesi,  hanno  libero  l'ac- 
cesso anche  i  medici  e  chirurghi  non  appartenenti 
all'  Ospitale. 

La  biblioteca  fu  debitamente  organizzata  e  aperta 
al  pubblico  solo  nel  i85o,  e  andò  in  seguito  notabil- 
mente arricchendo  pei  doni  di  molti  medici  anche  fo- 
restieri, e  specialmente  per  i  legati  dei  do! tori  Carlo 
Gallo  e  Carlo  Ampelio  Calderini,  cosicché  attualmente, 
comprendendo  anche  i  dcppii,  conta  più  di  undicimila 
volumi. 

5.°  L'Ospedale  Fate-bene-sorelle  ebbe  il  suo  prin- 
cipio nel  i.°  settembre  dell'anno  1823  nel  borgo  degli 
Ortolani,  nel  locale  altre  volte  di  sant'Ambrogio  ad 
nemus.  L'  ex-religiosa  Madre  Giovanna  Lomeni  fu  la 
promotrice  di  questo  Pio  Istituto ,  che  poi ,  mercè  le 
cure  della  contessa  Laura  Visconti  Ciceri ,  ebbe  tale 
sviluppo  da  meritare  alla  medesima  l'onore  di  fonda- 
trice. Le  inferme  vengono  assistite  dalle  suore  di  carità, 
concorrendo  colle  loro  cure  indefesse  a  rendere  più 
utile  1'  opera  del  medico.  Questo  stabilimento  andò 
prosperando  e  per  la  generosità  della  benemerita  fon- 
datrice, e  per  la  beneficenza  di  alcuni  testatori,  e  n'è 
prova  l'ampio  locale,  disegno  dell'architetto  Giuloi 


ISTITUTI  SANITABJ  4^5 

Aluisetti,  condotto  a  termine  nel  i85i  lungo  la  strada 
a  Porta  Nuova.  Attualmente  vi  si  contano  cento  e  più 
letti  disposti  in  due  grandi  infermerie,  denominate 
P  una  l'Addolorata,  l'altra  di  s.  Vincenzo. 

Questo  spedale  è  destinato  a  ricovero  delle  malattie 
acute;  vi  sono  però  circa  quattordici  letti  riservati,  per 
disposizioni  testamentarie,  alle  malattie  croniche.  Sono 
escluse  dalla  accettazione  le  donne  in  istato  di  gesta- 
zione, le  malattie  veneree,  le  alienazioni  mentali  e  le 
malattie  chirurgiche. 


CONSIGLIO    DEGLI    ISTITUTI    OSPITALIERI 

(Pia  Ospedale  2.) 

Presidente. 

Anelli  nob.  Carlo  Annibale,  comrn.  $fe,  presidente  di 
sezione  di  Corte  di  Cassazione-  via  Borgo  Nuovo  18. 

Vice-Presidente 

Corbetta  dott.  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  197. 

Consiglieri. 

Tarchini  Bonfanti  dott.  cav.  Antonio,  ec,  v.  p.  204. 
Todeschini  dott.  cav.  Cesare,  ec,  vedi  pag.  i3o. 
Brini  ing.  Giuseppe  -  via  Monte  di  Pietà  1. 
Zanca  ing.  Antonio  -  piazza  Cavour  7. 
Nappi  rag.  Giuseppe,  ^  -  via  Giardino  3i. 
Beretta  cav.  Antonio,  presidente  di  sezione  di  Corte 

d'Appello,  in  riposo  -  via  Borgo  Nuovo  6. 
N.  N. 

UFFICI    DI    GESTIONE. 

Segreteria. 

Perelli  cav.  avv.  Emilio,  segretario  generale  •  via  Bi» 
gli  26. 


456  ISTITUTI  SANITARI 

Albasini  avv.  Innocente,  segr.  legale,  ec,  v.  pag.  174* 
Campagnani  dott.  Pancrazio,  idem  -  corso  P.  Vittoria  28. 
Vismara  dott.  Antonio,  idem  -  via  Pantano  17. 
Zuffi  dolt.  Luigi,  segr.  medico,  ec,  vedi  pag.  189. 
Caglio  dott.  Giuseppe,  alunno  di  concetto  ,  ec,  vedi 

pag.  3p6. 
Padulli  nob.  dott.   Antonio,  alunno  legale  -  piazza  s. 

Sepolcro  7. 
Tanzi  Cesare,  ufficiale  di  cancelleria  -  via  s.  Paolo  3. 
Ferrano  rag.  Pietro,  cancellista-  corso P.  Romana  120. 
Chiodi  dott.  Cesare,  notajo  -  via  Meravigli  io. 

Albini  Giovanni,  inserviente  -  via  Bergamini  9. 
Moretti  Antonio,  idem  -  piazza  s.  JNazaro  25. 

Ragioneria. 

Galiarati  Gius.,  ragioniere  capo  -  via  Disciplini  11. 

Garavaglia  rag.  Giovanni,  aggiunto  capo  sezione  -  via 
s.  Rafaele  9. 

Pezzi  rag.  Giovanni,  aggiunto  capo  sezione-  via  Bas- 
sano  Porrone  8. 

Angiolini  rag.  Vincenzo,  idem  -  via  Chiusa  16. 

Allegri  Augusto,  uff.  cont.  di  prima  ci.  -  via  s.  Zeno  10. 

Albasini  rag.  Pietro,  idem  -  via  Crocifisso  7. 

W.  N.,  idem. 

Agrati  rag.  Giovanni,  idem  di  seconda  classe  -  vicolo 
s.  Zeno  6. 

Cerati  rag.  Alessandro,  idem  -  via  Montebello  2. 

Benzoni  Francesco,  idem  -  CC.  SS.  P.  Vittoria  38. 

Aliprandi  rag.  Pietro,  idem  di  terza  ci.  -  via  Larga  20. 

Centemeri  rag.  Davide,  idem  -  via  Ospedale  1. 

Borgazzi  Luigi,  idem  -  Verziere  17. 

Scopini  Antonio,  computa  di  prima  classe  -  piazza 
s.  Nazaro. 

Porta  rag.  Cesare,  idem  -  via  s.  Vito  i3. 

Viglezzi  rag.  Medardo,  idem  -  via  Vigna  1. 

Maspero  Marco,  idem  di  seconda  classe  -  via  Mera- 
vigli 5. 


ISTITUTI  S  ANITA  RJ  4^7 

Snìder  rag.  Antonio,  idem  di  terza  classe-  via  Pan- 
tano 6. 
Valenti  Giovanni  Battista,  idem  -  piazza  Carmine    i. 
Perelli-Cippo  rag.  Paolo,  idem  -  via  Rebecchino  16. 
Bori  ini  Roberto,  idem  -  corso  P.  Romana  120. 
Porro  Edoardo,  alunno  coli*  adjutum  -  via  Larga  17. 
Novarini  Marino,  alunno-  via  Maddalena   1. 
Radice  Cesare,  idem  -  gali.  De  Cristoforis  a 4-25. 
Soliva  Francesco,  idem  -  corso  P.  Vittoria  .10. 
Albini  Maurilio,  idem  -  via  Monte  Napoleone  i4» 

Caldirola  Ferdinando,  inserviente  -  via  s.  Vitlorello  2. 
Pacciarini  Stefano,  idem  -  corso  Porta  Ticinese  94. 

Consulente  legale» 
Lamperti  avv.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  208. 

Ufficio  degli  Ingegneri 
De  Notaris  ing.  Giovanni,  ing.  capo  -  via  s.  Agnese  1. 
N.  N.,  ingegnere  aggiunto. 
Majocchi  ing.  Angelo,  alunno  -  via  s.  Eufemia  19. 

Sezione  agenziale. 
Crippa  ing.  Felice  -  via  s.  Calimero  3. 
Tarra  ing.  Gaetano,  ec,  vedi  pag.  209. 
Fortunati  Carlo,  inserviente  -  via  Pesce  12. 

Cassiere. 
Cagnoni  rag.  Mitridate  -  via  Amedei  4» 
Bossi  Francesco,  inserviente  -  nell'  Ospedale. 

Economato. 
Caimi  Gaetano,  economo  -  via  Pantano   17. 
Ceruti  Gaetano,  aggiunto-economo  -  via  Cavenaghi  8. 
N.  N.,  cancelliere. 

Fagnani  Francesco,  computista  -  corso  s.  Celso  42. 
Botta  Antonio,  magazziniere  -  corso  P.  Romana  67. 
Gabbani  Gaetano,  agg.-magazz.  -  corso  P.  Vittoria  32. 
N.  N,  alunno  gratuito. 


458  ISTITUTI  SANITARI 

Nava  Angelo,  ìstitore  alla  panizzazione. 
Sacchi  Angelo,  istitore  della  lavanderia  -  via  Mulino 
delle  Armi  i3. 

Pescatori  Luigi,  inserviente  -  via  s.  Calimero  23. 

Protocollo  e  Spedizione. 
Belloli  dott.  Pietro,  capo  d'ufficio -via  s.  Simone  n. 
Limonta  Carlo,  aggiunto  -  via  Porta  Vigentina  7. 
Castiglioni  nob.  Timol.,  uff.  -  via  Manara  8. 
N.  N.,  idem. 
Della  Torre  di  Rezzonico  Giuseppe,  scrittore  di  prima 

classe  -  via  Torino  60. 
Cassoni  Modesto,  idem  -  via  s.  Marta  21. 
Vigano  Pietro,  idem  di  seconda  classe  -  via  Pattari  6. 
Resti  Linceo,  idem  -  via  s.  Croce  4« 
Poma  Alessandro,  alunno  -  via  Fontana  i5. 

Colombo  Gius.,  inserviente  -  corso  P.  Romana  84. 
Piloni  Giuseppe,  idem  •  Verziere  14. 

archivio, 
Canetta  Pietro,  capo  d'ufficio  -  corso  P.  Romana  t\i. 
N.  N.,  aggiunto. 

Cova  Giovanni,  ufficiale  •  via  Ambrosiana. 
Valaperta  Francesco,  idem  -  piazza  s.  Ambrogio  2. 
Galbiati  Antonio,  scrittore  -  via  Camminadella  9. 
N.  N.,  idem. 

Fortunati  Francesco,  inserviente  -  piazza  s.  Nazaro  21. 


Ispettorato, 

Verner  dott.  Giorgio,  ispettore- capo  -  corso  P.  Ro- 
mana 79. 

Bogani  dott.  Innocente,  ispettore  aggiunto  -  corso  di 
P.  Vittoria  38. 

Pavesi  Carlo,  cancellista  -  corso  Magenta  56. 

N.  N,  inserviente. 


ISTITUTI   SANITARI  4^9 

Professore  di  psichiatria. 

Verga  cav.  dott.  Andrea,  ec,  vedi  pag.  i3o. 

Professore  di  anatomia  chirurgica 
e  direttore  del  Gabinetto  anato mo -patologico. 

Alberimi  dolt.  cav.  Giovanni  -  via  Pesce  24. 

Assistente  alla  cattedra  di  anatomia  chirurgica. 
Turati  Achille  Antonio  -  via  (Dimetto  io. 

Bibliotecario. 
Molinari  dott.  Roberto  -  via  Amedei  i3. 

Medici  primarj  emeriti  e  Consulenti  straordinarj. 
Viglezzi  dott.  Francesco,   %  -  via  Borgonuovo  4» 
Fornara  dott.  Giuseppe  -  via  Pantano  4» 
Marieni  dott.  cav.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  260. 
Massazza  Francesco  -  via  Cerva  5g. 
Rizzi  Mosè,  %  -  via  Unione  18. 

Medici  primarj  emeriti. 

Marini  De  Besana  nob.  Giuseppe  -  via  Rugabella  11. 

Nardi  dott.  Cario  -  via  s.  Vito  3. 

Casati  dolt.  Guglielmo  -  via  s.  Prospero  6. 

Lossetti  dott.  Luca  -  via  Giardino  53. 

Motta  Luigi,  if.  -  via  Rugabella  3. 

Medici  primarj. 

Verri  cav.  Vincenzo,  ec,  vedi  pag.  4 io. 

Chiapponi  Pietro,  ec,  vedi  pag.   1 44* 

Pasta  Carlo  -  via  s.  Paolo  2. 

Manzolini  Arcangelo,  ec,  vedi  pag,  335. 

Rotondi  Giorgio,  ec,  vedi  pag,  174» 

De  Cristoforis  nob.  Malachia,  @  -  via  Monforte  14. 

N.  N.-N.  N. 

Chirurghi  primarj  emeriti. 

Taramelli  cav.  Carlo  -  via  Chiaravalle  i4- 


460  ISTITUTI   SANITARI 

Scotti  dott.  Giuseppe  -  via  Durini  i3. 
Masnini  Michele,  0  -  via  Velasca  3. 

Chirurgia  primarj. 
Gherini  cav.  Ambrogio,  ec,  vedi  pag.  365. 
Tassani  Gustavo,  ec,  vedi  pag.  2o5. 
Monti  Carlo  Fortunato  -  corso  P.  Romana  ^i. 
Gritti  Rocco  -  via  Durino  i3. 
Fumagalli  cav.  Cesare,  ec,  vedi  pag.  383. 
Degliocchi  Giuseppe  -  via  Giardino  io. 
Albertini  dott.  cav.  Giovanni,  predetto,  IT. 

SPECIALISTI    PRIMARJ. 

Per  le  malattie  degli  occhi. 
Lainali  Carlo  -  via  Visconti  io. 

Per  le  malattie  veneree. 
Ambrosoli  Carlo,  ec,  vedi  pag.  239. 

Per  le  malatie  cutanee, 
Dubini  cav.  Angelo,  ec,  vedi  pag.  241. 

Per  le  malattie  delle  gravide  e  dei  bambini. 
Valsuani  cav.  Emilio,  ec,  vedi  pag.  2  45. 

Medici  aggiunti. 
Bonola  Bartolomeo  -  via  Borromeo  2. 
Pedretti  Antonio  -  via  Zecca  Vecchia  12. 
Brocca  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  116. 

Chirurghi  aggiunti. 
Alberti  Giuseppe  -  via  Chioselto  i3. 
Bacciocchi  Camillo  -  piazza  s.  Marta  3. 
Picinini  Baldassare  -  via  Osti  i. 
Rezzonico  Antonio,  ec,  vedi  pag.  170. 
Barbieri  Agostino,  -  via  s.  Antonio  20,  ec,  v.  p.  178. 
Casliglioni  Antonio  -  via  s.  Sofia  5i. 

Medici  ajulanti. 
Dell'Acqua  Francesco  -  vicolo  s.  Cario  4* 


ISTITUTI  SANITABJ  fòl 

Coridori  nob.  Luigi  -  via  Borgo  Nuovo  19. 
Cioja  Francesco  -  corso  Venezia  7. 
Cavaleri  Antonio  -  via  s.  Agnese  i4« 
Astori  Francesco  -  corso  P,  Ticinese  60. 
Calastri  Luigi  -  via  Fontana  20. 
Castoldi  cav.  Ezio,  ec,  vedi  pag.  3^6. 
Visconti  Achille  -  via  Boschetti  6. 
Tamburini  Cirillo,  ec,  vedi  pag.  176. 
Bozzi  Eugenio  -  via  Crocifisso  16. 
Zennaro  Angelo  -  via  Durini  23. 
Barinetti  Stefano  -  via  Vigentina  8. 
Terzi  nob.  Ernesto  -  via  Broletto  37. 
N.  N. 

Chirurghi  ajutanti. 
Veladini  Paolo  -  via  Zecca  Vecchia  12. 
Balossi  Stefano,  ec,  vedi  pag.   180. 
Borgazzi  Pietro  -  via  Pesce  24. 
Ricordi  Amilcare  -  via  Pantano  17. 
Boccomini  Edoardo  -  via  s.  Antonio  22. 
De  Magri  Francesco,  ec,  vedi  pag.  388. 
Restellini  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  170. 
Vergani  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  267. 
Agnelli  Alfonso  -  via  Tre  Alberghi  22. 
Saccani  Giuliano  -  via  s.  Gio.  in  Conca   io. 
Turati  Achille  Antonio,  ec,  vedi  pag.  45>9- 

Medici-chirurghi  assistenti. 
Perabò  Carlo,  chirurgo  maggiore  -  via  Bocchetto  22. 
Luoni  Zaccaria,  idem  -  via  Spiga  9. 
Santagostino  Giuseppe  -  via  Medici. 
Beretta  Giovanni,  ec,  vedi  pag.   174. 
Ambrosoli  Pietro  -  via  Pantano  17. 
Uccelli  Luigi  -  via  Pattari  9. 
Violini  Enrico  -  corso  Garibaldi  39. 
Carpani  Luigi  -  via  Brera  20. 
Pecorara  Achille,  ec,  vedi  pag.  272. 
Rovida  Carlo  Leopoldo  -  via  Pontano  3. 


462  ISTITUTI  SÀNITÀRJ 

Ponti  Angelo  -  corso  Garibaldi  123. 
Breganze  Nicola  -  via  Borgogna  5. 
Porro  Edoardo,  ec,  vedi  pag.  3 io. 
Ferrano  Eugenio  -  via  s.  Tomaso  3. 
Nardi  Ernesto  -  via  Cerva  6. 
Rizzardi  Ausano  -  corso  s.  Celso  5. 
Briziano  Pompeo  -  via  Paltari  3. 
Ferrano  Luigi  -  via  Broletto  i3. 
Ranzi  Lodovico  -  piazza  Scala  4* 
Thurman  Amedeo  -  via  Lupetla  8. 
Grancini  Gioachimo  -  via  s.  Calimero  3. 

%        Medici-chirurghi  praticanti  gratuiti» 

Cozzi*  Francesco  -  via  Gesù  i5. 
Brusaferri  Carlo  -  via  Spiga  6. 
Vida  Pietro  -  via  Rorrorneo  y. 
Bozzolo  Camillo  -  via  Rugabella  1 1 . 

Capo  infermiere. 
Codecà  Gaetano  -  via  Guastalla  21. 

Vice-capo  infermiere. 
Pelli  Carlo  -  via  s.  Barnaba  48. 
Levatrici. 
Villa  Rosa.  |  Tarantola  Virginia. 

Altri  medici  e  chirurghi  inscritti  come  assumibili 
al  servizio,  secondo  l'evenienza  del  bisogno ,  vengono 
chiamati  all'  opportunità  a  prestar  Y  opera  loro  in  via 
provvisoria  in  quel  numero  che  il  servizio  richiede. 

SERVIZIO  SANITARIO    DEL    PIO    ISTITUTO 
DI    SANTA    CORONA. 

Ispettorato. 
Bossi  dott.  Angelo,  i.°  ispettore,  ec,  vedi  pag.  55 j. 
Melzi  dott.  Valentino,  2.0  ispettore  -  via  Chiara  valle  12, 


ISTITUTI  SANITARI  i[&Ò 

Medici  Chirurghi  condotti, 
Quarl.TC     i.  Brambilla  Giuseppe  -  via  Castel fidardo  8. 
»         2.  Marabelli  Pietro^  ec,  vedi  pag.   169. 
>»         3.  Villa  Giuseppe  -  corso  Venezia  89. 
»         4.  Bondioli  Giacomo  -  via  Passarella  i3. 
m         5.  Brambilla  Carlo  -  via  s.  Calimero  1. 
»         6.  Nolli  Giovanni  -  via  Vigentina  2. 
»         7.  Bassi  Pietro  -  corso  P.  Romana  53. 
>y         o.  Spedalieri  Giuseppe  -  via  Orsole  2. 
»         9.  Mandruzzato  Frane.  •  via  Palazzo  Reale  7. 

»  io.  De  Simoni  Angelo  -  via  s.  Girolamo  3j. 

»  11.  Perego  Stefano  -  via  Meravigli  3. 

»  12.  Pini  Giuseppe  -  Foro  Bonaparte  54. 

»  i3.  Galbiati  Frane.  -  piazza  s.  Simpliciano  2. 

»  i4«  Barzanò  cav.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  180. 

»  i5.  Falugi  Pietro  -  via  Durini  29. 

»  16.  Larino  Gaetano  -  via  s.  Zeno  8. 

»  17.  Caldara  Camillo  -  via  Velasca  2. 

»  18.  Forlanini  Francesco  -  via  Olmetto  17. 

»  19.  Galli  Paolo  -  via  Olmetto  4» 

»  20.  Monguzzi  Alberico,  ec,  vedi  pag.  171. 

»  21.  Massaglia  Antonio  -  via  s.  Vito  39. 

»  22.  Gnecchi  Erofilo  -  via  Asole  4« 

»  23.  Giani  Paolo  -  via  s.  Giovanni  in  Conca  7. 

»  24*  Magrini  Giuseppe  -  via  Ratti  2. 

Ambulanze. 
Per  le  malattie  medico -chirurgiche. 
Negri  Luigi  -  via  Osti  1. 
Mozzoni  Giacomo  -  via  Pantano  26. 
Sordelli  Vittore  -  vicolo  Fieno  4» 
Turati  Francesco  Achille  -  via  s.  Marta  12. 

Per  le  malattie  degli  occhi. 
De  Magri  Francesco,  ec,  vedi  pag.  388. 

Per  le  malattie  veneree. 
Ricordi  Amilcare,  ec.,  vedi  pag.  461. 


464  ISTITUTI   SANITÀRI 

Dentista. 
Terruzzi  dott.  Giuseppe  -  via  Ospedale  io. 

Pedicure. 
Briziano  chir.  Anselmo  -  via  Palazzo  di  Giustizia  io. 

Levatrici. 

Piottini  Adelaide  -  via  Chiusa  6. 

Mazzoli  Cardoli  Adelaide  -  via  Spadari  4» 

Garbarmi  Ranzani  Teresa  -  via  Chiaravalle  18. 

Castagna  Porro  Luigia  -  via  Broleilo  7. 

Marietti  Maria  -  via  Rovello  1. 

N.  N. 

Portiere. 
Greco  Giuseppe  -  via  Quadronno  34» 

UFFICIO    DI    ACCETTAZIONE. 

Sirtori  Felice,  capo  d'ufficio  -  via  s.  Vittore  8. 

Daverio  Demetrio,  aggiunto  -  via  s.  Bernardino  9. 

Borroni  rag,  Claudio,  scritt.  di  1  ci.  -  via  s.  Antonio  9. 

Marcora  rag.  Guglielmo,  idem  di  2  classe  -  corso 
P.  Ticinese  60. 

Crivelli  Enrico,  idem  -  via  Ospedale  34- 

Canzianì-Oggioni  Ignazio ,  alunno  -  sobborgo  P.  Ga- 
ribaldi, strada  di  circonvallazione  1. 

FARMACIA. 

Capo  farmacista. 
Casarico  Cesare  -  via  Pantano  17. 

Aggiunto  istitore. 
N.  N. 

Aiutanti  di  i.a  classe. 
Monticelli  Ignazio  -  via  Francesco  Sforza  3. 
Belloni  Giovanni  -  corso  P.  Romana  19. 
N.  N.  -  N.  N. 


ISTITUTI  SÀNITABI  fòS 

Aiutanti  di  2.a  classe. 

Caccia  Giovanni  -  via  Asole  i, 
Alberti  Antonio  -  corso  P.  Vittoria  6. 
Ceroni  Cinzio  -  via  s.  Clemente  4« 
N.  N. 

Aiutanti  di  3.a  classe. 

Crippa  Dionigi  -  corso  P.  Romana  95. 
Righelli  Latino  -  via  Orefici  i5. 
Galli  Ercole  -  CC.  SS.  Porta  Romana  88. 
Ceresa  Giuseppe  -  via  Tre  Alberghi  i/\. 

Aiutanti  di  4.a  classe. 

Monti  Francesco  -  sobborgo  P.  Vittoria  116. 
Corbellini  Giuseppe  -  via  Palazzo  di  Giustizia  3. 
Vitali  Giuseppe  -  corso  P.  Ticinese  87. 

N.  N.-N.N. 

Computista. 

Roveda  Giovanni  -  via  P.  Vigentina  g. 

Alunni. 
Ghisi  Eliseo  -  via  Ospedale  1. 
Salini  Scipione  -  corso  P.  Vittoria  34. 

N.  N. 

SERVIZIO   ECCLESIASTICO, 

Rocca  sac.  Angelo,  rettore  vicario   della   chiesa  par- 
rocchiale nell'Ospedale  Maggiore. 
Sciomachen  sac.  Giulio 
Nobili  sac.  Antonio 
Manzetti  sac.  Giacomo 
Radaelli  sac.  Antonio 

Carugati  sac.  Luigi  ,,>n      ^  ?"' 

Malfida  sac.  Luigi  [  nel1  0sPedal<>  "tesso. 

Passoni  sac.  Luigi 
Rota  sac.  Giovanni 
N.  N. 

Guida  1871  ~  3o 


466  ISTITUTI    SANITARI 

N.  5o  Suore  della  Carità,  ed  un  numero  illimitato 
di  infermieri  e  di  infermiere  si  prestano  all'assistenza 
dei  maiali  ed  al  buon  andamento  delle  interne  of- 
ficine. 


OSPEDALE  CICERI,  ou1  FATE  BENE-SORELLE. 

{Corso  di   P.  Nuova  a3.) 

N.  N.,  medico  primario  ed  ispettore. 

Pessani  Paolo,  medico  primario  e  ff.  di  ispettore  -  via 

s.  Maria  alla  Porta  i. 
Bossi  Lampugnani  nob.  Carlo,  me  dico -chirurgo  aju* 

tante  -  via  Lanzone  22. 
Muggetti  doti.  Giuseppe,  idem  -  nell'  Ospedale. 
Ruelle  Alf.,  medico-chirurgo  assistente-  via  s.  Pietro 

all'Orto  25. 
Ghisi  Eliseo,  incaricato  della  farmacia  -  via  Ospitale  1. 
Calvi  Batlista,  farmacista  assistente  -  neh1'  Ospedale. 
Calcaterra    ragioniere  Carlo,    economo    -  via    Borgo 

Spesso  i3. 
Martinoli  sac.  Carlo,  rettore  spirituale  -  nell'Ospedale. 
Giltardi  sac.  Felice^  i.°  coadjulore  -  ivi. 
BofFa  sac.  Ottavio,  2.0  coadjutore  -  ivi. 
Le  Sorelle  della  carità  assistono  le  inferme. 

Orario  delle  visite* 
Domenica  dalle  ore     9        alle  10         antim. 
Martedì  »  12  */2    »       1  1/a  pomer. 

Giovedì  »         g  «     10         antim. 

OSPIZIO  PROVINCIALE  DEGLI  ESPOSTI 
E  DELLE  PARTORIENTI 

{Via  Francesco  Sforza  33  ) 

Direzione. 

Grillini  dott.  cav.  Romolo  ^  direttore^  ec,  nella  sede 
dell'ospizio,  ec,  vedi  pag,  169. 


ISTITUTI  SANITARI  fòj 

Toniani  Luigi,  segretario  -  via  s.  Barnaba  12. 

Castoldi  Vinginio,  protocollista-archivista  -  via  s.  Si- 
mone 23. 

Casorati  Oreste,  scrittore  e  protocollista  aggiunto  -  via 
Maddalena  22. 

Zenone  Emilio,  registrante  capo  -  via  Orsoline  5. 

Origo  Luciano,  idem  aggiunto  -  corso  P.  Romana  93. 

Boracchi  Antonio,  j.°  applicato  -  via  Orso  12. 

Ceroli  Fortunato,  2.0  idem  -  via  Cerva  1. 

Pedoni  Francesco,  3.°  idem  -  corso  P.  Romana  65. 

De  Notaris  Carlo,  4«°  idem  -  via  s.  Agnese  1. 

Vignali  Domenico,  diurnista  -  corso  P.  Romana  120. 

Galimberti  Paolo,  economo-cassiere  -  nella  sede  del- 
l'Ospizio. 

Passoni  rag.  Vittore,  idem  aggiunto-  via  s.  Celso  i3. 

Marzoni  rag.  Agostino,  scrittore-contabile  -  via  Fab- 
bri   1 1 . 

Servizio  sanitario  per  il  comparto  degli  esposti. 

Frua  dolt.  Carlo  medico-chirurgo  primario,  ec. ,  vedi 

pag.  184. 
Casati  dolt.  Gaetano,  idem  -  via  s.  Prospero  6. 
Porro  dolt.   Edoardo,  idem  assistente  -  nell'Ospizio. 

Servizio  sanitario  per  il  comparto  ostetrico. 

N.  N.,  medico-chirurgo  primario 
Porro  dott.  Edoardo,  predetto,  primo  assist,  biennale. 
Grassi  dott.  Ernesto,  secondo  idem  -  neh' Ospizio. 
Mainardi  Leopolda,  levatrice  maggiore  -  ivi. 
Bianchi  Margherita,  i.a  assistente  levatrice  -  ivi. 
Damiani  Bibiana,  2.a  assistente  levatrice  -  ivi. 

Servizio  ecclesiastico. 

Tresoldi  sac.  Carlo,  curato  assistente  -  via  s.  Barnaba  8. 
Lazzaroni  sac.  Felice,  coadjutore  assistente,  ivi. 


468  ISTITUTI  SANITAftJ 

OSPEDALE  DE' FATE  BENE-FRATELLI 

(Via  Fate-bene  fratelli  9.) 

In  questo  spedale,  eretto  nell'anno  i588,  sonov- 
106  letti.  Non  vi  si  ricevono  che  uomini,  esclusi  gli  afi 
fetti  da  malattie  croniche  e  veneree.  E  governato  e 
servito  dai  Socj  Ospitalieri   delti  Fate-Bene-Fratelli. 

Nava  Elia,  direttore  ed  amministratore. 

Broglio  dott.  Gelso,  medico -chirurgo,  capo  infermiere. 

Scardici  Bernardo,  computista. 

Medici  Lorenzo,  chirurgo. 

Dell'Orto  Antonio   Maria,  chimico   e  direttore  della 

farmacia. 
Lattuada  Gaetano,  chirurgo  e  sotto-capo  infermiere. 
Gioiella   sac.   Garlo  Ambrogio,  assistente   alla  chiesa 

ed  all'ospitale. 
Grassi  sac.  Galdino,  istruttore. 
Zucchi  sac.  Onorato,  assistente  spirituale. 
Verga  Andrea,  sagrestano. 
Ghidini  Pietro,  guardarobiere. 


OSPEDALE  FILIALE  DE' FATE-BENE  FRATELLI 

DETTO  DI  SANTA  MARIA  DI  LORETO. 

(Via  3.  Vittore  3o-3a). 

In  questo  spedale,  aperto  neh' anno  1860,  attual- 
mente sonovi  52  letti. 

Terrani  Salesio,  chimico,  direttore. 
Moser  Basilio,  chirurgo,  capo  infermiere. 
Pandiani  Egidio,  sagrestano  e  registratore. 
Bianchi  sac.  Giuseppe,  assistente  spirituale. 


CASA  DI  SALUTE 

(Corso  Porta  Nuova  17.) 

Questo  Istituto  sanitario,  aperto  nel  i835  e  nuova- 
mente costituitosi  in  Società  anonima   con  istromento 


ISTITUTI  SANITARI  4^9 

i5  aprile  1866,,  a  rogito  del  dott.  Paolo  Migliavacca, 
trovasi  fornito  d'ampio  ed  adatto  locale  con  giardino, 
cortile  e  portici  pei  convalescenti ,  e  stabilimento  per 
bagni  semplici  e  medicati ,  bagni  a  vapore,  docciature 
fredde,  e  provveduto  di  continua  assistenza  medica  e 
chirurgica. 

Vi  si  accettano  in  cura  individui  d'ogni  età,  sesso  e 
condizione,  affetti  da  qualsiasi  malattia  medica,  chirur- 
gica ed  ostetrica,  mediante  pensione  da  ital.  L.  3  a  6, 
o  da  determinarsi  a  norma  dei  casi  e  delle  esigenze 
ed  in  base  al  Regolamento  ostensibile  presso  l'ufficio 
dello  Stabilimento. 

Consiglio  d*  Amministrazione. 
Presidente, 
Borromeo  conte  Renato,  ec,  vedi  pag.  296. 

Membri  del  Consiglio. 
Rosmini  avv.  Enrico,  ec,  vedi  pag.  1 44- 
N.  N. 

Amministratore  e  Cassiere. 
Majocchi  rag.  Pietro  -  via  Vetra  7. 
Direttore-medico . 
Mascazzini  Giovanni  -  residente  nella  casa. 

Chirurgo  operatore. 
Gherini  cav.  Ambrogio,  ec,  vedi  pag.  363. 

Medici- eh irurgh i  astan ti. 
Gasparini  Francesco  -  via  Solferino  3a. 
Bertarelli  Bernardo,  ec,  vedi  pag.  388. 

Ragioniere. 
Bognetti  Giuseppe  Palamede,  ec,  vedi  pag.  364- 

Economo. 
Valsuani  Antonio  -  residente  nella  casa. 


470  ISTITUTI  SANITARI 

MANICOMIO  PROVINCIALE  PRINCIPALE 
LA  SENAYRA 

(A  3/8  di  miglio  fuori  di  porta  Vittoria.) 

Castlglioni    dott.    cav.  Cesare.,  direttore-medico  ec. , 

vedi  pag.  255. 
Grancini  dott.  Frane.,  segretario-medico  -  via  s.Vito  2 1 . 
Rosmini  doti.  Giovanni  Battista,  primo  medico-chirurgo 

-  via  Lenlasio  1. 
Riggi  dott.  Girolamo,  secondo   medico-chirurgo  -  via 

s.  Maria  Fulcorina   i5. 
Gonzales  dott.  Edoardo,  terzo  medico-chirurgo  -  via 

s.  Eufemia  2. 
Zaffanelli  dott.  Pilade,  quarto  medico-chirurgo  -  corso 

P.  Romana  42. 
Beluschi  Demetrio,   protocollista   ed  archivista  -  via 

Larga  3. 
Trivulzi  Michele,  economo  -  via  Palazzo  Reale  7. 
Gampagnani  Ferdinando ,  economo  aggiunto   -  corso 

Porta  Vittoria   19. 
Cignoli  Carlo,  scritl.  contabile  -  vìa  Cerva  24. 
Cassina  Achille,  scriitore-  corso  Vittorio  Emanuele  58. 
Pozzi  sac.  Giuseppe,  cappellano  -  nel  Manicomio. 


MANICOMIO  DI  MOMBELLO 

(Circondario  di  Monza) 
Succursale  alla  Senavra. 

Castiglioni dott. cav.  Cesare, predetto,  direttore-medico. 

Rinaldini  dott.  Gaetano,  i.°  medico-chirurgo,  rappre- 
sentante il  direttore  in  sua  assenza-  residente  in  luogo. 

Gilardi  dott.  Nicola,  medico  chirurgo  -  residente  in 
luogo. 

Parea  Ferdinando,  economo  -  residente  in  luogo. 

Leoni  Luigi,  scrittore  contabile  -  domiciliato  a  Lim- 
biate,  circondario  di  Monza 


ISTITUTI  SANlTARJ  tfl  I 

Mera  Giovanni  Battista,  scrittore  -  domiciliato  a  Vare- 

do,  circondano  di  Monza. 
Videmari  sac.  Pietro,  cappellano  -  residente  in  luogo. 

OSPIZJ  PRIVATI  PER  PAZZI  E  MENTECATTI 

VILLA      ANTONINI. 

(Corso  s.  Celso  3l.) 

Questo  stabilimento,  chiamato  Villa  Antonini  dal 
nome  di  uno  de'  suoi  passati  direttori,  conta  oltre  4o 
anni  di  esistenza,  durante  i  quali  andò  ognora  assu- 
mendo maggiori  proporzioni,  massime  in  questi  ultimi 
anni.  La  posizione  del  locale  in  uno  dei  quartieri  più 
solitarj  della  città,  quantunque  non  sia  gran  fatto  lon- 
tano dal  centro,  i  suoi  ampj  giardini,  le  ortaglie  che  lo 
cingono  stendendosi  infino  ai  prossimi  bastioni ,  conci- 
liano al  luogo  T  isolamento,  la  calma  e  insieme  1'  ame- 
nità che  si  convengono  a  cosiffatti  stabilimenti. 

Il  direttore  dott.  cav.  Serafino  Biffi  (vedi  pagina  io5) 
attende  con  impegno  a  curare  i  malati  che  vengono  a 
lui  confidati  e  si  adopera  ad  estendere  nello  Stabili- 
mento que'  mezzi  di  cura  morale  che  valgono  a  coope- 
rare alla  guarigione  degli  alienati  o  a  renderne  almeno 
più  sopportabile  la  condizione.  E  per  rendere  più  rego- 
lare e  attiva  la  sorveglianza  e  l'assistenza  medica,  egli, 
già  da  parecchi  anni,  si  aggiunseun  medico-assistente,  il 
signor  dott.  Giuseppe  Arpesani,  il  quale  abita  pur  esso 
permanentemente  nello  Stabilimento. 


STABILIMENTO   SANITARIO   ROSSI 
DETTO  SENAVRETTA. 

(Porta  Vittoria,  via  Fontana  26.) 

Questo  Istituto   sanitario  trovasi   aperto    sino   dal- 
l'anno  1772. 


Hyl  ISTITUTI    SANITARI 

Posto  in  ariosa  e  salubre  situazione,  è  provveduto 
di  tutti  quei  mezzi  che,  suggeriti  dalle  odierne  me- 
diche dottrine,  valgono,  sia  dal  lato  fisico  che  morale, 
a  guarire,  o  sollevare  almeno  quegli  infelici  che  presi 
da  alienazione  mentale  acuta  o  cronica,  vengono  in 
esso  accolti  in  due  comparti,  l'uno  per  le  donne,  per 
gli  uomini  l'altro;  è  fornito  di  locali  segregati  giusta 
il  sesso  e  il  grado  ed  il  genere  differente  di  malattia , 
di  ampj  cortili,  di  estesi  e  variati  giardini,  di  gallerie 
che  servono  per  passeggio  nella  cattiva  stagione,  di  sale 
diverse  con  cembalo,  bigliardo  ed  altri  giuochi  di  di- 
strazione, e  tutto  ciò  unito  ad  una  assidua  ed  amo- 
revole sorveglianza. 

L'attuale  direttore  dott.  cav.  Ant.  Tarchini  Bonfanti 
(vedi  p.  204)  vi  introdusse  di  recente  molti  e  rilevanti 
miglioramenti  tanto  materiali  quanto  nel  modo  di  ser- 
vizio, avendo  anche  aumentato  il  personale.  Egli  è 
coadjuvato  dal  dott.  Luigi  Galastri  (vedi  pag.  !\6i) 
come  medico  aggiunto,  ed  ambidue  risiedono  nello 
Stabilimento. 

Le  diverse  classi  di  pensione,  il  corrispondente  trat- 
tamento, le  condizioni  per  l'ammissione  degli  amma- 
lati sono  fatte  conoscere  da  apposito  programma  a 
stampa,  e  dalla  Direzione,  alla  quale  può  dirigersi  chi 
abbisogna  d'  altre  notizie  in  proposito. 


OSPIZIO    DUFOUR. 

{Via  s.  Vittore  16-18.) 

Quest*  ospizio ,  diretto  e  condotto  dal  dottor  fisico 
sig.  Luigi  Riboni j  con  separati  locali  per  gli  uomini  e 
per  le  donne,  è  collocato  in  amena  posizione,  con  va- 
sti giardini ,  sale  di  ricreazione,  passatempi  ed  occu- 
pazioni d'ogni  specie,  ed  è  provveduto  di  tutto  quanto 
si  richiede  per  la  cura  fisico-psichica  dei  ricoverati. 

Oltre  il  direttore  dimorano  continuamente  in  sito, 


ISTITUTI    SANITABJ  ^  3 

sì  di  giorno  che  di  notte,  il  sig.  doltor  fisico  Francesco 
CorbeLta  in  qualità  di  medico  assistente  e  chirurgo, 
un  ispettore  per  gli  uomini ,  ed  un'ispettrice  per  le 
donne,  non  che  un  numero  sempre  considerabile  d'in- 
fermieri. Il  cav.  dott.  Andrea  Verga  (vedi  pag.  i3o),  è 
il  medico  consulente  ordinario  dell'  ospizio.  Il  signor 
cav.  Cesare  Fumagalli  (vedi  pag.  383)  presta  l'opera 
sua  in  qualità  di  chirurgo  maggiore,  ed  il  signor  Fer- 
dinando Baldinelli  come  meccanico  ortopedico. 

Chi  desiderasse  conoscere  le  classi  di  pensione,  il 
rispetlivo  trattamento,  o  avere  schiarimenti  più  estesi, 
si  rivolga  alla  Direzione  in  luogo. 


OSPIZIO    COLOMBO 

diretto  dal  dott.  fisico  cav.  Antonio  Bonati  (vedi  pag.  387.) 

{Via  s.   Vincenzo  34») 

Questo  stabilimento,  che  conta  oltre  cento  anni  di  esi- 
stenza, è  di  proprietà  ed  in  esercizio  degli  eredi  Co- 
lombo, che  non  risparmiarono  né  cura  né  spese  per 
renderlo  in  islato  di  non  essere  inferiore  a  qualsiasi 
altro  di  tal  genere;  trovasi  circondato  per  tre  lati  da 
una  vasta  ortaglia  e  da  giardini  che  servono  a  renderlo 
vieppiù  salubre,  ameno  e  proprio  alla  distrazione  e 
custodia  dei  ricoverati. 


SIFILICOMIO. 

{Via  Lanzone  l5.) 

Direttore  sanitario. 
Soresina  dott.  Giovanni  Battista,  ^?,  ispettore  sanitario 
di  Milano,  redattore  del  giornale  delle  Malattie  ve- 
neree e  della  pelle,  ec,  vedi  pag.  i5y. 

Medico  assistente, 
Ambrosoli  dott.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  239. 


474  ISTITUTI   SANITARI 

COMITATO  MILANESE  DI  VACCINAZIONE  ANIMALE 

{Via  Vicentina  2.) 

Ad  assecondare  il  bisogno  vivamente  sentito  di  ri- 
temprare la  profilatica  virtù  del  pus  vaccino  già  troppo 
snervato  da  innumeri  trapassi,  e  ad  ovviare  alla  pos- 
sibilità di  comunicare  colla  vaccinazione  ordinaria 
od  umanizzata  (  da  uomo  ad  uomo  e  da  braccio  a 
braccio)  fatali  germi  di  costituzionali  malattie  (sifilide, 
scrofola,  cancro,  rachitismo,  ec),  la  scienza  e  la  pra- 
tica suggerirono  di  sostituire  la  vaccinazione  animale 
alla  umanizzata,  tornando  così  alla  primitiva  pratica 
di  Jenner  e  di  Sacco.  Si  pensò,  in  una  parola,  di  far  ri- 
torno alla  igienica  operazione  di  inoculare  all'  uomo  la 
linfa  vaccinica  preventiva  del  vajolo,  togliendola  diret- 
tamente dalle  giovenche. 

Della  adozione  e  della  diffusione  della  vaccinazione 
animale  nell'  Italia  superiore  s' impegnarono,  fino  dal- 
l'anno 1869,  quattro  medici  milanesi,  i  dottori 
Nolli  Giovanni,  ect,  vedi  pag.  4^3, 
Rezzonico  Antonio,  ec,  vedi  pag.   170, 
Grancini  Gioachino  -  via  s.  Calimero  3. 
Dell'Acqua  Felice,  ec,  vedi  pag.   i54* 
che  all'  uopo  si   costituirono  in  Comitato  Milanese  di 
vaccinazione  animale,  aprendo   apposito  Stabilimento 
vaccinico  ed  ufficio  in  via  Vigentina  2. 

NelT indicata  località  i  signori  Sanitarj  ed  i  Corpi 
morali  possono  indirizzarsi  per  prendere  i  necessari 
concerti  tanto  per  le  vaccinazioni  dirette,  quanto  per 
somministrazione  di  elementi  d'innesto  (pustole,  pen- 
ne, ecc.). 


475 

ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 


CONGREGAZIONE  DI  CARITÀ'  DI  MILANO 

{Via  Dimetto  t>.) 

La  Congregazione  di  Carità ,  attivata  in  esecu- 
cuzione  della  legge  20  novembre  1859  sulle  Opere 
Pie,  è  subentrala  alla  Amministrazione  e  Direzione 
dei  Luoghi  Pii  Elemosinieri,  ed.  ha  la  rappresentanza 
dei  Luoghi  Pii  Elemosinieri  propriamente  delti,  del- 
l'Opera Pia  Birago,  della  Causa  Pia  Croce  e  della  C. 
P.  Grassi. 

Le  Pie  Case  d'Industria  e  di  Ricovero  in  Milano  e 
quelle  degli  Incurabili  in  Abbiategrasso  sono  pure 
amministrate  dalla  Congregazione  di  Carità  ed  hanno 
distinte  Direzioni  che  dipendono  dalla  medesima. 

I.  Luoghi  Pii  Elemosinieri. 

Prima  del  1784  esistevano  in  Milano  39  Luoghi  Pii, 
ciascuno  dei  quali  aveva  amministrazione  separata.  — 
Cinque  di  questi,  denominali  la  Misericordia 3  la  Ca- 
rità, le  Quattro  Marie,  la  Divinità  e  Loreto*  erano  per 
patrimonio  e  provvedimenti,  che  ne  venivano,  di  im- 
portanza maggiore.  Giuseppe  II  imperatore,  con  de- 
creto 6  maggio  di  quell'anno,  ordinò  la  concentrazione 
dei  LL.  PP.  minori  nei  cinque  anzidetti,  e  questa 
ebbe  efletto  per  istromento  20  settembre  del  suc- 
cessivo 1785,  del  quale  venne  rogato  il  dottor  Ste* 
fano  Marinoni.  Nel  1801  gli  anzidetti  cinque  LL.  PP., 
che  prima  avevano  amministrazione  separata,  vennero 
per  decreto  dell' inallora  Comitato  Governativo  riuniti 
in  una  sola  rappresentanza  amministrativa  che  si  de- 
nominò Capitolo  Centrale  dei  LL.  PP.  EE.  Nel  1808, 


4/6  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

istituita  la  Congregazione  di  carità,  passarono  alla  di- 
pendenza da  quella  anche  i  LL.  PP.  EE.,  e  forma- 
rono una  delle  tre  sezioni  in  cui  era  distinta.  Passarono 
poi  alla  gestione  della  Congregazione  stessa  pei  LL. 
PP.  E  E.  il  Luogo  Pio  dei  poveri  infermi  di  s.  Simpli- 
ciano e  molte  altre  cause  pie  per  gli  effetti  dei  decreti 
5  settembre  e  21  dicembre  1807  dell' inallora  Regno 
d'  Italia.  Per  sovrana  risoluzione  6  gennajo  1825,  di- 
sciolta la  Congregazione  di  carità,  si  crearono  separate 
amministrazioni  di  beneficenza,  e  quella  di  essa  a  cui 
fu  demandata  la  rappresentanza  dei  suindicati  LL.  PP. 
venne  detta  Amministrazione  deiLL.  P  P.  Elemosinieri 
alla  quale  ora  subentrò  di  nuovo  la  suddetta  Congre- 
gazione. 

I  redditi  del  complessivo  patrimonio  sono  erogati 
come  segue: 

i.°  Nella  distribuzione  di  sussidii  trimestrali  a  fami- 
glie povere  del  circondario  interno  di  Milano.  L'asse- 
gno per  ciascuna  famiglia  non  può  eccedere  le  L.  20, 
né  essere  minore  di  L.  io  al  trimestre.  Le  famiglie 
che  si  soccorrono  ogni  anno  ammontano  a  53oo  circa. 

2.0  Nella  dotazione  di  fanciulle  povere,  pure  di  Mi- 
lano, in  ragione  di  lir.  100  cadauna. 

3.°  Nella  dotazione  di  fanciulle  povere  del  contado 
di  Milano,  in  ragione   di  lire    4°   cadauna. 

4>0  Nella  distribuzione  di  oltre  lir.  46,000  a  famiglie 
civili,  povere,  decadute,  del  circondario  interno  di  Mi- 
lano. L'assegno  per  ciascuna  famiglia  non  può  essere 
minore  di  lir.  20  né  oltrepassare  le  lir.  3o  al  trimestre. 
Le  famiglie  che  si  sussidiano  ogni  anno  sono  600  circa. 

5.°  Nell'assegno  di  L.  8  al  mese  a  madri  povere 
che  allattano  la  propria  prole  legittima.  Nel  1870  il  nu- 
mero delle  madri  sussidiale  fu  di  490. 

6.°  In  assegni'  a  fanciulli  derelitti  od  orfani. 

7.0  Nell'assegno  di  annue  lir.  307.  20  a  ciascuna  di 
tre  nobili  fanciulle  della  famiglia  Visconti,  non  minori 
d'anni  8,  uè  maggiori  d'anni  12,  a  titolo   d'educa- 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  4^7 

zione  fino  ai  18  anni,    per  disposizione  della  fu  mar- 
chesa Maria  Caterina  Lerma  Visconti. 

8.°  Nell'assegno  di  annue  lir.  45°  a  ciascuna  di 
quattro  nobili  vedove  della  città  di  Milano,  giusta  la 
disposizione  della  duchessa  Elena  Visconti  Borromeo. 

g.°  Nella  distribuzione  d'annue  lir.  ital.  40,000  circa 
in  diverse  elemosine  a  persone,  famiglie,  agnazioni  e 
territorj  specialmente  chiamati  da  pii  testatori. 

io.0  Nella  distribuzione  di  circa  annue  lir.  56,ooo  a 
fanciulle  di  diverse  parrochie,  famiglie  e  territorj  nel- 
T  occasione  del  loro  collocamento,  a  norma  del  disposto 
da  alcuni  pii  testatori. 

ii.°  Nell'assegno  di  lir.  460.  80  cadauno  a  io  stu- 
denti nella  R.  Università  di  Pavia,  cioè  6  della  città 
di  Milano,  con  preferi bilità  agli  studenti  in  legge,  per 
disposizione  del  fu  Martino  Cazzaniga;  2  della  città  di 
Lodi  e  2  della  città  di  Varese  e  sua  pieve,  i  quali  appli- 
chino per  metà  agli  stud  j  di  medicina  e  per  metà  a  quelli 
di  giurisprudenza,  per  legato  del  fu  Ambrogio  Griffi. 

12.0  Nella  erogazione  della  somma  di  lir.  2722,  22 
in  sussidj  mensili  a  favore  delle  madri  povere  che  al- 
lattano la  propria  prole  legittima,  giusta  la  disposizione 
testamentaria  del  fu  Giovanni  Puricelli  Guerra,  limi- 
tatamente però  alle  parrocchie  di  s.  Simpliciano,  di  s. 
Maria  Incoronata,  di  s.  Marco,  di  s.  Francesco  da 
Paola  e  di  s.  Fedele,  e  della  somma  di  L.  656,6/{  per 
sussidii  come  sopra  per  la  parrocchia  di  s.  Tomaso, 
giusta  le  disposizioni  de»  fu  Giovanni  Maino. 

i3.°  Nella  somministrazione  della  portantina  agl'in- 
fermi delle  parrochie  di  s.  Simpliciano  e  di  s.  Maria 
Incoronata  che  si  recano  agli  ospitali  di  questa  città, 
e  nella  sommistrazione  di  soccorsi  in  danaro  ad  am- 
malati cronici  di  dette  parrochie,  in  misura  non  mi- 
nore di  L.  6,  né  maggiore  di  L.  12  al  mese. 

14.0  Nel  mantenimento  delle  due  Case  d'Industria 
nei  locali  di  5.  Vincenzo  in  Prato  e  di  s.  Marco  in 
Milano. 


4y8  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

i5.°  Nel  mantenimento  di  un  certo  numero  di  ri- 
coverati nelle  due  Case  degT  incurabili  in  Abbiate- 
grasso.  La  nomina  dei  ricoverandi  nelle  medesime  è 
devoluta  alla  Congregazione  di  Carità. 

La  città  di  Milano.,  pel  servizio  dell'assegno  e  della 
distribuzione  delle  elemosine  tanto  ai  poveri  ordinarj 
ed  ai  cronici  che  ai  poveri  civili  decaduti  per  l'assegno 
delle  doti  sul  patrimonio  libero  dei  LL.  PP.  EE.  alle 
povere  nubende  della  città,  dei  sussidj  d'ogni  natura, 
dei  soccorsi  straordinarj  e  per  il  ricovero  a  carico 
pei  detti  LL.  PP.  negli  ospizj  che  dipèndono  dalla 
Congrezione  di  Carità,  è  divisa  in  sei  compartimenti, 
in  ciascuno  de' quali  esiste  un  Comitato  di  beneficenza 
costituito  da  6  a  12  individui,  che  vengono  nomi- 
nati dalla  Congregazione  di  Carità,  durano  in  carica 
quattro  anni  e  vengono  rinnovati  ogni  due  anni  per 
metà.  —  Ciascun  Comitato  di  beneficenza  assume  in- 
formazioni sulle  condizioni  morali,  economiche  ed  igie- 
niche degli  istanti;  si  riunisce  negli  uffizj  della  Con- 
gregazione di  Carità  sotto  la  presidenza  d'uno  dei  suoi 
membri ,  e  propone  gli  assegni  da  farsi  nel  proprio 
compartimento. 

IL  Causa  Pia  Croce. 

Istituita  dal  conte  Giuseppe  Croce  con  testamento 
11  novembre  1760,  di  cui  si  rogò  il  notajo  Alessandro 
Maria  Barletti,  per  la  cura  medica  chirurgica,  la  som- 
ministrazione dei  medicinali  e  la  distribuzione  di  sus- 
sidj agli  abitanti  di  Magnago,  distretto  XI  di  Cug- 
giono. 

III.  Opera  Pia  Birago. 

Fondala  dal  conte  Gio.  Balt.  Birago  con  testamento 
10  luglio  1821  a  sussidio  dei  sacerdoti  poveri  della 
diocesi  di  Milano  incapaci   di  celebrare  la  messa. 

IV.  Causa  Pia  Grassi. 

Fondata  dal  cav.  Francesco  Grassi  con  testamento 
3i  dicem.  1861,  con  un  patrimonio  di  oltre  L.  400,000, 


ISTITUTI   DI   BENEFICENZA  479 

la  cui  rendita  vuole  essere  erogata  nell'  assegno  di 
alcune  doti  a  povere  nubende  della  città  di  Milano  ed 
in  assegni  annui  da  L.  200  cadauno  a  favore  di  po- 
vere famiglie  civili  decadute,,  con  preferenza  a  quelle 
del  cognome  Grassi. 

V.  Pie  Case  d'Industria  e  Ricovero  di  Mendicità' 

(Casa  a  s.  Vincenzo^  via  s.  Vincenzo  19.) 
(Casa  a  s.  Marco }  via  s.  Marco  IO.) 

La  casa  d'industria  a  s.  Vincenzo  venne  eretta  dal 
Governo  nel  1784  sotto  il  titolo  di  Casa  di  lavoro  vo- 
lontario ,  e  fu  riformata  colla  denominazione  di  Casa 
d'industria  in  forza  del  reale  decreto  20  agosto  1808, 
col  quale  fu  proibitala  mendicità  nell' in  allora  Dipar- 
timento d'Olona. 

Quella  di  s.  Marco  è  stata  aperta  per  governativa 
determinazione  il  27  luglio  1 8 1 5  in  sussidio  alla  prima. 

Nell'una  e  nell'  altra  casa  intervengono  giornalmente 
al  lavoro  circa  600  poveri  d'ambo  i  sessi ,  a  termine 
medio,  nativi  della  città  di  Milano  od  in  essa  domi- 
ciliati da  dieci  anni.  Per  tre  giorni  però  vi  si  rice- 
vono  anche  individui  di  qualsiasi  altro  paese. 

I  maschi  intervengono  alla  Casa  a  s.  Marco;  le 
donne  a  quella  a  s.  Vincenzo.  Ai  primi  si  corrispon- 
dono cent.  35  al  giorno  a  titolo  di  assegno  di  benefi- 
cenza ;  alle  seconde  cent.  2^.  Tanto  gli  uni  che  le  al- 
tre possono  però  avere  una  sopramercede  pel  loro  la- 
voro speciale,  modulata  sopra  apposita  tariffa. 

Per  recenti  accordi  passali  tra  il  Municipio  di  Mi- 
lano e  la  Congregazione  di  Carità,  nelle  dette  pie  Case 
attivalo  il  Ricovero  di  mendicità  nei  sensi  della  vigente 
legge  di  pubblica  sicurezza.  Vi  si  frovano  quindi  ri 
coverali  a  carico  del  Comune  di  Milano  circa  5oò  in- 
dividui d'ambo  i  sessi.  Ai  ricoverati  viene  fornito  il 
villo  ed  il  vestiario  uniforme;  inoltre  vien  loro  cor- 
risposto un  assegno   settimanale,  che  può  ascendere 


48o  ISTITUTI  Ì)I    ÈENEfrlCENZA 

per  gli  uomini  a  centesimi  35,  per  le  donne  a  cente- 
simi 25.  Le  donne  sono  ricoverate  nella  casa  a  s.  Vin- 
cenzo, gli  uomini  in  quella  a  s.  Marco, 

Le  principali  manifatture  che  si  esercitano  nelle  Pie 
Case  sono,  le  stuoie  per  soppedanei,  la  tosatura  degli 
stracci  di  lana,  la  confezione  di  calze,  filacce,  scatole 
di  cartone,  ec,  per  conto  dei  privati. 
VI.  Pie  Case  pei  Poveri  Incuràbili  in  Abbiategrasso. 

Vennero  aperte  Tuna  nell'anno  1784  per  ordine  del- 
l'Imperatore Giuseppe  II  a  tutto  carico  della  sostanza 
dei  LL.  PP.  EE.  nel  locale  già  convento  di  s.  Chia- 
ra  in  Abbiategrasso  (  già  distretto  V  della  provincia 
di  Pavia),  per  il  ricovero  dei  poveri  affetti  da  malattie 
incurabili,  ma  non  qualificate  pel  ricovero  negli  spedali 
od  in  appositi  istituti,  e  che  pur  sono  inetti  a  gua- 
dagno ;  l'altra  nel  181 1  nel  locale  dell'Annunciata. 
Nella  prima  stanno  accolte  le  femmine;  sono  ricoverali 
gli  uomini  nella  seconda. 

Vi  si  accolgono  annualmente  più  di  640  individui, 
dei  quali  oltre  25o  a  carico  dei  LL.  PP.,  35  a  ca- 
rico dejla  Pia  Causa  Croce,  gli  altri  a  carico  de'  di- 
versi Comuni,  corpi  morali  0  privati. 

Membri  della  Congregazione  di  Carità'. 
Presidente 
D'Adda  nob,  Carlo,  comrtf.  Jfc,  ^|,  senatore  del  Re- 
gno, ec,  vedi  pag.  114. 

Consiglieri. 
Pavesi  sac.  Natale,  •)(-,  proposto  parroco  di  s.  Satiro. 
De  Leva  dott.   Massimiliano ,  >H  -  corso  s.  Celso  2. 
Mira  ing.  Carlo,  ^|  -  via  Stella  i5. 
Caglio  doti.  Pietro,  ^  -  via  Oriani  7. 
Broglia  ing.  Giuseppe,  ?H  -  via  Velasca  2.  % 
Bussi  avv.  Alessandro,  ^  -  corso  Venezia  14. 
Grassi  ing.  Luigi  -  via  Morigi  11. 
Giussani  rag.  Pietro  -  via  Bossi  2. 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  fòl 

Segreteria. 

Riboni  dott.  Luigi,  -£,  segret.  generale  -  via  Amedei  6. 
Scotti  avv.  Giuseppe, juniore,  segretario-  via  Bigli  io» 
Fumagalli  nob.  dott.  Camillo  idem  -  via  Brera  ai. 
N.  N.,  alunno  di  concetto. 

Bestetli  rag.   Giosuè ,  cancellista  ff.  d'  economo  -  via 
s.  Agnese  4» 

Consulente  legale. 
Comaschi  avv.  Carlo,  ec,  v.  p.  iy3. 

Notajo  d'ufficio. 

Dell'Oro  dott.  Rinaldo,  ec,  vedi  pag,  349. 

Ufficio  tecnico. 

N.  N. ,  ingegnere  capo. 

Magistretti  ing.  Carlo,  ingegnere  agg.  -  via  Bagulta  6. 

Volonteri  ing.  Angelo,  ingegnere  alunno  -  via  Orso  20. 

Agenti. 

Curti  Petarda  ing.  Giuseppe,  agente  in  Milano  -  corso 

Vittorio  Emanuele  22. 
Prevosti  ing.  Francesco,  agente  in  Binasco. 
Maggioni  ing.  Antonio,  idem  in  Riozzo. 
Canevaro  Antonio,  idem  in  Vimodrone. 
Franchi  ing.  Giuseppe,  idem  in  Pavia. 
Doglia  Luigi,  idem  in  Verua  Siccomario. 

Ragioneria. 

Marazzani  rag.  Giacomo,  capo  ragion.,  ec,  v.  p.  208. 
Gattoni  rag.  Angiolo,  aggiunto,  ec,  vedi  pag.  363. 
Pirinoli  rag.  Marcello,  i.°  uff.  -  via  s.  Dalmazio  4» 
Ferni  ragioniere  Carlo,  idem  di  i.a  classe  -via  s.  Ni- 

colao  6. 
Brusati  Carlo,  2.0  uff.  idem  -  corso  P.  Vittoria  4. 
Marabelli    Cesare,   i.°  uff.   di  2.a  classe  -  via  Borgo 

Nuovo   i5. 

Guida  iSji  —  5i 


401  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

Tocchi  rag.  Giovanni,  2. °  uff.  idem,  ec,  vedi  p.  172. 
Viviani   rag.   Bartolomeo,  2.0   uff.  di   3.a  classe  -  via 

s.  Girolamo  56. 
Lampertì  Ercole,  2.°comp.  di  i.a  ci.  -  corso  s.  Celso  5o» 
Bianchi  Augusto,    i.°  comp.  di  2.a  classe  -  via  Bor- 

ghetlo    12. 
Sayno  rag.  Carlo,  2.0  comp.  idem  -  via  Bocchetto  20. 
Ceruti  rag.  Antonio,  scritt.  contabile  -  via  s.  Eufemia  1 4. 
Vitladini  rag.  Goffredo,  alunno  -  corso  Vittorio  Em.  2 4» 

Protocollo  e  Spedizione. 

Marzoni  Antonio ,  protocollista  e  speditore  -  via  Tre 
Alberghi  28. 

Giani  nob.  Girolamo,  idem  aggiunto  -  via  s.  Marta  21. 

Vitali  Gaetano,  i.°  appi,  di   1  ,a  ci.  -  via  s.  Vito  3. 

Oidi  conte  Timoteo,  2.0  idem  di  i.a  classe  -  via  Si- 
gnora io. 

Apostolo  Innocente,,  i.°  idem  di  2.a  ci.  -  via  Lentasio  7. 

Monti  Carlo,  2. °  idem  di  2.a  ci.  -  via  Olmetto  ai. 

Archivio. 

Branca  dott.  Carlo,  archivista-  via  Maddalena  i5, 
Faconli  Arturo,  archivista  aggiunto  -  viaChiaravvlle  6. 
Rossi  Pietro,  scrittore  applicato  -  via  Passione  4» 
3N.  N.,  alunno. 

Ufficio  di  Cassa. 

Moretti  Angelo,  cassiere  -  via  Broletto  16. 
Valtorta  Gaetano, aggiunto  cassiere  -corso  Magenta  4$« 
Barozzi  Gaetano,   i.°  applicato  -  via  s.  Girolamo  34. 
Cavalieri  Pietro,  2.0  applicato  -  via  Stella  io. 
Ronchi  Pietro,  3.°  idem  -  via  Bollo  4- 

Medico  d'ufficio. 

Gnecchi  dott.  fisico  Erofìlo,  ec,  vedi  pag.  4^3. 

Portiere  ed  Inservienti. 

Mazzola  Antonio,  portiere  -  via  s.  Girolamo  34» 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  4^5 

Colombo  Francesco,  inserviente  -  nel  locale  d'ufficio. 

Caspani  Carlo,  idem  -  via  Piatti  8. 

Milani  Gaetano,  idem  -  via  Piatti   8. 

Malavasi  Giacomo,  idem  -  corso  P.  Ticinese  93. 

N.  N.,  idem. 

Beati  Ferdinando,  portinajo  -  in  luogo. 

COMITATI    DI    BENEFICENZA 

Compartimento    i.° 
Parrocchie  di    S.  Tomaso  ,  S.  Maria  del  Carmine, 
S.  Simpliciano,  S.  Maria  Coronata. 

Finzi  Enrico,  vice-presidente  -  via  Spiga  26. 

Barbò  nob.  Adalberto  -  via  Foro  3. 

Borromeo  conte  Emanuele,  ^|  -  piazza  Borromeo  7. 

Borromeo  conte  Federico  -  via  Manin  22. 

Calca  terra  Luigi  -  Ponte  Vetero  28. 

Carcano  nob.  Giuseppe,  comm.  %  -  via  Cernaja  7. 

Citterìo  nob.  Gaetano  -  via  Bigli  2. 

Greppi  nob.  Antonio  -  via  s.  Maurilio  17. 

Manci  conte  Gaetano  -  via  Spiga  42» 

Melzi  nobile  Diego  -  via  Monte  Napoleone  36. 

Norsa  dott.  Ugo  -  piazza  Scala  3. 

Porta  nob.  Luigi,  Jfc  -  via  Cavenaghi  8. 

Valerio  Baldassare,  ^  -  via  Rugabella  17. 

Pei  derelitti 
Barbò  nob.  Adalberto,  predetto. 
Greppi  nob.  Antonio,  predetto. 

Pei  poveri  civili  decaduti 
Borromeo  conte  Carlo  •  via  Giardino  4*« 
Frigerio  Paolo  -  via  Cernaja  n. 

Compartimento  2.0 
Parrocchie   di    S.   Marco  s  S.    Francesco  di  Paola, 
«S1.  Fedele,  la  Metropolitana ,  S.  Satiro,  S.  Sepolcro* 
Borromeo  conte  Carlo,  predetto,  vice-presidente. 


4 $4  ISTITUTI  DI   BENEFICENZA 

Alemanni  dott.  Antonio  -  piazza  Scala  3. 

Coridori  nob.  dott.  Luigi  -  via  Borgo  Nuovo  ig. 

D'Adda  march.  Gioachimo  -  via  Gesù  12. 

Frigerio  Paolo,  predetto. 

Furia  Domenico  -  corso  Vittorio  Emanuele  1. 

Giglio  Francesco  -  via  Asole  4. 

Greppi  nob.  Luigi  -  via  Borgo  Nuovo  9. 

Latluada  sac.  Luigi  -  CC.  SS.  P.  Vigentina 

Provasoli  ing.  Alessandro  »  via  s.  Protaso  io. 

Sacchi  Alberto  -  via  s.  Margherita  1. 

Volpato  Candido  -  via  Chiara  valle  6. 

Pei  derelitti 
Sacchi  Alberto.,  predetto. 
Volpato  Candido,  predetto. 

Pei  poveri  civili  decaduti 

Porta  nob.  cav.  Luigi,  predetto. 
Vismara  Bartolomeo,  J£  -  via  Brera  19. 

Compartimento   3,° 

Parrocchie  di  S.  Carlo  *  S.  Babila,  S.  Stefano,  S.  Ma- 
ria della  Passione, 

Bertoglio  conte  Giuseppe,  ^-,   vice-presidente  -  via 

Carlo  Porta    1. 
Arganini  dott.  Pietro  -  via  Signora  6. 
Bertoglio  conte  Gaetano  -  via  Monte  Napoleone   3j* 
Bouffìer  Pietro  -  via  Torino   i4« 
Castiglioni  marchese  Giuseppe  -  corso  Venezia  52. 
Conti  Emilio  -  via  Monforte  26. 
De  Togni  Aristide  -  piazza  Filodrammatici  8. 
Franchetti  nob.  Costantino  -  via  s.  Paolo  22. 
Litta  Modignani  nob.  Alfonso   -  via  Passarella  io. 
Litta  Modignani  nob.  Paolo,  ffé  -  via  Durini  i5. 
Obiciui  Ambrogio  -  via  Bigli. 
Vismara  cav.  Bartolomeo,  predetto. 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  485 

Pei  derelitti 
Berloglio  conte  Gaetano,  predetto. 
Franchetti  nob.  Costantino,  predetto. 

Pei  poveri  civili  decaduti 
Barone  Luigi  -  via  s.  Orsola  i3. 
Litta  Modignani  nob.  Paolo,  predetto. 

Compartimento  4«° 
Parrocchie  di  S.  Nazaro,  Ospitale  Maggiore*  S*  Ca- 
limero j  *S*.  Eufemia, 
Costa  sac.  Andrea,  -£,  vice-presid.  -  corso  s.  Celso  29. 
Barone  Luigi,  predetto. 

Berloglio  conte  dott.  Napoleone  -  via  Borgo  Nuovo  24. 
Bolognini  Attendolo  conte  Cesare  -  via  Giardino  l\i. 
Casati  nob.  Luigi  Agostino  -  via  Lanzone  4« 
Gargantini  Piatti  ing.  Giuseppe  -  via  Senato  12. 
Greppi  nob.  Alessandro  -  via  s.  Antonio  12. 
[simbardi  nob.  Luigi  -  via  Monforle  35. 
Lainati  ing.  Saverio  -  corso  s.  Celso  3o. 
Ratti  dott.  Giuseppe  -  via  s.  Zeno  5. 
Tomini  Foresti  conte  Piero  -  via  Borgo  Nuovo  18. 
Uboldi  nob.  Giuseppe  -  via  Pantano    i3. 

Pei  derelitti 
Costa  sac.  Andrea,  predetto 
Greppi  nob.  Alessandro.,  predetto. 

Pei  poveri  civili  decaduti 
Greppi  nob.  Alessandro,  predetto. 
Manci  conte  Gaetano,  predetto. 

Compartimento  5.° 

Parrocchie  di  S*  Lorenzo,  S.  Buslorgioa  S.  Alessandro. 

Scurati  dott.  Alessandro,  .£,  vice-presidente  -  piazza 

s.  Eustorgio  8. 
Archinto  conte  Luigi  -  via  Bigli  ig. 
Boltraffìo  nob.  avv.  Cesare  -  via  Case  Rotte  2, 


4^6  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

Cereda  ing.  Luigi  -  via  Oriani  7. 

Gaggi  sac.  Girolamo  -  canonica  di  s.  M.  Podone. 

Moretti  ing.  Attilio  -  via  s.  Simone  25. 

Rotta  Giuseppe  -  via  Fabbri  3. 

Ravizza  sac.  Paolo  -  canonica  di  s.  Eustorgio. 

Tornagbi  Giuseppe  -  via  Clerici   10. 

Turati  avv.  Enrico  -  via  s.  Marta  12. 

Zuccbi  avv.  Natale  -  piazza  s.  Sepolcro  7. 

Pei  derelitti 

Gaggi  sac.  Girolamo,   predetto. 
Cereda  ing.  Luigi,  predetto. 

Pei  poveri  civili  decadute 

Finzi  Enrico,  predetto. 
Melzi  nob.  Diego,  predetto. 

Compartimento  6.° 

Parrocchie  di  S,  Giorgio,  S.  Vittore*  S.  Ambrogio  , 
S.  Maria  Segreta  _,  S.  Maria  alla  Porta. 

Beltrami  Annibale,  vice-presidente  -  via  s.  Maria  Se- 
greta io. 
Bouffìer  Uberto  -  via  Lanzone. 
Bussi  sac.  Carlo  -  canonica  di  s.  Ambrogio. 
Chiappa  ing.  Angelo  -  via  Cappuccio   i5. 
Dal  Verme  conte  Giorgio  -  Foro  Bona  parte  29. 
Locati  Bernardo  -  via  Olmetto  7. 
Padulli  nobile  Girolamo  -  via  Monte  Napoleone  28. 
Pedraglio  rag.  Leone  -  conso  Magenta  27. 
Pirotta  cav.  G.  B.  -  piazza  s.  Ambrogio  ì\. 
Sebregondi  nob.  Ambrogio  -  via  Nerino   10. 
Tavella  sac.  Stanislao  -  canonica  di  s.  Giorgio. 

Pei  derelitti 

Pirotta  cav.  Gio.  Batt. ,  predetto. 
Sebregondi  nob.  Ambrogio,  predetto. 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  '487 

Pei  poveri  civili  decaduti 
Dal  Verme  conte  Giorgio,  predetto. 
Tornaghi  Giuseppe,  predetto. 

RICOVERO  DI  MENDICITÀ'  E  PIE  CASE  D'INDUSTRIA 

A  S.  Mabco  ed  a  S.  Vincenzo. 

Merlo  dott.  Giuseppe,  dirigente  nella  Gasa  di  s.  Marco. 

Mariani  rag.  Pietro,  segretario-contabile  -  via  Mo- 
scova li. 

De  Giorgi  rag.  Augusto,  computista  -  via  Asole  i. 

Bianchi  Luigi,  economo  -  corso  Porta  Ticinese  22. 

Rossini  Giuseppe,  scrittore  contabile  -  via  Rovello  17. 

Azimonti  Baldassare,  ispettore  nella  Gasa  di  s.  Marco. 

Orlandi  Frane,  consegnere  nella  Gasa  di  s.  Marco. 

Bernasconi  Giuseppe,  custode  della  Gasa  dì  s.  Marco. 

Martini  Valentino,  ispettore  nella  Gasa  di  s.  Vincenzo. 

Riva  Giuseppe,  consegnere  nella  Gasa  di  s.  Vincenzo. 

Casoni  Giovanni,  custode  della  Casa  di  s.  Vincenzo. 

Rizzini  Antonia,  maestra  ai  lavori  nella  Gasa  di  s.  Vin- 
cenzo. 

Pel  servizio  del  culto. 

Gattoni  sac.  Giuseppe,  cappellano  a  s.  Marco  -  piazza 
s.  Marco  2. 

Azimonti  sac.  Filippo,  idem  a  s.  Vincenzo  -  via  s.  Calo- 
cero  8. 

Pel  servizio  sanitario. 

Bonati  cav.  Antonio,  medico  ordinario,  ec,  v.  p.  38^. 

Arpesani  Paolo,  medico  aggiunto  -  piazza  Cayour  5. 

Esclusivamente  per  le  Pie   Case  d!  industria. 

Franco  Giovanni,  custode  degl'  intervenienti  a  s.  Marco. 
-  via  s.  Simone  26. 

Varesi  Angelo,  sorvegliante  degl*  intervenienti  a  s. 
Marco  -  via  dell'Annunciata  23. 

N.  N.,  maestra  dei  lavori  delle  intervenienti  a  s.  Vin- 
cenzo. 

N.  N.,  assistente  idem. 


488  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

PIE  CASE  DEGLI  INCURABILI 

in  Abbiategrasso. 

Bonelli  dott.  fisico  Gaetano,  ^,  direttore. 
Royer  rag.  Enea,  ispettore  contabile. 
Schieroni  Felice,  sorvegliante  aggiunto. 
Lunghini  Giovanni ,  economo  cassiere. 
Merlo  Paolo,  scrittore. 
Vaj  Alessandro,  sovrintendente  ai  lavori. 
Gioletta  sac.  Antonio,  cappellano  degli  uomini. 
Vigevano  sac.  Cesare,  cappellano  dei  ragazzi. 
Casazza  dott.  Ernesto,  medico  chirurgo  primario. 
Tragella  dott.  Gio.,  medico  chirurgo  secondario. 


MONTE  DI  PIETÀ'. 

(Via  Monte  di  Pietà  5  e  7.) 

Questo  pio  stabilimento,  destinato  a  provvedere  con 
pronte  sovvenzioni  in  danaro  ai  pressanti  bisogni  del- 
l'indigenza,  ed  a  sottrarre  la  medesima  dalle  rovinose 
estorsioni  dell'  usura ,  venne  fondato  dalla  liberalità  dei 
cittadini  milanesi  nell'  anno  1 49^  coli'  approvazione  e 
con  sussidii  dell'  in  allora  regnante  Lodovico  Maria 
Sforza  detto  il  Moro,  duca  di  Milano,  come  da  diploma 
i.*  luglio  detto  anno.  Fu  poscia  arricchito  con  altre  pie 
disposizioni ,  non  che  dalle  generose  elargizioni  del- 
l' imperatrice  Maria  Teresa  e  dell'  imperatore  Giu- 
seppe II.  Dopo  le  vicende  del  1796  venne  poi  riat- 
tivato verso  la  fine  del  i8o4>  e  da  ultimo  sistemato 
col  Regolamento  3o  aprile  1869. 

•  Il  Monte  tiene  di  presente  in  giro  per  i  pegni  il 
capitale  di  lir.  3,ooo,ooo  circa,  costituito  in  parte  da 
fondi  propri,  ed  in  parte  da  capitali  di  ragione  dei  pri- 
vati, che  il  Monte  riceve  in  deposito  contro  interesse. 

Col  suddetto  complessivo  capitale,  si  fanno  pegni 
tanto  di  oggetti  preziosi,  quanto  d'effetti  diversi,  da 
redimersi  i  primi  nello  spazio  di  un  anno,  i  secondi 
nello  spazio  di  sei  mesi. 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  4^9 

Per  i  pegni  d'effetti  preziosi  duraturi  un  anno,  pa- 
gasi l'interesse  del  7  per  100  all'anno  a  rate  mensili, 
ed  il  2  per  100  all'anno  in  corrispettivo  delle  spese 
occorrenti  per  la  custodia  ed  involgimento  degli  effetti, 
ed  il  diritto  di  polizza  di  cent    20  per  ciascun  pegno. 

Per  i  pegni  d' effetti  diversi,  duraturi  sei  mesi,  pa- 
gasi l'interesse  del  7  per  cento  all'anno  a  rate  quin- 
dicinali, e  la  tassa  fissa  dell'  1  per  ioo  sulla  somma 
ricevuta,  in  corrispettivo  delle  spese  occorrenti  per  la 
custodia  ed  involgimento  degli  effetti,  e  cent.  10  per 
diritto  di  polizza  per  ciascun  pegno. 

I  pegni,  sui  quali  siano  stale  sovvenute  più  di  lir.  10, 
possono  essere  rinnovati  alla  loro  scadenza,  col  paga- 
mento del  corrispettivo  decorso. 

Le  operazioni  di  pegno,  disimpegno  e  rinnovazione 
si  effettuano  in  ciascun  giorno  non  festivo  dell'  anno. 

Presso  il  Monte  di  pietà  al  principio  d'ogni  mese 
si  aprono  gli  incanti  per  la  vendita  dei  pegni  scaduti 
e  si  proseguono  nei  successivi ,  escluse  le  feste,  finche 
siano  tutti  venduti.  A  detti  incanti  si  fa  sempre  prece- 
dere un  avviso  al  pubblico,  tanto  per  invito  dei  con- 
correnti, quanto  per  norma  dei  pignoranti  ad  effettuare 
la  preventiva  redenzione  de'  loro  pegni. 

II  sopravanzo  del  ricavo  delle  dette  vendite,  prede- 
dotte le  competenze  del  pio  stabilimento ,  rimane  a 
disposizione  de'  pignoranti  per  un  intero  triennio  suc- 
cessivo alla  detta  vendita,  scorso  il  quale  resta  a  pro- 
fìtto del  Monte. 

I  pegni  di  un  anno  ascendono   ad  oltre    180,000. 

In  seguito  poi  alla  istituzione  delle  Amministrazioni 
collegiate  avvenuta  per  decreto  reale  3o  agosto  1 863 
il  Monte  di  pietà  dipende  dal  seguente 

Consiglio  amministrativo. 

Calvi  nobile  cav.  Felice,  presidente,  ec.,vedi  pag.  157. 
Frizzi  avv.  Lazzaro,  consigliere,  ec.,  vedi  pag.  a5i. 
Albertini  rag.  Giovanni  Maria, idem-  via  s.  Maurilio  1 4« 


4q°  istituti  di  beneficenza 

Medici  nob.  Lorenzo,  consigliere  »  via  Borgo  Nuovo  5. 
N.  N. 

Segretario  capo. 
Butti  rag.  Annibale  -  via  Monte  di  Pietà  7. 

Ufficiale  di  segreteria. 
Ferri  dolt.  Giorgio  -  via  Mulino  delle  Armi  19. 
Capi  d'ufficio. 

Bellone  rag.  Carlo,  ragioniere  -via  Torino  16. 
Gabbiani  Giuseppe,  protocollista  -  via  Lanzone  26. 
Casanova  rag.  Francesco,  cassiere  -  via  Gesù  4« 
Villa  rag.  Francesco,  conservatore  dei  magazzini  -  via 

Disciplini  5. 
Manusardi  rag.  Bonaventura,  capo  d'ufficio  alla  liqui- 
dazione -  via  Carmine  7. 
Ravina  Carlo,  idem  alla  pignorazione  -  via  Asole  5. 

aggiunti. 

Caspani  Daniele,  i.°aggiunlo  cassiere  -  via  Ciovasso  10. 

Rigo  Giuseppe,  2.0  idem  -  corso  s.  Celso  27. 

Dacomo  rag.  Gaetano,  3.°  idem  -  via  Vetra  6. 

Rosnati  Carlo,  4«a  idem  -  dazio  P.  Magenta. 

Casliglioni  noi).  Giuseppe,  i.°  aggiunto  dei  magazzini  - 
piazza  Belgiojoso  2. 

Cattaneo  Carlo,  2.0  idem  -  galleria  Vittorio  Emanuele, 
scala  14. 

Puricelli  Giovanni,  3.°  idem  -  via  s.  Spirito  12. 

Berrà  Castriziano,  4*°  idem  •  via  s.  Maria  Segreta  1. 

De  Giorgi  Emilio,  agiunto  alla  liquidazione  -  via  Ro- 
vello i5. 

Chiappa  Giulio,  idem  di  pignorazione  -  via  Torchio  8. 

Stimatori, 

Bossi  Giovanni,  1 .°  stimatore  degli  effetti  preziosi  -  via 
Monte  Napoleone  32. 


ISTITUTI   DI    BENEFICENZA  49l> 

Sala  Andrea  2.0  stimatore  degli  effetti  preziosi  -  via 

Brera  19. 
Gentile  Lodovico,  i.°  idem  degli  effetti  diversi  -  via 

Armorari  5. 
Vigano  Tomaso,  2.0  idem  -  via  s.  Maria  Podone  3. 

Applicati. 

Beretta  Pacifico,  di  1.*  clarse  -  GG.  SS.  P.  Romana  7. 
Boldrini  Giovanni,  idem-  via  Vittoria  61. 
Gastellazzi  Gius.,  idem  -  via  s.  Pietro  in  Gessate  1 1. 
Canzi  nobile  Luigi,  di  2.a  classe  -  corso  Garibaldi  57. 
Montefiori  Luigi,  idem  -  sobborgo  P.  Lodovica  80  A. 
Martignoni  rag.  Gabriele,  idem  -  corso  Magenta  60. 
Stecchini  Pietro,  di  3.*  classe  -  via  Orso  16. 
Pirola  Luigi,  idem  -  via  Rastrelli   16. 
Conti  rag.  Carlo  fu  Pasquale,  idem  -  via  Gesù  /}• 
Levi  Luigi,  idem  -  vicolo  s.  Vito  t. 

Prioritari. 

Capelli  Luciano,  -  via  Nirone  2. 
Campagnoli  Giuseppe,  -  via  Fustagnari  io. 

Portieri  ed  inservienti. 

Cesana  Simone,  i.°  portiere  tubatore  -  via  Monte  di 

Pietà  7. 
Bonomi  Giacomo,  2.0  idem  -  Ponte  Vetero  12. 
Vavassori  Francesco,  portiere  -  via  Armorari  7. 
Bielli   Cipriano,  inserviente  ai  magazzini  -  via  Monte 

di  Pietà  7. 
Cesana  Battista,  idem  -  ivi. 
Bielli  Ambrogio,  idem  -  ivi. 
Albini  Angelo,  idem  -  ivi. 


49^  ISTITUTI   DI  BENEFICENZA 

ORFANOTROFI  E  LUOGHI  PII  ANNESSI. 

(  Piazza  s.  Pietro  in  Gessate  I .  ) 

Consiglio  degli  orfanotrofi  e  luoghi  ni  annessi. 

Presidente. 
Prinetti  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  3 12. 

Consiglieri, 
Guy  avv.  Battista  -  via  Lauro  9. 
Magretti  ing.  Giacomo  -  Foro  Bonaparte  29. 
Magni  ing.  cav.  Antonio  -  via  Durini  27. 
Cambiagli!  Locatelli  dott.  Carlo  -  via  Borgo  Nuovo  9. 
Brocca  dott.  Giovanni,  ec.  vedi  pag.   116. 
N.  N. 

Segretario  generale. 

Bossi  Lampugnani  nob.  dott.  Giovanni  -  viaLanzone  22. 

Segretario. 
Ranci  avv.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  282. 

Ufficio  legale. 
Alberti  avv.  Alessandro,  consulente  legale  -  via  s.  Ma- 
ria Fulcorina  18. 
Moneta  dott.  Giovanni,  notajo  -  ivi. 

Ufficio  tecnico. 
Zancarini  ing.  Gius., ingegnere-capo  -  via  s.  Dalmazio £• 
Pedetti  ing.  Giuseppe,  ing.-aggiunto  -  via  Monforte  3y. 
Medici  ing.  Giac,  agente  urbano,  ec,  vedi  pag.  167. 

Ragioneria. 
Beneggi  rag.  Giuseppe,  ragion,  capo  -  via  Vigenlina  1. 
Della  Longa  rag.  Angelo,  ragioniere  aggiunto  -  Ver- 
ziere 4» 

Ufficiali  contabili  di  i.a  classe. 
Resnati  rag.  Francesco,  1  *  via  Spiga  28. 
Ca valeri  Andrea,  11  -  via  Olmelto  1. 
Zoccbi  rag.  Marcello,  in  -  via  Camminadella  22. 


ISTITUTI   DI  BENEFICENZA  fy^ 

Ufficiali  contabili  di  2.a  classe. 
Figini  rag.  Luigi  -  via  Spiga  20. 
Brugnatelli  rag.  Francesco  -  via  Senato  8. 
Ghezzi  rag.  Luigi  -  via  s.  Vincenzo  3. 

Computisti. 
Buccellati  rag.  Ambrogio  -  via  Amedei  (\. 
Borsa  rag.  Francesco  -  via  Fontana    i5. 
Grasselli  Adolfo,  aspirante  contabile  -  via  Velasca  1, 

Archivio j  Protocollo  e  Spedizione. 
Baggi  Fortunato,  archivista  -  via  Monforle  09. 
Biraghi  Francesco,  protocoll.  e  spedit.  -  via  Circo  12. 
Valli  Giovanni,  i.°  scrittore  -  via  s.  Maria  Beltrade  2. 
Castoldi  Alessandro,  2.0  scrittore  -  corso  Magenta  64. 
Stoppani  Andrea,  3.°  scrittore  -  via  Stella  39. 
Savio  rag.  Luigi,  4«°  scrittore  -  via  Meravigli  23. 

Cassa. 
Gallarati  rag.  Domenico,  cassiere  -  via  Montebeilo  36. 
Bonavia  Angelo,  aggiunto  cassiere  -  corso  s.  Celso  18. 

Inservienti. 
Consonni  Cristoforo  -  nel  locale  d'ufficio. 
Navone  Bartolomeo-  ivi. 

Tagliabue  Carlo  -  borgo  s.  Pietro  in  Sala  i5. 
Romagnoli  Giovanni,  portinajo  -  nel  locale  d'  ufficio. 

OFFICI  DELLA  GESTIONE  DI  BENEFICENZA 
ORFANOTROFIO    MASCHILE. 

(Piazza  s.  Pietro  in  Gessate  I.) 

Quest'orfanotrofio  venne  fondato  nell'anno  i533  da 
s.  Girolamo  Miani,  che  ne  affidò  la  direzione  ai  Padri 
Somaschi.  Collocato  dapprima  nella  via  del  Crocifisso, 
successivamente  nella  via  del  Giardino,  dove  ora  sorge 
il  palazzo  Traversi,  fu  nell'anno  1772,  dopo  la  sop- 


494  ISTITUTI  DI   BENEFICENZA 

pressione  dei  monaci  cassinensi,  trasferito  nel  loro  mo- 
nastero di  s.  Pietro  in  Gessate,  che  l'imperatrice  Maria 
Teresa  donò  all'  orfanotrofio ,  aumentandone  il  patri- 
monio, ed  ordinando  che  fosse  accresciuto  il  numero 
dei  ricoverati. 

Contiene  attualmente  oltre  i5o  orfani,  scelti  di  pre- 
ferenza fra  quelli  che  hanno  perduto  entrambi  i  geni- 
tori, ed  appartenenti  a  famiglie  povere,  originarie  di 
Milano  od  aventi  ivi  il  decennale  domicilio. 

Gli  orfani  si  accettano  dagli  anni  sette  ai  dieci,  e 
vi  restano  fino  ai  18;  vengono  essi  istruiti  giornalmente 
nelle  materie  proprie  delle  tre  classi  elementari  e  nel 
disegno  ornamentale  e  geometrico  applicato  alle  arti  ed 
ai  mestieri,  e  sono  avviati  ad  apprendere  un'arte  mec- 
canica parte  presso  operai  nella  città,  e  parte  presso 
le  officine  che  giusta  le  pie  disposizioni  testamentarie 
del  fu  Giosuè  Gattani  vennero  nel  settembre  1 854  al" 
tivate  nell'interno  dell'  Orfanotrofio ,  e  che  compren- 
dono ora  le  arti  del  fabbro-ferraio,  macchinista  idrau- 
lico, falegname,  calzolaio,  tipografo,  fonditore  di  ca- 
ratteri, intagliatore,  lattoniere,  ec. 

Il  quarto  del  guadagno  di  ciascun  orfano  viene  cu- 
stodito ed  a  lui  consegnato  quando  esce  dal  Luogo 
Pio  ,  oltre  lir.  4°  ital.  pel  suo  vestiario  ,  un  discreto 
corredo  di  biancheria,  ed  i  frutti  di  un  pio  legato 
disposto  dal  sacerdote  Gio.  Banfi,  con  testamento  5o 
aprile  1796. 

Il  vitto  consiste  in  pane  di  frumento,  in  una  minestra, 
una  pietanza  ed  un  bicchiere  di  vino  al  pranzo;  una 
seconda  pietanza  alla  sera. 

Quest'  ospizio,  il  cui  patrimonio  attivo  è  di  circa  3 
milioni,  è  stato  beneficalo  principalmente  dal  conte 
Gian  Mario  Andreani,  dall'  astronomo  Barnaba  Oriani, 
dal  marchese  Ermes  Visconti,  dai  commercianti  G.  B. 
Piatti  e  Giosuè  Catlani,  ed  ultimamente  dal  consigliere 
Ignazio  Mangiagalli. 
Maestri  Raineri,  ^,  rettore  -  in  luogo. 


ISTITUTI  DI    BENEFICENZA  49^ 

Viganoni  avv.  Giovanni,  vice-rettore  -  ivi. 
Ferrano  sac.  Gaspare,  catechista-  via  Passione  i5. 
Trezzini  Eugenio,  economo  -  corso  P.  Vittoria  3j. 
Alberti  dott.  Giuseppe,  medico,  ec,  vedi  pag.  460. 


ORFANOTROFIO  FEMMINILE. 

(Corso  Magenta  5^.) 

Le  orfane  di  questo  pio  stabilimento,  fondato  nel  1 5j5 
dal  cardinale  arcivescovo  san  Carlo  Borromeo,  erano 
distribuite  in  due  distinte  case ,  la  prima  detta  della 
Stella,  donde  venne  alle  orfane  il  nome  popolare  di 
Stelline,  e  Y  altra  di  s.  Maria  di  Loreto  destinata  ad 
ospitare  le  orfane  provette  che  per  motivi  di  salute 
non  potevano  essere  collocate  altrimenti.  Ampliato 
in  oggi  bastantemente,  vennero  nell'anno  1 844  tutte 
le  orfane  riunite  nel  locale  della  Stella, 

Le  orfane  si  ammettono  dai  7  ai  12  anni,  senz'ob- 
bligo di  speciale  corredo  ;  devono  esse  appartenere  a 
famiglie  povere  di  Milano  aventi  costì  il  decennale 
domicilio  ;  sono  preferite  quelle  che  hanno  perduto 
entrambi  i  genitori.  Alcune  piazze  sono  di  patronato 
privato.  E  d*  uopo  che  all'  atto  dell'  ammissione  una 
persona  prometta  di  ritirare  T  orfana  compiuta  che 
abbia  l'educazione,  o  quando  fosse  licenziata  per  con- 
dotta incorreggibile. 

Circa  trecento  sono  le  orfane  attualmente  ricoverate, 
le  quali ,  oltre  T  essere  educate  in  tutte  le  faccende 
domestiche,  ed  oltre  l'istruzione  propria  delle  quattro 
classi  elementari ,  lavorano  nel  cucire  ogni  sorta  di 
biancherie,  nel  ricamare,  nel  rimendare,  nello  stirare, 
uel  taglio  delle  vesti  e  nel  pettinare.  Si  tien  conto  del 
lavoro  distribuito  alle  orfane  e  del  loro  guadagno,  non 
che  delle  elemosine  che  loro  si  corrispondono  per  l'in- 
tervento alle  funzioni  funebri  ;  ed  alla  loro  uscita  dallo 
stabilimento  per  compiuta  educazione  ricevono  sei  ot- 


49@  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

tavi  delle  dette  elemosine  pei  funerali,  ed  il  quinto 
suir  introito  lordo  dei  lavorerj ,  dal  qual  peculio  si 
preleva  quanto  occorre  per  allestir  loro  il  necessario 
corredo  di  vestiario,  e  s'investe  il  dippiù  su  d* un  li' 
bretto  della  Cassa  di  risparmio  a  loro  favore. 

Alcune  delle  ricoverate  vengono  istruite  nel  canto 
corale  ecclesiastico  per  le  sacre  ufficiature  e  per  Y  ac- 
compagnamento de*  funerali,  cui  sono  frequentemente 
richieste. 

Pel  vitto  hanno:  per  prima  colazione  una  minestra 
calda  o  latte  nella  stagione  invernale,  e  frutta  nella 
stagione  estiva;  per  seconda  colazione  una  pietanza; 
a  pranzo  pane  e  minestra  a  discrezione,  una  pietanza 
e  vino. 

Il  costo  di  ogni  orfana  nell'  ultimo  anno  fu  di  cen- 
tesimi g5,  all' incirca,  al  giorno. 

L'istruzione  religiosa  è  affidata  a  due  sacerdoti,  la 
scuola  elementare   a  due  maestre  :   ai  lavori  presiede 
una  direttrice  con  due  ajutanli. 
Morandi  Felicita,  direttrice  -  in  luogo. 
Campagnoni  Carolina,  vice-direttrice  -  in  luogo. 
Girola  Virginia,  ispettrice  ai  lavori  -  ivi. 
Manusardi  Giovanna,  maestra  elem.  -  corso  Magenta  ^3. 
Bonati  Angela,  idem  -  via  s.  Spirilo  20. 
Viglezzi  sac.  Cesare,  direttore  spirituale  -  in  luogo. 
Salvioni  Giuseppe,  economo  -  ivi. 
Arlati  rag.  Carlo,  aggiunto  economo  -  ivi. 
Strambiocav.  dott.  Gaetano,  medico  i.°,  ec,  v.  p.  i5o. 
Calzini  dott.  Antonio,  medico  2.0  -  via  s.  Spirito   18. 


PIO  ALBERGO  TIUVULZIO. 

{Via  Signora   IO.) 

Il    principe    Tolomeo   Trivulzio,  con  testamentaria 
disposizione  2 3  agosto  1766,  ordinò  la  fondazione  di 
questo  pio   stabilimento  ,  aperto  nel  suo  palazzo  V  an-  * 
no   1 77 1 ,  col  patrimonio  assegnatovi  dal  fondatore, 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  49? 

riunendovi  il  piccolo  ospizio  dei  vecchi,  che  già  esi- 
steva in  Milano  fino  dall'anno  1405,  chiamato  Ospe- 
dale di  Porta  Fercellina. 

In  questo  pio  albergo  hanno  alloggio ,  mantenimento 
e  vestiario  gratuito  circa  4°o  vecchi  d'  ambo  i  sessi, 
nativi  di  Milano,  o  che  vi  abbiano  almeno  avuto  l'ultimo 
domicilio  per  dieci  anni  consecutivi,  resi  inetti  per  la 
loro  età  settuagenaria  a  procacciarsi  col  lavoro  il  pro- 
prio sostentamento. 

Parecchi  altri  benefattori  contribuirono  a  migliorare 
la  condizione  di  questi  infelici  ed  a  rendere  il  pio  al- 
bergo vieppiù  degno  del  suo  illustre  fondatore.  Alcune 
private  famiglie  hanno  il  diritto  di  nomina  a  qualche 
posto  in  forza  di  apposite  condizioni  espresse  negli  atti 
di  liberalità  di  altri  benefattori  verso  il  pio  stabilimento. 

Per  disposizione  fatta  dal  canonico  Giuseppe  Scaccia 
si  possono  ora  ricevere  nel  luogo  pio  uno  o  più  sacer- 
doti miserabili,  ancorché  infermìcci,  e  quand'anche  non 
siano  giunti  al  70. °  anno  dell'  età  loro.  Per  altra  dispo- 
sizione fatta  dai  negoziante  di  seta  Carlo  De  Gregorio 
si  mantengono  dieci  indivìdui  nativi  della  Riviera  di 
s.  Giulio  d'Orta,  purché  abbiano  compito  il  sessante- 
simo anno  del  viver  loro ,  non  fatto  calcolo  del  tempo 
'  che  abitano  in  Milano. 

E  recentemente  poi  il  benefattore  Antonio  Vassalli, 
istituendo  erede  questo  Istituto  del  cospicuo  suo  pa* 
trimonio  di  oltre  un  milione,  destinava  altre  diciotto 
piazze  a  favore  dei  poveri  vecchi  di  Castell'Arquato, 
presso  Piacenza,  suo  paese  nativo. 

Neil*  ospizio  gli  uomini  sono  separati  dalle  donne. 
Hanno  pane  a  piacere)  zuppa  per  colezione;  al  desi- 
nare minestra  a  richiesta  :  una  pietanza  calda  con  salsa 
variata  ed  un  bicchiere  di  vino;  alla  cena  minestra 
pure  a  richiesta,  un'altra  vivanda  ed  un  bicchiere  di 
vino.  Il  vestiario  è  uniforme,  e  ridotto  per  superiore 
disposizione  alla  costumanza  della  giornata;  e  per  di- 
sposizione fatta  da  Giosuè  Gattani  vengono  gli  uomini 

Guida  1871  —  32 


4()8  ISTITUTI   DI  BENEFICENZA 

proveduti  di  paletot  e  le  donne  di  sciai  Io  di  lana  per 
la  stagione  jemale  ;  la  biancheria  è  a  misura  del  biso- 
gno ,  onde  sia  conservata  la  debita  pulitezza.  L' in- 
fermeria ,  provveduta  anche  di  bagni ,  è  assistita  da 
opportuno  servizio  medico  e  chirurgico.  L'  assistenza 
spirituale  è  affidala  ad  un  rettore  e  ad  un  vice-rettore. 
I  ricoverati  escono  alternativamente  dall'  ospizio  tre 
volte  per  settimana,  e  nei  giorni  nei  quali  rimangono 
in  casa  hanno  un  vasto  giardino  per  passeggiarvi. 

Quegl'  individui  che  sono  capaci  di  qualche  lavoro  vi 
si  occupano  volontariamente,  ed  è  a  ciascuno  di  essi 
accordata  la  metà  del  guadagno. 

In  apposita  sala  del  pio  albergo  si  conservano  i  ri- 
tratti dei  diversi  benefattori.  Una  lapide  posta  nell'in- 
terno  dello  stabilimento  ricorda  le  opere  di  pietà  eser- 
citate pel  periodo  di  quindici  anni  dalla  illustre  Gaetana 
Agnesi,  che  ivi  mori  nell'anno  1799. 

Il  patrimonio  attivo  di  questo  istituto  è  di  circa  5  mi- 
lioni di  lire  italiane. 

Oidi  conte  Stefano,  ispettore  •  via  Signora  10. 
Monti  rag.  Ambrogio,  economo  -  in  luogo. 
N.  N.j  aggiunto-economo. 
Guidali  Rosa,  guardarobiera  -  in  luogo. 
Pogliani  sac.  Giorgio,  rettore  spirituale  -  ivi. 
Fontana  sac.  Luigi,  vice-rettore  spirituale  -  ivi. 
Campo  Fregoso  Giuseppe,  medico  capo  -  ivi. 
Sacchetti  Giuseppe,  medico-chirurgo  primario  -  ivi. 
Sironi  Siro,  medico-chirurgo  assistente  -  piazza  s.  Ste- 
fano 12. 
Cottini  Angelo,  maestro  speziale  -  via  Signora  6. 


ISTITUTI   DI  BENEFICENZA  499 

ASILI  DI  CARITÀ'  PER  L' INFANZIA 
E  PER  LA  PUERIZIA  E  SCUOLE  INFANTILI. 

{L'Ufficio  è  posto  in  via   Unione  12.) 

Questa  Pia  Istituzione,  nata  nell'anno  i856,  e  stata 
approvata  come  Opera  Pia  con  regio  decreto  in  data 
io  luglio  1864,  ha  per  iscopo  di  procurare  in  ogni 
giorno  non  festivo  un  luogo  di  custodia  ai  fanciulli  della 
classe  più  indigente,  porgendo  ad  essi  queir  istruzione 
che  è  confacente  alla  loro  tenera  età. 

I  fanciulli  che  vengono  ricoverati  non  devono  avere 
meno  di  anni  due  e  mezzo  di  età,  ne  più  di  anni  cin- 
que compiuti,  e  vi  rimangono  sino  all'  età  di  anni  sei. 
Ivi  ricevono  una  minestra  gratuita  ed  una  sopravveste 
uniforme.  Tutti  gli  Asili  sono  aperti  al  pubblico  al  gio- 
vedì d' ogni  settimana. 

Sette  asili  infantili  sono  aperti  in  varj  quartieri  della 
città,  cioè:  in  via  dell' Unione  12  j  sulla  piazza  Monte- 
bello  io;  sul  corso  s.  Gelso  5i;  nella  canonica  di  s.  Na- 
zaro  Maggiore;  nella  via  s.  Vincenzo  n;  in  via  Chio- 
setto  9;  sul  corso  Garibaldi  ^3. 

I  fanciulli  complessivamente  ricoverati  ammontano 
a  1700.  Questi  istituti  si  mantengono  colle  elargizioni 
procurate  da  vari  benefattori  che  pagano  una  o  più 
azioni  all'  anno,  di  lire  cinque  ciascuna,  le  quali  sono 
obbligatorie  per  un  solo  anno ,  quando  sia  dato  un 
preavviso  due  mesi  prima  della  scadenza  dell'anno. 

Sono  pure  istituite  da  alcuni  privati  benefattori  tre 
scuole  infantili  paganti  per  le  classi  agiate,  nelle  vie 
del  Senato,  dell'  Unione  e  del  Pontaccio,  i  proventi 
netti  delle  quali  vengono  versali  a  benefìcio  degli  asili 
infantili  di  carità. 

Nello  scopo  di  protrarre  da' sei  ai  nove  anni  l'e- 
ducazione stata  incominciata  presso  gli  asili  di  carità 
per  r  infanzia ,  sono  ora  aperti  due  asili  speciali  alla 
puerizia,  la  cui  direzione  ed  amministrazione  è  affidata 
alla  stessa  Direzione  degli  asili  infantili, 


000  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

Negli  asili  per  la  puerizia  s'insegnano  le  materie  ele- 
mentari e  le  prime  nozioni  fabbrili,  per  abilitare  i  fan- 
ciulli alle  arti  ed  ai  mestieri  a  cui  vengono  all'età  di 
nove  anni  avviati.  Essi  sono  aperti  presso  gli  asili  in- 
fantili di  s.  Celso  e  di  s.  Simpliciano  sul  corso  Gari- 
baldi. 

Membri  della   direzione   degli  Asili   di   carità 
per  V infanzia  e  per  la  puerizia. 

Villa  Pernice  cav.  Angelo,  presidente,  ec,  v.  p.  161. 
Sala  comm.  Luigi,  ec,  vedi  pag.   i45. 
Pavesi  sac.  cav.  Natale,  parroco  di  s.  Satiro. 
Gola  sac.  Domenico,  ^  -  piazza  Carmine  2. 
Greppi  nob.  Alessandro,  ec,  v.  pag.  171. 
Borromeo  conte  Emilio,  ec,  vedi  pag.  1 44* 
Sacchi  cav.  Giuseppe,  segretario,  ec,  vedi  pag.  i36. 
Arnaboldi  dott.  Emilio,  segretario  agg.  -  via  Brera  2. 


ASILI  INFANTILI  NEI  COMUNI  RURALI 

COMITATO   FILIALE. 
(Palazzo  Arcivescovile,  piano  terreno.) 

Il  Comitato  filiale  dell'Associazione  nazionale  per 
la  fondazione  di  asili  infantili  nei  Comuni  campestri  si 
è  costituito  per  generoso  concorso  di  alcuni  benemeriti 
cittadini  il  28  febbrajo  1869  istituendo  il  proprio  uffi- 
cio nel  palazzo  arcivescovile. 

Lo  scopo  principale  si  è  il  dirozzamento  dei  conta- 
dini e  l'avviamento  loro  all'  istruzione  elementare,  pro- 
movendo o  sussidiando  l'istituzione  di  asili  rurali  per 
giovare  alla  prosperità  ed  al  miglioramento  dell'agri- 
coltura. 

I  fondi  occorrenti  si  raccolgono  dalla  sottoscrizione 
di  azioni  da  L.  2  annue  obbligatorie  per  cinque  anni, 
e  da  straordinarie  elargizioni  di  generosi  benefattori. 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  5o  I 

Presso  r  ufficio  si  trovano  più  ampie  informazioni, 
Io  Statuto  dell'  Associazione  ed  il  Regolamento  degli 
asili,  non  che  le  schede  di  soscrizione. 

Il  Gomitato  è  rappresentato  collegialmente  dai  si- 
gnori. 

Colombi  dott.  Rinaldo,  presidente  -  via  Porlezza  i4. 
Bonzanini  ing.  cav.  Emanuele,  consigliere,  ec,  v.p.  189 
Canlù  cav.  prof.  Ignazio,  idem,  ec,  vedi  pag.  260. 
Melzi  d'Eril  conte  Giovanni,  idem-  corso  P.  Romana 6. 
Decio  cons.  doti.  Angelo,  uff.  $%,  idem  -  via  Cusani  io. 
Broglia  dott.  Luigi,  idem  -  via  s.  Vittore  7. 
Varisco  prof.  Giovanni,  idem  -  via  Pantano  i3. 
N.  N.,  segretario 


RICOVERI  PEI  BAMBINI  LATTANTI 
E  PIO  ISTITUTO  DELLA  MATERNITÀ5. 

(Via  s.  Cristina  1-3  e  presso  le  case  operaie  piazza  Monlebelloj 
via  Mulino  delle  Armi  3g  e  via  della  Signora.) 

Con  reale  decreto  del  26  aprile  1866  venne  au- 
torizzata l'istituzione  di  questi  Ricoveri  in  Opera  pia 
in  seguito  alla  loro  fondazione  avvenuta  sino  dal  mag- 
gio dell'anno   i85o. 

Essi  hanno  per  iscopo  d'accogliere  i  bambini  poveri 
che  vengono  allattati  dalle  rispettive  madri,  le  quali 
devono  abbandonare  di  giorno  la  casa  per  attendere 
al  lavoro  negli  opificj. 

Nei  ricoveri  vengono  custoditi  in  ogni  giorno  fé» 
riale,  dall'  avemaria  della  mattina  a  quella  della  sera, 
tanto  i  bambini  di  latte  che  i  bambini  slattati,  sino  al- 
l'età  degli  anni  tre.  Fuori  dei  ricoveri  poi,  per  cura 
di  alcune  signore  fra  le  benefattrici  inscritte  all'opera 
filantropica  si  distribuiscono  a  domicilio  dei  tenui  sus- 
sidi alle  madri  dei  bambini  già  ammessi  nei  ricoveri, 
quando,  per  curarli  malati,  esse  devono  rinunciare  ai 


5o2  ISTITUTI   DI  BENEFICENZA 

loro  giornaliero  guadagno  ,  e  si  porge  qualche  elargi- 
zione a  quelle  che  per  mancanza  del  leiticciuolo  o 
d'altro  ritardano  a  richiamare  un  figlio  esposto,  come 
pure  a  quelle  madri  povere  che  allattano  a  domicilio 
e  che  non  possono  aspirare  alla  pia  opera  del  baliatico 
stata  promossa  dalla  Congregazione  di  carità. 

L'ispezione  sanitaria  del  Ricovero  in  via  Santa  Cri- 
stina è  gratuitamente  assunta  dai  dottori  : 

Alfieri  Carlo  -  via  Brera  2. 
Vergani  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  267. 
Pini  Giuseppe,  ec.,  vedi  pag.  463. 
Galbiati  Francesco,  ec,  vedi  pag.   463. 

Quella  del  Ricovero  in  via  Mulino  delle  Armi  dai 
dottori  : 

Astori  Francesco,  ec,  vedi  pag.  461. 
Nolli  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  463. 

Quella  del  terzo  Ricovero,  aperto  il  18  marzo  1868, 
vicino  alla  fabbrica  dei  tabacchi,  pei  bambini  di  quelle 
operaie,  dai  dottori: 

Giani  Paolo,  ec,  vedi  pag.  463. 
Marabelli  Pietro,  ec,  vedi  pag.    1 69. 
Gasparini  Francesco,  ec,  vedi  pag.  469. 
Ceruti  Luigi  -  via  s.  Pietro  all'  Orto   14. 

Quella  del  quarto  Ricovero,  aperto  il  22  Marzo  1869 
e  collocato  attualmente  nella  via  della  Signora,  è  as- 
sistito dai  dottori  : 

Bondioli  Giacomo,  ec,  vedi  pag.  463. 
Ceruti  Luigi,  predetto. 
Giani  Paolo,  predetto. 
Vergani  Giovanni,  predetto. 

Il  servizio  oculistico  è  assistito  anche  dai  dottori  Qua- 
glino cav.  Antonio,  Rosmini  Gio.  Battista  e  Vergani 
Giovanni  predetto. 

La  direzione  e  l'amministrazione  centrale  di  questi 


ISTITUTI   DI  BENEFICENZA  5o3 

Pil  Istituti,  che  si  mantengono  con  ispontanee  oblazioni 
di  lir.  io  all'anno  e  con  limosine  eventuali,  trovasi 
attualmente  rappresentata  da  una  speciale  Commis- 
sione stata  eletta  dal  consorzio  dei  benefattori  raccol- 
tisi in  una  prima  generale  adunanza  tenutasi  il  17 
agosto  i85i,  e  confermala  nelle  successive. 

Membri  della  Commissione. 
Mantegazza  Solerà  Laura. 

Castelli  Ismenia  nata  Sorniani  -  via  Olmetto  17. 
Sacchi  dott.  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  i36. 
Rizzi  dott.  cav.  Mosè,  ec,  vedi  pag.  459. 
Piccioli  dott.  Giovanni  -  corso  s.  Celso  6. 
Biraghi  Giulia  nata  Bussi  -  piazza  s.  Gio.  in  Conca. 
Salina  rag.  Camillo,  ec,  vedi  pag.  1 4  4* 


COMITATO  PROMOTORE  DEGLI  OSPIZJ  MARINI 

PER  GLI  SCROFOLOSI  DI  MILANO. 

(Presso  la  Società  Patriottica,  via  s.   Giuseppe  /}.) 

Questo  Comitato,  sorto  in  Milano  nel  1862  per  ini- 
ziativa di  privati  benemeriti  cittadini,  ha  per  iscopo  di 
spedire  tutti  gli  anni  ad  appositi  ospizj  lungo  la  ri- 
viera ligure  quel  maggior  numero  di  scrofolosi  poveri 
della  città  che  gli  permettono  i  fondi  raccolti  di  anno 
in  anno  mediante  private  oblazioni  e  sussidj  ottenuti 
dal  locale  Municipio  ,  dai  varj  Corpi  morali  e  dai 
privati. 

Membri  del  Comitato 

Brivio  march.  Giacomo,  presidente  ec,  v.  pag.  116. 
Castoldi  dott.  cav.  Ezio,  segretario,  ec,  vedi  pag.  3q6. 
Bassi  nob.  cav.  Carlo,  consigliere  -  via  Spiga  42. 
Gianelli  dott.  cav.  Gius.  Luigi,  idem,  ec,  v.  pag.  237. 
Melzi  d'Eril  duca  Lodovico,  idem,  ec,  v.  pag.  410. 
Pogliaghi  dott.  cav.  Salvatore,  idem,  ec,  v.  pag.  357. 
Sala  dott.  comm.  Luigi,  idem,  ec,  vedi  pag.  1 45. 


5o4  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

Terzaghi  dott.  cav.  Giuseppe,  consigl.ec,  v.  pag.  i45. 
Uboldi  de'  Capei  nob.  Giovanni,  ìjjfè,  idem  •  via  Borgo 

Nuovo  io. 
Viglezzi  dott.  cav.  Francesco,  idem,  ec,  v.  pag.  4^9. 
Biffi  cav.  Serafino,  idem,  ec,  v.  pag.  2o5. 
Crivelli  march.  Luigi,  idem,  ec,  vedi  pag.  i45. 
Delfìnoni  avv.  Gottardo,  idem,  ec,  v.  pag.  1 44- 
Villa  Pernice  cav.  Angelo,  idem,  ec,  v.  pag.  161. 
Gorini  rag.  Luigi,  cassiere,  ec,  vedi  pag.  328. 


RIFORMATOMI  PEI  GIOVANI 

NELLA  PROVINCIA  DI  MILANO 

(  Via  Quadronno  ^2.) 

L' Istituto  già  denominato  di  Patronato  pei  carce- 
rali e  liberati  del  carcere,  fondato  in  Milano  nelP  a- 
prile  del  i845  col  concorso  di  soci  benefattori,  e  per 
opera  del  sac  cav.  Giovanni  Spagliardi  ;  —  1'  Istituto 
fondato  per  impulso  dello  stesso  cav.  Spagliardi  nel 
i865  in  Parabiago  col  nome  di  Istituto  pei  fanciulli 
derelitti  j  —  e  l'Istituto  pei  Giovani  discoli  di  S.  Ma- 
ria della  Pace,  fondalo  in  Milano  nel  1841  da  Paolo 
Marchiondi;  —  questi  tre  Istituti  con  decreto  reale 
27  luglio  1869  vennero  sottoposti  ad  una  sola  am- 
ministrazione collegiale,  e  coordinali  in  modo  che  cia- 
scuno di  essi  concorra  allo  scopo  comune  della  morale 
riforma  dei  giovani  traviati  minori  di  età,  con  speciale 
destinazione  secondo  l'età,  le  condizioni  sociali  e  la  ca- 
tegoria dei  traviamenti. 

I  detti  Istituti,  i  quali  verranno  quind' innanzi  deno- 
minati Riformatorio  del  Patronato  -Riformatorio  Spa- 
gliardi -  Riformatorio  Marchiondi,  come  hanno  l' iden- 
tico scopo,  si  alimentano  con  identici  mezzi,  e  sono: 
i.°  il  concorso  di  azioni  annuali  da  L.  5  cadauna,  o 
di  azioni  perpetue  per  una  volta  tanto  da  L.  125  ca- 
dauna; 2.0  gli  assegni  o  diarie  accordate  dal  Gover- 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  5o5 

no  o  dai  privati  a  favore  dei  ricoverati  rispettivamente 
proposti;  3.°  i  guadagni  delle  svariate  industrie  eser- 
citate nei  tre  Riformatorii;  4«°  *  proventi  dei  rispet- 
tivi patrimoni^  i  quali  vengono  separatamente  ammi- 
nistrati. 

L*  amministrazione  dell'  opera  pia  risiede  nel  Ri- 
formatorio del  Patronato  in  Milano,  via  Quadronno  /\i, 
sotto  il  titolo  di  Consiglio  dei  Riformatorii  pei  gio- 
vani nella  Provincia  di  Milano,  il  quale  Consiglio  ora 
è  costituito  come  segue: 

Cereda  ing.  cav.  Carlo,  presidente,  ec,  v.  pag.  209. 
Porro  nob.  comm.  Alessandro,  ec,  vedi  pag.  i3o. 
Polli  avv.  Gio.  Batt.  -  via  s.  Paolo  26. 
Aibanelli  rag.  cav.  Filippo  -  via  Giardino  25. 
Beretta  dott.  comm.  Antonio,  ec,  v.  pag.  1 44- 
Spagliardi  sac  cav.  Giovanni,  membro  del  Consiglio 
a  vita,  ec,  v.  pag.  2o5. 

NB.  Il  collettore  incaricato  per  le  esazioni  dei  tre 
Riformatorii  è  il  signor  Filippo  Cassani  addetto  al  Ri- 
formatorio Marchiondi,  il  quale  si  presenterà  alla  ri- 
scossione delle  azioni  munito  di  apposita  credenziale  e 
delle  bollette  di  ricevuta  dell'  Istituto. 


CASA  DI  RICOVERO  ECCLESIASTICA. 

(A  sant'Ambrogio  ad  Nemus  nel  borgo  degli  Ortolani.) 

Fu  questa  Casa  aperta  nel  1 853.  a  ricovero  de'sa- 
cerdoti  vecchi  poveri  ed  impotenti  al  loro  ministero, 
massime  in  cura  d' anime.  Il  regolamento  interno  lascia 
ai  congregati  assoluta  libertà,  loro  non  imponendo 
altri  vincoli  fuori  di  quelli  di  qualunque  privala  fami- 
glia, e  non  prescrivendo  in  comunità  che  poche  set- 
timanali e  mensuali  pratiche  religiose.  Ha  ciascuno  a 
sé  due  camere  e  l'uso  delle  sale  comuni,  comodi  pas- 


5o6  ISTITUTI   DI  BENEFICENZA 

seggi  nel  locale  e  nell'attigua  ortaglia,  eri  un  sufficiente 
e  sano  cibo ,  olire  tutti  i  vantaggi  di  una  amorevole 
cura  nelle  malattie.  Gli  aggregati  corrispondono  una 
tenue  pensione  annuale  anticipata  di  ital.  L.  4<>o,  ed 
al  rimanente  delle  spese  si  sopperisce  cogli  introiti 
ottenuti  mediante  soscrizioni  di  azioni  annue  di  lire  5, 
d'altre  capitalizzate  di  lire  iq5,  e  con  elargizioni  straor- 
dinarie. Il  nome  degli  offerenti  L.  2000,  scolpilo  sopra 
una  lapide  di  marmo,  viene  collocato  fra  quelli  dei 
benefattori  più  benemeriti  della  Pia  Gasa. 

Il  suddetto  Pio  Istituto  venne  con  Decreto  Reale, 
dato  in  Firenze,  addì  il\  marzo  1867,  eretto  in  Cor- 
po Morale,  e  perciò  annoverato  fra  le  opere  pie  le- 
galmente riconosciute.  Così  venne  inoltre  approvato 
lo  Statuto  organico  della  suddetta  Casa  Ecclesiastica 
dal  Ministro  dell'Interno  in  data  da  Firenze  il\  mar- 
zo 1867. 

Le  azioni  annue,  le  capitalizzate  e  le  offerte  straor- 
dinarie si  ricevono  o  dal  cassiere  dimorante  nel  Se- 
minario maggiore,  o  dal  delegato  della  Casa  eccle- 
siastica. 

L'amministrazione  della  Pia  Causa  è  affidata  ad  un 
consiglio  di  cinque  membri,  che  sono  nominati  da 
Mons.  Arcivescovo  tra  le  diverse  gradazioni  del  clero 
urbano. 

Patrono, 

Nazari  di  Calabiana  monsignore  Luigi,  senatore  del 
Regno,  arcivescovo  di  Milano,  ec. 

Consiglio  amministrativo. 

Pertusati  nob.  monsignore  Cesare  Maria,  arciprete- 
parroco  della  Metrop.,  ec.  -  piazza  Duomo  16. 

Prevosti  monsignore  Luigi,  canonico  ordinario  della 
Metropolitana  -  piazza  Duomo  16. 

Cassina  Carlo,  ec,  vedi  pag.  3i5. 

Ponzoni  Antonio,,  proposto  parroco  del  Carmine. 


ISTITUTI  DI    BENEFICENZA  5oj 

Achino  Achille,  proposto  parroco    di  s.   Lorenzo  e 

delegato  della  Casa  ecclesiastica. 
Bernasconi  Leopoldo,,  cassiere. 
Regondi  Giovanni,  ingegnere-  via  Olmetto  17. 
Pavesi  dott.  Vespasiano,  notajo  -  via  s.  Maria  Fulco- 

rina   io. 
Gaspari  Dario,  ragioniere  -  via  Bagutta  12. 
Scotti  dottor  fisico  Francesco,  ec  ,  vedi  pag.  188. 
Fumagalli  sac.    Cristoforo  ,    già   coadjutore  titolare  di 

Tradate,  assistente  della  Casa  ecclesiastica  e  rettore 

della  chiesa.  ' 

Sacerdoti  ricoverati  nella  Casa  ecclesiastica. 
Brioschi  Gaetano,  già  confessore  a  s.  Giorgio. 
Polli  Michele,  già  coadiutore  a  Monluè. 
Varina  Giovanni,  già  parroco  a  Lentate. 
Figini  Giuseppe,  già  cappellano  a  s.  Sofia. 
Avignoni  Giovanni  Battista,  già  parroco  a  Briosco. 
Moretti  Carlo,  già  beneficiato  insign.  a  s.  Ambrogio. 
Conti  Cesare,  già  coadjutore  ad  Albizzate. 
Barone  Giovanni,  già  parroco  a  Morosolo. 
Verga  Girolamo,  già  cappellano  a  Limbiate. 
Majno   Giacomo,  proveniente  dalla  parrocchia   di   s. 

Simpliciano. 

COLLEGIO  DELLE  VEDOVE 

(Corso  P.  Nuova  ^2.) 

Fu  esso  instiluito  nell'anno  i63i  dal  cardinale  arci- 
vescovo Federico >  Borromeo  sopra  istanza  di  alcune 
pie  nobili  vedove,  le  quali  fornirono  del  proprio  Toc- 
corrente  capitale.  Sono  in  esso  ricoverate  n.°  18  vedo- 
ve, le  quali  non  sono  astrette  ad  alcun  voto,  ed  è  loro 
libero  anche  l'abbandonare  il  collegio. 

Non  vi  ha  fra  esse  convitto,  giacché  il  collegio  non 
fornisce  loro  che  V  abitazione  comoda  e  decente ,  un 
tenue  annuo  assegno  in  denaro ,  frutto  di  un  piccolo 
legato  disposto  da  Lavinia  Marliani  nel  j  737,  non  che 


5o8  ISTITUTI  DI  BENEFICENZA 

il  compiuto  servizio  spirituale  nell'interno  del  collegio 
medesimo. 

Amministrazione  e  Direzione, 

N.  N. ,  amministratore  e  direttore. 

Beneggi  Giuseppe,  ragioniere,  ec,  vedi  pag.  492. 


SCUOLE  GRATUITE  PER  FIGLIE  POVERE 

(Via  Chiusa  9.  —  Via  Laghetto  23  int.   —  Via  s.   Maria 
Fulcorina  20.  —   Corso   Garibaldi  79.  —  Via  Guastalla  7.) 

Fondate  in  Verona  dalla  marchesa  Maddalena  Ca- 
nossa, ed  estese  a  questa  città  nel  18^3:  vi  sono  am- 
maestrate gratuitamente  le  figlie  povere,  nella  reli- 
gione, nel  leggere,  nello  scrivere,  nel  conteggio,  nel 
cucire,  nel  ricamo  e  nel  far  fiori. 


SOCIETÀ'  EDUCATIVA  GHISLANZONI 

ISTITUTO  PRIVATO  PER  1/  EDUCAZIONE  DELLE  FANCIULLE  CIVILI 

(  Via  Lanzone  53.  ) 

Questa  Società  ha  tre  collegi  con  ampi  amenissimi 
locali  e  giardini:  uno  in  Milano,  via  Lanzone,  gli  altri 
due  a  Bedero  e  Dumenza,  nelle  vicinanze  di  Luino, 
sul  Lago  Maggiore.  Le  maestre  ,  tutte  addette  alla 
Società  medesima ,  sono  superiormente  approvate. 
L'insegnamento  comprende,  oltre  gli  studi  elementari 
e  le  materie  proprie  di  un  corso  perfettivo,  le  lingue, 
il  disegno ,  la  musica,  i  lavori  femminili,  anche  di  or- 
namento d' ogni  genere. 

La  Società  tiene  in  apposito  e  separato  locale  una 
scuola  gratuita. 

Direzione. 

Ghislanzoni  Natalina,  direttrice  -  nel  collegio. 
Silva  Giuseppina^  vice-direttrice  -  idem. 


ISTITUTI  DI  BENEFICENZA  5oQ 

ISTITUTO  PRIVATO  DELLE  MARCELLINE 

PER    L1  EDUCAZIONE    DI  FANCIULLE  CIVILI 
(  Via   Quadronno  3 1 .) 

Questo  Istituto  ha  cinque  collegi  con  ampj  locali  e 
giardini:  uno  in  Vimercate;  un  altro  in  Gernusco  sul 
Caviglio  •>  due  altri  in  Milano  in  via  Amedei  2  e  in  via 
Quadronno,  ov*  è  la  residenza  della  direttrice  princi- 
pale signora  Marina  Videmari  ;  il  quinto  a  Genova, 
Borgo-Pila,  Le  maestre  sono  superiormente  approvate 
e  coltivano  le  alunne  negli  studj,  corso  elementare  e 
corso  perfettivo,  nelle  lingue,  nel  disegno,  nella  mu- 
sica, nei  lavori  femminili  anche  di  ornamento,  ed  hanno 
comune  colle  medesime  la  vita  e  l'ordinario  maneggio 
della  casa.  Tengono  pure  scuole  gratuite  in  locali  ap- 
positi e  separati. 


PIO  ISTITUTO  DI  RICOVERO  DEL  BUON  PASTORE 

PER    LE   POVERE    FIGLIE   TRAVIATE. 
(  Via  s.  Vittore  29.  ) 

Iniziato  privatamente  da  pochi  anni  da  alcune  pie 
giovani,  lo  scopo  dell'  Istituto  è  di  raccogliere  dal  ceto 
più  basso  le  povere  figliuole  traviate  per  povertà  o 
per  qualche  disgraziata  avventura. 

Venne  eretto  in  Opera  di  beneficenza  coli'  istru- 
mento  24  gennaio  i858,  ne' rogiti  del  notaio  Gabrio 
Sormani. 

Direttrice. 
Pessani  Carolina» 

Segretario  contabile  dell*  amministrazione* 
Pirotta  rag.  Francesco,  ec,  vedi  pag,  209. 


5 IO  ISTITUTI   DI  BENEFICENZA 

PIA  UNIONE 

(Via  Chiusa  ll\.) 

Costituita  neir  anno  ì  802  da  una  società  di  nobili 
dei  due  sessi,  diretta  dal  padre  barnabita  Felice  De 
Vecchi,  nello  scopo  di  frequentare  lo  Spedale  Maggiore 
per  confortare  gli  infermi  ivi  ricoverati,  e  di  prendersi 
cura  di  fanciulle  e  donne  pericolate  o  pericolanti,  che 
raccoglieva  in  apposite  case  di  ricovero,  provvedendo 
alla  loro  sussistenza  ed  educazione. 

Sono  una  emanazione  della  Pia  Unione  i  due  sta- 
bilimenti denominati  Pio  Istituto  di  ricovero  della  B. 
V.  Addolorata  e  lo  Stabilimento  delle  povere  figlie 
pericolanti. 

Amministrazione  e  Direzione. 

Belgiojoso  conte  Gius.,  presidente,  ec,  vedi  pag.  ao8. 
Lurani  nob.  Carlo,  conservatore  -  via  Cappuccio  18. 
Mantegazza  nob.  Federico,  idem  -  via  Unione  7. 
Mazzucconi  padre  Michele,  prev.  parr.  di  s.  Alessan- 
dro, diretlore  spirituale. 

Personale  d' ufficio. 

Colnaghi  Nicola,  ragioniere  -  via  Chiusa  i4- 
Ferrano  rag.  Giovanni,  cassiere  -  via   Chiusa    14. 


PIO  ISTITUTO  DI  RICOVERO 
DETTO  DELLA  R.  V.  ADDOLORATA 

(Via  s.  Croce  3,  5,  i5,  17.) 

Questo  pio  ricovero  venne  eretto  dalla  Pia  Unione 
(vedi  pag.  479)  per  raccogliervi  le  fanciulle  ravvedute 
derelitte,  od  esistenti  presso  famiglie  miserabili  o  ne- 
gli spedali.  In  questo  pio  Istituto  si  contano  120  rico- 


ISTITUTI   DI   BENEFICENZA  5l  I 

verale  che  vengono  istruite  principalmente  nella  re- 
ligione^ nel  leggere,  nello  scrivere,  nell'aritmetica  e 
nei  lavori  femminili,  allo  scopo  di  formarle  buone  ma- 
dri di  famiglia  proporzionatamente  alla  loro  condizio- 
ne ,  ed  esperte  cameriere. 

Le  ricoverando  debbono  essere  nubili,  minori  d'an- 
ni 20.  Rimangono  nella  casa  fino  al  compimento  della 
loro  educazione,  ma  non  mai  oltre  gli  anni  26.  L'istru- 
zione e  T  interna  disciplina  sono  affidate  alle  Suore  di 
carità.  L'ufficio  d'amministrazione  del  Pio  Istituto  ri- 
siede in  via  della  Chiusa   i/j. 

Amministrazione  e  Dilezione, 

Belgiojoso  conte  Giuseppe,  amministratore  e  diret- 
tore,  ec,  vedi  pag.  208. 

Mazzucconi  padre  Michele,  direttore  spirit.,  ec,  vedi 
pag.  490. 

Personale  d9  ufficio, 

Colnaghi  Nicola,  rag.  ed  economo,  ec,  vedi  pag.  5 io. 
Ferrano  rag.  Giovanni,  cassiere,  vedi  pag.  5 io. 


STABILIMENTO 
DELLE  POVERE  FIGLIE  PERICOLANTI 

(  Via  Fontana  l\.) 

Questo  Istituto,  eretto  dalla  Pia  Unione  (vedi  p.  5 io) 
per  collocarvi  le  fanciulle  pericolanti,  venne,  in  forza 
della  sovrana  risoluzione  4  febbraio  1 836,  costituito  in 
pubblico  stabilimento  con  particolare  amministrazione 
e  direzione.  Il  suo  patrimonio  ammonta  a  due  milioni 
di  lire  italiane. 

Le  ricoverande  devono  avere  compita  l'età  d'anni  5 
e  non  ancora  quella  di  12,  appartenere  a  famiglie  as- 
solutamente indigenti,  e  trovarsi  in  pericolo  di  essere 
tratte  al  mal  fare. 


5 1*2  ISfiTUTI  DI  BENEFICENZA 

Ponno  essere  trattenute  nello  Stabilimento  fino  al- 
l'età di  anni  20.  Sono  mantenute ,  alloggiale  e  vestile 
decentemente  con  abito  uniforme;  istruite  nella  reli- 
gione ,  nel  leggere,  scrivere,  far  conti,  e  nei  lavori 
femminili.  Quando  escano  per  collocarsi  in  .matrimonio 
hanno  una  dote  di  L.  172.  83,  e  maritandosi  dopo  la 
loro  uscita  la  dote  è  di  sole  L.  86.  4*«  In  ambo  i  casi 
ricevono  un  congruo  corredo  e  l'importo  di  due  terzi 
del  prodotto  netto  dei  lavori  eseguiti  nella  casa. 

Il  numero  delle  ricoverate  è  presentemente  di  1 44* 
L'amministrazione  e  direzione  dello  stabilimento  ha 
residenza  in  via  Broletto  20. 

Castiglioni  nob.  Fabio  >  amministr.   e  direttore  -  via 

Broletto  20. 
Collenghi  dott.  Achille  >  segretario  -  via  s.  Maria  alla 

Porta  io. 
Galbusera Gius.,  ragioniere- via  s.  Maria  Fulcorina  18. 
Moja  rag.  Onofrio,  cassiere  -  via  s.  Pietro  all'Orto  16. 
Mairot  Susanna,  direttrice  della  Gasa. 


ISTITUTI  INDUSTRIALI,  DI  CREDITO 
E  DI  PREVIDENZA 


UFFICIO  PROVINCIALE  D' ISPEZIONE 

DELLE  SOCIETÀ'  COMMERCIALI  E  DEGLI  ISTITUTI  DI  CREDITO 
IN  MILANO 

CON   SEDE   PRESSO   LA   CAMERA    DI   COMMERCIO    ED   ARTI. 

Commissione. 
Il  Prefetto,  presidente. 

Molina  cav.  Angiolo,  delegato,  ec,  v.  pag.  1 44- 
Bozzotti  Gio.  Batt.,  idem  -  via  s.  Giuseppe  n. 


BANCA  NAZIONALE  NEL  REGNO  D'ITALIA 
SEDE  DI  MILANO 

(Istituita coi  reali  decreti  1 1  giugno  e  i.°  ottobre  1859.) 

(  Via  Giardino  6.  ) 

Consiglio  di  Reggenza. 

Belinzaghi  comm.  Giulio,  presidente,  ec,  v.  p.  1 46. 
Brambilla  cav.  Ernesto,  vice-presidente-  via  Clerici  «2. 
Cavajani  cav.  Francesco,  segretario,  ec,   v.  p.  3 12. 
Burocco  Giacomo,  vice-segretario  -  via  Case  Rotte  2. 
Brot  cav.  Carlo  Francesco,  ec,  vedi  pag.  3i2. 
Leinali  cav.  Ignazio  -  via  Torino  5i. 
Bozzotti  cav.  Cesare,  ec,  vedi  pag.  i43. 
Brambilla  cav.  Giovanni  Battista,  ec,  vedi  pag.  296. 
Spagliardi  Antonio  -  via  Cusani  5. 
Ulrich  Edmondo  -  via  Bigli  21. 

Guida  187  i  «—33 


5l4  ISTITUTI   INDUSTRIALI, 

Cozzi  Pio,  ec,  vedi  pag.  1 45. 
Vonwiller  Oscar  -  via  Broletto  3j. 

Censori. 

Pisa  dott.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  21 8, 
Fuzier  Luigi,  ec.,  vedi  pag,  218. 
Mandreschi  Angelo  -  corso  P.  Romana  122. 

Consiglieri  di  sconto. 

De  Antoni  Cesare,  ec,  vedi  pag,  1 44* 
Cantoni  Carlo,  ec,  vedi  pag.  3 12. 
Rickenbach  Federico  -  via  Oriani  7. 
Bressi  Gedeone  -  via  Morigi  7. 
Ronchetti  Alessandro  -  via  Oriani   1. 
INoerbel  Melchiorre  -  piazza  s.  Alessandro  2. 
Maccia  Luigi  di  Giovanni  -  via  Unione  i4« 
Bariola  Augusto  -  corso  P.  Romana  76. 
Beduschi  Paolo  -  corso  P.  Romana  122. 

Caponago  nob.  cav.  Vincenzo,  dirett.  -  via  Giardino  6. 

Cesati  Vincenzo,  cassiere  principale  -  via  Unione  7. 

Ducloz  Gacomo,  segretario  e  capo  ai  trapassi  -  via 
Bassano  Porrone  2. 

Colombo  Gius.,  capo  contabile  -  via  Solferino  22. 

Buzzi  Felice,  cassiere  ai  pagamenti  -  piazza  Scala  3. 

Maesani  rag.  Paolo,  cassiere  ai  cambj,  ec,  v.  p.  164. 

Maggioni  Antonio,  capo  d'  ufficio  agli  sconti  -  corso 
P.  Romana  121. 

Luraschi  Francesco,  idem  ai  conti  correnti  -  via  Cer- 
nala 5. 

Vidoni  Eliseo,  appi,  di  1  ,a  classe  -  via  Orso  g. 

Massara  Agostino^  idem  -  corso  Porta  Vittoria  36. 

Gavirati  Edoardo,  idem  -  via  s.  Nicolao  2. 

Manto vni  Giuseppe  idem-  via  Principe  Umberto  io. 

Sylva  rag.  Giovanni  Battista,  idem  -  via  Piatti  6. 

Cacciamo  Antonio,  idem  -  piazza  Scala  3. 

Crippa Federico,  applicato  di  i.aclasse  -  via  Rovello  4* 


DI  CREDITO  E  Di  PREVIDENZA  5l5 

Vigo  Ercole,  idem  -  Verziere  4» 

Tagliani  Rinaldo,  idem  di  2.a  ci.  -  via  Ciovassino  io. 

Beretta  Ferdinando,  idem  -  via  Borgo  Spesso  19. 

Ghislanzoni  Carlo,  idem  -  via  s.  Simone  6. 

Simonetta  Giulio,  idem  -  via  Borgo  Nuovo  18. 

Sartorio  Carlo,  idem  -  via  s.  Spirito  9. 

Viola  Giuseppe,  idem  di  3. a  classe  -  via  Gesù  21. 

Silvola  Enrico.,  idem  -  corso  s.  Celso  9. 

Piantanida  Carlo,  idem  di  4»a  classe  «  via  s.  Orsola  17. 

Cagnoni  Natale,  aggiunto  al  cassiere  principale  -  via  s. 

Dalmazio  6. 
Zainago  Riccardo,  volontario  -piazza  Filodrammatici  3. 

Notai  pei  protesti. 

Zani  dott.  Giacinto  -  via  Rovello  io. 

Bolgeri  dolt.  Giovanni  Battista  -  via  s.  Dalmazio  6. 

Brivio  dott.  Antonio  -  via  Clerici  8. 

Galli  Antonio 

Scorta  Lorenzo 

Spreafico  Bernardino 

Scotti  Alessandro  \  fattorini  di  Cassa. 

Sommaruga  Gio.  Batt. 

Grugnola  Antonio 

Rueff  Carlo 

Cecconi  Agostino 

Gonzaga  Silvestro       inservienti. 

Campi  Felice 

Gelosa  Francesco,  custode  -  nel  locale. 
Tos  Giovanni,  portiere  -  ivi. 


5i6 


ISTITUTI    INDUSTRIALI. 


COMMISSIONE  CENTRALE  DI  BENEFICENZA 
AMMINISTRATRICE 

DELLE 

CASSE  DI  RISPARMIO  IN  LOMBARDIA 

(Via  s.  Paolo  12.) 

Le  Casse  di  Risparmio  sono  ora  attivate  nei  seguenti 
Comuni:  —  Milano.,  Cremona,  Mantova,  Pavia,  Lodi, 
Como,  Bergamo,  Brescia,  Sondrio,  Crema,  Monza, 
Varese,  Casaimaggiore,  Chiari,  Lecco,  Busto  Arsizio, 
Treviglio,  Salò,  Soresina ,  Codogno  ,  Ahbiategrasso  , 
Chiavenna,  Iseo,  Lovere ,  Breno,  Clusone,  Bozzolo, 
Asola,  Viadana  ,  Palazzolo  sull'Oglio  ,  Desenzano  sul 
lago,  Verolanova,  Gardone  in  Valtrompia,  Gandino, 
Angera,  Castiglione  delle  Stiviere,  Romano  di  Lom- 
bardia, Saronno,  Tirano,  Udine,  Asso,  Gallarate, 
Merate ,  Soncino ,  Novara  ,  Domaso ,  Orzinovi ,  Va- 
rallo ,  Arona.,  Intra,  Domodossola,  Chignolo  al  Po, 
Cantù,  Morbegno,  Rovato,  Sarnico,  Luvino  e  Schio. 

La  Cassa  centrale  di  Risparmio  in  Milano,  rappre- 
sentata dalla  Commissione  centrale  di  beneficenza , 
riunisce  tutti  i  fondi  ,  provvede  al  loro  impiego  nei 
modi  determinati  dal  proprio  Statuto,  sopraintende  e 
dirige  le  Gasse  filiali  e  pubblica  annualmente  i  rendi- 
conti della  sua  gestione. 

Le  Casse  di  risparmio,  a  norma  del  decreto  che  ne 
autorizzò  l'attivazione,  sono  riconosciute  come  Istituti 
meramente  privati,  coll'esclusione  di  ogni  diretta  in- 
fluenza per  parte  dello  Stato,  come  venne  anche  con- 
fermato e  dichiarato  coi  successivi  decreti  20  gen- 
naio i83o  N.  469,  5  ottobre  detto  anno  N.  io65  e  da 
ultimo  col  R.  Decreto  in  dicembre  1860. 

Fra  i  diversi  modi  d'impiego  dei  capitali  della 
Cassa  di  risparmio  vuoisi  annoverare  quello  recente- 
mente introdotto  delle  sovvenzioni  contro  pegno  di 
sete  greggie  e  lavorate. 


DI  CREDITO   E   DI  PREVIDENZA.  5lJ 

Discipline  pel  depositante,  estratte  dallo  Statuto  fon- 
damentale approvalo  con  reale  decreto  *±i  dicem- 
bre 1 860. 

i.°  La  Gassa  di  risparmio  in  Milano  riceve  i  depo- 
siti da  1  a  5oo  lire  italiane  nei  giorni  di  Mercoledì  e 
Sabato  dalle  ore  9  antini.  alle  1  pom.,  e  nella  Dome- 
nica dalle  ore  9  ant.  fino  a  mezzogiorno  per  depositi 
nel  limite  da  1  a  5oo  lire  italiane.  -«-  La  Gassa  riceve 
i  libretti  per  le  domande  di  rimborso  nei  giorni  di 
Martedì  e  Venerdì  dalle  ore  9  ant.  ad  1  ora  pom., 
e  ne  eseguisce  i  pagamenti  in  giornata  dalle  ore  1 1  ant. 
alle  3  pom. 

Presso  le  altre  Gasse  filiali  di  Lombardia  i  giorni 
per  i  depositi  e  pei  rimborsi  sono  designati  a  norma 
delle  circostanze  locali. 

2.0  Il  denaro  si  calcola  secondo  la  tariffa  portata  dalla 

5.°  I  rimborsi  devono  chiedersi  all'  istituto  che  ha 
emesso  il  titolo  di  credito,  e  vengono  eseguili  in  lutto 
od  in  parte  secondo  la  domanda  del  presentatore  del 
libretto.  Le  somme  non  maggiori  di  200  lire  ital.  si  pa- 
gano in  giornata.  Per  le  somme  che  superano  quell'im- 
porto occorre  la  premonizione  di  quindici  giorni  3  ed 
il  pagamento  si  effettua  dopo  quel  termine ,  sempre 
però  nei  giorni  stabiliti  pei  rimborsi,  come  all'art.  1. 

4-°  Le  somme  depositate  alla  Cassa  di  risparmio 
fruttano  il  quattro  per  cento  all'  anno.  Gli  interessi  si 
calcolano  a  decadi  _,  ossia  a  periodi  di  dieci  giorni, 
che  si  compiono  rispettivamente  il  dieci,  il  venti  ed 
il  trenta  del  mese. 

5.°  Gli  interessi  sulle  somme  depositate  decorrono 
dal  primo  giorno  della  decade  susseguente  al  deposito. 

6.°  Sulle  somme  da  rimborsarsi  gl'interessi  cessano  : 

per  le  somme  di  rimborso  immediato,  coir  ultimo 
giorno  della  decade  che  precede  il  pagamento  j 

per  le  somme  per  le  quali  è  richiesto  il  preavviso , 
coli' ultimo  giorno  della  decade  che  precede  la  scadenza 


5l8  ISTITUTI  INDUSTRIALI, 

della  premonizione.  Da  questo  giorno  in  avanti  gli  im- 
porli  disdetti  e  non  riscossi  rimangono  presso  la  Gassa 
a  titolo  di  deposito  infruttifero. 

7.0  Gol  3i  dicembre  d'ogni  anno  si  chiudono  i  conti 
coi  depositanti,  e  si  opera  la  capitali  nazione  degli  in- 
teressi maturati  fino  a  quell'epoca. 

È  però  libero  ai  depositanti  di  esigere  nel  succes- 
sivo mese  di  gennajo  l'ammontare  dei  detti  interessi, 
e  ciò  senz'obbligo  di  premonizione. 

8.°  La  Gassa  non  riceve  depositi  ,  ne  fa  pagamenti 
senza  la  presentazione  del  libretto.  Ove  questo  venga 
smarrito  si  deve  notificare  il  caso  all'istituto  per  gli 
opportuni  provvedimenti. 

9.0  Pel  costo  del  libretto  che  si  rilascia  all'atto  del 
primo  deposito,  si  pagano  centesimi  20  ital. 

io.°  Nessuno  può  presentarsi  nello  slesso  giorno  alla 
Cassa  per  versare  o  per  esigere  denaro  con  più  di  un 
libretto. 

A  cominciare  dal  1868,  l'Istituto  ha  intrapreso  le 
operazioni  di  Credito  fondiario  secondo  la  legge  14 
giugno  1866  N.  2893  e  relativo  regolamento  25  ago- 
sto 1866  N.  3177.  Queste  operazioni  consistono:  nel 
far  prestiti  per  la  durata  da  io  a  5o  anni  estinguibili 
mediante  ammortimento  semestrale  e  garantiti  con 
ipoteca  di  stabili  per  un  valore  doppio;  nell' emet- 
tere, in  corrispondenza  dei  detti  prestiti,  cartelle  fon- 
diarie fruttanti  il  5  °/0;  e  nel  l'aprire  conti  correnti 
ipotecarli.  La  zona  di  territorio  assegnata  alla  Cassa  di 
risparmio  per  1'  esercizio  di  tali  operazioni  abbraccia 
le  provincie  di  Bergamo,  Brescia,  Como,  Cremona, 
Milano,  Pavia,  Sondrio  e  Novara  fino  al  lato  sinistro 
della  Sesia,  compreso  il  territorio  dell'attuale  circon- 
dario di  Varallo.  Per  le  altre  provincie  continentali 
del  Regno  l'esercizio  del  Credito  fondiario  è  asse- 
gnato alle  Opere  Pie  di  S.  Paolo  in  Torino,  alla 
Cassa  di  risparmio  di  Bologna,  al  Monte  de' Paschi  di 
Siena  e  al  Banco  di  Napoli;  per  l'isola  di  Sicilia  al 
Banco  di  Palermo. 


BI  CREDITO  E  DI  PREVIDENZA  5ig 

Commissione  Amministratrice. 

Porro  nob.  Alessandro,  gr.  uff.  ìjjfe,  comm.  -£,  senatore 
del  Regno,  presidente,  ec.,  vedi  pag.   i3o. 

Greppi  nob.  Carlo,  uff.  ^  -  via  s.  Antonio  12. 

Conti  Luigi,  m  -  via  Monforle  26. 

Miglio  nob.  dolt.  Carlo,  comm.  ^  -  via  Senato  22. 

Venini  nob.  Eugenio,  $fè ,  senatore  del  Regno,  ec, 
vedi  pag.  1 45. 

Rougier  dott.  cav.  Achille  -  corso  P.  Romana  17. 

Direttore  dell' Amministraz.  delle  Casse  di  Risparmio* 
Reale  dott.  Carlo,  %f ,  ec,  vedi  pag,  549. 
Ufficio  della  consulenza  legale. 
Negri    Giovanni,   ^|,  consulente  legale  -  via  Monte 

di  Pietà  24. 
Staurenghi  Giuseppe,  vice-segretario  -  via  Torino  68. 

Patrocinatore  d'ufficio. 

Polli  avv.  Giovanni  Battista,  ec,  vedi  pag.  5o5. 

Ingegnere  d9  ufficio. 
N.  N. 

Segreteria, 

Boselli  dott.  Davide,  1 ,°  segretario  -  corso  s.  Celso  6. 
Zucchi  dott.  Augusto,  0,  segretario,  ec,  v.  p.  197. 

Ragioneria  e  Agenzia  delle  Casse  di  risparmio. 
Grillini  Achille,  comm.  ifc,  uff.  ^,  ragioniere  in  capo, 

ec,  vedi  pag.    1 45. 
Colonnetti  rag.  Nicola,  ^|,  capo  della  sezione   1.   -  via 

s.  Tomaso  3. 
Tarlarmi   rag.    Carlo,  capo    della    sezione    2.a  —  via 

s.  Nicolao  3. 
Spreafico  rag.  Guglielmo,  capo  della    sezione   3.a  - 

corso  Porta  Romana  78. 
Beretta  rag.  Enrico,  cassiere  filiale  -  via  Senato  22. 
Bianchi  rag.  Calisto,  i°  aggiunto,  ec,  vedi  pag.  397. 


5*2©       »  ISTITUTI   INDUSTRIALI, 

Gagliardi  rag.  Demetrio,  2°  agg.  -  via  Spiga  52. 

Tarlarmi  doli.  Paolo,  3°  aggiunto  (addetto  alla  con- 
sulenza legale)  -  via.  s  Nicolao  3. 

Viganoni  rag.  Luigi,  4°  agg«  -  corso  P.  Romana  122. 

Saglio  Gaetano,  5°  agg.  -  via  Speronari  7. 

Gerii  Giovanni,  uff. di  i.a  classe- via  Ambrosiana  16. 

Regondi  rag.  Giuseppe,  idem  -  via  Durini  12. 

Elia  rag.  Giuseppe,  uff.  di  2.a  classe  -  corso  Porta 
Nuova  36. 

Lucini  Ferdinando,  uff.  di  5a  classe  -  via  Lanzone  21. 

Platner  rag.  Agostino,  idem  -  via  Giardino  3g. 

Riboni  rag.  Rodolfo,  idem  -  via  s.  Giuseppe  4* 

Molteni  rag.  Zenobio,  idem  -  via  s.  Eufemia   19. 

Zucchi  Giulio  Gio.,  idem  -  via  Disciplini   io. 

Della  Volta  rag.  Angelo,  idem  -  via  Palermo  2. 

Belloli  Francesco,  idem  -  via  Borgo  Nuovo  26. 

Rossi  rag.  Gaetano,  idem  -  via  Torino  5y. 

Polloni  Marco,  idem  -  via  Velasca  3. 

Caldarini  Antonio,  idem  -  via  Cerva  3g. 

Savini  rag.  Paolo,  idem  -  via  Lanzone  38. 

Canzi  nob.  Carlo,  idem  -  via  Bigli  4* 

Pogliani  Luigi,  idem  -  via  Palazzo  di  Giustizia  io. 

Torrendelli  Giuseppe,  idem  -  via  Stella  i3. 

Cameroni  rag.  Felice,  idem  -  via  Ospedale  1. 

Beretta  Angelo  Enrico, idem- via s.  M.  Segreta  14. 

Brambilla  Paolo,  compul.  di  ia classe  -  via  Agnello  io. 

Buttinoni  Federico,  idem  -  via  Monlebello  2. 

Cislaghi  rag.  Filippo,  idem  -  via  Giardino  3i. 

Corti  Torquato,  idem  -  via  s.  Antonio  7. 

Canlù  rag.  Francesco,  computista  di  3.a  classe  -  corso 
P.  Nuova  20. 

Fontana  Alessandro,  idem  -  via  Lauro  1  o. 

Bigatti  Luigi,  idem  -  via  Meravigli  11. 

Visconti  rag.  Belisario,  idem  -  via  s.  Maria  Fulcorina  4» 

Colombi  rag.  Giuseppe,  idem-  piazza  Fontana    io. 

Migliavacca  rag.  Federico,  idem  -  via  Amedei  3. 

Rigosa  rag.  Rodolfo,  idem  -via  Amedei  i5. 


DI  CREDITO  E   DI    PREVIDENZA  52  I 

Agnesina  rag.  Paolo,  idem  -  corso  Magenta  5o. 
Bogani  Enrico,  idem  -  via  Pasquirolo  3. 
Bellani  Alessandro,  idem  -  via  s.  Maria   Fulcorina  i. 
Riva  Achille,  idem  -  bastioni  di  P.  Sempione   i . 
Calcaterra  rag.  Carlo,  idem   -  corso  Magenta  5o. 
Bolchesi  Giuseppe,  idem  -  via  Giardino  ai. 
Visconti  Angelo,  assistente  di  i.a  classe  -  via  Durino  3i. 
Richini  Achille,  idem  -  via  s.  Vito  3i. 
Motta  Pietro,  idem  -  via  Parini  9. 
Bernacchi  rag.  Carlo  idem  -  via  Moscova  29. 
Bertalli  rag.  Luigi,  idem  di  3.a  ci.  -  via  Palermo  8. 
Tessa  Senio,  idem  -  piazza  Carmine  4» 
Oggioni  Felice,  idem  -  via  Torino  64. 
Silvestri  Ambrogio,  idem  -  via  Rugabella  3. 
Bìancardi  rag.  Antonio,  idem  -  via  s.   Zeno  4* 
Argenti  Ambrogio,  idem  -  via  Olmetto  4» 
Vismara  Alberico,  idem  -  via  Maddalena  24. 
Colognesi  ing.  Celestino,  idem  -  via  Pietro  Verri  5. 
Bussi  rag.  Federico,  idem  -  via  Spiga  16. 
Busnelli  rag.  Bernardo,  idem  -  via  Bocchetta  3. 
Freguglia  Angelo,  idem  -  CC.  SS.  P.  Garibaldi  9. 
Galbiati  Achille,  idem  -  via  Moscova  62. 
Peechio  Pietro,' idem  -  via  Palestro  12. 
Silva  Enrico,  idem  -  via  s.  Croce  4- 
Buffini  Cesare,  idem  -  via  Disciplini  9. 

Magazzeno  sete. 

Strada  Prospero,  magazziniere  -corso  Magenta  55. 
N,  N.,  assistente. 

Boratti  Agostino,  facchino  -  via  s.  Paolo  12. 
Fontana  Pietro,  idem  -  borgo  Ortolani  60. 

Cassa  centrale. 

Porro   Lodi   nob.   ragioniere   Giulio,   cassiere  -  via 

Morigi  11. 
N.  N.,  controllore. 


5aa  istituti  industriali, 

Uffici  d'ordine. 
N.  N.,  capo  degli  uffici  d*  ordine. 
Reale  dolt.  Antonio,  aggiunto  (addetto  alla  Consulenza 

legale)  -  via  Monforte,  vicolo  Rasini  a. 
Dossena  Edoardo,  cancellista  -  corso  Garibaldi  89, 
Tavella  Gio.,  cancellista  -  via  s.  Tomaso  5. 
Floreanini  Alessandro ,  idem  -  corso  P.  Vittoria  5o. 
Pedraglio  Telesforo,  idem  -  via  Bigli  ai. 
Manini  Luigi ,  idem  (addetto  all' Ufficio  tecnico)  -  via 

Mulino  delle  Armi  3. 
Marchesi  Luigi,  idem  -  via  Montebello  21. 

Economato. 

Belloli  Giovanni,  economo  -  via  s.  Vito  17. 

Personale  di  servizio. 

Caniacbi  Carlo,  custode-  via  s.  Paolo   la. 
Mazzola  Carlo,  inserviente  -  via  s*  Paolo  12. 
Somaruga  Angelo,  idem  -  corso  Magenta  i3. 
Schiepati  Giuseppe,  idem  •  piazza  s.  Fermo   ia. 
Leoncini  Luigi,  idem  -  Ponte  Vetero  a6. 
Cattaneo   Luigi,  idem  -  via  s.  Paolo  20. 
Lavezzari  Agostino,  idem  -  via  s.  Paolo  ia. 
Cella  Paolo,  idem  -  via  Gozzadini  i5. 
Zanzi  Savino,  idem  -  corso  Venezia  55. 
Garimoldi  Pietro,  idem  -  via  s.  Paolo   ia. 
Pozzi  Giuseppe,  idem  -  via  s.  Paolo  ia. 
Zerboni  Giuseppe,  idem  -  via  Gian  Giacomo  Mora  7. 
Beretta  Battista,  idem  -  via  s.  Paolo  la. 
Gargantini  Antonio,  portinajo  -  via  s.  Paolo  la. 
Mantovani  Pietro,  spazzino  -  via  s.  Paolo  ia. 


DI   CEEDtTO  E  DI  tfBEVJDENZÀ  5l5 

BANCA  LOMBARDA 

DI    DEPOSITI   E   CONTI    CORRENTI 

approvata  con  Reale  decreto  4  agosto  1870. 

[via   Giardino  7J 

Consiglio  cC  Amministrazione  per  gli  anni  1871-72. 
Presidente. 
Melzi  d' Eril  duca  Lodovico  -  via  Manin  23. 

Vice-presidente.  „ 

Vonwiller  Oscar,  della  ditta  Vonwiller  e  C.  -  via 
Broletto  3j. 

Consiglieri. 

Bertarelli  Tomaso  di  Giuseppe  -  via  s.  Orsola  1. 

Blum  Maurizio  -  piazza  Filodrammatici  3. 

Brivio  march.  Giacomo  -via  Olmetto    17. 

Cantoni  cav.  Eugenio,  della  ditta  Costanzo  Cantoni  - 
via  Meravigli  i5. 

Cozzi  Pio,  della  ditta  Pio  Cozzi  e  C^  -  via  Case  Rotte  2. 

D'Italia  cav.  Giacomo-  via  s.  Prospero  4» 

Mack  Gio.  Davide,  della  ditta  Mack  Wiegel  e  Keut- 
zer  -  via  Bassano  Porrone  2. 

Meyer  Enrico,  della  ditta  E.  Meyer  e  C.  -  via  s. 
Paolo  14. 

Pisa  dott.  Luigi,  della  ditta  Zaccaria  Pisa  -  via  Me- 
ravigli 1 1. 

Sii  vestii  cav.  ing.  Gerolamo  -  corso  Venezia  16. 

Villa  Achille,  della  ditta  Villa  Vimercati  e  C.  -  piazza 
Belgiojoso  1. 

Visconti  di  Modrone  duca  Raimondo  -  via  Cerva  28. 

Weill  Schott  Alberto,  della  ditta  Figli  Weill  Schott  e 
C.  -  via  Pietro  Verri  7. 

Censori. 
Baragiola  Giovanni. 
Noseda  Luigi  Francesco. 
Franchetti  nob.  Costantino  -  via  s.  Paolo  22. 


52  4  ISTITUTI  INDUSTRIALI, 

Segreteria. 
Rosa  Alessandro,  segr.  generale  -  via  Giardino  7. 
Eckeli  conte  Alberto,  sotto  segretario  -  ivi. 

Ufficio  di  Contabilità  e  Riscontro. 
Ponti  rag.  Gian  Battista,  capoconlab.  -  via  Solferino  7. 
Asthon  Pietro,  contabile  -  via  s.  Vincenzo  3. 
Salimbeni  Carlo,  applicato  -  corso  Magenta  65. 
Lotteri  Ettore,  idem  -  corso  P.  Romana  78. 
Cavezzali  Giovanni,  idem  -  via  Bigli  21. 
Belgiojoso  nob.  Gian  Giacomo,  idem  -  via  Giardino  3i. 
Bouetti-Scrolavezza  Paolo,  idem  -  via  s.  M.  Segreta  6. 

Uffici  dei  Conti  correnti,  Sconti  e  Sovvenzioni, 
Soresi  Pietro,  capo  ufficio  -  via  Giardino  21. 
Riva  Benedetto,  sotto  capo  -  via  Orso  2. 
Taccani  Giovanni,  applicato  -  via  Spiga  5. 
Albini  Leopoldo,  idem  -  via  s.   Margherita  7. 
Beretta  Cesare,  idem  -  via  s.  Primo  2. 

Cassa. 
Bosisio  Giuseppe  cassiere  -  corso  Vitt.  Emanuele  56. 
Villa  Luigi,  aggiunto  -  via  Cavenaghi  1. 
Foglia  Angelo,  fattorino  -  via  Giardino  7. 
Perego  Natale,  idem  -  via  Monte  Napoleone  6. 
Broggi  Pietro,  portiere  -  via  Moscova  29. 
Cerri  Beniamino,  idem  -  via  Unione  8. 


GASSA  SOCIALE  DI  PRESTITI  E  DI  RISPARMI 

istituita  coi  regi  decreti  21  febbrajo,  7  settembre  1864  e  23 
marzo  4865,  venne  dichiarata  fallita  dal  decreto  del  Tribu- 
nale di  Commercio  del  giorno  12  novembre  1866. 

(Via  s.  Marta  18) 

Consiglio  di  Sindacato  del  fallimento. 
Molina  cav.  Angelo,  ec.,  vedi  pag.  1 44* 
Slrambio  dott.  cav.  Vincenzo,  ec,  vedi  pag.  1 43. 
Speroni  ing.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  11 5. 
Colombo  Marco,  ragioniere  capo  -  corso  Venezia  89. 


DI  CREDITO   E   DI  PREVIDENZA  525 

BANCA  MUTUA  POPOLARE 

approvala  con  reale  decreto  23  dicembre  1865. 

[Piazza  Mercanti j  superiormente  al  locale  della  Borsa) 

Operazioni  della  Banca. 
Accorda  prestiti  ai  soci;  sconta  cambiali  su  qualun- 
que piazza  del  regno  alla  scadenza  massima  di  sei 
mesi  ;  fa  sovvenzioni  sopra  effetti  pubblici  e  valori  in- 
dustriali da  uno  a  sei  mesi;  riceve  cambiali  per  sem- 
plice incasso  pagabili  su  qualunque  piazza  del  regno; 
tutti  i  giorni  dalle  io  alle  3  riceve  danaro  in  conto 
corrente,  sul  quale  corrisponde  l'interesse  annuo  del 
4  °/0  netto,  con  facoltà  ai  correntisti  di  valersi  mediante 
il  vigente  sistema  dei  chèques: 

per  lire     3ooo  a  vista 

»       5 ooo  con  un  giorno  di  preavviso 
»     ioooo  con  tre  giorni  » 

»     i5ooo  con  cinque  »  » 

»     5oooo  con  dieci    »  » 

Per  somme  superiori  a  L.  5o,ooo  si  prenderanno  par- 
ticolari concerti  colla  Direzione  della  Banca,  colla  quale 
si  potrà  trattare  per  maggiori  facilitazioni  di  rimborso 
mediante  riduzione  d'interesse  da  convenirsi. 

Apre   crediti  in   conto  corrente   contro  garanzia   e 
riceve  valori  in  semplice  custodia. 

Presidenza. 
Luzzatti  prof.  comm.  Luigi,  presidente  onorario. 
Pedroni  cav.  Lisiade,  presidente  -  via  Monte  di  Pietà  i. 
Sacchi  Pietro  Edoardo,  vice-presidente  -  via  s.  Mar- 
gherita i. 

Consiglieri  d1  amministrazione, 
Allocchio  cav.  dott.  Stefano  -  via  Gesù  7. 
Beduschi   Paolo  -  corso  P.  Romana  1*22. 
Biella  Alessandro  -  CG.  SS.  P.  Romana  4  3. 
Bolgeri  dott.  Giovanni  Battista  -  via  s.  Dalmazio  6. 
Gallavresi  cav.  Giuseppe  -  via  Orso  i4« 


5a6  ISTITUTI  INDUSTRIALI , 

Levi  Leon  Davide  -  corso  Porta  Romana  5. 

Mangili  avv.  Felice  -  via  Unione  9. 

Pianazzi  Benedetto  -  via  Ciovasso  11. 

Ronchetti  Alessandro  -  via  Oriani  1. 

Rosa  avv.  Vincenzo  -  via  s.  Maria  Fulcorina  17. 

Speluzzi  cav.  Giuseppe  -  via  Bigli  17. 

Comitato  de*  Censori. 
Bonistabile  prof.  Guglielmo  -  via  Valpetrosa  2. 
Chiusi  rag.  cav.  Carlo  -  via  Principe  Umberto  1. 
Della  Porta  rag.  cav.  Francesco  -  via  Sala  8. 

Comitato  dei  Probiviri 
Delfinoni  avv.  Gottardo -corso  Vittorio  Emanuele  22, 
Fano  cav.  Enrico  -  Foro  Bonaparte  1. 
Porro  Gerolamo  —  vicolo  s.  Giacomo  4« 

Direttore 
Silvestri  rag.  Giovanni  •  via  Rovello  io. 

Cassa, 
Grasselli  nob.  cav.  Carlo,  cassiere  -  via  Monte  di  Pietà  14. 
Grassi  rag.  Vincenzo,  aggiunto  cassiere  -  via  Soncino 
Merati  8. 

Contabilità 
Oldani  Cesare  -  via  Mulino  delle  Armi  3. 
Ticozzi  Anselmo  -  via  Luciano  Manara  1 1. 
Del  Grande  Giuseppe  -  via  Rugabella  25. 
Mainardi  Alberto  -  via  Rugabella  3. 
Perego  Achille  -  corso  P.  Ticinese  52. 
De  Bernardi  Gaetano  -  via  Senato  26. 
Majocchi  Baldassare  -  via   Bassano  Porrone  6. 
Marchesi  Luigi  -  corso  Garibaldi  71. 
Magrotti  Luigi  -  via  s.  Sisto  2. 

Fattorini 
Mauri  Ambrogio  -  nel  locale  d'ufficio. 
Mazzucchetti  Giovanni  -  ivi. 
Morlacchi  Carlo  -  ivi. 
Oriani  Pietro  -  ivi. 
Rossi  Pietro  -  ivi. 


DI  CREDITO  E  DI  PREVIDENZA  5'2J 

REALE  COMPAGNIA  ITALIANA 

DI    ASSICURAZIONI    GENER.    SULLA    VITA  DELL'UOMO 

approvata  con  decreto  reale  27  aprile  1862. 

(  Via  Giardino  4-2.) 

Capitale  sociale  10,000,000  di  lire  italiane. 

Emessi  6,200,000  lire 

non  compresi  i  fondi  provenienti  dalle  quote   pagate 

dagli  assicurati  e  le  somme  collocate  alla  riserva. 

Consiglio  di  Amministrazione, 

Restelli  avv.  comm,  Francesco,  presidente^  ec,  vedi 
pag.  n5. 

Conti  cav.  Luigi,  vice -presidente,  ec,  vedi  pag.  5ig. 

Arlotta  comm.  Mariano,  banchiere  -  Napoli. 

Belinzaghi  comm.  Giulio,  idem,  sindaco  di  Milano,  ec, 
vedi  pag.  146. 

Berne  Fedele  e  Comp.  (ditta),  idem  -  Torino. 

Brambilla  Pietro,  idem,  ec,  vedi  pag.  116. 

Cavajani  cav.  Frane,  idem,  ec,  vedi  pag.  3(2. 

Garavaglia  Costantino,  idem  -  via  Bigli  21. 

Goldschmidt  Adolfo,  idem  -  Francoforte  s/M. 

Lucini  nob.  cav.  Ignazio,  possidente. 

MeuricofFre  Oscar,  idem,  console  generale  della  Con- 
federazione Svizzera  -  Napoli. 

Spagliarci  Antonio,  banchiere,  ec,  vedi  pag.  5i3. 

Ulrich  Edmondo,  idem,  ec,  vedi  pag.  5i3. 

Direttore. 
Rey  cav.  William  -  via  Giardino  ^1. 

OPERAZIONI    PRINCIPALI. 

Contratti  di  previdenza  pel  consolidamento  del  risparmio , 
dei  credili  e  dell* avvenire  delle  famiglie. 

L'uomo  previdente  sa  che  il  risparmio  è  incerto 
perchè  dipende  dalla  sua  esistenza,  e  non  omette  di 
consolidare  i  frutti  essenzialmente  vitalizj  procuratigli 


5^8  ISTITUTI    INDUSTRLI, 

dalla  sua  professione,  o  da  qualunque  altra  sorgente, 
mediante  V  assicurazione  di  un  capitale  già  dai  mo- 
mento del  contratto  determinato  ed  acquistato.  Rispon- 
dono meglio  allo  scopo  di  tale  previdenza,  ancora  delle 
famiglie  e  degli  individui,  i  contratti: 

i.°  di  un  Capitale  pagabile  agli  eredi.  Caso  veri- 
ficato. Il  sig.  F.  di  Napoli  morì  dopo  aver  pagato  la 
prima  annualità  di  L.  1 444^  e  vennero  versate  dalla 
Compagnia  alla  sua   famiglia  L.  5o,ooo  assicurate. 

2.°  di  un  Capitale  pagabile  dopo  un  determinato 
numero  di  anni,  oppure  subito  se  1'  assicurato  muore 
prima.  Caso  verificato.  Mori  a  Genova  dopo  di  aver 
pagato  L.  1062  il  sig.  M.  e  vennero  versate  L.  25,ooo 
alla  famiglia,  somma  cbe  M.  avrebbe  ricevuto  cogli 
utili  dopo  20  anni  se  avesse  vissuto. 

3.°  di  Dotazioni.  Esempio.  L.  1000  versate,  o 
L.  100.  65  ammali  produrranno  daL.  6m.  a  ym.al  figlio 
od  alla  figlia  ventenne,  quale  prodotto  delle  Associa- 
zioni dotalizie.  Minimum  garantito  dalla  Compagnia  a 
proprio  rischio  L.  4000. 

Rendite  vitalizie.  Contro  L.  100  versate  L.  9.  46  a 
55  anni;  L.  io.  88  a  60,  L.  i3.  06  a  65,  ecc.  Garan- 
zie: l'Inventario  della  Compagnia,  al  3i  dicembre  1867, 
dimostra  io  1/2  milioni  di  attivo  contro  4  milioni  va- 
lore attuale  degli  impegni.  Partecipazione  degli  assicu- 
rati agli  utili,  in  ragione  di  5o  per  °/  o  più,  secondo 
la  natura  dei  contralti. 

I  vantaggi  offerti  dalla  Reale  Compagnia  Italiana 
consistono  principalmente:  i.°  Nella  modicità  delle 
sue  tariffe  e  nella  chiarezza  ed  equità  delle  condizioni 
dei  suoi  contratti.  2.0  Nella  facoltà  fatta  agli  assicurati 
di  viaggiare  per  tutta  l'Europa  e  per  tutti  i  porti  del 
Mediterraneo  e  del  Mar  Nero.  3.°  Nel  mantenere  la 
validità  dei  contratti,  aventi  tre  anni  o  più  di  data,  nel 
caso  di  morte  in  seguito  di  duello ,  di  suicidio  o  dì 
condanna  giudiziaria.  4«°  Nel  pagamento  integrale  del- 
l'assicurazione agl'i  aventi    diritto  dalle   Guardie    Na- 


CI  CREDITO    E  DI  PREVIDENZA  52  (j 

zionali ,  anche  mobilizzate  ,  che  venissero  a  morte  in 
attualità  di  servizio,  sia  in  guerra  che  in  pace.  5.°  Nel 
ridurre  o  riscattare  quei  contratti  che  ,  per  difetto  di 
pagamento  od  altro,  piacesse  all'assicurato  di  voler 
cedere  o  ridurre  prima  della  loro  scadenza.  6.°  Nella 
dilazione  di  quaranta  giorni  accordata  pel  pagamento 
dei  premj  e  nella  facoltà ,  a  certe  condizioni  ,  di  ri- 
chiamare in  vigore,  nello  spazio  di  dodici  mesi,  i  con- 
tratti annullati.  7.0  Nel  diritto  di  prendere  ad  impre- 
stito una  somma  sino  alla  concorrenza  del  prezzo  di 
riscatto  dei  contratti.  8.°  Nella  facoltà  di  versare  anti- 
cipatamente dei  premj  o  frazioni  di  questi ,  riceven- 
done un  equo  interesse.  9.0  Nel  diritto  di  trasmettere 
a  terze  persone  la  proprietà  delle  polizze  libere  da 
ogni  vincolo. 

COMPAGNIA  DI  ASSICURAZIONE 

CONTRO   I  DANNI   DEGLI  INCENDJ,   SULLA    VITA    DELL' UOMO 

E   PER    LE    RENDITE    VITALIZIE,    SUPERIORMENTE  APPROVATA. 

(via  Lauro  7.  ) 

La  Società  eretta  sotto  questo  titolo  è  anonima,  e 
col  giorno  2  gennaio  1826  la  Compagnia  ha  incomin- 
ciate le  sue  operazioni.  Essa  si  divide  in  due  sezioni 
distinte,  Tuna  delle  quali  ha  per  iscopo  le  assicurazioni 
contro  gì'  incendi ,  e  P  altra  P  assicurazione  sulla  vita 
dell'uomo  e  per  le  rendite  vitalizie.  Il  fondo  capitale 
è  stabilito  per  la  prima  "L.  2,080,000,  e  per  la  se- 
conda iL.  5,120,000,  diviso  per  azioni.  L'impiego 
dei  capitali  della  Compagnia  è  determinato  dallo  sta- 
tuto della  medesima  :  qualunque  operazione  estranea 
al  suo  istituto  è  ad  essa  vietata. 

U  ufficio  è  aperto  nei  dì  feriali  dalle  ore  9  antim. 
alle  4  pomerid.  Direttore  attuale  è  il  sig.  Carlo  Gori. 


Guida  1871  —  34 


ÒDÒ  ISTITUTI  INDUSTRIALI  , 

COMPAGNIA  DI  ASSICURAZIONI  GENERALI 

{Via  s.   Paolo  8.) 

Il  capitale  sociale  è  di  lir.  j5,i  10,100  ital.,  cioè  :  ca- 
pitale fondiario  lir.  10,400,000;  riserva  lir.  40,666,400; 
annuo  introito  per  premj  ed  interessi  dei  capitali 
lire  24^043^00. 

La  maggior  parte  de'  suoi  capitali  è  investita  sopra 
beni-fondi. 

In  ogni  città  ed  in  qualunque  importante  luogo  di 
tutta  Italia,  nonché  in  gran  parte  d'Europa,  tiene 
Agenti  incaricati  d'  intendersi  cogli  Assicurati  sulle 
sicurtà  che  essa  presta: 

i.°  Contro  i  danni  del  fuoco  su  case,  mobili,  uten- 
sili, prodotti  del  suolo  e  dell'arte,  bestiame  e  merci* 

2.0  Contro  i  danni  della  grandine  su  prodotti  cam- 
pestri con  compenso  integrale. 

3.°  Contro  i  danni  elementari  avvenibili  su  merci 
viaggianti  per  acqua  e  per  terra. 

4»°  Assicurazioni  di  capitali  ad  annue  rendite  paga- 
bili ad  epoche  determinate  se  l'assicuralo  è  in  vita. 

5.°  Assicurazioni  di  capitali  ad  annue  rendite  paga- 
bili alla  morte  dell'  assicurato  in  qualunque  epoca  suc- 
ceda, entro  o  dopo  un'epoca  determinata. 

6.°  Assicurazioni  di  rendite  vitalizie  immediate  o 
differite 

7.0  Ramo  Tontine  per  sicurtà  di  capitali  pagabili  in 
caso  di  sopravvivenza,  col  patto  che  gli  utili  prove- 
nienti dalle  decessioni  degli  assicurati  e  dall'accumu- 
lamento degl'interessi  restino  a  tutto  vantaggio  degli 
assicurati  superstite  e  come  pure  Tontine  Sarde. 

Le  condizioni  per  le  suddette  assicurazioni  si  rile- 
vano presso  T  ufficio  di  questa  Compagnia,  la  quale 
accorda  ogni  possibile  facilitazione  nei  premj  e  nelle 
condizioni,  al  pari  di  qualsiasi  altra  accreditata  Società. 

L'ufficio  in  Milano  è  diretto  dall' ing.  signor  Antonio 
Osculali,  ispettore  generale  per  la  Lombardia  e  procu- 
ratore della  Compagnia,  via  s.  Paolo  8. 


DI  CREDITO  E   DI  PREVIDENZA.  53  I 

BANCA  GENERALE  DI  SICURTÀ' 

(Sede  principale,  via  Giardino  J.) 

Le  operazioni  della  Banca  generale  di  sicurtà  sono 
le  seguenti:  Assicurazioni-vita;  Àssicurazioni-incendj  ; 
Assicurazioni  dei  trasporti  marinimi  e  terrestri. 

L'esercizio  dei  singoli  rami  si  effettua  di  volta  in 
volta  che  la  Direzione  generale  abbia  raccolto  suffi- 
ciente nucleo  delle  relative  proposte  di  contratti  d'as- 
sicurazione. 

Cusani    Gonfalonieri   march.   Ferdinando ,  presidente 

del  consiglio. 
Bossi  Giuseppe,  direttore.         ♦ 

SOCIETÀ'  ITALIANA  DI  MUTUO  SOCCORSO 

CONTRO   I   DANNI   DELLA   GRANDINE. 

(  fria  Borgogna  5.) 

Questa  Società,  attivata  nell'anno  i85y  per  le  pro- 
vincie  lombarde,  prendeva  il  nome  di  Società  Ita» 
liana  in  seguito  al  decreto  reale  i4  maggio  1860, 
col  quale  la  Società  venne  abilitata  ad  estendere  le 
sue  operazioni  in  tutti  i  territorii  già  aggregati  e  che 
si  aggregheranno  al  Regno  d'Italia. 

La  Società  in  i4  anni  d'esercizio  pagò  in  tanti  in- 
dennizzi ai  danneggiati  dalla  grandine  per  oltre  3o  mi- 
lioni di  lire. 

Allo  scadere  del  1870,  la  Società  contava  8490 
socj,  con  oltre  48  milioni  di  valore  assicucurato,  e 
incassando  in  quell'  anno  per  premj  e  tasse  oltre  li- 
re 2,865,ooo. 

La  Società  è  rappresentata  : 

a)  Da  un'Assemblea  generale,  composta  di  due 
Socj  deputati  per  ogni  Mandamento; 

b)  Da  un  Consiglio  d'amministrazione  composto 
d'  un  socio  d'ogni  Provincia  che  fa  parte  della  Società^ 
e  costituito  attualmente  dai  signori; 


5fo  ISTITUTI    INDUSTRIALI, 

Barbò  nob.  Giulio  -  via  s.  Damiano. 
Giulini  nob.  cav.   Giorgio,  ec,  vedi  pag.   120. 
Rougier  dolt.  cav.  Achille,  ec,  vedi  pag.  4 12. 
oltre  ai  rappresentanti  le   Provincie  di   Bologna,  Fer- 
rara, Parma,    Novara,   Bergamo,  Brescia,  Pavia,   Ve- 
rona, Vicenza,  Padova,  Venezia,  Rovigo,  Udine,  Tre- 
viso, tutti  domiciliati  fuori  di  Milano. 

Supplenti» 

Litta  Modignani  nob.  Alfonso,  e  presidente  del  Con- 
siglio, ec,  vedi  pag.  484. 
Zuccoli  Antonio  -  via  Gavenagbi  6. 
Zani  dott.  Giacinto,  ec,  v.  pag.  5i5. 

e)  Da  Comitati  di  vigilanza  composti  di  5  socj  re- 
sidenti in  ciascuna  Provincia; 

d)  Dalla  Direzione  costituita  come  segue* 
Cardani  ing.  cav.  Frane,  direttore,  ec,  vedi  pag.  278. 
Massara  dott.  cav.  Fedele,  segretario,  ec,  v.  p.  278. 
Ceresa  rag.  Giuseppe,  cassiere  -  corso  P.  Romana  89. 
Ràucilio  rag.  Ang.,  capo  contabile  -  via  Cerva  20. 
INova  rag.  Giuseppe,  capo  sezione  -  corso  Venezia  8. 
Gioja  rag.  Giuseppe,  idem  -  via  Cerva  16. 


SOCIETÀ*  DI  MUTUA  ASSICURAZIONE 
contro  i  dainni  della  mortalità**  del  bestiame 

detta  la  Previdenza 

(Via  s.  Prospero  4) 

Questa  Società,  approvata  col  decreto  reale  18  ot- 
tobre i863  N.  936,  è  intesa  a  due  importanti  scopi: 
l'uno  ,  tutto  morale  e  di  beneficenza ,  cioè  di  solle- 
vare col  mutuo  soccorso  i  dissesti  e  talvolta  i  rovesci 
delle  fortune  privale  investite  in  bestiami  applicati  od 
all'agricoltura,  od  agii  allevamenti  delle  mani  Ire;  l'al- 
tro, di  mantenere  col  reintegro  dei  danni  inflitti  dalla 
mortalità,  in  una  continua  €  feconda  attitudine  di  prò- 


DI   CREDITO  E   Di   PREVIDENZA  533 

duzione  i  tanti  capitali  che  in  Italia  si  impiegano  nel- 
l' acquisto  dei  bestiami  voluti  per  le  sue  svariale  pro- 
duzioni naturali  ed  industriali. 

Ferrano  ing.  Emilio,  direttore  -  s.  Prospero  4» 

RIUNIONE  ADRIATICA  DI  SICURTÀ'. 

{Via  s.  Paolo  6.) 

ASSICURAZIONI  CONTRO    I  DANNI    DEL  FUOCO 

E  DELLO   SCOPPIO    DEL   GAZ,    CONTRO   I  DANNI  DELLA    GRANDINE 

SULLE    MERCI   VIAGGIANTI, 

SULLA   VITA    DELL'UOMO    F    PER  LE  RENDITE  VITALIZIE. 

La  Società  anonima  che  porta  il  suddetto  titolo 
venne  eretta  in  Trieste  il  9  maggio  i838,  e  comin- 
ciò subito  le  proprie  operazioni  in  tutto  il  territorio 
della  Monarchia  austriaca.  Istituì  allora  un'  Agenzia 
generale  in  Venezia  per  il  Lombardo-Veneto,  e  per 
il  Tirolo  italiano.  Successivamente  avendone  otte- 
nuta l'autorizzazione  coi  reali  decreti  i3  novembre 
i853,  14  luglio  i856  e  26  gennaio  i865,  istituì  in 
tutta  T  Italia  agenzie  principali  in  ogni  capo-luogo  di 
provincia. 

Il  capitale  fondiario  di  sei  milioni  di  lire,  rappresen- 
tato da  2000  azioni,  venne  portato  a  dodici  milioni 
mediante  l'emissione  di  altre  2000  azioni;  per  cui 
colle  riserve  degli  utili,  coi  premj  annuali,  col  prodotto 
de*  suoi  stabili,  fondi,  ec,  il  suo  capitale  attualmente 
ammonta  a  circa  3i  milioni  di  lire,  e  un  buon  numero 
delle  sue  azioni  si  trova  collocato  nelle  nostre  provincie. 

Essa  è  proprietaria  in  Milano,  oltre  ad  altri  slabili, 
del  fabbricato  ad  uso  Hotel  de  la  Ville  e  Caffè  del' 
l'Europa  sul  corso   Vittorio  Emanuele. 

Ha  per  iscopo  le  assicurazioni: 

a)  contro  i  danni  del  fuoco  e  dello  scoppio  del 
gaz  sulle  case,  edificj ,  mobili,  prodotti  del  suolo, 
bestiami,,  ec. 


534  ISTITUTI   INDUSTRIALI, 

b)  contro  i  danni  elementari  e  fortuiti  d'  acqua  e 
terra  sulle  merci  viaggianti. 

e)  contro  i  danni  della  grandine. 

d)  sulla   vita  dell'uomo*  assicurazioni  di  rendite 
vitalizie,  rendite  e  capitali  differiti,  dotazioni,  ec. 

L'Agenzia  centrale  per  la  Lombardia  è  affidala  col- 
lettivamente ai  signori: 

Belinzaghi  cav.  Giulio,  rappresentante,  ec,  v.  p.  146. 
Pavia  Arnoldo,  segretario  -  via  s.  Paolo  6. 
Gerii  rag.  Leopoldo,  cassiere  -  via  s.  Calimero  3. 


SOCIETÀ'  REALE 

DI    ASSICURAZIONE  MUTUA   ED  A  QUOTA  FISSA   CONTRO  1  DANNI 
DELL'INCENDIO    E    DELLO    SCOPPIO    DEL   GAZ, 

eretta  in  Torino  sino  dall'anno  1829. 

{Via  Giardino  3l.) 

Questa  Società  nazionale,  amministrata  da  un  Con- 
siglio generale  e  da  un  Consiglio  d'  amministrazione 
scelti  fra  i  socj  medesimi ,  ed  estranea  alla  specula- 
zione, restituisce  ad  ogni  quinquennio  considerevoli 
economie  a'  suoi  Associati  non  ostante  la  tenuità  della 
Tariffa  in  vigore. 

Sono  accordate  riduzioni  sia  a  chi  assicura  fabbri- 
cati civili  per  un  valore  di  L.  400,000,  od  anche  sol- 
tanto di  L.  100,000,  sia  ai  Corpi  amministrali,  come 
Muuicipj  j  Opere  Pie  e  simili. 

Per  disposizione  dello  Statuto  non  può  mai  doman- 
darsi al  Socio  un  pagamento  superiore  a  quello  della 
sua  ordinaria  quota. 

Le  quote  fruttate  da  un  valore  assicurato  di  un  miliar- 
do e  cinquecento  e  più  milioni,  e  un  cospicuo  fondo  di 
riserva  mettono  la  Società  in  grado  di  far  fronte  colla 
solita  puntualità  a' suoi  impegni  anche  in  occasione  di 
disastri  straordinarj. 


DI  CREDITO  E  DI  PREVIDENZA  535 

Ovunque  sono  notorie  In  scrupolosa  giustizia  con 
cui  si  liquidano  i  danni  d'incendio,  prendendo  per 
norma  il  valor  reale ,  e  la  prontezza  con  cui  se  ne 
eseguisce  il  pagamento. 


SOCIETÀ'  DI  ASSICURAZIONI  «  DANUBIO  » 

(Succeduta  alla  prima   Società  di  assicurazioni.) 

Approvata  per  l'Italia  col  reale  decreto  11  maggio 
1868  ed  avente  la  rappresentanza  generale  per  tutta 
V Italia  in  Milano  nella  casa  propria  sul  corso  Vittorio 
Emanuele  26. 

Assicura  a  premio  fisso: 

a)  contro  gli  incendj  e  lo  scoppio  del  gaz; 

b)  i  trasporti  per  terra,  per  mare  e  i  lacuali; 

e)  sulla  vita  dell'uomo,  per  le  dotazioni  e  le  ren- 
dite vitalizie. 

Fondi  ^disponibili  60  milioni  di  lire  italiane  fra  il 
proprio  capitale  e  quello  delle  grandiose  Compagnie 
prussiane  di  Magdeburgo  interessate  nelle  sue  opera- 
zioni. 

Il  rappresentante  generale  per  l'Italia  e  dirigente 
dell'Agenzia  generale  di  Milano  è  il  sig.  Ignazio  Ga- 
sparini  :  segretarj  sono  i  signori  Leoni  rag.  Giovanni 
Battista  e  Pezzi  Giuseppe. 


COMPAGNIA  ANONIMA  D'ASSICURAZIONE 

A  PREMIO   FISSO   CONTRO   1   DANNI 
DEGLI  INCENDI   E   DELLO   SCOPPIO   DEL   GAZ 

stabilita  in  Torino  per  tutto  il  Regno  d'Italia 

{Agenzia  provinciale  -  via  Spiga  l5.) 

Fra  i  vantaggi  offerti  da  questa  Compagnia  di  assi- 
curazione, in  confronto  di  altre,  ai  annoverano  i  se- 
guenti: 

i.°  Un  abbuono  del  io  percento  è  accordato  sul- 


536  ISTITUTI  INDUSTRIALI, 

l'ammontare  dei  premj  annuali  per  le  assicurazioni  con- 
traile per  un  periodo  di  tempo  non  minore  di  cinque  anni. 

Tale  abbuono  è  del  20  per  cento  per  gli  stabili- 
menti pubblici,  corporazioni  religiose,  istituti  di  bene- 
ficenza, ec. 

2.0  In  caso  d'incendio  l'assicurato  è  risarcito  del 
danno  a  termini  delle  condizioni  della  polizza,  cioè  su- 
bito dopo  la  liquidazione  del  danno  stesso  da  parte  dei 
periti,  uno  dei  quali  deve  essere  scelto  dall'  assicurato. 
La  tariffa  dei  premj  e  le  condizioni  della  polizza 
sono  ostensibili  presso  il  sig.  Raffaele  Pirola,  agente 
provinciale  in  Milano,  via  Spiga  i5. 


CASSA  GENERALE 

DELLE  ASSICURAZIONI  AGRICOLE  E  DELLE  ASSICURAZIONI  CONTRO  L'INCENDIO 

COMPAGNIA   ANONIMA    d' ASSICURAZIONI   A  PREMIO    FISSO 

contro  l'incendio,  il  fulmine,  lo  scoppio  del  gas 
e  degli  apparecchi  a  vapore. 

Capitale  di  garanzia:    12  milioni  di  franchi. 

Direzione  divisionale  per  la  Lombardia  e  provincia  di  Piacenza  t 
in  Milano^  via   Oriani  3. 

La  Compagnia  assicura  tutti  i  valori  mobiliari  ed 
immobili  che  possono  essere  danneggiati ,  o  distrutti 
dal  fuoco.  Essa  garantisce  i  rischi  locativi,  il  ricorso 
dei  vicini  e  le  perdile  risultanti  dallo  scoppio  del  ful- 
mine, del  gaz  e  degli  apparecchi  a  vapore. 

I  danni  sono  determinati  amichevolmente,  e  valutati 
da  periti,  e  Y  indennità  fissata  è  pagata  in  contanti  e 
senza  ritardo. 

Essa,  oltre  la  modicità  delle  sue  tariffe,  accorda  agli 
assicurati  il  decimo  anno  gratis;  di  più,  fa  delle  riduzioni 
importanti  sopra  i  premj  delle  assicurazioni  degli  sta- 
bilimenti pubblici,  religiosi  e  di  beneficenza. 

Direttore  divisionale. 
Maironi  nob.  Antonio. 


DI  CREDITO  E  DI  PREVIDENZA  537 

CASSA  PATERNA 

COMPAGNIA     ANONIMA     FRANCESE     o'  ASSICURAZIONI 
SULLA    VITA,    MUTUE    ED    A    PREMIO    FISSO 

Autorizzata  in  Francia  ed  in  Italia.  -  Stabilita  in  Pa- 
rigi, via  Ménars  4-  -  Direzione  di  Torino,  via  Carlo 
Alberto  18.  -  Capitale  sociale:  sei  milioni  di  franchi. 

GARANZIE   DATE. 

Fr.  20,000  di  rendita  francese  3  % 
»     10,000  di  rendita  italiana  5  % 

Cloquemin  cav.  T. ,  direttore  generale. 
Baer  Costantino,  corani,  ^,  direttore  in  Torino. 
Cav.    Corderò    di    Montezemolo ,    regio    commissario 
presso  la  Direzione  di  Torino. 

Situazione  finanziaria  delle  Associazioni  mutue 
al  i5  maggio   1867. 

Fr.  183,026,153.71  Fr.  132,989,683.41 

di  Capitale  sottoscritto    I      di  Capitale  incassato 

Associazioni  generali  per  le  persone  d'ogni  età  e 
d'ogni  sesso  -  Assicurazioni  di  capitali  tanto  in  caso 
di  vita  che  in  caso  di  morte.  -  Assicurazioni  di  ren- 
dite vitalizie  sopra  una  o  più  persone,  con  godimento 
immediato  o  differito. 

Pestalozza  Domenico,  direttore  e  cassiere  per  la  Lom- 
bardia, con  ufficio  in  Milano  -  via  s.  Prospero  7. 

LA  PATERNA 

COMPAGNIA  ANONIMA    DI    ASSICURAZIONI   A   PREMIO   FISSO 

Capitale  sociale:  6  milioni  di  franchi. 

La  Paterna  assicura  le  proprietà  immobili  contro 
l'incendio,  il  fuoco  del  cielo  e  l'esplosione  del  gaz.  — 
Assicura  anche  i  mobili,  i  raccolti  e  le  mercanzie.  ■— 
Differentemente  dalle  Compagnie  mutue,  l'assicurato 


538  ISTITUTI   INDUSTRIALI, 

alla  Paterna  non  è  obbligato  ad  altro  pagamento  di 
quello  fissatosi  anticipatamente  d'accordo  con  lui.  — 
In  caso  di  sinistro  l'ammontare  dei  danni  è  pagato  im- 
mediatamente in  pronti  contanti  dopo  la  liquidazione. 

La  Compagnia,  quantunque  abbia  una  tariffa  mite, 
accorda  ancora  lo  sconto  del  20  per  cento  sui  premii 
annui  per  le  assicurazioni  ai  fabbricati  appartenenti 
allo  Stato,  alle  Opere  pie,  agli  Istituti  di  beneficenza, 
alle  Corporazioni  religiose,  Parrochie,  Fabricerie,  Be- 
neficii,  non  che  alle  Amministrazioni  municipali. 
Pestalozza  Domenico,  direttore  per  la  Lombardia,  con 

ufficio  in  Milano  -  via  S.  Prospero  7. 


PRIMA  SOCIETÀ'  UNGHERESE 

D*  ASSICURAZIONI    GENERALI    IN    i'ESTH 

Questa  Società,  autorizzata  confale  decreto  7  aprile 
i86i,N.  343,  possiede  un  fondo  di  L.  it.  18,000,000, 
costituito  da  capitale  originario  e  da  successive  risorse, 
come  risulta  dai  bilanci  annualmente  pubblicati.  Essa 
garantisce  contro  i  danni  degli  incendi,  della  grandi- 
ne, delle  merci  viaggianti,  e  sulla  vita  deli'  uomo,  ren- 
dite vitalizie,  assicurazioni  dotali,  ec,  ec. 

L'Ispettorato  generale  in  Milano  per  la  Lombardia 
e  per  le  provincie  di  Piacenza,  Parma,  Reggio  e  Mo- 
dena è  situato  sulla  piazza  Filodrammatici  2.         ' 
Visconti  rag.  Enrico,  ispettore  generale  -  piazza  Filo- 
drammatici 2. 

L'UNIONE 

Compagnia  italiana  d'assicurazioni  generali  contro 
il  fuoco  -  sulla  vita  -  marittime.  Sede  in  Firenze  pa- 
lazzo Magnani,  via  Serragli  6.  -  Capitale  3  milioni  di 
lire  diviso  in  6000  azioni  da  L.  5oo  cadauna  ed  esten- 
sibile fino  a  3o  milioni  con  altre  9  emissioni. 


DI  CREDITO   E  DI   PREVIDENZA  53g 

La  direzione  divisionale  per  la  Lombardia  e  per  le 
Provincie  di  Piacenza,  Parma  e  Reggio,  è  in  piazza 
Filodrammatici  2,  ed  è  rappresentala  dal  direttore  Vi* 
sconti  rag.  Enrico. 

IL  MONDO 

COMPAGNA  ANONIMA  DI  ASSICURAZIONE  A  PREMI  FISSI 

autorizzata  con  decreto  reale  20  aprile  1867,  con  sede  in  Firenze. 

Capitale  sociale  io  milioni.  Cauzione  lir.   i5o  mila. 

La  Compagnia  assicura  come  appresso  : 

Nel  ramo  Incendj  tutti  i  valori  mobiliari  ed  immo- 
bili che  ponno  essere  danneggiati  o  distrutti  dal  fuoco. 
Essa  garantisce  i  rischi  locativi,  il  ricorso  dei  vicini  a 
termini  del  vigente  Codice  civile  n  e  le  perdite  risul- 
tanti dallo  scoppio  del  fulmine,  del  gaz  e  degli  appa- 
recchi a  vapore. 

INel  ramo  Vita  tutti  i  capitali  tanto  in  caso  di  vita  che 
di  morte,  quelli  in  rendite  vitalizie,  ed  altri  temporanei. 
Raccomandataria  della  Compagnia  in  Milano  è  la  ditta 
Bianchi  Fumagalli  e  Compagni. 

La  Direzione  di  Milano,  per  le  provincie  di  Milano, 
Como,  Bergamo  e  Sondrio,  è  rappresentata  dal  signor 
Penci  Antonio  -  via  Carlo  Alberto  8, 


ELVEZIA 

COMPAGNIA  D'ASSICURAZIONI  GENERALI  A  SAN  GALLO  (Svizzera) 
autorizzata  pel  regno  d'Italia  con  reale  decreto  14  ottobre  1868. 

Capitale  emesso:  cinque  milioni  di  franchi;  fondo 
di  riserva:  un  milione  di  franchi.  -  Dal  principio  delle 
operazioni  al  3i  dicembre  1869:  somma  assicurata 
fr.  420,099,846 — ;  danni  pagati  fr.   14,976,520.84. 

La  Compagnia  assume  a  premj  modici  assicurazioni 
di  merci  e  valori  contro  i  rischi  del  trasporto  sul  mare., 
su  acque  interne  e  per  terra. 


54o  ISTITUTI   INDUSTRIALI, 

Fondata  da  parecchj  fra  i  primi  industriali  e  nego- 
zianti della  Svizzera,  i  quali  in  parte  appartengono  al 
consiglio  d'amministrazione  della  Società,  essa  inco- 
minciò le  sue  operazioni  il  i.°  aprile  1859.  Le  condi- 
zioni d'assicurazione  vantaggiose,  il  procedere  leale  e 
pronto  nel  regolamento  di  danni  ebbero  per  consegueza 
un  rapido  sviluppo  degli  affari  della  Compagnia;  l'in- 
troito de*  premj  che 

nell'anno  1859  ammontò  arsoli  Fr.    556,534-  79 
»        1869  ascese       a         »    2,264,378.62 

Le  suindicate  garanzie  di  6  milioni  di  franchi  effet- 
tivi sono  unicamente  dedicate  alle  assicurazioni  di  tra- 
sporti, solo  ramo  trattato  dalla  Compagnia,  e  vanno 
aumentate  di  fr.  1,006.187.  26  riserve  di  premj  e 
danni.  Così  pure  le  Società,  colle  quali  l'Elvezia  è 
in  inlima  relazione  per  la  riassicurazione  delle  somme 
eccedenti  i  limiti  dettati  dalla  prudenza,  sono  di  una 
riconosciuta  solidità,  ammontando  il  loro  capitale  a 
circa  23  milioni  di  franchi. 

Dall'altro  lato  queste  relazioni  mettono  la  Compa- 
gnia in  grado  di  assumere  con  tranquillità  somme  vi- 
stose sopra  un  solo  rischio,  offrendo  anche  sotto  que- 
sto rapporto  delle  facilitazioni  ai  suoi  clienti. 

Meiss  Gio.  Corrado,  agente  generale,  via  Morone  6. 

SOCIETÀ'  DI  BASILEA 

PER   LE   ASSICURAZIONI   SULLA   VITA. 

Capitale  sociale  io  milioni.  Cauzione  lir.  100  mila 
Capitale  assicurato  al  3i  dicembre  1870  oltre  5o  mi- 
lioni. Assicurazioni  in  caso  di  morte,  miste,  su  due 
teste,  a  termine  fìsso,  con  o  senza  partecipazione  agli 
utili.  —  Assicurazioni  temporarie,  dotali,  rendite  vita- 
lizie, ec. 

Lepetit  Roberto,  direttore  della  Succursale  per  l'Italia, 
via  Spiga  5o. 


Dt   CREDITO  E   DI   PREVIDENZA  5^  I 

NORTH-BHITISH   E    MERCANTILE 

COMPAGNIA  INGLESE  DI  ASSICURAZIONE 


Capitale  5o,ooo,ooo  di  lire  italiane,  fondo  accumu- 
lato L.  70,952,973.  Costituita  Tanno  1809,  autorizzata 
in  Italia  con  decreto  reale  del  18  settembre  1870. 

Succursale   d'Italia. 

{via  Monte  Napoleone  21.) 

Bonnin  comm.  Guglielmo,  direttore  residente. 
Sapolini  cav.  dott.  Giuseppe,  medico. 
Lissoni  avv.  Doniele,  notaro. 
Siccoli  avv.  Guido,  consulente  legale  -  Firenze. 


o^Hfcf» 


54a 

ASSOCIAZIONI  DI  MUTUO  SOCCORSO 


Sono  queste  fondazioni  per  le  quali  gli  ascritti  si  as- 
sicurano mutuamente  un  premio  convenuto,  dei  soccorsi 
gratuiti  ed  anche  una  parte  del  loro  stipendio  o  salario  in 
caso  d'infermità  o  d'infortunio.  Lo  scopo  loro  fonda- 
mentale e  costante  è  il  sussidio  ai  soci  in  caso  di  ma- 
lattia. Fini  secondari  sono  il  soccorrere  gli  infermi  e 
i  vecchi  con  pensioni  vitalizie,  pensionare  e  sussidiare 
gli  orfani  e  le  vedove,  procurar  lavoro  ed  occupazione 
ai  soci ,  istruire  con  scuole  serali  e  domenicali  i  figli 
dei  soci  e  i  soci  medesimi,  fare  imprestiti  e  anticipa- 
zioni, somministrare  viveri  ed  altri  oggetti  di  prima 
necessità  ai  soci,  al  prezzo  di  costo. 

I  soci  pagano  un  contributo  d'entrata  ed  uno  men- 
sile, che  variano  a  seconda  della  professione,  dell'  età, 
del  sesso,  e  conforme  a  quanto  viene  stabilito  dagli 
statuti  rispettivi  d'  ogni  Società.  L' amministrazione 
per  lo  più  è  retta  gratuitamente  dai  soci  medesimi  ef- 
fettivi, e  dai  soci  onorari  o  benefattori  che  prestano 
il  contributo  al  sodalizio  senza  aspirare  al  godimento 
d'alcuna  guarentigia.  La  distribuzione  dei  sussidj  viene 
pur  fatta  a  norma  di  quanto  prefiggono  gli  statuti  adot- 
tati dalle  rispettive  Società. 

Tali  sodalizi  godono  del  beneficio  dell'art.  32  dello 
Statuto,  il  quale  consacra  nei  cittadini  il  diritto  di  li- 
bera unione.  Per  costituirsi,  esse  non  sono  obbligate 
ad  alcuna  partecipazione  all'autorità,  o  a  preliminari 
domande  dì  concessione. 

Oltre  alla  tassa  d'  entrata  ed  al  contributo  periodico, 
e  fonti  da  cui  le  Società  traggono  le  rendite  sono  le 
donazioni  e  le  eredità,  i  proventi  di  spettacoli,  le  sot- 
toscrizioni dei  benefattori,  gli  incoraggiamenti  pecu« 
niari  della  Provincia  e  della  Gassa  di  risparmio. 


ASSOCIAZIONI  DI  MUTUO  SOCCORSO  5^5 

Molte  associazioni  milanesi  presero  radice  negli  ul- 
timi anni,  quasi  un  portato  delle  libere  istituzioni,  ed 
ecco  l'elenco  di  tutte  quelle  che  ci  sono  a  notizia  : 

SOCIETÀ'  NAZIONALE  DI  MUTUO  SOCCORSO 
FRA  GL'  IMPIEGATI 

{Via  Pantano   3.) 

Questa  Società,  promossa  e  fondata  nel  luglio  1862 
dal  signor  rag.  cav.  Paolo  Stampa,  e  dal  Ministero  del- 
l'interno approvata  nel  successivo  ottobre,  limitavasi 
alla  sola  Lombardia.  Ma  in  seguito  alle  deliberazioni 
dell'Assemblea  generale,  tenutasi  dai  soci  il  18  settem- 
bre 1864,  venne  estesa  a  tutta  Italia.  Scopo  della  me- 
desima è:  i.°  provvedere  il  socio  di  un'annua  pen- 
sione nei  casi  contemplati  dallo  Statuto;  2.0  accordare 
sussidj  o  pensione  alla  vedova  ed  ai  figli  minorenni 
del  socio  defunto. 

Sono  ammessi  come  soci  gli  impiegati  e  funzionari 
regi  o  comunali,  e  quelli  appartenenti  a  corpi  morali 
e  ad  altre  pubbliche  amministrazioni,  senza  distinzione 
di  qualifica  e  di  grado.  Essi  pagano  una  tassa  all'alto 
d'ammissione  nella  Società,  ed  un  contributo  annuo, 
e  chiamansi  soci  annualisti.  Socio  perpetuo  è  chi  paga 
una  data  somma  nella  cassa  sociale  per  una  volta  tanto; 
soci  protettori  quelli  0  quelle  che  pagano  Un  annuo 
contributo  per  solo  spirito  di  beneficenza. 

La  rappresentanza  sociale  è  la  seguente,  riconfer- 
mata nell'adunanza  generale  del  i3  giugno  1869. 

Patroni. 
S.  A.  R.  il  Principe  Ereditario  Umberto  di  Savoja. 
Beretta  comm.  Antonio,  ec,  vedi  pag.  1 44- 
Melzi  d'Eril  duca  Lodovico,  ec,  vedi  pag.   4 IO • 
Rocca  Saporiti  conte  Apollinare,  ec,  vedi  pag.  210. 
Crivelli  nob.  Luigi,  ec,  vedi  pag.   1 45. 
Delfinoni  avv.  Gottardo,  ec,  vedi  pag.  1 44- 
Stampa  di  Soncino  march.  Massimiliano  Cesare. 


544  ASSOCIAZIONI  DI  MUtUO  SOCCORSO 

Presidenza. 

Pes  di  Villamarina  march.  Salvatore,  presidente  ono- 
rario, e  socio  prolettore. 

Stampa  rag.  cav.  Paolo,  presidente  effettivo,  ec,  vedi 
pag.  1 16. 

Riva  avv.  Luigi,  vice-presidente,  ec,  vedi  pag.  220. 

Ottolenghi  cav.  avv.  Salvatore,  ff.  idem. 

Clerici  Pietro,  segretario  -  via  s.  Vito  16. 

Livraghi  Antonio,  ff.  idem  -  via  s.  Nicolao  7. 

Consiglio  d' Amministrazione. 

Tettoni  dott.  Luigi  Enrico  -  piazza  s.  Maria  Beltrade  1. 
Lamperti  rag.  Gerolamo,  ec,  vedi  pag.  427. 
Granata  dott.  G.  B.,  ff.  -  via  Pasquirolo  7. 
Vismara  rag.  Clemente,  ff.  -  via  Monforte. 

Deputazione  di  revisione. 
Zanchi  rag»  cav.  Carlo,  ec,  vedi  pag.  33o. 
Grondona  Gio.  Batt.  -  via  s.  Eufemia  18. 
Cagnoni  rag.  Mitridate  -  via  Amedei  4» 
H.  N. 

Tesoriere, 
Porro  Lodi  nob.  rag.  Giulio,,  ec,  vedi  pag.  5i  1. 

Ragioniere, 
Romanoni  rag.  Eugenio,  ff.  -  via  Rugabella  6. 

Cassiere. 
Butti  Giacomo  •  via  s.  Vittore  9. 
Giureconsulto. 
Bressanelli  avv.  Gius.  -  via  s.  Radegonda  5. 

Notajo. 
Pavesi  dott.  Vespasiano  -  corso  s.  Celso  27  e  via  s. 
Maria  Fulcorina  io. 

Ingegnere. 
Crespi  ing.  Siro  -  corso  Vittorio  Emanuele  18. 


ASSOCIAZIONI   DI  MUTUO  SOCCORSO  545 

Consiglio  medico-chirurgo. 
Spedalieri  dott.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  463. 
Ambrosoli  dott.  Carlo,  ec.,  vedi  pag.  239, 
Gherini  dott.  cav.  Ambrogio,  ec,  vedi  pag.  363. 
Marchetti  dott.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  262. 
Porro  dott.  Edoardo  -  via  s.  Paolo  19. 


ISTITUTO  DI  MUTUO  SOCCORSO 

FRA  GLI  ISTRUTTORI  IN   ITALIA 

(Via  s.  Orsola  11.) 

Questo  Istituto  venne  fondato  dal  cav.  prof.  Ignazio 
Canlù,  e  si  dichiarò  costituito  col  i.°  luglio  1857.  ^  ^e 
d'  Italia  con  decreto  1  giugno  1862  lo  eresse  a  corpo 
morale  e  ne  riconobbe  lo  statuto  organico.  Ogni  inse- 
gnante d'Italia^  pubblico  o  privato  d'ambo  i  sessi,  vi  è 
ammesso  come  socio  ordinario  contribuendo  lir.  4° 
d'ingresso  se  è  minore  dei  35  anni  d'età,  e  il  doppio 
se  è  fra  i  35  e  45 >  ultimo  punto  utile  per  entrarvi. 
Ciascuno  indistintamente  paga  poi  lire  20  di  annuale 
contributo.  E  socio  perpetuo  chi  paga  lire  36o  una 
volta  tanto. 

Sono  protettori  quelli  che  o  contribuiscono  lire  20 
all'anno,  o  lir.  3oo  una  volta  tanto,  senza  diritto  a 
soccorso.  Dal  corpo  dei  protettori  vengouo  tolti  i  pa* 
troni,  che  attualmente  sono: 

Cantù  cav.  Cesare,  ec,  vedi  pag.  248. 
Melzi  d'Eril  duca  Lodovico  ec,  vedi  pag.  523. 
Mondolfo  conte  cav.  Sebastiano,  ec,  vedi  pag.  387. 
Visconti  di  Modrone  duca  Raimondo,  ec,  vedi  p.  1 45. 

Il  fondo  sociale  fino  a  tutto  dicembre  1870  era  di 
lire  200,000  e  i3oo  i  soci  ordinari  inscritti.  La  de- 
funta maestra  Cabos  Rossi  Giuseppa  lasciava  nel  1 864 
all'Istituto  un  legato  di  lire  4<>oo,  il  defunto  sac  pro- 
fessore Giuseppe  Parola  lire  25oo,  e  il  cav.  sac.  Giusep- 

Guida  1871  —  35 


546  ASSOCIAZIONI  DI  MUTUO   SOCCORSO 

pe  Ausenda,  R.  Ispettore  scolastisco,  una  rendita  an- 
nua di  L.  g55.  I  Ministri  della  pubblica  istruzione,  A- 
mari,  Natoli,  Matteucci ,  Berti,  Correnti,  Broglio,  Ca- 
dorna e  Bargoni  lo  sovvennero  con  larghi  sussidii.  Il 
ministro  Natoli  fondò  altresì  un  premio  annuo  di  lire 
160  da  darsi  a  quello  de*  soci  che  meglio  si  sia  di- 
stinto per  moralità  e  abilità  nell'esercizio  di  maestro 
elementare. 

Hanno  diritto  a  sussidio  vitalizio  i  soci  oltre-sessa» 
genari  e  quelli  dai  consiglio  medico  giudicali  perma- 
nentemente inabili  all'  esercizio  della  professione.  Il 
massimo  de' sussidii  è  stabilito  in  lir.  25  al  mese  per 
chi  conta  meno  di  dodici  anni  di  aggregazione  alla 
Società,  in  lir.  5o  per  chi  ne  conta  dai  12  ai  16;  in 
lire  j5  per  chi  più  di  sedici.  Cenloquaranlasei  sono  at- 
tualmente i  pensionali.  Il  fondo  distribuito  in  pensioni 
nel  1870  fu  di  circa  lire  24*000. 

L'attuale  Presidenza  è  formata  come  segue: 

Presidente. 
Cantù  cav.  prof.  Ignazio,  ec. ,  vedi  pag.  260. 

Vicepresidenti. 
Stampa  nob.  cav.  Giambattista,  ec,  vedi  pag.  370. 
Marcora  rag.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  329. 

Segretarj. 
Granz  prof.  Paolo,  ec,  vedi  pag.  271. 
Castelli  prof.  Antonio,  ec,  vedi  pag.  3j3« 

Economo. 
Colombo  rag.  L.  Maurizio  ec,  vedi  pag.  328. 

Giureconsulto. 
Barrai  avv.  Eugenio  ec,  v.  pag.  3g5. 

Cancelliere. 
Chiodi  dott.  Cesare  ,  ec,  vedi  pag,  456. 

Ingegnere. 
Crespi  Siro,  ecv  vedi  pag.  544- 


ASSOCIAZIONI  DI  MUTUO  SOCCORSO  547 

Collettore  responsale. 
Balabìo  rag.  Gaetano  -  via  Rastrelli  12. 

Consiglio  di  revisione. 
Fattori  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  365. 
Bonistabile  rag.  prof.  Guglielmo,  ec.,  vedi  pag.  260. 
Crippa  rag.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  -276. 
Moroni  rag.  Giuseppe  -  via  s.  Maurilio  7, 
Bognetti  Giovanni,  ec,  vedi  pag.  36^. 

Consiglio  medico. 
Biffi  dott.  cav.  Serafino,  ec,  vedi  pag.  2o5. 
Dansi  dott.  Alessandro  -  Carrobbio  2. 
Ferrano  dott.  Francesco,  ^   -  corso  Venezia  i3. 
Guerini  cav.  dott.  Ambrogio,  ec,  vedi  pag.  363. 
Marchetti  cav.  dott.  Luigi,  ec  vedi  pag    262. 
Rizzi  cav.  dott.  Mosè,  ec,  vedi  pag.  459. 
Sapolini  dott.  cav.  Giuseppe,  ec,  vedi  pag.  109. 
Trezzi  cav,  dott.  Antonio,  ec,  vedi  pag,  45 1. 

SOCIETÀ5  DI  MUTUO  SOCCORSO 

FRA    I    MUDICI    E    CUIRURGHI    DI    LOMBARDIA 

La  Società  ha  sua  sede  in  Milano ,  via  s.  Giu- 
seppe 4  ed  è  retta  da  una  Presidenza  ,  cui  è  affidata 
la  erogazione  dei  redditi  a  favore  dei  soci,  delle  loro 
vedove,  discendenti  ed  ascendenti,  per  malattia  o  per 
immeritate  sventure  versanti  in  angustie  economiche. 
In  questa  mansione  è  coadjuvata  da  un  Ufficio  di  con- 
sulta costituito  da  un  presidente,  da  tre  consiglieri  ed 
un  segretario.  Nel  seno  della  Società  venne  nell'  an- 
no 1868  fondato  un  corpo  morale  col  titolo  di  Fondo 
patrimoniale  della  Società  di  mutuo  soccorso  dei  me» 
dici  e  chirurghi  di  Lombardia,  Ad  un  Consiglio  di 
amministrazione  di  detto  fondo  è  affidato  il  patrimonio 
sociale  e  la  sua  gestione. 

I  soci  possono  essere  annualisli  o  perpetui.  Gli  an- 
nualisti  son  tenuti  a  pagare   una    lassa  d'  ammissione^ 


548  ASSOCIAZIONI   DI   MUTUO  SOCCORSO 

al  loro  entrare  nella  Società,  e  un  contributo  annuo j 
i  soci  perpetui  versano,  in  una  sol  volta,  una  data 
somma  nella  Cassa  sociale,  restando  dispensati  da  ul- 
teriori esborsi. 

La  Società  conta  365  soci  annualisti,  e  54  soci  per- 
petui, e  possiede  un  fondo  patrimoniale  L.  181  mila. 

Ufficio  di  consulta. 
Giani  dott.  Paolo,  presidente,  ec,  vedi  pag.  463. 
Panceri  dott.  Emanuele,  consigliere,  ec,  vedi  p.  181. 
Denaglia  dott.  Gaetano,  idem,  ec,  vedi  pag.  383. 
Tassani  dott.  Gustavo,  idem,  ec,  vedi  pag.  2o5. 
N.  N.,  idem. 

Cassiere  contabile. 
Gorini  rag.  Luigi,  ec,  vedi  pag.  328. 

Consulenti. 
Fano  dott.  cav.  Enrico,  ec,  vedi  pag.  1 43. 
Trezzi  avv.  Ambrogio,  uff.  ^|  -  via  Bigli  4« 
Consiglio  di  amministrazione  del  fondo  patrimoniale. 
Pogliaghi  dott.  cav.  Salvatore,  presidente,  ec  ,  vedi 

pag.  357. 
Zirotti  dott.  Francesco,  consigliere,  ec,  vedi  p.  184. 
Rizzi  dott.  cav.  Mosè,  idem,  ec,  vedi  pag.  4^9* 
Rajberti  dott.  Gaetano,  idem  -  via  Case  Rotte  2. 
Serbelloni  dott.  Giuseppe,  idem  -  via  Chiaravalle  i» 
Brocca  dott.  Giovanni,  segretario,  ec,  vedi  pag.  116. 

Presidenza  della  Società. 
Trezzi  dott.  cav.  Ant.,  presidente,  ec,  vedi  pag.  45  r. 
Viglezzi  dott.  cav.  Francesco,  vice-presidente,  ec,  v. 

pag.  459. 
Tarcliini-Bonfanti  dott.  cav.  Antonio,  idem,  ec,  vedi 

pag.  204. 
Castoldi  doti.  cav.  Ezio,  segretario,  ec,  vedi  p.  326. 
Dell'Acqua  dott.  Felice,  vice-segretario,  ec,  v.  p.  i54. 

Il  ricapito  della  Società  è  presso  la  Società  patriot- 
tica •  via  s.  Giuseppe  4* 


ASSOCIAZIONI  DI   MUTUO   SOCCORSO  54<) 

SOCIETÀ5  FARMACEUTICA 

DI     MUTUA     PREVIDENZA 

{Via  Clerici  io.) 

Questa  Società,  costituitasi  nel  1864,  ha  per  scopo  la 
istituzione  di  un  magazzino  per  provvedere  le  far- 
macie ed  i  laboratorj  degli  azionisti ,  delle  droghe 
medicinali  e  preparati  chimici  di  cui  abbisognano;  — 
essa  promuove  pure  il  lavoro  dei  laboratorj  degli  azio- 
nisti, dando  loro  la  preferenza  nella  fornitura  del  ma- 
gazzino ,  e  così  abilitandoli  a  sostenere  concorrenza 
colle  produzioni  estere.  —  Il  magazzino  non  sommi- 
nistra generi  che  ai  soli  azionisti.  Chiunque  abbia  il 
grado  di  farmacista,  può  appartenere  alla  Società.  Il 
capitale  sociale  è  per  ora  rappresentato  da  n.  3ooo 
azioni  di  lire  100  cadauna,  fruttanti  l'interesse  del 
6  per  100  all'anno  e  un  dividendo  annuo  sugli  utili. 

La  Società  è  retta  da  un'assemblea  generale,  rap- 
presentata da  tutti  gli  azionisti,  e  da  un  Consiglio  di 
amministrazione  composto  da  un  presidente,  quattro 
consiglieri  ordinari,  due  consiglieri  aggiunti  ed  un  se- 
gretario; da  una  commissione  d'assaggio,  e  da  un'altra 
riveditrice  dei  conti,  come  segne: 

Consiglio  d'Amministrazione. 

Presidente. 
Pessina  Giovanni. 

Consiglieri. 

Formaggia  Carlo.  Candiani  Giuseppe. 

Foglia  Antonio.  Loreti  Francesco. 

Consiglieri  aggiunti. 
Bianchi  Stefano  Villa  Luigi. 

Segretario. 
Loreti  Francesco. 


55o  ASSOCIAZIONI  DI  MUTUO  SOCCORSO 

Commissione  d'assaggio. 
Pavesi  prof.  Angelo. 
Banfi  prof.  Camillo. 
Crespi  Reghizzo,  chimico  farmacista. 

Commissione  rìvediirice* 
Valsecchi  Carlo  -  llampazzini  Federico  -  Maizoni  Attilio. 


CASSA  DI  MUTUO   SOCCORSO 

FRA    GLI     AGENTI    DI    CAMBIO 

Questa  Istituzione,  fondata  nel  1848  fra  gli  Agenti  di 
cambio  di  Milano,  ha  per  iscopo  di  assicurare  a  favore 
di  ciascun  socio  che  vi  si  trova  ascritto,  o  sua  fami- 
glia, un  soccorso  nella  misura  e  nei  casi  indicati  nel  Re- 
golamento. A  tale  intento  si  dispone  di  un  annuo  fondo 
che  viene  raccolto  mediante  le  seguenti  retribuzioni: 
i.°  una  tassa  fissa  sopra  ogni  certificato  di  rivalsa  vidi- 
mato, non  che  sulle  vidimazioni  alle  firme  degli  effetti 
industriali;  2.0  un  contributo  versato  annualmente  da 
ciascuno  degli  ascritti;  3.°  un  premio  da  pagarsi  una 
sol  volta  all'atto  dell'entrata  come  tassa  d'ingresso. 

Direzione. 
Bozzi  Giovanni  Battista,  presidente  -  via  Senato  8. 
Belinzaghi  Francesco,  delegato  -  via  Disciplini  20. 
Caviglia  Augusto,  idem  -  piazza  s.  Alessandro  4* 
Bariola  rag.  Gaetano,  idem  e  cassiere  -  via  Rovello  6. 
N.  N.,  idem. 


SOCIETÀ5  DI  MUTUO  SUSSIDIO 

FRA    1    COMMESSI    DEI    NEGOZIANTI 

(  Via  s.   Giuseppe  !\ .  ) 

Col  i.°  gennaio  i85i  questa  Società  di  mutuo  sus- 
sidio ha  ricevuto  la  sua  completa  organizzazione.  Lo 
scopo  della  medesima,  come  lo  enuncia  il  suo  nome, 


ASSOCIAZIONI  DI  MUTUO  SOCCORSO  55 1 

è  di  stabilire  una  Cassa  di  previdenza  onde  sovvenire 
ai  bisogni  dei  Soci ,  delle  loro  vedove  e  dei  loro  or- 
faniy  che  si  trovassero  nelle  circostanze  di  doverne 
profittare.  Per  essere  socio  bisogna  appartenere  al 
ceto  dei  commessi  dei  negozianti  di  Milano. 

Le  circostanze  che  danno  diritto  al  provvido  soc- 
corso sono  determinate  dai  caratteri  soliti  in  simili 
istituzioni,  cioè  mancanza  incolpabile  d'impiego,  in- 
fermità ,  vecchiaja,  e,  parlando  delle  vedove  e  degli 
orfani,  la  loro  stessa  condizione  forma  titolo  di  soc- 
corso quando  sia  accompagnata  dal  bisogno. 

Si  contano  poi  anche  in  questa  congregazione  i  Soci 
protettori  e  1  Soci  onorari.  Giovano  alla  Società  ed 
acquistano  questo  titolo  i  primi  con  spontanee  elargi- 
zioni, i  secondi  coli' opera  personale. 

Presso  la  ditta  Innocente  Mangili  (via  Andegari  2) 
si  potranno  avere  ulteriori  notizie. 


ASSOCIAZIONE  DI  MUTUO  SOCCORSO 

FRA   GLI    AGENTI    DEI    COMMERCIANTI     IN   MILANO 

{Via    O  Ime  Ito  3.) 

Direttore. 
Molinari  Carlo  -  via  Cappuccio  i4» 

Vice- direttore. 
Rebay  Ambrogio  -  via  Amedei  3. 

Segretario. 
Cottini  avv.  Teodosio,  ec,  vedi  pag.  178. 

Vice  Segretario. 
Ponzinibio  avv.  Achille  -  via  s.  Eufemia  25. 

Contabile. 
Trolli  rag.  Luigi  -  via  s.  Sisto  4« 

Cassiere. 
Imperiali  Carlo  -  via  Cappello  n. 

Medico. 
Mozzoni  Giacomo,  ec,  v.  pag.  4§3. 


552  ASSOCIAZIONI  Di   MOTUO  SOCCORSO 

ASSOCIAZIONE  DEI  SALSAMENTARI 

Quest'  Associazione  ha  per  scopo  di  tutelare  col 
mezzo  della  propria  rappresentanza  quei  diritti  che  rap- 
presentino gli  interessi  collettivi  dei  soci,  tutti  condut- 
tori in  proprio  d*  un  esescizio  da  pizzicagnolo. 

I  soci  pagano  una  tassa  d'associazione  di  L.  5  ed 
un'annualità  di  L.  6.  Due  volte  Tanno  si  convoca, 
in  via  ordinaria,  l*  assemblea  generale  per  la  tratta- 
zione degli  affari  sociali,  e  straordinariamente  a  vo- 
lontà del  presidente  o  per  domanda  firmata  da  So  so- 
ci almeno. 

L'associazione  è  rappresentata  da  un  presidente, 
sei  direttori  (il  più  giovane  dei  quali  funge  da  segre- 
tario) e  da  un  cassiere,  che  durano  in  carica  tre  anni. 

Stabiliui  Alessandro,  presidente  -  via  Torino  53. 
Magni  Abramo,  direttore  -  via  Madonnina  12. 
Taccani  Stefano,  idem  -  corso  Venezia  2. 
Fossati  Giovanni,  idem  -  via  Orso  20. 
Ferrandì  Camillo,  idem  -  via  Ospedale  34» 
Berelta  Pietro,  idem  -  via  Broletto  3o. 
Labadini  Cesare,  segretario  -  Ponte  Vetero  6. 
Astori  Giovanni,  cassiere-  via  Palazzo  di  Giustizia  1. 


SOCIETÀ'  NAZIONALE  1TAL.  DI  MUTUO  SOCCORSO 

FRA   GLI   ARTISTI   DI    TEATRO 

SOTTO    IL  PATROCINIO  DI   SUA   MAESTÀ*  IL  RE  d'iTALIA 
(Via  Palazzo  Beale  3.) 

Questa  società  venne  fondala  nell'anno  1860,  ed  è 
retta  da  uno  statuto  organico. 

Possono  appartenervi,  oltre  gli  artisti  di  teatro  prc- 
priamenle  detti ,  maestri  di  musica ,  poeti ,  autori 
drammatici,  direttori,  impresari,  editori  di  musica,  sce- 
nografi, macchinisti,    operaj,  ed  in  genere  ogni  altro 


ASSOCIAZIONI  DI  MUTUO  SOCCORSO  553 

che  si  applica  o  si  è  applicato  ai  teatri,  d'ambo  i  sessi 
e  di  ogni  nazione. 

Scopo  di  questa  filantropica  istituzione  si  è  di  cor- 
rispondere agli  ascritti  una  pensione  vita  loro  durante, 
Irasmissibile  ai  propri  eredi  secondo  i  casi  contem- 
plati dallo  statuto,  e  di  provvedere  nei  casi  di  malat- 
tia, di  convalescenza  ,  di  malattia  cronica  e  di  gravi 
infortunj. 

Vi  sono  quattro  classi  diverse  di  soci  effettivi  contri- 
buenti, che  tutte  fruiscono  degli  identici  benefìcj  in 
una  misura  proporzionata  ai  loro  contributi. 

Il  fondo  della  società  è  costituito  dalle  tasse  d'in- 
gresso, da'  canoni  mensili  dei  soci  effettivi  contribuen- 
ti, dalle  elargizioni  dei  soci  prolettori,  dai  proventi 
delle  beneficiale  e  dagli  interessi  dei  capitali. 

L'ufficio  della  società  è  aperto  tutti  i  giorni  feriali 
dalle  3  alle  5  pomeridiane. 

Presidente. 
Rossi  prof.  cav.  Lauro,  ec,  vedi  pag.  377. 
Colombo  rag.  Gius.,  segretario  •  via  Unione  28. 

PIO  ISTITUTO  FILARMONICO 

Questa  istituzione,  erettasi  in  Milano  fino  dal  1^83, 
è  regoUta  da  uno  statuto  organico.  Essa  componesi 
di  professori  di  musica  nazionali ,  conosciuti  abili  a 
poter  essere  onorevolmente  ascritti  all'orchestra  del 
R.  Teatro  della  Scala. 

Il  s.10  scopo  è  di  soccorrere  ai  bisogni  degli  ascritti 
ammalati  indigenti,  e  di  sostenere  con  una  pensione 
i  vecchi  e  gli  inabili  viventi,  non  che  le  vedove  ed 
i  puplli  degli  ascritti  defunti. 

Il  ondo  per  sostenere  i  pesi  dell'Istituto  vien  prov- 
veduto col  prodotto  di  quattro  serali  spettacoli  nei 
RR.  Teatri ,  accordati  dal  Governo  a  suo  beneficio 
nelle  quattro  stagioni  teatrali,  e  nei  quali  gli  ascritti 
prestino  l'opera  loro  gratuita. 


554  ASSOCIAZtONl  DI   MUTUO  SOCCORSO 

L'Istituto  è  rappresentato  da  due  amministratori, 
coadiuvati  nelle  loro  operazioni  da  otlo  delegati.  Evvi 
pure  un  cassiere,  un  controllore  de' conti,  un  archivista 
ed  un  cancelliere,  presso  il  quale  l'Istituto  mantiene 
la  propria  residenza. 

Protettori. 
Miglio  nob.  corara.  Carlo,  ec,  vedi  pag.   519. 
Caimi  dott.  Giulio  -  via  Morigi  12. 
Ammin  istra  tori. 
Tri\  ulzi  rag.  Michele  -  via  Palazzo  Reale  7. 
Mazzucato  cav.  prof.  Alberto  -  via  Senato  i8. 

Delegati. 
Alary  Carlo  -  via  s.  Nicolao  4- 
Bernardi  Giuseppe  -  vicolo  s.  Michele  sul  Dosso  2. 
Cavallini  cav.  Ernesto-  via  Morigi  11. 
Languiller  Marco  -  via  s.  Maria  Fulcorina  i5. 
Perelli  Giovanni-  via  Ciovasso   19. 
Peroni    Giovanni  -  via  Borgo  Spesso   14. 
Ressi  Michele  -  via  s.  Marco   18. 
Rossi  Gaetano  -  via  s.  Maria  Fulcorina  i5. 

Cancelliere, 
Migliavacca  dott.  Paolo,  notajo  -  via  Fieno  5. 

Computista  controllore. 
Cappelli  rag.  Antonio  -  piazza  Borromeo  io. 

Cassiere. 
Pirola  Felice-  via  s.  Giov.  in  Conca  11. 

Ufficiale  archivista, 
Roncoroni  Giuseppe  -  via  s.  Damiano  4°» 

Medici. 
Denaglia  dott.  Gaetano,  ec,  vedi  pag.  383. 
Fumagalli  dott.  cav.  Cesare,  ec,  vedi  pag.  383. 

Avvisatore. 
Pirovauo  Angelo  -  piazza  s.  Nazaro  3i. 


ASSOCIAZIONI  CI  MUTUO  SOCCORSO  555 

PIO  ISTITUTO  TEATRALE 

Lo  scopo  di  questo  Pio  Istituto,  attivato  il  i.°  gen- 
naio 1829  sotto  l'osservanza  di  approvato  Regola- 
mento, è  quello  di  assicurare  possibilmente  i  mezzi  di 
sussistenza  agli  individui  di  ogni  classe  addetti  in  via 
ordinaria  al  servigio  dei  RR.  Teatri  nel  caso  che  per 
effetto  di  malattia ,  di  qualche  sgraziato  emergente, 
di  abituale  indisposizione  fisica,  o  di  avanzata  età,  si 
rendano  inabili,  o  temporariamente  od  onninamente, 
al  servizio,  o  ne  siano  anche  allontanati  per  efletto  di 
riforma,  e  di  non  lasciare,  all'evenienza  di  loro  morte, 
prive  di  ogni  appoggio  le  loro  famiglie. 

L' Istituto  Teatrale  eroga  in  spese  di  beneficenza 
oltre  L.  1 1,000  all'anno,  e  supplisce  alla  deficienza  di 
reddito  patrimoniale  coli' introito  di  quattro  annue  be- 
neficiate concesse  dal  R.  Governo. 

La  Presidenza  è  devoluta  alla  Commissione  dei 
regi  Teatri,  alla  quale  sono  attribuite  tutte  le  facoltà 
che  si  riferiscono  all'  amministrazione  dei  fondi  e  alla 
direzione  dell'Istituto  a  termini  dello  Statuto  appro- 
vato con  decreto  reele  23  luglio  i865. 

P residenza . 
Belinzaghi  cav.  Giulio,  ec. ,  vedi  pag.  146. 
Galcagnini  Estense  march.  Ercole  -  via  Duriui  24. 
Durini  conte  Alessandro  -  via  Fate-bene-fratelli  21. 
Rosmini  avv.  Enrico,  ec,  vedi  pag.  1 44» 

Amministrazione. 

Visconti  di  Modrone  duca  Raimondo,  amministratore, 

ec,  vedi  pag.  i45. 
Melzi  duca  Lodovico,  idem,  ec,  vedi  pag.  (\\o, 
Mondolfo  conte  cav.  Sebastiano,  idem,  ec,  v.  p.  387. 
Isimbardi  marchese  Pietro  -  via  Monforte. 
Melzi  nobile  Alessandro  -  via  Giardino  4<>. 
Barrai  avv.  Eugenio,  segretario,  ec,  vedi  pag.  3q5. 
Tanzi  Cesare,  segretario-economo  -  via  s.  Paolo  5. 


556  ASSOCIAZIONI  DI  MUTUO    SOCCÓRSO 

Rossi  tlott.  Antonio,,  notajo-cancelliere  -  via  s.  Antonio  19. 
Valtolina  rag.  Giovanni,  cassiere  -  via  s.  Eufemia  21. 
Colombo  Giuseppe,  ragioniere  -  via  Unione  28. 
Casati  dolt.  Guglielmo,  medico,  ec,  vedi  pag.  ^5g. 
Broglia  dott.  Pietro,  idem  -  Corso  P.  Romana  79. 
Archinti  Gaetano,  esattore  -  via  Chiusa  7. 

Una  Delegazione  rappresenta  presso  l'Amministra- 
zione il  corpo  degli  ascritti  e  ne  tutela  gli  interessi.  La 
Delegazione  è  composta  di  sette  membri  tolti  dal  corpo 
degli  ascritti ,  od  almeno  da  persone  addette  in  via 
ordinaria  ai  RR.  Teatri  ^  oltre  al  presidente  ed  al  se- 
gretario. 

Casati  Giovanni,  presidente  *  via  s.   Margherita  22. 
Corbellini  rag.  Gio.  Batt.,  segretario  -via  Monforte  52. 


PIO  ISTITUTO  TIPOGRAFICO 

Questa  Istituzione,  composta  di  lavoranti  tipografi, 
venne  fondata  nell'anno  1804  mercè  le  sollecitudini  di 
alcuni  filantropi  individui  dell'arte  tipografica,  ed  è 
diretta  a  soccorrere  con  determinati  giornalieri  sussidj 
quelli  fra'  suoi  soci  che  per  mero  infortunio  trovansi 
disoccupati,  ammalati  od  inabili  al  lavoro, 

I  soccorsi  giornalieri  sono  attualmente  distribuiti 
(inforza  di  deliberazione  presa  dalla  Società)  come 
segue:  agli  ammalati  L.  1.  55;  ai  disoccupali  L.  1.  3o; 
agli  inabili  al  lavoro  L.  1.20,  vita  loro  durante. 

I  soci  pagano  un  contributo  mensile  che  varia  se- 
condo 1'  età  della  loro  ammissione ,  cioè  da  L.  1  a 
L.  5.  20;  si  accettano  dai  18  ai  42  anni.  Nella  gestione 
dall'agosto  1869  al  loglio  1870  si  ebbe  la  spesa  di 
704  1.  8g  contro  l'introito  di  9160.  84.  Il  capitale  so- 
ciale alla  fine  del  luglio  1 870  ammonta  a  L.  76, 2  1 6.  53. 

L'  amministrazione  è  retta  gratuitamente  dai  soci 
stessi,  ed  è  composta  di  un  direttore,  un  vice-di- 
rettore, un  contabile,  un  esattore  generale  ed  un  se- 


ASSOCIAZIONI  DI   MUTUO  SOCCOKSO  55  J 

gretario,  assistila  da  un  comitato  di  revisione.  Attual- 
mente conta  a45  soci  attivi  e  64  onorarii  benefattori. 

Già  da  vari  anni  venne  aggregata  all'  Istituto  la 
classe  dei  Socj  onorar j  benefattori.  Molti  ragguarde- 
voli personaggi  annuirono  d'esservi  ascritti  come  tali,  e 
fra  essi  alcuni  testarono  a  prò  dell'  Istituto  medesimo. 
Chi  amasse  ascriversi  si  diriga  al  sottoscritto  direttore 
od  al  delegato  speciale. 

Questa  pregiata  Istituzione  ottenne  il  p